Connect with us
speciale truffe online

segnalaci un sito truffa

DeFi

Chainlink la crypto nata dalle costole di Ethereum ed Oracle

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Fondato nel 2017, Chainlink è un livello di astrazione blockchain che consente contratti intelligenti universalmente connessi. Attraverso una rete Oracle decentralizzata, Chainlink consente alle blockchain di interagire in modo sicuro con feed di dati esterni, eventi e metodi di pagamento, fornendo le informazioni critiche off-chain necessarie per contratti intelligenti complessi per diventare la forma dominante di accordo digitale.

La rete Chainlink è guidata da una vasta comunità open source di fornitori di dati, operatori di nodi, sviluppatori di contratti intelligenti, ricercatori, revisori della sicurezza e altro ancora. L’azienda si concentra sull’assicurare che la partecipazione decentralizzata sia garantita per tutti gli operatori di nodi e gli utenti che desiderano contribuire alla rete.

Se sei interessato ad entrare nel mondo delle criptovalute, la redazione suggerisce queste piattaforme di scambio perchè quelle ritenute più affidabili a livello internazionale

Binance              

Crypto

Coinbase

Etoro

RICORDATI che si tratta sempre di investimenti ad ALTO rischio.

SCOMMETTI quanto puoi permetterti di PERDERE

Chi sono i fondatori di Chainlink?

Sergey Nazarov è cofondatore e CEO di Chainlink Labs. Si è laureato in economia aziendale presso la New York University, con specializzazione in filosofia e amministrazione. La sua carriera professionale è iniziata come insegnante presso la NYU Stern School of Business. Nel 2009, Nazarov ha co-fondato ExistLocal, un mercato peer-to-peer per autentiche esperienze locali.

Nel 2014 ha anche co-fondato CryptaMail, un servizio di posta elettronica completamente decentralizzato e basato su blockchain. Nel 2014, Nazarov ha collaborato con Steve Ellis e ha lanciato SmartContract, una piattaforma che dà vita a contratti intelligenti collegandoli a dati esterni e pagamenti bancari ampiamente accettati. SmartContract è stata una delle iniziative imprenditoriali che hanno portato Sergey Nazarov alla fondazione di Chainlink.

Steve Ellis si è laureato in informatica presso la New York University nel 2010. Subito dopo la laurea, è diventato ingegnere del software presso Pivotal Labs. Nel 2014 ha co-fondato Secure Asset Exchange, una società che facilita l’accesso web a uno scambio di risorse decentralizzato.

Cosa rende unico Chainlink?

Chainlink è una delle prime reti a consentire l’integrazione dei dati off-chain in contratti intelligenti. Con molti partner di fiducia, Chainlink è uno dei principali attori nel campo dell’elaborazione dei dati. A causa dell’integrazione dei dati off-chain, Chainlink ha attirato l’attenzione di numerosi fornitori di dati affidabili, tra cui Brave New Coin, Alpha Vantage e Huobi. I fornitori di dati possono vendere l’accesso ai dati direttamente a Chainlink, monetizzando così le informazioni in loro possesso.

In quanto rete decentralizzata, Chainlink consente agli utenti di diventare operatori di nodi e guadagnare entrate eseguendo l’infrastruttura di dati critici necessaria per il successo delle blockchain. Chainlink utilizza un’ampia raccolta di operatori di nodi per alimentare collettivamente una vasta gamma di reti Oracle Price Feed decentralizzate live in produzione, che attualmente assicurano miliardi di valore per le principali applicazioni DeFi come Synthetix, Aave, Compound e altre.


Quante monete Chainlink (LINK) ci sono in circolazione?

Durante l’offerta iniziale di monete (ICO) per LINK a settembre 2017, Chainlink ha annunciato una fornitura totale e massima di 1.000.000.000 di token LINK. Secondo la documentazione ICO, il 35% della fornitura totale di token andrà agli operatori dei nodi e all’incentivazione dell’ecosistema. Un altro 35% dei token LINK è stato distribuito durante eventi di vendita pubblica. Infine, il restante 30% della fornitura totale di token è stato diretto verso l’azienda per il continuo sviluppo dell’ecosistema e della rete Chainlink.

Come è protetta la rete Chainlink?

