Connect with us

Tech

Installare Windows 11 su un pc vecchio: la guida veloce che ti farà risparmiare tempo

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

Avete provato ad installare Windows 11 senza riuscirci?

Questa guida risponde alle domande:

Come verificare idoneità del proprio pc con i requisiti richiesti da Microsoft

Come aggiornare da Windows 7 e 8 alla versione 11

Come attivare il boot Uefi con MBR e GPT

Come attivare il Trusted Module Platform versione 2.0

Installazione Windows 11

Dopo due giorni di riflessioni e tentativi, siamo riusciti ad installare Windows 11 su un dispositivo non molto aggiornato seppur potente.

La macchina che abbiamo utilizzato è un Intel I9 settima generazione, 80 gb di ram con scheda madre MSI X299 Raider.

Windows 11 non è a pagamento

Il nuovo sistema operativo di Microsoft è gratuito per chi passa da un Windows 10 e quindi se siete su piattaforma 7 o 8 non potete procedere all’aggiornamento diretto, ma potrete aggiornare sempre secondo la compatibilità hardware.

Inoltre, c’è bisogno che il sistema operativo abbia sulla scheda madre un avvio di tipo Uefi e che sia attivato il Trusted Platform Module (TPM) versione 2.0 che garantisce sicurezza all’Hardware.

Aggiornare Windows 11 partendo dalle versioni 7 e 8

Ad oggi è ancora possibile aggiornare Windows alla versione 11 partendo dalle editions 7 e 8. Seppur facile, ma anche insidioso, si consiglia di procedere ad un backup dei propri dati ed essere PRONTI se qualcosa dovesse andare storto.

Per aggiornare gratuitamente, utilizzate lo strumento per la creazione del supporto di installazione di Windows e da lì selezionate la voce aggiornamento(update). Inserite il vostro codice di licenza di Windows 7 o 8 e otterrete Windows 10 senza spendere nulla.

Installare Windows 11 con la compatibilità

Innanzitutto è necessario scaricare il software di compatibilità Windows Pc Health Chekup a questo link e verificare se i requisiti richiesti sono soddisfatti senza passare per l’elenco che ci costringe a cercare i nostri componenti nella lunga lista

Nel caso invece non sia tutto a posto, gli errori che potranno essere rilevati sono solitamente:

  • Non è compatibile con il sistema (vedi Hardware Obsoleto)
  • Abilitare avvio Uefi
  • Nessun TPM 2.0 rilevato

Nel primo caso, non essendo compatibile la macchina fisica è impossibile procedere oltre perché al momento non è stata rilasciata una versione che funziona indipendentemente dalla configurazione hardware e forse mai verrà immessa sul mercato.

Per abilitare UEFI, se non presente già sulla macchina, è necessario convertire prima l’hd da MBR a GPT e poi settare l’avvio da Bios

Per la terza invece è necessario impostare da Bios il TPM

Abilitare l’avvio Uefi con Hard Disk MBR o GPT

Il primo punto sembra quello più semplice, ma attenzione. In Start scrivere “Informazioni di sistema” e vedere se la modalità Bios è UEFI o Legacy. Nel nostro caso è UEFI, ma prima dell’installazione era Legacy

Prima di andare a cercare nel Bios UEFI ed impostarlo come predefinito, verifichiamo se il nostro HD sia di tipo MBR o GPT.

Premiamo tasto Windows poi scriviamo “gestione disco”

Una volta aperto, selezioniamo la nostra unità “C” con il tasto destro e scegliamo l’etichetta del menu “Volumi” e noteremo che il disco è o GPT, come nel nostro caso, o MBR

Nel caso sia Gtp allora possiamo entrare nel Bios riavviando il computer premendo alla partenza più volte il tasto canc o quelli previsti dalla vostra scheda madre. Se non lo sapete, fate una ricerca in rete, se non sapete la marca della vostra scheda, invece, non disperate e scaricate CPU_Z a questo link.

