Connect with us

DeFi

Che cos’è Arweave (AR)? Il disco rigido del web adatto ai minatori

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Arweave è una rete di archiviazione decentralizzata che cerca di offrire una piattaforma per l’archiviazione indefinita dei dati. Descrivendosi come “un disco rigido di proprietà collettiva che non dimentica mai”, la rete ospita principalmente “il permaweb“, un web permanente e decentralizzato con una serie di applicazioni e piattaforme guidate dalla comunità. 

La rete Arweave utilizza una criptovaluta nativa, AR, per pagare i “minatori” per archiviare a tempo indeterminato le informazioni della rete. Il progetto è stato annunciato per la prima volta come Archain nell’agosto 2017, successivamente è stato rinominato Arweave nel febbraio 2018 e lanciato ufficialmente nel giugno 2018.

Se sei interessato ad entrare nel mondo delle criptovalute, la redazione suggerisce queste piattaforme di scambio perchè quelle ritenute più affidabili a livello internazionale

Binance              

Crypto

Coinbase

Etoro

RICORDATI che si tratta sempre di investimenti ad ALTO rischio.

SCOMMETTI quanto puoi permetterti di PERDERE

Chi sono i fondatori di Arweave?

Arweave è stata fondata da Sam Williams e William Jones, due dottorandi. candidati all’Università del Kent. Williams è arrivato al progetto con esperienza in sistemi decentralizzati e distribuiti, avendo sviluppato un sistema operativo chiamato HydrOS come parte dei suoi studi, mentre l’attenzione di Jones era sulla teoria dei grafi e sulle reti neurali. Mentre Williams ha abbandonato la scuola di specializzazione per concentrarsi sull’azienda, Jones ha lasciato il progetto all’inizio della metà del 2018 e ha completato il suo dottorato di ricerca. Secondo Williams, ha avuto l’idea mentre camminava su una montagna in Scozia, portando in seguito il concetto a Jones, con il quale ha sviluppato i dettagli tecnici. Dopo aver lanciato Arweave, Williams è stato successivamente nominato consulente di Minespider, una società che fornisce il monitoraggio della catena di approvvigionamento basato su blockchain per l’industria delle materie prime, ed è stato mentore per il programma di accelerazione Techstars.

Sebbene Arweave sia stata fondata con una leadership centralizzata, nel gennaio 2020 ha lanciato un’organizzazione autonoma decentralizzata composta da membri della comunità principale per favorire lo sviluppo e l’espansione della rete e del suo ecosistema.

Cosa rende unico Arweave?

Secondo il suo documento giallo, Arweave cerca di garantire la “capacità collettiva di archiviare e condividere informazioni tra individui e nel tempo alle nuove generazioni”. Per raggiungere questo obiettivo, il suo fiore all’occhiello permaweb è costruito sulla base del “blockweave” di Arweave, una variazione della tecnologia blockchain in cui ogni blocco è collegato sia a quello immediatamente precedente che a uno casuale precedente. Arweave afferma che ciò incentiva i minatori a memorizzare più dati perché devono essere in grado di accedere a blocchi precedenti casuali per aggiungerne di nuovi e ricevere ricompense.

Arweave si concentra sulla costruzione di un ecosistema sostenibile attorno alla rete. Nel giugno 2020, ha presentato i “token di condivisione degli utili“, che consentono agli sviluppatori di ricevere dividendi quando le commissioni di transazione di rete vengono generate dalla loro applicazione e ospita incubatori per supportare la creazione di app basate su permaweb. Il progetto funziona anche con le startup attraverso il suo programma “Boost“, offrendo spazio di archiviazione gratuito e accesso al team di Arweave e agli investitori del settore.

Nel marzo 2020, Arweave ha annunciato di aver ricevuto $ 8,3 milioni in finanziamenti da Andreessen Horowitz, Union Square Ventures e Coinbase Ventures. Ciò ha fatto seguito a un precedente investimento di novembre 2019 anche da Andreessen Horowitz e Union Square Ventures, nonché da Multicoin Capital.

Quante monete Arweave (AR) ci sono in circolazione?

Secondo il suo documento giallo, Arweave ha una fornitura massima di token di 66 milioni di AR. 55 milioni di AR sono stati coniati quando il blocco di genesi del blockweave è stato creato nel giugno 2018 e altri 11 milioni verranno gradualmente introdotti come ricompense per i blocchi.

