Connect with us

Editoriali

Robot e Diritti: il Confucianesimo Come Alternativa?”

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Mentre i robot assumono ruoli sempre più importanti nel mondo, una nuova analisi propone una prospettiva diversa sui diritti dei robot, suggerendo un approccio confuciano.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

La crescente presenza di robot nella nostra società ha aperto dibattiti significativi sulla loro condizione morale e legale. Tuttavia, concedere diritti ai robot potrebbe non essere l’idea più corretta. Un’analisi recente propone invece una prospettiva diversa, basata sul Confucianesimo.

Perché concedere Diritti ai Robot potrebbe non essere la soluzione

La ricerca, condotta da Tae Wan Kim, professore associato di Etica Aziendale alla Tepper School of Business dell’Università Carnegie Mellon (CMU), è stata pubblicata su Communications of the ACM, una rivista dell’Association for Computing Machinery. “Le persone sono preoccupate per i rischi legati alla concessione di diritti ai robot”, osserva Kim. “Ma riconoscere diritti non è l’unico modo per affrontare la questione morale dei robot. Potrebbe essere più efficace considerare i robot come portatori di riti, non di diritti.”

Confucianesimo come alternativa

Nonostante molti ritengano che rispettare i robot debba portare alla concessione di diritti, Kim sostiene un approccio diverso. Il Confucianesimo, un antico sistema di credenze cinese, si concentra sul valore sociale dell’armonia; gli individui diventano distintamente umani attraverso la capacità di concepire gli interessi non solo in termini di interesse personale, ma includendo anche una dimensione relazionale e comunitaria.

Considerando i robot, Kim suggerisce che l’alternativa confuciana di assegnare riti – o ciò che lui chiama “obblighi di ruolo” – ai robot sia più appropriata rispetto alla concessione di diritti. Il concetto di diritti è spesso avverso e competitivo, e un potenziale conflitto tra esseri umani e robot è preoccupante.

“Attribuire obblighi di ruolo ai robot favorisce il lavoro di squadra, stimolando la comprensione che questi obblighi debbano essere adempiuti in modo armonioso”, spiega Kim. “L’intelligenza artificiale (IA) imita l’intelligenza umana, quindi, perché i robot si sviluppino come portatori di riti, devono essere alimentati da un tipo di IA che può imitare la capacità umana di riconoscere ed eseguire attività di squadra. E una macchina può apprendere questa abilità in vari modi.”

Iscriviti alla newsletter settimanale di Matrice Digitale

* inserimento obbligatorio

Editoriali

Meta promosso dal suo organo indipendente: spazzatura pagata da Zuckerberg

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. L’ANSA riporta una notizia che descrive una attività indipendente che in realtà non lo è. Esperti dei diritti umani che fanno finta di non vedere la censura di un social oramai distante dalla libertà di stampa.

Pubblicato

il

oversight board facebook
Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Facebook vuole far credere al mondo che è cambiato, ma la realtà non è quella espressa dal comunicato ANSA diffuso dalla società in seguito riportato in corsivo con note a commento.

Il fantomatico Oversight Board

Ad oltre due anni dal lancio, l’Oversight Board, organo che monitora il funzionamento delle piattaforme social di Meta, afferma che Facebook e le altre app del gruppo stanno migliorando dal punto di vista delle regole e del controllo della privacy per gli utenti.

Si tratta di un percorso lungo, e ancora non giunto a completamento, ma la strada intrapresa è quella giusta verso una maggiore trasparenza nell’utilizzo delle app e di come queste possono recepire, utilizzare e sfruttare i dati degli iscritti.

Che si sappia, a nessuno è capitato di avere a che fare con questa entità. Nel periodo della pandemia molti appelli degli utenti trovavano una risposta della piattaforma “che c’era poco personale” e che se proprio si voleva ottenere una risposta, bisognava provare con l’Oversight board. Nessuno di conosciuto ha mai avuto risposta dal comitato.

I limiti di Meta sono la sua forza?

