Connect with us

segnalaci un sito truffa

Editoriali

Don’t look up: analisi e analogie sulla parodia della società moderna firmata Netflix

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 7 minuti.

Sbanca su Netflix Dont look Up. Il film, con un cast stellare tra cui figurano Maryl Streep, Kate Blanchet e Leonardo di Caprio, tratta del rapporto tra il mondo moderno e l’informazione nella gestione di una crisi mondiale che porterà all’estinzione, causata da una cometa in discesa, se non si dovesse corre ai ripari nei modi giusti e nei tempi celeri.

Il Cast

Con questo editoriale cerchiamo di individuare le analogie tra l’attualità e le scene descritte nel film, ma vi anticipiamo due cose: la prima è che su internet c’è già lo sciacallaggio di una lettura politica che narra un chiaro riferimento polemico, ironico e sarcastico, riservato esclusivamente all’ala novax ed ai conservatori. La seconda, invece, è che prima di procedere bisogna

FARE ATTENZIONE PERCHE’ SEGUE SPOILER

Gli scienziati

Don't look up": arriva su Netflix il film con Leonardo Di Caprio e Jennifer Lawrence - The Walk of Fame
Gli scienziati

Il film si basa sulla figura di due scienziati, un docente universitario e la sua dottoranda, che scoprono una cometa che in 6 mesi distruggerà la Terra. A questo punto contattano l’autorità statale preposta all’ingaggio in situazioni simili, e che aggiunge al duo un terzo protagonista, che li porta direttamente al cospetto del presidente degli Stati Uniti d’America.

Dopo aver illustrato i rischi a chi di dovere, che finge di recepire il problema nella sua gravità, gli scienziati si scontrano con la comunità scientifica sollecitata da pressioni politiche nel minimizzare il fenomeno naturale devastante in arrivo. Per riuscire nel suo intento, tramite la ramificazione nel mondo dei media, il Governo arruola uno dei due nel sistema mediatico televisivo, utilizzando anche la persuasione sessuale, applicando la strategia del dividi et impera che rompe gli equilibri tra i tre, ingaggiando lo scienziato protagonista nell’attività di far passare il messaggio rassicurante del Governo e lasciando conseguentemente campo all’avanzamento della cometa nell’atmosfera terrestre.

Altro aspetto scientifico da non trascurare è la gestione pubblica e privata che pervade nella scienza. Il pubblico ha l’interesse scientifico, ma il sistema influente di lobbying presente in modo tentacolare negli USA, trova una risorsa nella cometa e rimanda l’attenzione dalle questioni critiche e vitali che lo scenario prospetta.

La Politica

How Meryl Streep's portrayal of Donald Trump in 'Don't Look Up' Was Inspired by the Republican President ⋆ Ceng News
Una donna al posto di Trump

Essendo girato negli States con un cast da Oscar, il film racconta l’America in mano ai Conservatori che intendono macinare consensi, minimizzando il rischio della cometa, grazie all’esercizio di forti influenza sul sistema militare, giuridico e mediatico. Il regista dell’operazione di contrasto alla diffusione della verità è il capogabinetto del Presidente che si rivela esserne il figlio.

Un chiaro riferimento al familismo di Trump, che durante il suo mandato ha nominato molti componenti della sua famiglia nello staff di fiducia.

Il presidente degli USA è donna e conservatrice. Una copia di Sarah Palin per intenderci e già questo denota una provocazione all’incapacità dei democrat di mettere la bandierina rosa sulla presidenza nonostante l’ironia del film sia incentrata sul modus agendi dell’amministrazione dell’ala destra. Una frecciatina per il partito di Biden ed un chiaro riferimento alla già tramontata corsa di Kamala Harris nella corsa alla presidenza degli Stati Uniti d’America.

Oppure è un messaggio subliminale che vuole i conservatori essere autori di un disastro concreto con la loro gestione politica?

Inoltre, il presidente decide di sdoganare pubblicamente la corsa nello spazio per salvare il mondo solo dopo che è scoppiato l’ennesimo scandalo politico, di stampo sessuale, che obbliga a trovare un obiettivo comunicativo che distragga l’opinione pubblica da questioni ingloriose e lesive della propria reputazione dinanzi al proprio elettorato chiamato a breve a rieleggerlo.

Media

Media e Social Media fanno la parte che più gli si addice: generano consensi e dibattiti divisivi, rispondendo all’esigenza del Governo di non comunicare il rischio, con la strategia che è nota a tutti: dare spazio alle notizie di gossip, montando una campagna comunicativa rassicurante con l’aiuto dello scienziato “corrotto” dalla sensualità di una dei due conduttori del programma di punta e dalla sua vanità di essere protagonista.

Qui è chiaro il riferimento alle varie Covid Stars che si sono avvicendate sui social e in tv, con modi discutibili anche, nel corso di questa pandemia.  

