Connect with us
Draghi Asocial

segnalaci un sito truffa

Editoriali

Il NY Times piange Draghi e attacca la “fascista” Meloni. Draghi Asocial l’ha predetto

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Gli USA piangono il “fedele alleato” e passano all’attacco della potenziale Trump in salsa italica

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Eccovi tre foto: la prima Meloni fascista (foto fake, sia chiaro, ma rende l’idea del tenore dello scontro politico in Italia in vista delle nuove elezioni). Lo dice il NY Times indicato nella foto 2 sotto forma del diktat americano e non sorprende perché se avete consultato Draghi Asocial (foto 3), è parte della comunicazione asservita all’ex premier Draghi durante il suo periodo di governance del paese.

Draghi, come esplicato nella ricerca, ha avuto un addetto alla stampa estera, Ferdinando Giugliano, che aveva l’incarico di tessere le lodi del Premier nella stampa economica finanziaria che conta.

Nella ricerca, infatti, NyTimes, Bloomberg e Financial Times sono stati i giornali più attivi nel dare spazio a Draghi nel fargli crescere quel posizionamento internazionale di spessore.

Parliamo proprio dell’attività dei profili istituzionali di Ferdinando Giugliano e di Palazzo Chigi che hanno goduto di gloria internazionale grazie alle menzioni dei tre quotidiani considerati soprattutto nel settore politico ed economico.

Oggi gli americani, caduto il loro punto di riferimento tanto già da proporlo alla NATO, ci parlano di fascismo e del terrore di Meloni e del populismo.

Non penso voterò Meloni, mai votata, ma forse sarebbe il caso di evidenziare anche i metodi fascisti di Draghi e dei suoi amici illuminati.

Greenpass, unico paese in Europa, finanza speculativa, aumento degli strumenti di sorveglianza, patente sociale per accedere alle risorse di Stato.

Per non trascurare poi tutto l’aspetto ucraino dove Draghi è stato l’unico premier della vecchia guardia UE ad avallare le scelte statunitensi e le azioni belligeranti, facendosi portatore degli armamenti ai gruppi estremisti di destra, ufficiali e non, e alla consegna dei curdi per far entrare nella NATO la Finlandia di occhi belli e mani sporche di sangue Sanna Marin.

C’è un altro dato da non trascurare e lo hanno riferito le agenzie italiane il giorno dopo le dimissioni di Draghi. Mentre il Corriere ha provato a contenere i danni dell’irrilevanza che ha avuto la caduta di Draghi su molti giornali, citando le pagine web, AGI ha fatto una puntuale rassegna stampa delle prime pagine dei quotidiani internazionali e nella prima pagina sono in pochi i quotidiani che hanno riservato richiami alla notizia italiana, invece affrontata all’interno delle pagine interne.

Mi raccomando, quando vi diranno che con Meloni salirà il fascismo al governo, fatevi una risata, e soprattutto pensate al fatto che la sinistra voleva rimandare le elezioni ed ha più volte implorato l’uomo forte di governare il paese con la fiducia cieca.

Se non è nostalgia del fascismo questa …

Scarica Draghi Asocial per comprendere anche le dinamiche che muoveranno l’informazione nei prossimi mesi

Commenti da Facebook

Editoriali

Ecco perchè il giornalismo occidentale ha le mani sporche del sangue innocente ucraino

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. L’inchiesta di Amnesty International ha gettato ombre non solo sul conflitto ucraino, ma sul metodo dei nuovi giornalisti di guerra.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

In questi mesi concitati di dibattito politico, Matrice Digitale è stata tra le poche testate a non schierarsi secondo la logica dell’invasore e dell’invaso ed ha provato a filtrare al meglio le informazioni provenienti dal fronte ucraino dove, si è spiegato sempre in queste pagine, si è annidato il seme della propaganda occidentale.

Il seme della propaganda ha colpito molti giornalisti in giro per il mondo e questo fattore più volte è stato denunciato dapprima da illustri colleghi di guerra, poi dagli eventi che hanno fornito riscontri diversi dai rapporti che quotidianamente venivano forniti dai territori e riportati nelle trasmissioni televisive sempre celeri nel dare bollettini che con il tempo si sono dimostrati “inquinati da una lettura strumentale alla propaganda ucraina“.

