Connect with us

Economia

Telegram, bot Wallet abilita pagamenti Bitcoin e USDT

Tempo di lettura: 2 minuti. Telegram sta rendendo più facile per i commercianti accettare pagamenti in Bitcoin e Tether attraverso il suo bot Wallet. Scopriamo come funziona.

Pubblicato

il

Telegram, bot Wallet
Tempo di lettura: 2 minuti.

Il bot Wallet di Telegram, costruito sulla blockchain The Open Network (TON), sta abilitando i commercianti a accettare pagamenti in Bitcoin (BTC) e Tether (USDT) attraverso l’app di messaggistica. Questo bot, che permette agli utenti di trasferire criptovalute all’interno delle chat, ha lanciato una soluzione di pagamento cripto.

Wallet Pay: la nuova funzionalità di pagamento di Telegram

La nuova funzionalità di pagamento, chiamata Wallet Pay, è immediatamente accessibile in tutte le regioni supportate dal servizio di portafoglio. “I pagamenti in criptovaluta su Telegram sono appena diventati più facili con Wallet Pay: un servizio di pagamento sviluppato dal team del portafoglio specificamente per l’ecosistema Telegram”, ha dichiarato il team in un tweet. Con il suo aiuto, i commercianti saranno in grado di accettare istantaneamente pagamenti in criptovaluta, e gli utenti potranno pagare per beni e servizi.

Come funziona Wallet Pay

In passato, i commercianti dovevano ricorrere a soluzioni “fai-da-te” con bot di base collegati a sistemi di pagamento criptovaluta. Tuttavia, grazie alla nuova funzionalità, i commercianti possono ora accettare senza problemi i pagamenti in criptovaluta all’interno dell’app Telegram. Ciò significa che gli utenti possono effettuare pagamenti direttamente all’interno delle loro chat con i commercianti.

Il bot Wallet di Telegram

Il chatbot Wallet, noto anche come @wallet su Telegram, è un bot indipendente costruito sulla blockchain TON e Telegram. Permette agli utenti di conservare, scambiare e trasferire tre criptovalute, tra cui Toncoin (TON), USDT di Tether su Tron e Bitcoin.

Come ricevere pagamenti tramite il bot Wallet di Telegram

Per ricevere pagamenti in cripto su Telegram, i commercianti devono prima fare domanda sul sito web di Wallet Pay. Secondo il team del chatbot Wallet, ci sono già circa 200 aziende in coda per implementare il prodotto, con migliaia di piccole imprese che ci si aspetta che facciano domanda in futuro. Gli utenti possono creare un nuovo portafoglio cripto immediatamente collegato al loro account Telegram, senza la necessità di salvare frasi di recupero o chiavi private.

Economia

NVIDIA CEO: indipendenza USA nei Chip fra 10-20 anni. Huawei intanto sbaraglia

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 3 minuti.

Jensen Huang, CEO di NVIDIA, ha recentemente dichiarato che gli Stati Uniti potrebbero impiegare da 10 a 20 anni per raggiungere l’indipendenza nella fornitura di chip. Questa affermazione evidenzia la complessità della catena di approvvigionamento globale dei chip e le sfide che gli USA devono affrontare per ridurre la dipendenza dalla produzione estera di semiconduttori.

Complessità della catena di approvvigionamento globale

La catena di approvvigionamento globale dei chip è estremamente complessa, con diversi componenti prodotti in vari paesi. Taiwan gioca un ruolo chiave nella produzione di chip, in particolare per la tecnologia avanzata dei semiconduttori. Questa complessità significa che nessun marchio possiede tutti gli elementi necessari, portando i marchi statunitensi a dipendere da diversi paesi per vari aspetti del processo di produzione dei chip.

