Connect with us

Notizie

Campania Puglia e Molise a maggior rischio sicurezza informatica

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Attacchi alla vulnerabilità della sicurezza informatica in Campania e Sud Italia prima sporadici, sono diventati una minaccia costante, conseguenza della rapidissima evoluzione delle tecniche di aggressione e della debolezza del sistema. Ma possiamo sperare di colmare il gap grazie al Piano nazionale di ripresa e resilienza, come riporta il Ministero del Sud, che promette di avere un impatto sul Pil grazie ai 221 miliardi di euro messi a disposizione tramite il recovery fund. Le stime parlano di una crescita – nel quinquennio 2021-2026 – del 22,4%, rispetto ai valori registrati nel 2020, e naturalmente tutto ciò passa dalla buona e sicura digitalizzazione.

Un totale di 489 potenziali vulnerabilità, 536 e-mail compromesse, 123 indirizzi IP e 346 servizi esposti su internet: questi i dati del Cyber Risk Indicators Report rilasciato da Swascan, controllata di Tinexta Cyber (Tinexta Group), polo italiano della cybersicurezza, che analizza il potenziale rischio cyber delle imprese del Meridione, condotta nel mese di agosto 2021 e appena pubblicata.

L’indagine ha riguardato un campione di 20 aziende del Sud Italia, distribuite in maniera omogenea sul territorio e selezionate in ciascuna regione tra le prime 100 per fatturato: per le prime sei regioni – Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna – sono state selezionate 3 aziende, mentre in Molise 2.

Il Security Operation Center (Soc) di Swascan, operando esclusivamente su informazioni pubbliche e semipubbliche reperibili nel web, dark web e deep web, ha identificato un totale di 489 potenziali vulnerabilità, di cui il 20% di livello alto e il 70% di livello medio, con 27 e-mail compromesse in media per dominio. Le vulnerabilità, principalmente riferibili al mancato aggiornamento dei sistemi o a sistemi non patchati o i cui protocolli di desktop remoto risultano esposti, sono così distribuite: 10 aziende sono prive di potenziali vulnerabilità, 4 aziende hanno tra 1 e 25 potenziali vulnerabilità, 3 aziende hanno tra 26 e 50 potenziali vulnerabilità e 3 aziende hanno più di 50 potenziali vulnerabilità.

Lo scenario di rischio cyber che emerge da questa panoramica è da collegare al divario digitale delle regioni del Sud, collocate nelle ultime posizioni della classifica elaborata sulla base del Digital Economy and Society Index regionale 2020 elaborato dall’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano.

L’analisi, condotta utilizzando i servizi di Threat Intelligence mirati a identificare le potenziali minacce, ha permesso di individuare, sulla base del campione preso in considerazione, le regioni maggiormente esposte a possibili attacchi informatici di cyber crimine. Campania, Molise e Puglia sono esposte a livello critico, con una media di oltre 50 vulnerabilità già disponibili pubblicamente. Segue la Sicilia, con una media di vulnerabilità tra 26 e 50 che determina una elevata esposizione al rischio cyber. Basilicata, Calabria e Sardegna hanno infine una esposizione al rischio cyber di tipo medio, con una media tra 1 e 25 di vulnerabilità.

“Le evidenze di criticità – spiega Pierguido Iezzi, Ceo e Cyber Security Director di Swascan – mostrano come le aziende del Sud Italia possono essere facile preda di attacchi ransomware, mirati alla richiesta di un riscatto per ripristinare i sistemi e le reti manomesse attraverso le più disparate tecniche di assalto digitale: dal social engeneering, usato per ottenere l’accesso ai computer attraverso l’inganno o la manipolazione delle vittime indotte a cliccare su link maligni o a fornire informazioni sensibili o personali, ai botnet, grandi reti di computer compromessi la cui potenza di elaborazione viene utilizzata all’insaputa dell’utente per svolgere attività criminali. Il ransomware – dice ancora Iezzi – è la minaccia principale, dal momento che permette facili profitti agli hacker criminali. I file vengono prima copiati e poi crittografati, gli utenti non possono lavorare, i dati rischiano di essere pubblicati o messi in vendita sul dark web con gravi danni alla reputazione aziendale. L’80% delle aziende che cedono ad un ricatto informatico – riporta Iezzi – finiscono per subire un secondo attacco, per non parlare del fatto che il 46% delle aziende colpite non è riuscita a recuperare totalmente i dati compromessi. Il danno economico è reale: il 66% delle imprese ha riportato una significativa perdita di entrate a seguito di un attacco ransomware. Inoltre le richieste di riscatto aumentano: il 35% delle aziende ha pagato cifre tra i 350.000 e 1.400.000 dollari, mentre il 7% ha pagato riscatti superiori a quest’ultima cifra”.

