Connect with us

Tech

Apple: salute, espressioni facciali…e i dati sensibili?

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Apple è da sempre in prima linea nell’utilizzo dei dati misurati dai dispositivi mobili ed indossabili per migliorare il nostro stato di salute. A breve si potranno utilizzare anche le nostre espressioni facciali. Ma i nostri dati sensibili sono tutelati?

Apple collabora con l’azienda Fierce Biotech e con l’università della California a Los Angeles (UCLA) per utilizzare le espressioni facciali nell’intento di diagnosticare in futuro ansia, depressione e decadimento cognitivo. Questo è quanto emerge da un articolo del Wall Street Journal.

L’impresa sembra particolarmente ardua ma se pensiamo che già ora l’Apple Watch è in grado di segnalare problemi cardiaci come la Fibrillazione Atriale e misurare la saturazione di ossigeno nel sangue (SpO2), allora questo obiettivo non sembra più così difficile da raggiungere almeno in teoria.

Apple è impegnata da tempo in diversi studi e collaborazioni con aziende specializzate ed università. Già in ad inizio 2021 si era parlato della collaborazione tra Apple, l’università del Michigan e l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) nell’ambito della salute dell’udito.

Analogamente, e non solo in casa Apple, si cerca di rilevare, attraverso l’analisi di decine di parametri misurati dai dispositivi indossabili, possibili indizi di infezione da Covid-19.

Negli studi che approfondiamo oggi il focus è la salute mentale. Proprio lo scorso 10 ottobre è stata la Giornata Mondiale della Salute Mentale 2021.

Il primo studio in corso è svolto in collaborazione con l’azienda Fierce Biotech. In questo caso verranno monitorati i dati raccolti dagli iPhone e dagli Apple Watch di circa 20.000 partecipanti. I parametri considerati saranno i livelli di attività fisica, l’utilizzo dello smartphone ed anche la modalità di scrittura in termini di velocità ed errori commessi. L’obiettivo dello studio è utilizzare i dati per monitorare le funzioni cerebrali nel tempo, nella speranza di cogliere anche piccoli segnali di un deterioramento cognitivo che potrebbe poi evolvere in Alzheimer.

Lo studio segue quello del 2019 nato per scoprire le possibili connessioni tra l’uso della tecnologia e le funzioni cognitive. Quello studio ha rilevato che i pazienti, già diagnosticati con lieve deterioramento cognitivo o lieve demenza, digitavano più lentamente sui loro smartphone rispetto a quelli del gruppo di controllo sano, utilizzavano inoltre i dispositivi in modo più irregolare, inviavano meno messaggi di testo e utilizzavano le App di supporto molto più spesso.

Il secondo studio parallelo e in corso è con la UCLA. In questo caso Apple e UCLA si concentrano sulla rilevazione di condizioni come stress, ansia e depressione. Lo studio, iniziato quest’anno reclutando 3.000 partecipanti volontari, analizzerà molti dati raccolti dai dispositivi. I principali saranno le immagini dalla fotocamera frontale dell’iPhone per acquisire le nostre espressioni facciali, le digitazioni dalla tastiera, l’audio, il movimento, la frequenza cardiaca e le funzioni di monitoraggio del sonno dell’Apple Watch. Tutti dati già utilizzati, al netto delle immagini che sono la vera novità, per alimentare l’APP Apple Salute.

I ricercatori sperano di tracciare una baseline (livello base di controllo) solida dal punto di vista scientifico e basata, per esempio, sulla velocità e precisione di digitazione, sulle espressioni facciali del momento, sul ritmo e frequenza dei passi e sugli schemi del sonno. Tutti dati che possono essere indicatori di salute mentale e legati alle emozioni, alla concentrazione, al livello di energia e allo stato d’animo.

I dati rilevati saranno integrati con questionari sottoposti ai volontari in merito al loro stato emotivo ed analisi cliniche specifiche.

In futuro le informazioni raccolte dagli studi di Apple con Biogen e UCLA potrebbero essere tradotte in strumenti integrati negli iPhone che possano identificare automaticamente i cambiamenti dello stato emotivo o le funzioni cognitive dell’utente. Questi risultati potranno essere usati dall’utente stesso come alert da sottoporre al proprio medico curante che è, e deve rimanere, il punto di riferimento quando si parla di salute.

Ma è tutto rose e fiori? Insomma…Non possiamo non pensare all’altro lato della medaglia cioè i problemi legati alla privacy e all’utilizzo che di questi dati potrebbero fare terze parti nel caso ne venissero in possesso.

