Connect with us

segnalaci un sito truffa

Notizie

Tor sotto attacco, ancora una volta l’anonimato online non è una garanzia

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Tempi duri per la rete Tor. Ancora una volta, il servizio di rete che garantisce l’anonimato agli utenti di mezzo mondo, è stato colto in fallo con l’ennesimo bug che ha messo a rischio non solo i pedofili, ma anche coloro che hanno esigenze di navigazione per tutelare i propri diritti umani essenziali. Una diatriba etica, questa di scegliere se l’anonimato vale anche la tutela dei criminali, che va in essere oramai da tanto tempo, su cui la Russia ha deciso di effettuare una stretta definita da tutto il mondo come una attività di censura.

La Russia ha censurato Tor

Considerando che il servizio di anonimizzazione della navigazione TOR consente di accedere anche al dark web più noto ed affollato tra quelli esistenti, la Russia ha chiesto ed ottenuto di offuscare tutti i nodi di accesso al servizio per via della presenza di contenuti illegali. La terra di Putin è effettivamente fulcro di produzione dozzinale di pedopornografia con i suoi studios siberiani ed è un noto focolaio di produzione dei software malevoli che creano disagi in giro per il mondo, ma è pur vero, però, che risulta nota per esercitare il controllo del pensiero democratico su tutta la popolazione. Non è un caso che il 15% del traffico quotidiano sulla rete Tor appartenga ad utenti provenienti dalla Russia e questo dato riflette l’esigenza di sfuggire all’oppressione messo in atto dal modello di società della sorveglianza applicato da Putin e soci.

Le contromisure della rete Tor

Molti danno la notizia come nuova, ma i responsabili del progetto Tor hanno consentito ai censurati di navigare sulla rete anonima tramite i bridges a differenza dei soliti nodi. I gestori di Tor hanno creato un sito mirror ed hanno chiesto ai volontari di creare “ponti Tor”, che sono nodi privati ​​che consentono alle persone di aggirare la censura e che utilizzano un sistema di trasporto noto come obfs4, che nasconde il traffico in modo che non appaia correlato allo stesso servizio Tor. A partire dal mese scorso, c’erano circa 900 di questi ponti. Pochini se consideriamo il numero di 300.000 utilizzatori russi, a cui si aggiungono anche quelli di altri paesi dove c’è un interesse nel reprimere il concetto di navigazione anonima.

I russi hanno attaccato TOR

Sempre quelli brutti sporchi e cattivi. La storia si ripete quando c’è da trovare il colpevole di lacune informatiche conclamate. Prima di iniziare il racconto dell’ultimo attacco subito dai paladini dell’anonimato, è doverosa fare una precisazione.

  • Gli ip dei server Tor sono noti in tutto il mondo ed è per questo che vengono bloccati facilmente dagli stati che realmente vogliono contenerne l’utilizzo.
  • Se non si applica un livello di sicurezza aggiuntivo, il Provider sa che l’utente sta navigando con il servizio Tor e quindi è facile essere attenzionati.
  • La rete Tor funziona tramite lo smistamento del proprio “segnale” su tre nodi: ingresso, medio, uscita. Il nodo di ingresso conosce l’indirizzo di rete del pc che naviga, l’ultimo solo la destinazione. Quello medio invece fa da tramite tra i due.

Dopo questi appunti, arriviamo allo scandalo dell’attacco sibillino degli ultimi giorni. Secondo una segnalazione giunta a Tor, sono stati compromessi 900 nodi sui 9000 disponibili. Per compromissione si intende che il 10 per cento  delle connessioni è stato potenzialmente rintracciato grazie al fatto che tutti e tre nodi erano controllati dallo stesso attore. Il primo pensiero è andato ai russi, vuoi perchè in questi giorni stanno facendo notizia per la pressione sulla rete interna, ma si sospetta possano essere anche i cinesi che non sono da meno per quel che riguarda la censura e meno chiacchierati a livello internazionale.

I precedenti sulla stabilità di Tor

In passato è accaduto che la rete Tor sia stata messa sotto attacco per via dell’interesse che Governi e Agenzie di sicurezza nazionali ed internazionali hanno nel controllare traffici illeciti, prevenendo anche aspetti terroristici. La società Zerodium, esperta di sviluppo e vendita dei malware, ha fissato tempo addietro una taglia di 1,5 milioni di euro per uno 0-day che interessasse Tor. La redazione di Matrice Digitale ha invece denunciato per prima una falla nel no script, estensione del browser che disabilita di default il javascript, che ha esposto diversi utenti, senza sapere per quanto tempo, a rischi di sicurezza severi.

Già in passato è stata trovata una violazione degli exit node, esponendo addirittura il 40% del traffico globale, nonostante ci fossero state diverse segnalazioni da parte di un ricercatore, che aveva denunciato l’inottemperanza della fondazione nel pagare le taglie promesse ai volontari che segnalavano i bug.

