Connect with us
speciale truffe online

segnalaci un sito truffa

Editoriali

Esclusiva, Occhionero: “Mifsud è vivo e probabilmente inserito nella protezione testimoni della Procura di Roma”

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

Cari lettori di Matrice Digitale, oggi parliamo di un caso che nel 2017 fece molto scalpore ed occupò le prime pagine di tutti i quotidiani nazionali. Affrontiamo l’indagine Eye Pyramid che portò all’arresto i fratelli Occhionero noti nel mondo della finanza che conta. Una storia che interessa al nostro portale per due motivi e precisamente quello dello spionaggio telematico e delle sue potenzialità che ne comporta in favore degli hacker e l’utilizzo sempre più costante dei captatori informatici, costosissimi per le Procure con tariffe che vanno dalle 150 alle 250 euro al giorno per ogni singola intercettazione, che hanno non solo poteri di ascolto totale dei dispositivi infetti, ma possono avere anche caratteristiche di azione che di fatto gettano ombre e dubbi su eventuali azioni compiute non dagli indagati, bensì da altre persone. Se un detto recita “una mano lava l’altra”, da questa storia sono emersi intrecci non solo giudiziari, ma anche particolari della vicenda Mifsud, nota per aver messo l’Italia in un ruolo attivo nel Russiagate che ha destabilizzato addirittura la politica americana con relativi problemi per il presidente Trump.

Ing. Occhionero, quando si è trattato nel mio libro di descrivere la differenza tra hacker e cracker ho raccontato la sua storia dicendo che una cosa è utilizzare informazioni comprate dagli altri, un’altra invece quella di captarle direttamente e in silenzio per poi trarne vantaggio. E’ quanto mosso inizialmente dall’accusa della Procura circa l’indagine Eye Pyramid. In poche parole lei è quello che secondo la Giustizia Italiana ha dato il via ad una stagione di spionaggio telematico, arrivata nella sua più alta divulgazione mediatica in occasione del caso Palamara. Lei nega tutto e la domanda che le pongo è: qual è stato il suo ruolo in questa vicenda, se si dichiara innocente anche dinanzi all’acquisizione da parte della Giustizia di cartelle con dati sensibili dei “potenti” del pianeta?

Mi capita spesso nelle interviste giornalistiche di ritrovarmi accuse diverse da quelle che mi ha mosso la Procura di Roma. I miei capi di imputazione sono due: A e B. Cominciando dal capo B si tratta di un’accusa di aver avuto accesso ad una serie “imprecisata” di email perchè (spero a questo punto Lei se lo vada a leggere) il PM Albamonte non specifica “quali” email, ne’ quando sono avvenuti gli accessi. Il Dott. Albamonte era perfettamente consapevole del fatto che, se avesse prodotto le specifiche email e i relativi log file, sarebbero emersi gli accessi abusivi dei suoi operanti; cosi’ come infatti ha rinvenuto la Procura di Perugia nel chiederne il rinvio a giudizio. Riguardo al capo A, poi il Dott. Albamonte non ha mostrato nemmeno le sensibilità informatica di comprendere che una prova non può essere raccolta prima del reato; altrimenti significa che chi raccoglie la prova sa già che avverrà il reato. Nel caso specifico i file masterizzati dal suo CT Federico Ramondino (sempre con richiesta di rinvio a giudizio a Perugia) sono stati masterizzati il 21/1/2016, cioè 5 giorni prima del reato avvenuto il 26/1/2016. Il PM Albamonte, la GIP Maria Paola Tomaselli, la Giudice del I grado Antonella Bencivinni, la Polizia Postale, il Sostituto Procuratore della Procura di Perugia Gemma Miliani, il GIP di Perugia (ignoto) e l’ex Procuratore Capo della Procura di Perugia Luigi De Ficchy, tanto per menzionarne alcuni, sono tutti perfettamente a conoscenza del fatto che la notizia di reato avverso i fratelli Occhionero è stata fabbricata.

L’omertà giudiziaria non è migliore di quella che i pubblici ministeri contestano alle associazioni a delinquere di stampo mafioso.

