Connect with us

Editoriali

Ecco perchè il VAR non ha cambiato ancora il calcio

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 3 minuti.

Il mondo del calcio è colpito da tante polemiche nonostante il Video Assistant Referee VAR. L’inserimento della tecnologia nel calcio non ha portato soluzioni, ma solo diatribe a quanto pare. Non c’è una squadra che non sollevi dubbi a riguardo, non tanto sulla tecnologia, ma sul suo utilizzo e sulle regole di impiego messe a punto dalla Lega sulla base delle direttive FIFA.

Prima di comprendere perché il VAR, o la VAR, non ha migliorato il calcio, spieghiamo quando questo può essere utilizzato dall’arbitro su sua indicazione spontanea oppure su richiesta della squadra interessata a fare chiarezza su un azione a suo dire torbida. Il Grande Fratello del calcio può essere usato esclusivamente in quattro casi definiti “determinanti” per lo sviluppo della partita e del risultato:

• assegnazione di un gol;

• assegnazione di un calcio di rigore;

• espulsione diretta (non quella per somma di ammonizioni, “giallo”);

• errore di identità (scambio del calciatore da ammonire o espellere con un altro)

Ed ecco allora che subentra il fattore del tempo. Quanto tempo dura una interruzione del VAR? Almeno 3 minuti, che si andrebbero ad aggiungere alla durata del match. 

Chi assiste l’arbitro? Una macchina?

No altri due ufficiali di gara in carne ed ossa, detti V.A.R. (Video Assistant Referee) e A.V.A.R. (Assistant Video Assistant Referee), incaricati di riferire all’arbitro e di rivedere il filmato dell’azione quando si verifica una delle quattro situazioni già viste in precedenza.

Quindi questo sistema dovrebbe essere infallibile dato che ci sono due uomini a controllare le immagini di una moviola in campo, perché allora vi sono ancora lamentele?

Perché la macchina non è libera di decidere ed il mix arbitro-VAR non è automatizzato e nemmeno basato su principi universali, ma sulla discrezionalità umana ed è qui che subentra la cultura del sospetto italica fondata su eventuali decisioni personali aventi alibi tecnologici mirati a premiare l’una o l’altra squadra.

Come dovrebbe essere un sistema arbitrale calcistico a prova di errore?

Innanzitutto c’è bisogno di stabilire il principio che l’arbitro in carne ed ossa non serve perché la tecnologia oggi potrebbe provvedere autonomamente a giudicare le partite di calcio grazie all’intelligenza artificiale con capacità predittiva ed il machine learning accompagnato da un deep learning: una macchina che impara dalla casistica e che continua ad imparare mentre è inattiva.

Fantascienza? Assolutamente no e certamente rappresenterebbe una soluzione quasi perfetta, ma onerosa nella fase di avvio e con la tecnologia 5G sarebbe ancora più efficiente ed infallibile, ma subentrerebbe un fattore forse più fastidioso: le interruzioni di gioco con un conseguente aumento esponenziale del tempo di gioco.

Se ogni interruzione dura 3 minuti, si calcola che in una fase iniziale, magari di apprendimento dei sistemi informatici, ci troveremmo a fare i conti con più di 10 interruzioni a partita e la scelta sarebbe tra il far recuperare il tempo perso con la stessa quantità di minuti sottratti al gioco oppure facendo giocare meno le squadre in campo. C’è però un dato che descrive molte macchine in altri settori come perfette anche con percentuali dell’80% e le squadre potrebbero richiedere l’intervento dell’arbitro, unico supervisore senza una terna, per il rimanente 20%.

Vi sembra surreale vero? Ed invece è così tecnicamente praticabile ed onesto, perfetto, che il 20% di errore rappresenterebbe un successo proprio per coloro che sono alla ricerca di un calcio giusto, equilibrato ed onesto, ma che difficilmente si può ottenere per due motivi.

Il primo risiede nei costi che dovrebbero essere a capo di gestori dello stadio o delle Società Sportive titolari degli impianti, oppure a carico della FIFA che sarebbe chiamata ad una rivoluzione globale e forse anche coraggiosa sotto certi punti di vista, perché potrebbe aprire successivamente a scenari di giocatori “robot”. Il secondo motivo è semplicemente perché ad oggi i campionati sono falsati, tutti, e non sempre vince il migliore e l’algoritmo che sta modulando il gioco è spesso quello delle società di scommesse sempre più potenti, ricche e soprattutto influenti.

Pensandoci bene, una volta che la fiducia del pubblico e degli addetti ai lavori si è consolidata, le partite durerebbero meno perché la tecnologia funzionante, impiegata in maniera assoluta, non creerebbe molti sospetti e, a meno che non si verifichino casi eclatanti di errori oppure di intrusione informatica e si inizi a parlare di manipolazione dell’algoritmo che governa le macchine, vi sarebbe più tempo dedicato al gioco e meno alle polemiche perché impartite da uno strumento non umano. Il fatto che sia una macchina a dirigere tutto senza interessi personali, che potrebbero inficiare su un eventuale parametro di giudizio, così come ad oggi viene spesso contestata l’integrità morale degli arbitri umani. Anche perché il direttore di gara sarebbe unico per ogni partita, ed il sistema robotico prevederebbe più soggetti mossi da un unico algoritmo senza che il cuore e la mente prevalgano su delle scelte oggettive valide per tutti e soprattutto senza discrezionalità di merito, ma di regola.

