Connect with us

DeFi

La truffe sulle criptovalute sono in aumento. Quali sono le più comuni?

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

I truffatori sono maestri nell’usare eventi attuali e tendenze frizzanti per ingannare le loro vittime nel settore delle criptovalute. I titoli dei giornali e i post sui social media sono in parte la causa perchè alimentano l’isteria sulle valute virtuali.

Ci sono pochi o addirittura nessun regolamento che governa il mercato delle criptovalute per gli investitori, rispetto al tradizionale mercato azionario, e questo enorme interesse dei media lo rende un gancio perfetto per il phishing e le truffe.

  • L’impennata dei prezzi delle criptovalute attrae i consumatori che sognano di arricchirsi velocemente
  • I social media aiutano ad amplificare il buzz, reale o fittizio
  • C’è anche l’attrattiva di estrarre monete per denaro che i phisher possono usare come gancio


Quali sono le truffe più comuni sulle criptovalute?

Se si ha del denaro virtuale al sicuro in uno scambio di criptovalute, questo potrebbe essere a rischio da parte degli hacker. In numerose occasioni gli attori minacciosi sono riusciti a estrarre fondi da queste aziende, a volte facendo fuori centinaia di milioni. Tuttavia, di solito le aziende violate promettono di risarcire i loro clienti incolpevoli.

Sfortunatamente, non ci sono queste garanzie per le vittime delle frodi di criptovalute che possono compromettere una grande quantità di soldi investiti.

Vale la pena di capire come sono fatte queste truffe. Ecco alcuni dei più comuni:

  • Schemi Ponzi: Questo è un tipo di truffa sugli investimenti in cui le vittime sono indotte a investire in una società inesistente o in uno “schema per arricchirsi velocemente“, che in realtà non fa altro che riempire le tasche del truffatore. Le criptovalute sono ideali per questo, dato che i truffatori inventano sempre nuove e imprecisate tecnologie “all’avanguardia” per attirare gli investitori e generare maggiori profitti virtuali. Falsificare i dati è facile quando la valuta è comunque virtuale.
  • Pompare e scaricare: I truffatori incoraggiano gli investitori a comprare azioni di società di criptovalute poco conosciute, basandosi su informazioni false. Il prezzo delle azioni sale successivamente e il truffatore vende le proprie azioni, facendo un bel profitto e lasciando la vittima con azioni o monete senza valore.
  • Finte sponsorizzazioni di celebrità: I truffatori dirottano gli account delle celebrità sui social media o ne creano di falsi, e incoraggiano i seguaci a investire in schemi falsi come quelli di cui sopra. In uno stratagemma, circa 2 milioni di dollari sono stati persi dai truffatori che hanno persino nominato Elon Musk in un indirizzo Bitcoin per rendere lo stratagemma più affidabile.
  • Scambi falsi e imitatori: I truffatori inviano e-mail o pubblicano messaggi sui social media promettendo l’accesso al denaro virtuale memorizzato negli scambi di criptovalute. L’unica fregatura è che l’utente deve solitamente pagare una piccola tassa prima. Lo scambio non esiste e i loro soldi sono persi per sempre. I siti imitatori offrono quelli che sembrano essere servizi di portafoglio legittimi. Gli utenti sono incoraggiati a scaricare portafogli che poi installano malware sul dispositivo dell’utente. In questi casi, i dispositivi iOS sono stati compromessi, mentre in passato il problema era limitato ad Android.
  • App contraffatte: i criminali informatici spacciano app truffa di criptovaluta come legittime e le caricano negli app store. Installandone una, potrebbe rubare i dati personali e finanziari o impiantare malware sui dispositivi. Altre possono ingannare gli utenti a pagare per servizi inesistenti, o cercare di rubare i login del portafoglio di criptovalute.
  • Phishing: Il phishing è uno dei modi più popolari in cui operano i truffatori. Email, testi e messaggi di social media sono falsificati per apparire come se fossero inviati da una fonte legittima e affidabile con una richiesta urgente di pagamento in criptovaluta.

Iscriviti alla newsletter settimanale di Matrice Digitale

* inserimento obbligatorio

DeFi

ChatGpt lancia Plus: versione a pagamento. Vale la pena spendere 20 dollari?

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: < 1 minuto. Svelati pochi dettagli e sembra poco per scaldarsi

Pubblicato

il

ChatGPT
Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

L’applicativo di intelligenza artificiale ChatGpt lancia una versione a pagamento da 20 dollari al mese di cui si sa ancora poco. Dopo l’esplosione di utenti simultanei che ne hanno provocato più volte un crollo dei sistemi, il CEO di OpenAI ha annunciato l’ingresso nel mercato della versione a pagamento ed ha annunciato un sondaggio a cui ha partecipato anche la redazione di Matrice Digitale.

Nel sondaggio era chiesto quale fosse il prezzo minimo, massimo e massimo sopportabile ed il valore indicato è stato di 20 dollari massimo. L’applicativo sarà in vendita a 20 dollari come annunciato e per il momento ci sono poche indiscrezioni sulle caratteristiche che avrà in più alla versione a pagamento.