L’Oversight Board è composto da quasi due dozzine di esperti in diritti umani e libertà di parola, e ha pubblicato il suo rapporto annuale che copre il lavoro e le interazioni con Meta nell’ultimo anno. Se il consiglio aveva criticato molto il colosso digitale per non aver cambiato le sue politiche nel 2021, l’ultimo documento evidenzia l’impatto che le raccomandazioni hanno avuto sull’azienda. “Nel 2022, è stato incoraggiante vedere che, per la prima volta, Meta ha apportato modifiche sistemiche alle sue regole e al modo in cui vengono applicate, comprese le notifiche e le limitazioni per i post delle organizzazioni pericolose” si legge in una nota. Il rapporto evidenzia anche le aree in cui si ritiene che Meta possa migliorare. Ad esempio nei tempi di risposta alle sue richieste, che vanno ben oltre i 90 giorni stabiliti dalle regole.

Nonostante si parli di promozione, l’Oversight Board è contento della censura di Facebook alle organizzazioni pericolose nonostante in italia si sia registrato il caso di Simone di Stefano che in campagna elettorale è stato descritto pericoloso dalla piattaforma e poi ha vinto una causa per poter svolgere regolare campagna elettorale sui social.

Oppure il comitato dei diritti umani ha forse dimenticato una multa appena comminata a Facebook dal Garante Privacy europeo?

E la causa persa da Meta in Senegal contro i lavoratori della moderazione dei contenuti sottopagati per vedere video di pedofilia e squartamenti vari senza nemmeno un adeguato supporto psicologico?

E cosa pensa l’oversight board del sistema di censura algoritmica che utilizza facebook e delle indiscrezioni trapelate dai Twitter Files dove Meta è prono a richieste governative di censura dei giornalisti e finanzia reti di fact checkers di una precisa parte politica?

Meta dovrebbe migliorare i tempi di risposta secondo il comitato ed è per questo motivo che Facebook chiederà soldi agli utenti per fornire garanzia nella risposta alle proprie istanze personali.

L’unica osservazione sincera del comitato spazzatura pagato da Zuckerberg

Vi è poi la mancanza di una traduzione delle linee guida, per i moderatori interni, nelle loro lingue natie. Secondo Meta, tutti i collaboratori parlano correttamente l’inglese, quindi non vi è bisogno di tradurre i testi in vari idiomi. Non la pensa così l’Oversight Board, che afferma come il basarsi solo su una singola lingua “possa far perdere ai revisori il contesto e le sfumature tra lingue e dialetti differenti” il che può causare errori nell’interpretazione e nell’applicazione delle norme

Molti dei ban o dei blocchi derivano proprio dall’errata traduzione degli operatori, ma in primis dell’intelligenza artificiale che poi rimanda allo scarso servizio di assistenza che si dovrà pagare in futuro se lo si vorrà efficiente.

Conclusioni

Basta poco a smontare il fantastico mondo degli unicorni descritta da una società che quotidianamente abusa della libertà di espressione, della libertà di stampa e gode di privilegi sociali sperando di accecare le menti dietro 24 persone che magari si sono svendute per un incarico di “prestigio”.

Prosegui la lettura

Editoriali

Esperti sollecitano la consapevolezza cyber in risposta all’abuso e alla manipolazione crescente dell’IA

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Gli esperti sottolineano l’importanza della consapevolezza cyber per contrastare l’abuso e la manipolazione dell’Intelligenza Artificiale.

Pubblicato

il

Auditoria.AI: rivoluzionare le funzioni finanziarie attraverso l'Intelligenza Artificiale
Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

I progressi tecnologici hanno permeato ogni aspetto della vita umana, vegetale e animale. Con l’aiuto dell’intelligenza artificiale e della robotica, è possibile determinare la crescita e l’età degli alberi, aiutare le persone con disabilità a riguadagnare l’uso delle loro parti del corpo disabili e rintracciare e trovare animali vaganti. Nonostante i progressi e i progressi realizzati dall’IA, sono stati registrati diversi incidenti di manipolazione, abuso e disinformazione dell’IA.