Per consultare la ricerca clicca qui

Commenti da Facebook

Notizie

Gli attacchi informatici dell’Iran contro Israele sono aumentati, dice l’esercito

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: < 1 minuto. La radio ha citato ufficiali militari secondo cui gli attacchi sono aumentati del “70%”.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

La radio ufficiale dell’esercito israeliano ha dichiarato ieri che c’è stato un aumento “notevole” degli attacchi informatici iraniani contro le infrastrutture di Israele.

Negli ultimi mesi, l’occupazione israeliana è stata testimone di diversi attacchi informatici ai propri aeroporti e alle proprie risorse civili e militari, di cui Teheran è ritenuta responsabile.

All’inizio di quest’anno il capo della sicurezza informatica di Israele ha ammesso che l’Iran – insieme a Hezbollah e Hamas – è il suo rivale più importante per quanto riguarda la guerra informatica.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Notizie

Python: vulnerabilità in corso da 15 anni mette a rischio 350.000 progetti

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. La falla, segnalata come CVE-2007-4559 (punteggio CVSS: 6,8), è radicata nel modulo tarfile, il cui sfruttamento potrebbe portare all’esecuzione di codice da una scrittura arbitraria di file.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Si ritiene che ben 350.000 progetti open source siano potenzialmente vulnerabili allo sfruttamento a causa di una falla di sicurezza in un modulo Python che è rimasto senza patch per 15 anni.

I repository open source coprono una serie di settori verticali, come sviluppo software, intelligenza artificiale/apprendimento automatico, sviluppo web, media, sicurezza e gestione IT. La falla, segnalata come CVE-2007-4559 (punteggio CVSS: 6,8), è radicata nel modulo tarfile, il cui sfruttamento potrebbe portare all’esecuzione di codice da una scrittura arbitraria di file. “La vulnerabilità è un attacco di tipo path traversal nelle funzioni extract e extractall del modulo tarfile, che consente a un utente malintenzionato di sovrascrivere file arbitrari aggiungendo la sequenza ‘..’ ai nomi dei file in un archivio TAR”, ha dichiarato Kasimir Schulz, ricercatore di sicurezza di Trellix, in un articolo.

Originariamente divulgato nell’agosto 2007, il bug riguarda il modo in cui un archivio tar appositamente creato può essere sfruttato per sovrascrivere file arbitrari su un computer di destinazione semplicemente aprendo il file. In parole povere, un attore di minacce può sfruttare la debolezza caricando un file tar dannoso in modo tale da poter sfuggire alla directory in cui un file è destinato a essere estratto e ottenere l’esecuzione di codice, consentendo all’avversario di prendere potenzialmente il controllo di un dispositivo di destinazione.

“Non estrarre mai archivi da fonti non attendibili senza un’ispezione preliminare”, si legge nella documentazione Python per tarfile. “È possibile che i file vengano creati al di fuori del percorso, ad esempio membri che hanno nomi di file assoluti che iniziano con ‘/’ o nomi di file con due punti ‘..'”. La vulnerabilità ricorda anche una falla di sicurezza recentemente divulgata nell’utility UnRAR di RARlab (CVE-2022-30333) che potrebbe portare all’esecuzione di codice remoto. Trellix ha inoltre rilasciato un’utility personalizzata chiamata Creosote per la scansione dei progetti vulnerabili a CVE-2007-4559, utilizzandola per scoprire la vulnerabilità nell’IDE Spyder Python e in Polemarch. “Se non controllata, questa vulnerabilità è stata involontariamente aggiunta a centinaia di migliaia di progetti open e closed-source in tutto il mondo, creando una notevole superficie di attacco alla catena di approvvigionamento del software”, ha osservato Douglas McKee.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Notizie

Cake Defi lancia Earn: 10% Apy con funzione di Protezione Dalla Volatilità

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

“Come piattaforma di Finanza Decentrata Centralizzata (CeDeFi), la nostra attività è quella di fornire ai nostri utenti buoni rendimenti sui loro investimenti in criptovalute con una trasparenza completa”.