Sforzi degli USA per ridurre la dipendenza

Gli Stati Uniti stanno lavorando per ridurre la loro dipendenza dalla produzione estera di chip, soprattutto alla luce delle tensioni geopolitiche e delle preoccupazioni per la sicurezza nazionale. L’amministrazione Biden ha sottolineato la necessità di rafforzare la catena di approvvigionamento dei chip del paese per garantirne la resilienza e la sicurezza. Raggiungere l’indipendenza dei chip è cruciale per gli USA, poiché ridurrebbe il rischio di interruzioni della catena di approvvigionamento e potenziali minacce alla sicurezza nazionale, oltre a rafforzare la leadership tecnologica e la competitività del paese nel mercato globale.

Proiezioni del CEO di NVIDIA

Jensen Huang ha fornito una valutazione realistica della tempistica per l’indipendenza dei chip negli USA. Sottolinea la complessità della catena di approvvigionamento e le sfide coinvolte nel rimodellarla. Per lavorare verso l’indipendenza dei chip, gli USA dovranno investire nella produzione nazionale di semiconduttori e dedicare molti fondi alla ricerca e allo sviluppo. La collaborazione tra governo, industria e mondo accademico sarà fondamentale per guidare l’innovazione e costruire una catena di approvvigionamento di chip robusta e sicura.

Il CEO di Nvidia ai neolaureati: correte verso l'IA, ma preparatevi a inciampare

Il percorso verso l’indipendenza dei chip è un’impresa complessa e a lungo termine che richiede pianificazione strategica, investimenti e collaborazione. Sebbene gli USA affrontino sfide significative nel rimodellare la loro catena di approvvigionamento di chip, i potenziali benefici del raggiungimento dell’indipendenza sono sostanziali, sia in termini di sicurezza nazionale che di leadership tecnologica.

Huawei supera le sanzioni USA con il chip Kirin 9000S

Huawei, una delle principali aziende tecnologiche cinesi, ha recentemente sorpreso gli Stati Uniti e il mondo con il lancio del suo nuovo chip Kirin 9000S, nonostante le sanzioni imposte dall’amministrazione Trump. Questo sviluppo rappresenta un importante passo avanti per la Cina nel campo della produzione di semiconduttori e solleva interrogativi sulla capacità del paese di competere a livello globale nonostante le restrizioni.

Sfide e soluzioni di Huawei alle sanzioni USA

Dopo essere stata colpita da sanzioni che la tagliavano fuori dalle catene di approvvigionamento globali dei semiconduttori, Huawei ha stretto un accordo con la Semiconductor Manufacturing International Corporation (SMIC), una fonderia cinese sostenuta dallo stato. SMIC ha proposto un metodo per produrre chip avanzati utilizzando attrezzature datate, sebbene con costi più elevati e tempi di produzione più lunghi rispetto al fornitore precedente di Huawei, Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC).

Kirin 9000S

Nonostante le sfide, Huawei ha lanciato il Mate 60 series, alimentato dal chip Kirin 9000S (precedentemente noto come Charlotte). Il Kirin 9000S ha offerto prestazioni paragonabili a chip di 1 o 2 anni fa di Qualcomm, secondo vari team di test. Il Mate 60 ha riscosso un grande successo in Cina, segnando il ritorno dei chip Huawei dopo anni di sanzioni.

Reazioni e implicazioni

Negli Stati Uniti, c’è stata confusione su come Huawei sia riuscita a superare le sanzioni per produrre il Kirin 9000S. Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha dichiarato che l’America ha bisogno di “ottenere più informazioni” sul chip. Gregory Allen, direttore del Wadhwani Center for AI and Advanced Technologies, ha osservato che molti leader del governo statunitense sembravano sorpresi dal successo di Huawei.

Supporto dello stato Cinese e risorse impiegate

Huawei e SMIC hanno investito ingenti risorse nel progetto, con il sostegno dello stato cinese, per mantenere la quota di mercato e ora hanno aperto la strada a progressi nella produzione di chip AI all’avanguardia. Se riusciranno a mantenere questo slancio, determinerà se la Cina può sostenere la sua industria dei semiconduttori e raggiungere la supremazia tecnologica globale nonostante le sfide geopolitiche.