In quanto token ERC-20 basato su Ethereum, Chainlink è protetto dal meccanismo di consenso Proof of Stake (PoS). A differenza del consenso Proof-of-Work (PoW) utilizzato da Bitcoin, PoS si basa sulla quantità di token picchettati per la selezione dei validatori dei nodi. I protocolli PoS sono stati creati con l’idea di combattere il vasto consumo energetico richiesto dai sistemi PoW. I modelli PoS stanno diventando sempre più popolari poiché richiedono meno energia elettrica e sono facilmente scalabili. Mentre PoW si è dimostrato un meccanismo di consenso affidabile, Ethereum e tutti gli altri token ERC-20 sono cresciuti rapidamente e hanno stabilito la tendenza nello spazio.

Commenti da Facebook

DeFi

Tre motivi per cui il mercato delle criptovalute sta affondando

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Quest’anno il mercato delle criptovalute ha avuto un periodo difficile e il crollo di diversi progetti e fondi ha scatenato un effetto contagio che ha colpito praticamente tutti gli operatori del settore.

Il polverone non si è ancora posato, ma un flusso costante di dettagli sta permettendo agli investitori di mettere insieme un quadro che evidenzia i rischi sistemici della finanza decentralizzata e della scarsa gestione del rischio.

Ecco cosa dicono diversi esperti sulle ragioni del crollo della DeFi e le loro prospettive su ciò che deve essere fatto per la ripresa del settore.

Incapacità di generare entrate sostenibili

Una delle ragioni più frequentemente citate per le difficoltà dei protocolli DeFi è la loro incapacità di generare entrate sostenibili che aggiungano valore significativo all’ecosistema della piattaforma.

Nel tentativo di attirare gli utenti, sono stati offerti rendimenti elevati a un tasso insostenibile, mentre l’afflusso non è stato sufficiente a compensare i pagamenti e a fornire un valore sottostante al token nativo della piattaforma.

Ciò significa essenzialmente che non c’era alcun valore reale a sostegno del token, che veniva utilizzato per pagare gli alti rendimenti offerti agli utenti.

Quando gli utenti hanno iniziato a rendersi conto che i loro asset non stavano realmente guadagnando i rendimenti promessi, hanno rimosso la loro liquidità e venduto i token di ricompensa. Questo, a sua volta, ha causato un calo del prezzo dei token, insieme a un calo del valore totale bloccato (TVL), che ha ulteriormente scatenato il panico tra gli utenti del protocollo, i quali, allo stesso modo, hanno ritirato la loro liquidità e bloccato il valore delle ricompense ricevute.

Tokenomica o Ponzinomica?

Un secondo difetto evidenziato da diversi esperti è la struttura tokenomica mal progettata di molti protocolli DeFi, che spesso presentano un tasso di inflazione estremamente elevato, utilizzato per attirare la liquidità.

Le ricompense elevate sono belle, ma se il valore del token che viene versato come ricompensa non è veramente tale, gli utenti si assumono un rischio notevole rinunciando al controllo dei loro fondi per una ricompensa minima o nulla.

Ciò si collega in larga misura al problema della generazione di entrate della DeFi e all’incapacità di costruire tesori sostenibili. Un’inflazione elevata aumenta l’offerta di token e se il valore dei token non viene mantenuto, la liquidità abbandona l’ecosistema.

Utenti con un eccesso di leva finanziaria

L’uso eccessivo della leva finanziaria è un altro problema endemico della DeFi e questo difetto è diventato chiarissimo quando Celsius, 3AC e altre piattaforme investite nella DeFi hanno iniziato a fallire il mese scorso.

Queste liquidazioni non hanno fatto altro che esasperare la tendenza al ribasso che molti token stavano già sperimentando, innescando una spirale mortale che si è estesa alle piattaforme CeFi e DeFi e ad alcune borse cripto centralizzate.

In questo senso, la responsabilità ricade sugli utenti, che si sono lasciati andare a un eccesso di leva finanziaria senza un solido piano di gioco su cosa fare nell’eventualità di una flessione del mercato. Anche se può essere difficile pensare a queste cose durante l’apice di un mercato rialzista, dovrebbe essere sempre qualcosa in fondo alla mente di un trader perché l’ecosistema delle criptovalute è ben noto per la sua volatilità a scatti.

Lagarde: la DeFi può porre rischi reali alla stabilità finaziaria

Dopo Celsius, Arrows Capital a rischio insolvenza. La DeFi Trema

La piattaforma DeFi Celsius blocca i soldi dei suoi 2 milioni di risparmiatori

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

DeFi

Dietro il furto della criptovaluta Harmony c’è Lazarus

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Dall’inizio del 2022, Lazarus ha guadagnato più di un miliardo di dollari rubando dalle piattaforme di criptovalute

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Il Lazarus Group, un noto gruppo di hacker nordcoreani, è stato identificato come il principale sospettato del recente attacco che ha visto il furto di 100 milioni di dollari dal protocollo Harmony.

