Connect with us

segnalaci un sito truffa

Editoriali

ESCLUSIVA – Occhionero: La vendetta di Trump fa tremare Politica, Magistratura ed Intelligence italiana

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 6 minuti.

Nel mese di febbraio 2020 Matrice Digitale è stata protagonista di una esclusiva internazionale che annunciava il timore di Matteo Renzi per una eventuale ritorsione Americana a causa di un suo ruolo da protagonista nel RussiaGate. Nel mese di maggio è arrivata una tempesta d’oltreoceano che ha portato con se tanta acqua da poter spegnere fuochi, ma allo stesso tempo degenerare in un uragano. L’Italia è sotto pressione politica e Trump si trova al verdetto elettorale per la riconferma alla Casa Bianca. Guarda caso, il suo sfidante Joe Biden, ha avuto un endorsment pubblico di Obama, quest’ultimo accusato dallo stesso Trump di essere stato autore di un complotto internazionale che aveva il compito di spianare la strada alla Clinton, grazie a MifsudRenzi Carrai. Dopo aver ripercorso tutta la storia, chiediamo a Giulio Occhionero, ingegnere e protagonista della spy story italiana più avvincente degli ultimi anni “Eye Pyramid”, che ci fornisce una visione complessiva su quanto stia accadendo in USA e su come l’Italia tema per la sua stabilità politica nonostante, sia il Governo che l’Opposizione, abbiano fatto fronte comune per tutelare Renzi ed i protagonisti dello scandalo mail russe, che ha tenuto banco per anni sulla stabilità di Trump stesso. In questa vicenda di spie e di politici, sembrerebbe esserci un ruolo protagonista ricoperto da uomini della magistratura, che avrebbero spianato la strada non solo alla componente politica AntiTrump, ma che avrebbero penalizzato anche alcuni progetti strategici del BelPaese come il porto di Taranto. Dopo lo scandalo Bonafede, molti si interrogano se la contropartita promessa al salvatore Renzi non abbia compreso anche una tutela dall’ira di Trump, oltre che alla solita tanto bisbigliata attenzione della magistratura per il padre e per la Boschi.

Ci spiega la ragione che vanta Trump contro Obama e su quali certezze si basa? E perchè l’Italia?

Difficile disporre delle informazioni di cui dispone il Presidente Trump. Tuttavia gli elementi sull’Italia si moltiplicano di giorno in giorno, e cosí i collegamenti con i governi PD dell’epoca. Dalle richieste di unmasking sul Generale Flynn, inspiegabilmente partite dall’Ambasciata Americana Roma, alla imbarazzante posizione del Governo Italiano sul prof. Mifsud, fino ai caldeggiamenti del capo di FBI a Roma Kieran Ramsey (che é sempre quello che ha rifiutato di testimoniare nel mio processo) per la nomina di Marco Carrai alla direzione della cyber security Italiana; direi che c’é solo l’imbarazzo della scelta. Ma probabilmente questo é ancora nulla rispetto a quello di cui dispone Washington.

Parliamoci chiaramente, può trattarsi di una mossa pre elettorale del tipo “can che abbaia non morde”? In poche parole Fuffa, come dicono i sostenitori di Obama?

É un’osservazione che mi é stata fatta da diverse persone, anche molto addentro alla materia. Io credo, peró, che la eventuale ritorsione in questo ambito venga spesso erroneamente inquadrata nell’ambito della sfera personale, magari emotiva, dei singoli individui. Le faccio presente che un capo di governo che tollerasse un manifesto tentativo di sabotare la sua carica, a mezzo di infiltrati di un governo straniero, vilipenderebbe lo stesso impianto democratico che lo ha insediato.

Nel Governo Renzi, era forte la presenza di Cantone all’ANAC, presente tra l’altro alla famosa cena di Obama, poi sparito dalla visibilità mediatica. Successivamente si è scoperto l’asse Palamara – Ferri e lotti al CSM: La mano destra e quella sinistra insieme. Tutti dettagli che ad oggi sembrano più rilevanti alla luce della vicenda Trump e che evidenziano non solo l’atavico rapporto tra magistratura e politica, ma fanno luce su un livello superiore composto da magistratura ed intelligence. E’ una analisi sbagliata la mia, oppure è possibile che il maggior potere giudiziario-inquirente in Italia sia soggetto a pressioni straniere, con tutti i rischi che ne possono derivare per i cittadini italiani?