Lei stesso ha raccontato che durante il carcere preventivo per alcuni mesi il cibo le veniva preventivamente controllato per scongiurare il rischio di eventuali avvelenamenti, le hanno cucito addosso un ruolo di spia e le hanno riservato un trattamento simile: sarà stato forse per l’utilizzo di server americani dove hanno trovato quei dati. Se non sbaglio era anche consulente del Governo USA, lo può confermare?

L’utilizzo di server Americani è prassi per società Americane, e questo era il nostro caso. Riguardo al cibo, mi è stato fornito in via separata per quasi tutta la carcerazione, salvo l’ultimo periodo quando sono stato trasferito in una sezione dove di fatto restavo solo tutto il giorno; poichè gli altri detenuti erano lavoranti. Inizialmente ho sottovalutato le misure che la Direttrice del carcere di Regina Coeli aveva adottato nei miei confronti; solo in seguito ne ho compreso la ragione. Cmq, di tutta la macchina della Giustizia Italiana, forse la parte penitenziaria è quella che mi ha dato la maggiore impressione di professionalità. Riguardo al governo USA, abbiamo lavorato al progetto del Porto di Taranto dove Washington aveva un interesse connesso al traffico mondiale dei containers ed ai relativi risvolti di sicurezza. I nostri partners era società che operavano, ed avevano già operato, per la difesa USA.

Mi è parso di capire che nella sua difesa ha sovvertito il ruolo di “pirata informatico nelle indagini”, dando questa responsabilità alla Giustizia italiana e gettando di fatto ombre anche sul metodo di indagine tramite captatore informatico, perchè potrebbe depistare le indagini stesse  consentendo potenzialmente di sostituirsi all’indagato nel compimento di azioni controverse. E’ cosi?

La Procura di Roma ha ordinato e condotto diversi attacchi informatici avverso lo spazio cibernetico Americano. La Procura di Perugia ha, secondo me in modo sconsiderato, chiesto l’archiviazione per queste condotte. Alla gravità delle condotte di un importante magistrato di Roma, si aggiunge la legittimazione di altri funzionari dello stato Italiano. Con questa posizione assunta dalla Procura di Perugia, si definisce la condotta di Albamonte come “legittimo operare” di un funzionario dello Stato Italiano. Vedremo cosa accadrà quando arriveranno i mandati di arresto; e quanto sarà solida questa posizione di Perugia in quel momento.

Riguardo al captatore informatico, era chiarissmo che quello utilizzato da Albamonte ha fatto operazioni di scrittura e di attacco. Se alla Procura di Perugia sono riusciti a non accorgersene, con tutte le nostre dettagliate segnalazioni tecniche, non vedo cosa altro poter fare. Vorrei magari suggerire alla Procura di Perugia di non scegliere, la prossima volta, un consulente informatico che ha tra i suoi clienti la Polizia Postale di Roma, cioè un suo indagato.

Oggi lei vive a Dubai ed io l’ho trovata su Twitter, di cosa si occupa precisamente, si sente più ingegnere nucleare oppure informatico?

In realtà, io vivo ad Abu Dhabi. Il mio ruolo è concepire modelli di calcolo per i mercati finanziari e tradurre questi in codici eseguibili per il trading algoritmico. 

Sempre dal suo profilo Twitter, lei mostra molta sicurezza nel dare delle indiscrezioni già riportate dal mainstream su tematiche sensibili come la questione spinosa della Procura di Perugia, che lei ha collegato alla sua vicenda ed alla SpyStory più misteriosa dell’ultimo periodo: Josef Mifsud. Che connessione c’è tra lei Perugia e Mifsud?

Il ruolo della Procura di Perugia lo si desume abbastanza bene dai miei esposti; che sono tutti disponibili in rete ormai, oltre ad aver avuto grande diffusione nel mondo anglosassone poichè sono stati tradotti e forniti alle autorità Americane. Riguardo pero’ al caso del Prof. Mifsud, io già scrissi alla Dott.ssa Miliani a Perugia che era insostenibile la posizione della Procura di Roma nel non indagare sulla scomparsa di un individuo; per altro coinvolto nel piu’ grande intrigo mai visto a danno del Presidente USA. Roma non ha mai cercato Mifsud e Perugia non ha dato alcun segno di attività. L’unica possibilità è che Mifsud si trovi al momento in un programma di protezione testimoni della Procura di Roma; il che sarebbe poi l’ennesimo segreto di Pulcinella.

