Connect with us

Editoriali

Esclusiva, Occhionero: “Mifsud è vivo e probabilmente inserito nella protezione testimoni della Procura di Roma”

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

Cari lettori di Matrice Digitale, oggi parliamo di un caso che nel 2017 fece molto scalpore ed occupò le prime pagine di tutti i quotidiani nazionali. Affrontiamo l’indagine Eye Pyramid che portò all’arresto i fratelli Occhionero noti nel mondo della finanza che conta. Una storia che interessa al nostro portale per due motivi e precisamente quello dello spionaggio telematico e delle sue potenzialità che ne comporta in favore degli hacker e l’utilizzo sempre più costante dei captatori informatici, costosissimi per le Procure con tariffe che vanno dalle 150 alle 250 euro al giorno per ogni singola intercettazione, che hanno non solo poteri di ascolto totale dei dispositivi infetti, ma possono avere anche caratteristiche di azione che di fatto gettano ombre e dubbi su eventuali azioni compiute non dagli indagati, bensì da altre persone. Se un detto recita “una mano lava l’altra”, da questa storia sono emersi intrecci non solo giudiziari, ma anche particolari della vicenda Mifsud, nota per aver messo l’Italia in un ruolo attivo nel Russiagate che ha destabilizzato addirittura la politica americana con relativi problemi per il presidente Trump.

Ing. Occhionero, quando si è trattato nel mio libro di descrivere la differenza tra hacker e cracker ho raccontato la sua storia dicendo che una cosa è utilizzare informazioni comprate dagli altri, un’altra invece quella di captarle direttamente e in silenzio per poi trarne vantaggio. E’ quanto mosso inizialmente dall’accusa della Procura circa l’indagine Eye Pyramid. In poche parole lei è quello che secondo la Giustizia Italiana ha dato il via ad una stagione di spionaggio telematico, arrivata nella sua più alta divulgazione mediatica in occasione del caso Palamara. Lei nega tutto e la domanda che le pongo è: qual è stato il suo ruolo in questa vicenda, se si dichiara innocente anche dinanzi all’acquisizione da parte della Giustizia di cartelle con dati sensibili dei “potenti” del pianeta?

Mi capita spesso nelle interviste giornalistiche di ritrovarmi accuse diverse da quelle che mi ha mosso la Procura di Roma. I miei capi di imputazione sono due: A e B. Cominciando dal capo B si tratta di un’accusa di aver avuto accesso ad una serie “imprecisata” di email perchè (spero a questo punto Lei se lo vada a leggere) il PM Albamonte non specifica “quali” email, ne’ quando sono avvenuti gli accessi. Il Dott. Albamonte era perfettamente consapevole del fatto che, se avesse prodotto le specifiche email e i relativi log file, sarebbero emersi gli accessi abusivi dei suoi operanti; cosi’ come infatti ha rinvenuto la Procura di Perugia nel chiederne il rinvio a giudizio. Riguardo al capo A, poi il Dott. Albamonte non ha mostrato nemmeno le sensibilità informatica di comprendere che una prova non può essere raccolta prima del reato; altrimenti significa che chi raccoglie la prova sa già che avverrà il reato. Nel caso specifico i file masterizzati dal suo CT Federico Ramondino (sempre con richiesta di rinvio a giudizio a Perugia) sono stati masterizzati il 21/1/2016, cioè 5 giorni prima del reato avvenuto il 26/1/2016. Il PM Albamonte, la GIP Maria Paola Tomaselli, la Giudice del I grado Antonella Bencivinni, la Polizia Postale, il Sostituto Procuratore della Procura di Perugia Gemma Miliani, il GIP di Perugia (ignoto) e l’ex Procuratore Capo della Procura di Perugia Luigi De Ficchy, tanto per menzionarne alcuni, sono tutti perfettamente a conoscenza del fatto che la notizia di reato avverso i fratelli Occhionero è stata fabbricata.

L’omertà giudiziaria non è migliore di quella che i pubblici ministeri contestano alle associazioni a delinquere di stampo mafioso.

Lei stesso ha raccontato che durante il carcere preventivo per alcuni mesi il cibo le veniva preventivamente controllato per scongiurare il rischio di eventuali avvelenamenti, le hanno cucito addosso un ruolo di spia e le hanno riservato un trattamento simile: sarà stato forse per l’utilizzo di server americani dove hanno trovato quei dati. Se non sbaglio era anche consulente del Governo USA, lo può confermare?

