Connect with us

DeFi

Generation Zoe: arrestato dall’Interpol il CEO della piattaforma cripto truffa legata a Zoe cash

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

L’Interpol è riuscita ad arrestare Leonardo Cositorto, l’ex amministratore delegato di Generation Zoe, una delle più grandi presunte piattaforme finanziarie e cripto-truffa in Argentina. Cositorto è stato arrestato questa settimana nella Repubblica Dominicana, dove era responsabile di una piattaforma simile chiamata Sunrise Coach. Ora sarà estradato in Argentina.

Uno degli uomini più ricercati perchè legati al funzionamento di Generation Zoe, uno dei più grandi schemi piramidali presunti in Argentina, è stato finalmente localizzato. L’Interpol ha arrestato Leonardo Cositorto, l’ex amministratore delegato, nella Repubblica Dominicana come risultato di un’operazione di localizzazione condotta dalla polizia dominicana e dagli agenti della polizia internazionale (Interpol).

Le autorità sono state in grado di rintracciare la posizione di Cositorto utilizzando i record IP che ha lasciato quando usava i social network per promuovere una nuova iniziativa chiamata Sunrise Coach. Le autorità hanno rivelato che gli investigatori avevano sorvegliato le trasmissioni che Cositorto faceva quotidianamente per esaminare le immagini di sfondo in questi video. In questo modo, hanno potuto scoprire che i paesaggi mostrati erano coerenti con quelli di Santo Domingo, la capitale della Repubblica Dominicana.

Cositorto è stato trovato in un hotel della regione e dovrà affrontare le accuse di truffa legate al caso Generation Zoe. L’uomo era latitante da febbraio, quando ha abbandonato il paese ed è riuscito a entrare illegalmente nella Repubblica Dominicana.

L’avventura imprenditoriale di Generation Zoe, l’azienda a cui Cositorto è legato, è iniziata cinque anni fa come un centro di formazione per allenare le persone. L’organizzazione è cresciuta, e ha incluso un braccio finanziario, che ha utilizzato i fondi depositati dai sostenitori. Questi fondi generavano guadagni per loro, che erano pubblicizzati come “sicuri” dalla società. Questi guadagni provenivano presumibilmente da investimenti in diversi campi, tra cui l’estrazione mineraria, la vendita di auto, la salute, l’estetica, l’immobiliare e il calcio.

La società ha anche emesso la propria criptovaluta chiamata Zoe Cash, che è stata annunciata come sostenuta dall’oro. L’organizzazione ha inoltre creato la propria chiesa, chiamata Aviva Zoe, e molte altre propaggini, compreso un franchising di fast-food chiamato Zoe Burger.

Ignacio Trimarco, uno degli avvocati che rappresenta più di 70 utenti colpiti da Zoe, ha qualificato questa situazione come “una delle più grandi truffe nella storia dell’Argentina“. Sono stati arrestati anche altri promotori dell’azienda, tra cui Maximiliano Javier Batista, il secondo in comando di Zoe, e Gabriela Alvarez, una delle promotrici dell’organizzazione.

Iscriviti alla newsletter settimanale di Matrice Digitale

* inserimento obbligatorio

DeFi

SEC accusa Beaxy di gestire un exchange, broker e agenzia di clearing non registrati

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. La piattaforma di trading di criptoasset Beaxy.com e i suoi dirigenti sono stati accusati dalla SEC di non aver rispettato i requisiti di registrazione come exchange, broker e agenzia di compensazione.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

La Securities and Exchange Commission (SEC) ha oggi accusato la piattaforma di trading di criptoasset Beaxy.com e i suoi dirigenti di aver mancato di registrarsi come exchange nazionale di titoli, broker e agenzia di compensazione. Inoltre, la SEC ha accusato il fondatore della piattaforma, Artak Hamazaspyan, e una società da lui controllata, Beaxy Digital, Ltd., di aver raccolto 8 milioni di dollari in un’offerta non registrata del token Beaxy (BXY) e di aver sottratto almeno 900.000 dollari per uso personale, incluso il gioco d’azzardo. Infine, la SEC ha accusato i market maker che operano sulla piattaforma Beaxy di essere dealer non registrati.