In questo caso il sistema di Tor ha fallito per un concetto di logica:

se la rete X ha 9000 pc che si prestano in giro per il mondo ad offrire uno dei tre livelli di nodi, è possibile che non ci sia il rischio che una agenzia governativa possa detenere finanche il 100%?

C’è il rischio, ovviamente, e questo è uno dei motivi per cui la rete Tor non può e non deve essere considerata sicura, anzi, sarebbe utile capire come si sia arrivati alla conclusione in questo caso che l’ultimo attacco sia stato messo in piedi dai russi, cinesi e non dagli americani?

Commenti da Facebook

Notizie

La Nord Corea fa soldi derubando le piattaforme di criptovalute

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Gli operatori associati al sottogruppo Lazarus BlueNoroff sono stati collegati a una serie di cyberattacchi rivolti a piccole e medie imprese in tutto il mondo con l’obiettivo di drenare i loro fondi in criptovaluta, in quella che è un’altra operazione criminale con scopi finanziari messa in piedi dal prolifico attore nordcoreano sponsorizzato dallo stato.

La società russa di cybersicurezza Kaspersky, che sta seguendo le intrusioni sotto il nome di “SnatchCrypto“, ha notato che la campagna è in corso dal 2017, aggiungendo che gli attacchi sono rivolti alle startup del settore FinTech situate in Cina, Hong Kong, India, Polonia, Russia, Singapore, Slovenia, Repubblica Ceca, Emirati Arabi Uniti, Stati Uniti, Ucraina e Vietnam.

Gli aggressori hanno abusato sottilmente della fiducia dei dipendenti che lavorano nelle aziende prese di mira, inviando loro una backdoor Windows completa con funzioni di sorveglianza, mascherata da un contratto o un altro file aziendale“, hanno detto i ricercatori. “Al fine di svuotare alla fine il portafoglio di criptovalute della vittima, l’attore ha sviluppato risorse estese e pericolose: infrastrutture complesse, exploit e impianti di malware“.

Segui la nostra rubrica dedicata al mondo delle criptovalute

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Notizie

Ucraina sotto attacco informatico: 70 siti web buttati giù dalla manina russa.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Non meno di 70 siti web gestiti dal governo ucraino sono andati offline venerdì per ore in quello che sembra essere un attacco informatico coordinato in mezzo alle crescenti tensioni con la Russia.

“Come risultato di un massiccio attacco informatico, i siti web del Ministero degli Affari Esteri e un certo numero di altre agenzie governative sono temporaneamente giù“, ha twittato Oleg Nikolenko, portavoce del MAE.

Il Servizio di sicurezza dell’Ucraina, l’autorità di polizia del paese, ha alluso a un possibile coinvolgimento russo, puntando il dito contro i gruppi apt associati ai servizi segreti russi, mentre marchiava le intrusioni come un attacco alla catena di approvvigionamento che ha riguardato la compromissione della “infrastruttura di una società commerciale che aveva accesso ai diritti di amministrare le risorse web colpite dall’attacco“.

Proprio nei giorni precedenti, vi è stato un annuncio dell’intelligence americana per quel che concerne il rischio delle infrastrutture informatiche kazake e ucraine di essere attaccate, mentre con questa ultima operazione di defacing dei siti web istituzionali torna alla memoria il periodo degli attacchi firmati dall’apt russo Sandworm.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Notizie

Arrestata la Ransomware gang Revil. Venduta dalla Russia ad Usa ed Europa

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Il gruppo ReVil è stato soppresso dall’intelligence russa. E’ la notizia più importante del momento se consideriamo le crisi informatiche degli ultimi giorni che hanno causato squilibri politici in Kazakistan ed Ucraina secondo molti ad opera degli stessi russi. Il video della cattura da parte dell’FSB di alcuni dei componenti di una delle ransomware gang più temute nel pianeta è stato pubblicato online dalla giornalista del Washington Post Mary Ilyushina.

La giornalista ha dichiarato pubblicamente che, secondo le sue fonti, la richiesta di arresto da parte dei servizi segreti russi sia stata una cortesia alle pressioni degli USA, ma l’inusitata operazione di polizia che cade all’indomani delle accuse di attacchi informatici di tipo militare ai danni dei due paesi dell’ex Unione Sovietica, fa sollevare sospetti su una mediazione avvenuta tra Usa, Europa ed i russi. Nel corso dei blitz sono stati rinvenuti molti contanti, sia di valuta russa che di dollaro statunitense, oltre agli attrezzi del mestiere come dispositivi informatici.

Chi è Revil?

Il gruppo Revil è ideatore dell’omonimo ransomware ed è stato uno dei primi gruppi criminali a fornire un sistema di ransomware as service temuto anche dalla polizia internazionale per la sua propagazione su larga scala. Le vittime di Revil sono state molte in questi anni ed anche illustri se consideriamo Quanta technologies, Lady Gaga, Donald Trump e molti altri ancora.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura
abbonati gratis a Matrice Digitale
segnalaci un sito truffa, scam, phishing

Tendenza