Una volta entrati nel Bios, selezionate il menu Boot o Avvio e modificate la voce Legacy con Uefi.

Convertire HD da MBR a GPT

Nel caso invece sia MBR c’è un po’ di lavoro da fare e precisamente:

tasto Windows,

scrivere CMD e selezionare con il tasto destro il risultato prompt dei comandi che fornisce la ricerca e selezionare la voce esegui con privilegi di amministratore (grazie a @sonoclaudio per la dritta che sembrerebbe scontata, ma il prompt non si carica di default con permessi di amministratore).

Una volta aperto il prompt dei comandi, bisogna digitare il comando mbr2gpt /validate /allowFullOS

Se la validazione va a buon fine, bisogna eseguire il comando mbr2gpt /convert /disk : (numero disco) /allowFullOS

Per trovare il numero del disco in caso di più hard disk presenti sulla macchina, da non confondere con la lettera dell’unità locale, è necessario riaprire la gestione disco e vedere. Di solito è il numero 0 quello dove risiede il sistema operativo, ma VERIFICARE attentamente prima di eseguire il comando.

Inoltre, è necessario fare un backup dei dati perché solitamente è un’operazione facile seppur irreversibile, ma se succede qualcosa sapete come intervenire.

Se l’esito della ricerca è ok, riavviare il pc ed entrare nel Bios per settare l’avvio in UEFI ed impostare il TPM come da istruzioni seguenti

Impostare TPM 2.0 per consentire a Windows 11 di installarsi senza problemi

Una volta entrati nel Bios, dopo aver settato UEFI, dobbiamo entrare nella voce di menu Security ed impostare il Secure Boot Mode per poi selezionare la tipologia di protezione. Nel caso della scheda madre utilizzata per la prova bisogna impostare il PTT e poi scegliere se fargli decidere la versione del TPM in modo automatico oppure manuale. Nel secondo caso c’è bisogno di selezionare TPM 2.0

Riavviare la macchina e passiamo all’ultima fase

Installazione Windows 11

Windows 11 si comporta come un aggiornamento del 10. Essendo il pc della prova molto performante, si è proceduto nel giro di 40 minuti massimo nel fare tutto.

Adesso che abbiamo fatto tutto e bene, scarichiamo sul sito Microsoft l’installer dell’assistente all’installazione di win11 a questo link

Stesso l’installer fa un controllo preventivo sulla compatibilità del sistema e quindi procediamo nell’accettare tutte le condizioni del caso ed iniziare la fase di download del programma.

I server Microsoft sono garanzia di velocità da sempre. Scaricherete il necessario in pochissimo tempo e dopo il download avverrà una verifica di compatibilità dei programmi installati.

Il problema che ha dato la macchina è stato su Virtual Box, potete continuare con quel software, ma si è preferito disinstallarlo per motivi di “serenità”.

Dopo aver eliminato eventuali conflitti software, continuate l’installazione e passerete a Windows 11 senza dolori.

Soddisfatti ora? Vi piace? Scrivete le vostre impressioni nei commenti.

Commenti da Facebook

Tech

Phishing: attenti a non abboccare all’amo delle truffe online

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Il phisher si presenta come un soggetto autorevole che invita a fornire dati personali per risolvere presunti problemi tecnici, gestire probabili contratti o pratiche.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Il phishing è una tecnica criminale utilizzata per compiere operazioni fraudolente, appropriandosi in modo illecito di dati riservati (credenziali, codici di accesso, numeri di conto correnti, dati di carte di credito) di proprietà sia di persone che di aziende.

La truffa avviene solitamente via e-mail, ma possono essere utilizzati anche strumenti di messaggistica vari (sms, social media). Il phisher si presenta, in genere, come un soggetto autorevole quale ad esempio una banca o un ente pubblico che invita a fornire dati personali per risolvere presunti problemi con il conto bancario, per accettare cambiamenti contrattuali o per gestire la pratica per un rimborso fiscale e il pagamento di una cartella esattoriale.

