Connect with us

Inchieste

INCHIESTA ANONIMATO ONLINE: The Pirate spiega cosa sono i BOT e ci svela il codice segreto di Twitter

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

Marattin, che ancora stiamo aspettando risponda alla nostra richiesta di intervista, ha proposto di associare ad ogni profilo social, un documento di identità. Abbiamo visto come il prof. Stefano Zanero abbia smontato l’intera proposta e nonostante questo siamo andati ad ascoltare un’altra campana. Da un accademico, passiamo ad un tecnico, esperto di sicurezza informatica che risponde al nome di Andrea “The Pirate”. Andrea è un esperto di BOT e di OSINT, analisi flussi social per intenderci, ed è un riferimento per molti che bazzicano nel mondo degli automi informatici. 

Con lui oggi cercheremo di rispondere a dei quesiti elementari per molti, ma sconosciuti alla massa che ultimamente viene bombardata dai media con il termine BOT senza sapere realmente di cosa si tratta.

Cosa è un bot e qual è il suo utilizzo?

Un bot altro non è che un processo automatico, robotizzato, da qui il termine.

Perché non si ha una considerazione positiva dei bot?

Perché in molti casi fingono di essere umani, perché c’è un idea distorta data da tv etc… in realtà i chatbot ad esempio sono molto utili in molti settori.

Può esistere una etica dei bot?

Mai sentita, presumo che sia legata all’etica di chi li programma.

Non credi che questa storia delle analisi Twitter e dei BOT assoldati dall’una e dall’altra parte politica stia sfuggendo di mano? Anche perché ho scoperto un troll che offendeva la sinistra e condivideva dei tweet contro Salvini.

Ho visto tante analisi, ma di serie molto poche, anche perché per fare analisi di questo tipo occorre avere fatto tante botnet. Ad esempio ho visto analisi da dati catturati con lo streaming, che è la soluzione migliore, ma quando gli chiedi come hanno fatto, finisce che hanno catturato i dati da un’unica api,  senza un sistema di code, usando database non relazionali etc etc. I Social hanno algoritmi per proporti i contenuti, per discorsi pubblicitari e di altro genere, su facebook è evidentissimo ad esempio,  però è così un po su tutti, quindi usare un unica api è vincolante e limitativo, ti verrà proposto più o meno ciò che cerchi. Già qui devi fare uno studio dell’algoritmo, prepararti account diversi per cercare di catturare più flussi possibili. 

Insomma non è semplice come può sembrare, è una cosa molto affascinante, ogni social ha in prevalenza la sua fascia d’età, tipo i giovani che hanno i genitori su facebook li trovi su instagram e mille mila dinamiche di questo tipo.  Non dico questo per scoraggiare l’analisi, anzi, credo sia una cosa interessantissima, social diversi, approcci diversi, comparazione dei dati, lettura ocr sulle immagini, c’è un mondo divertentissimo. Ho sentito attribuire provenienza alle botnet, con frasi tipo “i bot russi”, se avessero creato una botnet saprebbero che twitter (ad esempio) permette di creare dai 6 agli 8 account con un ip, non certo una botnet e che quindi è prassi l’utilizzo di servizi vpn ad esempio… di conseguenza non puoi dire veramente da dove arrivano. Puoi però sapere tante cose anche solo dall’id, da qualche anno twitter lo assegna con un algoritmo chiamato “snowflake” che ti restituisce la data di creazione (già quella vera, non quella del json), datacenter, worker, sequence. Con questi dati è facile notare che spesso le date del json e quella reale di creazione non coincidono, perché chi crea questi bot li vende per più campagne e quindi è costretto a  cancellare i contenuti dell’account per promuovere altra roba… ma questo è un altro discorso. 

Il professor Zanero sostiene che per pulire i social dai BOT è necessari rendere onerosa la loro esistenza nell’ecosistema sei d’accordo?

nel 99% dei casi , in linea di massima, mi trovo d’accordo con il Prof, in questo caso ni, nel senso che che credo non tocchi a noi pulire a casa degli altri.

