Connect with us

DeFi

L’occidente mette una stretta alle criptovalute con cui finanzia la resistenza Ucraina

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Siamo arrivati al paradosso sulle criptovalute. In questi giorni, dove l’invasione russa ha creato un contenzioso bellico tra il paese di Putin ed il mondo occidentale con delle sanzioni economiche durissime ai danni dei cittadini all’ombra del Cremlino, le criptovalute registrano un forte calo sul mercato.

Il Bitcoin resiste, ma il mercato delle altcoin è ancora collegato alla valuta primordiale e non riesce ad essere indipendente da quello che potremmo definire “l’oro della finanza decentralizzata”. Eppure la stretta sulla Russia poteva rappresentare l’inizio di una nuova era dove gas e petrolio potevano essere acquistati direttamente dai governi tramite transazioni decentralizzate dai sistemi bancari, che hanno escluso di fatto Putin e la sua nazione dal circuito economico internazionale.

Una cripto o semplicemente una valuta digitale che imponesse agli stati assetati di risorse energetiche di immettere nel mercato un nuovo strumento economico, con un valore potenziale di almeno 365 miliardi di dollari l’anno, sarebbe stato il vero banco di prova per l’attuazione della mentalità DeFi nell’economia stantia rappresentata dal mercato.

Questo non è avvenuto per diversi motivi, ma una cosa è certa: l’economia reale è corsa ai ripari per frenare una emorragia di fondi dal circuito, prevedendo delle strette sui portafogli di criptovalute e sugli exchange, obbligati a fornire le informazioni dei detentori di capitali, perchè danno la linfa finanziaria ad un settore sempre più in mano agli speculatori non più ignoti, ma con un volto riconducibile ai miliardari della Silicon Valley ed a qualche banca d’affari nota in tutto il mondo.

La rivoluzione della finanza decentralizzata non partirà nemmeno dall’abusiva Russia a quanto pare come risposta sanzioni pesantissime. D’altronde, un altro esperimento di questo genere è stato fatto qualche mese prima in Canada, dove il premier Trudeau ha provato a mettere una stretta ai finanziatori “cripto” del movimento di protesta Freedom Convoy colpendo gli exchange ed i possessori di portafogli.

Come al solito, fatta la legge trovato l’inganno. L’Ucraina è in questo momento l’epicentro di una rivoluzione sociale contro l’oppressore russo e sono stati tantissimi gli aiuti digitali messi in piedi dall’occidente.

Tra questi figurano addirittura 50 milioni di donazioni avvenute tramite il sistema delle criptovalute e su questo nessuno ha da ridire, anzi, si vuole rilanciare l’intera operazione su scala “legit” con l’istituzione di una cripto ad hoc, che finanzi la rivoluzione di Zelensky con l’acquisto di armi e l’invio di supporti umanitari.

Bene la finalità ma, aldilà del conflitto, sono tante, troppe e non rintracciabili le operazioni quotidiane riconducibili a traffici illeciti, nascoste dietro acquisti insensati di NFT o di versamenti “monstre” inspiegabili, che alimentano la criminalità organizzata o speculatori senza scrupoli definiti nel settore come “balene“.

Commenti da Facebook

DeFi

I russi approvano l’uso delle criptovalute per i pagamenti transfrontalieri

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Il viceministro delle Finanze Alexei Moiseev ha dichiarato che la politica descrive “come acquisire la criptovaluta, cosa si può fare con essa” e il suo utilizzo nei pagamenti transfrontalieri.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

La Banca di Russia e il Ministero delle Finanze del Paese avrebbero raggiunto un accordo che consente i pagamenti transfrontalieri in criptovalute.

Secondo quanto riportato giovedì dalla testata russa Kommersant, il viceministro delle Finanze russo Alexei Moiseev ha dichiarato che il dipartimento governativo ha concordato “nel complesso” con la banca centrale una norma che consentirebbe ai residenti di inviare pagamenti transfrontalieri utilizzando le criptovalute. Secondo quanto riferito, la proposta di modifica della politica mirava a consentire ai cittadini russi l’accesso ai portafogli digitali.

Secondo il rapporto, Moiseev ha dichiarato: “La politica descrive in generale come acquisire criptovalute, cosa si può fare con esse e come si può o non si può regolare con esse in primo luogo nei regolamenti transfrontalieri”.

Le agenzie di stampa russe hanno riferito che la banca centrale ha discusso la questione dei pagamenti transfrontalieri in criptovaluta con i funzionari governativi. Tuttavia, la Banca di Russia si sarebbe opposta a consentire agli scambi di criptovalute di operare legalmente e a non accettare le criptovalute come moneta legale.

Il 5 settembre, Moiseev ha dichiarato che: “Ora che le persone aprono portafogli di criptovalute al di fuori della Federazione Russa, è necessario farlo in Russia con entità supervisionate dalla banca centrale, che sono tenute a rispettare i requisiti di antiriciclaggio e di conoscenza del cliente”.