Comunque, i giornalisti come Lei possono sempre trovare il coraggio di chiamare il Dott. Albamonte o il Dott. Pignatone e chiedere: “Dottore, quali sono stati i suoi rapporti con Joseph Mifsud?”.

L’ho già fatto anch’io; ma nessuno mi ha risposto.

Qualcuno mi ha bisbigliato che chi tocca la storia di Mifsud Muore, lei ha mai conosciuto il professore? secondo lei è davvero morto il docente della Link Campus oppure è in pensione sotto copertura?

Io non ho mai conosciuto il Prof Mifsud e comunque credo sia vivo.

E’ emerso un dettaglio circa la sua affiliazione alla massoneria, crede di essere stato vittima di uno scontro tra poteri occulti o semplicemente le logiche illuminate poco c’entrano e si trova coinvolto in una guerra tra correnti del Deep State italiano?

Credo il tema massoneria fosse solo uno dei tanti ingredienti mediatici che Albamonte ha messo insieme per quella che “lui credeva” sarebbe stata l’inchiesta della sua vita; che avrebbe condotto alle dimissioni di un Presidente degli Stati Uniti d’America. Sfortunatamente per lui, mi sembra le cose stiano predendo una piega ben diversa.

Negli Emirati è scoppiata la polemica per ToTok, qual è il suo pensiero in merito? E’ malevola o semplicemente c’è un contenzioso su chi deve custodire i dati di una porzione del middle east?

Non le saprei dire su quell’app. Io non l’ho scaricata.

Commenti da Facebook

Editoriali

Evacuati o arresi? La missione di riabilitare Azov e la simbologia nazista è riuscita in Italia

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 4 minuti.

Un esercito che esce dal luogo asserragliato e finisce nelle mani del nemico, solitamente è considerato “arreso”. Non è accaduto nell’ultima novella occidentale che ha evidenziato la fine dell’operazione del battaglione più discusso quanto amato dai militari ad oggi in quota NATO.

L’operazione finita dovrebbe aver portato a un risultato che ovviamente ci è nascosto se militare, ma quello che emerge invece è che si è riabilitato quello che rappresenta il modello di esercito del futuro.

Secondo alcuni, dalle prime foto circolate sui corridoi umanitari non sono passati inosservati uomini con il berretto e la testa bassa, che non sembrano appartenere ai combattenti ucraini. Altro aspetto da non sottovalutare è l’ultima narrazione a cui abbiamo assistito in occasione della conferenza stampa di “Cyborg”, capo dell’intelligence del battaglione ucraino.

Un “cyborg” dentro Azovstal: la propaganda occidentale elogia Terminator Azov

Salvare Azov per Zelensky non è una buona notizia. Con l’estinzione di Azov sul campo di battaglia, si sarebbe accantonata una pagina colma di tensioni, lasciando una traccia patriottica e pulita degli 8 anni appena trascorsi dalla rivoluzione arancione dove il battaglione ha contribuito a fomentare un conflitto che ha portato 14.000 vittime.

Purtroppo per Zelensky non è stato così. Dopo aver silurato il ministro in quota Azov successivamente al primo a semestre al governo, si è ritrovato due anni più tardi un fronte suprematista e ultranazionalista ucraino che lo ha etichettato di essere addirittura un “filo Putin“.

Che Azov utilizzasse una simbologia nazista è cosa nota, che anche l’esercito ucraino la utilizzasse in altri commandi è cosa altrettanto risaputa. Quello che non torna invece è perchè c’è stato un cambio di narrazione da parte dell’occidente dichiaratosi sempre antifascista e soprattutto contro tutte le memorie distorte e strumentali sulla shoah.

