Connect with us

Notizie

Pirateria su Telegram: La polizia prende di mira 545 canali e otto amministratori sospetti

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 5 minuti.

Le autorità italiane hanno annunciato un’operazione per stroncare la pirateria di massa su Telegram. Gli specialisti in frodi tecnologiche hanno eseguito un ordine di sequestro contro 545 canali e condotto perquisizioni fisiche in cinque regioni. Otto amministratori di canali sono sospettati di reati di violazione del copyright. TorrentFreak ha identificato alcuni dei canali e il modo in cui venivano monetizzati. TelegramLa scena mainstream del file-sharing è ben nota per i suoi siti web e forum pubblici, ma al di sotto di tutto ciò, i canali di chat hanno sempre giocato un ruolo importante. La Internet Relay Chat (IRC) era un’opzione popolare quando i siti BitTorrent dominavano le onde. Molti siti avevano canali che fungevano da hub della comunità da un lato e da portali per i file più recenti dall’altro. La curva di apprendimento relativamente ripida di IRC ha contribuito a bloccarne la crescita, ma per gli equivalenti moderni, come Telegram, non ci sono questi problemi. Dopo la prima apparizione di IRC nel 1988, ci sono voluti più di 20 anni prima che le reti più popolari raggiungessero un picco tra i 100 e i 200 mila utenti. Dopo soli nove anni di presenza online, Telegram conta oggi 700 milioni di utenti attivi al mese. I canali sono utilizzati per ogni tipo di discussione immaginabile, con la facilitazione della pirateria e la distribuzione tra le tendenze in più rapida crescita. Di conseguenza, i detentori di copyright hanno un’altra battaglia da affrontare.

La guerra dell’Italia alla pirateria di Telegram

Almeno dal 2019, le autorità italiane hanno preso di mira i canali Telegram legati a servizi IPTV illeciti e alla pirateria di film e spettacoli televisivi, ma la protezione delle opere letterarie sta diventando sempre più comune. Nel 2020, le denunce della Federazione degli editori di giornali (FIEG) sulla distribuzione illegale di giornali, periodici e libri, hanno portato a un’ordinanza d’emergenza che imponeva a Telegram di chiudere 19 canali o di rischiare il blocco. Un anno dopo, la FIEG ha dichiarato di aver eliminato più di 300 canali Telegram che offrivano contenuti simili. Un’importante operazione antipirateria condotta la scorsa settimana dimostra che il lavoro da fare è ancora maggiore.

L’organizzazione dei giornalisti chiede un’azione contro i pirati

Per lavorare legalmente in Italia, i giornalisti devono ottenere l’iscrizione all’Ordine dei Giornalisti (ODG), un organismo approvato dallo Stato che dal 1963 è responsabile della regolamentazione della professione. Sebbene la registrazione e la regolamentazione dei giornalisti siano controverse, l’ODG è considerato un paladino dei diritti dei suoi membri. Oltre a proteggere gli scrittori nelle loro trattative con gli editori, l’ODG lavora per garantire che i suoi membri siano pagati equamente. L’organizzazione cerca anche una concorrenza leale sul mercato, dove la pirateria è vista come un elemento di disturbo. Un memorandum d’intesa firmato due anni fa da ODG e dall’agenzia governativa per l’applicazione della legge, la Guardia di Finanza, è stato concepito per inviare un altro messaggio a nome dei suoi membri: il giornalismo svolge un ruolo chiave nella democrazia e non si dovrebbe permettere ai pirati di minare la democrazia. All’inizio del 2020, ODG ha presentato una denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano. Secondo l’autorità di controllo, i gruppi Telegram e WhatsApp distribuivano quotidianamente copie in PDF di quotidiani e periodici. Poiché questa pirateria danneggia i membri dell’ODG, la chiusura dei canali pirata sarebbe stata una risposta proporzionata. Le autorità hanno ascoltato e decine di canali sono stati bloccati.

L’ultima risposta dell’Unità IT specializzata

I Gruppi Sportivi Fiamme Gialle sono la divisione sportiva delle forze di polizia italiane, che gareggiano nell’atletica, nel canottaggio, nello sci e in discipline come il judo e il karate. Agli specialisti informatici delle Fiamme Gialle è stato riconosciuto il merito di aver individuato 6.500 utenti IPTV pirata e, secondo la Guardia di Finanza di Roma, di recente hanno rintracciato anche chi piratava le opere dei soci ODG. “Le indagini condotte dagli specialisti delle Fiamme Gialle hanno portato all’individuazione di una rete illegale molto più ampia di quella ipotizzata nella denuncia”, si legge in un comunicato della GdF. “Ciò ha consentito di smascherare un consolidato sistema di condivisione e diffusione non autorizzata, non solo di quotidiani e periodici editi dai principali gruppi editoriali italiani, ma anche di palinsesti televisivi, serie tv e altri contenuti di intrattenimento a pagamento, distribuiti via internet dalle principali piattaforme di streaming”.

