Connect with us

Notizie

Craftsart Cartoon Photo Tools: se hai questa app devi rimuoverla subito altrimenti ti ruba le credenziali Facebook

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Un’app Android dannosa che ruba le credenziali di Facebook è stata installata oltre 100.000 volte attraverso il Google Play Store, con l’app ancora disponibile per il download.

Il malware Android è mascherato da un’app cartoonifier chiamata “Craftsart Cartoon Photo Tools“, che permette agli utenti di caricare un’immagine e convertirla in un rendering dei cartoni animati.

Nel corso della scorsa settimana, i ricercatori di sicurezza e la società di sicurezza mobile Pradeo hanno scoperto che l’applicazione Android include un trojan chiamato ‘FaceStealer,’ che visualizza una schermata di accesso a Facebook che richiede agli utenti di effettuare il login prima di utilizzare l’applicazione.

Secondo il ricercatore di sicurezza di Jamf, Michal Rajčan, quando gli utenti inseriscono le loro credenziali, l’app le invia a un server di comando e controllo a zutuu[.]info [VirusTotal], che gli attaccanti possono poi raccogliere.

Oltre al server C2, l’app Android dannosa si connetterà all’URL www.dozenorms[.]club [VirusTotal] dove vengono inviati ulteriori dati, e che è stato utilizzato in passato per promuovere altre app Android FaceStealer dannose.

Come spiega Pradeo nel suo rapporto, l’autore e il distributore di queste app sembrano aver automatizzato il processo di repackaging e iniettare un piccolo pezzo di codice dannoso in un’app altrimenti legittima.

Questo aiuta le app a superare la procedura di controllo del Play Store senza sollevare alcuna bandiera rossa. Non appena l’utente lo apre, non gli viene data alcuna funzionalità effettiva a meno che non acceda al proprio account Facebook.

Tuttavia, una volta effettuato l’accesso, l’app fornirà una funzionalità limitata caricando un’immagine specificata all’editor online, http://color.photofuneditor.com/, che applicherà un filtro grafico all’immagine.

Questa nuova immagine sarà poi visualizzata nell’app, dove può essere scaricata dall’utente o inviata agli amici.

Poiché molte app richiedono inutilmente agli utenti di accedere a un server, in molti casi Facebook, gli utenti sono diventati insensibili a queste richieste di login e più comunemente inseriscono le loro credenziali senza sospetto.

Per quanto popolari e divertenti possano essere queste app di “cartoonifier“, le persone dovrebbero essere molto caute quando installano software che richiedono loro di inserire informazioni sensibili come i dati biometrici (immagini dei loro volti).

Queste app eseguono le alterazioni dell’immagine e applicano i filtri su un server remoto, non localmente sul dispositivo, quindi i tuoi dati vengono caricati in un luogo remoto e rischiano di essere conservati a tempo indeterminato, condivisi con altri, rivenduti, ecc.

Dal momento che la particolare app è ancora sul Play Store, si può automaticamente presumere che l’app Android sia affidabile. Ma sfortunatamente, le app Android dannose a volte si intrufolano nel Google Play Store e rimangono finché non vengono individuate da recensioni negative o scoperte da società di sicurezza.

Tuttavia, in molti casi è possibile individuare app truffaldine e dannose guardando le loro recensioni su Google Play.

Le recensioni degli utenti per ‘Craftsart Cartoon Photo Tools‘ sono in gran parte negative, totalizzando un punteggio di sole 1,7 stelle su cinque possibili. Inoltre, molte di queste recensioni avvertono che l’app ha funzionalità limitate e richiede di accedere prima a Facebook.

In secondo luogo, il nome dello sviluppatore è ‘Google Commerce Ltd‘, che indica che è sviluppato da Google. Inoltre, i dettagli di contatto elencati includono l’indirizzo email Gmail di una persona a caso, che è una grande bandiera rossa.

Abbiamo visitato la pagina dello sviluppatore, ospitata su Blogspot, per leggere l’informativa sulla privacy del progetto, e vi abbiamo trovato un indirizzo email diverso, quindi c’è anche una mancata corrispondenza.

Infine, abbiamo provato a inviare un’email all’autore per un commento sulle accuse fatte da Pradeo, ma uno degli indirizzi non esiste nemmeno.

Questo può sembrare un controllo eccessivo per ogni app che installate sul vostro smartphone, ma dovrebbe essere la procedura di controllo standard per le app intrinsecamente rischiose.

Pradeo ha informato Google della natura dell’app Craftsart Cartoon Photo Tools, e Bleeping Computer ha anche inviato un messaggio al team del Play Store, quindi Google dovrebbe rimuoverla a breve.