Già perchè non parliamo più solo dei nostri spostamenti, delle nostre abitudini di acquisto o delle nostre interazioni con i Social Network, qui parliamo dei dati legati alla nostra salute. Sono dati sensibili che, se utilizzati da mani sbagliate, potrebbero profilarci anche da questo punto di vista, creando, per esempio, liste di utenti con problemi di salute e liste di utenti sani. Sarà quindi ancora più importante conoscere ed approfondire le funzioni che possano limitare la diffusione di questi dati, ma anche essere consapevoli che i rischi esistono e non possono essere azzerati.

Su questo punto specifico Apple, come riferisce il WSJ, sta pianificando di archiviare i dati raccolti solo su iPhone, senza trasferirli ai server di Apple.

Seguiremo gli sviluppi di questi e degli altri studi legati alla salute ed all’utilizzo dei dati provenienti dai dispositivi che abbiamo sempre nelle nostre tasche o al nostro polso.


Commenti da Facebook

Tech

Sicurezza informatica domestica. Proteggiamo anche i nostri router

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Solitamente i criminali informatici riescono ad abbattere le misure di sicurezza, sfruttando password amministrative o vulnerabilità non sanate e una volta ottenuto l’accesso di un sistema possono modificarne impostazioni, accedere a dati e comprometterne il regolare funzionamento

Pubblicato

il

router wifi
Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Assumere il controllo di un router senza il consenso del relativo proprietario significa commettere una violazione che può mettere potenzialmente a rischio anche tutta la rete ad esso collegata.

Solitamente i criminali informatici riescono ad abbattere le misure di sicurezza, sfruttando password di amministrazione violate o vulnerabilità non sanate e una volta ottenuto l’accesso di un sistema modificarne impostazioni, accedere a dati e comprometterne il regolare funzionamento.

Utilizzare le credenziali di accesso predefinite o sfruttare una vulnerabilità del firmware, ad esempio, sono due comuni modalità per compromettere un router:

  • se la password amministrativa di default non viene cambiata, chiunque potrebbe accedervi una volta in possesso di questa informazione;
  • la presenza di una vulnerabilità potrebbe consentire l’accesso non autorizzato alle impostazioni amministrative del router.

Perché hackerare un router?

Un criminale informatico che viola un router potrebbe dedicarsi a innumerevoli attività dannose.

Senza dubbio, l’autore della violazione potrebbe essere interessato a conoscere le preferenze di navigazione web ed a monitorare e acquisire dati da utilizzare in modo illecito. Ma non solo, un router violato potrebbe rappresentare un mezzo per:

  • attaccare altri dispositivi collegati alla stessa rete;
  • navigare gratuitamente per scopi illeciti sfruttando la connessione dati del proprietario del router;
  • reindirizzare il traffico Internet (modificando le impostazioni DNS) per connettersi ad una botnet e contribuire alla potenza di fuoco di un attacco DDos o di una campagna malspam.

La prevenzione prima di tutto

La maggior parte degli attacchi al router può essere evitata o quanto meno mitigarne l’impatto, applicando delle semplici regole di prevenzione.

Appena acquistato un router, a maggior ragione se preso di seconda mano, andrebbe subito impostata una nuova password di amministratore, proprio perché:

  • le password predefinite dei router più diffusi sono facilmente reperibili da manuali e forum online;
  • gli eventuali precedenti proprietari a conoscenza della vecchia password potrebbero tentare di continuare ad accedervi.

Inoltre anche eventuali vulnerabilità nascoste potrebbero consentire a malintenzionati di carpire le credenziali di accesso al router. Pertanto è fondamentale verificare sempre che l’accesso remoto sia disattivato e controllare periodicamente che non siano stati emessi degli aggiornamenti importanti per il proprio modello di router.

Un altro fattore importante da prendere in considerazione è la scelta del protocollo di sicurezza da adottare per la condivisione wifi. La WPA3 (Wi-Fi Protected Access 3), ad esempio, e il suo predecessore WPA2 risultano protocolli sicuri e affidabili purché vengano scelte delle password robuste.

Da evitare assolutamente invece il Wi-Fi Protected Setup ovvero il pulsante WPS. Connettere un dispositivo con la semplice pressione di un tasto e inserendo un PIN, è sicuramente una procedura semplice e comoda ma non certo sicura.