L’utilizzo di server Americani è prassi per società Americane, e questo era il nostro caso. Riguardo al cibo, mi è stato fornito in via separata per quasi tutta la carcerazione, salvo l’ultimo periodo quando sono stato trasferito in una sezione dove di fatto restavo solo tutto il giorno; poichè gli altri detenuti erano lavoranti. Inizialmente ho sottovalutato le misure che la Direttrice del carcere di Regina Coeli aveva adottato nei miei confronti; solo in seguito ne ho compreso la ragione. Cmq, di tutta la macchina della Giustizia Italiana, forse la parte penitenziaria è quella che mi ha dato la maggiore impressione di professionalità. Riguardo al governo USA, abbiamo lavorato al progetto del Porto di Taranto dove Washington aveva un interesse connesso al traffico mondiale dei containers ed ai relativi risvolti di sicurezza. I nostri partners era società che operavano, ed avevano già operato, per la difesa USA.

Mi è parso di capire che nella sua difesa ha sovvertito il ruolo di “pirata informatico nelle indagini”, dando questa responsabilità alla Giustizia italiana e gettando di fatto ombre anche sul metodo di indagine tramite captatore informatico, perchè potrebbe depistare le indagini stesse  consentendo potenzialmente di sostituirsi all’indagato nel compimento di azioni controverse. E’ cosi?

La Procura di Roma ha ordinato e condotto diversi attacchi informatici avverso lo spazio cibernetico Americano. La Procura di Perugia ha, secondo me in modo sconsiderato, chiesto l’archiviazione per queste condotte. Alla gravità delle condotte di un importante magistrato di Roma, si aggiunge la legittimazione di altri funzionari dello stato Italiano. Con questa posizione assunta dalla Procura di Perugia, si definisce la condotta di Albamonte come “legittimo operare” di un funzionario dello Stato Italiano. Vedremo cosa accadrà quando arriveranno i mandati di arresto; e quanto sarà solida questa posizione di Perugia in quel momento.

Riguardo al captatore informatico, era chiarissmo che quello utilizzato da Albamonte ha fatto operazioni di scrittura e di attacco. Se alla Procura di Perugia sono riusciti a non accorgersene, con tutte le nostre dettagliate segnalazioni tecniche, non vedo cosa altro poter fare. Vorrei magari suggerire alla Procura di Perugia di non scegliere, la prossima volta, un consulente informatico che ha tra i suoi clienti la Polizia Postale di Roma, cioè un suo indagato.

Oggi lei vive a Dubai ed io l’ho trovata su Twitter, di cosa si occupa precisamente, si sente più ingegnere nucleare oppure informatico?

In realtà, io vivo ad Abu Dhabi. Il mio ruolo è concepire modelli di calcolo per i mercati finanziari e tradurre questi in codici eseguibili per il trading algoritmico. 

Sempre dal suo profilo Twitter, lei mostra molta sicurezza nel dare delle indiscrezioni già riportate dal mainstream su tematiche sensibili come la questione spinosa della Procura di Perugia, che lei ha collegato alla sua vicenda ed alla SpyStory più misteriosa dell’ultimo periodo: Josef Mifsud. Che connessione c’è tra lei Perugia e Mifsud?

Il ruolo della Procura di Perugia lo si desume abbastanza bene dai miei esposti; che sono tutti disponibili in rete ormai, oltre ad aver avuto grande diffusione nel mondo anglosassone poichè sono stati tradotti e forniti alle autorità Americane. Riguardo pero’ al caso del Prof. Mifsud, io già scrissi alla Dott.ssa Miliani a Perugia che era insostenibile la posizione della Procura di Roma nel non indagare sulla scomparsa di un individuo; per altro coinvolto nel piu’ grande intrigo mai visto a danno del Presidente USA. Roma non ha mai cercato Mifsud e Perugia non ha dato alcun segno di attività. L’unica possibilità è che Mifsud si trovi al momento in un programma di protezione testimoni della Procura di Roma; il che sarebbe poi l’ennesimo segreto di Pulcinella.

Comunque, i giornalisti come Lei possono sempre trovare il coraggio di chiamare il Dott. Albamonte o il Dott. Pignatone e chiedere: “Dottore, quali sono stati i suoi rapporti con Joseph Mifsud?”.