Le ipotesi possono essere sintetizzate in queste brevi riflessioni:

  • Azov è stato armato ed addestrato dall’esercito Nato con maggiore attenzione dagli inglesi
  • Il finanziatore di Azov, diverso dal fondatore, è un cittadino ucraino con passaporto israeliano, così come lo stesso Zelensky è l’unico presidente al mondo al di fuori di Israele ad avere origini simili. Anche il capo dell’intelligence di Azov ha le stesse origini di Zelensky.
  • Il consigliere economico di Zelensky ha smentito alla tv italiana la tesi del battaglione autodidatta, espressa nella conferenza stampa dal capo dell’intelligence Azov, esprimendo un gradimento per la loro preparazione, per il loro addestramento NATO e per il modello da seguire espresso da questi soldati come riferimento dell’esercito del futuro.

L’apologia del nazismo

Il nazismo è un culto che ha una identità ben precisa e più volte si è invitata l’opinione pubblica a riflettere sul tema. “Azov sono suprematisti o ultranazionalisti” e ci starebbe anche se non fosse per l’utilizzo della simbologia in alcuni loro schemi.

A rimarcare la tesi dell’utilizzo di una simbologia cara al terzo Reich, c’è stata una donna ucraina intervistata come esperta nella tv italiana che ha dichiarato “la svastica ha anche un significato buono“. Vero, ma solo se presente nei luoghi di culto e non sulle divise militari.

L’altra faccia più oscura di questa riabilitazione storica è sicuramente rappresentata dalla stampa che, dapprima ha nascosto la storia di Azov, una volta emersa ha provato a sminuirla e poi è passata al contrattacco descrivendo il battaglione come avanzato, solo ultranazionalista, e modello eroico di resistenza.

Come può un battaglione militare essere paragonato alla resistenza che in Italia è stata condotta dai partigiani da una stampa sempre molto attenta nell’evitare una strumentalizzazione su tutto ciò che si riconduce al nazi-fascismo?

Oltre all’intervista analizzata, c’è chi come Gramellini, autore di offese personali a Orsini sul Corriere, ha definito il capo del battaglione Azov come “giusto”, citando un detto ebraico addirittura, perchè si era proposto di consegnarsi al nemico per facilitare i corridoi umanitari dei bambini intrappolati nell’acciaieria. Il tempo ha scoperto un’altra faccia del comandante eroico e lo hanno fatto trasmissioni televisive come Otto e Mezzo e Piazza Pulita che hanno dato spazio a versioni di “ostaggi” del battaglione utilizzati come scudi umani.

La Stampa di Massimo Giannini ha invece cancellato un vecchio articolo dove si raccontavano le malefatte del battaglione Azov ai tempi delle inchieste internazionali sulle loro affiliazioni naziste.

Il Foglio nei giorni precedenti ha dedicato approfondimenti sul nazismo in Ucraina, facendo un lavoro di revisionismo sulle fonti circolate in rete ed in tv grazie alle opinioni espresse dai “filoputin” bullizzati quotidianamente dai giornalisti Capone e Rodriguez con tweets al vetriolo. Dopo la strage di Buffalo è però emerso che il suprematista bianco americano, autore dell’assassinio di 10 persone innocenti, oltre alla nota strage italiana, si è ispirato proprio al battaglione Azov ed alla sua ideologia. Solo FanPage ha riportato questo dettaglio.

Perchè ci piace così tanto il nazismo?

Perchè i nazisti hanno vivono l’ideologia del senso di stato in modo forte e per questo sono disposte ad uccidere. Molto probabilmente sono un modello perfetto di servitori degli eserciti pubblici o privati che nel conflitto ucraino hanno avuto anch’essi una narrazione diversa: per Zelensky erano volontari, per Putin invece mercenari.

Il nazismo ucraino, leggasi nazionalismo, è stato necessario a portare avanti una guerra iniziata nel 2014, con il fine di creare tensioni in quelle zone stabilite dai patti di Minsk mai rispettati e che a distanza di otto anni Macron e Scholz hanno provato a riabilitare per impedire a Putin di non invadere l’Ucraina.

Se la Nato oggi riabilita le azioni di Azov è perchè il battaglione speciale dell’Esercito Ucraino è un modello per il sorgere dell’esercito europeo ipotetico e concreto invece per quello NATO. Dopo aver scoperto i “dittatori utili“, possiamo sostenere che i “nazisti utili” sono stati sdoganati e bisogna fare attenzione che non riprendano potere come accaduto in passato.