Tuttavia, coloro che hanno l’app installata sui loro dispositivi dovrebbero rimuoverla immediatamente, resettare i loro account Facebook e attivare l’autenticazione a due fattori per una protezione aggiuntiva.

Iscriviti alla newsletter settimanale di Matrice Digitale

* inserimento obbligatorio

Notizie

Cremlino vieta iPhone a operatori coinvolti nella campagna elettorale di Putin nel 2024

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Il Cremlino ha imposto il divieto di utilizzo degli iPhone per i funzionari coinvolti nella campagna elettorale del presidente Vladimir Putin per il 2024, a causa del timore di spionaggio, come riportato dal quotidiano Kommersant. Gli ufficiali dell’amministrazione presidenziale russa, coinvolti nella politica interna, nei progetti pubblici, nel Consiglio di Stato e nei dipartimenti IT, dovranno rinunciare ai loro dispositivi di produzione statunitense entro il 1° aprile. Il Cremlino ritiene che gli iPhone siano più vulnerabili agli attacchi informatici e allo spionaggio rispetto ad altri smartphone e consiglia di sostituirli con dispositivi Android, cinesi o russi. Questa mossa si inserisce nel contesto della ricerca di una maggiore indipendenza della Russia dalla tecnologia occidentale attraverso la creazione di un “ecosistema mobile sovrano” basato sul sistema operativo russo Avrora.

Cosa è Avrora?

Avrora è un sistema operativo mobile sviluppato in Russia, originariamente progettato per dispositivi IoT (Internet of Things) e l’industria delle telecomunicazioni. Negli ultimi anni, il sistema operativo è stato adattato anche per l’uso su dispositivi mobili come smartphone e tablet, come parte degli sforzi della Russia per ridurre la dipendenza dalla tecnologia occidentale e creare un “ecosistema mobile sovrano”.

Avrora è basato sul sistema operativo open-source Sailfish OS, originariamente sviluppato dalla società finlandese Jolla. Tuttavia, Avrora è stato ulteriormente modificato per soddisfare le esigenze specifiche del mercato russo e per rispettare le normative sulla sicurezza informatica del paese. L’adozione di Avrora da parte del governo e delle aziende russe è vista come un passo verso l’autosufficienza tecnologica e la protezione delle infrastrutture critiche da potenziali minacce informatiche esterne.

Prosegui la lettura

Notizie

App trojanizzate prendono di mira le criptovalute

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. Scoperte dozzine di falsi siti web Telegram e WhatsApp rivolti principalmente agli utenti Android e Windows che propinano app di messaggistica istantanea armate

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

I ricercatori di sicurezza informatica ESET hanno scoperto app di messaggistica istantanea trojanizzate che distribuiscono malware clipper

In pratica sarebbero emerse dozzine di falsi siti Web Telegram e WhatsApp che propinano agli utenti Windows e Android versioni delle relative app di messaggistica istantanea contenenti un tipo di malware che modifica il contenuto degli appunti.

Falsi siti web Telegram e WhatsApp (Fonte Eset)

Secondo l’analisi, questi clipper potrebbero abusare dei messaggi istantanei e carpire frasi di recupero dei crypto wallet riconoscendo il testo, sfruttando l’OCR, dagli screenshot rubati .

Codice per recupero OCR (Fonte Eset)

I Clipper

I clipper lo ricordiamo sono codici malevoli che possono alterare il contenuto degli appunti di un dispositivo. I clipper possono pertanto aiutare gli attaccanti a rubare, come in questo caso, criptovalute intercettando i dati degli appunti e sostituendo gli indirizzi con quelli dei wallet a cui possono accedere i criminali. Infatti gli utenti spesso copiano e incollano questi indirizzi tramite gli appunti invece di digitarli a causa della loro lunghezza in termini di stringhe di caratteri.

Lo scopo principale dei clipper è intercettare le comunicazioni di messaggistica della vittima e sostituire qualsiasi indirizzo crypto wallet inviato e ricevuto con indirizzi appartenenti agli aggressori“, si legge nel rapporto Eset.

Modus operandi

In questa campagna, gli operatori malevoli prenderebbero di mira gli utenti di lingua cinese distribuendo il malware tramite annunci Google che attirano gli utenti su falsi canali YouTube, da dove vengono poi reindirizzati verso falsi siti Web di WhatsApp e Telegram.