Furto da 625 milioni ad Axie Infinity: Usa incolpano Lazarus

Nord Corea 2018: La guerra cibernetica di Lazarus tra Mata Framework, Bankshot, e furti di criptovalute.

Secondo un nuovo rapporto pubblicato giovedì dalla società di analisi blockchain Elliptic, il modo in cui il ponte Horizon di Harmony è stato violato e il modo in cui i beni digitali rubati sono stati di conseguenza riciclati assomiglia molto ad altri attacchi del Gruppo Lazarus.

Ci sono forti indicazioni che il Lazarus Group della Corea del Nord possa essere responsabile di questo furto, in base alla natura dell’hack e al successivo riciclaggio dei fondi rubati“.
Inoltre, Elliptic ha delineato esattamente le modalità di esecuzione del furto, osservando che Lazarus ha preso di mira le credenziali di accesso dei dipendenti di Harmony nella regione Asia-Pacifico per violare il sistema di sicurezza del protocollo. Dopo aver ottenuto il controllo del protocollo, gli hacker hanno implementato programmi di riciclaggio automatico che hanno spostato i beni rubati a tarda notte.

Elliptic ha inoltre rilevato che gli hacker hanno già trasferito oltre il 40% dei 100 milioni di dollari su Tornado Mixer, un “servizio di miscelazione” basato su Ethereum che oscura i dati delle transazioni e rende estremamente difficile per gli investigatori tracciare il movimento dei fondi.

Inizialmente, il team di Harmony ha offerto una taglia di 1 milione di dollari come incentivo per gli hacker a restituire i fondi. Tuttavia, il 29 giugno Harmony ha aumentato la taglia a 10 milioni di dollari e ha dichiarato che la restituzione completa dei fondi avrebbe posto fine all’indagine e non sarebbero state mosse ulteriori accuse penali.

Anche l’hacking di Ronin da 600 milioni di dollari, avvenuto in aprile, è stato collegato al Lazarus Group. A causa delle attuali condizioni di mercato, il valore degli Ether (ETH) rubati è crollato di oltre il 60% fino a 230 milioni di dollari.

Un recente rapporto di Coinclub.com indica che la Corea del Nord ha schierato 7.000 hacker a tempo pieno per raccogliere fondi attraverso attacchi informatici, ransomware e hacking di protocolli crittografici. La Corea del Nord è leader mondiale nella criminalità legata alle criptovalute, con oltre 15 casi documentati di furto informatico per un valore di circa 1,59 miliardi di dollari di fondi rubati.

Che cos’è Harmony (ONE)?

Il bridge Horizon di Harmony è l’ultimo ad aggiungersi a una lista crescente di token bridge attaccati, tra cui Meter, Wormhole e Ronin, portando il totale dei furti legati ai token bridge a poco più di 1 miliardo di dollari solo nel 2022.

Il più grande token bridge ad essere violato è stato Poly Network nel 2021, che ha perso 610 milioni di dollari, quasi tutti restituiti.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

DeFi

Che cos’è JUST (JST)?

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. Un nuovo ecosistema di DeFi per blockchain di Tron

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

JUST è un nuovo ecosistema di finanza decentralizzata (DeFi) costruito per la blockchain TRON. Si tratta di un’intera suite di prodotti che sono principalmente incentrati su una piattaforma di prestito decentralizzata in stablecoin nota come JustStable.

La piattaforma è stata lanciata nell’agosto 2020 a seguito di un’offerta iniziale di scambio (IEO) sulla piattaforma Poloniex LaunchBase all’inizio dello stesso anno, ma il token di governance nativo della piattaforma (JST) circola da maggio 2020.

Si tratta di un ecosistema a due token costruito attorno ai token USDJ e JUST (JST). USDJ è una stablecoin multicollaterale il cui valore è ancorato al valore del dollaro USA (USD), mentre JST svolge una serie di funzioni sulla piattaforma: paga gli interessi, contribuisce alla manutenzione della piattaforma e partecipa alla sua governance, contribuendo a stabilire parametri come i tassi di interesse (commissioni di stabilità) e il rapporto minimo di collateralizzazione.