I rapporti tra magistratura ed intelligence, facilitati ulteriormente dal decreto del Governo Renzi del Novembre 2015, sono uno degli aspetti piú imbarazzanti su cui la magistratura Italiana si preoccupa bene di mantenere il riserbo. Basti pensare a tutte le volte in cui l’aspetto intelligence viene usato come argomento per aggirare un abuso nelle indagini; abuso che invece sarebbe impedito da una normale applicazione del codice penale. In sostanza, la frase “si tratta di un problema di sicurezza nazionale” é ormai diventata una formula per tutte le stagioni. Con immediati preoccupanti risvolti su come tutto questo venga usato contro gli avversari politici. In una delle mie tante corrispondenze, giacenti presso la Procura di Perugia, sottolineavo come le nostre indagini defensive avessero portato al rinvenimento di elementi tali da far ritenere “superato” il rischio che la magistratura Italiana perseguisse finalitá politiche. Infatti, vi sono concreti elementi per asserire che alcuni magistrati si stiano giá adoperando in politica estera. Riguardo, quindi, al dott. Cantone, credo la domanda da fargli sia su quali siano stati i suoi rapporti con l’ufficio di Victoria Nuland, grande promotrice del Russiagate presso il Dipartimento di Stato Americano, nonché amica personale dell’ex Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Attualmente sembra che l’accusa mossa dalla Procura di Roma nei suoi confronti abbia colpito ed affondato in primo grado, ma lei è riuscito sottoporre a valutazione per eventuali procedimenti disciplinari alcuni uomini di Stato, le cui indagini sono sotto verifica dal PM Narducci. Secondo lei è scattato un principio di autotutela tra Servitori del Paese, oppure, se vi saranno pressioni americane, si riuscirà ad accertare con più zelo eventuali colpe?

Vi sono al momento diversi procedimenti alla Procura di Perugia, nati in seguito ai nostri esposti. Riguardo alla miracolosa richiesta di archiviazione, insolitamente avvenuta in udienza preliminare per opera del GUP Valerio D’Andria, in favore del dott. Albamonte, io trovo imbarazzanti ed irresponsabili le dichiarazioni del giudice D’Andria. La tesi del giudice sarebbe che Albamonte e gli agenti del CNAIPIC hanno agito nel lecito nell’attuare una prolungata attivitá di hackeraggio di sistemi informatici posti sul territorio Americano. Noi sottoporremo le predicazioni del giudice D’Andria all’autoritá giudiziaria Americana.

Solitamente, quando si “abbatte” una persona ritenuta “chiave” in un determinato processo, si riscuote una taglia. C’è chi ha riscosso qualche successo personale dopo l’inchiesta Eye-Pyramid che ancora oggi la vede coinvolta?

Direi che in questo caso gli eventi non hanno permesso di riscuotere qualcosa ai promotori del complotto per rovesciare Trump. Tuttavia, é piú che evidente che tali individui avrebbero riscosso una grossa taglia se il disegno si fosse materializzato. E stiamo parlando di un tentativo di colpo di stato. Riguardo il dott. Albamonte, peró, mi pare che in quel periodo fosse stato eletto alla guida dell’ANM, con un solo voto di scarto. Se non fosse stato per l’inchiesta EyePyramid, probabilmente non avrebbe ottenuto nemmeno quella carica.

Una cosa bisogna però riconoscerla agli appassionati dei complotti. L’hashtag #ObamaGate in poche ore ha totalizzato tantissimi tweets che l’hanno buttato in tendenza su Twitter, ma in Italia sembra non essere accaduto nulla in quei giorni, perché secondo lei questo silenzio da parte dei media e degli attori politici principali del Bel Paese?

Credo che la stampa mainstream Italiana dovrebbe in futuro avere il buon gusto di evitare di contestare comportamenti omertosi a quelli che sono vittima di associazioni a delinquere, considerato che, per prima, la stampa Italiana é silente su fatti ben piú gravi; e non si comprende nemmeno quale sia la minaccia che la indurrebbe al silenzio.

Nella prima intervista che mi ha concesso, mi disse che al tempo dell’inchiesta era impegnato con alcune aziende vicine al governo americano nel porto di Taranto. Si mormora che quello scalo sarà “svenduto” ai cinesi. diciamo che in questa vicenda ci ha perso sia l’america di Obama che quella di Trump, non trova? O c’è qualcosa che non sappiamo nei rapporti tra l’America di Obama e la Cina?

Io credo che aver sabotato la seconda opera pubblica d’Italia (la prima doveva essere il ponte sullo stretto di Messina, che non si é mai fatto), per altro interamente finanziata da importanti banche private anglosassoni, sia stato solo il primo passo verso una situazione di soffocamento economico; soffocamento tale da costringere ad una successiva svendita sottoprezzo di un asset strategico. A proposito, qualcuno dovrebbe sempre domandare al dott. Albamonte come mai lui stesso avesse tale grande interesse per il Porto di Taranto; e come mai lo stesso Direttore della Polizia Postale Roberto Di Legami (rimosso la sera successiva al nostro arresto), facesse fiera esibizione dei faldoni del nostro progetto del Porto di Taranto, alla stampa. Non ho ancora capito quale fosse la rilevanza di un primario progetto infrastrutturale Italiano nella materia cyber.