La storia si ripete ciclicamente, meglio iniziare a prendere le distanze oggi ed è strano che chi ha costruito carriere sul fascismo ed il nazismo strisciante, ad oggi resta in silenzio o ne è complice.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Editoriali

Killnet e Legion: la nostra intervista ha scoperchiato la cyberpropaganda occidentale

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Giancà e notizie so rotture e cazz” questa è la famosa frase che fu rivolta a Giancarlo Siani da un ignavo superiore all’interno di un giornale prestigioso per il quale lavorava. Chi vive nella terra napoletana sa che fare il giornalista non è solo riportare le veline delle fonti istituzionali, ma ascoltare tutte le fonti per coprire una notizia quanto più possibile con il fine di fornire al lettore una valutazione.

L’intervista a KillNet e Legion ha scoperto un contesto composto da “istituzionalismo” nel mondo della cybersecurity dove le fonti sono i comunicati di agenzia.

KillNet ed il suo battaglione Legion ostile alla NATO. Intervista esclusiva agli hacker russi che hanno colpito l’Italia

D’altronde, non ci siamo mai tirati indietro nell’intervistare LulZSec, Anonymous, perchè anche loro sono stati autori di attacchi informatici al nostro paese. Oggi Anonymous è il battaglione prediletto della stampa occidentale seppur fino a ieri era considerato come un manipolo di criminali, inesperti dal punto di vista informatico e autori di attacchi “fuffa”.

INTERVISTA ESCLUSIVA – ANONYMOUS E LULZSEC RACCONTANO L’ATTACCO HACKER ALLE MAIL DI 30000 AVVOCATI

Non sorprende, visto il tenore eolico delle linee editoriali di molte testate del nostro paese, che la fuffa di ieri sia diventata oggi la più grande arma informatica dell’occidente, ma per noi, tranquilli, è sempre fuffa.

Guerra Cibernetica: la tesi della fuffa mediatica proposta da Matrice Digitale insiste al di fuori dei confini italici

Anonymous copre la fuffa occidentale nella Guerra Cibernetica

Anonymous e gli hacker pro Ucraina continuano con la fuffa cibernetica

Perchè la guerra cibernetica è fuffa, propaganda e nemmeno ibrida. Almeno per il momento

Microsoft: 250 operazioni informatiche russe contro l’Ucraina. Altra conferma alle analisi di Matrice Digitale

Anche quella di effettuare attacchi DDoS è fuffa in un ambito generale di operazioni militari dove i russi hanno implementato 6 wiper, malware altamente distruttivi, e bloccato addirittura le comunicazioni satellitari nel giorno dell’invasione.

Peccato per voi, cari lettori, che la maggior parte della narrazione odierna sostiene che le operazioni di Anonymous stiano portando l’Ucraina e l’occidente verso la vittoria della guerra cibernetica.

Le notizie si danno e chi non lo fa è perché vuole gestirle.

Ci hanno accusato di dare spazio alla propaganda russa

FALSO

Abbiamo intervistato gli autori di un attacco informatico, da noi in precedenza definiti “ragazzi“, che ha destabilizzato il nostro paese da tempo preoccupato di subire attacchi cibernetici ed abbiamo ricavato diverse notizie su cui la stessa stampa italiana ha aperto dibattiti in precedenza.

Esclusiva: Media Italiani sotto attacco dei “ragazzi” di Legion e KillNet

Primo: KillNet e Legion sono la stessa persona che ha strutturato in Legion un battaglione ad hoc per la guerra cibernetica motivata contro la Nato.

Secondo: se il titolare del gruppo non è solo un mitomane, KillNet ha una botnet di 500.000 computer e sta per colpire gli USA

Terzo: il passaggio su Anonymous è chiaro ed è quello che abbiamo pensato in molti vista la natura del collettivo. Dietro l’Anonymous ucraino” non c’è solo il gruppo Antifa e antimperialista, nemmeno quello impegnato nella lotta alla pedofilia, zoofilia o a sensibilizzare sulle guerre palestinesi, yemenite o del Myammar.