Le violazioni della Beaxy Platform secondo la SEC

Secondo la denuncia della SEC, dal 2019, Nicholas Murphy e Randolph Bay Abbott, attraverso la società da loro gestita, Windy Inc., hanno mantenuto e fornito la Beaxy Platform come piattaforma di trading basata sul web che facilitava l’acquisto e la vendita di criptoasset offerti e venduti come titoli. La denuncia sostiene che Windy, attraverso la Beaxy Platform, abbia violato il Securities Exchange Act del 1934 perché avrebbe dovuto registrarsi come exchange, agenzia di compensazione e broker.

Conseguenze per Beaxy e i suoi dirigenti

A seguito delle Consents presentate presso il Tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale dell’Illinois, Windy, Murphy, Abbott e Peterson hanno accettato di intraprendere alcune azioni, tra cui cessare tutte le attività come exchange, agenzia di compensazione, broker e dealer non registrati; chiudere la Beaxy Platform; fornire un rendiconto dei beni e dei fondi a beneficio dei clienti; trasferire tutti i beni e i fondi dei clienti a ciascun cliente rispettivo; e distruggere tutti i BXY in possesso di Windy.

Sanzioni civili e accordi

Senza ammettere o negare le accuse contenute nella denuncia, Windy, Murphy, Abbott, Peterson e le entità Braverock hanno accettato di sottostare a ingiunzioni permanenti che li vietano da future violazioni delle leggi sui titoli denunciate nella denuncia e di pagare sanzioni civili. In particolare, Windy, Abbott e Murphy hanno accettato di pagare un totale di 79.200 dollari in sanzioni civili; Peterson ha accettato di pagare una sanzione civile di 6.600 dollari; e le entità Braverock hanno accettato di pagare congiuntamente e solidalmente una sanzione di 80.000 dollari. Inoltre, Windy ha accettato di pagare 10.779 dollari in disgorgement più interessi maturati prima del giudizio, e le entità Braverock hanno accettato di pagare congiuntamente e solidalmente 52.000 dollari in disgorgement più interessi maturati prima del giudizio. Gli importi delle sanzioni riflettono la cooperazione ricevuta dal personale della SEC dalle parti che hanno raggiunto un accordo durante l’indagine.

Casi pendenti contro Hamazaspyan e Beaxy Digital

La SEC sta portando avanti il contenzioso relativo alle sue accuse contro Hamazaspyan per frode nei titoli e contro Hamazaspyan e Beaxy Digital per l’offerta non registrata di BXY.

L’indagine della SEC è stata condotta da Arsen Ablaev, Christine Bautista Jeon e Craig McShane e supervisionata da Amy Flaherty Hartman, Jorge G. Tenreiro e David Hirsch dell’Unità di Criptoasset e Cyber. Il contenzioso della SEC sarà guidato da Alyssa Qualls.

Prosegui la lettura

DeFi

Binance sotto accusa da parte del governo degli Stati Uniti

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. La più grande piattaforma di scambio di criptovalute al mondo si trova in difficoltà a causa di una causa legale avviata dalla CFTC statunitense.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Binance, il più grande exchange di criptovalute al mondo, sta affrontando una grande incertezza dopo essere stata colpita da una causa legale della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti. Questo è l’ultimo esempio dell’aumento del controllo federale sul settore a seguito di una serie di scandali negli ultimi anni.

La causa legale contro Binance

La causa legale, presentata lunedì, sostiene che Binance abbia intenzionalmente eluso le leggi statunitensi, tra cui la mancata registrazione nel paese e consentendo agli americani di fare trading su derivati delle criptovalute, cosa vietata per gli investitori retail. Il CEO di Binance, Changpeng Zhao, ha definito la causa “un’esposizione incompleta dei fatti”. Da allora, gli investitori che utilizzano la piattaforma hanno ritirato 1,6 miliardi di dollari, un aumento significativo dei prelievi, anche se gli esperti ritengono che le riserve di Binance possano essere abbastanza grandi da resistere a un simile colpo.

Possibili conseguenze a lungo termine per Binance

Se la causa della CFTC dovesse avere successo, potrebbe comportare multe per “centinaia di milioni” di dollari e una possibile messa al bando della capacità di Binance di registrarsi come trader di derivati negli Stati Uniti in futuro. Ciò rappresenterebbe un duro colpo per i ricavi derivati di Binance, il 16% dei quali proviene dagli Stati Uniti, secondo quanto riportato da CNN.

