Connect with us

segnalaci un sito truffa

DeFi

Che cos’è la moneta USD (USDC)? Perchè ha la sigla del dollaro?

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

USD Coin (noto con il suo ticker USDC) è una stablecoin ancorata al dollaro USA su base 1:1. Ogni unità di questa criptovaluta in circolazione è supportata da $ 1 che è tenuto in riserva, in un mix di contanti e buoni del Tesoro statunitensi a breve termine. Il consorzio del Center, che si colloca dietro questa risorsa, afferma che l’USDC è emesso da istituzioni finanziarie regolamentate. La stablecoin è stata originariamente lanciata su base limitata a settembre 2018. In parole povere, il mantra di USD Coin è “denaro digitale per l’era digitale” e la stablecoin è progettata per un mondo in cui le transazioni senza contanti stanno diventando più comuni. Diversi casi d’uso sono stati svelati per USD Coin. Oltre a fornire un rifugio sicuro per i trader di criptovalute in tempi di volatilità, coloro che stanno dietro alla stablecoin affermano che può anche consentire alle aziende di accettare pagamenti in risorse digitali e scuotere una serie di settori, tra cui la finanza decentralizzata e i giochi. Nel complesso, l’obiettivo è creare un ecosistema in cui USDC sia accettato dal maggior numero possibile di portafogli, scambi, fornitori di servizi e dApp.

Se sei interessato ad entrare nel mondo delle criptovalute, la redazione suggerisce queste piattaforme di scambio perchè quelle ritenute più affidabili a livello internazionale

Binance              

Crypto

Coinbase

Etoro

RICORDATI che si tratta sempre di investimenti ad ALTO rischio.

SCOMMETTI quanto puoi permetterti di PERDERE

Chi sono i fondatori di USD Coin?

Il Consorzio Circle ha due soci fondatori. Uno di questi è la società di servizi di pagamento peer-to-peer Circle, mentre l’altro è lo scambio di criptovaluta Coinbase. Altre iniziative crittografiche sono aperte per unirsi a questo consorzio. Spiegando la logica alla base di USDC, i co-fondatori di Circle Jeremy Allaire e Sean Neville hanno scritto: “Crediamo che un Internet aperto di scambio di valori possa trasformare e integrare il mondo più profondamente, eliminando infine i confini economici artificiali e consentendo un mercato globale più efficiente e inclusivo. che connette ogni persona sul pianeta”. Nel 2020, Circle e Coinbase hanno annunciato collettivamente un importante aggiornamento del protocollo e del contratto intelligente di USDC. L’obiettivo di questi miglioramenti è rendere più semplice l’utilizzo di USD Coin per i pagamenti quotidiani, il commercio e le transazioni peer-to-peer.

Cosa rende unica la moneta USD (USDC)?

Il mercato delle stablecoin è diventato estremamente affollato negli ultimi anni, ma USD Coin ha mirato a superare i concorrenti in diversi modi. Uno di questi riguarda la trasparenza e offre agli utenti la certezza che saranno in grado di prelevare 1 USDC e ricevere in cambio $ 1 senza problemi. A tal fine, si afferma che un’importante società di contabilità ha il compito di verificare i livelli di liquidità tenuti in riserva e garantire che corrispondano al numero di token in circolazione. A differenza di alcune iniziative crittografiche, Circle e Coinbase hanno anche raggiunto la conformità normativa, e questo ha contribuito a spianare la strada all’espansione internazionale. Entrambi i progetti sono anche ben finanziati, dando certezza alla stablecoin.

Quante monete USD (USDC) ci sono in circolazione?

È un po’ difficile dare un numero esatto qui, poiché in teoria il numero di USDC che possono esistere è illimitato. Nuove monete vengono create in linea con la domanda, ogni volta che qualcuno vuole acquistarne una con il suo umile dollaro. Detto questo, ci sono stati fattori che hanno aiutato USD Coin a godere di un’esplosione di popolarità nel corso degli anni, specialmente nel 2020. Uno di questi è l’improvviso e netto aumento della popolarità della finanza decentralizzata. L’USDC è una vista comune su molti protocolli DeFi dato il modo in cui funge da rampa d’accesso per l’ecosistema più ampio.

Come è protetta la rete di monete USD?

Tutti gli USDC in circolazione sono in realtà token ERC-20, che possono essere trovati sulla blockchain di Ethereum. Uno dei maggiori vantaggi qui è come può essere integrato con le applicazioni basate su Ethereum. Come accennato in precedenza, la sicurezza e la fiducia in questa stablecoin vengono fornite dimostrando che i dollari statunitensi sono tenuti in sicurezza in riserva.