Ritorniamo ai complotti. A proposito, Renzi e Carrai fanno ancora coppia fissa, l’Ex premier è al Governo del paese ed è entrato nel cerchio magico di Obama, Blair e Bildeberg, quante possibilità ci sono che dinanzi ad eventuali responsabilità cadrà in piedi anche questa volta?

Secondo me, nessuna.

La cosa che però non mi torna è l’atteggiamento della destra sul tema, se Salvini è muto, perchè bollato come più russo che filoamericano, Meloni invece dovrebbe esporsi perchè sempre fa riferimento al patto atlantico, a cosa è dovuto tutto questo silenzio su una vicenda che potrebbe dargli un beneficio duplice? Far cadere il Governo a causa di Renzi e mettere il Senatore di Italia Viva fuori gioco come aspirante leader del paese.

Provo un forte disturbo nell’assistere alla goffa pratica del silenzio da parte di illustri esponenti del centro-destra Italiano, sul tema SpyGate contro Trump. Nella migliore delle ipotesi si tratta di uno stato di forte confusione ideologica della destra Italiana. Nella peggiore, si tratta di riprovevoli rapporti tra esponenti del centro-destra Italiano e primari attori dello SpyGate; rapporti che assumo non mancheranno di essere portati alla luce.

Commenti da Facebook

Editoriali

Il Garante della Privacy multa Enel. Noi vi abbiamo avvisato 4 mesi fa.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Dopo diverse segnalazioni su campagne aggressive delle compagnie energetiche arrivate al Garante della Privacy, di cui vi ho parlato perchè mi hanno riguardato personalmente, è stata comminata una sanzione di 26 milioni di euro ad Enel Energia.

Si spera che questo non sia un caso unico e che vengano sanzionate altre compagnie nazionali e altri gestori locali, colpevoli di aver utilizzato il momento di crisi energetica come leva per far stipulare nuovi contratti, dove veniva esplicato come riferimento migliorativo il prezzo del costo della materia prima al netto delle tasse da pagare.

Il Garante per la protezione dati personali ha inflitto a Enel Energia una sanzione di oltre 26 milioni e 500 mila euro per il trattamento illecito dei dati personali degli utenti a fini di telemarketing. Oltre al pagamento della multa, la società dovrà adottare una serie di misure dettate dall’Autorità per conformarsi alla normativa nazionale ed europea sulla tutela dei dati.
Il provvedimento arriva al termine di una complessa attività avviata dall’Autorità a seguito di centinaia di segnalazioni e reclami di utenti che lamentavano la ricezione, in nome e per conto di Enel Energia, di telefonate promozionali indesiderate, anche su disco pre-registrato, la difficoltà di esercitare i propri diritti in tema di protezioni dati personali e, più in generale, problemi derivanti dalla gestione dei dati nell’ambito dei servizi di fornitura energetica, ivi compresi i trattamenti svolti tramite l’area riservata del sito della società e la app di gestione dei consumi (cd. Profilo unico).


L’ufficio del Garante ha verificato come il fenomeno del telemarketing nel settore energetico, con l’approssimarsi della scadenza per il passaggio dal mercato tutelato dell’energia elettrica e del gas al mercato libero, abbia registrato un netto e preoccupante incremento. Nel corso dell’istruttoria è emerso un cronico, intenso e sempre più invasivo fenomeno di telefonate promozionali indesiderate, in assenza del necessario consenso, verso utenze riservate o iscritte al Registro delle opposizioni, oltre al tardivo o mancato riscontro a istanze di esercizio dei diritti di accesso ai dati personali o di opposizione al trattamento per finalità di marketing.
Alla luce delle violazioni riscontrate, il Garante Privacy ha applicato una sanzione di 26.513.977,00 euro.


L’Autorità ha inoltre ingiunto a Enel Energia di adeguare ogni trattamento di dati svolto dalla rete di vendita a modalità e misure idonee a comprovare che l’attivazione di offerte e servizi e l’attivazione di contratti avvenga solo a seguito di contatti promozionali su numerazioni telefoniche censite e iscritte al Registro degli operatori della comunicazione (ROC).
Enel Energia dovrà anche implementare ulteriori misure tecniche e organizzative per gestire le istanze di esercizio dei diritti degli interessati, in particolare il diritto di opposizione alle finalità promozionali, in modo da dare riscontro agli interessati non oltre 30 giorni dalla richiesta.
Enel Energia infine dovrà comunicare all’Autorità Garante per la protezione dei dati personali le iniziative intraprese per adeguarsi a quanto prescritto dal provvedimento.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Editoriali

Dietro l’arresto di REvil c’è una guerra: in Russia

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

In questi giorni vi sono state tensioni tra Usa, Ucraina, Kazakistan e la Russia nello spazio cibernetico. Il rischio proclamato più volte dall’intelligence americana si è concretizzato quando 70 siti web ucraini sono stati messi giù da una manina straniera identificata come russa.