Anche i social prendono dapprima sottogamba la notizia, colpevoli i cittadini digitali di un mondo oramai senza riferimenti culturali solidi, e mostrano il lato del bullismo e del body shaming nei confronti della scienziata che aveva annunciato in modo disperato la tragedia in dirittura di arrivo.

Le poche notizie scientifiche sul disastro che circolano sono oscurate dagli algoritmi, che già premiano contenuti divisivi e strutturati su argomenti come gossip e spettacolo.

I mezzi di comunicazione, quindi, si prestano nel monitorare eventuali fughe di notizie e garantiscono la censura governativa, che mette in punizione più volte gli scienziati con dei sequestri di persona orditi dallo staff presidenziale, con tanto di accuse giudiziarie annesse.

Il riferimento al Deep State in questo caso è chiaro e non è solo riferito ai casi statunitensi, con un po’ di fantasia si può trovare una analogia con i sistemi di mezzo mondo.

Altro aspetto è quello che dall’altra parte politica si agisce secondo uno schema inclusivo, ma vuoto nella qualità dei suoi testimonial se pensiamo che utilizza persone di successo per veicolare un messaggio su una tematica così critica, oscurata fino al giorno prima con la comunicazione in stile Ferragnez. C’è una scena dove in un concerto le stars invitano a fidarsi della scienza. Ma quale?

Quella dei luminari che rispondono al Governo oppure degli accademici che si trovano ostacolati nell’affrontare al meglio una vicenda così rischiosa?

In occasione della prima missione spaziale, l’America non bada molto alla sostanza, ma alla comunicazione scegliendo un martire “perché c’è sempre bisogno di un eroe”. Tra quelli selezionati c’è l’attore in pensione che ricorda il Bruce Willis del film Armaggedon, totalmente squattrinato e disponibile a rischiare la vita in cambio di qualche multa cancellata.  In questo caso il riferimento allo stile pacchiano americano ed alla strategia di individuare obiettivi impossibili per calmierare la popolazione con il sogno americano,

vedi la missione sulla luna voluta fortemente durante la guerra fredda dal repubblicano Kennedy.

Elon Musk descritto per quello che relamente è

Don't Look Up's Tech Billionaire Is the Villain of 2021

Sì, c’è anche Elon Musk che propone una soluzione per ogni cosa. Ovviamente il riferimento del personaggio è a lui, ma nel film è sostituito dal magnate visionario che propone soluzioni tecnologiche per contrastare la cometa ma, nemmeno sull’evidenza della tragedia, si ferma dinanzi alla possibilità di racimolare metalli rari dalla cometa, mettendo in secondo piano la salvezza dell’intera umanità. Il personaggio di Elon Musk è descritto come un produttore di cellulari un po’ dissociato, ma che macina consensi in campo tecnologico e agisce con uno schema comportamentale disunito da quello che comune.

Nel finale, lo stesso Musk viene identificato come quello che invierà l’umanità nello spazio e non per salvarla. Dopo aver gestito l’operazione di salvataggio in modo strumentale alla sua attività economica, la sua missione si è rivelata un disastro ed ha fallito pur avvalendosi di un forte dispiegamento di mezzi economici e robot futuristici. Sarà lui a salpare insieme a pochi ricchi nello spazio grazie ad un’arca, lasciando gli umani al loro tragico destino.

Il campo militare

Il massimo dell’irriverenza nel film lo si raggiunge quando si descrive un generale militare come un semplice accattone che si fa pagare degli snack gratuiti messi a disposizione della Casa Bianca dagli scienziati. Un chiaro riferimento agli appalti militari che vivono di corruzione? Questa lettura non sembra essere così distante da quanto descritto nella sceneggiatura.

La natura della cometa e dei metalli rari porta ad una corsa spietata alle materie prime, nonostante siano allo stesso tempo responsabili di una imminente catastrofe. Arabi, Cina e Usa corrono non per deviare il flusso della cometa, salvando l’umanità, ma per estrarre quante più risorse dopo averla colonizzata per primi. Il riferimento alla mancanza delle materie estratte dalle terre rare che il mondo sta vivendo in questi giorni non è assolutamente una coincidenza, anzi, è lo specchio di una crisi attuale mai annunciata.

La fine dei tempi

Il film è un chiaro riferimento alla gestione di una crisi avvenuta in un modo eccellente se consideriamo l’evento catastrofico ed il fatto che sia stato metabolizzato dai cittadini del mondo a pochi giorni prima dell’impatto mortale con la cometa. Se dovesse succedere un qualcosa di simile nella vita reale, sarà questa la strategia messa in piedi dai governi del mondo? Come hanno narrato già diversi film e come sostenuto in molte teorie del complotto, la presenza di una elite mondiale che sfugge nello spazio o in bunker sotterranei non è solo argomentata da fatti pertinenti, come l’acquisto di un appartamento dal costo di 1 miliardo di euro in bunker sotterranei già edificati, ma è tecnicamente possibile se pensiamo al potere economico consolidato nel tre per cento della popolazione mondiale capace di provare e trovare tutte le soluzioni per salvarsi anche da un evento catastrofico.