Sicuramente, a detta di molti, chi paga avrà una corsia preferenziale e non sarà buttato fuori nei momenti di picco. Pare che la versione sia anche più estesa in termini di “competenze” anche se verrà implementata ulteriormente in corso d’opera tramite dei feedback degli utenti che potranno richiedere servizi in base alle loro esigenze.

Sarà più veloce ottenere risposte, ma non c’è nessun riferimento al limite di caratteri imposto da OpenAI nella versione free e nemmeno all’utilizzo di fonti instantanee prese dalla Rete. In poche parole, ChatGpt molto probabilmente impiegherà meno tempo a dare risposte, soluzioni, ma senza Internet sarà limitato e non esprimerà il suo potere massimale.

Prosegui la lettura

DeFi

Criptovalute: stretta del governo inglese dopo scandalo FTX

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Il ministero delle Finanze britannico ha in programma una regolamentazione “robusta” per gli asset cripto, dopo il crollo della borsa cripto FTX dello scorso anno, che ha lasciato milioni di persone a subire perdite per miliardi di dollari. Attualmente la criptovaluta non è regolamentata a livello globale e le imprese devono solo effettuare controlli per prevenire il riciclaggio di denaro. Tuttavia, la Financial Conduct Authority (FCA) britannica ha dichiarato che oltre l’80% dei richiedenti la licenza non è stato in grado di dimostrare di essere in grado di farlo in modo adeguato, dato che il “denaro oscuro” scorre attraverso il settore. La bozza di regole, che sarà pubblicata mercoledì, garantirà standard solidi, trasparenti ed equi, coerenti con l’approccio alla finanza tradizionale, ha dichiarato martedì il Ministro dei Servizi Finanziari Andrew Griffith in un comunicato.

“Rimaniamo fermi nel nostro impegno a far crescere l’economia e a consentire il cambiamento tecnologico e l’innovazione – e questo include la tecnologia dei criptoasset”, ha detto Griffith. Le nuove regole arrivano dopo che l’aumento dei tassi di interesse ha portato a una serie di fallimenti nel settore nel 2022, cancellando 1.400 miliardi di dollari dal valore del mercato delle criptovalute. Il prezzo del bitcoin, il più scambiato, è crollato del 60%. Il crollo del mercato ha scosso la fiducia nelle criptovalute, anche se rimane l’interesse per la tecnologia sottostante, più comunemente nota come blockchain, per altri usi come i pagamenti.

Rishi Sunak, l’amico delle criptovalute, è primo ministro del Regno Unito dopo l’uscita di Truss

Ci sarà una consultazione pubblica di tre mesi sui nuovi piani, seguita da proposte di regole dettagliate da parte della FCA. Il ministero ha dichiarato che il suo approccio mitigherà i rischi più significativi del settore. “Queste proposte attribuiranno alle sedi di negoziazione di criptovalute la responsabilità di definire i requisiti di contenuto dettagliati per i documenti di ammissione e di divulgazione, garantendo che le borse di criptovalute abbiano standard equi e solidi”, ha dichiarato il ministero.

Fonte: Reuters

Prosegui la lettura

DeFi

Il prezzo di SOL sale di oltre il 200% rispetto al mese precedente

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Solana supererà Ethereum nel 2023?
E’ la rete blockchain che ha un enorme potenziale per competere con Ethereum, il leader degli smart-contract

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Nel 2021 Solana, una piattaforma blockchain pubblica, ha sconvolto il mondo delle criptovalute con un’impennata del 3.700%, prima di subire una correzione del mercato.

E’ possibile che SOL superi Ethereum e diventi la piattaforma NFT numero uno nel 2023?

Solana è la sede di molte piattaforme DeFi, Dapps e mercati NFT, grazie alla sua blockchain veloce e a basso costo. Solana funziona su un consenso “Proof-of-History” che offre maggiore sicurezza e flessibilità agli sviluppatori per effettuare transazioni più veloci. D’altra parte, molte blockchain programmabili come Ethereum dipendono da programmi esterni per effettuare le transazioni. Secondo Anatoly Yakovenko, cofondatore di Solana Labs, “ogni produttore di blocchi deve lavorare attraverso la VDF, questa prova della storia, per arrivare allo slot assegnatogli e produrre un blocco, il che conferisce al libro mastro questa interessante proprietà che consente di dedurre quando gli eventi si sono verificati quando lo si esamina”.

Solana è attualmente scambiata a 23,82 dollari dopo un guadagno di quasi il 243,32% nelle precedenti quattro settimane. Sebbene SOL abbia lottato in mezzo a più ampie flessioni del mercato, questa impennata del prezzo di Solana darà slancio durante il prossimo mercato rialzista e la renderà anche un punto di riferimento per i progetti di finanza decentralizzata (DeFi).

Le NFT di Solana potrebbero superare Ethereum?

