Connect with us

DeFi

La finanza decentralizzata deve affrontare molteplici barriere per l’adozione mainstream

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 5 minuti. Pur essendo uno dei settori più popolari del mercato delle criptovalute, la finanza decentralizzata ha ancora delle barriere da superare prima di raggiungere un’adozione di massa.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

La finanza decentralizzata (DeFi) è un mercato in crescita, popolare tra gli utenti esperti di criptovalute. Tuttavia, ci sono alcuni ostacoli all’adozione di massa quando si tratta di un investitore medio non tecnico.

La DeFi è un approccio alla fornitura di servizi finanziari basato sulla blockchain che non si affida a intermediari centralizzati ma utilizza programmi automatizzati. Questi programmi automatizzati sono noti come contratti intelligenti e consentono agli utenti di negoziare e spostare automaticamente le attività sulla blockchain.

I protocolli nello spazio DeFi includono scambi decentralizzati (DEX), piattaforme di prestito e di valorizzazione e fattorie di rendimento. Poiché non ci sono intermediari centralizzati, è più facile per gli utenti essere coinvolti nell’ecosistema DeFi, ma ci sono anche maggiori rischi. Questi rischi includono vulnerabilità nella base di codice di un protocollo, tentativi di hacking e protocolli dannosi. Insieme all’alta volatilità del mercato delle criptovalute in generale, questi rischi possono rendere più difficile per la DeFi raggiungere un’ampia adozione da parte degli utenti medi.

Tuttavia, le soluzioni e i progressi nel settore della blockchain possono risolvere questi problemi.

Problemi normativi con la DeFi

La regolamentazione può giovare allo spazio DeFi, ma è anche in conflitto con i principi fondamentali della decentralizzazione. La decentralizzazione significa che un protocollo, un’organizzazione o un’applicazione non ha un’autorità centrale o un proprietario. Al contrario, un protocollo è costruito con contratti intelligenti che eseguono le sue funzioni principali mentre più utenti interagiscono con il protocollo.

Ad esempio, i contratti intelligenti si occupano delle operazioni di staking e swap con un DEX, mentre gli utenti forniscono liquidità per le coppie di trading. Cosa possono fare le autorità di regolamentazione per evitare che un team anonimo aumenti il valore di un token prima di ritirare la liquidità dai DEX, altrimenti noto come “rug pulling”? A causa della natura decentralizzata dell’ecosistema della DeFi, le autorità di regolamentazione dovranno affrontare delle sfide nel tentativo di mantenere un certo livello di controllo all’interno dello spazio.

Nonostante le sfide, la regolamentazione non è completamente fuori dal quadro della finanza decentralizzata. Nel quarto trimestre del 2021, la Financial Action Task Force ha pubblicato una versione aggiornata del suo documento di orientamento sugli asset virtuali. L’aggiornamento ha delineato le modalità con cui gli sviluppatori dei protocolli DeFi potrebbero essere ritenuti responsabili in caso di crisi. Sebbene il protocollo possa essere automatizzato e decentralizzato, i fondatori e gli sviluppatori potrebbero essere chiamati fornitori di servizi di asset virtuali (VASP). A seconda dello Stato in cui hanno sede, potrebbero avere bisogno di essere regolamentati.

Per quanto riguarda la regolamentazione all’interno della DeFi, le piattaforme possono anche costruire protocolli conformi ai requisiti normativi. Ad esempio, Phree è una piattaforma che costruisce protocolli decentralizzati tenendo conto, ove possibile, dei requisiti normativi. Uno dei modi per farlo è collaborare con gli enti finanziari tradizionali per costruire protocolli DeFi che soddisfino i requisiti normativi standard. Ciò comporterebbe l’aggiunta di processi come i controlli Know Your Customer e Antiriciclaggio alle piattaforme DeFi, come i DEX e le piattaforme di prestito o di indebitamento. Inoltre, rendere la finanza tradizionale (TradFi) compatibile con l’ecosistema DeFi contribuirebbe a diffonderne l’adozione a causa del dominio delle organizzazioni nello spazio TradFi.

