Connect with us

Tech

Nuovi iPad mini e iPad: i piccoli grandi tablet di casa Apple.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 7 minuti.

Scopriamo insieme i due nuovi tablet presentati da Apple, a prima vista sembrano normali evoluzioni ma c’è molto di più.

Il 14 Settembre scorso Apple ha presentato, durante l’evento California Streaming, la lineup 2021 di due dei suoi tablet. L’iPad mini e l’iPad di nona generazione.

Durante l’evento Tim Cook e gli altri manager Apple hanno approfondito diversi argomenti, in particolare sono partiti dalle produzioni esclusive di Apple TV+. Questo dimostra come ormai tutti i colossi del Web puntino allo streaming di contenuti ed in questo le produzioni in proprio diventano fondamentali. Alcuni competitor però fanno scelte diverse come per esempio Amazon che ha acquistato direttamente la Metro Goldwyn Mayer per ben 8,45 miliardi di dollari e un catalogo di oltre 4.000 film. Sarà molto interessante seguire anche questo settore per capire quale strategia pagherà di più.

Apple ha poi presentato il nuovo Apple Watch 7 anche se in una modalità ristretta, infatti nelle prossime settimane dovremmo avere ancora ulteriori informazione sulle caratteristiche e le funzionalità del dispositivo. Per ora abbiamo visto come il design sia allineato a quello della versione 6.

Altro pezzo forte dell’evento Apple è stata la presentazione della nuova gamma di iPhone 13 e 13 Pro. Ognuno con due varianti, normale e mini per il 13 e suddivisi in Pro e Pro Max per il 13 Pro. Dispositivi che crescono ancora nelle specifiche tecniche ma non nei prezzi, più o meno come a breve approfondiremo per i due nuovi iPad.

Ma arriviamo ai due nuovi Tablet. Nel seguire la diretta ho ripercorso mentalmente la storia dei tablet di Apple ed ho fatto alcune considerazioni che voglio condividere.

In questi anni i due tablet Apple di cui parliamo oggi hanno sempre avuto percorsi commerciali diversi. iPad mini ha cercato di ricavarsi una nicchia specifica e forse non è mai riuscito pienamente in questo intento. Da punto di vista dei freddi numeri di vendita il mini è sempre stato marginale nel paniere tablet Apple.

Completamente diversa invece la storia di iPad.

iPad è stato un successo commerciale fin dalla prima generazione tanto da diventare sinonimo di Tablet e punto di riferimento per tutti i competitor che proprio per insidiare la sua posizione dominante continuano ad innalzare gli standard tecnici e, ad oggi, possiamo trovare sul mercato ottimi rivali Android.

La leadership di Apple nel segmento tablet (37% di market share nel Q1 2021, nota a fondo post) al momento non è in discussione e se pensiamo che il 56% degli iPad venduti appartiene alla versione base, capiamo bene perché Apple continua ad aggiornare questa versione.

Ma andiamo con ordine ed analizziamo tutti i dettagli dei due nuovi nati.

Oggi approfondiamo:

iPad mini

A voler essere pignoli dovremmo dire che si tratta della sesta generazione di iPad mini. Stavolta però cambia tutto, dal design al processore, dal display all’interfaccia USB-C, quasi a ridefinire il dispositivo stesso. Piccolo nelle dimensioni ma grande per la sua flessibilità di utilizzo e potenza HW.

Credits: Apple

Come sempre analizziamo tutti gli elementi a partire da Prezzo che, a mio avviso, è l’elemento cardine sul quale pesare le specifiche del dispositivo in rapporto alle nostre esigenze.

Prezzo: il listino parte da 559€ per la versione solo WiFi con tagli di memoria da 64GB. I colori disponibili sono Grigio siderale, Rosa, Viola e Galassia. In confezione troviamo cavo di ricarica e caricabatterie da 20W, entrambi USB-C. Qui il problema della mancanza del caricabatterie non è ancora arrivato.

Credits: Apple

Design e Materiali: il design è totalmente rinnovato rispetto alle versioni precedenti. Ora troviamo delle linee stilistiche comuni tra iPhone 12 (e quindi 13), iPad Air e iPad Pro. Questo significa bordi piatti e cornici del display molto ridotte. Il tutto conferisce grande eleganza al dispositivo.