La polizia ottiene l’autorità di perquisizione e chiusura

Sotto il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano, il Nucleo Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza di Roma ha ottenuto l’autorizzazione a chiudere i canali Telegram dei pirati e a effettuare perquisizioni nei confronti degli indagati. Il provvedimento di sequestro riguarda 545 “risorse” di Telegram sospettate di distribuire contenuti protetti dal diritto d’autore e persone ritenute coinvolte nel loro funzionamento. In cinque zone d’Italia – Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna e Campania – sono state eseguite perquisizioni nei confronti di otto persone. La Guardia di Finanza li descrive come presunti amministratori di canali legati a reati di violazione del copyright.

I canali di pirateria di Telegram erano molto popolari

La GdF afferma che i canali Telegram presi di mira avevano oltre 430.000 iscritti che non pagavano nulla per unirsi ai canali, ma venivano monetizzati dagli amministratori in altri modi. Il primo metodo prevedeva che gli amministratori incollassero nei loro canali dei link che rimandavano gli utenti a siti di e-commerce. Quando questi link venivano seguiti e i prodotti venivano acquistati, una percentuale veniva restituita agli amministratori. Il secondo metodo è descritto come “sponsorizzazione”, in cui i banner pubblicitari venivano inseriti sui canali presumibilmente in violazione in cambio di un pagamento da parte dell’inserzionista. Le informazioni relative a questi accordi di sponsorizzazione sono ancora online e mostrano la natura interconnessa dei canali presi di mira dalla polizia.

Quali canali sono stati bloccati?

I canali non sono stati nominati ufficialmente dalle autorità, ma le informazioni ottenute da TorrentFreak ci hanno permesso di identificare un canale chiave nell’indagine, di confermare che è stato vietato da Telegram e di trovare altri canali collegati che hanno ricevuto lo stesso trattamento. Il canale Riviste Gratuite è stato lanciato nel settembre 2020 e un anno dopo contava 30.575 abbonati. Il canale ha raggiunto un picco di 41.046 intorno al 9 ottobre, prima di essere bloccato da Telegram per violazione del copyright. Tra gli altri canali della stessa nicchia, vietati la scorsa settimana, figurano eBook Free House (55.000), Epub Gold (28.500) e Giornali Gratuti (21.800). Come sottolineato dalla GdF, il sistema scoperto dai suoi specialisti non offriva solo giornali e riviste pirata. Alla fine, l’offerta di contenuti diversi da quelli riportati da ODG non è riuscita a mantenerli online. Sia che offrissero film e programmi televisivi o altri contenuti in italiano, House Streaming (29.000 abbonati), Il Cinema Notturno (34.000) e APK Plex (100.500), sono stati tutti bloccati insieme a molti altri.

Chi ha sponsorizzato i canali?

I canali vietati sopra elencati (più altri non documentati in questa sede) si rivolgevano tutti all’Italia, con contenuti incentrati sull’Italia. La loro tendenza a citarsi a vicenda nei rispettivi canali li ha resi molto facili da individuare. L’enorme quantità di dati disponibili su Telegram (per non parlare delle ricerche di base su Google) mostra che avevano collegamenti con “Sponsor Cultura”, che sembra agire come una sorta di agente per potenziali inserzionisti. Un’offerta elenca i canali @RivisteGratuite, @GiornaliGratuiti, @RivisteInternazionali e @AppPlexFree (tre dei quali sono ora bloccati). Si legge che hanno raggiunto 115.000 membri/20.000 visualizzazioni al giorno e hanno offerto una fascia oraria dalle 15:00 alle 20:00 (5 ore) per 40 euro. Altre offerte sono apertamente visibili su Telegram. Questo sponsor non è stato bandito, così come non lo sono i molti altri canali di magazine incentrati sull’Italia che ancora esistono su Telegram. Ci si deve aspettare un’altra serie di rimozioni in un futuro non troppo lontano.