La Russia ha avuto un rapporto contrastante con le criptovalute. Nel 2020, il Paese ha approvato una legge che vieta l’uso di criptovalute, tra cui il Bitcoin (BTC), per i pagamenti. A luglio, il presidente Vladimir Putin ha anche firmato una legge che vieta l’uso di attività finanziarie digitali per i pagamenti. A maggio, il ministro del Commercio Denis Manturov ha suggerito che la Russia legalizzerà i pagamenti in criptovalute “prima o poi”.

Dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia a febbraio, il governo, le imprese e alcuni individui all’interno del Paese sono stati oggetto di ampie sanzioni economiche. Il 15 settembre, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha aggiunto 22 persone e due entità con sede in Russia alla sua lista di sanzioni, sostenendo che avevano favorito gli obiettivi del governo in Ucraina.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

DeFi

Il mercato delle cripto: cosa cambia con i tassi della FED alzati?

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo giorni di attesa, adesso qualcosa si muove nel mercato delle criptovalute

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Il Bitcoin (BTC) si è mantenuto stabile appena al di sopra dei 19.000 dollari, in attesa del previsto rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve, previsto per mercoledì. (Scorrere fino a Movimenti di mercato per l’anteprima di Omkar Godbole sulla riunione).
La più grande criptovaluta è sembrata muoversi in linea con i mercati tradizionali, dove gli investitori sono rimasti per lo più in disparte in vista della riunione. La decisione della Fed è attesa per le 14:00 ET (18:00 UTC), seguita da una conferenza stampa del presidente della Fed Jerome Powell.

Anche l’Ether (ETH) è rimasto poco mosso, poco sopra i 1.300 dollari, apparentemente per dare sollievo ai trader ancora provati dal crollo del 24% della scorsa settimana, quando la blockchain di Ethereum ha subito il tanto sbandierato Merge verso un sistema più efficiente dal punto di vista energetico.

Shaurya Malwa di CoinDesk ha riferito che i “tassi di finanziamento” – che sono simili ai tassi di interesse, ma che sono ciò che i trader pagano per le scommesse con leva sugli scambi di criptovalute – sono tornati a livelli normali; il che potrebbe essere un segno che il mercato dell’etere sta diventando meno ribassista.

Tra le notizie, l’emittente di stablecoin Tether ha ricevuto da un giudice statunitense di New York l’ordine di produrre i documenti finanziari relativi al supporto di USDT. (Krisztian Sandor di CoinDesk ha riferito martedì di una nuova stablecoin con ancoraggio al dollaro, CUSD, della piattaforma di finanza decentralizzata Coin98).

Le classificazioni settoriali sono fornite attraverso il Digital Asset Classification Standard (DACS), sviluppato da CoinDesk Indices per fornire un sistema di classificazione affidabile, completo e standardizzato per gli asset digitali. Il CoinDesk Market Index (CMI) è un indice ad ampio spettro progettato per misurare la performance ponderata per la capitalizzazione di mercato del mercato degli asset digitali, soggetto a requisiti minimi di negoziazione e di idoneità alla borsa.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

DeFi

Il market maker Wintermute ha 200 milioni di dollari di debito DeFi in sospeso

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. L’amministratore delegato dell’azienda ha descritto la società come solvibile dopo l’hacking da 160 milioni di dollari.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Il market maker di criptovalute Wintermute, vittima dell’hacking da 160 milioni di dollari di martedì, ha oltre 200 milioni di dollari di debiti DeFi in sospeso con diverse controparti, secondo i dati della catena.

Il debito più grande riguarda un prestito di 92 milioni di dollari in tether (USDT) emesso da TrueFi, la cui scadenza è prevista per il 15 ottobre. Il portafoglio prestiti di Wintermute comprende anche un debito di 75 milioni di dollari, composto da USDC e wrapped ether (WETH), dovuto a Maple Finance e un debito di 22,4 milioni di dollari dovuto a Clearpool. CoinDesk ha rintracciato le partecipazioni di Wintermute utilizzando un indirizzo attribuito al market maker dal sito di dati Nansen. Wintermute, con sede a Londra, che scambia miliardi di dollari ogni giorno su più piazze di criptovaluta, è stata l’ultima società a essere colpita martedì da un’ondata di attacchi nell’ecosistema della finanza decentralizzata. Ad agosto, il ponte cross-chain Nomad è stato prosciugato per 190 milioni di dollari dopo che gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità, mentre nella prima metà di quest’anno sono stati rubati 1,9 miliardi di dollari, secondo la società di analisi Chainalysis.

In un tweet successivo alla violazione, l’amministratore delegato di Wintermute, Evgeny Gaevoy, ha ribadito che la società rimane solvibile e che ha “superato del doppio” l’importo del capitale rubato. “Se siete un prestatore di Wintermute, anche in questo caso siamo solvibili, ma se vi sentite più sicuri a richiamare il prestito, possiamo assolutamente farlo”, ha dichiarato Gaevoy in un tweet. Poiché gran parte del debito emesso è in stablecoin, non è chiaro se la descrizione di Wintermute di “equity” comprenda anche gli asset digitali.