Commenti da Facebook

DeFi

Bitcoin Cash: cosa è e qual è la differenza dal Bitcoin

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Bitcoin Cash è un sistema di cassa elettronico peer-to-peer che mira a diventare una solida moneta globale con pagamenti veloci, micro commissioni, privacy e un’elevata capacità di transazione (grandi blocchi). Allo stesso modo in cui il denaro fisico, come una banconota da un dollaro, viene consegnato direttamente alla persona che viene pagata, i pagamenti in Bitcoin Cash vengono inviati direttamente da una persona all’altra. Essendo una criptovaluta decentralizzata e senza autorizzazione, Bitcoin Cash non richiede terze parti fidate e nessuna banca centrale. A differenza del tradizionale denaro fiat, Bitcoin Cash non dipende da intermediari monetari come banche e processori di pagamento. Le transazioni non possono essere censurate da governi o altre società centralizzate. Allo stesso modo, i fondi non possono essere sequestrati o congelati, perché terze parti finanziarie non hanno alcun controllo sulla rete Bitcoin Cash.

Se sei interessato ad entrare nel mondo delle criptovalute, la redazione suggerisce queste piattaforme di scambio perchè quelle ritenute più affidabili a livello internazionale

Binance              

Crypto

Coinbase

Etoro

RICORDATI che si tratta sempre di investimenti ad ALTO rischio.

SCOMMETTI quanto puoi permetterti di PERDERE

A cosa serve Bitcoin Cash?

Bitcoin Cash combina la scarsità simile all’oro con la natura spendibile del denaro. Con una fornitura totale limitata di 21 milioni di monete, Bitcoin Cash è evidentemente scarso e, come il denaro fisico, può essere facilmente speso. Le transazioni sono veloci con commissioni di transazione generalmente inferiori a un decimo di centesimo. Chiunque può accettare pagamenti in Bitcoin Cash con uno smartphone o un computer. Bitcoin Cash ha vari casi d’uso. Oltre ai pagamenti peer-to-peer tra individui, Bitcoin Cash può essere utilizzato per pagare i commercianti partecipanti per beni e servizi in negozio e online. Commissioni molto basse consentono nuove economie di microtransazioni, come dare mance ai creatori di contenuti e premiare gli utenti di app di pochi centesimi. Bitcoin Cash riduce anche le commissioni e i tempi di regolamento per le rimesse e il commercio transfrontaliero. Altri casi d’uso includono token, contratti intelligenti semplificati e pagamenti privati ​​con strumenti come CashShuffle e CashFusion.

Bitcoin Cash è diverso da Bitcoin?

Nel 2017, il progetto Bitcoin e la sua comunità si sono divisi in due per le preoccupazioni sulla scalabilità di Bitcoin. Il risultato è stato un hard fork che ha creato Bitcoin Cash, una nuova criptovaluta considerata dai sostenitori la legittima continuazione del progetto Bitcoin come moneta elettronica peer-to-peer. Tutti i possessori di Bitcoin al momento del fork (blocco 478.558) sono diventati automaticamente proprietari di Bitcoin Cash. Bitcoin, inventato dallo pseudonimo Satoshi Nakomoto, rimane una criptovaluta separata. A differenza di Bitcoin (BTC), Bitcoin Cash mira a scalare in modo da poter soddisfare le esigenze di un sistema di pagamento globale. Al momento della scissione, la dimensione del blocco Bitcoin Cash è stata aumentata da 1 MB a 8 MB. Una maggiore dimensione del blocco significa che Bitcoin Cash può ora gestire un numero significativamente maggiore di transazioni al secondo (TPS) mantenendo le commissioni estremamente basse, risolvendo i problemi dei ritardi di pagamento e delle commissioni elevate riscontrate da alcuni utenti sulla rete Bitcoin BTC. A partire da ottobre 2021, Bitcoin Cash ha una dimensione del blocco di 32 MB, rispetto alla dimensione del blocco di Bitcoin di 1 MB.

Come si estrae Bitcoin Cash?