Anche cambiare l’SSID predefinito della propria rete wifi, dovrebbe essere una buona pratica. Se non personalizzato, questo identificativo consentirebbe a chiunque di conoscere il tipo di router in uso. Qualora il router ne sia dotato sarebbe opportuno anche abilitare il firewall integrato. In tal modo la rete risulterebbe protetta da traffico Internet indesiderato e potenzialmente dannoso.

In caso di violazione cosa fare

Qualora delle anomalie e un malfunzionamento (quali impostazioni DNS alterate, password amministrative bloccate, saturazione della rete) siano imputabili ad un hackeraggio del proprio router, occorre quanto prima ripristinare il dispositivo.

Ripristinando le impostazioni di default si rimuoverà qualsiasi configurazione, riportando il router allo stato in cui si trovava appena uscito dalla fabbrica. Successivamente bisognerà come già consigliato in precedenza procedere a personalizzare le configurazioni e le credenziali predefinite oltre che cercare nuovi aggiornamenti firmware per il proprio router.

Ricordiamo che il router di casa è il punto di accesso alla nostra rete casalinga. Pertanto se non vogliamo brutte sorprese, va protetto e tutelato come ogni altro nostro dispositivo elettronico ad esso collegato.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Tech

SUDO Killer – CVE-2019-14287 Controlla vulnerabilità comando SUDO Linux

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.
Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Tech

Europa e crisi dei microchip tra Covid e scelte strategiche

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 5 minuti. La crisi dei semiconduttori a livello globale mette in luce alcune carenze produttive europee tra le quali appunto tutte quelle legate alla filiera dei microchip.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

La crisi dei semiconduttori a livello globale mette in luce alcune carenze produttive europee tra le quali appunto tutte quelle legate alla filiera dei microchip.

La pandemia rappresenta per l’Europa un’occasione per affrontare alcune fragilità produttive che da molto tempo diversi osservatori mettono in luce. In fondo ogni crisi è un’occasione per affrontare criticità e governare il cambiamento invece di subirlo.

L’inerzia però con la quale si stanno muovendo i primi passi potrebbe non consentire una soluzione adeguata alle esigenze almeno nel breve termine.

Il divario esistente tra domanda ed offerta, nel caso europeo, si spiega anche con i dati relativi alla produzione specifica di microchip come riportato anche dal Sole 24 ore. Taiwan incide, per esempio, del 17% sulla ricerca, del 60% sulla produzione e del 53% sull’assemblaggio. L’Europa invece non va oltre il 2,5% nella sola ricerca ed è quasi non pervenuta sulle altre fasi del processo.

Una delle azioni messe in campo dalla Commissione Europea è rappresentata da potenziali aiuti all’industria dei semiconduttori e microchip, questo ovviamente di concerto con un aggiornamento delle regole sulla concorrenza e la proroga di alcuni sussidi per altri sei mesi.

Tutti i sussidi andranno a confluire nella proposta legislativa che la Commissione renderà pubblica probabilmente nel Q2 2022, lo European Chips Act. Sicuramente non sarà facile bilanciare le regole per la libera concorrenza con gli aiuti pubblici ad un settore che deve praticamente nascere, almeno nella forma che può dare un booster reale alle produzione Europea.

European Chips Act” riporterà l’Europa ad essere competitiva sulla produzione dei microchip?

Partiamo dai fatti concreti e da come la carenza di microchip abbia un effetto sull’economia Europea ed anche quindi sull’occupazione. Tutti possiamo toccare con mano il fenomeno, per esempio nel settore automobilistico si allungano i tempi di consegna o vengono eliminate alcune caratteristiche tecniche legate alla presenza o meno di questi componenti. Stesso discorso per videogiocatori che non possono usare alcune schede grafiche per PC oppure la nuova Console di Sony, difficile da trovare negli store.

Molti analisti ed esperti del settore pensano che la crisi possa durare ancora per gran parte del 2022. Basta infatti considerare la differenza tra offerta e domanda che, grazie a smartphone, IoT (Internet of Things) ed auto connesse, è ora notevole.

Ma i semiconduttori non sono solo al centro della nostra vita digitale, sono anche al centro della corsa tecnologica globale e quindi al centro di forti interessi geostrategici.

I microchip infatti sono una componente strategica di qualsiasi catena industriale. La corsa per i chip più avanzati è quindi una corsa verso leadership tecnologica e industriale. La corsa per i chip meno evoluti invece garantisce la continuità degli approvvigionamenti e delle produzioni.