Si riducono anche le dimensioni (ad eccezione dello spessore che aumenta di 0,22mm) ed il peso (293g versione WiFi) nonostante il display più grande. Sempre da apprezzare l’alluminio 100% riciclato utilizzato da Apple per il guscio.

Il Touch ID abbandona la sua classica posizione frontale sotto il display per trovare posto in alto a destra sul telaio esattamente come su iPad Air. Questo spostamento ha consentito ad Apple di ridurre le cornici e poter alloggiare un 8,3″ senza aumentare le dimensioni. La posizione risulta molto comoda come ho avuto modo di sperimentare direttamente su iPad Air.

Credits: Apple

Display: abbiamo finalmente un’unità Liquid Retina da 8,3″ (contro i 7,9″ della versione precedente). Diverse le caratteristiche da apprezzare come il supporto alla gamma cromatica P3 ed il True Tone utile per una luminosità più naturale che può raggiungere i 500 nits. Insieme, queste funzioni, conferiscono al dispositivo una vocazione nativa per la fruizione di contenuti in mobilità e con diverse condizioni di luce ambientale.

Credits: Apple

Il display supporta la Apple Pencil di seconda generazione (la stessa utilizzata dagli iPad Air e Pro) che trova la sua collocazione lateralmente dove resta collegata magneticamente e può ricaricarsi in modalità wireless, semplicemente fantastica per qualità e sensibilità di scrittura e praticità. Unico appunto che possiamo fare (che ho verificato personalmente con iPad Air) è la forza dell’ancoraggio magnetico della penna che spesso non è sufficiente a mantenerla in sede e questo richiede attenzione per non perderla magari se ci si sposta molto da un luogo ad un altro.

Altro punto a favore di questo display è il processo produttivo di “laminazione completa” che, analogamente agli iPad Air e Pro, annulla la distanza fisica tra la punta della penna ed il display stesso. La differenza può sembrare di poco conto ma, nei fatti, rende ancora migliore l’esperienza di scrittura/disegno su questo tipo di display…suggerisco di provarla magari in un negozio Apple.

Credits: Apple

Processore, Connessioni e Audio: non a caso i nuovi iPad mini sono stati presentati insieme agli iPhone 13, il processore infatti è lo stesso A15 Bionic. I risultati pratici indicati da Apple parlano del 40% di maggiore capacità di calcolo, con la CPU a 6-core, ed un 80% in più sulle prestazioni grafiche grazie alla GPU a 5-core. Grande potenza in taglia mini.

Apple promette anche, con il Neural Engine 16-core, un machine learning fino a due volte più rapido. 

Il nuovo processore consente anche la compatibilità con reti 5G per la versione Cellular, le versioni standard godono invece del WiFi 6.

Altra grande evoluzione è la presenza del connettore USB-C…finalmente. Ovviamente non sono contento solo per una questione pratica ma anche per la velocità di trasferimento dati che ora è 10 volte superiore rispetto al precedente iPad mini. Questo può essere particolarmente utile per la gestione di file video 4K che questo iPad mini può gestire e manipolare agevolmente.

Come dispositivo votato alla multimedialità non poteva mancare un Audio all’altezza del compito, troviamo infatti 4 speaker, 2 per lato, che conferiscono all’audio stereo una valida spazialità, come confermato da alcune prove sul campo che possiamo trovare sulla rete.

Comparto Fotocamere: anche sul fronte fotocamere abbiamo delle novità utili. La singola Cam posteriore è ora da 12 MP con apertura f/1.8 e flash True Tone. Può registrare video 4K e non manca lo Smart HDR 3 reso possibile dal nuovo processore ISP nel chip A15 Bionic.

Credits: Apple

La Cam frontale è da 12 MP e consente, finalmente, videochiamate con risoluzione accettabile. Utilissima la possibilità di avere un’inquadratura dinamica grazie alla funzione Center Stage. Questa funzione sfrutta l’ultra-grandangolo (da 122°) per mantenere il soggetto al centro della scena simulando lo spostamento dell’inquadratura.

Batteria: come sempre Apple è avara di informazioni specifiche e si limita a dirci che la batteria è ai polimeri di litio da 19,3 Wh. Dovrebbe consentire 10h di navigazione Web sotto WiFi o riproduzione video. Sarà il nostro personale utilizzo a fornirci dati reali ma su tutti gli iPad la durata della ricarica completa non è mai stata un problema.