Il mining è il processo in cui vengono confermate le nuove transazioni di Bitcoin Cash e vengono aggiunti nuovi blocchi alla blockchain di Bitcoin Cash. I minatori usano la potenza di calcolo e l’elettricità per risolvere enigmi complessi. In tal modo, acquisiscono la capacità di produrre nuovi blocchi di transazioni. Se uno dei loro blocchi viene accettato dalla rete, il minatore, o il pool minerario, guadagna un premio di blocco sotto forma di Bitcoin Cash di nuova emissione. L’estrazione mineraria è altamente competitiva. Con l’aumento del prezzo di Bitcoin Cash sul mercato, più minatori sono incentivati ​​a portare più hash rate nella concorrenza sempre crescente dei minatori per produrre blocchi e farli accettare dalla rete Bitcoin Cash. Più minatori rendono la rete più sicura aumentando e distribuendo l’hash rate. Ciò impedisce a un singolo miner di avere il controllo sulla rete. Chiunque può estrarre Bitcoin Cash. Il mining richiede hardware specializzato chiamato attrezzatura mineraria, che può essere acquistato o noleggiato. I minatori devono anche eseguire un software full node (con la maggior parte dei minatori che attualmente eseguono BCHN) per costruire blocchi e connettersi al resto della rete Bitcoin Cash. L’estrazione può essere eseguita in modo indipendente, ma i minatori spesso uniscono il loro tasso di hash e condividono proporzionalmente i premi del blocco guadagnati.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

DeFi

Algorand cosa è e come funziona. E’ la criptovaluta più efficiente?

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Algorand è una rete autosufficiente, decentralizzata e basata su blockchain che supporta un’ampia gamma di applicazioni. Questi sistemi sono sicuri, scalabili ed efficienti, tutte proprietà critiche per applicazioni efficaci nel mondo reale. Algorand supporterà calcoli che richiedono garanzie di prestazioni affidabili per creare nuove forme di fiducia. La mainnet di Algorand è diventata attiva nel giugno 2019 ed è stata in grado di gestire quasi 1 milione di transazioni al giorno a partire da dicembre 2020. Le metriche delle transazioni di Algorand possono essere visualizzate qui. L’offerta iniziale di monete di Algorand (ICO) si è tenuta a giugno 2019, con il prezzo di Algorand di $ 2,4 per token.

Se sei interessato ad entrare nel mondo delle criptovalute, la redazione suggerisce queste piattaforme di scambio perchè quelle ritenute più affidabili a livello internazionale

Binance              

Crypto

Coinbase

Etoro

RICORDATI che si tratta sempre di investimenti ad ALTO rischio.

SCOMMETTI quanto puoi permetterti di PERDERE

Chi sono i fondatori di Algorand?

Silvio Micali è professore di informatica al Massachusetts Institute of Technology e fondatore di Algorand. Ha ricevuto il Turing Award (nel 2012) per i suoi contributi fondamentali alla teoria e alla pratica del calcolo sicuro a due parti, del denaro elettronico, delle criptovalute e dei protocolli blockchain. Questo lo rende uno dei principali creatori di criptovalute al mondo.

Cosa rende unico Algorand?

Algorand è stato inventato per accelerare le transazioni e migliorare l’efficienza, in risposta ai tempi di transazione lenti di Bitcoin e altre blockchain. Algorand è progettato in modo che non ci siano commissioni di transazione più basse, così come nessun mining (come il processo ad alta intensità energetica di Bitcoin), poiché si basa su un protocollo blockchain PoS (Pure Proof of Stake) senza autorizzazione.

Quante monete Algorand (ALGO) ci sono in circolazione?

La genesi della blockchain di Algorand afferma che sono stati coniati 10 miliardi di ALGO. La distribuzione dei 10 miliardi fissi e immutabili di ALGO terminerà nel 2030, anziché nel piano iniziale del 2024. Per ulteriori informazioni sulla tokenomica di Algorand, vedere qui.

Come è protetta la rete Algorand?

La blockchain di Algorand è un protocollo blockchain puro proof-of-stake senza autorizzazione. A differenza delle blockchain proof-of-work (PoW), in cui il blocco radice deve essere convalidato da validatori selezionati casualmente (usando potenza di calcolo), nell’approccio puro proof-of-stake tutti i validatori sono noti l’uno all’altro e hanno solo per concordare il blocco successivo per creare un nuovo blocco.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

DeFi

Chainlink la crypto nata dalle costole di Ethereum ed Oracle

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Fondato nel 2017, Chainlink è un livello di astrazione blockchain che consente contratti intelligenti universalmente connessi. Attraverso una rete Oracle decentralizzata, Chainlink consente alle blockchain di interagire in modo sicuro con feed di dati esterni, eventi e metodi di pagamento, fornendo le informazioni critiche off-chain necessarie per contratti intelligenti complessi per diventare la forma dominante di accordo digitale.