Ricordiamoci che siamo su un social, sarà compito di chi gestisce il social arginare il problema Twitter (visto che parliamo di quello) ultimamente lo sta facendo, anni fa potevi creare account con una get passando dal sottodominio mobile, non vi era controllo ip durante il tweet o il fav ad esempio, oggi una botnet la devi gestire cambiando ip come fai in fase di registrazione, questo ti costringe ad usare più macchine se vuoi tentare di farti vedere dall’algoritmo dei TT ad esempio, hanno inserito il cellulare e sono comparse farm con muri di telefoni, oggi bastano alloggiamenti multischeda ma la lotta è continua. 

Marattin sostiene che c’è bisogno di associare l’identità digitale a quella reale, soprattutto sui social, qual è la tua opinione?

E’ una misura facilmente aggirabile, e tecnicamente ormai è palese a tutti che sia una boiata. Per prima cosa dovremmo definire “social”, un forum è un social ? Reddit ? etc etc

Non credo sia giusto dare i documenti di un paese in mano a tutti, sarebbe solo utile ad aumentare i vettori d’attacco. Se è vero che sono scettico sulla privacy, credo che ce la siamo venduta in cambio di qualche punto fragola, è anche vero che i dati sono il nuovo petrolio… regalare i nostri pozzi a multinazionali straniere non mi pare affatto geniale. Il mio parere è anche umano, l’anonimato è un diritto e non va calpestato. Pensiamo che ci sono paesi che hanno regimi dittatoriali dove la gente per parlare usa strumenti di anonimato come tor. Se il prezzo da pagare per la libertà di parola anche di un solo individuo è qualche traffico illecito e qualche insulto, a me sembra un affare onestamente. 

E quali invece le tue proposte?

La mia proposta è l’educazione digitale. Vedi Livio, Internet è la cosa che ha condizionato il mondo più di tutte le altre scoperte avvenute prima, forse più anche della ruota, è impensabile che a scuola non vi sia una materia dedicata,  e non parlo di informatica, ma di educazione alla rete, come porsi nei confronti degli altri, come filtrare la miriade di contenuti che abbiamo a disposizione e valutare quali siano veri o falsi ad esempio. 

L’informazione in italia tende a delegittimare Salvini asserendo che utilizza una mandria di bot per amplificare il suo messaggio politico, ma è solo la destra?

Non è sicuramente solo la destra, diciamo che loro lo hanno fatto in maniera più goffa… ricordo ancora che avevano account che twittavano la stessa cosa in sequenza, uno dietro l’altro, senza nemmeno un metodo random.

In Italia comunque penso che i processi automatici non siano influenti in termini di votazioni, sono balle che vi raccontano in TV, trasmissioni che parlano di fake news e di influenza politica, quando in realtà è quello che stanno facendo loro nel raccontarvelo. Vi spiego perchè, i bot che ho visto sono fatti malissimo, sgamabili a vista d’occhio, non hanno seguaci, non rispondono, il loro compito al massimo può essere quello di aumentare i follower oppure il numero di RT o fav, tutti effetti arginabili con un minimo di istruzione alla rete, bisogna guardare il contenuto e non i numeri. 

Chi storicamente invece è stato il primo ad utilizzarli in ambito politico?

Non lo so, ma ripeto le percentuali all’estero della presenza di bot sono molto più alte e i bot sono fatti veramente meglio… ho visto bot con bio perfette, interagire con altri tramite ai, seguire e farsi seguire, utilizzare tecniche di tipo evilurl nella creazione delle api in modo che quando leggi il source con un encode leggi twitter for iphone i invece è scritto con caratteri diversi e twitter lo fa passare.

Se vi è capitato di aprire un account twitter, probabilmente vi sarete accorti che, ancora prima di completare la bio o aver fatto un tweet, vi trovate qualche follower. Bene, quelli sono bot che seguono i nuovi utenti, perchè sanno che se sei nuovo e uno ti segue, con molta probabilità ricambierai il follow. Questo per dire che c’è dietro anche dell’ingenieria sociale, hanno capito che un bot per poter arrivare deve essere visto, questi bot sono tutti stranieri.

