Connect with us

Economia

Huawei CEO Ren Zhengfei è un ammiratore di Apple

Tempo di lettura: 2 minuti. La sorprendente ammirazione di Ren Zhengfei per Apple ha acceso un dibattito all’interno dell’industria tecnologica e oltre.

Pubblicato

il

Apple Huawei
Tempo di lettura: 2 minuti.

In un panorama tecnologico altamente competitivo, Ren Zhengfei, il fondatore e CEO di Huawei, ha recentemente espresso la sua profonda ammirazione per Apple, il rivale per eccellenza. Questa dichiarazione sorprendente è emersa durante una discussione sull’International Collegiate Programming Contest, un evento sponsorizzato con orgoglio da Huawei.

L’inaspettata ammirazione di Ren Zhengfei per Apple

Durante l’evento, Zhengfei ha manifestato il suo sincero rispetto per l’eccellenza dei prodotti Apple. Ha dichiarato: “Ci troviamo spesso a riflettere sul segreto dietro l’incomparabile qualità dei prodotti Apple. La differenza tra ciò che offriamo e ciò che offre Apple è evidente. Sono sinceramente felice di avere Apple come mentore, dandoci l’opportunità inestimabile di imparare e confrontarci.”

Il contesto della dichiarazione

La dichiarazione di Zhengfei arriva in un momento di intensa competizione nel mercato degli smartphone. Huawei, con i suoi nuovi modelli 5G, è ora in diretta competizione con la potente lineup di Apple. Tuttavia, è essenziale ricordare gli eventi del 2019, quando Huawei ha subito un grave colpo a causa del divieto statunitense. Questo ha avuto gravi ripercussioni, privando Huawei dell’accesso a componenti essenziali e ai servizi e applicazioni di Google. Nonostante ciò, Huawei ha saputo risorgere, lanciando il tanto atteso Mate 60, uno smartphone di fascia alta con il potente processore HiSilicon Brin 9000S, progettato interamente da Huawei.

L’importanza dell’apprendimento da un rivale

Al centro dell’ammirazione di Ren Zhengfei per Apple c’è l’impegno a imparare dai migliori, anche se sono percepiti come rivali. Questo atteggiamento ricorda l’antico adagio secondo cui “il ferro affila il ferro”. L’ammissione di Apple come “insegnante” da parte di Zhengfei è molto significativa riguardo alla sua filosofia di miglioramento continuo.

Una lezione di resilienza

La rivelazione di Ren Zhengfei arriva in un momento in cui Huawei sta attraversando un periodo difficile. Il divieto del governo statunitense nel 2019 ha avuto un impatto enorme sul mondo tecnologico. Tuttavia, la capacità di Huawei di risollevarsi, dimostrata dal lancio del Mate 60, evidenzia l’importanza della resilienza nell’industria tecnologica.

Un ecosistema tecnologico globalizzato

Le parole di Ren Zhengfei sottolineano anche l’interconnessione dell’industria tecnologica globale. In un’epoca in cui le catene di approvvigionamento si estendono attraverso i continenti e l’innovazione non conosce confini, è sempre più evidente che i giganti della tecnologia devono navigare in una complessa rete di relazioni internazionali.

Economia

Bending Spoons licenzia il team di Filmic Pro

Pubblicato

il

Bending Spoons
Tempo di lettura: 2 minuti.

Bending Spoons ha presumibilmente licenziato tutto il personale dietro l’app popolare di produzione cinematografica mobile per iOS e Android, Filmic Pro. Secondo quanto riportato da PetaPixel, Filmic non ha più dipendenti dedicati e i licenziamenti hanno incluso il fondatore e CEO dell’azienda, Neill Barham.

Licenziamenti di Alto Livello e popolarità di Filmic Pro

Alcuni ex dipendenti di alto livello hanno pubblicato sui social media riguardo alla loro partenza. Christopher Cohen, ex direttore tecnico di Filmic, ha annunciato il 3 novembre di non essere più con l’azienda. Kevin Buonagurio, ex direttore operativo dell’azienda, ha risposto a un utente di LinkedIn che aveva condiviso la storia di PetaPixel, affermando che “spingere i confini” della produzione cinematografica mobile era parte di “ciò che ha reso il viaggio di Filmic così appagante per noi.”

Filmic Pro ha goduto di molta popolarità tra i cineasti mobili nel corso degli anni, essendo stata utilizzata per girare film e video musicali. Apple ha persino messo in primo piano l’app Filmic DoubleTake per la registrazione con doppia fotocamera quando ha rinnovato il suo approccio alla fotocamera per gli iPhone 11 Pro. Filmic aveva anche annunciato che FilmicFest 2023, il suo festival annuale competitivo di produzione cinematografica mobile, sarebbe tornato quest’anno con un premio in denaro di $25.000, ma ciò è presumibilmente cancellato poiché la pagina di iscrizione all’evento non esiste più.