Ajay Dhingra, responsabile della ricerca presso lo smart exchange Unizen, ha dichiarato a Cointelegraph: “L’incompatibilità con l’ecosistema della finanza tradizionale è una delle sfide principali. È necessario collegare il quadro normativo del CeFi con le identità on-chain e il reporting normativo in tempo reale, in modo che il Defi diventi accessibile alle istituzioni finanziarie che trattano trilioni”.

Le valute digitali delle banche centrali (CBDC) sono state proposte come risposta alle stablecoin dopo il crollo dell’algoritmo Terra all’inizio dell’anno. Thomas Moser, dirigente della Banca Nazionale Svizzera, ha dichiarato in precedenza a Cointelegraph che i regolatori potrebbero favorire le stablecoin centralizzate rispetto a quelle decentralizzate. Tuttavia, ha anche detto che probabilmente ci vorrà del tempo e che le attuali normative finanziarie potrebbero rendere obsoleto l’ecosistema DeFi a causa di principi contrastanti.

Problemi di sicurezza nell’ecosistema DeFi
I problemi di sicurezza sono una delle principali preoccupazioni del settore della DeFi, con attori malintenzionati che sfruttano le vulnerabilità dei protocolli di collegamento e delle applicazioni decentralizzate (DApp).

Adam Simmons, chief strategy officer di RDX Works – creatori del protocollo Radix – ha dichiarato a Cointelegraph: “Lo sporco segreto della DeFi in questo momento è che l’intero stack tecnologico del public ledger ha un numero enorme di problemi di sicurezza noti, come dimostrano i miliardi di dollari persi in hacking ed exploit negli ultimi anni”.

Nello spazio DeFi continuano a verificarsi exploit di vulnerabilità. Recentemente il ponte di token Nomad è stato svuotato di fondi per 160 milioni di dollari. Si stima inoltre che solo quest’anno siano stati rubati fondi per 1,6 miliardi di dollari dai protocolli DeFi. La mancanza di sicurezza all’interno dello spazio DeFi rende meno probabile il coinvolgimento di nuovi utenti e scoraggia le persone che sono state vittime di exploit del protocollo.

Per combattere questo problema, è necessario porre maggiore enfasi sul controllo dei protocolli all’interno dello spazio per scoprire le vulnerabilità prima che gli hacker possano approfittarne. Esistono già piattaforme come CertiK che effettuano verifiche sui protocolli basati su blockchain controllando il codice degli smart contract, quindi è un buon inizio. Tuttavia, per proteggere gli utenti dello spazio crittografico, il settore ha bisogno di una maggiore verifica delle DApp prima della loro messa in funzione.

Problemi di esperienza utente

L’esperienza utente (UX) è un altro potenziale ostacolo per gli utenti che vogliono partecipare all’ecosistema della DeFi. Il modo in cui gli investitori interagiscono con i portafogli, gli scambi e i protocolli non è un processo semplice e intuitivo, che porta alcuni utenti a perdere i propri fondi a causa di un errore umano. Ad esempio, nel novembre 2020, un trader ha speso 9.500 dollari in commissioni per eseguire un’operazione da 120 dollari su Uniswap dopo aver confuso le caselle di immissione “limite del gas” e “prezzo del gas”.

In un altro esempio, un token rock non fungibile (NFT) del valore di 1,2 milioni di dollari è stato venduto per meno di un centesimo quando un utente lo ha messo in vendita a 444 WEI invece che a 444 Ether (ETH). Questi esempi sono noti come errori del dito grasso, in cui gli utenti perdono denaro a causa di errori nell’inserimento dei valori dei prezzi o delle commissioni di transazione. Affinché la DeFi venga adottata dalle masse, il processo deve essere semplice per le persone comuni.

Al momento, però, non è così. Per utilizzare un’applicazione DeFi, gli utenti devono possedere un portafoglio non custodiale, ovvero un portafoglio di cui controllano le chiavi private. Devono inoltre eseguire il backup della frase di recupero e conservarla in un luogo sicuro. Quando interagiscono con una DApp, gli utenti devono collegare il proprio portafoglio, cosa che a volte può essere complicata, soprattutto se si utilizza un portafoglio mobile.

Inoltre, quando si inviano o ricevono pagamenti, gli utenti devono copiare gli indirizzi coinvolti nelle transazioni e, in alcuni casi, devono inserire l’importo del gas che vogliono spendere per una transazione. Se un utente non comprende questo processo, potrebbe utilizzare un’impostazione di gas bassa e finire per aspettare ore per l’invio della transazione, dato che la tariffa del gas è così bassa.