Incidenti dell’IA

Il database degli incidenti dell’IA ha mostrato che il primo incidente risale al 2015, quando l’app YouTube Kids di Google ha esposto i bambini a contenuti inquietanti. Un altro incidente registrato nel febbraio 2023 riguardava Mohammed Khadeer, 35 anni, in India, le cui caratteristiche di riconoscimento facciale corrispondevano a quelle di un sospetto rapinatore di catene. Khadeer è stato presumibilmente torturato e ucciso in custodia di polizia a causa di questo errore. Nel maggio dello stesso anno, un avvocato, in un caso tra Mata vs Avianca Inc, si è affidato a ChatGPT per la ricerca in tribunale. L’IA ha portato alla luce casi giudiziari, che quando l’avvocato ha presentato, il tribunale ha stabilito che non esistevano e le citazioni erano false. Questo ha portato alla punizione dell’avvocato per aver citato casi falsi.

Chiamata all’azione

Di fronte a questi incidenti, uno dei “padrini” dell’IA, il premio Nobel per l’informatica, il professor Yoshua Benigo, ha dichiarato di sentirsi “perso nel suo lavoro di vita”. Benigo, insieme ad altri scienziati, ha firmato una lettera scritta dal Centre for AI Safety che avverte che l’IA potrebbe portare all’estinzione dell’umanità e causare eventi catastrofici come guerre nucleari e pandemie. Lo scienziato ha inoltre chiamato alla registrazione e alla formazione etica dei costruttori di IA.

Consigli per la sicurezza

Con la vulnerabilità degli strumenti di IA e robotica, gli esperti consigliano agli utenti di essere vigili per prevenire l’alimentazione di informazioni a coloro che potrebbero generare un prototipo. È importante la vigilanza e la consapevolezza nelle interazioni sui social media per prevenire la suscettibilità ai truffatori. Se non si fa nulla, gli impatti negativi dell’IA aumenteranno e supereranno i positivi.

Prosegui la lettura

Editoriali

Per uno spot da 4 soldi, il Garante Privacy ha escluso l’Italia dal tour Europeo di Chat GPT

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. Oltre al danno tecnico, la beffa istituzionale. Unico paese democratico al mondo ad aver preso le distanza dall’azienda di Altman. Che ha ricambiato subito

Pubblicato

il

chat gtp garante privacy italiano
Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Sam Altman di OpenAI ha viaggiato per tutta l’Europa dimenticandosi di fare tappa nella splendida Italia che risulta tra le sue nazioni preferite come egli stesso ha dichiarato in occasione del contenzioso con il Garante Privacy.

Il capo di ChatGPT ha avviato una serie di lunghi viaggi in giro per il mondo incontrando i diversi governi saltando però il Bel Paese. Le riflessioni potrebbero anche essere molteplici, e la scelta di saltare il duo Italia e Vaticano ha indignato molti tecnici ed analisti del settore tra cui giornalisti che timidamente hanno ha avuto il coraggio di parlare delle presunte responsabilità sulla mancata visita nello stivale del nuovo Tycoon del mondo Big Tech.

Non c’è da stupirsi se però si considera che l’Italia sia stata l’unica nazione “democratica” a bloccare ChatGPT per un mese e questo assunto è stato più svolte smentito dall’Autorità Garante per la Protezione dei Dati del nostro paese nonostante la stampa internazionale ha sempre parlato di un blocco nei confronti dell’attività dell’intelligenza artificiale più famosa del mondo. Solo in Italia c’è stato chi da analista, da professionista e da giornalista ha spesso portato avanti la tesi che Chat GPT si fosse autoesclusa dal mercato perché in difetto.