Cambiamenti dopo l’acquisizione da Bending Spoons

Poco dopo l’acquisto di Filmic da parte di Bending Spoons a settembre dello scorso anno, l’azienda ha debuttato con un piano di abbonamento: ora costerebbe $2,99 a settimana o $50 all’anno per utilizzare le sue funzionalità. Questo prezzo è conveniente per un’app professionale, ma il suo precedente sistema di pagamento una tantum la rendeva molto più accessibile per i cineasti indipendenti. Bending Spoons ha apportato cambiamenti simili anche per Evernote, un’altra azienda acquistata l’anno scorso prima di licenziare la maggior parte del suo personale originale durante l’estate.

Futuro di Filmic Pro

Senza il suo staff, Filmic Pro probabilmente passerà in-house a Bending Spoons, che è già coinvolta nel video mobile con la sua app di editing video Splice, acquisita da GoPro nel 2018. Forse l’azienda manterrà anche l’app Filmic Pro, ma probabilmente non sarà la stessa app che l’ha resa così ben considerata inizialmente.

Prosegui la lettura

Economia

Huawei, supporto Statale Cinese per la sovranità dei Chip

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti.

Huawei sta sviluppando una rete autonoma di chip con l’aiuto attivo dello stato cinese, secondo quanto riportato da Bloomberg News. Un fondo di investimento del governo della città di Shenzhen è stato fondato con l’obiettivo specifico di posizionare Huawei al centro di una vasta rete che include specialisti ottici, sviluppatori di attrezzature per chip e produttori di prodotti chimici.

Huawei al Centro della Rivoluzione dei Chip

La decisione di rendere Huawei la forza trainante è arrivata con un ordine diretto dalla cima del governo, hanno affermato due fonti. Lo stato ha persino chiesto al produttore di lanciare il Mate 60 prima del previsto come risposta alla visita del Segretario al Commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo in Cina. Gli smartphone Huawei Mate 60 presentano un chipset cinese a 7nm Kirin 9000S. Nonostante le numerose richieste di informazioni a Huawei, l’azienda ha declinato ogni commento.

Tecnologia dei Chip e la concorrenza con gli Stati Uniti

Si ritiene che il chipset a 7nm, costruito da SMIC, mostri che la Cina sia indietro di circa cinque anni rispetto alla tecnologia più avanzata attuale. I controlli all’esportazione degli Stati Uniti mirano a mantenere la Cina indietro di almeno otto anni. La principale ragione per cui Huawei e l’intero settore dei chip in Cina sono nel mirino degli Stati Uniti è la preoccupazione che la tecnologia statunitense acquisita dai produttori cinesi possa essere applicata in chip come il 9000S per alimentare droni controllati dall’IA, supercomputer per la decodifica di codici e sorveglianza.

Investimenti e collaborazioni per l’Innovazione

Il Gruppo di Investimento Industriale Maggiore di Shenzhen, creato nel 2019 con finanziamenti statali, ha ricevuto ordini diretti per sostenere gli sforzi cinesi nel campo dei chip. Ha investito in circa una dozzina di aziende nella catena di fornitura. Tra queste, SiCarrier, che ha formato una “relazione simbiotica stretta” con Huawei, scambiando talenti e tecnologie.

Obiettivi a lungo termine della Cina nel settore dei Chip

Gli analisti hanno rivelato che la Cina non sta solo istituendo fondi e costruendo impianti di fabbricazione di chip da 30 miliardi di dollari, ma aiuta anche con terreni, esenzioni fiscali e costruzione di edifici residenziali per i campus dei dipendenti. Il paese non mira a stabilire una completa autosufficienza, ma lavora solo alla creazione di alternative domestiche in settori in cui gli Stati Uniti e gli alleati possono interrompere le forniture, come la litografia, la produzione di wafer e le informazioni di progettazione elettronica.

Prosegui la lettura

Economia

NVIDIA CEO: indipendenza USA nei Chip fra 10-20 anni. Huawei intanto sbaraglia

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 3 minuti.

Jensen Huang, CEO di NVIDIA, ha recentemente dichiarato che gli Stati Uniti potrebbero impiegare da 10 a 20 anni per raggiungere l’indipendenza nella fornitura di chip. Questa affermazione evidenzia la complessità della catena di approvvigionamento globale dei chip e le sfide che gli USA devono affrontare per ridurre la dipendenza dalla produzione estera di semiconduttori.

Complessità della catena di approvvigionamento globale

La catena di approvvigionamento globale dei chip è estremamente complessa, con diversi componenti prodotti in vari paesi. Taiwan gioca un ruolo chiave nella produzione di chip, in particolare per la tecnologia avanzata dei semiconduttori. Questa complessità significa che nessun marchio possiede tutti gli elementi necessari, portando i marchi statunitensi a dipendere da diversi paesi per vari aspetti del processo di produzione dei chip.