Da quanto detto sarà più chiara la grandezza di questo piccolo iPad mini ed ognuno potrà interpretare questo dispositivo secondo le proprie esigenza anche grazie all’iPad OS 15 che porta diverse novità spendibili come per esempio la note rapide in pop up sullo schermo, solo per fare un esempio.

Passiamo ora al veterano dei tablet Apple.

iPad

Credits: Apple

Da possessore di iPad di seconda e settima generazione posso riassumere il carattere di questo iPad così: evoluzione in continuità.

Sarebbe prolisso riassumere le tante caratteristiche distintive di un dispositivo che è diventato sinonimo di tablet. Vediamo quindi solo cosa cambia rispetto alla versione precedente.

In generale ci troviamo difronte ad un dispositivo grande nelle dimensioni e nelle possibilità di utilizzo ma piccolo nel prezzo consentendo così a tutti di entrare nell’ecosistema Apple.

Prezzo: invariato rispetto al precedente 389€…ma si parte da 64GB di memoria e non più 32GB! I colori restano Argento e Grigio Siderale. In confezione troviamo cavo Lightning-USB-C e caricabatterie USB-C da 20W.

Design, Materiali, Display e Connessioni: form factor e materiali sono invariati, così come la dimensioni del display IPS da10,2″ che ora però si arricchisce del True Tone (molto utile nell’utilizzo serale).

Credits: Apple

Si conferma il Touch ID sulla parte frontale, utile, affidabile, veloce nella risposta.

Resta la connessione fisica Lightning e la compatibilità con la Apple Pencil di prima generazione (quella con ricarica fisica che non si aggancia magneticamente al guscio)

Confermati anche i connettori laterali per la tastiera Smart Keyboard, utilissima.

Credits: Apple

Processore, Comparto Fotocamere e Batteria: si evolve il processore che ora è l’A13 Bionic con promessa di prestazioni superiori del 20%.

Sul fronte fotocamere migliora la posteriore ora da 8 MP (valida per utilizzo di base), mentre frontalmente abbiamo una ultra-grandangolo da 12MP e angolo di campo 122°, dotata della funzione Center Stage, come per i fratelli maggiori.

Un bel passo avanti sul fronte videochiamate (sul mio di settima generazione siano al livello minimo accettabile per esempio) anche nell’ottica didattica a distanza e smart working.

Sul fronte batteria siamo in continuità con il precedente con un’unità da 32,4 Wh.

Con questo iPad Apple porta un dispositivo universale ad uno step più in alto…allo stesso prezzo.

Vedremo nei prossimi mesi come e se questi due dispositivi contribuiranno agli obiettivi di vendita Apple nel settore Tablet, saremo qui a commentare puntualmente anche quei dati.


FONTE DATI

SPECIFICHE TECNICHE IPAD MINI

SPECIFICHE TECNICHE IPAD

Tech

ASUS Zenfone 11 Ultra: certificazione e specifiche in Anteprima

Tempo di lettura: 2 minuti. L’ASUS Zenfone 11 Ultra, con ricarica wireless da 12W e supporto alla ricarica rapida da 65W, sarà alimentato dal chipset Snapdragon 8 Gen 3

Pubblicato

in data

Zenfone 11 Ultra
Tempo di lettura: 2 minuti.

L’ASUS Zenfone 11 Ultra, atteso nuovo smartphone dell’azienda, ha ottenuto la certificazione dal Wireless Power Consortium, svelando alcuni dettagli interessanti sul design frontale e sulle caratteristiche di ricarica. Il dispositivo, contrassegnato dal numero di modello AI2401_H, sfoggia un design moderno con un foro centrale per la fotocamera e un display piatto circondato da cornici minimali su tutti i lati. I pulsanti di accensione e i controlli del volume si troveranno sul lato destro.

La certificazione rivela che lo smartphone supporterà una ricarica wireless con un carico massimo di 12W, che potrebbe rappresentare il carico minimo supportato. Si prevede che il dispositivo offra una tecnologia di ricarica wireless da 15W, in linea con il predecessore Zenfone 10 e gli smartphone della recente serie ROG Phone 8, che condividono una numerazione di modello simile (AI2401_xxxx). Inoltre, è confermato il supporto alla ricarica rapida cablata da 65W.