Le caratteristiche dei messaggi di phishing

I messaggi di phishing sono costruiti per ingannare spesso utilizzano loghi contraffatti o addirittura delle pagine web clonate da quelle ufficiali di banche, aziende ed enti. Gli stessi messaggi, non di rado, potrebbero contenere anche errori grammaticali e di formattazione.

I messaggi di phishing, inoltrati come detto attraverso vari modi, potrebbero anche contenere link che rimandano ad un modulo web da compilare con informazioni private. I dati eventualmente inseriti e carpiti potrebbero successivamente essere utilizzati per acquisti e prelievi di denaro non autorizzati o addirittura per compiere ulteriori attività illecite impiegando impropriamente l’identità delle vittime.

E’ utile anche prestare attenzione ai mittenti e ai relativi indirizzi di posta elettronica (che spesso risultano molto simili a quelli reali). In tutti i casi è meglio diffidare dei messaggi con toni intimidatori, che con la scusa di minacciare la chiusura di un conto bancario o sanzioni possono spingere il destinatario a fornire informazioni personali o a intraprendere azioni frettolose.

Alcuni consigli di buonsenso

E’ bene ricordare che, gli istituti bancari, le istituzioni pubbliche in generale e le grandi catene di vendita non richiedono mai informazioni personali attraverso e-mail, sms o chat (dati, codici di accesso e pin dispositivi non dovrebbero mai essere comunicati a sconosciuti!). Quindi, meglio diffidare delle richieste, soprattutto di tipo bancario, provenienti attraverso canali inconsueti.

Se si ricevono messaggi sospetti, è opportuno non cliccare sui link in essi contenuti (spesso dietro i nomi di siti apparentemente sicuri o URL abbreviati si nascondono collegamenti a contenuti malevoli) e non aprire eventuali allegati, che potrebbero contenere malware di vario genere capaci di prendere il controllo del dispositivo elettronico in uso.

Phishing, come proteggersi

I gestori di posta elettronica hanno spesso sistemi di protezione che dirottano in automatico nella posta indesiderata la maggior parte dei messaggi di phishing e spam, pertanto è consigliabile verificare tali impostazioni e controllare che siano attivati.

È assolutamente sconsigliato memorizzare dati personali e codici di accesso nei browser durante la navigazione online e in ogni caso, è buona norma impostare password alfanumeriche complesse, cambiandole spesso e scegliendo credenziali diverse per ogni servizio utilizzato e quando possibile usufruire dei sistemi di autenticazione multi fattore.

Per gli acquisti online, è molto prudente usare carte di credito prepagate o altri sistemi di pagamento che prevedano una soglia limite, controllare spesso le liste movimenti e attivare sistemi di alert per l’avviso di ogni operazione effettuata.

Nel caso si abbia il dubbio di essere stati vittime di phishing occorre senza remore contattare il prima possibile la banca o il gestore della carta di credito attraverso canali di comunicazione conosciuti, affidabili e ufficiali per attivare eventualmente le procedure di sicurezza previste e in caso di truffa accertata denunciare il reato anche alla Polizia Postale.  

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Tech

Settare priorita’ della CPU per le apps in Windows 10

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.
Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Tech

Le tecnologie vincenti nel post-pandemia

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 5 minuti. Forbes analizza quali saranno le tecnologie che potranno trainare la ripresa nel post-pandemia, un esercizio basato anche sui dati provenienti dal mercato.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

Forbes analizza quali saranno le tecnologie che potranno trainare la ripresa nel post-pandemia, un esercizio basato anche sui dati provenienti dal mercato.