Prosegui la lettura

Economia

Temu e PDD scuotono l’E-commerce e Alibaba diventa “europea”

Pubblicato

il

Temu Alibaba
Tempo di lettura: 4 minuti.

PDD, la società dietro l’app di shopping in rapida crescita Temu, sta rivoluzionando il club delle Big Tech cinesi dopo la notizia che la capitalizzazione di mercato di Alibaba è scesa sotto quella di PDD ha fatto scalpore su internet in Cina, segnando un cambiamento storico nel settore dell’e-commerce cinese, dove Alibaba ha detenuto per anni la corona.

Ascesa di PDD e sfide per Alibaba

PDD, con un valore di mercato che ha superato i 188 miliardi di dollari dopo aver raddoppiato i suoi ricavi anno su anno, si avvicina ad Alibaba, che ha iniziato a perdere terreno dal 2020. Le difficoltà di Alibaba sono iniziate dopo che il suo fondatore, Jack Ma, ha criticato pubblicamente le regolamentazioni cinesi, innescando una serie di repressioni da parte di Pechino sul settore internet per controllare attori potenti come Alibaba.

Crescita di PDD e Temu

PDD ha continuato a crescere sia a livello nazionale che internazionale. Il suo marketplace domestico, Pinduoduo, è diventato un formidabile rivale di Taobao di Alibaba, offrendo una vasta gamma di prodotti a basso costo e forti sconti. Temu, che ha adottato la sua ricetta di crescita dalla Cina a circa 40 mercati, ha generato 21,8 miliardi di dollari di ricavi nei primi tre trimestri di quest’anno.

Marketing aggressivo di Temu

Con il suo slogan “Shop like a billionaire”, il marketing aggressivo di Temu sta dando i suoi frutti. Negli ultimi 90 giorni, l’app è stata in cima alla categoria shopping nell’App Store degli Stati Uniti e nel Google Play Store. L’ascesa di Temu rappresenta una minaccia per giganti come Amazon e Shein, entrambi rivolti a consumatori attenti ai costi e dipendenti dalle catene di approvvigionamento in Cina.

Battaglie legali e preoccupazioni degli Stati Uniti

Shein e Temu, che hanno recentemente abbandonato le loro cause legali l’uno contro l’altro, sono sotto l’occhio delle autorità statunitensi. La Commissione di Revisione Economica e di Sicurezza USA-Cina ha pubblicato un rapporto che dettaglia le “sfide” presentate dalle piattaforme di fast fashion cinesi, citando Temu e Shein per questioni come lo sfruttamento di lacune commerciali, preoccupazioni sulla sicurezza dei prodotti e violazioni dei diritti di proprietà intellettuale.

AliExpress si adegua all’Europa

AliExpress, piattaforma internazionale online parte di   Alibaba International Digital Commerce Group, ha firmato oggi quattro nuovi impegni sui diritti dei consumatori online nell’ambito del “Consumer Protection Pledge” dell’UE, un impegno volontario da parte delle piattaforme online per garantire un ambiente sicuro e trasparente per i consumatori online. La cerimonia della firma si è svolta durante il terzo Annual Digital Consumer Event 2023, in cui la Commissione Europea ha riunito rappresentanti del Parlamento europeo, associazioni di imprese e consumatori, nonché il mondo accademico per riflettere e discutere le principali questioni digitali attualmente affrontate dai consumatori.

Firmando questo impegno oggi, dimostriamo la nostra continua determinazione a proteggere gli utenti che acquistano su AliExpress e riaffermiamo il nostro impegno a collaborare con la Commissione Europea, nonché con le autorità di vigilanza del mercato e le associazioni dei consumatori, per migliorare la sicurezza dei prodotti e dei consumatori online“, ha affermato Eric Pelletier, Vice-Presidente e Responsabile delle Relazioni Governative Internazionali del Gruppo Alibaba.