Specifiche Attese dell’ASUS Zenfone 11 Ultra

ASUS ha annunciato che lo Zenfone 11 Ultra sarà alimentato dal chipset Qualcomm Snapdragon 8 Gen 3 e supporterà fino a 16GB di RAM, secondo una lista Geekbench. Il dispositivo girerà su Android 14, personalizzato dall’interfaccia utente proprietaria di ASUS.

Le immagini render condivise dal leaker Evan Blass rivelano che lo smartphone sarà disponibile in diverse colorazioni: Eternal Black, Skyline Blue, Misty Gray, Verdure Green e Desert Sienna. Ulteriori informazioni trapelate su Reddit descrivono lo Zenfone 11 Ultra dotato di un display AMOLED da 6.78 pollici con risoluzione FHD+ e un tasso di aggiornamento LTPO di 144Hz. Il comparto fotografico posteriore includerà una tripla configurazione con un sensore principale da 50MP, un ultra-grandangolo da 13MP e un teleobiettivo da 32MP con zoom ottico 3x.

Prosegui la lettura

Tech

Design Huawei P70 svelato da una cover protettiva

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri l’innovativo design della fotocamera dello Huawei P70 svelato da una cover protettiva, con una disposizione triangolare delle lenti

Pubblicato

in data

Design fotocamera Huawei P70
Tempo di lettura: 2 minuti.

La serie Huawei P70, uno degli smartphone più attesi del 2024, ha suscitato grande interesse tra gli appassionati di tecnologia con la recente fuga di immagini del suo vetro decorativo per fotocamera. Grazie alle immagini condivise dal noto blogger cinese di tecnologia @DigitalChatStation, è stato possibile dare un’occhiata alla cover protettiva di terze parti per l’Huawei P70, rivelando così anticipazioni sul design della fotocamera.

Elementi distintivi del design della fotocamera

Le immagini trapelate mostrano un approccio all’avanguardia al design della fotocamera per la serie Huawei P70, con un’insolita disposizione triangolare delle lenti all’interno di una cornice quadrata. Questa configurazione comprende un sensore principale di grandi dimensioni, circondato da un anello argentato, e due sensori più piccoli ai lati. La parte posteriore del telefono presenta una struttura curva con texture grigia e nera e bordi arrotondati, confermando un’estetica distintiva e riconoscibile.

Specifiche e tecnologia della fotocamera

Le immagini corrispondono alle precedenti anticipazioni riguardanti l’introduzione di una nuova apertura variabile e di una lente periscopica, tecnologie che promettono di migliorare notevolmente le capacità fotografiche dello smartphone, anche in condizioni di scarsa illuminazione.

Aspettative e speculazioni

La serie Huawei P70 è attesa con grande interesse per vedere come queste anticipazioni si tradurranno nella realtà una volta che il dispositivo sarà ufficialmente svelato. In particolare, si prevede che il nuovo modello includa un chip Kirin 9xxx, uno schermo da circa 6,58 pollici o 6,8 pollici con design a micro-curva e una configurazione avanzata della fotocamera che comprende un’apertura fisica variabile OV50H/IMX989, un ultra-grandangolo da 50MP e un teleobiettivo periscopico 4x da 50MP.

L’attesa per la serie Huawei P70 continua a crescere grazie alla recente fuga di notizie sul suo design della fotocamera, che offre uno sguardo preliminare sulle innovative caratteristiche e sul design avanzato del dispositivo. Con la promessa di tecnologia all’avanguardia e di un design elegante, la serie Huawei P70 si preannuncia come un forte contendente nel competitivo mercato degli smartphone del 2024.

Prosegui la lettura

Tech

Oppo svela il calendario ufficiale del rilascio di ColorOS 14 per marzo

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri il calendario ufficiale di marzo per il rilascio di ColorOS 14 da Oppo, con funzionalità avanzate, miglioramenti della sicurezza

Pubblicato

in data

ColorOS 14
Tempo di lettura: 2 minuti.

Oppo ha annunciato il calendario dei test beta per il suo ultimo sistema operativo, ColorOS 14, basato su Android 14, per gli utenti indiani e l’A78 sarà il primo dispositivo a ricevere l’aggiornamento beta a partire dal 19 marzo.