Arweave ha tenuto un evento di prevendita di token nell’agosto 2017 in cui è stato venduto il 10,8% della fornitura di token inizialmente generata e sono state completate due vendite pubbliche a maggio 2018 e giugno 2018 in cui è stato venduto rispettivamente il 7,1% e l’1,1% della fornitura . La società ha stanziato un ulteriore 19,5% per una vendita privata, il 2,9% per i consulenti di progetto, il 13% per il team (soggetto a un blocco di cinque anni con il 20% rilasciato all’anno), il 19,1% per lo sviluppo dell’ecosistema e il 26,5% per l’uso futuro del progetto (soggetto a un lock-up di cinque anni con rilascio del 20% all’anno).

Come è protetta la rete Arweave?

La rete Arweave è costruita su una versione modificata della tecnologia blockchain chiamata “blockweave“, che utilizza un algoritmo di consenso “prova di accesso”, una versione modificata della prova di lavoro. Con PoA, ogni nuovo blocco non è solo collegato a quello immediatamente precedente, ma anche a un blocco precedente casuale ed entrambi i blocchi vengono sottoposti ad hashing per generare quello nuovo. I minatori non sono tenuti a memorizzare un’intera blockchain, ma sono incentivati ​​a memorizzare più informazioni per dimostrare di poter accedere ai vecchi blocchi necessari per estrarne uno nuovo. Il protocollo di mining utilizzato da Arweave, RandomX, è stato verificato con successo da quattro società di sicurezza informatica — Trail of Bits, Kudelski Security, X41 D-Sec e QuarksLab — nell’agosto 2019. Il progetto prevede di utilizzare un nuovo algoritmo di mining a partire dall’inizio del 2021 noto come SPoRA, che ha affermato a dicembre 2020 era stato verificato da NCC Group

Iscriviti alla newsletter settimanale di Matrice Digitale

* inserimento obbligatorio

DeFi

ChatGpt lancia Plus: versione a pagamento. Vale la pena spendere 20 dollari?

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: < 1 minuto. Svelati pochi dettagli e sembra poco per scaldarsi

Pubblicato

il

ChatGPT
Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

L’applicativo di intelligenza artificiale ChatGpt lancia una versione a pagamento da 20 dollari al mese di cui si sa ancora poco. Dopo l’esplosione di utenti simultanei che ne hanno provocato più volte un crollo dei sistemi, il CEO di OpenAI ha annunciato l’ingresso nel mercato della versione a pagamento ed ha annunciato un sondaggio a cui ha partecipato anche la redazione di Matrice Digitale.

Nel sondaggio era chiesto quale fosse il prezzo minimo, massimo e massimo sopportabile ed il valore indicato è stato di 20 dollari massimo. L’applicativo sarà in vendita a 20 dollari come annunciato e per il momento ci sono poche indiscrezioni sulle caratteristiche che avrà in più alla versione a pagamento.

Sicuramente, a detta di molti, chi paga avrà una corsia preferenziale e non sarà buttato fuori nei momenti di picco. Pare che la versione sia anche più estesa in termini di “competenze” anche se verrà implementata ulteriormente in corso d’opera tramite dei feedback degli utenti che potranno richiedere servizi in base alle loro esigenze.

Sarà più veloce ottenere risposte, ma non c’è nessun riferimento al limite di caratteri imposto da OpenAI nella versione free e nemmeno all’utilizzo di fonti instantanee prese dalla Rete. In poche parole, ChatGpt molto probabilmente impiegherà meno tempo a dare risposte, soluzioni, ma senza Internet sarà limitato e non esprimerà il suo potere massimale.

Prosegui la lettura

DeFi

Criptovalute: stretta del governo inglese dopo scandalo FTX

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Il ministero delle Finanze britannico ha in programma una regolamentazione “robusta” per gli asset cripto, dopo il crollo della borsa cripto FTX dello scorso anno, che ha lasciato milioni di persone a subire perdite per miliardi di dollari. Attualmente la criptovaluta non è regolamentata a livello globale e le imprese devono solo effettuare controlli per prevenire il riciclaggio di denaro. Tuttavia, la Financial Conduct Authority (FCA) britannica ha dichiarato che oltre l’80% dei richiedenti la licenza non è stato in grado di dimostrare di essere in grado di farlo in modo adeguato, dato che il “denaro oscuro” scorre attraverso il settore. La bozza di regole, che sarà pubblicata mercoledì, garantirà standard solidi, trasparenti ed equi, coerenti con l’approccio alla finanza tradizionale, ha dichiarato martedì il Ministro dei Servizi Finanziari Andrew Griffith in un comunicato.

