Storie dal web: la bimba contesa, rintracciata dalla polizia tedesca, ma ignorata da quella francese. Papà tedesco rapisce figlia alla madre olandese, la procura di Nizza non fa nulla

Commenta
Immagine 2
ENGLISH FRENCH

Una bambina è strappata dalla madre in piena pandemia ed è sparita nel nulla. Una storia come tutte le altre se non fosse che, dinanzi a una condanna per violenze e ad una fuga con rapimento annesso, c’è l’atteggiamento di una Procura che non attiva le procedure internazionali per riaffidare la bambina alla madre. Benvenuti in Francia dove una madre ha sporto denuncia per violenze dopo che l’ex compagno le ha procurato ferite per 30 giorni di prognosi ed ha portato in Germania, suo paese Natale, la piccola avuta in comune. Sempre in Francia il genitore di Sharmine è destinatario di altre denunce per violenza su minori, che non hanno avuto ancora riscontri effettivi. Il Tribunale del principato di Monaco, dove è nata la piccola Sharmine, dinanzi ad altre denunce per violenza, ha rimandato successivamente la competenza a Nizza per legittimità territoriale, ma la Procura di Nizza non dispone un mandato di arresto internazionale. Durante il periodo pandemico, marzo 2020 precisamente, dopo che le denunce della madre di Sharmine sono state inascoltate per l’ennesima volta dal Procuratore generale di Nizza, il padre ha avuto la freddezza di rapirla e portarla in Germania, suo paese Natale. Ed è qui che, dinanzi ad un’altra denuncia della bambina rapita, la mamma è venuta a sapere che l’ex compagno è stato denunciato tempo fa per violenze dalla prima compagna, non avendo tra l‘altro la potestà genitoriale sul primo figlio. Un dettaglio ancora più interessante della vicenda dal punto di vista giuridico è che Sharmine ha il passaporto olandese per via delle origini materne ed ora il documento è nel cassetto di casa, custodito dalla madre e la bambina non potrebbe cambiare nazione senza portarlo con se e nemmeno ottenere una eventuale cittadinanza. Nel corso di questi giorni, la madre della piccola ha lanciato un hashtag sui social #OuEstSharmine che è stato accolto da un gruppo di attivisti ed ha avuto una grossa visibilità per via delle condivisioni, creando uno scompiglio internazionale dove è stata tirata in ballo la Polizia tedesca. Fortunatamente dopo un anno, grazie alla sensibilità delle autorità germaniche che si sono adoperate nel cercare la bambina, la madre ha saputo che la sua piccola è ancora in vita, ma senza un reato commesso nei confronti della figlia e della madre in territorio alemanno, non è possibile far intervenire la polizia tedesca. Una storia che potrebbe risolversi non tanto per farla pagare a un genitore rispetto a un altro, ma per dare ad una figlia l’opportunità di vivere i due genitori. La madre dichiara che tutto è iniziato quando il padre della piccola ha reagito con la violenza al suo rifiuto di continuare la relazione, mollandolo di fatto, dando vita alle percosse ed alla fuga con annesso rapimento. 


La domanda è però un’altra: perché allora la Procura di Nizza non è così solerte nel ripristinare l’ordine familiare e non si preoccupa almeno di far incontrare madre e figlia separate da un anno contro la volontà delle stesse? Inoltre, perchè questo lassismo dalla Francia nonostante ci siano più vertenze legali in corso in capo al padre della piccola e nonostante la polizia di Mentone abbia preso atto, comunicandolo alle autorità preposte, del trasferimento improvviso, che ha comportato una vera e propria sparizione di padre e figlia dalla circolazione? Il Procuratore Generale di Nizza è colpito in primo piano dalle polemiche di questi giorni, ma bisogna precisare che è subentrato al precedente collega noto per aver mentito “con la scusa di non mettere in imbarazzo Macron” accendendo più di un riflettore sull’operato ordinario della Procura. In questo caso, come da prassi nella magistratura italiana, è avvenuto che il Procuratore è stato mandato a Lione senza procedimenti disciplinari, lasciando media e giuristi abbastanza sorpresi. C’è un altro dettaglio che getta sospetti sulla magistratura francese che dovrebbe occuparsi del caso della piccola Sharmine.A detta della donna, il marito l’ha più volte avvisata delle sue conoscenze massoniche e qui aleggia il sospetto che ci sia qualcuno, o qualcosa, che eserciti pressioni che tendono a ritardare la richiesta di arresto internazionale. Ancora più singolare è che il mestiere del padre di Sharmine sia quello di fornire pneumatici per auto da corsa. Un settore, quello delle corse, sconvolto dalla morte del pilota Laurent Pasquali per mano di sicari ingaggiati da una rete di massoni, con lo scopo di punire con la morte chi non saldava i debiti. Cosa chiede la madre della piccola Sharmine senza la figlia da diversi mesi? Fa un appello al nuovo Procuratore di Nizza, Xavier Bonhomme, di dare seguito al lavoro della polizia. Peccato però che l’unica risposta avuta dall’uomo di legge, subentrato a Nizza per pulire l’immagine della giustizia, sia stato quello di bloccare su Twitter una madre in cerca di aiuto. 

19/03/2021, ore 09:35

Commenta

Livio Varriale

me@matricedigitale.it
Torna alle notizie