La rete Chainlink è guidata da una vasta comunità open source di fornitori di dati, operatori di nodi, sviluppatori di contratti intelligenti, ricercatori, revisori della sicurezza e altro ancora. L’azienda si concentra sull’assicurare che la partecipazione decentralizzata sia garantita per tutti gli operatori di nodi e gli utenti che desiderano contribuire alla rete.

Se sei interessato ad entrare nel mondo delle criptovalute, la redazione suggerisce queste piattaforme di scambio perchè quelle ritenute più affidabili a livello internazionale

Binance              

Crypto

Coinbase

Etoro

RICORDATI che si tratta sempre di investimenti ad ALTO rischio.

SCOMMETTI quanto puoi permetterti di PERDERE

Chi sono i fondatori di Chainlink?

Sergey Nazarov è cofondatore e CEO di Chainlink Labs. Si è laureato in economia aziendale presso la New York University, con specializzazione in filosofia e amministrazione. La sua carriera professionale è iniziata come insegnante presso la NYU Stern School of Business. Nel 2009, Nazarov ha co-fondato ExistLocal, un mercato peer-to-peer per autentiche esperienze locali.

Nel 2014 ha anche co-fondato CryptaMail, un servizio di posta elettronica completamente decentralizzato e basato su blockchain. Nel 2014, Nazarov ha collaborato con Steve Ellis e ha lanciato SmartContract, una piattaforma che dà vita a contratti intelligenti collegandoli a dati esterni e pagamenti bancari ampiamente accettati. SmartContract è stata una delle iniziative imprenditoriali che hanno portato Sergey Nazarov alla fondazione di Chainlink.

Steve Ellis si è laureato in informatica presso la New York University nel 2010. Subito dopo la laurea, è diventato ingegnere del software presso Pivotal Labs. Nel 2014 ha co-fondato Secure Asset Exchange, una società che facilita l’accesso web a uno scambio di risorse decentralizzato.

Cosa rende unico Chainlink?

Chainlink è una delle prime reti a consentire l’integrazione dei dati off-chain in contratti intelligenti. Con molti partner di fiducia, Chainlink è uno dei principali attori nel campo dell’elaborazione dei dati. A causa dell’integrazione dei dati off-chain, Chainlink ha attirato l’attenzione di numerosi fornitori di dati affidabili, tra cui Brave New Coin, Alpha Vantage e Huobi. I fornitori di dati possono vendere l’accesso ai dati direttamente a Chainlink, monetizzando così le informazioni in loro possesso.

In quanto rete decentralizzata, Chainlink consente agli utenti di diventare operatori di nodi e guadagnare entrate eseguendo l’infrastruttura di dati critici necessaria per il successo delle blockchain. Chainlink utilizza un’ampia raccolta di operatori di nodi per alimentare collettivamente una vasta gamma di reti Oracle Price Feed decentralizzate live in produzione, che attualmente assicurano miliardi di valore per le principali applicazioni DeFi come Synthetix, Aave, Compound e altre.


Quante monete Chainlink (LINK) ci sono in circolazione?

Durante l’offerta iniziale di monete (ICO) per LINK a settembre 2017, Chainlink ha annunciato una fornitura totale e massima di 1.000.000.000 di token LINK. Secondo la documentazione ICO, il 35% della fornitura totale di token andrà agli operatori dei nodi e all’incentivazione dell’ecosistema. Un altro 35% dei token LINK è stato distribuito durante eventi di vendita pubblica. Infine, il restante 30% della fornitura totale di token è stato diretto verso l’azienda per il continuo sviluppo dell’ecosistema e della rete Chainlink.

Come è protetta la rete Chainlink?

In quanto token ERC-20 basato su Ethereum, Chainlink è protetto dal meccanismo di consenso Proof of Stake (PoS). A differenza del consenso Proof-of-Work (PoW) utilizzato da Bitcoin, PoS si basa sulla quantità di token picchettati per la selezione dei validatori dei nodi. I protocolli PoS sono stati creati con l’idea di combattere il vasto consumo energetico richiesto dai sistemi PoW. I modelli PoS stanno diventando sempre più popolari poiché richiedono meno energia elettrica e sono facilmente scalabili. Mentre PoW si è dimostrato un meccanismo di consenso affidabile, Ethereum e tutti gli altri token ERC-20 sono cresciuti rapidamente e hanno stabilito la tendenza nello spazio.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura
abbonati gratis a Matrice Digitale
segnalaci un sito truffa, scam, phishing

Tendenza