Connect with us

Dark Web

Chiuso Deepdotweb.com per affiliazione ai Black Markets del Dark Web

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Per tutti gli appassionati di Dark Web, dopo la chiusura di Wall Street Market e di Valallah, un altro colpo è stato inferto dalle autorità nazionali con la chiusura di www.deepdotweb.com

Nessuno sa precisamente cosa sia accaduto realmente, visto il muro di gomma delle autorità internazionali, ma è chiaro che tutto sia collegato con le notizie degli ultimi arresti effettuati nel Dark Web.

L’FBI ha arrestato diverse persone sospettate di coinvolgimento nella gestione di Deep Dot Web, un sito Web per facilitare l’accesso a siti Web e mercati oscuri.  Due sospetti sono stati arrestati a Tel Aviv e ad Ashdod, secondo la polizia israeliana di Tel Aviv, che ha confermato gli arresti in una dichiarazione all’inizio della giornata. I media locali hanno riportato per primi gli arresti. 

Gli arresti sono stati fatti anche in Francia, Germania e Paesi Bassi. Una fonte familiare con l’operazione ha detto che un amministratore del sito è stato arrestato in Brasile.

Si dice che Deep Dot Web abbia guadagnato milioni di dollari in commissioni offrendo collegamenti di riferimento ai mercati del dark web, accessibili solo ai domini di Konion sulla rete Tor. Tor fa rimbalzare il traffico internet attraverso una serie di server relay casuali sparsi per il mondo, rendendo quasi impossibile il tracciamento dell’utente.

Il suo sito onion ha mostrato un avviso sequestrato dall’FBI, citando le leggi statunitensi sul riciclaggio di denaro. Il suo dominio web chiaro non carica più.

Gli arresti di martedì hanno seguito un’operazione condotta dagli Stati Uniti e dalle autorità tedesche all’inizio della settimana che hanno distrutto il Wall Street Market, uno dei più grandi mercati del web oscurati rimasti. Migliaia di venditori hanno venduto droghe, armi e credenziali rubate utilizzate per accedere agli account online.

Gli sforzi per raggiungere Deep Dot Web su chat crittografate non hanno avuto successo.

Un portavoce del Dipartimento di Giustizia non ha commentato, mentre l’FBI ha rifiutato di commentare. Un portavoce del consolato israeliano a New York non ha risposto a una richiesta di commento.

Commenti da Facebook

Dark Web

ESCLUSIVA l’hacker che da la caccia ai pedofili

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 4 minuti.

Matricedigitale è l’unica testata che segue da tempo con molta attenzione il meccanismo della pedofilia online. In questi mesi abbiamo dato diverse esclusive grazie anche ad attivisti ed hackers che ogni giorno danno il loro contributo nel segnalare contenuti proibiti di abuso sui minori. Dopo aver intervistato la componente internazionale collegata ad Anonymous, ci spostiamo in Brasile dove l’hacker Spy_Unknown ci spiega il perché delle sue azioni oltre il limite della legalità, che però lanciano un messaggio molto ciaro: segnalare siti pedofili, denunciare dei pedofili in carne ed ossa e sensibilizzare gli Enti hackerati al contrasto degli abusi sui minori.

Quanti siti web hai hackerato?

Non li conto, ma da quando ho iniziato la mia “vita da hacker” penso che i suoi oltre 2k siti web siano stati hackerati, alcuni con scopi specifici e altri solo per divertimento, MA, da quando ho iniziato il #OPPedoGate, sono stati oltre 100 siti web hackerati solo per l’operazione.

Sai bene che l’hacking di siti web è un atto criminale, è solo il messaggio contro la pedofilia il tuo oggetto o vuoi testare e mostrare le tue abilità nell’hacking?

So che è un crimine, e so che la maggior parte dei paesi tratta questo come cybercrimine, ma dal mio piccolo non la vedo così… penso di fare un favore ai rispettivi proprietari di domini e server web hackerati, mostrando loro che i loro siti non sono troppo sicuri, e se posso fare solo una semplice deturpazione, altri potrebbero fare qualcosa di peggio.

No, il mio unico obiettivo è quello di ottenere un po’ di attenzione per la pedofilia su internet, perché rappresenta la sua vera espansione, e ancora molte persone trascurano gli abusi sui minori per molte ragioni, e voglio fargliela pagare, non solo ai pedofili, ma anche alle aziende e alle persone che sostengono questo business. Comunque non ho bisogno di dimostrare le mie capacità a nessuno, perché meglio di chiunque altro so di cosa sono capace, e la prima volta che faccio qualcosa di utile per le cause sociali e mi fa sentire un po’ meglio. Voglio sensibilizzare quante più persone possibile anche sul dare maggiore attenzione ai loro figli e a quello che succede. Sto cercando di cambiare un po’ questo orribile mondo provandoci.

Cosa avete imparato dalla vostra attività sulla pedofilia in rete?

Pur avendo già un’idea, ho imparato molto. Conosco un po’ meglio il modo in cui agiscono i pedofili; di solito scelgono le loro vittime tra i bambini che sono più trascurati dai genitori, persone che si occupano più della loro vita in generale e non prendono sul serio ciò che i loro figli raccontano. Se si pensa ad alcuni tipi di pedofili;

I pedofili sono comunemente persone “dolci”, e sanno come attirare l’attenzione dei bambini e conquistare il loro carisma, di solito vicino ai genitori delle vittime. Questo è quello che io chiamo il “tipo 1” dei pedofili; anche se possono essere persone carismatiche e sanno esattamente cosa stanno facendo, esplorano solo i bambini trascurati, quindi sono persone un po’ stupide, è un tipo facile da percepire se i genitori prestano un po’ più di attenzione al comportamento dei loro figli e certamente a quello che dicono.