Il processo diventa ancora più complesso quando si ha a che fare con i token costruiti su reti come gli standard ERC-20 e BEP-20. Quando si trasferiscono questi token, è necessario pagare la transazione con la criptovaluta della rete a cui appartengono. Ad esempio, se si vuole inviare un token ER-20, ad esempio USD Coin (USDC), è necessario avere ETH nel proprio portafoglio per pagare il gas, il che aggiunge ulteriore complessità alla transazione.

Gli sviluppatori dello spazio DeFi devono rendere l’ecosistema più facile da usare per i principianti e per i normali utenti non tecnici dello spazio. Costruire portafogli e DApp che impediscano gli errori delle dita grasse (inserendo automaticamente i valori, ad esempio) è un buon inizio. Questo è già il caso delle borse centralizzate, ma deve essere introdotto nelle piattaforme decentralizzate e nei portafogli non custoditi per far crescere il settore della DeFi.

Commenti da Facebook

DeFi

L’UE vuole vietare i pagamenti russi in criptovalute dopo referendum “fasullo”

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: < 1 minuto. Ai russi potrebbe essere impedito di effettuare pagamenti verso i portafogli di criptovalute dell’UE dopo l’imposizione di limiti in aprile.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

L’Unione Europea inasprirà le restrizioni sugli investimenti in criptovalute dei russi all’interno del blocco per rispondere alle “finte” votazioni per l’indipendenza che si tengono nelle regioni dell’Ucraina occupate dai russi, secondo quanto riportato da CoinDesk. Una persona informata sul pacchetto di sanzioni ha riferito a CoinDesk che un precedente tetto massimo di 10.000 euro (9.600 dollari) per le criptovalute sarà eliminato, il che significa che i russi non potranno detenere alcun bene nei portafogli di criptovalute dell’UE. Ad aprile, l’UE aveva annunciato che avrebbe limitato i pagamenti russi ai portafogli di criptovalute europei a 10.000 euro, nel tentativo di impedire che gli asset digitali venissero utilizzati per aggirare le restrizioni sui trasferimenti bancari di grandi dimensioni. Con le nuove misure, questa cifra potrebbe ora essere ridotta a zero.

“I referendum fasulli organizzati nei territori occupati dalla Russia sono un tentativo illegale di accaparrarsi la terra e di cambiare i confini internazionali con la forza”, ha dichiarato mercoledì la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, a seguito delle votazioni tenutesi negli ultimi cinque giorni a Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia. Von der Leyen ha annunciato un tetto al prezzo del petrolio russo, il divieto di esportare articoli per l’aviazione e componenti elettronici e restrizioni all’importazione di beni russi che, a suo dire, priverebbero il Paese di sette miliardi di euro. I dettagli completi del pacchetto non sono ancora stati pubblicati, poiché sono ancora soggetti all’accordo degli Stati membri dell’UE.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

DeFi

Il co-fondatore della fallita QuadrigaCX lancia il protocollo DeFi UwU Lend

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: < 1 minuto. La nuova piattaforma avviata da Michael Patryn ha già assicurato 57,5 milioni di dollari di valore totale bloccato.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Michael Patryn, cofondatore della fallita borsa di criptovalute canadese QuadrigaCX e soprannominato “Sifu”, ha avviato UwU Lend, una piattaforma di finanza decentralizzata (DeFi) che è un fork della blockchain Aave. Il progetto è entrato in funzione il 21 settembre e ha già ottenuto 57,5 milioni di dollari di valore totale bloccato, secondo DefiLlama.
Gli utenti possono contrarre prestiti con una stablecoin algoritmica denominata magic internet money (MIM). La finanza decentralizzata si riferisce alla pratica di utilizzare programmi informatici chiamati “contratti intelligenti” per svolgere varie attività finanziarie come prestiti e mutui al posto di un intermediario come una banca.