Per ricostruire velocemente quanto accaduto sul fronte occidentale si tracciano i seguenti punti affrontati su queste pagine:

Giornalisti italiani: bravi ragazzi, intortati dall’intelligence anglo-ucraina

In Italia c’è stata una lettera di giornalisti di vecchia data agli inizi del conflitto che ha contestato alle nuove leve dell’informazione di non andare oltre le veline ufficiali del ministero di Kiev preposto al tema.

Peccato, però, che si sono levati gli scudi contro la vecchia guardia e nelle tv si è fornita l’attenzione a quello che è sempre stato il racconto dell’invasore e dell’invaso e delle notizie su cui ci sono basi di verità, ma ci sono state molte smentite nel tempo e altrettanti dettagli non coincidenti con i racconti forniti dal mondo dell’informazione. E’ vero, ci sono state le eccezioni nel panorama italiano e sono state quelle di Cartabianca, Otto e Mezzo e Piazza Pulita.

Quali sono gli eventi che le nuove leve del giornalismo non hanno raccontato oppure hanno ignorato perché si sono fidati, impauriti anche dagli eventi della loro prima guerra, degli uomini messi a disposizione della stampa dall’intelligence anglo-ucraina?

  • Le sanzioni hanno avuto effetto (c’è bisogno di riportare fonti in tal senso?)
  • I soldati russi stanno stuprando mezzo paese e la Russia non rispetta i cordoni umanitari (silurata la commissaria ucraina per aver enfatizzato gli stupri e non aver saputo gestire i corridoi)
  • La resistenza ucraina non è gestita dall’intelligence straniera (comprovata la presenza della CIA e di mercenari in quota all’esercito)
  • Il battaglione Azov è “giusto” e non è nazista (non solo è estremista, ma è parte dell’esercito ed ospita cellule naziste. La svastica è un simbolo anche buono è stato detto in una tv italiana)
  • I russi colpiscono i civili (ogni giorno i russi, ci hanno riferito, che come sport preferito avevano quello di bombardare obiettivi civili, ma c’è un rapporto di Amnesty International che smentisce di molto questa narrazione)

Ci sarebbe da discutere e molto anche sulla buona fede visto che in Italia si è configurata comunque una narrazione “atlantica” ed allo stesso tempo “russofoba” che ha da subito messo in dubbio anche il fatto che alcune informazioni fossero già note a chi era sul campo e che sono state omesse per non intralciare la narrazione che si è avuta sulle principali testate con gli editori schierati su ideali atlantici.

Perchè mani sporche di sangue?

Quando ci viene detto che la resistenza ucraina sta avendo i suoi effetti, quando ci viene detto che è necessario armare l’esercito ed i civili per sconfiggere l’invasore e si mistifica ogni informazione che proviene dalla Russia del tipo “abbiamo colpito obiettivi militari” oppure si da notizia che un razzo utilizzato era russo e poi si scopre che invece era ucraino. Quando si omettono molti dettagli sui collaborazionisti di Bucha assassinati, i giornalisti non fanno più il loro mestiere, ma aiutano il governo a giustificare l’invio di armi al popolo ucraino che le utilizza per installare basi militari dentro ospedali, scuole e nei giardini degli abitanti che restano destinatari degli attacchi sanguinari dell’esercito invasore. Quindi la domanda che sorge in conclusione è d’obbligo:

siamo sicuri tutti noi abbiamo fatto il nostro lavoro e non quello per conto di altri che lavorato per spargere sangue con una guerra che poteva essere evitata?

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Editoriali

Da LinkedIn alla Stampa: tutti pazzi per ACN e la PA bucata

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. Ogni giorno si sprecano like ai post autoreferenziali, giornalisti che censurano la controparte per fare un favore e nessuno che chiede mai la testa dei responsabili. Benvenuti nell’Italia della sicurezza informatica

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Il mondo è bello perchè è vario, ma non quando si tratta di LinkedIn e dei giornali. Autoreferenzialità e propagandismo sono all’ordine del giorno dove esperti e fornitori della PA escono sui giornali evidenziando i punti di forza dei propri prodotti e delle proprie competenze ottenendo una massa di like da tutti coloro che li seguono.

Anche LinkedIn è diventato così: un luogo vetrina dove proporsi e dove proporre luoghi comuni che rendono l’Italia il miglior paese al mondo nel campo della sicurezza informatica e delle professionalità nel settore.

C’è nessuno però che dinanzi ai fails della Pubblica Amministrazione chieda la testa dei responsabili. Quando PAGO PA ha diffuso i dati degli italiani all’estero con il codice di Google Analytics tutti zitti per poi applaudire alle azioni di recupero dai danni fatti.