Catena d’infezione (Fonte Eset)

I clipper per Android

Diversi sarebbero i tipi di clipper osservati da Eset basati su Android:

  • Un tipo infetta i dispositivi, utilizzando l’OCR per trovare e rubare frasi di recupero. Per fare questo, le app sfruttano un legittimo plug-in Android di machine learning chiamato ML Kit.
  • Un altro tipo monitora le conversazioni di Telegram per parole chiave relative alla criptovaluta, inviando il messaggio completo carpito ad un server remoto presidiato.
  • Un altro riesce a cambiare l’indirizzo del wallet e rubare dati del dispositivo e dati di Telegram come contatti e messaggi.

I clipper per Windows

ESET avrebbe anche scoperto dei tipi di clipper per Windows tra i quali un tipo che riesce semplicemente a scambiare gli indirizzi wallet e altri che al posto di dirottare verso host infetti e rubare criptovalute, distribuiscono trojan di accesso remoto (RAT), in particolar modo GH0st RAT.

Verificare la legittimità delle fonti web

È di qualche giorno fa l’allerta della Polizia Postale sulla crescente diffusione di applicazioni malevole, spesso consigliate per ottimizzare il funzionamento dello smartphone, che in realtà provocano l’esecuzione di componenti malware.

Il consiglio sempre valido resta quello di verificare la legittimità delle fonti e le recensioni degli utenti.

Si ricorda inoltre che scaricare app e programmi “mod” è poco affidabile e il download di software pirata/crackato oltre che essere pratica illecita può mettere a serio rischio la sicurezza dei nostri dispositivi e la privacy dei nostri dati.

Prosegui la lettura

Notizie

Microsoft, vulnerabilità zero-day contro infrastrutture critiche. Emotet sfrutta OneNote

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 4 minuti.

Un rapporto di Mandiant suggerisce che una vulnerabilità zero-day è stata presente per circa 12 mesi. La CVE-2023-23397 riguarda un problema nel client Outlook che non richiede alcuna interazione dell’utente e per il quale sono disponibili dimostrazioni di exploit. Mandiant considera questa vulnerabilità ad alto rischio poiché può consentire un’escalation di privilegi senza interazione o privilegi dell’utente.

Dopo lo sfruttamento, un attaccante potrebbe autenticarsi a diversi servizi e spostarsi lateralmente. L’exploit della vulnerabilità zero-day è semplice e verrà probabilmente utilizzato a breve da attori per scopi di spionaggio o guadagno finanziario.

Mandiant ritiene che la vulnerabilità zero-day sia stata utilizzata per quasi un anno per attaccare organizzazioni e infrastrutture critiche. Questi obiettivi potrebbero facilitare la raccolta di informazioni strategiche e attacchi distruttivi sia all’interno che all’esterno dell’Ucraina.

Mandiant ha creato l’UNC4697 per monitorare le prime fasi dello sfruttamento della vulnerabilità zero-day, attribuita pubblicamente all’APT28, un attore del GRU russo. La vulnerabilità è stata utilizzata dal aprile 2022 contro settori governativi, logistici, petroliferi/gas, difesa e trasporti situati in Polonia, Ucraina, Romania e Turchia.

Mandiant prevede un’adozione rapida e diffusa dell’exploit CVE-2023-23397 da parte di attori statali e con motivazioni finanziarie, tra cui attori criminali e di spionaggio informatico. Nel breve termine, questi attori cercheranno di sfruttare i sistemi non ancora aggiornati per guadagnare accesso.

Da notare che:

  • Le dimostrazioni di concetto sono già ampiamente disponibili per la vulnerabilità zero-day che non richiede alcuna interazione dell’utente.
  • Oltre alla raccolta di informazioni per scopi strategici, Mandiant ritiene che questa vulnerabilità zero-day sia stata utilizzata per attaccare infrastrutture critiche dentro e fuori dall’Ucraina in preparazione di potenziali attacchi informatici distruttivi.
  • Questa vulnerabilità non colpisce le soluzioni di posta elettronica basate su cloud.

Emotet sfrutta One Note

Il malware Emotet, noto botnet di malware, sta ora utilizzando allegati email di Microsoft OneNote per evitare le restrizioni di sicurezza di Microsoft e infettare più bersagli possibili. Emotet era storicamente distribuito attraverso allegati Microsoft Word ed Excel che contenevano macro maligne. Una volta che un utente apriva l’allegato e abilitava le macro, veniva scaricata ed eseguita una DLL che installava il malware Emotet sul dispositivo.

Una volta caricato, il malware rubava i contatti e il contenuto delle email per utilizzarli in future campagne di spam. Inoltre, scaricava altri payload che fornivano accesso iniziale alla rete aziendale. Questo accesso veniva utilizzato per condurre attacchi informatici contro l’azienda, che potevano includere attacchi ransomware, furto di dati, cyber spionaggio ed estorsione.