Sforzi degli USA per ridurre la dipendenza

Gli Stati Uniti stanno lavorando per ridurre la loro dipendenza dalla produzione estera di chip, soprattutto alla luce delle tensioni geopolitiche e delle preoccupazioni per la sicurezza nazionale. L’amministrazione Biden ha sottolineato la necessità di rafforzare la catena di approvvigionamento dei chip del paese per garantirne la resilienza e la sicurezza. Raggiungere l’indipendenza dei chip è cruciale per gli USA, poiché ridurrebbe il rischio di interruzioni della catena di approvvigionamento e potenziali minacce alla sicurezza nazionale, oltre a rafforzare la leadership tecnologica e la competitività del paese nel mercato globale.

Proiezioni del CEO di NVIDIA

Jensen Huang ha fornito una valutazione realistica della tempistica per l’indipendenza dei chip negli USA. Sottolinea la complessità della catena di approvvigionamento e le sfide coinvolte nel rimodellarla. Per lavorare verso l’indipendenza dei chip, gli USA dovranno investire nella produzione nazionale di semiconduttori e dedicare molti fondi alla ricerca e allo sviluppo. La collaborazione tra governo, industria e mondo accademico sarà fondamentale per guidare l’innovazione e costruire una catena di approvvigionamento di chip robusta e sicura.

Il CEO di Nvidia ai neolaureati: correte verso l'IA, ma preparatevi a inciampare

Il percorso verso l’indipendenza dei chip è un’impresa complessa e a lungo termine che richiede pianificazione strategica, investimenti e collaborazione. Sebbene gli USA affrontino sfide significative nel rimodellare la loro catena di approvvigionamento di chip, i potenziali benefici del raggiungimento dell’indipendenza sono sostanziali, sia in termini di sicurezza nazionale che di leadership tecnologica.

Huawei supera le sanzioni USA con il chip Kirin 9000S

Huawei, una delle principali aziende tecnologiche cinesi, ha recentemente sorpreso gli Stati Uniti e il mondo con il lancio del suo nuovo chip Kirin 9000S, nonostante le sanzioni imposte dall’amministrazione Trump. Questo sviluppo rappresenta un importante passo avanti per la Cina nel campo della produzione di semiconduttori e solleva interrogativi sulla capacità del paese di competere a livello globale nonostante le restrizioni.

Sfide e soluzioni di Huawei alle sanzioni USA

Dopo essere stata colpita da sanzioni che la tagliavano fuori dalle catene di approvvigionamento globali dei semiconduttori, Huawei ha stretto un accordo con la Semiconductor Manufacturing International Corporation (SMIC), una fonderia cinese sostenuta dallo stato. SMIC ha proposto un metodo per produrre chip avanzati utilizzando attrezzature datate, sebbene con costi più elevati e tempi di produzione più lunghi rispetto al fornitore precedente di Huawei, Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC).

Kirin 9000S

Nonostante le sfide, Huawei ha lanciato il Mate 60 series, alimentato dal chip Kirin 9000S (precedentemente noto come Charlotte). Il Kirin 9000S ha offerto prestazioni paragonabili a chip di 1 o 2 anni fa di Qualcomm, secondo vari team di test. Il Mate 60 ha riscosso un grande successo in Cina, segnando il ritorno dei chip Huawei dopo anni di sanzioni.

Reazioni e implicazioni

Negli Stati Uniti, c’è stata confusione su come Huawei sia riuscita a superare le sanzioni per produrre il Kirin 9000S. Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha dichiarato che l’America ha bisogno di “ottenere più informazioni” sul chip. Gregory Allen, direttore del Wadhwani Center for AI and Advanced Technologies, ha osservato che molti leader del governo statunitense sembravano sorpresi dal successo di Huawei.

Supporto dello stato Cinese e risorse impiegate

Huawei e SMIC hanno investito ingenti risorse nel progetto, con il sostegno dello stato cinese, per mantenere la quota di mercato e ora hanno aperto la strada a progressi nella produzione di chip AI all’avanguardia. Se riusciranno a mantenere questo slancio, determinerà se la Cina può sostenere la sua industria dei semiconduttori e raggiungere la supremazia tecnologica globale nonostante le sfide geopolitiche.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERSECURITY

Notizie8 ore fa

Gcore neutralizza potenti attacchi DDoS

Tempo di lettura: 2 minuti. L’ultimo rapporto Gcore Radar e i suoi sviluppi hanno evidenziato un drammatico aumento degli attacchi...

Notizie8 ore fa

Oltre 20.000 server Microsoft Exchange vulnerabili

Tempo di lettura: 2 minuti. Decine di migliaia di server email Microsoft Exchange in Europa, Stati Uniti e Asia, esposti...