Editoriali

Solo ora si accorgono del problema televoto e giornalismo musicale

Pubblicato

in data

Amadeus Geolier Sanremo 2024
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Leggo molte critiche al “cartello di giornalisti” che ha boicottato la vittoria di Geolier a Sanremo. Sono davvero convinto che sia andata così, ma sono certo della tanta “colleganza” che oggi predica bene, ma ha sempre razzolato male per quel che concerne il discorso di “cartello”.

E non riguarda solo la musica, ma anche il calcio, la politica … quindi di cosa parliamo?

Qualche settimana fa fui molto chiaro: chi tratta moda, spettacolo, musica e gossip non si può considerare giornalista.

Chi lo fa dal punto di vista della critica diversamente lo è e vi assicuro che assistiamo a tanti giornalisti sportivi, che hanno visto milioni di partite, e non capiscono di calcio. Vediamo chi dei nostri farà un esposto all’Ordine per quel collega che ha commentato di non far votare la Campania.

Altra cosa: il 90% dei giornalisti che la criticano, non avrebbe avuto il coraggio di fare quell’indegna domanda, ma fondata, a Geolier sul risultato ottenuto “più per i suoi ospiti che per la sua performance”.

Così come hanno fatto più danni dei ladri di polli sanremesi quelli che hanno applaudito Presidenti del Consiglio e Ministri della Sanità nefasti.

Prosegui la lettura

Editoriali

Geolier a Sanremo rutta in napoletano. Perchè è un problema per i nativi digitali

Pubblicato

in data

Geolier Sanremo
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Parliamoci chiaramente, questo qui, Geolier, è diventato famoso per una canzone che descrive il livello di tamarraggine napoletana che si manifesta “rint a n’audi nera opaca” dove magari ci si sballa pure.

Nello stesso brano cita tutte marche di lusso … che rappresentano quello stile di vita a cui ambiscono le baby gang che ieri hanno occupato la prima del tg5 nonostante a Napoli siamo in un periodo d’oro rispetto al resto del paese.

Amadeus quest’anno farà come la De Filippi, punta sul lato più becero della napoletanità fatto di lusso a debito che poi si sposa con il mondo degli influencer e della moda. Conferma anche di sapersi nascondere bene dietro l’equazione “è seguito, quindi può anche essere pericoloso e di scarsa qualità, ma è forte

Che poi è il modello che i genitori evitano di caldeggiare per i propri figli, ma puntualmente vengono smentiti da social e tv. E la risposta è “il ragazzo fa numeri”.

Tra l’altro, il monologo in napoletano dell’anno scorso al festival ha anticipato la sua presenza ed era davvero pessimo, tanto da farmi prendere le distanze da un mio compaesano.

Questa non è Napoli e soprattutto non è l’evoluzione della napoletanità da tramandare alle nuove generazioni.

Perchè qui non si discute Geolier l’artista, che merita di fare il suo percorso e di vincere Sanremo, ma di Geolier che parla a nome dei napoletani. Ognuno si sceglie gli ambasciatori che merita, di certo non è una casa di moda o un affarista come Amadeus che decidono chi debba rappresentare un’intera città.

 

Prosegui la lettura

Editoriali

Giovanna Pedretti: tra giornalismo, fiction e debunking a chiamata

Pubblicato

in data

giovanna pedretti
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Dinanzi la morte c’è bisogno di rispetto. Troppo presto per parlare in modo definitivo della storia di Giovanna Pedretti che si è tolta la vita nel giorno in cui c’era più di un dubbio sulla veridicità della recensione che aveva portato alla ribalta lei e la sua pizzeria dopo aver difeso disabili e gay.

C’è però da dire che spesso leggiamo sui social frasi “mitologiche”, pensieri storici (che spesso vengono attribuiti ad altri personaggi) oppure storie di pura enfatizzazione di eventi create dal nulla.

Tutto questo va contro la verità fattuale, quella che i giornalisti dovrebbero conoscere, ma preferiscono passarla in secondo piano quando si tratta di fare clamore e conversioni.

Se la magistratura scoprirà che la notizia della recensione è falsa, cosa penserete?

Che Giovanna si è tolta la vita per colpa di una bugia o di una verità?

E la colpa di chi sarà?

Di chi ha accertato la verità … oppure di chi ha cercato clamore con una bugia?

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERSECURITY

NSO Group: cambia proprietario NSO Group: cambia proprietario
Notizie12 ore fa

NSO Group è capace di estrarre dati dagli smartphone senza l’interazione della vittima

Tempo di lettura: 2 minuti. La nota azienda israeliana di spyware commerciale NSO Group è stata recentemente al centro dell’attenzione...