La ricomparsa di Sifu arriva dopo alcuni anni turbolenti in seguito al fallimento di QuadrigaCX. Sifu ha trasferito milioni di dollari di ether (ETH) al sito di miscelazione di monete Tornado Cash, ora autorizzato, dopo il suo periodo come tesoriere del Wonderland DAO, un progetto di criptovalute che una volta aveva oltre 1 miliardo di dollari nel suo tesoro.
Dopo la rivelazione della sua identità, Patryn ha ricevuto una valanga di critiche da parte dei membri della comunità di Wonderland e una votazione pubblica per estrometterlo dal suo ruolo di tesoriere ha ottenuto l’87,56% dei voti.
Il gettone TIME di Wonderland è stato recentemente scambiato a 11,29 dollari, molto lontano da quello dello scorso novembre, quando era salito a 9.700 dollari prima che venisse rivelato il coinvolgimento di Patryn.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

DeFi

Previsioni sulle tendenze del settore delle criptovalute per il 2020-2023

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 6 minuti. Abbiamo identificato alcune delle principali tendenze del settore delle criptovalute

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 6 minuti.

Quando si parla di mercato delle criptovalute, sembra che non esistano previsioni accurate. Sappiamo molto poco di un nuovo tipo di denaro. Il Bitcoin, la prima criptovaluta, è stato lanciato nel 2009, solo 11 anni fa, e ora abbiamo un mercato delle criptovalute del valore di miliardi di dollari che è apparso quasi dal nulla. Gli esperti possono prevedere il prezzo del Bitcoin nel 2025, da 1.000.000 di dollari a 0,0000001, e ogni previsione ha una possibilità di avverarsi.

Naturalmente, il trading di criptovalute non si limita al Bitcoin: Ethereum, Monero, Litecoin e altre valute rappresentano circa la metà del mercato. Tuttavia, il Bitcoin regna sovrano nel mondo delle criptovalute. Il Bitcoin sta facendo tendenza grazie al rischio zero di inflazione e il suo CAGR (tasso di crescita annuale composto) è previsto al 3% tra il 2019 e il 2024. Di conseguenza, qualsiasi analisi e previsione dovrebbe considerare la prospettiva del Bitcoin.
Il mercato delle criptovalute funziona secondo gli stessi principi degli altri mercati finanziari. Le candele giapponesi e altri indicatori, secondo gli analisti tecnici, possono essere visti sui grafici. In poche parole, molti indicatori di mercato riflettono il comportamento umano piuttosto che il vero costo del titolo. Un analista esperto può tracciare e identificare gli stessi modelli di movimento, oltre a creare grafici per i cambiamenti futuri.

Fattori influenti nel settore delle criptovalute

Indipendentemente dalla loro importanza relativa, ognuno di essi è significativo. Inoltre, ognuno di questi fattori ha il potenziale per far deragliare le previsioni future. Di conseguenza, è necessario seguirli per comprendere meglio il mercato.

Informazioni sul mercato

Il mercato delle criptovalute non è influenzato dalle principali notizie economiche e politiche che riguardano i mercati forex e azionari. Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti, la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e il nuovo tasso di interesse della BCE possono creare scompiglio nelle valute e nei titoli. Il pool di notizie specifiche legate alle criptovalute, invece, è il principale fattore di influenza e la forza motrice della volatilità del mercato.

Il mercato delle criptovalute si concentra sulle nuove normative governative e su altri movimenti governativi. Inoltre, questo mercato è sensibile agli aggiornamenti – il successo del lancio di nuove piattaforme, gli aggiornamenti dei prezzi, le mosse dei principali operatori e così via.

Opinioni degli esperti

Il pool di esperti di criptovalute è eterogeneo. Da un lato, il mercato delle criptovalute apprezza gli esperti tecnici, i proprietari di grandi startup di criptovalute, i principali investitori del mercato e altri. D’altro canto, il mercato delle criptovalute è pieno di arrampicatori sociali – blogger di YouTube, scrittori di notizie, trader autopromossi e altri chiacchieroni.

Di conseguenza, distinguere tra un’opinione di un esperto autentica e un falso è un compito difficile. Di conseguenza, le opinioni degli esperti hanno un impatto sul mercato, ma la reazione è anche a breve termine. Quando i partecipanti al mercato si rendono conto di avere a che fare con un falso, interrompono la transazione e iniziano ad aspettare notizie autentiche.

