Connect with us

L'Altra Bolla

Ferragni contro Lucarelli: chi ha ragione e chi ha torto

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. Sanremo parte con la polemica social della giornalista senza peli sulla lingua, ma con tanti motivi di temere l’arrivo dell’imprenditrice digitale in Rai

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

È iniziato Sanremo e sono scoppiate subito le polemiche. A tenere banco nei primi giorni è stata la parentopoli denunciata da alcuni quotidiani contro la gestione Amadeus che ha augurato il pizzico di pepe all’edizione del 2023. L’ultima polemica che invece ha interessato anche il mondo dei social è stata quella messa in piedi da Selvaggia Lucarelli contro Chiara Ferragni e l’idea di deporre il cachet sanremese ad una associazione che si occupa di contrastare la violenza sulle donne .

In sintesi, i 150.000 € che l’influencer dovrà incassare per la sua partecipazione al Festival saranno date in beneficenza e l’iniziativa ha preso piede su tutti gli organi di stampa con un’ampia risonanza ed il rimbombo è giunto fino ai social network come ogni iniziativa di visibilità vuole. Selvaggia Lucarelli è stata molto abile, come al solito, a colpire nel segno individuando nella somma riconosciuta all’imprenditrice digitale una spicciolata della quale può tranquillamente privarsene ed ha ricalcato il detto che “chi fa pubblicità beneficenza, deve farlo in silenzio senza ostentarlo”. 

Ma chi ha ragione tra la giornalista peperina e l’influencer?

Secondo quanto dichiarato dalla Lucarelli, le ragioni ci sono tutte anche perché Chiara Ferragni andando a Sanremo guadagnerà molti altri soldi dovuti all’indotto dei suoi sponsor, vecchi e nuovi, che approfitteranno del momento di massima esposizione mediatica per investire sul placement dei propri prodotti sfruttando l’immagine della già famosa influencer impegnata nell’evento canoro dell’anno. Basta fare un calcolo spiccio, per dirlo alla Lucarelli, dividendo l’immagine di Chiara Ferragni in diversi pezzi, e possiamo tranquillamente dire che andata sul palco potrà esporre gioielli, vestiti, scarpe ed eventuali accessori. Se un post sui social dell’influencer viene pagato 50.000 €, è possibile immaginare che le entrate pubblicitarie per ogni “discesa” dalle scalinate più famose d’Italia varranno un introito di 150.000 € moltiplicati per i cambi di vestiti, scarpe, gioielli ed altro ancora che vi saranno in ogni apparizione sanremese.

Se tutto va bene, la moglie di Fedez porterà a casa almeno 300.000 € senza toccare soldi che erroneamente vengono definiti pubblici perché Sanremo rappresenta una delle produzioni più prolifiche della Rai che grazie agli sponsor ha un bilancio sempre positivo in termini di entrate e di ascolti. Non sappiamo ancora, tra l’altro, se in gara ci saranno cantanti tra i senior o i giovani della scuderia di Fedez. Questo è un altro fattore che Selvaggia Lucarelli non ha calcolato e che invece potrebbe garantire maggior successo ed entrate derivanti nei mesi a venire quando qualche hit dell’universo imprenditoriale collegato al marito dell’influencer macinerà consensi e ascolti nelle radio solo perché ha partecipato al Festival di Sanremo, figuriamoci se poi lo vincerà. L’opposizione della Lucarelli si fonda su validi motivi, ma c’è da considerare un altro fattore:

da quale pulpito proviene questa polemica?

Selvaggia Lucarelli, giornalista ed influencer del mondo dell’informazione, anche lei deve la sua notorietà allo stesso sistema che sta in questo momento incensando Chiara Ferragni seppur su un binario diverso. C’è anche una sorta di rivalità femminile su due punti. Il primo è che la presenza della Ferragni nella Rai è concorrenziale o potrebbe esserlo in futuro alla Lucarelli che teme di trovarsela giudice a Ballando con le Stelle o addirittura concorrente. Un aspetto da non sottovalutare è quello delle esperienze di vita che hanno condiviso sia la Ferragni che la Lucarelli per quello che concerne i rapporti amorosi di natura tossica:

che la giornalista si sia sentita invasa nello spazio di una tematica a lei molto cara e che più volte le ha dato grande notorietà sugli stessi quotidiani che oggi lodano la scelta della Ferragni di accendere un riflettore sulla violenza contro le donne? 

La sfida tra la giornalista e l’imprenditrice digitale è appena iniziata e sicuramente porterà scintille in futuro nella stessa televisione pubblica italiana perché la sensazione di molti è proprio il fatto che sia Fedez e sia la Ferragni, grazie al grimaldello Amadeus, siano stati sdoganati definitivamente anche nell’universo politicizzato di Mamma Rai.