Playstation Portal Hackerato da ingegneri di Google Playstation Portal Hackerato da ingegneri di Google
Notizie13 ore fa

Il PlayStation Portal di Sony hackerato da ingegneri di Google

Tempo di lettura: < 1 minuto. Ingegneri di Google hanno hackerato il PlayStation Portal di Sony per eseguire giochi PSP...

Notizie13 ore fa

97.000 server Microsoft Exchange vulnerabili ad attacchi NTLM relay

Tempo di lettura: 2 minuti. Oltre 28.500 server Exchange sono a rischio a causa di CVE-2024-21410, con gli hacker che...

WordPress Bricks WordPress Bricks
Notizie1 giorno fa

WordPress, falla critica RCE in Bricks sfruttata dagli hacker

Tempo di lettura: < 1 minuto. Una falla critica RCE nel tema Bricks Builder di WordPress, identificata come CVE-2024-25600, viene...

Wyze Wyze
Notizie1 giorno fa

Wyze Camera Breach: intrusione espone la Privacy e la sicurezza di 13.000 Utenti

Tempo di lettura: 3 minuti. Wyze affronta una grave violazione della sicurezza che ha esposto le immagini private di 13.000...

Notizie1 giorno fa

KeyTrap: come una singola richiesta DNS può disabilitare l’accesso a Internet

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri KeyTrap, una vulnerabilità in DNSSEC che consente l'interruzione dell'accesso a Internet con una singola...

anatsa anatsa
Notizie1 giorno fa

Trojan Android Anatsa elude la sicurezza di Google Play e si diffonde in Europa

Tempo di lettura: 2 minuti. Il trojan bancario Android Anatsa elude la sicurezza di Google Play dimostrando la capacità di...

Agid Agid
Notizie2 giorni fa

Digitale nella PA, AGID vara il Piano Triennale 2024-2026

Tempo di lettura: 3 minuti. Agid vara il Piano Triennale 2024-2026 per l'informatica nella PA italiana e mira a accelerare...

Notizie3 giorni fa

Hai perso il tuo numero di telefono? Il tuoi Account sono a rischio

Tempo di lettura: 2 minuti. Meta ignora il rischio di furto di account tramite il riciclo dei numeri di telefono,...

Notizie3 giorni fa

Malware Bumblebee ritorna dopo una pausa di 4 Mesi con una campagna phishing

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo una pausa di quattro mesi, il malware Bumblebee torna a colpire con nuove campagne...

Truffe recenti

dimarcoutletfirenze sito truffa dimarcoutletfirenze sito truffa
Inchieste2 giorni fa

Truffa dimarcoutletfirenze.com: merce contraffatta e diversi dalle prenotazioni

Tempo di lettura: 2 minuti. La segnalazione alla redazione di dimarcoutletfirenze.com si è rivelata puntuale perchè dalle analisi svolte è...

sec etf bitcoin sec etf bitcoin
Economia1 mese fa

No, la SEC non ha approvato ETF del Bitcoin. Ecco perchè

Tempo di lettura: 3 minuti. Il mondo delle criptovalute ha recentemente assistito a un evento senza precedenti: l’account Twitter ufficiale...

Notizie2 mesi fa

Europol mostra gli schemi di fronde online nel suo rapporto

Tempo di lettura: 2 minuti. Europol’s spotlight report on online fraud evidenzia che i sistemi di frode online rappresentano una grave...

Notizie3 mesi fa

Polizia Postale: attenzione alla truffa dei biglietti ferroviari falsi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli investigatori della Polizia Postale hanno recentemente individuato una nuova truffa online che prende...

app ledger falsa app ledger falsa
Notizie3 mesi fa

App Falsa di Ledger Ruba Criptovalute

Tempo di lettura: 2 minuti. Un'app Ledger Live falsa nel Microsoft Store ha rubato 768.000 dollari in criptovalute, sollevando dubbi...

keepass pubblicità malevola keepass pubblicità malevola
Notizie4 mesi fa

Google: pubblicità malevole che indirizzano a falso sito di Keepass

Tempo di lettura: 2 minuti. Google ospita una pubblicità malevola che indirizza gli utenti a un falso sito di Keepass,...

Notizie4 mesi fa

Nuova tattica per la truffa dell’aggiornamento del browser

Tempo di lettura: 2 minuti. La truffa dell'aggiornamento del browser si rinnova, con i criminali che ora ospitano file dannosi...

Notizie4 mesi fa

Oltre 17.000 siti WordPress compromessi negli attacchi di Balada Injector

Tempo di lettura: 2 minuti. La campagna di hacking Balada Injector ha compromesso oltre 17.000 siti WordPress sfruttando vulnerabilità nei...

Truffe online5 mesi fa

ChatGPT cerca di ingannare cuori solitari appassionati di AI

Tempo di lettura: < 1 minuto. La truffa LoveGPT rappresenta una nuova minaccia nel mondo degli appuntamenti online, sfruttando l'AI...

Notizie5 mesi fa

Nuovo avviso della Polizia Postale: attenzione allo “Spoofing telefonico”

Tempo di lettura: 2 minuti. Attenzione ai tentativi di truffa tramite "Spoofing telefonico": la Polizia Postale avvisa e fornisce consigli...

Tendenza