Commenti da Facebook

Inchieste

Minori e pedopornografia: dal dark web una ricerca che deve far preoccupare i genitori

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

L’associazione finlandese “Protect Children” per avere riscontri sul consumo di filmati vietati in rete lancia una pietra nello stagno e la risposta è agghiacciante. L’idea di pubblicare un sondaggio nel dark web ha avuto un riscontro positivo in termini di partecipazione degli utenti. Cinquemila frequentatori della parte oscura di internet, famigerata più per i traffici illeciti che per la diffusione di Internet libero e anonimo, hanno risposto al sondaggio pubblicato su una pagina .onion nel circuito Tor, scelto proprio perché garanzia di anonimato.

I dati che emergono dalla ricerca non sono dei migliori ed il numero di persone che vi ha partecipato non è poi così ridotto per delineare un fenomeno sempre crescente ed i motivi risultano essere ancora più chiari da questa ricerca.

Il questionario è stato presentato in lingua inglese e spagnola, ma gli attivisti di Protect Children riferiscono che sono arrivate anche risposte in lingua araba cinese e russa.

I dati dell’orrore

Il 70% degli intervistati ha dichiarato di aver visto per la prima volta i filmati pedopornografici quando era ancora minorenne.

Il 40% di questi quando era al di sotto dei 13 anni

Il 45% degli intervistati ha ammesso di essere in cerca di video con protagoniste femminili di età compresa tra i 4 ed i 13 anni

Il 18% vuole protagonisti maschili

Il resto invece è in cerca di contenuti con protagonisti sotto i 4 anni

La richiesta d’aiuto nelle risposte

L’anonimato potenzialmente garantito dalla rete Tor ha messo in moto, secondo gli ideatori del sondaggio, una sorta di richiesta di aiuto da parte degli intervistati. Una buona fetta di quelli che hanno partecipato al sondaggio ha fatto intendere che hanno provato più volte a smettere di guardare i video illegali e di aver cercato di porre fine a questo desiderio anche tramite atti di autolesionismo con istinti suicidi.

Considerazioni sulla ricerca

Quanto espresso nell’inchiesta denota già due profili diversi di consumatori della pedopornografia. Il primo è quello di coloro che cercano contenuti sessualmente espliciti con minori, mentre un altro è quello di coloro che sono alla ricerca di contenuti forti come sevizie e torture inflitte su una fetta di bambini appena nati o in età prescolare.

Questo ci fa intendere che nel secondo caso il bambino non è meramente un oggetto del desiderio sessuale, ma una vittima di crimini atroci il cui contorno sessuale spesso è marginale. Una tendenza questa che ovviamente fa riferimento a video presenti in rete, spesso anche facilmente consultabili, di torture e omicidi con adulti protagonisti di contenuti snuff e gore.

La richiesta di aiuto che emerge dal risultato è invece dovuta al fatto che chi guarda il filmato pedopornografico, sa di commettere un qualcosa di sbagliato, ma consumandone sempre di più, entra in quella fase di Burn Out dove il processo di valutazione della psiche tende a normalizzare un fenomeno nella maggior parte dei casi “consapevolmente sbagliato”. Non è un caso che gli operatori di sicurezza internazionale siano sotto costante terapia psicologica proprio per non raggiungere questa soglia di tolleranza a dei veri atti di orrore, essendo costretti a consumare migliaia di video proibiti per cercare di individuare i colpevoli e salvare i poveri bambini malcapitati.

Il primo video pedopornografico osservato ad una età inferiore di 13 anni, ma anche meno di 18, può dirci molto dell’identità anagrafica del partecipante al sondaggio anonimo. Nei primi anni di internet, prima che nascesse Google per intenderci, la visione di questi contenuti era facilmente raggiungibile grazie ad una mancanza di filtro da parte dei motori di ricerca dell’epoca e quindi qualsiasi bambino lasciato solo dinanzi ad un pc poteva accedere a contenuti porno che poi rimandavano a siti proibiti che mostravano sesso tra minori e adulti.