Quarto: c’è la conferma alle indiscrezioni dell’intelligence USA sulla natura del gruppo, il quale ha dichiarato alla nostra redazione di essere stato fondato da poco e di essere scollegato alle attività di intelligence e che noi siamo stati gli unici a riportare.

Sito Ministero della Difesa italiano sotto attacco di Killnet. Non è stato Legion

Quinto: L’Italia non è un obiettivo sensibile, ma una esercitazione, che è servita a mettere in evidenza in quale condizione il nostro Paese sia dal punto di vista informatico al netto dei proclami di esperti e pubblici dipendenti a cui viene dato spesso risalto a differenza delle notizie.

Approfittiamo di questa occasione anche per contestare la risposta alla domanda formulata a Legion “perchè appoggiate la propaganda russa“.

Secondo il gruppo non esiste la propaganda russa, secondo noi invece esiste così come esiste la propaganda Occidentale ed il mondo della cybersecurity ne è oramai compromesso.

Le notizie sono davvero delle “rotture di cazzo” per i giornalisti, alcuni si sono anche complimentati con noi e li ringraziamo, ma la frase pronunciata al giornalista napoletano morto, a cui non ci paragoniamo sia chiaro, vale più per i propagandisti che quotidianamente si propongono al “sistema” come i gestori delle informazioni.

Anche su quest’ultimo passaggio abbiamo analizzato la comunicazione di guerra dei primi tre mesi e a confermarle è arrivato in questi giorni un servizio delle Iene che ha fornito dei dati:

La propaganda occidentale ha perso: ecco le armi “spuntate” messe in campo dai media

La propaganda occidentale ha fallito ed ora ha paura: il COPASIR monitora le tv italiane

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Editoriali

Se vi dicessi che nei riguardi di Orsini è in essere uno stupro di gruppo?

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Alessandro Orsini continua ad essere presente nelle tv incassando pareri feroci di una critica composta da detrattori per lo più elitari. Quello che non torna sul professore è perché e come mai si trovi in tv nonostante le pressioni, diverse, di relegarlo in un angolo.

Sembrerebbe non bastare la classica motivazione messa in ballo da Floris, l’audience, e nemmeno il fatto che Orsini possibilmente sia raccomandato dai Servizi e dal Papa, aggiungiamo noi. Orsini è ospite perché da l’impressione di aver portato avanti tesi solide seppur contrastanti rispetto alla massa di opinionisti che da mesi esprimono la stessa opinione su Putin, la guerra e la NATO.

Non è un caso che Lucio Caracciolo condivide con il professore della Luiss un percorso simile di tesi e analisi “alternative” ed in comune hanno condiviso insieme feroci accuse dagli esponenti del giornalismo italiano a stelle e strisce.

Chi però ha teso più di un assalto ad Orsini è stata Nathalie Tocci, direttore dell’Istituto Affari Internazionali e membro del consiglio di amministrazione dell’ENI, pagato 180 mila lordi l’anno grazie alla segnalazione del PD nella lista del Ministero dell’Economia.

La Tocci è la prima che ha lanciato l’accusa al professore di non aver esperienza in campo ucraino, ma dando un’occhiata al suo curriculum, imponente giusto precisarlo, mancano riferimenti all’Ucraina e lei presenzia le trasmissioni televisive dispensando opinioni sul conflitto.

Il personaggio più in difficoltà in questo momento è Massimo Giannini. Il suo giornalista Gianni Riotta ha attaccato Lucio Caracciolo per essere un filoputin, difeso addirittura da Enrico Letta, e lui è andato in tv a sostenere di essere libero dopo aver fatto scrivere al napoletano un editoriale. Sempre Giannini, invece, ha portato avanti gli attacchi a Orsini caldeggiando la strategia della Tocci e montando anch’egli il caso sul fatto che non abbia titoli con i suoi giornalisti di assalto, andati in giro a chiedere del passato del professore della Luiss.

Dopo giorni, mesi, di aggressioni, Orsini ha scritto una lettera a Giannini chiedendo in poche parole:

Se io non ho i titoli, tu a che titolo parli?