Altro aspetto interessante, è stato quello della Nord Corea che in questo caos generale sta aggredendo la Russia e sta eseguendo attacchi al mondo delle criptovalute per rimpinguare le casse del suo poverissimo stato.

REvil è uno dei più prolifici gruppi parastatali russi che hanno raccolto milioni di dollari in questi anni ed hanno bloccato diverse società altamente tecnologiche con il loro ransomware, noleggiato anche terzi, con cui ha montato l’innovativo business criminale del Ransomware as Service.

L’operazione di polizia che li ha sgominati è stata messa in piedi direttamente dall’intelligence russa FSB e, secondo una fonte della redazione sul luogo, questa potrebbe essere espressione di una guerra geopolitica in atto che tende a diminuire la forza politica di Putin.

Se il gruppo è stato sgominato “su pressioni” dei paesi sotto costante attacco informatico della stessa Russia, la strategia di scambio è probabile, motivata dall’intavolare un dialogo collaborativo con i nemici e questo non gioverebbe a Putin.

Quello che non torna invece nel marasma generale, è che il gruppo era già sotto osservazione dei russi e pronto per essere arrestato in quelle che possiamo definire operazioni “spettacolo” di polizia e questo invece può fornire una lettura diversa: quella della vendita ai nemici di un problema per ottenere qualcosa in cambio.

Un aspetto che sembra più credibile con le informazioni che solitamente giungono dalla Russia di Putin. In caso contrario, ci troviamo dinanzi ad una vera crisi politica in terra sovietica che ha origine nell’istituzione statale più vicina a Putin e che potenzialmente può aprire le porte ad un insediamento occidentale.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Editoriali

Asl Napoli Sud: i dati trafugati sono “irrilevanti”. Vaccini e tamponi sospesi per l’attacco? Una Bufala

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

In questi giorni è scoppiata la rete informatica della ASL Napoli 3 a causa di un attacco informatico. Gli autori dell’attacco sono gli affiliati al noto ransomware group Sabbath. Alla luce di questo attacco, molti utenti hanno lamentato ritardi nelle piattaforme vaccinali regionali ed hanno collegato l’evento dell’attacco all’inceppamento delle procedure di tamponi e vaccini.

Peccato però che è una logica errata, come sembrerebbe errato l’interesse da parte delle forze dell’ordine di avviare una trattativa. Nel mentre il popolo della rete, esperti informatici soprattutto, si straccia le vesti per l’ennesimo attacco sferrato ai danni di una struttura sanitaria pubblica, spulciando nei dati rilasciati come sample di avvenuta intrusione, notiamo che le informazioni siano classificate come “amministrative” e quindi non “top secret”.

Secondo le indiscrezioni raccolte dalla redazione, non essendoci una forma top secret sui dati amministrativi, non c’è un interesse nel tutelarli. La pubblicazione dei dati non comporterebbe una guerra o un rischio serio per il paese, anzi, i dati amministrativi sono dati pubblici ed è per questo che le Autorità sembrerebbero essere tranquille. Un altro aspetto è che la pubblicazione delle informazioni trafugate, scoprirebbe tutti gli eventuali soggetti esposti, facendo agire le strutture informatica nella direzione di massima tutela dei diretti interessati.

L’Asl per conto suo ha fatto una segnalazione al Garante della Privacy, seguendo la solita prassi, ed il reparto informatico sta mettendo mano al ripristino degli svariati terabyte di dati che componevano l’infrastruttura di rete sanitaria dei comuni nell’area sud est della provincia di Napoli.

La questione dei ritardi nei vaccini e nei tamponi, anche questa volta non trova riscontri con l’attacco. Una fonte della redazione è stata categorica: “i dati dei soggetti interessati dalle campagne di vaccinazione e di prevenzione al Covid, viaggiano su una infrastruttura di rete diversa gestita dalla SORESA, che poi è collegata all’infrastruttura nazionale allestita in occasione del COVID”.

Anche questa volta non è stato l'”Hacker internazionale” la causa di una classica confusione logistica italiana nel campo medico sanitario.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura
abbonati gratis a Matrice Digitale
segnalaci un sito truffa, scam, phishing

Tendenza