L’hacker ha inviato 111 milioni di dollari al 3pool di Curve Finance e alcuni suggeriscono che ciò sia stato fatto per evitare che le stablecoin fossero congelate dagli emittenti Tether e Circle.

Non è raro che i market maker e le società di trading di criptovalute abbiano debiti nei confronti di progetti nel corso di miliardi di dollari di scambi quotidiani. Ad esempio, Alameda deve attualmente 18 milioni di dollari a TrueFi; il gigante del trading ha precedentemente rimborsato 484 milioni di dollari al protocollo di credito DeFi.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie5 ore fa

Gli attacchi informatici dell’Iran contro Israele sono aumentati, dice l’esercito

Tempo di lettura: < 1 minuto. La radio ha citato ufficiali militari secondo cui gli attacchi sono aumentati del "70%".

Multilingua3 giorni fa

Anonymous viola i siti web dello Stato iraniano dopo la morte di Mahsa Amini

Tempo di lettura: 2 minuti. I due principali siti web del governo iraniano e alcuni siti dei media sono stati...

Notizie5 giorni fa

Russia guerra cibernetica coinvolge anche i i satelliti

Tempo di lettura: 2 minuti. Il Committee of Concerned Scientists ha lavorato per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla situazione degli scienziati....

Notizie7 giorni fa

Documenti NATO rubati all’insaputa del Portogallo: messi in vendita nel Dark Web

Tempo di lettura: 4 minuti. I fascicoli top secret sono stati sottratti dall'Agenzia di Stato Maggiore delle Forze Armate del...

Notizie1 settimana fa

Taiwan vigila mentre la Cina scatena la sua guerra informatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Nel tentativo di resistere alle aggressioni cinesi, Taiwan ha aumentato le spese per la difesa...

Notizie1 settimana fa

Hacker iraniani colpiscono obiettivi nella sicurezza nucleare e nella ricerca genomica

Tempo di lettura: 3 minuti. La società di sicurezza aziendale Proofpoint ha attribuito gli attacchi mirati a un attore di...

Notizie2 settimane fa

La Cina accusa l’unità TAO della NSA di aver violato la sua università di ricerca militare

Tempo di lettura: 2 minuti. La Cina ha accusato la National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti di aver condotto...

Notizie2 settimane fa

Tempo di lettura: 2 minuti. Diversi gruppi di hacker iraniani hanno partecipato a un recente attacco informatico contro il governo...

Notizie2 settimane fa

Microsoft mette in guardia dagli attacchi ransomware degli APT iraniani

Tempo di lettura: 2 minuti. La divisione di intelligence sulle minacce di Microsoft ha valutato mercoledì che un sottogruppo dell'attore...

Notizie2 settimane fa

Hacker ucraini seducono soldati russi via social e fanno saltare in aria la base

Tempo di lettura: 2 minuti. Un hacker ucraino ha creato falsi profili di donne attraenti sui social media e ha...

Truffe recenti

Truffe online1 settimana fa

Truffa su Kadena per 50.000 euro: donna vittima di relazione sentimentale

Tempo di lettura: 4 minuti. Dopo il caso dell'uomo raggiunto su Tinder, ecco un nuovo grave schema criminale che ha...

Truffe online2 settimane fa

4 messaggi e SMS WhatsApp “pericolosi” inviati per truffa

Tempo di lettura: 4 minuti. Vi spieghiamo alcune tipologia di attacco più frequenti sul programma di messaggistica

Notizie3 settimane fa

15 truffatori di bancomat arrestati a Gangtok

Tempo di lettura: 2 minuti. 11 provengono da Kanpur

Notizie4 settimane fa

Truffatori telefonici causano danni per oltre 320.000 euro a Berlino

Tempo di lettura: 2 minuti. Migliaia di persone sono già cadute nel tranello di truffatori telefonici che si fingono dipendenti...

Notizie1 mese fa

Ecco come si può acquistare una identità nel dark web e fare le truffe. Lo studio

Tempo di lettura: 2 minuti. Sappiamo tutti che le informazioni rubate vengono scambiate sul dark web e una nuova ricerca...

scam scam
Notizie2 mesi fa

Spagna e Romania: sventata banda di truffatori online

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLe autorità spagnole, insieme alla polizia rumena ed Europol, hanno chiuso lunedì un’operazione...

Truffe online2 mesi fa

Il phishing sbarca anche su Twitter e Discord

Tempo di lettura: 3 minuti. Anche i "social minori" sono attenzionati dai criminali informatici

Inchieste3 mesi fa

Tinder e la doppia truffa: criptovalute e assistenza legale che non c’è

Tempo di lettura: 6 minuti. Una donna conosciuta su Tinder gli consiglia di investire in criptovalute. Viene truffato e si...

Truffe online3 mesi fa

Truffe WhatsApp, quali sono e come evitarle

Tempo di lettura: 4 minuti. Ecco le otto truffe più comuni su WhatsApp, secondo ESET

Truffe online3 mesi fa

Truffa Vinted: colpiti anche i venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Continuano le segnalazioni degli utenti

Tendenza