“Rimaniamo fermi nel nostro impegno a far crescere l’economia e a consentire il cambiamento tecnologico e l’innovazione – e questo include la tecnologia dei criptoasset”, ha detto Griffith. Le nuove regole arrivano dopo che l’aumento dei tassi di interesse ha portato a una serie di fallimenti nel settore nel 2022, cancellando 1.400 miliardi di dollari dal valore del mercato delle criptovalute. Il prezzo del bitcoin, il più scambiato, è crollato del 60%. Il crollo del mercato ha scosso la fiducia nelle criptovalute, anche se rimane l’interesse per la tecnologia sottostante, più comunemente nota come blockchain, per altri usi come i pagamenti.

Rishi Sunak, l’amico delle criptovalute, è primo ministro del Regno Unito dopo l’uscita di Truss

Ci sarà una consultazione pubblica di tre mesi sui nuovi piani, seguita da proposte di regole dettagliate da parte della FCA. Il ministero ha dichiarato che il suo approccio mitigherà i rischi più significativi del settore. “Queste proposte attribuiranno alle sedi di negoziazione di criptovalute la responsabilità di definire i requisiti di contenuto dettagliati per i documenti di ammissione e di divulgazione, garantendo che le borse di criptovalute abbiano standard equi e solidi”, ha dichiarato il ministero.

Fonte: Reuters

Prosegui la lettura

DeFi

Il prezzo di SOL sale di oltre il 200% rispetto al mese precedente

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Solana supererà Ethereum nel 2023?
E’ la rete blockchain che ha un enorme potenziale per competere con Ethereum, il leader degli smart-contract

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Nel 2021 Solana, una piattaforma blockchain pubblica, ha sconvolto il mondo delle criptovalute con un’impennata del 3.700%, prima di subire una correzione del mercato.

E’ possibile che SOL superi Ethereum e diventi la piattaforma NFT numero uno nel 2023?

Solana è la sede di molte piattaforme DeFi, Dapps e mercati NFT, grazie alla sua blockchain veloce e a basso costo. Solana funziona su un consenso “Proof-of-History” che offre maggiore sicurezza e flessibilità agli sviluppatori per effettuare transazioni più veloci. D’altra parte, molte blockchain programmabili come Ethereum dipendono da programmi esterni per effettuare le transazioni. Secondo Anatoly Yakovenko, cofondatore di Solana Labs, “ogni produttore di blocchi deve lavorare attraverso la VDF, questa prova della storia, per arrivare allo slot assegnatogli e produrre un blocco, il che conferisce al libro mastro questa interessante proprietà che consente di dedurre quando gli eventi si sono verificati quando lo si esamina”.

Solana è attualmente scambiata a 23,82 dollari dopo un guadagno di quasi il 243,32% nelle precedenti quattro settimane. Sebbene SOL abbia lottato in mezzo a più ampie flessioni del mercato, questa impennata del prezzo di Solana darà slancio durante il prossimo mercato rialzista e la renderà anche un punto di riferimento per i progetti di finanza decentralizzata (DeFi).

Le NFT di Solana potrebbero superare Ethereum?

Ci sono molti ostacoli sulla strada di Solana per diventare la piattaforma NFT numero uno. A partire dal fatto che la sua rete è vulnerabile alle violazioni della sicurezza fino all’emergere di nuovi rivali con offerte migliori. Tuttavia, c’è sempre un po’ di speranza mista a fortuna. Sebbene Ethereum sia ancora il re dei progetti DeFi, i continui crolli del mercato delle criptovalute e gli inverni delle criptovalute stanno intaccando la fiducia che le persone ripongono in questo leader dei contratti intelligenti. Pertanto, potremmo avere l’opportunità di vedere Ethereum detronizzato da Solana nel 2023 e oltre.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie4 giorni fa

Guerra cibernetica: escalation dopo la fine della guerra tra Ucraina e Russia

Tempo di lettura: < 1 minuto. Le prime dichiarazioni dal Cybertech di TelAviv fanno comprendere che il mondo sarà sempre...

Notizie4 giorni fa

NikoWiper: il malware che ha preso di mira il settore energetico ucraino

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenutoSandworm, affiliato alla Russia, ha utilizzato un altro ceppo di malware wiper, denominato...