L’analisi fatta da Forbes si basa molto sull’economia USA che rappresenta un mercato fondamentale ma non l’unico ad indirizzare le tendenze mondiali. In quel caso, nonostante le varianti del coronavirus e i problemi della catena di approvvigionamento delle merci, l’economia sembra aver imboccato la via della crescita e molti operatori finanziari scommettono su questa ripresa.
Questi risultati ricalcano quelli di altre fonti, tra cui il Brookings Institute. Il noto think tank prevede infatti che i numeri del PIL USA supereranno il 2,5% a metà del 2022. L’impulso all’economia è influenzato da diverse cause e l’impulso post-Covid, a detta di Forbes, arriva principalmente dalle tecnologie. Questo elemento non è una sorpresa, dato che in generale le tecnologie hanno continuamente portato il mondo verso nuovi modi di lavorare, socializzare, viaggiare, imparare e prosperare.

Quali tecnologie traineranno la ripresa economica?

WiFi, realtà aumentata e virtuale, e i droni sono sul podio come si evince dall’analisi di Forbes.

WiFi

All’inizio del 2021, Wi-Fi Alliance ha pubblicato il suo studio sull’impatto previsto del WiFi nei prossimi anni. Il progetto ha rivelato che il valore globale del WiFi avrebbe superato i 4,9 trilioni di dollari entro il 2025. Di questi quasi 5 trilioni di dollari, gli Stati Uniti contribuirebbero con 1,58 trilioni di dollari, un aumento di oltre 500 miliardi di dollari rispetto alle cifre del 2021.

E facile capire perché il WiFi può essere una tecnologia motore dell’economia. La maggior parte delle famiglie e delle imprese fa molto affidamento totale su essa. Dall’utilizzo di dispositivi smartphone e indossabili, piattaforme di streaming, per non parlare del settore IoT (internet of things) dove le connessioni WiFi abbracciano elettrodomestici, sistemi di sicurezza, assistenti vocali e sistemi di climatizzazione ambientale. Grande impulso al suo utilizzo è stato dato anche da coloro che lavorano da casa ed utilizzano il WiFi per collegarsi a sistemi basati su cloud e server aziendali, insomma la nuova quotidianità che ormai è diventata parte integrante anche della società italiana e bisogna far tesoro di quanto appreso in questi mesi.

Questo scenario mette i tradizionali Communication Service Provider (CSP) in posizioni potenzialmente redditizie se sono disposti a pensare anche a nuove soluzioni e proposte, come per esempio spostare l’erogazione di servizi nel Cloud, migliorando ed accelerando anche le proposte di nuovi servizi per gli utenti.

I miglioramenti WiFi offerti dai CSP o da altre fonti possono anche contribuire a ottenere una distribuzione più equa delle informazioni, partendo dall’accesso alle informazioni stesse. Il WiFi potrebbe facilitare l’ottenimento di posti di lavoro a distanza per le persone che non si trovano vicino ai centri urbani ed al tempo stesso essere il mezzo di inclusione delle tante persone, tra cui bambini, che al momento restano fuori dei processi formativi e poi lavorativi.

Dispositivi di Realtà Aumentata (AR) e Realtà Virtuale (VR)

Quando la pandemia è iniziata con la prima ondata e le prime restrizioni, tutte le aziende si sono affrettate a trovare nuovi modi per mantenere i loro dipendenti al lavoro e per continuare a portare offerte e prodotti ai clienti. Molti hanno trovato un valido supporto nelle soluzioni e tecnologie di realtà aumentata (AR) e realtà virtuale (VR).

Diverse aziende sono riuscite, durante il periodo pandemico, nell’intento di continuare ed incrementare il volume di affari usando la realtà aumentata per tutto, dalla produzione al marketing. Per esempio alcuni marchi di cosmetici hanno incoraggiato gli acquirenti a provare i prodotti attraverso App e siti AR.

Altro esempio viene dai tecnici di Mercedes-Benz USA che si sono affidati all’AR di HoloLens di Microsoft per aiutarli a capire come costruire veicoli di fascia alta e risolvere i problemi lungo la strada virtuale.