L’ho già fatto anch’io; ma nessuno mi ha risposto.

Qualcuno mi ha bisbigliato che chi tocca la storia di Mifsud Muore, lei ha mai conosciuto il professore? secondo lei è davvero morto il docente della Link Campus oppure è in pensione sotto copertura?

Io non ho mai conosciuto il Prof Mifsud e comunque credo sia vivo.

E’ emerso un dettaglio circa la sua affiliazione alla massoneria, crede di essere stato vittima di uno scontro tra poteri occulti o semplicemente le logiche illuminate poco c’entrano e si trova coinvolto in una guerra tra correnti del Deep State italiano?

Credo il tema massoneria fosse solo uno dei tanti ingredienti mediatici che Albamonte ha messo insieme per quella che “lui credeva” sarebbe stata l’inchiesta della sua vita; che avrebbe condotto alle dimissioni di un Presidente degli Stati Uniti d’America. Sfortunatamente per lui, mi sembra le cose stiano predendo una piega ben diversa.

Negli Emirati è scoppiata la polemica per ToTok, qual è il suo pensiero in merito? E’ malevola o semplicemente c’è un contenzioso su chi deve custodire i dati di una porzione del middle east?

Non le saprei dire su quell’app. Io non l’ho scaricata.

Iscriviti alla newsletter settimanale di Matrice Digitale

* inserimento obbligatorio

Editoriali

Ok allo Smart Working: le imprese dividono le bollette e l’inflazione con i dipendenti

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo mesi di accuse allo strumento del lavoro agile, gli imprenditori per risparmiare nel momento di crisi si affidano ai “lavativi” ed ai “svuotabar del centro storico”

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Adesso lo Smart Working è “buono”. Dopo mesi di polemiche sul lavoro agile che premia i lavativi e svuota i bar del centro storico, le aziende stanno spingendo per trasferire quante più risorse a casa a causa del caro bollette. Sono finiti i tempi, e per fortuna, dove l’incapace Ministro Brunetta metteva in discussione la nuova forma di lavoro del futuro, in molte nazioni considerata invece del presente, individuata dall’Unione Europea come strumentale al risparmio energetico ed alla ottimizzazione degli indici di inquinamento.

Dietro quest’ultimo passaggio c’è proprio da sollevare il dito contro il fatto che lo smart working è l’ancora di salvezza per tutte quelle imprese che hanno esigenza in questo momento di risparmiare soldi e denaro richiesti dalle loro strutture energivore. Non solo grandi aziende, ma anche singoli uffici e datori di lavoro che chiedono di fatto ai loro dipendenti “di entrare in società condividendo i costi sempre più elevati dell’energia consentendone un abbattimento con quella di casa”. Nel caso in cui le bollette aumentano anche a casa, oltre all’inflazione, sullo stipendio netto mensile inciderà anche un elevato consumo energetico.

Una scelta che potrebbe essere accettata senza troppi problemi se il costo dell’energia elettrica e del gas non superi quello sostenuto dalle spese di trasporto mensili e che consentirebbero al lavoratore di guadagnare tempo, all’incirca due ore, rallentando il suo stile di vita ed ottimizzandolo verso altri interessi. Dinanzi l’esigenza c’è quindi un ravvedimento sullo Smart Working e se questo serve a far cambiare idea agli imprenditori ed ai politicanti settantenni che hanno come priorità quella di andare al bar sotto l’ufficio, può essere un’occasione per rivalutare al meglio la riorganizzazione in pianta stabile dell’evoluzione sociologica del ben più noto “telelavoro”, altrimenti, se non dovesse poi confermarsi in pianta stabile a livello normativo, dopo i tempi bui di questo periodo, il danno ai lavoratori sarebbe sicuramente confermato.

Prosegui la lettura

Editoriali

Meloni vince: l’Italia ha la sua prima donna al potere. Conte asfalta Draghi e Di Maio vola via

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. 5 ricerche hanno anticipato diverse impressioni.
Nessun metodo scientifico, ma ci abbiamo messo la faccia combinando alla tecnologia di rilevamento una lettura dei dati motivata da anni di esperienza nel settore politico, nei social e non al servizio del cliente, ma a quello dell’informazione.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

L’Italia ha la sua premier donna come avrebbe voluto la sinistra, ma peccato che è di destra. Giorgia Meloni è in volo verso la la più rosea delle aspettative con il 26%. Una vittoria annunciata, ma con il botto dopo mesi di campagna elettorale gestita in modo eccellente tra le polemiche del ritorno al fascismo e l’antieuropeismo che richiede in caso di emergenza “strumenti” da parte dell’Unione Europea simili a quelli ungheresi o polacchi.