Crediamo che gli impegni volontari siano importanti per garantire che i consumatori siano al centro di tutto ciò che facciamo, oltre a promuovere una cultura generale di conformità e cooperazione in tutto il settore. Lavoriamo seriamente per creare un ambiente sicuro per gli acquisti online di tutti i nostri utenti e la firma di oggi rappresenta un importante passo avanti per tutti i marketplace”, ha concluso Pelletier.

Il “Consumer Protection Pledge” è composto da due parti: la prima è il “Product Safety Pledge+” – firmato lo scorso marzo – la seconda, gli “Impegni sui diritti dei consumatori digitali”.

Con la nuova iniziativa firmata oggi, che entrerà in vigore a luglio 2024, AliExpress si assumerà ulteriori responsabilità nel garantire la sicurezza dei consumatori che acquistano online, andando oltre quanto già stabilito nel Digital Services Act (DSA) e nel prossimo Regolamento Generale sulla Sicurezza dei Prodotti (GPSR). I nuovi “Impegni per la protezione dei diritti dei consumatori online” affrontano alcuni degli aspetti chiave in materia del diritto del consumatore, tra cui:

1) Misure volte a facilitare l’esercizio di alcuni diritti dei consumatori dell’UE, inclusa la fornitura ai consumatori di funzionalità online semplici, trasparenti e facilmente accessibili per esercitare il diritto di recesso e comunicare con le piattaforme attraverso l’interazione umana;

2) Misure per rendere le recensioni dei consumatori più trasparenti ed affidabili, con politiche chiare sulle recensioni dei consumatori per i venditori, incluso il divieto di recensioni false, la modifica delle recensioni dei consumatori o l’incentivazione dei consumatori a pubblicare recensioni positive;

3) Misure per rendere più trasparente le attività di marketing degli influencer online, garantendo la divulgazione degli accordi commerciali in modo chiaro e inequivocabile in tempo reale;

4) Misure per informare e formare i venditori sulla normativa UE in materia di tutela dei consumatori, attraverso attività formative per i venditori che operano sui mercati online.

Nel 2018, AliExpress è stato uno dei quattro firmatari fondatori dell’originale Product Safety Pledge, promosso dalla Commissione Europea e successivamente firmatario del Product Safety Pledge+ migliorato ed aggiornato nel marzo 2023. I nuovi impegni per la protezione dei consumatori online sono stato firmati da 11 piattaforme online al Digital Consumer Event 2023 al Parlamento Europeo a Bruxelles. L’evento è stato moderato da Isabelle Pérignon, Direttrice Consumatori, DG Giustizia e Consumatori della Commissione europea, alla presenza del Commissario alla Giustizia Didier Reynders.

AliExpress 

Creata nel 2010, AliExpress è una piattaforma di e-commerce business-to-consumer (B2C) che consente ai consumatori di tutto il mondo di acquistare direttamente da produttori e distributori in Cina ed in tutto il mondo. Oltre alla versione globale in lingua inglese, la piattaforma AliExpress è disponibile anche in altre 17 lingue. AliExpress fa parte di Alibaba International Digital Commerce Group.

Prosegui la lettura

Economia

Corea del Sud avvia CBDC: valuta digitale su 100.000 residenti

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti.

La Corea del Sud sta per lanciare un ambizioso progetto pilota di valuta digitale della banca centrale (CBDC) al dettaglio, coinvolgendo 100.000 cittadini selezionati nel quarto trimestre del prossimo anno. Questa iniziativa, guidata dalla Bank of Korea (BOK), rappresenta un passo significativo verso l’adozione di valute digitali nel paese.

Dettagli del progetto pilota

I partecipanti al progetto pilota potranno acquistare beni utilizzando token sotto forma di CBDC emessi da banche commerciali. La BOK ha evidenziato che una valuta digitale potrebbe risolvere problemi legati ai sistemi di voucher esistenti, come alti costi di transazione, processi complicati e lenti, limitate verifiche post-transazione e preoccupazioni su frodi.