Notizie8 ore fa

FjordPhantom: malware Android che svuota i conti correnti

Tempo di lettura: 2 minuti. Un nuovo malware Android chiamato FjordPhantom è stato scoperto mentre utilizza la virtualizzazione per eseguire...

Notizie2 giorni fa

Qakbot: strategie di Mitigazione e Prevenzione

Tempo di lettura: 2 minuti. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) e l’FBI hanno recentemente collaborato in un’operazione...

Notizie2 giorni fa

SugarGh0st RAT: nuova minaccia cibernetica dalla Cina

Tempo di lettura: 2 minuti. Introduzione: Un gruppo di hacker di lingua cinese è stato collegato a una campagna malevola...

Notizie2 giorni fa

Agent Raccoon: nuovo Malware utilizzato per attacchi backdoor

Tempo di lettura: 2 minuti. Un nuovo malware chiamato ‘Agent Raccoon’ (o Agent Racoon) è stato identificato come strumento utilizzato...

Bluetooth Bluetooth
Notizie2 giorni fa

Bluetooth: scoperta una grave vulnerabilità di sicurezza

Tempo di lettura: 2 minuti. Un team di ricerca francese di EURECOM ha scoperto una preoccupante vulnerabilità di sicurezza nel...

Notizie2 giorni fa

Avviso di Sicurezza CISA: IRGC mira ai PLC in diversi settori

Tempo di lettura: 2 minuti. La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA), insieme a FBI, NSA, EPA e Israel National...

Notizie2 giorni fa

Apple risolti due Zero-Day. Fate l’aggiornamento d’emergenza

Tempo di lettura: 2 minuti. Apple ha rilasciato l’aggiornamento di sicurezza d’emergenza per risolvere due vulnerabilità zero-day che sono state...

CISA CISA
Tech3 giorni fa

CISA avvisa vulnerabilità, ICS e Gestione Documentale Giudiziaria

Tempo di lettura: 2 minuti. La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) degli Stati Uniti ha emesso avvisi critici riguardanti...

Truffe recenti

Notizie2 settimane fa

Polizia Postale: attenzione alla truffa dei biglietti ferroviari falsi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli investigatori della Polizia Postale hanno recentemente individuato una nuova truffa online che prende...

app ledger falsa app ledger falsa
Notizie4 settimane fa

App Falsa di Ledger Ruba Criptovalute

Tempo di lettura: 2 minuti. Un'app Ledger Live falsa nel Microsoft Store ha rubato 768.000 dollari in criptovalute, sollevando dubbi...

keepass pubblicità malevola keepass pubblicità malevola
Notizie2 mesi fa

Google: pubblicità malevole che indirizzano a falso sito di Keepass

Tempo di lettura: 2 minuti. Google ospita una pubblicità malevola che indirizza gli utenti a un falso sito di Keepass,...

Notizie2 mesi fa

Nuova tattica per la truffa dell’aggiornamento del browser

Tempo di lettura: 2 minuti. La truffa dell'aggiornamento del browser si rinnova, con i criminali che ora ospitano file dannosi...

Notizie2 mesi fa

Oltre 17.000 siti WordPress compromessi negli attacchi di Balada Injector

Tempo di lettura: 2 minuti. La campagna di hacking Balada Injector ha compromesso oltre 17.000 siti WordPress sfruttando vulnerabilità nei...

Truffe online2 mesi fa

ChatGPT cerca di ingannare cuori solitari appassionati di AI

Tempo di lettura: < 1 minuto. La truffa LoveGPT rappresenta una nuova minaccia nel mondo degli appuntamenti online, sfruttando l'AI...

Notizie2 mesi fa

Nuovo avviso della Polizia Postale: attenzione allo “Spoofing telefonico”

Tempo di lettura: 2 minuti. Attenzione ai tentativi di truffa tramite "Spoofing telefonico": la Polizia Postale avvisa e fornisce consigli...

Truffe online3 mesi fa

No, la vostra pagina Facebook non sta per scadere e non è disabilitata

Tempo di lettura: < 1 minuto. La nuova vecchia truffa è indirizzata ai proprietari delle pagine a cui si vuole...

Economia3 mesi fa

MetaMask ecco la funzione di scambio ETH in valuta fiat

Tempo di lettura: < 1 minuto. MetaMask lancia una nuova funzione che permette agli utenti di vendere Ether per valuta...

truffa PWCNU truffa PWCNU
Truffe online3 mesi fa

Allerta Truffa: segnalazione di frode online su PWCNU.com

Tempo di lettura: 2 minuti. Allerta truffa: lettore segnala frode su PWCNU.com, perdendo 800€ in schema Ponzi che utilizza numeri...

Tendenza