Cake DeFi ha lanciato un nuovo prodotto di investimento ibrido che consente agli utenti di godere di rendimenti competitivi sui loro asset di criptovalute attraverso un servizio di estrazione di liquidità unilaterale che fornisce ricompense giornaliere proteggendo gli utenti dalla volatilità del mercato.

Denominato EARN, il nuovo prodotto di CeDeFi consente agli utenti di allocare Bitcoin (BTC) o DeFiChain (DFI) per ricevere ricompense in moneta nativa ogni 24 ore, con un rendimento percentuale annuo (APY) del 10% circa. I rendimenti in EARN saranno inoltre autocompostati per generare rendimenti ancora maggiori.

L’offerta include una funzione di protezione dalla volatilità che risponde alle preoccupazioni sulla volatilità del mercato e sul suo impatto sui fondi degli utenti. La funzione è progettata per proteggere gli utenti da perdite impermanenti, coprendo le potenziali perdite nel caso in cui i prezzi delle criptovalute fluttuino drasticamente.

Gli investitori sono diventati sempre più avversi al rischio dopo l’inverno delle criptovalute.
Combinando gli alti rendimenti del Liquidity Mining con la funzione di protezione dalla volatilità, EARN mira a distinguersi dalla massa come mezzo per generare flussi di cassa dall’allocazione di asset di criptovalute esistenti con la garanzia di non avere rischi di controparte e di essere protetti da perdite impermanenti.

Julian Hosp, cofondatore e CEO di Cake DeFi, ha commentato: “Il nostro ultimo prodotto EARN è stato lanciato per rispondere alle esigenze del mercato odierno. Con l’inverno delle criptovalute, gli investitori sono diventati sempre più avversi al rischio, soprattutto perché molte piattaforme di finanza centralizzata (CeFi) sono diventate insolventi o stanno affrontando problemi di liquidità. In qualità di piattaforma di Finanza Decentrata Centralizzata (CeDeFi), il nostro compito è quello di fornire ai nostri utenti buoni rendimenti sui loro investimenti in criptovalute in totale trasparenza.

“Ci si può sempre fidare di Cake DeFi perché si può sempre verificare. EARN consentirà agli utenti di ottenere rendimenti imbattibili su Bitcoin che potranno monitorare in modo trasparente sulla blockchain. La funzione di protezione dalla volatilità li proteggerà anche da perdite impermanenti, soprattutto in tempi di volatilità del mercato”.

La comunità degli investitori ha sempre più spesso ritenuto una buona regola limitare le criptovalute a una quota compresa tra il 5% e il 10% del portafoglio complessivo.

L’inverno delle criptovalute, tuttavia, ha visto l’azzeramento di 2.000 miliardi di dollari dal picco del 2021. Insieme all’incombente alta inflazione, gli investitori esperti e alle prime armi stanno iniziando ad adottare un approccio più conservativo alle criptovalute.

Cake DeFi’s Earn mira a rispondere a questo nuovo approccio al rischio con un prodotto che offre un rendimento considerevole. Secondo quanto riferito, la fintech con sede a Singapore e focalizzata sulla finanza decentralizzata ha superato il traguardo di 1 milione di clienti e ha versato un totale di 375 milioni di dollari in premi per i clienti alla fine del secondo trimestre del 2022.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie4 ore fa

Gli attacchi informatici dell’Iran contro Israele sono aumentati, dice l’esercito

Tempo di lettura: < 1 minuto. La radio ha citato ufficiali militari secondo cui gli attacchi sono aumentati del "70%".

Multilingua3 giorni fa

Anonymous viola i siti web dello Stato iraniano dopo la morte di Mahsa Amini

Tempo di lettura: 2 minuti. I due principali siti web del governo iraniano e alcuni siti dei media sono stati...