Iscriviti alla newsletter settimanale di Matrice Digitale

* inserimento obbligatorio

L'Altra Bolla

In questa foto della Ferragni c’è una donna che ha bisogno di aiuto dalla società moderna che auguriamo ai nostri figli

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Trucco errato, vestiti che mettono in evidenza un corpo insano, proposto come modello da chi crea donne manichino portandole sui palchi. L’influencer ha bisogno di aiuto?

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

La presenza di Chiara Ferragni a Sanremo, può piacere o meno, ha stabilito la verità su un personaggio famoso, portato come modello italiano di successo in giro per il mondo dalla stampa, quella collegata soprattutto agli investitori pubblicitari, e che merita un breve approfondimento.

Bisogna avere compassione e aiutare l’influencer

In primo luogo, la differenza visiva tra social, vita reale e tv. La protagonista di successo del make up che si presenta con un trucco sbagliato che la rende irriconoscibile, con un vestito che mette in evidenza la debolezza del fisico. Inutile approfondire i dialoghi, l’immagine di una protagonista dei social che esce dai filtri delle foto nelle applicazioni e sbarca in tv è disastrosa. Non è body shaming, ma un dato di fatto. Perchè Chiara Ferragni non è bellissima, ma è portatrice di quel modello che lo sport, la medicina e la scienza combattono da tempo contro i canoni della stessa moda che l’ha messa lì sul palco a suon di sponsorizzazioni.

L’apoteosi dell’anoressia

Ai vostri figli direte di ricercare la felicità in loro stessi o nell’approvazione degli altri? La foto di profilo tratta dalla TV è eloquente. Soglia vicina all’anoressia, la TV ingrassa solitamente, fisico rachitico con gravi problemi posturali: segni di scarsa cura di sè e tanta sofferenza fisica. Un binomio perfetto per lanciare messaggi sociali da parte proprio di chi propone un corpo di donna nudo per rivendicare dei diritti. Non parlateci di messaggio positivo però, perchè c’è nulla di positivo nel ruolo di Ferragni come testimonial di una causa, soprattutto se viene proposta come donna che ce l’ha fatta. No, non è questa l’immagine di una donna che ce l’ha fatta, bensì di una donna schiacciata da canoni che l’hanno resa famosa in un mondo virtuale e che rappresenta il modello di una donna corrotta dalla società che l’ha cannibalizzata in cambio del successo.

Più parla, più è spenta e più è telecomandata … non proprio come la donna che dice di essere ed il modello che propone perchè, in fondo, la verità dei social è lo stesso paradosso che li comprende.

Quello che si vede in rete è l’opposto di come è realmente nella vita reale.

“figlio/a vedi quella signora? ha bisogno di aiuto”

Prosegui la lettura

L'Altra Bolla

Repubblica come Orsini: nominato Antony Sbatti Segretario di Stato USA

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Chi di traduzione ferisce, di traduzione perisce.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

La carriera universitaria di Orsini è stata massacrata dopo che il professore di sociologia della Luiss ha tradotto il cognome Broad in Ampio durante un video registrato.

L’articolo, firmato dalla Redazione politica di Repubblica, è stato parte di una giusta campagna irrisoria nei confronti dell’odiato professore considerato amico dei “russi”, narcisista e poco accademico da una buona parte della Stampa che gli ha dedicato un articolo su questo argomento perchè anche l’insulto è virale.

Secondo quanto evidenziato dagli occhi attenti della Rete nel cercare refusi ed imprecisioni, l’articolo pubblicato da Repubblica sul pallone spia cinese è frutto di un copia e incolla da un articolo estero. Nessuno se ne sarebbe accorto se ad essere stato modificato non fosse stato il Segretario di Stato USA Blinken, definito nell’articolo Sbatti, errore frutto di una traduzione non verificata.

Secondo i canoni di NewsGuard, a cui fanno riferimento tutte le testate del gruppo Gedi per avere il bollino verde pubblicitario, ogni modifica degli articoli dovrebbe essere riportata nel testo. In questo caso manca, come in molti altri casi su altre testate che vendono qualità dell’informazione su carta bollata.

Il trucco che viene riportato spesso per eludere i canoni di Newsguard è certamente quello di scrivere l’ora e la data dell’aggiornamento o utilizzare la dicitura “in aggiornamento”. Tutto questo mentre i piccoli editori, fessi, se sbagliano ottengono il bollino rosso senza passare per il VIA.

Prosegui la lettura

L'Altra Bolla

Il “Foglio” e la gogna mediatica per il libero cittadino Piersilvio Berlusconi

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. La differenza tra informazione e propaganda, dovrebbero spiegarla i giornalisti, nel caso dell’AD di Mediaset è il pubblico ad evidenziarla.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Piersilvio Berlusconi intervistato dal Corriere esprime dubbi da cittadino sulla presenza di Zelensky a Sanremo ed è subito polemica.