Stesso discorso vale per Sogei, che gestisce gli apparati fisici e software della Pubblica Amministrazione, e che, per sfortuna della sorte proprio nello stesso giorno dell’attacco di LockBit è stata incensata nelle pagine del Corriere per le sue capacità.

Questo metodo non appartiene solo al Corriere, sia chiaro, ma ad una schiera di addetti al mondo dell’informazione e della cybersecurity che non ha coraggio di alzare il ditino contro il potere e porre domande scomode.

L’esempio più eclatante è stato nella narrazione della guerra cibernetica tra Russia e Ucraina dove si è raccontata una realtà che non esisteva in linea con la propaganda occidentale sul caso.

Solo in Italia ?

Beh, in Italia come al solito c’è paura nel chiedere spiegazioni o trovarle, piuttosto è più comodo dare voce alle fonti istituzionali che raccontano quello che gli pare e soprattutto guai a fare nomi o a mettere in discussione quello che passa lo Stato.

Sembrerebbe il modo giusto per tutelare gli interessi pubblici, ma se il pubblico siamo noi cittadini, questioni come quelle citate in precedenza se gestite male sono un boomerang per tutti noi.

Però questo non sembra importare a chi dovrebbe fare luce ed avere il coraggio di chiedere la testa quando bisogna rendere conto degli errori soprattutto a chi gestisce la Res Publica. Se un professionista ha interesse a non farsi nemico il governo di cui può diventare fornitore, un giornalista che interessi ha?

Chi gestisce la comunicazione di ACN?

Con quali redazioni ACN ha contatti?

Chi sono i media partner di ACN agli eventi?

Quali giornalisti sono presenti agli eventi?

Dandosi risposte alle domande più sopra, una idea di interessi e conflitti di interessi è possibile farsela, soprattutto se si fa una analisi del tenore degli articoli e, se sempre accomodanti, è possibile anche sospettare che esista un cartello della stampa digitale nel nostro paese soprattutto se mai sono critici nei confronti della PA e degli organi statali.

A pro di che? Sono solo rapporti redazionali e personali con la dirigenza di turno oppure c’è dell’altro?

Domande che hanno delle risposte e che vi invitiamo a formulare nella vostra mente per comprendere se tutto questo fa bene agli interessi del Paese o ai suoi rappresentanti che oggi ci sono e domani non più, ma avranno lasciato un cimitero di competenze ed innovazione nella Cosa Pubblica.

L’Enisa conferma le analisi di Matrice Digitale sulla guerra cibernetica

Cosa ancora più grave non è nemmeno quando si giura obbedienza indiscriminata alla necessità di Stato, ma quando i paladini dei diritti civili calano un profondo silenzio su questioni come quelle di Assange, del Trojan di stato oppure della necessità di spostare a terzi la sovranità digitale del paese.

Perchè il silenzio, quando si ha il potere di romperlo e non lo si fa, è connivenza prim’ancora che diventi convenienza.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Editoriali

LockBit avvisa l’Agenzia dell’Entrate: sono 100 GB e diamo tempo 6 giorni

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Fornitori, antiriciclaggio e risorse umane: ecco la lista dei dati pubblicati come sample dell’attacco

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Sono saliti a 100 i GB trafugati dall’Agenzia dell’Entrate rivendicati da LockBit, la nota ransomware gang che ha dato disponibilità a trovare la quadra sul riscatto alzando il termine ultimo della richiesta a 6 giorni.

LockBit ha rubato 78 GB di dati dall’Agenzia dell’Entrate

Come anticipato nell’articolo precedente, la versione è la 3.0, ed è in vigore da giugno ed è forte il sospetto che sia stato avviata la backdoor dall’interno consentendo l’apertura della rete all’esterno essendo questa, al netto delle polemiche, comunque tecnicamente blindata da intrusioni.

I dati trafugati e pubblicati come sample riguardano per lo più fornitori e l’accesso fornito come prova è quello alla sezione antiriciclaggio con la pubblicazione dei dati che i fornitori devono consegnare, compresi documenti di identità, per le procedure amministrative previste.

C’è ancora molto da scoprire sulla vicenda, ma intanto sembrerebbero essere esposti anche i dati di Zucchetti riferiti al settore delle Risorse Umane con dei file PDF e CSV pubblicati nell’apposita cartella.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie2 giorni fa

Nella guerra cibernetica tra Russia e Cina c’è il dietrofront negli accordi in Ucraina?