Disporre di forniture elevate dei microchip più avanzati può condizionare la capacità di agire di uno Stato e la possibilità di guidare o meno la trasformazione digitale in atto. Cosa fanno quindi le grandi potenze?

Gli Stati Uniti, per esempio, nell’ottica di aumentare la resilienza delle catene di approvvigionamento dei semiconduttori, si stanno muovendo con un consistente investimento tramite l’American Chips Act. Questo provvedimento nasce per finanziare la creazione di un centro di ricerca americano e per supportare l’apertura di fabbriche di produzione evolute.

Taiwan, già leader mondiale per la produzione, vuole garantirsi il mantenimento del suo primato con ingenti investimenti, per esempio la TSMC investirà 250 miliardi di dollari nei prossimi 3 anni.

La Cina cerca di colmare il divario tecnologico in quanto è vincolata dalle regole di controllo delle esportazioni per evitare trasferimenti tecnologici.

L’Europa inizia a muoversi m se non agirà in fretta si troverà in ritardo.

Lo scorso settembre, presentando lo European Chips Act, la presidente Ursula von der Leyen dichiara: “Mentre la domanda globale è esplosa, la quota dell’Europa lungo l’intera catena del valore, dalla progettazione alla capacità produttiva, si è ridotta. Dipendiamo da chip all’avanguardia prodotti in Asia. Quindi non si tratta solo della nostra competitività. Anche questa è una questione di sovranità tecnologica. Quindi mettiamo su questo tema tutta la nostra attenzione”.

L’idea alla base di questa iniziativa è quella di realizzare una legge europea che integri gli sforzi nazionali fatti dagli Stati membri, in una visione e in una strategia europee coerenti.

I diversi Stati infatti stanno attualmente progettando strategie nazionali per sviluppare, sul loro suolo, attività produttive volte a ridurre le singole dipendenze.

Questa legge contribuirà anche ad evitare una corsa alle sovvenzioni pubbliche nazionali stabilendo le condizioni per proteggere gli interessi europei e posizionare ancora più saldamente l’Europa nel panorama geopolitico globale.

La nuova legge si articola su tre principi.

Strategia europea di ricerca sui semiconduttori

Il punto di forza Europeo è la sua capacità di ricerca. Ci sono diversi importanti esempi come l’IMEC in Belgio, LETI/CEA in Francia, il Fraunhofer in Germania e il CNR in Italia. Quasi tutti i produttori mondiali dipendono dalla ricerca europea condotta in questi istituti. Sarà fondamentale spingere le attività di ricerca in un’ottica strategica europea.

Piano generale per migliorare la capacità produttiva europea

Su questo fronte sarà importante monitorare la supply chain industriale, nell’ottica di anticipare possibili interruzioni future e garantire quella resilienza di cui tanto si sente parlare. Bisognerà sostenere lo sviluppo di impianti di fabbricazione europei in grado di produrre in grandi volumi i semiconduttori più avanzati (anche verso 2 nm) ed efficienti dal punto di vista energetico. Sono proprio questi componenti più pregiati a poter garantire all’Europa quella posizione di leadership a cui ambisce e di cui ha bisogno.

Cooperazione e attivazione di partnership internazionali

L’idea alla base di questa legge non è quella di produrre tutto da soli qui in Europa. È necessario infatti diversificare le nostre catene di approvvigionamento al fine di ridurre l’eccessiva dipendenza da un singolo paese o regione.

Questo ulteriore passo legislativo andrà ad affiancarsi ad altri finanziamenti europei già in corso ed al fondo IPCEI (Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo).

Il fondo IPCEI Microelettronica sostiene attività di ricerca, sviluppo e innovazione, nei cinque settori tecnologici afferenti ai microchip cioè: efficienza sul piano energetico, semiconduttori di potenza, sensori intelligenti, componentistica ottica avanzata e materiali compositi. L’obiettivo principale del fondo è supportare lo sviluppo di tecnologie e componenti microelettroniche innovative che possano essere trasferite alle industrie. In questo caso si pensa principalmente ai settori dell’automotive e dell’internet delle cose (IoT), per generare nuove applicazioni o attività di ricerca e sviluppo in questi settori.

Staremo a vedere se e come l’Europa riuscirà a conquistare quell’indipendenza tecnologica che consenta di creare un vero “valore europeo” oltre poi a posti di lavoro in aree industriali strategiche. Il 2022 sarà un anno tutto da seguire su questi temi.


Commenti da Facebook
Prosegui la lettura
abbonati gratis a Matrice Digitale
telegram matrice digitale

Tendenza