Dispositivi Oppo in programma per l’aggiornamento a marzo:

Tra i modelli che riceveranno o hanno già ricevuto l’aggiornamento a marzo ci sono:

  • Serie Find N3
  • Serie Find X5 e X3 Pro
  • Serie Reno, dalla 10 Pro+ 5G alla 7
  • F23 5G, F21s Pro, F21 Pro
  • K10 5G
  • Serie A, dall’A98 5G all’A18

Questo rollout dimostra l’impegno di Oppo nel fornire ai suoi utenti l’esperienza software più recente su una vasta gamma di dispositivi.

Novità di ColorOS 14:

ColorOS 14 introduce numerose funzionalità ed enhancement, tra cui:

  • Design Aquamorfico: Ottimizzazione del linguaggio di design introdotto con ColorOS 13, inclusi nuovi effetti sonori, sistemi di colori e interazioni per un’interfaccia utente più intuitiva e coinvolgente.
  • Prestazioni Intelligenti e Fluide: Grazie al Trinity Engine, ColorOS 14 mira a offrire prestazioni ultra-fluide, rendendo gli smartphone Oppo più veloci e affidabili.
  • Display Sempre Attivo (AOD): Introduzione di nuovi AOD, tra cui “Homeland” che raffigura scene della natura selvaggia e “GO Green AOD” per sensibilizzare sul cambiamento climatico.
  • Personalizzazione Avanzata delle Icone: Gli utenti possono personalizzare le icone della home per dare un look unico al proprio dispositivo.
  • Sicurezza e Privacy Migliorate: ColorOS 14 introduce misure di sicurezza avanzate e strumenti di protezione della privacy.
  • Wallpaper Dinamici: Nuova collezione di wallpaper dinamici che cambiano in base alle condizioni di luce e all’uso del telefono.
  • Miglioramenti alla Navigazione Gestuale: Raffinamento della navigazione gestuale per una maggiore intuitività e reattività.
  • Ottimizzazione e Gestione della Batteria: Funzionalità avanzate di gestione della batteria per ottimizzare il consumo energetico e prolungare la durata della batteria.
  • Miglioramenti alla Fotocamera: Inclusi il riconoscimento delle scene AI e miglioramenti alla modalità notturna per foto più chiare e luminose in condizioni di scarsa illuminazione.
  • AOD Personalizzabile: Gli utenti possono personalizzare l’AOD con testi, immagini e animazioni personalizzate.

ColorOS 14, basato su Android 14, continua a migliorare l’esperienza di oltre 600 milioni di utenti attivi mensili globali con funzionalità più intelligenti e fluide egli utenti Oppo, apprezzeranno sicuramente questi miglioramenti di marzo.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERSECURITY

Notizie1 giorno fa

Risolta vulnerabilità zero-day kernel di Windows sfruttata da Lazarus

Tempo di lettura: < 1 minuto. Risolta vulnerabilità Kernel Windows sfruttata dall'APT nordcoreano Lazarus come zero-day: aggiornare per sicurezza.

Notizie2 giorni fa

Kaspersky, vulnerabilità negli Smart Toy, rischi per bambini. Ecco cosa fare

Tempo di lettura: 2 minuti. Kaspersky denuncia una vulnerabilità in uno dei tanti smart toy a disposizione dei bambini, aprendo...

Notizie3 giorni fa

Il Dipartimento dell’Interno USA hackera i propri sistemi Cloud

Tempo di lettura: 2 minuti. Un organo di controllo del governo USA hackera i sistemi cloud del Dipartimento dell'Interno in...

Notizie4 giorni fa

Nuova Minaccia Cyber in Europa: SPIKEDWINE e il Backdoor WINELOADER

Tempo di lettura: 2 minuti. SPIKEDWINE lancia attacchi cyber in Europa con il backdoor WINELOADER, mirando a funzionari con legami...

CISA CISA
Notizie4 giorni fa

CISA nuovi avvisi ICS e linee per la formazione nella cybersecurity

Tempo di lettura: < 1 minuto. CISA emana avvisi per la sicurezza dei sistemi di controllo industriale e lancia una...

mata malware mata malware
Notizie5 giorni fa

Malware TimbreStealer si diffonde tramite truffe phishing

Tempo di lettura: 2 minuti. TimbreStealer, un nuovo malware, si diffonde tramite truffe phishing legate al tema delle tasse, prendendo...