Notizie5 giorni fa

Russia guerra cibernetica coinvolge anche i i satelliti

Tempo di lettura: 2 minuti. Il Committee of Concerned Scientists ha lavorato per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla situazione degli scienziati....

Notizie7 giorni fa

Documenti NATO rubati all’insaputa del Portogallo: messi in vendita nel Dark Web

Tempo di lettura: 4 minuti. I fascicoli top secret sono stati sottratti dall'Agenzia di Stato Maggiore delle Forze Armate del...

Notizie1 settimana fa

Taiwan vigila mentre la Cina scatena la sua guerra informatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Nel tentativo di resistere alle aggressioni cinesi, Taiwan ha aumentato le spese per la difesa...

Notizie1 settimana fa

Hacker iraniani colpiscono obiettivi nella sicurezza nucleare e nella ricerca genomica

Tempo di lettura: 3 minuti. La società di sicurezza aziendale Proofpoint ha attribuito gli attacchi mirati a un attore di...

Notizie2 settimane fa

La Cina accusa l’unità TAO della NSA di aver violato la sua università di ricerca militare

Tempo di lettura: 2 minuti. La Cina ha accusato la National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti di aver condotto...

Notizie2 settimane fa

Tempo di lettura: 2 minuti. Diversi gruppi di hacker iraniani hanno partecipato a un recente attacco informatico contro il governo...

Notizie2 settimane fa

Microsoft mette in guardia dagli attacchi ransomware degli APT iraniani

Tempo di lettura: 2 minuti. La divisione di intelligence sulle minacce di Microsoft ha valutato mercoledì che un sottogruppo dell'attore...

Notizie2 settimane fa

Hacker ucraini seducono soldati russi via social e fanno saltare in aria la base

Tempo di lettura: 2 minuti. Un hacker ucraino ha creato falsi profili di donne attraenti sui social media e ha...

Truffe recenti

Truffe online1 settimana fa

Truffa su Kadena per 50.000 euro: donna vittima di relazione sentimentale

Tempo di lettura: 4 minuti. Dopo il caso dell'uomo raggiunto su Tinder, ecco un nuovo grave schema criminale che ha...

Truffe online2 settimane fa

4 messaggi e SMS WhatsApp “pericolosi” inviati per truffa

Tempo di lettura: 4 minuti. Vi spieghiamo alcune tipologia di attacco più frequenti sul programma di messaggistica

Notizie3 settimane fa

15 truffatori di bancomat arrestati a Gangtok

Tempo di lettura: 2 minuti. 11 provengono da Kanpur

Notizie4 settimane fa

Truffatori telefonici causano danni per oltre 320.000 euro a Berlino

Tempo di lettura: 2 minuti. Migliaia di persone sono già cadute nel tranello di truffatori telefonici che si fingono dipendenti...

Notizie1 mese fa

Ecco come si può acquistare una identità nel dark web e fare le truffe. Lo studio

Tempo di lettura: 2 minuti. Sappiamo tutti che le informazioni rubate vengono scambiate sul dark web e una nuova ricerca...

scam scam
Notizie2 mesi fa

Spagna e Romania: sventata banda di truffatori online

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLe autorità spagnole, insieme alla polizia rumena ed Europol, hanno chiuso lunedì un’operazione...

Truffe online2 mesi fa

Il phishing sbarca anche su Twitter e Discord

Tempo di lettura: 3 minuti. Anche i "social minori" sono attenzionati dai criminali informatici

Inchieste3 mesi fa

Tinder e la doppia truffa: criptovalute e assistenza legale che non c’è

Tempo di lettura: 6 minuti. Una donna conosciuta su Tinder gli consiglia di investire in criptovalute. Viene truffato e si...

Truffe online3 mesi fa

Truffe WhatsApp, quali sono e come evitarle

Tempo di lettura: 4 minuti. Ecco le otto truffe più comuni su WhatsApp, secondo ESET

Truffe online3 mesi fa

Truffa Vinted: colpiti anche i venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Continuano le segnalazioni degli utenti

Tendenza