Rumors sulle criptovalute

La principale distinzione tra notizie e voci è la capacità di verificare le informazioni. Per generare le notizie di mercato si utilizzano eventi del mondo reale, tendenze e indici economici e altri dati ricercabili. Allo stesso tempo, le voci si basano su opinioni e citazioni. Migliaia di investitori, tuttavia, acquistano e vendono criptovalute sulla base di voci. Queste transazioni causano variazioni di prezzo. Quando il mercato delle criptovalute era al suo picco nel 2017, anche le notizie minori potevano far fluttuare i prezzi. Tuttavia, nel 2020 il mercato delle criptovalute sarà più tranquillo. Ad esempio, la “breaking news” secondo cui Elon Musk intende investire milioni di dollari in Bitcoin difficilmente impressionerà gli investitori. Tuttavia, le voci sono un metodo per manipolare il mercato, quindi il mercato delle criptovalute non ne è immune.

Aggiornamenti sulla tecnologia

Le criptovalute si basano su sistemi blockchain e sono state probabilmente il primo metodo di pagamento ad alta tecnologia. Tuttavia, le tecnologie non esistono nel vuoto: si evolvono e cambiano continuamente. Cambiamenti tecnologici significativi possono essere dannosi per il mercato delle criptovalute, ma di solito non avvengono all’improvviso, dando al mercato il tempo necessario per adattarsi.

Ad esempio, il mondo delle criptovalute sta aspettando che il nuovo Bitcoin si dimezzi nel 2020. Il dimezzamento del Bitcoin è il processo di divisione del numero di ricompense generate per blocco al fine di mantenere l’offerta totale di Bitcoin sotto i 21 milioni. Il precedente dimezzamento ha attirato l’attenzione sul Bitcoin e ne ha fatto salire il prezzo. Non c’è motivo di aspettare il prossimo anno per un altro scenario.

Costo dell’oro

L’oro è ampiamente considerato come una delle principali riserve attive nei mercati finanziari. Quando il valore delle valute fiat scende, gli investitori finanziari si rivolgono a riserve come oro, argento e materie prime. Anche le criptovalute rappresentano un’opzione di investimento alternativa in tempi di turbolenza economica. L’aumento della domanda di metalli fa salire il prezzo dell’oro e gli investitori iniziano ad acquistare Bitcoin.

A causa della pandemia di coronavirus, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi nel 2020. La Cina è il più grande esportatore di oro al mondo e la sua produzione è cessata dopo diverse settimane di quarantena. A causa della produzione limitata di metallo, i prezzi dell’oro sono aumentati e la domanda di Bitcoin è salita alle stelle. Tuttavia, un’altra recessione economica potrebbe deludere gli investitori e allontanarli dal volatile mercato delle criptovalute.

Tendenze delle criptovalute 2020-2023

Tenendo a mente i principali fattori di influenza, ogni giocatore di criptovalute dovrebbe anche seguire le principali tendenze delle criptovalute 2020-2023. Naturalmente, tutto può cambiare molto rapidamente: nessuno aveva previsto la pandemia di coronavirus e la quarantena globale all’inizio del 2020, né tanto meno la crisi economica delle principali economie mondiali. Abbiamo creato le previsioni sulla base dell’attuale situazione di mercato e speriamo che le principali tendenze delle criptovalute continuino a tempo indeterminato.

COVID e Bitcoin: dimezzamento 2020

Come già detto, il precedente dimezzamento di 21 milioni di Bitcoin ha suscitato l’interesse degli investitori. Il motivo è semplice: la scarsità di nuovi Bitcoin fa salire il prezzo. Inoltre, con l’aumento del prezzo, un bitmain diventa più redditizio, il mining accelera e la fine del bitmain si avvicina. Quando le farm di mining, la maggior parte delle quali si trova in Cina, smettono di operare, il Bitcoin si trova ad affrontare una seria sfida. Tuttavia, dopo lo sconvolgimento, recupera la sua posizione. Quindi, come minimo, il Bitcoin rimarrà al top nel 2020: non prevediamo un nuovo inverno delle criptovalute.