A sorprendere è il tweet de Il Foglio che prende le distanze dal numero uno di Mediaset stupendosi “dello stupore su Zelensky a Sanremo, ma non di Lavrov nella sua emittente”. Qui è doveroso fare una considerazione di natura giornalistica.

Lavrov, Ministro degli Esteri russo, ha rilasciato un’intervista con il contraddittorio di un giornalista. Seppur non sia stato secondo molti un episodio di grande giornalismo, perchè troppo assecondato alle tempistiche del volto di Putin all’estero, la trasmissione che lo ha ospitato è Zona Bianca: un approfondimento giornalistico e quindi di informazione.

Inoltre, Lavrov era in collegamento dalla Russia ed il ritardo tecnico, che molti ignorano perchè abituati ad accendere la tv senza conoscere il lavoro che c’è dietro, ne ha impedito il botta e risposta. Sorprende che si colpevolizzi Berlusconi di aver fatto fuori Biagi dalla Rai, quando lo stesso ha intervistato mafiosi senza che nessuno lo giudicasse sul personale.

La presenza di Zelensky a Sanremo è invece uno spazio riservato al capo di un governo in guerra, ad oggi pare tramite un video registrato e senza contraddittorio, che chiede armi all’Italia che di fatto è in guerra con la Russia non solo dal punto di vista bellico, ma anche commerciale con i danni per i suoi cittadini quantificati in almeno 45 miliardi di euro tra spese, forniture, costo delle materie energetiche ed inflazione.

Sanremo non è una trasmissione di informazione, ma l’evento canoro più importante del nostro paese che è quello più distante nell’opinione pubblica dalle posizioni in favore della guerra “per ottenere la pace”.

Se si ospita un leader, aggredito, è chiaro che si sta prendendo le sue posizioni e quindi non si sta optando per un dialogo di pace, a maggior ragione che allo stesso tempo lo si rifornisca di armi. In effetti Sanremo e la musica dovrebbero lanciare messaggi diversi dal reclutamento dell’opinione pubblica sullo scontro bellico ed ideologico.

In sintesi :

se A ha intervistato con contraddittorio B in una trasmissione giornalistica è informazione

se A ospita un premontato senza contraddittorio in una trasmissione canora, spiace dirlo, è propaganda.

La strategia giustizialista del garantista Il Foglio

La cosa che sorprende è il linguaggio utilizzato dal quotidiano, noto per essere garantista ed attento alle problematiche della giustizia, nel segnalare al pubblico l’editoriale, legittimo sia chiaro, di critica al vice presidente di Mediaset.

In primo luogo descrive Piersilvio Berlusconi dirigente Mediaset, ma facendo una ricerca veloce su Google il suo ruolo è: Dall’aprile 2000 è vicepresidente del Gruppo Mediaset e presidente e amministratore delegato di R.T.I. Dal maggio 2015, oltre a conservare l’incarico di vicepresidente, è amministratore delegato e membro del Comitato Esecutivo del Gruppo Mediaset.

Forse è un pò di più di un dirigente, quindi perchè svilire quello che in altri articoli l’americanista Foglio dedica ad altre persone l’appellativo di CEO o Amministratore Delegato?

Cosa ancora più allarmante è il fatto che venga descritto al pubblico come “figlio di” Silvio Berlusconi. E’ un fatto innegabile anche questo, ma non è rilevante ai fini di una sua considerazione personale che non esprime il pensiero del padre. Anzi, sorprende invece come si stuzzichi il pubblico dei detrattori del padre per transitare critiche personali anche al figlio. Nemmeno ai figli dei mafiosi, il Foglio ha riservato questo trattamento.

Guai a mettere le opinioni sulla guerra

Il messaggio è chiaro, per chiunque sia dubbioso sul conflitto ucraino e la strategia occidentale per risolverlo, è nemico del popolo, più di un mafioso e la macchina del fango è pronta a partire non dal basso, ma dall’alto delle redazioni. La notizia si è divisa in condivisioni di offese personali a Piersilvio Berlusconi “figlio di”, ma nei contenuti sono intervenuti in molti a difendere quello che dovrebbe essere difeso in primis dai giornalisti: il concetto di informazione ed il diritto all’informazione.

Quando invece si attacca chi rivendica una posizione netta in favore del ruolo dell’informazione e lo si mette alla gogna umiliandolo pubblicamente come ha fatto il Foglio, c’è da preoccuparsi. Perchè fa intendere che si respira aria di guerra e vige una legge marziale, Zelensky in primis lo ha insegnato, dove non c’è spazio per l’informazione, bensì per la propaganda.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie11 ore fa

Intelligenza Artificiale e guerra: come si muove il mondo

Tempo di lettura: 3 minuti. I Paesi devono risolvere le sfide dell'ondata di intelligenza artificiale per vincere guerre e conflitti...