Notizie6 giorni fa

Nuova minaccia nel Cyberspazio: steganografia e Remcos RAT

Tempo di lettura: 2 minuti. UAC-0184' utilizza steganografia per diffondere RAT Remcos, ampliando i bersagli a entità extra-ucraine

Ultimate Member Wordpress Ultimate Member Wordpress
Notizie6 giorni fa

Ultimate Member: vulnerabilità critica SQL in Plugin WordPress – AGGIORNARE SUBITO

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta vulnerabilità critica SQLi in plugin WordPress 'Ultimate Member', minacciando oltre 200.000 siti. Aggiornamento urgente...

FCKeditor FCKeditor
Notizie7 giorni fa

Hacker sfruttano CMS FCKeditor vecchio di 14 Anni per “avvelenamento” SEO su siti governativi e educativi

Tempo di lettura: 2 minuti. Gli hacker stanno sfruttando FCKeditor, un editor CMS obsoleto, per compromettere siti governativi ed educativi...

Notizie7 giorni fa

Tutto ciò che devi sapere sulla Direttiva NIS2 e quali obblighi prevede

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri come adeguarsi ai nuovi obblighi di cybersicurezza introdotti dalla Direttiva NIS2 dell'UE contro le...

Truffe recenti

dimarcoutletfirenze sito truffa dimarcoutletfirenze sito truffa
Inchieste2 settimane fa

Truffa dimarcoutletfirenze.com: merce contraffatta e diversi dalle prenotazioni

Tempo di lettura: 2 minuti. La segnalazione alla redazione di dimarcoutletfirenze.com si è rivelata puntuale perchè dalle analisi svolte è...

sec etf bitcoin sec etf bitcoin
Economia2 mesi fa

No, la SEC non ha approvato ETF del Bitcoin. Ecco perchè

Tempo di lettura: 3 minuti. Il mondo delle criptovalute ha recentemente assistito a un evento senza precedenti: l’account Twitter ufficiale...

Notizie3 mesi fa

Europol mostra gli schemi di fronde online nel suo rapporto

Tempo di lettura: 2 minuti. Europol’s spotlight report on online fraud evidenzia che i sistemi di frode online rappresentano una grave...

Notizie4 mesi fa

Polizia Postale: attenzione alla truffa dei biglietti ferroviari falsi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli investigatori della Polizia Postale hanno recentemente individuato una nuova truffa online che prende...

app ledger falsa app ledger falsa
Notizie4 mesi fa

App Falsa di Ledger Ruba Criptovalute

Tempo di lettura: 2 minuti. Un'app Ledger Live falsa nel Microsoft Store ha rubato 768.000 dollari in criptovalute, sollevando dubbi...

keepass pubblicità malevola keepass pubblicità malevola
Notizie5 mesi fa

Google: pubblicità malevole che indirizzano a falso sito di Keepass

Tempo di lettura: 2 minuti. Google ospita una pubblicità malevola che indirizza gli utenti a un falso sito di Keepass,...

Notizie5 mesi fa

Nuova tattica per la truffa dell’aggiornamento del browser

Tempo di lettura: 2 minuti. La truffa dell'aggiornamento del browser si rinnova, con i criminali che ora ospitano file dannosi...

Notizie5 mesi fa

Oltre 17.000 siti WordPress compromessi negli attacchi di Balada Injector

Tempo di lettura: 2 minuti. La campagna di hacking Balada Injector ha compromesso oltre 17.000 siti WordPress sfruttando vulnerabilità nei...

Truffe online5 mesi fa

ChatGPT cerca di ingannare cuori solitari appassionati di AI

Tempo di lettura: < 1 minuto. La truffa LoveGPT rappresenta una nuova minaccia nel mondo degli appuntamenti online, sfruttando l'AI...

Notizie5 mesi fa

Nuovo avviso della Polizia Postale: attenzione allo “Spoofing telefonico”

Tempo di lettura: 2 minuti. Attenzione ai tentativi di truffa tramite "Spoofing telefonico": la Polizia Postale avvisa e fornisce consigli...

Tendenza