Inoltre, il Bitcoin beneficia dell’epidemia. Nei periodi di volatilità dei mercati finanziari, gli investitori si rivolgono ad asset di riserva come metalli, materie prime e criptovalute. Inoltre, nel mondo post-pandemia, l’insoddisfazione nei confronti dell’economia tradizionale e delle valute fiat spingerà nuovi ingressi nel mondo delle criptovalute. Il Bitcoin, in quanto valuta più antica e affidabile, continuerà a essere il leader e a definire le principali tendenze delle criptovalute.

Un dato interessante: Tom Lee, ex analista di JP Morgan, ritiene che il prezzo equo del Bitcoin sia di 14800 dollari, ma che possa salire a 150.000 dollari se il numero di portafogli Bitcoin raggiungerà il 7% del numero di carte Visa (per ora è di 4,5 miliardi). In ogni caso, le prospettive per il Bitcoin nel 2020-2023 sono moderatamente ottimistiche.

Ethereum

Ethereum è il leader indiscusso tra le altcoin. La borsa Nasdaq ha aggiunto Ethereum e Bitcoin al suo elenco di indici. La sua posizione dominante deriva dal fatto che Ethereum non è solo una criptovaluta ma anche una piattaforma per numerosi progetti blockchain. Tuttavia, Ethereum ha incontrato problemi di scalabilità. La piattaforma non è stata in grado di elaborare le rimesse con l’aumento del numero di progetti basati su Ethereum. Il mondo è ancora in attesa di applicazioni aziendali basate su Ethereum. Se un’azienda come Uber lancia applicazioni blockchain che accettano pagamenti in criptovaluta, Ethereum rimarrà in circolazione per molto tempo. Altrimenti, potrebbe finire per essere una moneta morta. Le previsioni sono moderate.

Che cos’è Ethereum (ETH)? Che differenza c’è con la versione 2.0?

Ripple

Il fenomeno di Ripple è che non esiste un’opinione univoca sulla sua natura: alcuni analisti di mercato non credono che sia una criptovaluta a causa della mancanza di mining. Tuttavia, Ripple ha stretto una partnership con 50 grandi banche e istituzioni finanziarie. Le banche di solito si oppongono alle tendenze cripto, ma non con Ripple. La sfida principale per questa moneta è spingere Swift fuori dal mercato. Se ciò dovesse accadere, le previsioni potrebbero cambiare da moderate a positive.

Che cos’è XRP? Che differenza c’è con Ripple e Ripplenet?

EOS

EOS è una stella nascente degli ultimi anni e il principale concorrente di Ethereum. Questa piattaforma può supportare applicazioni aziendali senza causare problemi di scalabilità. Di conseguenza, se Ethereum dovesse fallire la sfida, EOS potrebbe prendere il suo posto. Per il momento, le previsioni sono favorevoli.

Che cos’è EOS?

Monero

Monero rimane in cima alla lista delle criptovalute più popolari. È ampiamente considerata la criptovaluta più sicura. Tuttavia, potrebbe perdere la sua posizione. Il 90% delle transazioni sembra essere tracciabile. Anche dopo l’ultima, la percentuale di transazioni sicure è inferiore al 50%. Le previsioni vanno da moderate a basse.

Cos’è Monero (XMR)?

Considerare il futuro

Avete mai sentito parlare di profezia che si autoavvera? Questo intrigante fenomeno socio-psicologico dimostra la capacità delle convinzioni umane di influenzare il futuro. La profezia si avvera perché un gran numero di persone crede che si avvererà. Le loro convinzioni influenzano le loro azioni e i comportamenti che ne derivano si allineano a tali convinzioni.

Netflix ha pubblicato la seconda stagione di Altered Carbon, una serie cyberpunk, nel 2020. La storia si svolge all’inizio del XXI secolo. Sorprendentemente, l’oscuro e squallido negozio semi-legale accetta Bitcoin, Litecoin, Monero e Z-cash. Perché i creatori della serie credono che la gente userà le criptovalute 400 anni dopo di noi?

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie3 giorni fa

Israele: la guerra informatica con l’Iran è senza precedenti

Tempo di lettura: 2 minuti. I comandanti delle unità di difesa e di cyber intelligence israeliane hanno annunciato che il...

Notizie6 giorni fa

Sandworm sta modificando i suoi attacchi alle infrastrutture ucraine

Tempo di lettura: 2 minuti. Il gruppo di hacker sponsorizzato dallo Stato russo noto come Sandworm è stato osservato mentre...