Notizie

Risolta vulnerabilità zero-day kernel di Windows sfruttata da Lazarus

Tempo di lettura: < 1 minuto. Risolta vulnerabilità Kernel Windows sfruttata dall’APT nordcoreano Lazarus come zero-day: aggiornare per sicurezza.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: < 1 minuto.

Microsoft ha risolto una vulnerabilità critica nel Kernel di Windows, che permetteva l’escalation dei privilegi, a febbraio, sei mesi dopo aver ricevuto la segnalazione che il difetto veniva sfruttato come zero-day.

Identificata come CVE-2024-21338, la falla di sicurezza, scoperta da Jan Vojtěšek, Senior Malware Researcher di Avast, riguardava il driver appid.sys di Windows AppLocker e fu segnalata a Microsoft ad agosto come zero-day attivamente sfruttato.

La vulnerabilità interessava sistemi con varie versioni di Windows 10 e Windows 11, inclusi gli ultimi rilasci, così come Windows Server 2019 e 2022. L’exploit di questa falla permetteva agli attaccanti locali di ottenere privilegi SYSTEM attraverso attacchi di bassa complessità senza necessità di interazione con l’utente.

Microsoft ha corretto la vulnerabilità il 13 febbraio e ha aggiornato l’avviso il 28 febbraio per confermare che CVE-2024-21338 era stata sfruttata nel mondo reale, senza però divulgare dettagli sugli attacchi.

Con la vulnerabilità admin-to-kernel ora esposta, Lazarus si trova di fronte a una sfida significativa: dovrà trovare un nuovo exploit zero-day o tornare alle precedenti tecniche BYOVD.

Gli utenti Windows sono invitati ad installare gli aggiornamenti del Patch Tuesday di febbraio 2024 il prima possibile per proteggersi dagli attacchi sfruttanti CVE-2024-21338 da parte di Lazarus.

Prosegui la lettura

Notizie

Risolto bug Exchange ActiveSync (EAS) di Outlook

Tempo di lettura: < 1 minuto. Microsoft ha corretto un bug di sincronizzazione di Outlook influenzando gli utenti di Microsoft 365, garantendo la continuità del servizio.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: < 1 minuto.

Microsoft ha recentemente corretto un bug che impediva ai client desktop di Outlook di sincronizzarsi tramite Exchange ActiveSync (EAS), influenzando gli utenti di Microsoft 365. Questo protocollo di sincronizzazione è fondamentale per l’accesso a email, calendari, contatti e attività. Il difetto riguardava specificamente la Versione 2401 Build 17231.20182 di Outlook per Microsoft 365.

Aggiornamento risolutivo

La soluzione è stata implementata nella Versione 2402 Build 17328.20068 e versioni successive.

Gli utenti possono aggiornare manualmente attraverso l’opzione “Aggiorna ora” nel percorso File > Account Office > Opzioni di aggiornamento.

In precedenza, Microsoft aveva suggerito una correzione temporanea che includeva il ripristino a una build precedente di Office o il passaggio a un canale di Office non affetto da questo problema.

Altri problemi di Outlook

Oltre a questo problema di sincronizzazione, Microsoft sta indagando su un’altra questione che genera allarmi di sicurezza in Outlook durante l’apertura di file di calendario .ICS, a seguito degli aggiornamenti di sicurezza di Office di dicembre 2023. Altri problemi noti di Outlook risolti di recente includono difficoltà di connessione per i client di posta elettronica che usano account Outlook.com e bug che causavano problemi nell’invio di email o crash di Outlook durante l’invio di email da account Outlook.com.

Questi aggiornamenti e correzioni dimostrano l’impegno di Microsoft nel mantenere la sicurezza e la funzionalità dei suoi servizi, essenziali per milioni di utenti in tutto il mondo.

Prosegui la lettura

Notizie

Kaspersky, vulnerabilità negli Smart Toy, rischi per bambini. Ecco cosa fare

Tempo di lettura: 2 minuti. Kaspersky denuncia una vulnerabilità in uno dei tanti smart toy a disposizione dei bambini, aprendo ad un nuovo scenario per la loro sicurezza

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

Kaspersky ha rivelato vulnerabilità di sicurezza in uno Smart Toy intelligente Android che potrebbero permettere ai criminali informatici di effettuare videochiamate con i bambini e raccogliere dati sensibili su di loro, come nomi, genere, età e localizzazioni. Nikolay Frolov, ricercatore senior di sicurezza presso il CERT ICS di Kaspersky, ha condiviso queste scoperte al Mobile World Congress 2024.