Tempo di lettura: 2 minuti. La Cina scatena un attacco segreto contro la Russia mentre Xi inizia ad abbandonare Putin...

Notizie3 giorni fa

La Russia ed il successo della guerra cibernetica secondo gli esperti

Tempo di lettura: 2 minuti. Il mondo ha assistito sbigottito quando il 24 febbraio di quest'anno i carri armati russi...

Multilingua7 giorni fa

Hacker cinesi spiano enti pubblici e militari con sei backdoor diverse

Tempo di lettura: 2 minuti. TA428, noto anche con i nomi Bronze Dudley, Temp.Hex e Vicious Panda, ha una storia...

Notizie1 settimana fa

Il dark web riprende forma ed alza il livello di contenuti: prendono piede le armi informatiche

Tempo di lettura: 4 minuti. Il capo dell'Interpol ha avvertito che in pochi anni le armi informatiche sviluppate dagli Stati...

DeFi1 settimana fa

La finanza decentralizzata deve affrontare molteplici barriere per l’adozione mainstream

Tempo di lettura: 5 minuti. Pur essendo uno dei settori più popolari del mercato delle criptovalute, la finanza decentralizzata ha...

Notizie1 settimana fa

Facebook respinge minaccia di APT36

Tempo di lettura: 2 minuti. Meta dichiara che il gruppo criminale è collegato ad attori statali del Pakistan

Notizie2 settimane fa

Chi di malware ferisce, di attacchi apt perisce: enti russi colpiti da Woody Rat

Tempo di lettura: 2 minuti. Molti sospetti, nessuna certezza. Sono stati i cinesi oppure nordcoreani?

Notizie2 settimane fa

Guerra Cibernetica: la lezione che Trend Micro ha imparato dai russi.

Tempo di lettura: 4 minuti. Non solo si spiega come si è strutturata la battaglia, ma anche come fare in...

Notizie2 settimane fa

Pelosi accolta con un attacco DDOS a Taiwan

Tempo di lettura: 2 minuti. Una coincidenza? Secondo molti esperti si tratta di un attacco coordinato

Notizie2 settimane fa

Polonia sotto attacco hacker. Colpa della Russia

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli attacchi sono collegati ai tentativi di destabilizzare la situazione in Polonia e in...

Truffe recenti

scam scam
Notizie3 settimane fa

Spagna e Romania: sventata banda di truffatori online

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLe autorità spagnole, insieme alla polizia rumena ed Europol, hanno chiuso lunedì un’operazione...

Truffe online4 settimane fa

Il phishing sbarca anche su Twitter e Discord

Tempo di lettura: 3 minuti. Anche i "social minori" sono attenzionati dai criminali informatici

Inchieste1 mese fa

Tinder e la doppia truffa: criptovalute e assistenza legale che non c’è

Tempo di lettura: 6 minuti. Una donna conosciuta su Tinder gli consiglia di investire in criptovalute. Viene truffato e si...

Truffe online1 mese fa

Truffe WhatsApp, quali sono e come evitarle

Tempo di lettura: 4 minuti. Ecco le otto truffe più comuni su WhatsApp, secondo ESET

Truffe online2 mesi fa

Truffa Vinted: colpiti anche i venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Continuano le segnalazioni degli utenti

Truffe online2 mesi fa

Attenzione alla truffa LGBTQ+

Tempo di lettura: 3 minuti. I più esposti? Chi non ha fatto "coming out"

Pesca mirata Pesca mirata
Truffe online2 mesi fa

Attenzione alla truffa online di InBank

Tempo di lettura: < 1 minuto. La segnalazione arriva dalla società italiana di sicurezza informatica TgSoft

Truffe online2 mesi fa

Truffa WhatsApp: attenzione ai messaggi che ci spiano

Tempo di lettura: < 1 minuto. L'allarme proviene dall'Inghilterra

DeFi2 mesi fa

Criptovalute e truffa: Telegram e Meta piattaforme perfette

Tempo di lettura: 5 minuti. Meta non risponde alle richieste dei giornalisti, continua ad avallare truffe e soprusi in silenzio.

Truffe online2 mesi fa

Truffa Axel Arigato: la società risponde a Matrice Digitale

Tempo di lettura: < 1 minuto. "Ci scusiamo con i nostri utenti e provvederemo a risolvere il problema"

Tendenza