Ci sono molti ostacoli sulla strada di Solana per diventare la piattaforma NFT numero uno. A partire dal fatto che la sua rete è vulnerabile alle violazioni della sicurezza fino all’emergere di nuovi rivali con offerte migliori. Tuttavia, c’è sempre un po’ di speranza mista a fortuna. Sebbene Ethereum sia ancora il re dei progetti DeFi, i continui crolli del mercato delle criptovalute e gli inverni delle criptovalute stanno intaccando la fiducia che le persone ripongono in questo leader dei contratti intelligenti. Pertanto, potremmo avere l’opportunità di vedere Ethereum detronizzato da Solana nel 2023 e oltre.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie4 giorni fa

Guerra cibernetica: escalation dopo la fine della guerra tra Ucraina e Russia

Tempo di lettura: < 1 minuto. Le prime dichiarazioni dal Cybertech di TelAviv fanno comprendere che il mondo sarà sempre...

Notizie4 giorni fa

NikoWiper: il malware che ha preso di mira il settore energetico ucraino

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenutoSandworm, affiliato alla Russia, ha utilizzato un altro ceppo di malware wiper, denominato...

Multilingua6 giorni fa

Ucraina colpita dal quinto Wiper “SwiftSlicer”

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoL’Ucraina ha subito un nuovo attacco informatico da parte della Russia che ha...

Notizie1 settimana fa

Killnet mette a sedere i siti web tedeschi

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoGli hacker attivisti russi hanno messo offline diversi siti web tedeschi mercoledì in...

Notizie2 settimane fa

Ex diplomatico: Cina spia i cittadini con frigoriferi, portatili e lampadine britannico

Tempo di lettura: < 1 minuto. Secondo un rapporto inviato al governo dall'ex diplomatico, la tecnologia "cavallo di Troia" rappresenta...

Notizie3 settimane fa

NoName057 offre ricompense finanziarie per partecipare agli attacchi DDoS

Tempo di lettura: 2 minuti. Ai volontari vengono offerte ricompense fino a 80.000 rubli per attacchi riusciti con il client...

Multilingua3 settimane fa

L’Ucraina propone la NATO della Guerra Cibernetica

Tempo di lettura: 2 minuti. Il principale funzionario ucraino per la sicurezza informatica ha proposto lo sviluppo di una "Cyber...

Inchieste3 settimane fa

NoName057(16) a Matrice Digitale: stiamo analizzando il perimetro cibernetico italiano

Tempo di lettura: 3 minuti. Esclusiva mondiale al gruppo di hacktivisti che hanno colpito diversi paesi europei tra cui l'Italia

Notizie3 settimane fa

NoName057 rivendica gli attacchi informatici ai siti web danesi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli hacktivisti russi sostengono di aver attaccato la banca centrale danese, il ministero delle...

Notizie3 settimane fa

ESET svela l’attività di StrongPity: malevola con l’app Telegram troianizzata

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenutoI ricercatori ESET hanno identificato una campagna attiva del gruppo StrongPity APT che...

Truffe recenti

Truffe online4 giorni fa

Truffa Facebook Little Flowers ai danni de La Repubblica: la matrice è cinese

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenuto In questi giorni abbiamo analizzato come attraverso Google Adwords è possibile veicolare...

Truffe online5 giorni fa

Truffa da 25.000 euro su Hiobit.com : la matrice è asiatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Da Tinder ad un sito internet di trading, come un profilo asiatico è riuscito a...

Truffe online6 giorni fa

Pacco e contropaccotto: Vinted consente truffa “Morada” ai danni dei suoi venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Altro venditore di 500 euro, la società ha rimborsato il criminale a migliaia di km...

Truffe online3 settimane fa

Malware trasmesso da Google Ads prosciuga l’intero portafoglio di criptovalute di un influencer NFT

Tempo di lettura: 2 minuti. Un link pubblicitario sponsorizzato su Google ha nascosto un malware che ha travasato migliaia di...

Notizie1 mese fa

“Entra nell’Interpol” la nuova truffa sui social media che spopola in Sud Africa

Tempo di lettura: 2 minuti. L'Organizzazione internazionale di polizia criminale (Interpol) ha lanciato un allarme su una truffa online che...

DeFi2 mesi fa

Scandalo FTX, i genitori di Sam Bankman Fried sono indagati: confermata l’inchiesta di Matrice Digitale

Tempo di lettura: 2 minuti. Avrebbero speso i fondi societari per acquisti personali e sono il collante con le "coperture"...

Truffe online3 mesi fa

Sospettati di uno schema Ponzi arrestati in Grecia e Italia ricercati da INTERPOL

Tempo di lettura: 2 minuti. INTERPOL ha lanciato l'IFCACC all'inizio di quest'anno, per fornire una risposta globale coordinata contro la...

Truffe online3 mesi fa

Truffa del Trust Wallet PayPal

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta da Trend Micro, la truffa che sfrutta il brand di PayPal, può essere così...

Truffe online3 mesi fa

Sospetto arrestato in relazione a una frode di investimento da un milione di euro

Tempo di lettura: 2 minuti. L'azione ha portato l'Europol a rilasciare consigli in tal senso.

Truffe online4 mesi fa

I truffatori e i disonesti al telefono: è possibile fermarli?

Tempo di lettura: 4 minuti. I consigli di Sophos e l'invito di Matrice Digitale a segnalarli al nostro modello

Tendenza