Il giocattolo, non nominato specificamente per ragioni di sicurezza ma indicato come “Superbot” basandosi su foto e screenshot, è stato progettato in India e prodotto in Cina. Frolov di Kaspersky ha sottolineato che anche gli Smart Toy più costosi possono presentare vulnerabilità sfruttabili dagli attaccanti, sottolineando l’importanza per i genitori di esaminare attentamente le recensioni dei giocattoli, aggiornare regolarmente il software dei dispositivi intelligenti e supervisionare le attività dei bambini durante il gioco.

Le vulnerabilità sono state segnalate al fornitore e sono state risolte. Tuttavia, questo episodio solleva preoccupazioni significative riguardo alla privacy e alla sicurezza dei giocattoli intelligenti, che sono sempre più presi di mira dai criminali informatici. Per proteggersi da queste minacce, è consigliato aggiornare regolarmente il firmware dei dispositivi connessi, informarsi sulle pratiche di sicurezza e raccolta dati dei produttori prima dell’acquisto, gestire attentamente le autorizzazioni delle app e spegnere gli Smart Toy quando non sono in uso.

Come difendere i bambini dai rischi online?

La sicurezza online dei bambini è una priorità per genitori, scuole e governi. L’accesso a Internet a una giovane età comporta il rischio di esposizione a minacce online. Ecco alcuni consigli per mantenere i bambini al sicuro:

  1. Educa il tuo bambino sui pericoli online. Crea un ambiente sicuro e incoraggia la comunicazione aperta sulle loro esperienze online.
  2. Tieni i dispositivi in uno spazio condiviso e supervisiona i bambini quando sono online.
  3. Imposta password sicure e insegna ai bambini a fare lo stesso.
  4. Utilizza le impostazioni di privacy integrate in app e dispositivi.
  5. Stabilisci limiti e regole salutari per l’uso di Internet e adattali man mano che tuo figlio cresce.
  6. Considera l’uso di app di controllo parentale come Qustodio per regolare le attività online dei tuoi figli, impostare limiti di tempo e utilizzo, filtrare ciò a cui possono accedere su Internet, monitorare le loro comunicazioni e altro.

Le minacce online possono essere classificate in quattro categorie principali: rischi relativi ai contenuti, rischi di condotta, rischi contrattuali e altri rischi come privacy, tecnologia avanzata e salute.

Per proteggere i bambini, è importante non solo imporre divieti completi, che possono essere controproducenti, ma anche educare i bambini su comportamenti online responsabili e sicuri. Parlare apertamente con i bambini sulle loro esperienze online, monitorare le loro attività in modo casuale, impostare password sicure, rivedere le impostazioni di privacy e stabilire limiti e regole sono tutti passaggi cruciali per la loro sicurezza online.

Le regole sulla sicurezza online dovrebbero evolversi man mano che i bambini crescono, adattandosi alla loro crescente maturità e responsabilità. È importante coinvolgerli nella conversazione e fornire loro le informazioni necessarie per rimanere al sicuro.

Le app di controllo parentale possono offrire ulteriore protezione filtrando automaticamente ciò a cui i bambini possono accedere, limitando i tempi di utilizzo di Internet e consentendo di monitorare la loro attività online. Tuttavia, è essenziale non violare la loro privacy e impostare limiti adeguati in base alla loro età.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERSECURITY

Notizie18 ore fa

Risolta vulnerabilità zero-day kernel di Windows sfruttata da Lazarus

Tempo di lettura: < 1 minuto. Risolta vulnerabilità Kernel Windows sfruttata dall'APT nordcoreano Lazarus come zero-day: aggiornare per sicurezza.

Notizie2 giorni fa

Kaspersky, vulnerabilità negli Smart Toy, rischi per bambini. Ecco cosa fare

Tempo di lettura: 2 minuti. Kaspersky denuncia una vulnerabilità in uno dei tanti smart toy a disposizione dei bambini, aprendo...

Notizie3 giorni fa

Il Dipartimento dell’Interno USA hackera i propri sistemi Cloud

Tempo di lettura: 2 minuti. Un organo di controllo del governo USA hackera i sistemi cloud del Dipartimento dell'Interno in...

Notizie4 giorni fa

Nuova Minaccia Cyber in Europa: SPIKEDWINE e il Backdoor WINELOADER

Tempo di lettura: 2 minuti. SPIKEDWINE lancia attacchi cyber in Europa con il backdoor WINELOADER, mirando a funzionari con legami...