Per ottenere USDJ su JUST, i trader devono depositare una garanzia sotto forma di token di garanzia supportati – tra cui TRON (TRX), che vengono scambiati con token PTRX e bloccati come garanzia collaterale formando una posizione debitoria collateralizzata (CDP). A seconda dell’importo del collaterale depositato, gli utenti possono poi coniare e ritirare USDJ, che devono poi essere rimborsati per recuperare il collaterale iniziale.

La piattaforma è progettata per fornire un hub equo e senza confini di prodotti DeFi, a cui ogni utente TRON può accedere.

Chi sono i fondatori di JUST?

L’ecosistema JUST è gestito dalla JUST Foundation, che comprende persone provenienti da Alibaba, Tencent, IBM e “altre aziende internet di livello mondiale“, mentre il team di analisi finanziaria di JUST proviene da “diverse banche d’investimento globali”, secondo il sito web del progetto.

Tra le persone più importanti figurano Terance F (esperto di blockchain ed ex dipendente di Barclays e IBM), Elvis Zhang (sviluppatore senior e ricercatore esperto di blockchain), C Wu (specialista di portafogli e scambi) e GL Kong (ingegnere esperto di blockchain e primo utilizzatore di criptovalute).

I nomi e i profili completi di gran parte del team JUST non sono pubblici. Tuttavia, sembra che il progetto abbia qualche sovrapposizione con il team di sviluppo di TRON, dal momento che la piattaforma è stata annunciata dal CEO e fondatore di TRON, Justin Sun, e ha ricevuto il supporto tecnico e finanziario di TRON.

Cosa rende JUST unica?

A differenza della maggior parte delle altre piattaforme DeFi, JUST non cerca solo di offrire un singolo prodotto che sia utile a un piccolo sottoinsieme di utenti DeFi. Sta invece cercando di costruire un’intera suite di prodotti che coprano una serie di casi d’uso della DeFi, costituendo le fondamenta di un ecosistema DeFi completo su TRON.

A partire da gennaio 2021, l’ecosistema JUST è composto da cinque prodotti distinti, tutti progettati per interoperare e fornire ulteriori utilità agli utenti.

Questi sono:

  • JustStable: La piattaforma decentralizzata multi-collaterale di stablecoin, fiore all’occhiello di JUST.
  • JustLend: Un protocollo di mercato monetario alimentato da TRON che consente agli utenti di aggiungere liquidità ai pool di prestito e di sottoscrivere prestiti in criptovaluta a basso interesse.
  • JustSwap: Una piattaforma di market maker automatizzato (AMM) utilizzata per scambi di token TRC-20 senza fiducia e per la creazione di pool di liquidità senza autorizzazione.
  • JustLink: Il primo sistema di oracolo decentralizzato per la rete TRON, utilizzato per fornire in modo sicuro agli smart contract i dati del mondo reale.
  • Gettoni cross-chain: Attività di altre blockchain, tra cui Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH) e Litecoin (LTC), che sono state tokenizzate su TRON e possono essere utilizzate all’interno dell’ecosistema JUST.

Quante monete JUST (JST) sono in circolazione?

A gennaio 2021, è in circolazione un totale di 2,26 miliardi di JST, su un’offerta massima di 9,9 miliardi. Ciò rappresenta il 23% dell’offerta massima.

Questi gettoni si guadagnano depositando, prestando e fornendo liquidità sulla Rete JUST o completando diverse altre azioni, come la partecipazione a campagne speciali.

Secondo lo IEO originale su Poloniex, l’intera offerta di token JST è distribuita come segue:

  • Vendita di seed: 11%
  • Vendita pubblica (allocazione LaunchBase): 4%
  • Partenariati strategici: 26%
  • Team: 19%
  • Airdrop (solo per i titolari di TRX): 10%
  • Ecosistema: 30%

Ulteriori informazioni sull’allocazione dei token JST, comprese le specifiche del periodo di maturazione per il team JUST e il suo tasso di inflazione, sono attualmente sconosciute. Tuttavia, è noto che tutti i token del team saranno completamente maturati entro aprile 2022.

Come è protetta la rete JUST?

Come token TRC-20, la rete JUST è protetta dalla blockchain TRON sottostante.

A differenza di altre piattaforme che utilizzano il meccanismo di consenso proof-of-work (POW), ad alto consumo energetico, per mantenere l’integrità della blockchain e scongiurare potenziali attacchi, TRON utilizza il sistema delegated-proof-of-stake (dPOS), ad alta efficienza energetica.