Dopo un confronto tra le parti, a cui avrebbe partecipato addirittura lo stesso Altman come dichiarato dal comunicato vittorioso del Garante Privacy a suo tempo, oltre a stabilire quali fossero le richieste tecniche per conformare OpenAI al GDPR, la società doveva avviare una campagna informativa con lo stesso Garante su tutti i media per sensibilizzare le persone al trattamento dei dati in occasione dei nuovi quanto sconosciuti applicativi di intelligenza artificiale che stanno spopolando anche tra la massa. Ad oggi, a distanza di 15 giorni da quando sarebbe dovuta partire la campagna informativa, il 15 maggio 2023, non vi è traccia di pubblicità istituzionale su alcun media, ed oltre al clamore che più volte si è ritagliata l’Autorità Garante in giro per il mondo, quello che resta dell’evento è l’assenza di una tappa italiana dal tour di Sam Altman, ospitato in giro perl ‘Europa non di certo per parlare del GDPR.

I soldi della pubblicità valgono più delle visite Istituzionali

Quanto occorso in questi giorni non va assolutamente nella direzione di un buon lavoro svolto nei confronti di una nuova tecnologia da parte dell’unico organismo al mondo che ha da subito bloccato un applicativo con una inusitata velocità scaturita da un provvedimento urgente sottoscritto dal presidente del collegio, chiedendo tra l’altro in cambio dei soldi sottoforma di sanzione un investimento sotto forma di pubblicità istituzionale su cui non è stato nemmeno emesso un bando per la selezione dell’agenzia pubblicitaria nè tantomeno per la diffusione.

Una gestione politica di un evento che ha favorito i nostri competitor

Una gestione politica che può essere abbondantemente giudicata negativamente e che ha recato un danno di immagine al paese messo in secondo piano rispetto a Portogallo, Spagna, Germania, e Francia. Nonostante l’Italia sia una delle mete preferite dal CEO di OpenAI, Sam Altman ha fatto intendere che la sede europea del colosso chat GPT verrà aperta proprio in sotto la Torre Effeil. Se così fosse, l’attività del Garante della Privacy è stata utile a rafforzare la posizione concorrenziale di un paese estero con l’ingresso di nuovi investimenti di una delle società più solide al mondo dal punto di vista della crescita del proprio valore che avrebbe portato nuovi posti di lavoro.

Garante dei cittadini francesi?

Considerando che questo tipo di attività spesso ricorre all’interno del nostro paese , urge considerevolmente una posizione da parte del Governo di stabilire quelle che sono materie di interesse nazionale su cui dovrebbe scattare, magari con un provvedimento urgente, la verifica da parte di chi ha a cuore gli interessi nazionali nel settore strategico dell’economia globale. Forse solo così sarà chiaro a chi ricopre incarichi pubblici di onorare al meglio il proprio stipendio possibile grazie ai fondi dei contribuenti che individuano nella classe politica e nella classe dirigente da lei indicata, uno stakeholder delle proprie economie.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie5 ore fa

Attacco alla criptovaluta di Atomic Wallet: è stato Lazarus

Tempo di lettura: < 1 minuto. L'APT nordcoreano è probabilmente dietro un recente attacco ai clienti di Atomic Wallet, con...

Notizie14 ore fa

Anonymous Sudan lancia una nuova ondata di attacchi DDoS su organizzazioni americane, incluso Microsoft

Tempo di lettura: 3 minuti. Anonymous Sudan annuncia attacchi cybernetici su organizzazioni americane, tra cui Microsoft, con una serie di...

Notizie15 ore fa

Kimsuky mira a think tank e media con attacchi di social engineering

Tempo di lettura: < 1 minuto. Il gruppo di hacker nordcoreano Kimsuky lancia una campagna di social engineering contro esperti...

Notizie1 giorno fa

Bufala o realtà: le capacità cybernetiche russe sono abbastanza robuste da paralizzare l’Ucraina?

Tempo di lettura: < 1 minuto. Analisi delle capacità cybernetiche russe e del loro impatto potenziale sull'Ucraina, alla luce delle...

Notizie2 giorni fa

Kimsuky si spacciano per giornalisti per raccogliere informazioni strategiche

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli hacker sostenuti dal governo nordcoreano stanno cercando di rubare preziose intuizioni geopolitiche a...