Molto interessante la fine del film, dove è possibile notare la sobrietà dei due scienziati che scelgono di trascorrere l’ultimo giorno di vita terrestre in casa, a cena con la propria famiglia.

Conclusione

Il titolo del film ironicamente recita “non guardare in alto”, facendo riferimento ad una società che con l’infodemia è oramai distratta dalla liquefazione delle comunicazioni, ma è chiaro che ci invita a guardare le cose dall’alto delle bolle divisive che imperversano in tutti i settori della vita: dal condominio alla politica internazionale. Questi siamo noi, esseri umani, e molto probabilmente lo resteremo fino a quando arriverà l’evento tragico che metterà fine a tutto ed è qui che allora ci si pone la domanda delle domande: vale davvero la pena di guardare il mondo dall’alto?

Don’t look Up non è solo ironia, ma la vera risposta.

Commenti da Facebook

Editoriali

Dietro l’arresto di REvil c’è una guerra: in Russia

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

In questi giorni vi sono state tensioni tra Usa, Ucraina, Kazakistan e la Russia nello spazio cibernetico. Il rischio proclamato più volte dall’intelligence americana si è concretizzato quando 70 siti web ucraini sono stati messi giù da una manina straniera identificata come russa.

Altro aspetto interessante, è stato quello della Nord Corea che in questo caos generale sta aggredendo la Russia e sta eseguendo attacchi al mondo delle criptovalute per rimpinguare le casse del suo poverissimo stato.

REvil è uno dei più prolifici gruppi parastatali russi che hanno raccolto milioni di dollari in questi anni ed hanno bloccato diverse società altamente tecnologiche con il loro ransomware, noleggiato anche terzi, con cui ha montato l’innovativo business criminale del Ransomware as Service.

L’operazione di polizia che li ha sgominati è stata messa in piedi direttamente dall’intelligence russa FSB e, secondo una fonte della redazione sul luogo, questa potrebbe essere espressione di una guerra geopolitica in atto che tende a diminuire la forza politica di Putin.

Se il gruppo è stato sgominato “su pressioni” dei paesi sotto costante attacco informatico della stessa Russia, la strategia di scambio è probabile, motivata dall’intavolare un dialogo collaborativo con i nemici e questo non gioverebbe a Putin.

Quello che non torna invece nel marasma generale, è che il gruppo era già sotto osservazione dei russi e pronto per essere arrestato in quelle che possiamo definire operazioni “spettacolo” di polizia e questo invece può fornire una lettura diversa: quella della vendita ai nemici di un problema per ottenere qualcosa in cambio.

Un aspetto che sembra più credibile con le informazioni che solitamente giungono dalla Russia di Putin. In caso contrario, ci troviamo dinanzi ad una vera crisi politica in terra sovietica che ha origine nell’istituzione statale più vicina a Putin e che potenzialmente può aprire le porte ad un insediamento occidentale.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Editoriali

Asl Napoli Sud: i dati trafugati sono “irrilevanti”. Vaccini e tamponi sospesi per l’attacco? Una Bufala

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

In questi giorni è scoppiata la rete informatica della ASL Napoli 3 a causa di un attacco informatico. Gli autori dell’attacco sono gli affiliati al noto ransomware group Sabbath. Alla luce di questo attacco, molti utenti hanno lamentato ritardi nelle piattaforme vaccinali regionali ed hanno collegato l’evento dell’attacco all’inceppamento delle procedure di tamponi e vaccini.

Peccato però che è una logica errata, come sembrerebbe errato l’interesse da parte delle forze dell’ordine di avviare una trattativa. Nel mentre il popolo della rete, esperti informatici soprattutto, si stracciano le vesti per l’ennesimo attacco sferrato ai danni di una struttura sanitaria pubblica, spulciando nei dati rilasciati come sample di avvenuta intrusione, notiamo che le informazioni siano classificate come “amministrative” e quindi non “top secret”.

Secondo le indiscrezioni raccolte dalla redazione, non essendoci una forma top secret sui dati amministrativi, non c’è un interesse nel tutelarli. La pubblicazione dei dati non comporterebbe una guerra o un rischio serio per il paese, anzi, i dati amministrativi sono dati pubblici ed è per questo che le Autorità sembrerebbero essere tranquille. Un altro aspetto è che la pubblicazione delle informazioni trafugate, scoprirebbe tutti gli eventuali soggetti esposti, facendo agire le strutture informatica nella direzione di massima tutela dei diretti interessati.