I titolari di token TRON (TRX) eleggono super rappresentanti incaricati di generare blocchi e confezionare transazioni. Insieme, i 27 super rappresentanti sono responsabili della sicurezza della rete.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Inchieste5 ore fa

Lyceum: l’APT iraniana con il pallino del settore energetico e degli ISP

Tempo di lettura: 8 minuti. Attivi dal 2017, hanno concentrato la loro attività contro Israele, Africa appoggiandosi a server in...

Notizie20 ore fa

Gli Stati Uniti preservano il mondo spiando gli alleati

Tempo di lettura: 2 minuti. Non solo attachci contro i nemici, ma anche Germania, Francia nel mirino.

Notizie2 giorni fa

Kaspersky scopre ShadowPad in Afghanistan, Malesia e Pakistan

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoEntità situate in Afghanistan, Malesia e Pakistan sono nel mirino di una campagna...

Notizie3 giorni fa

Dopo la Lituania, KillNet attacca la Norvegia

Tempo di lettura: 2 minuti. Il collettivo russo si è postato sull'area baltica

Notizie6 giorni fa

Iran: azienda siderurgica si blocca dopo attacco hacker

Tempo di lettura: 2 minuti. Si sospetta una risposta di Israele all'attacco informatico

Notizie6 giorni fa

Killnet rivendica l’attacco DDOS alla Lituania

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo la presa di posizione di Vilnius su Kaliningrad, era nell'aria che sarebbe arrivata una...

Notizie6 giorni fa

Minaccia Nucleare via mail: Fancy Bear attacca con Follina

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenutoIl gruppo di minacce persistenti avanzate Fancy Bear è dietro una campagna di...

Notizie7 giorni fa

La Lituania adesso ha paura degli attacchi DDoS russi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Fino alla repressione di Kalingrad, il paese non era stato colpito da azioni russe....

Notizie1 settimana fa

HUI Loader: scoperto dopo 7 anni lo spyware di un APT cinese

Tempo di lettura: 2 minuti. Un noto malware di spionaggio sottolinea la minaccia che le aziende straniere devono affrontare da...

Notizie1 settimana fa

Cina: vietate le Tesla perchè possono spiare convegno dei capi di Governo

Tempo di lettura: 2 minuti. Nonostante in Cina siano tutti entusiasti di Tesla, l'esercito non si fida delle telecamere installate...

Truffe recenti

Truffe online4 giorni fa

Truffa Vinted: colpiti anche i venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Continuano le segnalazioni degli utenti

Truffe online4 giorni fa

Attenzione alla truffa LGBTQ+

Tempo di lettura: 3 minuti. I più esposti? Chi non ha fatto "coming out"

Pesca mirata Pesca mirata
Truffe online7 giorni fa

Attenzione alla truffa online di InBank

Tempo di lettura: < 1 minuto. La segnalazione arriva dalla società italiana di sicurezza informatica TgSoft

Truffe online3 settimane fa

Truffa WhatsApp: attenzione ai messaggi che ci spiano

Tempo di lettura: < 1 minuto. L'allarme proviene dall'Inghilterra

DeFi3 settimane fa

Criptovalute e truffa: Telegram e Meta piattaforme perfette

Tempo di lettura: 5 minuti. Meta non risponde alle richieste dei giornalisti, continua ad avallare truffe e soprusi in silenzio.

Truffe online4 settimane fa

Truffa Axel Arigato: la società risponde a Matrice Digitale

Tempo di lettura: < 1 minuto. "Ci scusiamo con i nostri utenti e provvederemo a risolvere il problema"

scam scam
Truffe online4 settimane fa

Segnalazione truffa non-mi-avrete-mai.net

Tempo di lettura: < 1 minuto. Giungono in redazione le esperienze di utenti truffati in rete.

Truffe online1 mese fa

Attenzione: Axel Arigato Italia è una truffa colossale

Tempo di lettura: 3 minuti. Il marchio non lo sa, ma in Italia truffano promettendo i suoi prodotti

Notizie1 mese fa

Truffa Charlie Brigante: lista aggiornata dei siti da evitare per acquisti online

Tempo di lettura: < 1 minuto. Continuano le segnalazioni di truffe online alla nostra rubrica

Truffe online1 mese fa

Truffa Instagram: come Meta affonda la Polizia Postale

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoIn questi giorni sono tantissime le segnalazioni di utenti alla redazione che hanno...

Tendenza