Sviluppi recenti e piani futuri

La BOK ha delineato il suo piano pilota CBDC all’ingrosso il mese scorso, supportando depositi tokenizzati in banche commerciali ed esplorando nuove forme di prodotti finanziari. La distinzione tra CBDC all’ingrosso e al dettaglio è importante: le istituzioni finanziarie e i regolamenti interbancari utilizzano principalmente una CBDC all’ingrosso, mentre individui e aziende usano una CBDC al dettaglio per transazioni quotidiane.

Selezione della città per il Test

La banca centrale sta attualmente discutendo la selezione di una città tra tre potenziali candidati in Corea del Sud – Jeju, Busan e Incheon – come campo di prova per il pilota CBDC. Seoul, la capitale, non è inclusa nell’elenco.

Progressi precedenti e collaborazioni

La banca centrale della Corea del Sud ha lavorato su piloti CBDC dal 2020, completando due fasi di test pilota nel 2021 e 2022 per il suo CBDC al dettaglio. Ha anche eseguito simulazioni dal luglio al novembre 2022, insieme al Korea Financial Telecommunications & Clearings Institute (KFTC) e 14 banche commerciali. Per i progetti di simulazione, la banca centrale ha collaborato con diversi partner tecnologici, tra cui Samsung Electronics, Ground X, ConsenSys, KPMG, Kakao Bank, Kakao Pay e altri.

Tecnologia Offline CBDC di Samsung

Dopo la simulazione, Samsung ha firmato un memorandum d’intesa con la Bank of Korea per condurre ricerche sulle valute digitali. Queste valute digitali potrebbero funzionare con i telefoni e gli orologi Galaxy di Samsung. La tecnologia offline CBDC di Samsung, che utilizza la comunicazione in campo vicino (NFC), consente pagamenti senza contatto tra dispositivi quando sia il mittente che il destinatario sono disconnessi da Internet.

Contesto Globale

La Corea del Sud si unisce a un numero crescente di paesi in tutto il mondo che stanno intensificando l’esplorazione dei sistemi di valuta digitale. Giappone, India, Hong Kong e Cina sono tra i paesi che hanno lanciato o stanno pianificando programmi pilota per valute digitali. Singapore ha anche annunciato che “piloterà l’emissione in tempo reale di CBDC all’ingrosso per supportare i pagamenti tra banche commerciali” l’anno prossimo.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERSECURITY

Notizie5 minuti fa

Apple risolti due Zero-Day. Fate l’aggiornamento d’emergenza

Tempo di lettura: 2 minuti. Apple ha rilasciato l’aggiornamento di sicurezza d’emergenza per risolvere due vulnerabilità zero-day che sono state...

CISA CISA
Tech18 ore fa

CISA avvisa vulnerabilità, ICS e Gestione Documentale Giudiziaria

Tempo di lettura: 2 minuti. La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) degli Stati Uniti ha emesso avvisi critici riguardanti...

Jaxa Jaxa
Notizie2 giorni fa

JAXA colpita da un cyberattacco: rete disattivata

Tempo di lettura: < 1 minuto. L’Agenzia Spaziale Giapponese (JAXA) ha subito un grave cyberattacco, come riportato dal segretario capo...

CISA CISA
Notizie2 giorni fa

CISA pubblica quattro avvisi sui Sistemi di Controllo Industriale

Tempo di lettura: < 1 minuto. Introduzione: La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) degli Stati Uniti ha pubblicato quattro...

chrome malware chrome malware
Notizie2 giorni fa

Google Chrome risolto il sesto Zero-Day del 2023

Tempo di lettura: < 1 minuto. Google ha rilasciato un aggiornamento di sicurezza d’emergenza per Chrome, correggendo la sesta vulnerabilità...