CISA CISA
Notizie4 giorni fa

CISA nuovi avvisi ICS e linee per la formazione nella cybersecurity

Tempo di lettura: < 1 minuto. CISA emana avvisi per la sicurezza dei sistemi di controllo industriale e lancia una...

mata malware mata malware
Notizie5 giorni fa

Malware TimbreStealer si diffonde tramite truffe phishing

Tempo di lettura: 2 minuti. TimbreStealer, un nuovo malware, si diffonde tramite truffe phishing legate al tema delle tasse, prendendo...

Notizie6 giorni fa

Nuova minaccia nel Cyberspazio: steganografia e Remcos RAT

Tempo di lettura: 2 minuti. UAC-0184' utilizza steganografia per diffondere RAT Remcos, ampliando i bersagli a entità extra-ucraine

Ultimate Member Wordpress Ultimate Member Wordpress
Notizie6 giorni fa

Ultimate Member: vulnerabilità critica SQL in Plugin WordPress – AGGIORNARE SUBITO

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta vulnerabilità critica SQLi in plugin WordPress 'Ultimate Member', minacciando oltre 200.000 siti. Aggiornamento urgente...

FCKeditor FCKeditor
Notizie6 giorni fa

Hacker sfruttano CMS FCKeditor vecchio di 14 Anni per “avvelenamento” SEO su siti governativi e educativi

Tempo di lettura: 2 minuti. Gli hacker stanno sfruttando FCKeditor, un editor CMS obsoleto, per compromettere siti governativi ed educativi...

Notizie7 giorni fa

Tutto ciò che devi sapere sulla Direttiva NIS2 e quali obblighi prevede

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri come adeguarsi ai nuovi obblighi di cybersicurezza introdotti dalla Direttiva NIS2 dell'UE contro le...

Truffe recenti

dimarcoutletfirenze sito truffa dimarcoutletfirenze sito truffa
Inchieste2 settimane fa

Truffa dimarcoutletfirenze.com: merce contraffatta e diversi dalle prenotazioni

Tempo di lettura: 2 minuti. La segnalazione alla redazione di dimarcoutletfirenze.com si è rivelata puntuale perchè dalle analisi svolte è...

sec etf bitcoin sec etf bitcoin
Economia2 mesi fa

No, la SEC non ha approvato ETF del Bitcoin. Ecco perchè

Tempo di lettura: 3 minuti. Il mondo delle criptovalute ha recentemente assistito a un evento senza precedenti: l’account Twitter ufficiale...

Notizie3 mesi fa

Europol mostra gli schemi di fronde online nel suo rapporto

Tempo di lettura: 2 minuti. Europol’s spotlight report on online fraud evidenzia che i sistemi di frode online rappresentano una grave...

Notizie4 mesi fa

Polizia Postale: attenzione alla truffa dei biglietti ferroviari falsi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli investigatori della Polizia Postale hanno recentemente individuato una nuova truffa online che prende...

app ledger falsa app ledger falsa
Notizie4 mesi fa

App Falsa di Ledger Ruba Criptovalute

Tempo di lettura: 2 minuti. Un'app Ledger Live falsa nel Microsoft Store ha rubato 768.000 dollari in criptovalute, sollevando dubbi...

keepass pubblicità malevola keepass pubblicità malevola
Notizie5 mesi fa

Google: pubblicità malevole che indirizzano a falso sito di Keepass

Tempo di lettura: 2 minuti. Google ospita una pubblicità malevola che indirizza gli utenti a un falso sito di Keepass,...

Notizie5 mesi fa

Nuova tattica per la truffa dell’aggiornamento del browser

Tempo di lettura: 2 minuti. La truffa dell'aggiornamento del browser si rinnova, con i criminali che ora ospitano file dannosi...

Notizie5 mesi fa

Oltre 17.000 siti WordPress compromessi negli attacchi di Balada Injector

Tempo di lettura: 2 minuti. La campagna di hacking Balada Injector ha compromesso oltre 17.000 siti WordPress sfruttando vulnerabilità nei...

Truffe online5 mesi fa

ChatGPT cerca di ingannare cuori solitari appassionati di AI

Tempo di lettura: < 1 minuto. La truffa LoveGPT rappresenta una nuova minaccia nel mondo degli appuntamenti online, sfruttando l'AI...

Notizie5 mesi fa

Nuovo avviso della Polizia Postale: attenzione allo “Spoofing telefonico”

Tempo di lettura: 2 minuti. Attenzione ai tentativi di truffa tramite "Spoofing telefonico": la Polizia Postale avvisa e fornisce consigli...

Tendenza