Notizie1 settimana fa

Gli attacchi informatici dell’Iran contro Israele sono aumentati, dice l’esercito

Tempo di lettura: < 1 minuto. La radio ha citato ufficiali militari secondo cui gli attacchi sono aumentati del "70%".

Multilingua1 settimana fa

Anonymous viola i siti web dello Stato iraniano dopo la morte di Mahsa Amini

Tempo di lettura: 2 minuti. I due principali siti web del governo iraniano e alcuni siti dei media sono stati...

Notizie2 settimane fa

Russia guerra cibernetica coinvolge anche i i satelliti

Tempo di lettura: 2 minuti. Il Committee of Concerned Scientists ha lavorato per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla situazione degli scienziati....

Notizie2 settimane fa

Documenti NATO rubati all’insaputa del Portogallo: messi in vendita nel Dark Web

Tempo di lettura: 4 minuti. I fascicoli top secret sono stati sottratti dall'Agenzia di Stato Maggiore delle Forze Armate del...

Notizie2 settimane fa

Taiwan vigila mentre la Cina scatena la sua guerra informatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Nel tentativo di resistere alle aggressioni cinesi, Taiwan ha aumentato le spese per la difesa...

Notizie2 settimane fa

Hacker iraniani colpiscono obiettivi nella sicurezza nucleare e nella ricerca genomica

Tempo di lettura: 3 minuti. La società di sicurezza aziendale Proofpoint ha attribuito gli attacchi mirati a un attore di...

Notizie3 settimane fa

La Cina accusa l’unità TAO della NSA di aver violato la sua università di ricerca militare

Tempo di lettura: 2 minuti. La Cina ha accusato la National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti di aver condotto...

Notizie3 settimane fa

Tempo di lettura: 2 minuti. Diversi gruppi di hacker iraniani hanno partecipato a un recente attacco informatico contro il governo...

Truffe recenti

Truffe online2 giorni fa

Curriculum Online, la denuncia: CVfacile.com attiva abbonamenti nascosti

Tempo di lettura: 3 minuti. C'è anche il sito expressCV ed è stato già segnalato per illeciti.

Truffe online2 giorni fa

Truffa Vinted: spillati 195 euro grazie a un link falso di Subito

Tempo di lettura: 2 minuti. Altro utente truffato, ma le responsabilità non sono tutte della piattaforma.

Truffe online5 giorni fa

Truffe della rete Theta e phishing di MetaMask

Tempo di lettura: 3 minuti. Questa settimana abbiamo trovato altre ingannevoli truffe di criptovalute a cui dovete prestare attenzione.

Truffe online2 settimane fa

Truffa su Kadena per 50.000 euro: donna vittima di relazione sentimentale

Tempo di lettura: 4 minuti. Dopo il caso dell'uomo raggiunto su Tinder, ecco un nuovo grave schema criminale che ha...

Truffe online3 settimane fa

4 messaggi e SMS WhatsApp “pericolosi” inviati per truffa

Tempo di lettura: 4 minuti. Vi spieghiamo alcune tipologia di attacco più frequenti sul programma di messaggistica

Notizie4 settimane fa

15 truffatori di bancomat arrestati a Gangtok

Tempo di lettura: 2 minuti. 11 provengono da Kanpur

Notizie1 mese fa

Truffatori telefonici causano danni per oltre 320.000 euro a Berlino

Tempo di lettura: 2 minuti. Migliaia di persone sono già cadute nel tranello di truffatori telefonici che si fingono dipendenti...

Notizie1 mese fa

Ecco come si può acquistare una identità nel dark web e fare le truffe. Lo studio

Tempo di lettura: 2 minuti. Sappiamo tutti che le informazioni rubate vengono scambiate sul dark web e una nuova ricerca...

scam scam
Notizie2 mesi fa

Spagna e Romania: sventata banda di truffatori online

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLe autorità spagnole, insieme alla polizia rumena ed Europol, hanno chiuso lunedì un’operazione...

Truffe online2 mesi fa

Il phishing sbarca anche su Twitter e Discord

Tempo di lettura: 3 minuti. Anche i "social minori" sono attenzionati dai criminali informatici

Tendenza