Multilingua6 giorni fa

Ucraina colpita dal quinto Wiper “SwiftSlicer”

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoL’Ucraina ha subito un nuovo attacco informatico da parte della Russia che ha...

Notizie1 settimana fa

Killnet mette a sedere i siti web tedeschi

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoGli hacker attivisti russi hanno messo offline diversi siti web tedeschi mercoledì in...

Notizie2 settimane fa

Ex diplomatico: Cina spia i cittadini con frigoriferi, portatili e lampadine britannico

Tempo di lettura: < 1 minuto. Secondo un rapporto inviato al governo dall'ex diplomatico, la tecnologia "cavallo di Troia" rappresenta...

Notizie3 settimane fa

NoName057 offre ricompense finanziarie per partecipare agli attacchi DDoS

Tempo di lettura: 2 minuti. Ai volontari vengono offerte ricompense fino a 80.000 rubli per attacchi riusciti con il client...

Multilingua3 settimane fa

L’Ucraina propone la NATO della Guerra Cibernetica

Tempo di lettura: 2 minuti. Il principale funzionario ucraino per la sicurezza informatica ha proposto lo sviluppo di una "Cyber...

Inchieste3 settimane fa

NoName057(16) a Matrice Digitale: stiamo analizzando il perimetro cibernetico italiano

Tempo di lettura: 3 minuti. Esclusiva mondiale al gruppo di hacktivisti che hanno colpito diversi paesi europei tra cui l'Italia

Notizie3 settimane fa

NoName057 rivendica gli attacchi informatici ai siti web danesi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli hacktivisti russi sostengono di aver attaccato la banca centrale danese, il ministero delle...

Notizie3 settimane fa

ESET svela l’attività di StrongPity: malevola con l’app Telegram troianizzata

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenutoI ricercatori ESET hanno identificato una campagna attiva del gruppo StrongPity APT che...

Truffe recenti

Truffe online4 giorni fa

Truffa Facebook Little Flowers ai danni de La Repubblica: la matrice è cinese

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenuto In questi giorni abbiamo analizzato come attraverso Google Adwords è possibile veicolare...

Truffe online5 giorni fa

Truffa da 25.000 euro su Hiobit.com : la matrice è asiatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Da Tinder ad un sito internet di trading, come un profilo asiatico è riuscito a...

Truffe online6 giorni fa

Pacco e contropaccotto: Vinted consente truffa “Morada” ai danni dei suoi venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Altro venditore di 500 euro, la società ha rimborsato il criminale a migliaia di km...

Truffe online3 settimane fa

Malware trasmesso da Google Ads prosciuga l’intero portafoglio di criptovalute di un influencer NFT

Tempo di lettura: 2 minuti. Un link pubblicitario sponsorizzato su Google ha nascosto un malware che ha travasato migliaia di...

Notizie1 mese fa

“Entra nell’Interpol” la nuova truffa sui social media che spopola in Sud Africa

Tempo di lettura: 2 minuti. L'Organizzazione internazionale di polizia criminale (Interpol) ha lanciato un allarme su una truffa online che...

DeFi2 mesi fa

Scandalo FTX, i genitori di Sam Bankman Fried sono indagati: confermata l’inchiesta di Matrice Digitale

Tempo di lettura: 2 minuti. Avrebbero speso i fondi societari per acquisti personali e sono il collante con le "coperture"...

Truffe online3 mesi fa

Sospettati di uno schema Ponzi arrestati in Grecia e Italia ricercati da INTERPOL

Tempo di lettura: 2 minuti. INTERPOL ha lanciato l'IFCACC all'inizio di quest'anno, per fornire una risposta globale coordinata contro la...

Truffe online3 mesi fa

Truffa del Trust Wallet PayPal

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta da Trend Micro, la truffa che sfrutta il brand di PayPal, può essere così...

Truffe online3 mesi fa

Sospetto arrestato in relazione a una frode di investimento da un milione di euro

Tempo di lettura: 2 minuti. L'azione ha portato l'Europol a rilasciare consigli in tal senso.

Truffe online4 mesi fa

I truffatori e i disonesti al telefono: è possibile fermarli?

Tempo di lettura: 4 minuti. I consigli di Sophos e l'invito di Matrice Digitale a segnalarli al nostro modello

Tendenza