Negli ultimi anni Emotet è stato uno dei malware più distribuiti, ma nell’ultimo anno si è fermato e ripreso a singhiozzo, per poi prendere una pausa verso la fine del 2022. Dopo tre mesi di inattività, il botnet Emotet ha ripreso le attività, inviando email maligne in tutto il mondo all’inizio di questo mese. Tuttavia, questa campagna iniziale aveva un problema, in quanto continuava a utilizzare documenti Word ed Excel con macro. Poiché Microsoft blocca automaticamente le macro nei documenti Word ed Excel scaricati, inclusi quelli allegati alle email, questa campagna avrebbe infettato solo poche persone.

Per questo motivo, BleepingComputer aveva previsto che Emotet si sarebbe spostato sui file di Microsoft OneNote, diventati un metodo popolare per la distribuzione di malware dopo che Microsoft ha iniziato a bloccare le macro. Come previsto, in una campagna spam di Emotet notata per la prima volta dal ricercatore di sicurezza abel, i criminali informatici hanno iniziato a distribuire il malware Emotet utilizzando allegati maligni di Microsoft OneNote.

Questi allegati vengono distribuiti in email di risposta che impersonano guide, how-to, fatture, riferimenti di lavoro e altro ancora. Alla mail sono allegati documenti di Microsoft OneNote che mostrano un messaggio che indica che il documento è protetto. Poi si chiede di fare doppio clic sul pulsante “Visualizza” per visualizzare correttamente il documento.

Microsoft OneNote consente di creare documenti che contengono elementi di design sovrapposti a un documento incorporato. Tuttavia, quando si fa doppio clic sulla posizione in cui si trova il file incorporato, anche se c’è un elemento di design sopra, il file verrà lanciato.

In questa campagna malware Emotet, i criminali informatici hanno nascosto un file VBScript maligno chiamato “click.wsf” sotto il pulsante “Visualizza”, come mostrato di seguito. Questo VBScript contiene uno script fortemente offuscato che scarica una DLL da un sito web remoto, probabilmente compromesso, e quindi la esegue.

Anche se Microsoft OneNote mostra un avviso quando un utente tenta di lanciare un file incorporato in OneNote, la storia ci ha dimostrato che molti utenti cliccano comunemente sui pulsanti “OK” per eliminare l’avviso. Se l’utente fa clic sul pulsante OK, il file VBScript incorporato click.wsf verrà eseguito utilizzando WScript.exe dalla cartella Temp di OneNote, che probabilmente sarà diversa per ogni utente:

“%Temp%\OneNote\16.0\Exported{E2124F1B-FFEA-4F6E-AD1C-F70780DF3667}\NT\0\click.wsf”

Lo script quindi scaricherà il malware Emotet come DLL [VirusTotal] e lo archivierà nella stessa cartella Temp. Quindi lancerà la DLL con un nome casuale utilizzando regsvr32.exe.

Emotet ora girerà in modo silenzioso sul dispositivo, rubando email, contatti e aspettando ulteriori comandi dal server di controllo. Mentre non è noto quali payload verranno installati da questa campagna, comunemente conducono all’installazione di Cobalt Strike o altri malware. Questi payload consentono ai criminali informatici che lavorano con Emotet di accedere al dispositivo e utilizzarlo come trampolino di lancio per diffondersi ulteriormente nella rete.

I documenti di Microsoft OneNote maligni possono essere bloccati Microsoft OneNote è diventato un grosso problema di distribuzione di malware, con molte campagne malware che utilizzano questi allegati. Per questo motivo, Microsoft aggiungerà migliori protezioni in OneNote contro i documenti phishing, ma non c’è una data specifica per quando questo sarà disponibile per tutti.

Tuttavia, gli amministratori di Windows possono configurare le policy di gruppo per proteggersi dai file maligni di Microsoft OneNote. Gli amministratori possono utilizzare queste policy di gruppo per bloccare completamente i file incorporati in Microsoft OneNote o consentire di specificare le estensioni di file specifiche che dovrebbero essere bloccate dall’esecuzione.

Si consiglia vivamente agli amministratori di Windows di utilizzare una di queste opzioni fino a quando Microsoft non aggiungerà ulteriori protezioni a OneNote.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie54 minuti fa

Cremlino vieta iPhone a operatori coinvolti nella campagna elettorale di Putin nel 2024

Tempo di lettura: < 1 minuto. Condividi questo contenutoIl Cremlino ha imposto il divieto di utilizzo degli iPhone per i...