In effetti, il direttore della Stampa va spesso in tv a parlare di Ucraina e di conflitto e questo lascia intendere che anche lui abbia i titoli per parlare di Ucraina e invece non ne ha. Sempre il quotidiano La Stampa ha ospitato alcuni pareri di professori universitari che hanno dato addosso a Orsini per la sua “scarsa” storia curriculare.

Una voce, questa, che ha preso piede nell’universo reale e quello social ed è stata utilizzata per colpire personalmente l’autorevolezza del professore universitario con post sui social ancora più violenti.

“Non sta bene”

“E’ un mitomane”

“Non vale niente”

Questa è la sintesi dei suoi detrattori che non sono utenti qualunque, ma giornalisti, conduttori e accademici trasformati improvvisamente in haters. Orsini è diventato quello che in gergo possiamo definire “il soggetto” da bullizzare, quello da circoscrivere per escluderlo non dalla classe, bensì dall’istituto.

Cosa ancora più grave è che l’attività de La Stampa ha volutamente tralasciato un caso risalente al 2010 circa, quando Orsini ha denunciato anomalie nel sistema universitario italiano delle cattedre di sociologia e questo accende un riflettore sul perché ci siano molti docenti, anche qualificati, a disprezzare Orsini.

Questa forma di “odio” deriva dal fatto che Orsini sia un “infame” perché ha diffamato i suoi colleghi oppure perché il sistema che ha denunciato è esso stesso infame?

A detta di Orsini, che cita la magistratura, sembrerebbe che il docente della Luiss abbia avuto ragione perché dalle sue denunce sono seguite delle azioni di invalidamento di alcuni concorsi universitari.

Nonostante queste ultime indiscrezioni, di cui oramai tutti sanno, continuano le polemiche sterili verso Orsini, che ha ribadito il suo concetto storico su “Hitler e sulla sua non volontà di scatenare una guerra mondiale“, che da sempre ha una narrazione storica più solida rispetto alle presunte origini ebraiche dello stesso dittatore tedesco proposta da Lavrov.

Il fatto che una persona si esponga in pubblico con delle tesi motivate da un approccio scientifico, non vuol dire autorizzare gli altri a delegittimarlo su un piano diverso da quello contenutistico e non personalistico, soprattutto quando si tratta di professionisti.

Adesso veniamo all’analogia dello stupro di gruppo proposta nell’articolo: Orsini viene diffamato ripetutamente per le sue idee, espresse da altri trattati con meno livore, viene tacciato di essere un cattivo professore universitario da professori che egli stesso ha denunciato per “anomalie“, avendo addirittura ragione per conto della magistratura, e chi fino a ieri non sapeva di questa storia, o faceva finta di non conoscere, adesso che è nota dovrebbe arretrare.

Come per ogni stupro di gruppo che si rispetti, la gente si gira dall’altra parte. Anzi, molte volte la colpa è della stessa vittima perché “ha provocato” o “è stata al gioco“.

Orsini ha provocato per le idee simili a quelle di Caracciolo o di Macron oppure perchè è stato al gioco dei media ed ha espresso pareri sull’antinazionalismo di Draghi e su eventuali strategie sbagliate della NATO?

Analogie retrograde che forniscono un’idea della dimensione del livello di democrazia in Italia e fortuna che Orsini ha vinto un concorso, altrimenti sarebbe stato disintegrato dalla scena politica e sociale del nostro paese democratico, ad oggi in guerra.

Fonti:

Primi 2 mesi di propaganda

Quarta fase propaganda

Tocci “licenzia” Orsini

Lettera di Orsini sui brogli universitari

Biografia non autorizzata di Marianna Aprile per Oggi

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

DeFi8 ore fa

Costa Rica messa in ginocchio da Conti. Preoccupazione per i fondi USA del paese

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoIl numero di istituzioni costaricane colpite da un’ondata di attacchi informatici nell’ultimo mese...

Notizie2 giorni fa

Finlandia e Svezia nella NATO: paura per escalation di attacchi cibernetici

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenutoL’adesione di Finlandia e Svezia alla NATO ha sollevato preoccupazioni per le potenziali...