Quanto crescerà la realtà aumentata? Le cifre suggeriscono che potrebbe raggiungere i 140 miliardi di dollari entro la metà di questo decennio. Tuttavia, la realtà aumentata e sua sorella la realtà virtuale (VR), sono in continua evoluzione, basti pensare al boost che verrà dato a questa tecnologia dall’annunciato metaverso di Meta (ex Facebook) e non solo da Meta. Di conseguenza la realtà aumentata potrebbe diventare più popolare e pervasiva in pochi anni di quanto si potesse prevedere. A conferma di ciò la crescita avuta fino ad ora a causa del Covid è stata enorme. Il mercato globale dei dispositivi, dei software e dei servizi in questo settore nel 2020 valeva 12 miliardi di dollari con una crescita del 50% rispetto al 2019.

La realtà virtuale (VR) dal punto di vista del numero di utilizzatori è momentaneamente indietro rispetto alla realtà aumentata (AR). Gli acquisti di dispositivi per sistemi VR e AR sono aumentati del 50% tra il 2019 e il 2021. Come accaduto con i dispositivi AR, alcune aziende utilizzano modelli VR anche per migliorare le attività di formazione a distanza. Di conseguenza, la realtà virtuale sta superando la sua etichetta iniziale di supporto per video giocatori e sta diventando uno strumento importante nella dotazione aziendale.

Droni

Ne hanno fatta di strada i droni…cioè di miglia in volo. Un tempo erano visti come semplici giocattoli e curiosità, mentre ora droni di ogni dimensione e dotazione hanno avuto un enorme impatto nel mondo lavorativo ed aziendale. Secondo Forbes entro il 2027, le tecnologie globali legate ai droni dovrebbero valere più di 40 miliardi di dollari, cifre importanti.

Analogamente a WiFi, AR e VR, i droni sono diventati essenziali per le imprese e i governi durante i giorni più cupi del Covid, almeno nei paesi occidentali dove l’epidemia ha dei margini di controllabilità. Per esempio, sono stati usati per rilasciare rifornimenti medici, cibo e acqua alle persone nelle regioni poco raggiungibili via terra.

I settori di impiego sono moltissimi ed è una tecnologia con ampio margine di miglioramento tecnico e diffusione. Dalle forze dell’ordine alle ispezioni tecniche ingegneristiche, alla mappatura e alle missioni di ricerca e salvataggio, i droni hanno la capacità di andare in molti luoghi a cui è difficile (o impossibile) accedere per gli esseri umani o mezzi terrestri. Basti pensare al piccolo elicottero Ingenuity in missione su Marte mentre affianca il rover Perseverance nelle sue esplorazioni. Anche il quel caso il piccolo dispositivo volante potrà andare dove via terra (suolo marziano) non è possibile arrivare.

Molti saranno gli sviluppi e le applicazioni per i droni che al momento non sono ancora sfruttate dal mercato. Nei prossimi mesi ne vedremo alcune particolarmente interessanti ed in diversi settori come:

  • Fotografia aerea;
  • Operazioni di ricerca e salvataggio;
  • Agricoltura, in diversi ambiti per esempio il drone può aiutare gli agricoltori analizzando le colture e le piante che non hanno prodotto secondo le aspettative. Possono studiare le terre agricole di grandi dimensioni insieme ad un adeguato monitoraggio dei sistemi di irrigazione. I droni possono anche aiutare nella posa dei fertilizzanti, pesticidi ed acqua;
  • Spedizioni e consegne, anche in campo medico;
  • Applicazioni ingegneristiche;
  • Sicurezza e sorveglianza;
  • Ricerca e scienze naturali;
  • Accesso ad internet wireless, portando la connessione in zone remote anche per tempi limitati ma utili a svolgere attività.

Un focus sul mercato italiano ci dice che abbiamo raggiunto i 60.000 operatori del settore come comunicato dell ENAC ed analizzato anche da Adnkronos.

Queste sono le tre tecnologie trainanti, non sono ovviamente le uniche. Saranno mesi e anni interessanti di sviluppi tech che al momento sono solo sperimentali ma che diventeranno tangibili e reali molto prima di quello che si possa immaginare.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Letture consigliate

telegram matrice digitale

Tendenza