Notizie20 ore fa

Gli hacker cinesi e russi usano il malware Silkloader per eludere il rilevamento

Tempo di lettura: < 1 minuto. Condividi questo contenutoLa regina canadese di QAnon, Romana Didulo, è stata etichettata come “falsa”...

Notizie1 giorno fa

NoName057 mette in palio 1 milione di rubli per chi partecipa ai DDoS

Tempo di lettura: < 1 minuto. Condividi questo contenuto Il gruppo di attivisti NoName057, conosciuto in Italia per essere stato...

Notizie4 giorni fa

Microsoft: Usa e Polonia i paesi più spiati dai russi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Condividi questo contenutoSecondo un nuovo rapporto di intelligence di Microsoft, la Russia ha intensificato...

Notizie5 giorni fa

Microsoft: come sarà il secondo anno di guerra cibernetica

Tempo di lettura: 3 minuti. "La collaborazione tra settore pubblico e privato è essenziale per la difesa cibernetica e per...

Notizie2 settimane fa

Guerra cibernetica: il Pentagono non è pronto per la terza guerra mondiale

Tempo di lettura: < 1 minuto. Competere con la Cina per non essere sopraffatti

Notizie2 settimane fa

Cozy Bear ha attaccato la Commisione Europea: l’analisi dell’esperto

Tempo di lettura: < 1 minuto. Mentre il Cremlino sforna wiper dall'inizio del conflitto, una parte dell'esercito russo prova costantemente...

lazarus lazarus
Notizie2 settimane fa

Lazarus colpisce ancora AhnLab e la COrea del Sud

Tempo di lettura: < 1 minuto. Colpiti enti ed istituzioni

Notizie2 settimane fa

Defence Cyber Marvel 2: UK e Ucraina, maestri nella risposta cibernetica alla Russia

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLa Royal Navy britannica e gli esperti di guerra cibernetica ucraini hanno combattuto...

Notizie2 settimane fa

Il Giappone ha bisogno di imparare da Israele nella guerra cibernetica?

Tempo di lettura: < 1 minuto. L'analisi di BlackBerry mostra i lati deboli di un paese circondato da Cina e...

Truffe recenti

Truffe online2 mesi fa

Truffa Facebook Little Flowers ai danni de La Repubblica: la matrice è cinese

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenuto In questi giorni abbiamo analizzato come attraverso Google Adwords è possibile veicolare...

Truffe online2 mesi fa

Truffa da 25.000 euro su Hiobit.com : la matrice è asiatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Da Tinder ad un sito internet di trading, come un profilo asiatico è riuscito a...

Truffe online2 mesi fa

Pacco e contropaccotto: Vinted consente truffa “Morada” ai danni dei suoi venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Altro venditore di 500 euro, la società ha rimborsato il criminale a migliaia di km...

Truffe online2 mesi fa

Malware trasmesso da Google Ads prosciuga l’intero portafoglio di criptovalute di un influencer NFT

Tempo di lettura: 2 minuti. Un link pubblicitario sponsorizzato su Google ha nascosto un malware che ha travasato migliaia di...

Notizie3 mesi fa

“Entra nell’Interpol” la nuova truffa sui social media che spopola in Sud Africa

Tempo di lettura: 2 minuti. L'Organizzazione internazionale di polizia criminale (Interpol) ha lanciato un allarme su una truffa online che...

DeFi3 mesi fa

Scandalo FTX, i genitori di Sam Bankman Fried sono indagati: confermata l’inchiesta di Matrice Digitale

Tempo di lettura: 2 minuti. Avrebbero speso i fondi societari per acquisti personali e sono il collante con le "coperture"...

Truffe online4 mesi fa

Sospettati di uno schema Ponzi arrestati in Grecia e Italia ricercati da INTERPOL

Tempo di lettura: 2 minuti. INTERPOL ha lanciato l'IFCACC all'inizio di quest'anno, per fornire una risposta globale coordinata contro la...

Truffe online4 mesi fa

Truffa del Trust Wallet PayPal

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta da Trend Micro, la truffa che sfrutta il brand di PayPal, può essere così...

Truffe online5 mesi fa

Sospetto arrestato in relazione a una frode di investimento da un milione di euro

Tempo di lettura: 2 minuti. L'azione ha portato l'Europol a rilasciare consigli in tal senso.

Truffe online6 mesi fa

I truffatori e i disonesti al telefono: è possibile fermarli?

Tempo di lettura: 4 minuti. I consigli di Sophos e l'invito di Matrice Digitale a segnalarli al nostro modello

Tendenza