Notizie2 giorni fa

Un appaltatore aerospaziale statunitense subisce un attacco hacker tramite il backdoor ‘PowerDrop’

Tempo di lettura: < 1 minuto. Sono stati utilizzati strumenti nativi di Windows per infettare almeno un appaltatore della difesa...

Notizie4 giorni fa

Australian Signals Directorate rivela: zero day click contro i terroristi isis

Tempo di lettura: < 1 minuto. L'Australian Signals Directorate ha rivelato di aver utilizzato attacchi zero-click sui dispositivi utilizzati dai...

Notizie6 giorni fa

Il Cremlino accusa la NSA di spiare gli utenti iPhone russi

Tempo di lettura: 2 minuti. La Russia sta accusando gli Stati Uniti di utilizzare gli iPhone per spiare i cittadini...

Notizie6 giorni fa

Kaspersky rileva un attacco su iPhone dei dipendenti attraverso un malware sconosciuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Kaspersky, la società russa di cybersecurity, ha rivelato che hacker lavorando per un governo hanno...

Notizie7 giorni fa

Kimsuky imita figure chiave per condurre attacchi informatici mirati

Tempo di lettura: 2 minuti. Le agenzie di intelligence statunitensi e sudcoreane mettono in guardia da nuove tattiche di ingegneria...

Truffe recenti

Notizie3 giorni fa

PostalFurious colpisce Emirati Arabi Uniti con un astuto schema di phishing via SMS

Tempo di lettura: < 1 minuto. Attenzione alle truffe di phishing! PostalFurious, una gang di lingua cinese, si finge un...

Truffe online3 giorni fa

Criminali utilizzano questa tattica Semplicissima per inviare link malevoli che Funziona

Tempo di lettura: 2 minuti. I criminali stanno utilizzando una tattica sorprendentemente semplice per cercare di indirizzare le vittime verso...

"Re dell'inganno telefonico" condannato a 13 anni per il servizio "iSpoof" "Re dell'inganno telefonico" condannato a 13 anni per il servizio "iSpoof"
Tech2 settimane fa

“Re dell’inganno telefonico” condannato a 13 anni per il servizio “iSpoof”

Tempo di lettura: 2 minuti. Il colosso delle truffe telefoniche, Tejay Fletcher, è stato condannato a 13 anni di carcere...

Inchieste1 mese fa

Truffa Tandem – Kadena. Altri 30.000 euro incassati dai criminali senza pietà dei problemi delle vittime

Tempo di lettura: 3 minuti. Continuano le segnalazioni alla nostra redazione. Ecco i "volti" ed i numeri di telefono dei...

Inchieste2 mesi fa

Le ombre dietro Vinted: truffe, blocco di account e mancanza di assistenza

Tempo di lettura: 2 minuti. Una realtà ben diversa dalla pubblicità in TV

Notizie2 mesi fa

Un anno di carcere per l’hacker di Silk Road responsabile del furto di $3,4 miliardi in Bitcoin

Tempo di lettura: < 1 minuto. James Zhong rubò 51.680 Bitcoin nel 2012, sfruttando una vulnerabilità del sistema

Truffe online2 mesi fa

Cos’è il blocco del credito e come può proteggere la tua identità e le tue finanze?

Tempo di lettura: < 1 minuto. Scopri come il blocco del credito può aiutare a prevenire furti d'identità e frodi...

Inchieste2 mesi fa

Fake Kadena, women scam continues on Tandem app. Watch out for these profiles

Tempo di lettura: 4 minuti. Three Italians scammed by a self-styled "Londoner" on a bogus trading platform that takes its...

Inchieste2 mesi fa

Falso Kadena, continua la truffa per donne su app Tandem. Attenti a questi profili

Tempo di lettura: 4 minuti. Tre italiane truffate da un sedicente "londinese" su una piattaforma di trading fasulla che trae...

Tech2 mesi fa

Proprietario di Euromediashop condannato a 4 anni per truffa su PS5 e prodotti tech

Tempo di lettura: < 1 minuto. Il titolare del sito che ha ingannato numerosi clienti in cerca di PS5 e...

Tendenza