Downloader App Google Play Downloader App Google Play
Notizie3 giorni fa

Downloader App sospesa da Google Play: caso di DMCA insolito

Tempo di lettura: 2 minuti. Downloader app sospesa da Google Play per una richiesta DMCA vaga, sollevando questioni sulla gestione...

Victor Zhora Victor Zhora
Notizie3 giorni fa

Ucraina: arrestato Victor Zhora. Ex capo della Cybersecurity

Tempo di lettura: < 1 minuto. Il governo ucraino ha recentemente arrestato Victor Zhora, ex vice capo del Servizio Speciale...

Defender Application Guard Office Defender Application Guard Office
Notizie4 giorni fa

Microsoft dice addio a Defender Application Guard per Office

Tempo di lettura: 2 minuti. Microsoft ha annunciato la deprecazione di Defender Application Guard per Office, una mossa che segna...

Notizie4 giorni fa

UK e USA: linee guida per lo Sviluppo Sicuro di AI

Tempo di lettura: 2 minuti. CISA e NCSC, insieme a partner internazionali, rilasciano linee guida per lo sviluppo sicuro di...

ownCloud ownCloud
Notizie7 giorni fa

Vulnerabilità critiche in ownCloud: esposte password amministratori

Tempo di lettura: 2 minuti. Il software open source di condivisione file ownCloud ha recentemente rivelato tre vulnerabilità di sicurezza...

Truffe recenti

Notizie2 settimane fa

Polizia Postale: attenzione alla truffa dei biglietti ferroviari falsi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli investigatori della Polizia Postale hanno recentemente individuato una nuova truffa online che prende...

app ledger falsa app ledger falsa
Notizie3 settimane fa

App Falsa di Ledger Ruba Criptovalute

Tempo di lettura: 2 minuti. Un'app Ledger Live falsa nel Microsoft Store ha rubato 768.000 dollari in criptovalute, sollevando dubbi...

keepass pubblicità malevola keepass pubblicità malevola
Notizie1 mese fa

Google: pubblicità malevole che indirizzano a falso sito di Keepass

Tempo di lettura: 2 minuti. Google ospita una pubblicità malevola che indirizza gli utenti a un falso sito di Keepass,...

Notizie1 mese fa

Nuova tattica per la truffa dell’aggiornamento del browser

Tempo di lettura: 2 minuti. La truffa dell'aggiornamento del browser si rinnova, con i criminali che ora ospitano file dannosi...

Notizie2 mesi fa

Oltre 17.000 siti WordPress compromessi negli attacchi di Balada Injector

Tempo di lettura: 2 minuti. La campagna di hacking Balada Injector ha compromesso oltre 17.000 siti WordPress sfruttando vulnerabilità nei...

Truffe online2 mesi fa

ChatGPT cerca di ingannare cuori solitari appassionati di AI

Tempo di lettura: < 1 minuto. La truffa LoveGPT rappresenta una nuova minaccia nel mondo degli appuntamenti online, sfruttando l'AI...

Notizie2 mesi fa

Nuovo avviso della Polizia Postale: attenzione allo “Spoofing telefonico”

Tempo di lettura: 2 minuti. Attenzione ai tentativi di truffa tramite "Spoofing telefonico": la Polizia Postale avvisa e fornisce consigli...

Truffe online2 mesi fa

No, la vostra pagina Facebook non sta per scadere e non è disabilitata

Tempo di lettura: < 1 minuto. La nuova vecchia truffa è indirizzata ai proprietari delle pagine a cui si vuole...

Economia3 mesi fa

MetaMask ecco la funzione di scambio ETH in valuta fiat

Tempo di lettura: < 1 minuto. MetaMask lancia una nuova funzione che permette agli utenti di vendere Ether per valuta...

truffa PWCNU truffa PWCNU
Truffe online3 mesi fa

Allerta Truffa: segnalazione di frode online su PWCNU.com

Tempo di lettura: 2 minuti. Allerta truffa: lettore segnala frode su PWCNU.com, perdendo 800€ in schema Ponzi che utilizza numeri...

Tendenza