Notizie3 giorni fa

Russia, nuove varianti spyware Gamaredon, prendono di mira le autorità ucraine

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLo State Cyber Protection Centre (SCPC) dell’Ucraina ha denunciato l’attore russo sponsorizzato dallo...

Notizie3 giorni fa

Attacco hacker: Cali di rete, rischio ransomware e molta disinformazione.

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenutoLattacco hacker che ha colpito l’Italia rappresenta una novità seppur attesa dalle nefaste...

Notizie3 giorni fa

Italia, Attacco Hacker in corso. ACN e CSIRT lanciano l’allarme WMWARE

Tempo di lettura: 2 minuti. Una vecchia vulnerabilità sfruttata da Hive oppure c'è un attacco al perimetro cibernetico del paese?

Notizie1 settimana fa

Guerra cibernetica: escalation dopo la fine della guerra tra Ucraina e Russia

Tempo di lettura: < 1 minuto. Le prime dichiarazioni dal Cybertech di TelAviv fanno comprendere che il mondo sarà sempre...

Notizie1 settimana fa

NikoWiper: il malware che ha preso di mira il settore energetico ucraino

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenutoSandworm, affiliato alla Russia, ha utilizzato un altro ceppo di malware wiper, denominato...

Multilingua1 settimana fa

Ucraina colpita dal quinto Wiper “SwiftSlicer”

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoL’Ucraina ha subito un nuovo attacco informatico da parte della Russia che ha...

Notizie2 settimane fa

Killnet mette a sedere i siti web tedeschi

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoGli hacker attivisti russi hanno messo offline diversi siti web tedeschi mercoledì in...

Notizie2 settimane fa

Ex diplomatico: Cina spia i cittadini con frigoriferi, portatili e lampadine britannico

Tempo di lettura: < 1 minuto. Secondo un rapporto inviato al governo dall'ex diplomatico, la tecnologia "cavallo di Troia" rappresenta...

Notizie3 settimane fa

NoName057 offre ricompense finanziarie per partecipare agli attacchi DDoS

Tempo di lettura: 2 minuti. Ai volontari vengono offerte ricompense fino a 80.000 rubli per attacchi riusciti con il client...

Truffe recenti

Truffe online1 settimana fa

Truffa Facebook Little Flowers ai danni de La Repubblica: la matrice è cinese

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenuto In questi giorni abbiamo analizzato come attraverso Google Adwords è possibile veicolare...

Truffe online1 settimana fa

Truffa da 25.000 euro su Hiobit.com : la matrice è asiatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Da Tinder ad un sito internet di trading, come un profilo asiatico è riuscito a...

Truffe online1 settimana fa

Pacco e contropaccotto: Vinted consente truffa “Morada” ai danni dei suoi venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Altro venditore di 500 euro, la società ha rimborsato il criminale a migliaia di km...

Truffe online3 settimane fa

Malware trasmesso da Google Ads prosciuga l’intero portafoglio di criptovalute di un influencer NFT

Tempo di lettura: 2 minuti. Un link pubblicitario sponsorizzato su Google ha nascosto un malware che ha travasato migliaia di...

Notizie1 mese fa

“Entra nell’Interpol” la nuova truffa sui social media che spopola in Sud Africa

Tempo di lettura: 2 minuti. L'Organizzazione internazionale di polizia criminale (Interpol) ha lanciato un allarme su una truffa online che...

DeFi2 mesi fa

Scandalo FTX, i genitori di Sam Bankman Fried sono indagati: confermata l’inchiesta di Matrice Digitale

Tempo di lettura: 2 minuti. Avrebbero speso i fondi societari per acquisti personali e sono il collante con le "coperture"...

Truffe online3 mesi fa

Sospettati di uno schema Ponzi arrestati in Grecia e Italia ricercati da INTERPOL

Tempo di lettura: 2 minuti. INTERPOL ha lanciato l'IFCACC all'inizio di quest'anno, per fornire una risposta globale coordinata contro la...

Truffe online3 mesi fa

Truffa del Trust Wallet PayPal

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta da Trend Micro, la truffa che sfrutta il brand di PayPal, può essere così...

Truffe online4 mesi fa

Sospetto arrestato in relazione a una frode di investimento da un milione di euro

Tempo di lettura: 2 minuti. L'azione ha portato l'Europol a rilasciare consigli in tal senso.

Truffe online4 mesi fa

I truffatori e i disonesti al telefono: è possibile fermarli?

Tempo di lettura: 4 minuti. I consigli di Sophos e l'invito di Matrice Digitale a segnalarli al nostro modello

Tendenza