Cosa potrebbe significare per il settore delle criptovalute

Binance è uno dei più grandi exchange di criptovalute e ha gestito circa 23 trilioni di dollari in operazioni nel 2022. La causa legale della CFTC mette in luce come i regolatori stiano continuando a confrontarsi con le aziende del settore delle criptovalute, seguendo un’altra causa della Securities and Exchange Commission contro Ripple Labs, un’altra società di criptovalute.

L’impatto sul mercato delle criptovalute

Gli esperti ritengono che tali azioni di regolamentazione non danneggeranno il mercato delle criptovalute nel suo insieme. Ad esempio, questa settimana il prezzo del bitcoin è rimasto stabile nonostante le notizie su Binance. Gli esperti mettono in guardia anche sul fatto che gli ufficiali statunitensi devono trovare un equilibrio tra regolamentazioni troppo rigide, che potrebbero spingere le aziende al di fuori degli Stati Uniti, e offrire un quadro più chiaro per le criptovalute che protegga i clienti.

Prosegui la lettura

DeFi

Flare presenta il suo assistente basato sull’Intelligenza Artificiale per la Cybersecurity

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 1 minuto. Scopri come Flare sfrutta l’intelligenza artificiale generativa per migliorare la sicurezza informatica e contrastare le minacce online

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 1 minuto.

Il mondo dell’intelligenza artificiale generativa sta cambiando il modo in cui affrontiamo le sfide della cybersecurity. Flare ha recentemente lanciato il suo assistente basato sull’intelligenza artificiale, che permette ai team di sicurezza e intelligence di creare report informativi, sintetici e tradotti dal web chiaro e dal dark web, superando le barriere linguistiche e terminologiche.

Intelligenza artificiale generativa e cybersecurity

Le tendenze attuali nell’intelligenza artificiale generativa stanno rivoluzionando il modo in cui interagiamo gli uni con gli altri e con il nostro ambiente. La cybersecurity non fa eccezione, poiché l’IA può supportare gli strumenti esistenti, rendendoli più veloci e sofisticati. Tuttavia, queste innovazioni possono trasformarsi anche in una spada a doppio taglio: gli attori minacciosi possono sfruttarle per scopi illeciti e l’IA generativa non è immune da questi rischi.

Usi negativi dell’intelligenza artificiale generativa

Alcuni esempi di utilizzi negativi dell’IA generativa includono spear phishing su larga scala e truffe di spoofing vocale. Gli attori minacciosi possono sfruttare le tecniche di IA per produrre massicce quantità di email di phishing e per creare voci convincenti, talvolta imitando persone specifiche per ingannare le vittime e ottenere informazioni sensibili o codici di accesso.

L’IA generativa al servizio del bene

Per contrastare gli attori minacciosi che già utilizzano l’IA generativa nelle loro operazioni, è fondamentale che i team di cybersecurity si evolvano insieme alla tecnologia. L’assistente basato sull’IA di Flare rappresenta un passo avanti in questa direzione, offrendo un’arma in più nella lotta contro le minacce informatiche.

Flare e il suo assistente basato sull’IA in azione

Flare sfrutta i modelli di IA di ultima generazione nella sua piattaforma di rilevamento delle esposizioni. L’assistente può sintetizzare rapidamente le informazioni, superare le barriere linguistiche e spiegare eventi complessi in modo semplice, aiutando i team di cybersecurity a prendere decisioni più informate e a proteggere le loro organizzazioni.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie21 ore fa

Hacker ucraini abbordano presunto criminale di guerra russo e ingannano sua moglie

Tempo di lettura: 2 minuti. Un gruppo di hacktivisti ucraini sostiene di aver violato gli account di un colonnello russo,...

Notizie22 ore fa

“Redgolf è ancora molto attivo” l’allarme dagli USA sul pericolo cibernetico cinese

Tempo di lettura: 2 minuti. La società americana di cybersecurity Insikit segnala un gruppo di hacker cinesi, probabilmente sponsorizzato dallo...