C’è però un altro dettaglio che non va sottovalutato e viene affrontato minuziosamente già dalla prima edizione di Cultura Digitale (manuale di sopravvivenza per genitori, docenti e figli) è che con l’avvento dei social di messagistica come Whats App e Telegram, l’accesso dei minori a contenuti forti è potenzialmente più alto ed è per questo che il rischio di avere una generazione di millennials consumatori di video pedopornografici è non solo concreto, ma anche reale se analizziamo alcuni casi che la cronaca ci riporta.

Inoltre, sempre spiegato nel libro, la normalizzazione negli under 18 del sesso tra adulti e minori è la strategia più diffusa dai pedofili per approcciare prima nel virtuale per poi entrare in contatto nel reale.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Inchieste

Attivisti di #OpChildSafety segnalano a Matricedigitale altri link Twitter su bambole del sesso per pedofili

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Pochi giorni fa abbiamo raccontato in esclusiva la storia delle bambole del sesso destinate ai pedofili in vendita nel dark web.

Il gruppo #1ЭЭ7РэdоНцитэяs capitanato da Fifidh ha avviato una ricerca su larga scala di questo prodotto proibito ed ha fornito 20 più di venti links provenienti da Twitter dove si possono osservare queste bambole del sesso nei loro particolari.

Fattezze asiatiche per lo più, vestite in bikini oppure come scolarette, fino ad arrivare ad abiti da ragazze immagine, le bambole per pedofili suscitano un interesse maggiore in paesi come Cina e Giappone. 

I problemi sulla materia sono tanti. Iniziamo dell’esistenza di questi prodotti, consideriamo la loro esposizione sul social Twitter accessibile a tutti e per finire non possiamo non considerare le interazioni di utenti compiaciuti a tale orrore.

Abbiamo raggiunto FifiDh e le abbiamo chiesto se è stato difficile trovare questo contenuto su Twitter e la risposta è stata destabilizzante:

“ho semplicemente cercato gli Hashtag doll”

Come giudichi la presenza di questi contenuti su Twitter?

Ritengo che Twitter stia diventando come il Dark Web

Nella mia Fanpage di Facebook, alcuni utenti hanno anche immaginato che questi strumenti possono tenere lontano i pedofili dai bambini reali, sfogando così le loro perversioni. Come ritieni questa analisi?

Non è la soluzione, ma potrebbe essere un deterrente alle loro perversioni. Purtroppo queste persone hanno un istinto predatore che non si soddisfa del tutto con delle bambole.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Inchieste

Bambole del sesso per pedofili in vendita nel Dark Web

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

A distanza di anni riemerge il mercato delle bambole gonfiabili per pedofili. La scoperta è stata fatta da noi di matricedigitale durante le nostre ricerche nel lato più oscuro della rete internet. La materia è stata affrontata già qualche tempo e riportata nel libro “la prigione dell’umanità”, ma il business sembra essere migliorato.

Non solo un modello grafico di sito web rammodernato, ma anche la presenza di un carrello di commercio elettronico. Inoltre c’è la possibilità di scegliere non più su tre modelli, ma su una ventina di campioni, compreso uno che raffigura una bambola Hentai simile alla nota Lamu. L’altezza parte dal metro fino ai 124 cm e questo denota una rappresentazione di bambine d’età compresa tra i 4 ed i 6 anni. 

Per quanto concerne invece i costi della merce proibita, si parte dai 260 dollari per arrivare fino ai 360. In una sezione del sito riservata alle Frequently Asked Questions è possibile ricavare maggiori informazioni sul servizio offerto.

In sintesi, la merce è di fabbricazione cinese, la consegna è garantita in tutto il mondo tramite DHL, ma la notizia più sorprendente è che consentono il pagamento all’arrivo con ritiro del pacco presso un punto di smistamento DHL. Unica differenza tra l’ordine pagato in anticipo e quello saldato alla consegna è la differenza di 25 euro per la consegna.

Tutto bello potrebbe sembrare se si hanno delle perversioni simili, ma c’è sempre un dubbio. Queste bambole sono bandite e quindi illegali e molto spesso dietro questi servizi, si nascondono agenti delle forze dell’ordine pronti a stanare criminali in giro nella rete. 

Speriamo sia così anche questa volta.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Tendenza

MatriceDigitale.it - Copyright © 2021, Livio Varriale - Privacy Policy