Poi abbiamo le famiglie pedofile, quelli che secondo me sono stati solo “casi/eventi” isolati, è più comune che il tipo 1.

Più comuni nei Paesi europei e asiatici, nei Paesi africani, ma anche nelle Americhe ho trovato eventi di questo tipo. I bambini che vengono sfruttati sessualmente dai loro genitori e dai parenti in generale ho notato in alcuni casi ho scoperto che i genitori trattano questo come una normale convivenza, oltre a sapere che è un atto criminale che non fermano, e alcuni genitori non lo fanno solo per “piacere”, ma anche per ottenere qualche profitto, vendendo materiale da loro prodotto come foto/video e l’atto sessuale registrato, questo è quello che io chiamo il tipo 2.

E abbiamo quei pedofili che “diventano” pedofili “vivendo insieme”, e precisamente di persone che hanno qualche contatto con i bambini durante il giorno, sapete? Questo tipo di pedofili che io chiamo “tipo 3” sono quelli che non hanno mai fatto una cosa del genere prima d’ora, ma che hanno già un po’ di “tendenza” a fare. Menti disturbate che alla fine amano i bambini nel modo sbagliato, questi tipi sono i più difficili da capire perché di solito non hanno nessun tipo di disordine sessuale storico e non sembrano davvero così, ma, questo tipo di solito può essere percepito guardando un bambino in modo strano, dicendo stronzate senza senso o anche toccando troppo.

Pensi che questi siti web siano raggiungibili dagli utenti direttamente o da un rinvio magari sul web oscuro?

No, penso che nessuno possa trovare questi siti web per caso, sai? Se ci finisci, stai cercando qualche stronzata almeno con i bambini coinvolti.

La maggior parte di questi siti web sono monetizzati con contenuti per adulti e roba del genere, il che mi porta a pensare che i server web in generale fanno un po’ di profitto con questo tipo di contenuti, ed è per questo che penso che non lo mettano giù: perché ricevono un sacco di traffico e di conseguenza aumentano i loro profitti.

Quali sono le nazioni coinvolte nella produzione di contenuti pedopornografici?

In questi paesi ho trovato business e pedofili isolati: Paesi Bassi, Russia, Ucraina, Kazakistan, Danimarca, Germania, Italia, Lussemburgo, Portogallo, Serbia, Turchia, Austria, Australia, Svezia, Emirati Arabi Uniti, Francia, Taiwan, Giappone, Cina, India, Pakistan, Afghanistan, Malesia, Filippine, Singapore, Indonesia, Thailandia, Belize, USA, Canada, Messico, Venezuela, Brasile, Cile, Ungheria.

Qual è il tuo obiettivo sul web nel prossimo futuro?

Mi tengo impegnato con questo! Ho ricevuto alcune denunce attraverso internet e sto pensando di fare un blog per spiegare questo ed esporre più casi in dettaglio, con il permesso dei genitori coinvolti sicuro.

Continuerò ad hackerare i server web e ad espellerli deturpando anche i siti web.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Dark Web

Attenzione a TheOtherPlace, regno della pedofilia tra chat e foto

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Buon lunedì e attenzione davvero ai vostri figli. Le forze di polizia hanno arrestato due 50enni titolari di una chat per pedofili con numeri impressionanti.

Nel periodo di sorveglianza da parte delle autorità, 60 persone hanno condiviso nella chat almeno 2500 immagini in un giorno solo.

Nel portale, nato nel 2014 e descritto come un “canale per l’apprezzamento della bellezza giovanile”, c’erano links che riportavano almeno a 250.000 immagini. E questo non è altro che una goccia nell’oceano che ci fa comprendere quanto il fenomeno sia vasto e molto preoccupante.

Solo a casa di uno degli arrestati sono state trovate 160.000 immagini pedopornografiche, ma la cosa più agghiacciante resta il diario con gli appunti delle fantasie erotiche aventi protagonisti i bimbi.

Bisogna avere sempre paura che un orco possa gravitare intorno ai nostri piccoli indifesi

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Dark Web

Hansa Market è stato chiuso

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Ieri abbiamo parlato di Alpha Bay e della sua chiusura. Oggi tratteremo di un altro duro colpo inflitto ad un mercato nero simile ad Alpha.

Hansa Market è stato chiuso successivamente nonostante l’arresto di due uomini tedeschi di 30 e 31 anni da parte delle autorità olandesi sia avvenuto prima di quello del loro competitor Cazes morto suicida .

La tecnica è stata molto più sopraffina per questa operazione e, infatti, le forze dell’ordine hanno hackerato il portale riuscendo a monitorarlo, trasformandolo di pezzo in pezzo grazie all’aiuto di una società privata, arrivando ad intercettare 10.000 messaggi non criptati che hanno mostrato un giro di 1000 transazioni giornaliere.

Anche il numero delle iscrizioni è salito vertiginosamente: dalle 1000 al giorno si è passato alle 8000. I server sono stati localizzati in Lituania e non è stato difficile spegnerli.

Un mercato chiuso, l’ennesimo, e chi lo sa quale forma prenderanno eventuali nuovi e come si difenderanno dalla morsa sempre più letale della giustizia informatica che assume contorni sempre più globali.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Tendenza

MatriceDigitale.it - Copyright © 2021, Livio Varriale - Privacy Policy