Notizie2 giorni fa

Pegasus, Johnson è stato intercettato dagli Emirati

Tempo di lettura: < 1 minuto. Condividi questo contenutoUn’importante indagine sull’uso del software spia israeliano Pegasus da parte dei governi...

Notizie3 giorni fa

Anonymous attacca Killnet e vendica l’Italia: buttato giù il sito della Polizia di Mosca

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoIl collettivo Anonymous Italia ha vendicato l’attacco alla Polizia da parte di Killnet...

Notizie3 giorni fa

Iran, APT34 attacca la Giordania

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoI ricercatori di Cybersecurity di Malwarebytes hanno dichiarato di aver scoperto un’e-mail dannosa...

Notizie3 giorni fa

KillNet DDoS al sito della Polizia Postale. Colpa della propaganda occidentale

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoDopo l’enfasi, errata, data dal giornalismo di propaganda sulle attività della Polizia Postale...

Notizie4 giorni fa

Eurovision: Legion fa cilecca. Polizia Postale usa l’arma Cloudflare per salvare l’inutile televoto

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoIl collettivo Legion aveva colpito l’Eurovision creando problemi al sistema di televoto nei...

Notizie5 giorni fa

USA, Europa e Australia ammettono che la Russia sta vincendo la Guerra Cibernetica

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoL’Australia ha definito gli attacchi informatici della Russia contro il governo ucraino “distruttivi,...

Notizie5 giorni fa

Five Eyes: allarme cibernetico per la popolazione anglosassone mondiale

Tempo di lettura: 4 minuti. Condividi questo contenutoL’Agenzia per la sicurezza informatica e delle infrastrutture (Cybersecurity and Infrastructure Security Agency,...

Notizie6 giorni fa

Il Canada e la Guerra Cibernetica: chiesta una strategia internazionale.

Tempo di lettura: 5 minuti. Condividi questo contenutoIl governo canadese ha ordinato ai suoi militari di assumere una posizione più...

Truffe recenti

Notizie1 settimana fa

Truffa Instagram: come funziona lo schema Ponzi di Meta che sta rubando i profili

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoIn questi giorni molti utenti sono stati vittime della truffa Instagram. In cosa...

Notizie3 settimane fa

Truffa sms di Poste Italiane. Analisi di un altro caso di phishing

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoIn questo periodo sono frequenti gli sms che propongono messaggi inerenti i servizi...

Notizie3 settimane fa

Truffa su WhatsApp attenzione al finto call center di supporto. Ecco cosa fare

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoGli utenti di WhatsApp devono fare attenzione a un pericoloso messaggio di truffa...

DeFi3 settimane fa

Truffa sulle criptovalute: come evitare di essere la prossima vittima

Tempo di lettura: < 1 minuto. Condividi questo contenutoL’arma migliore per combattere le frodi è una sana dose di scetticismo....

scam scam
DeFi3 settimane fa

Call Center truffa per trading di criptovalute: scam di 22 milioni di dollari

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoEurojust ed Europol hanno smantellato uno schema di frode online per investimenti in...

DeFi3 settimane fa

La truffe sulle criptovalute sono in aumento. Quali sono le più comuni?

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoI truffatori sono maestri nell’usare eventi attuali e tendenze frizzanti per ingannare le...

smishing smishing
Notizie3 settimane fa

Smishing INFOPOSTE: il suo conto verrà sospeso

Tempo di lettura: < 1 minuto. Allarme smishing : In arrivo una nuova ondata di SMS truffa che hanno lo...

Tech3 settimane fa

Crescono le truffe su Instagram: cosa fare e come prevenire il furto degli account

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoGli esperti di sicurezza hanno avvertito miliardi di utenti di Instagram che i...

DeFi4 settimane fa

Metamask, Attenzione alla truffa su Apple. A rischio i portafogli di criptovalute

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoRecentemente sono state registrate molte truffe e schemi di phishing che circondano gli...

Inchieste3 mesi fa

Vinted: attenti alla truffa che chiede di confermare i dati della carta di credito

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoTramite il nostro form di segnalazione delle truffe, abbiamo ricevuto la denuncia di...

Tendenza