Notizie1 giorno fa

Il settore governativo come bersaglio per i cyberattacchi: cause e soluzioni

Tempo di lettura: 3 minuti. La sicurezza informatica nella pubblica amministrazione

Notizie2 giorni fa

Mélofée: un nuovo malware Linux collegato ai gruppi APT cinesi

Tempo di lettura: 2 minuti. Un gruppo di hacker sponsorizzato dallo stato cinese è stato collegato a un nuovo malware...

Notizie2 giorni fa

La guerra in Ucraina e la nuova geografia della guerra cibernetica

Tempo di lettura: < 1 minuto. L'autunno 2022 ha segnato una svolta nella cyberwar legata al conflitto ucraino, estendendosi in...

DeFi1 settimana fa

Hacker travestito da Zelensky intervista Lagarde sull’euro digitale?

Tempo di lettura: < 1 minuto. Verità o deep fake? Non è dato saperlo se si riflette

Notizie1 settimana fa

Armis pubblica rapporto sulla guerra cibernetica e le difese del Regno Unito

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoIntroduzione: Armis, una delle principali aziende nel campo della visibilità e sicurezza degli...

Notizie1 settimana fa

KillNet mira alle applicazioni sanitarie ospitate su Microsoft Azure

Tempo di lettura: < 1 minuto. Condividi questo contenutoUn gruppo hacktivist affiliato alla Russia noto come KillNet è stato osservato...

Notizie2 settimane fa

Cremlino vieta iPhone a operatori coinvolti nella campagna elettorale di Putin nel 2024

Tempo di lettura: < 1 minuto. Condividi questo contenutoIl Cremlino ha imposto il divieto di utilizzo degli iPhone per i...

Notizie2 settimane fa

Gli hacker cinesi e russi usano il malware Silkloader per eludere il rilevamento

Tempo di lettura: < 1 minuto. Condividi questo contenutoLa regina canadese di QAnon, Romana Didulo, è stata etichettata come “falsa”...

Truffe recenti

Notizie1 giorno fa

Truffa “Phishing Scam 3.0” colpisce utenti PayPal: ecco come proteggere i propri conti

Tempo di lettura: < 1 minuto. Una nuova ondata di truffe online minaccia la sicurezza dei conti PayPal, mettendo a...

Truffe online3 giorni fa

Truffa “wangiri”: donna perde tutto il credito telefonico richiamando numero misterioso

Tempo di lettura: < 1 minuto. La truffa dello squillo senza risposta continua a mietere vittime tra gli ignari utenti...

Truffe online4 giorni fa

Sim swap a Napoli, condannate Intesa Sanpaolo e Telecom Italia

Tempo di lettura: < 1 minuto. Le due aziende dovranno risarcire il 50% dei 29.000 euro rubati

Notizie5 giorni fa

Esperto di tecnologia smaschera la truffa del “numero sbagliato”

Tempo di lettura: 2 minuti. Un esperto di sicurezza informatica indaga a fondo una truffa sofisticata e rivela come funziona

Truffe online2 mesi fa

Truffa Facebook Little Flowers ai danni de La Repubblica: la matrice è cinese

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenuto In questi giorni abbiamo analizzato come attraverso Google Adwords è possibile veicolare...

Truffe online2 mesi fa

Truffa da 25.000 euro su Hiobit.com : la matrice è asiatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Da Tinder ad un sito internet di trading, come un profilo asiatico è riuscito a...

Truffe online2 mesi fa

Pacco e contropaccotto: Vinted consente truffa “Morada” ai danni dei suoi venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Altro venditore di 500 euro, la società ha rimborsato il criminale a migliaia di km...

Truffe online2 mesi fa

Malware trasmesso da Google Ads prosciuga l’intero portafoglio di criptovalute di un influencer NFT

Tempo di lettura: 2 minuti. Un link pubblicitario sponsorizzato su Google ha nascosto un malware che ha travasato migliaia di...

Notizie3 mesi fa

“Entra nell’Interpol” la nuova truffa sui social media che spopola in Sud Africa

Tempo di lettura: 2 minuti. L'Organizzazione internazionale di polizia criminale (Interpol) ha lanciato un allarme su una truffa online che...

DeFi4 mesi fa

Scandalo FTX, i genitori di Sam Bankman Fried sono indagati: confermata l’inchiesta di Matrice Digitale

Tempo di lettura: 2 minuti. Avrebbero speso i fondi societari per acquisti personali e sono il collante con le "coperture"...

Tendenza