L’Asl per conto suo ha fatto una segnalazione al Garante della Privacy, seguendo la solita prassi, ed il reparto informatico sta mettendo mano al ripristino degli svariati terabyte di dati che componevano l’infrastruttura di rete sanitaria dei comuni nell’area sud est della provincia di Napoli.

La questione dei ritardi nei vaccini e nei tamponi, anche questa volta non trova riscontri con l’attacco. Una fonte della redazione è stata categorica: “i dati dei soggetti interessati dalle campagne di vaccinazione e di prevenzione al Covid, viaggiano su una infrastruttura di rete diversa gestita dalla SORESA, che poi è collegata all’infrastruttura nazionale allestita in occasione del COVID”.

Anche questa volta non è stato l'”Hacker internazionale” la causa di una classica confusione logistica italiana nel campo medico sanitario.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Editoriali

Caro Riccardo Luna, non è una occasione persa, ma incapacità. Oppure volontà e quindi malafede?

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Riccardo Luna ha pubblicato un editoriale su La Repubblica dove ha affrontato il tema della DAD come un’occasione persa. Sulla cultura digitale ho scritto un libro e provo a spiegare la mia esperienza sulle difficoltà affrontate in questi anni nel parlarne negli ambienti accademici e politici, quindi sorge una domanda: incapacità o malafede?

Il Governo dei migliori impugna l’ordinanza di chiusura delle scuole messa in piedi dal Governatore De Luca.

Un atto che dimostra la totale incapacità dell’attuale Ministro ‘tecnicoBianchi e del suo collega politico Brunetta.

Nel 2019, prima che la pandemia fosse nota a tutti, ho scritto Cultura Digitale, un manuale di sopravvivenza per genitori, figli e docenti, le cui bozze erano nelle mani dell’attuale assessore Fortini.

Gli insegnanti sono stati inseriti nel titolo per dare quella giusta risonanza ad un tessuto sociale fondamentale per l’educazione dei cittadini del futuro sempre più digitali e distanti anni luce dalla scuola attuale: i nostri figli. Il libro non da una ricetta, ma prova a trovare una soluzione già sperimentata in altri paesi con i suoi pro ed i suoi contro, sia chiaro, ma che ha messo in moto più di un processo di innovazione a differenza nostra.

Ne ho parlato con l’allora Ministro Gaetano Manfredi, oggi sindaco di Napoli, che dopo pochi mesi ha aperto un dibattito sui quotidiani con Alessandro Baricco, facendo intendere che la strada giusta fosse quella di ripensare i modelli di insegnamento. Peccato che vi è stato un cambio alla guida dell’Italia con i cosiddetti migliori.

Nei due anni della pandemia, la scuola è stata sollecitata più volte nel cambiare passo. Parlando con docenti, dirigenti scolastici e mamme, verificando io stesso sul campo, mi sono accorto che nulla è stato fatto e che le maggiori difficoltà dell’insegnamento a distanza sono derivate dall’incapacità di trasmettere cultura attraverso strumenti digitali:

Il libro come riferimento per delle lezioni in classe virtuali?

Questa è la sintesi di come i migliori hanno ragionato in questi anni: facendo nulla, se non dare in appalto a Microsoft e Google la fornitura dei servizi della PA e della Scuola con la compiacenza dei Ministri della Digitalizzazione.

Quando sostengo che il mondo è pieno di migliori e quelli che conosciamo come tali non sono al Governo, ma a subire le scelte di una politica lungimirante solo ed esclusivamente per interessi oligarchici, mi riferisco a questo.

La Regione fa l’unica cosa possibile dinanzi ad una pandemia gestita con una narrazione di regime, ed i fatti degli ultimi giorni lo confermano, e cioè chiudere.

A chi spetta riformare la scuola? Al Governo che spende 200 miliardi per le generazioni future, infischiandosene della loro formazione e cultura.

Se questa esigenza l’ho ravvisata da giornalista, scrittore e studioso dei fenomeni, sociali e criminali, legati al mondo digitale e sempre più insidiosi per i minori in età scolastica, come mai i migliori della classe non ci sono arrivati?

Come si può cambiare il mondo attuale con azioni di “Transizione” se non si ha una base già pronta ad affrontarla?

E’ giusto che a decidere il nostro modo di essere cittadini digitali sia deciso secondo un indirizzo Governativo scelto a tavolino con un manipolo di multinazionali?

Una politica nazionale oramai incapace di innovare prima se stessa ed il futuro del Paese che rappresenta e a pagarne le conseguenze non siamo più noi adulti del presente, ma quelli del domani.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura
abbonati gratis a Matrice Digitale
segnalaci un sito truffa, scam, phishing

Tendenza