La verità si è manifestata ed è stata una “botta in fronte” dinanzi a chi ha fatto rilevazioni in questi mesi fasulle e strumentali. Matrice Digitale ha svolto delle ricerche analizzando una nicchia, quella dei social e di Twitter e non si è fermata alle apparenze, anzi, in diversi mesi ha analizzato il sentiment degli italiani, creato studi e rapporti e si sono verificate le letture fornite che potremmo sintetizzare in questo modo:

  • Meloni premier e campagna elettorale perfetta tra mille assalti
  • Conte ha pulito il partito dai “nuovi progressisti” ed è stato premiato come Anti Draghi (previsione nostra già di Marzo nella ricerca Metaverso Politico)
  • Draghi, il suo metodo e la sua figura, ha fallito agli occhi della maggioranza degli italiani e l’abbiamo sempre detto a dispetto di analisi social farlocche che addirittura lo volevano come salvatore della patria secondo la popolazione
  • I sovranisti non sarebbero andati lontano se avessero corso da soli nonostante il forte entusiasmo che sui social girava attorno alle attività dei loro leader facendo credere a Paragone di poter vincere a mani basse
  • Letta ha fallito le alleanze con di Maio un vera e propria zavorra ed infatti l’ex Ministro degli Esteri, sinonimo perfetto di Draghismo, è volato fuori dal parlamento accompagnato da un dissenso mai visto prima.

Vi avevamo avvisato che il draghismo non esisteva nel popolo ed era un modo per insinuare nell’opinione pubblica una percezione di successo che non esisteva, la popolazione non ha gradito l’ex Premier, lo ha detestato, chi lo ha caldeggiato è stata l’elite del paese che vive nella sua bolla autoreferenziale fatta di sondaggisti, opinionisti e giornalisti motivati nel fornire dati ai clienti che piuttosto fotografie corrispondenti alla realtà.

Fa sorridere che, società statistiche così importanti, con strutture “da migliaia di rilevatori sul territorio” , nuove frontiere di sondaggisti che si riempiono la bocca di “social listening”, “machine learning” e “intelligenza artificiale” abbiano toppato diffondendo rilevazioni scollate dalla realtà e strumentali ai loro clienti.

Fonti:

Campagna elettorale sui social: chi ha guadagnato e chi ha perso negli ultimi giorni

Elezioni 2022: il Parlamento secondo i social network

Continuano le fake news sui dati social: Draghi è stato già dimenticato dagli Italiani

Draghi L’Asocial

Conte è il più gradito nel Metaverso Politico, Calenda e Salvini i più presenti. Scarica la ricerca

Prosegui la lettura

Editoriali

Come un attacco zero-day ma 30 anni prima che avvenga

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. Il titolo del blog non è frutto di Matrice Digitale, ma del matematico canadese e noto accademico post-quantistico Michele Mosca.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Prima di spiegare le parole di Michele, permettetemi di fornire un po’ di background. Alla fine dell’anno scorso ho discusso con un collega di crittografia post-quantistica (PQC) e di come potrebbe riguardare tutti noi. Da quella conversazione abbiamo deciso di creare una serie di podcast che esplorassero argomenti come la post-quantistica da una prospettiva di leadership di pensiero.

Le regole di base erano semplici: Non volevamo che si trattasse di una vendita di prodotti, ma piuttosto che ci si concentrasse sul chiedere a esperti della materia di darci il loro punto di vista dalla loro prospettiva informata. Abbiamo anche deciso di fare tutto da soli invece di subappaltare il lavoro. Per iniziare abbiamo registrato sei podcast, condotti con competenza dalla mia collega Samantha Mabey, in conversazione con esperti accademici e industriali del mondo della scienza, della crittografia, della blockchain e del cloud computing.

Nell’episodio #6 Michele suggerisce che la PQ è “come un attacco zero-day…. ma 30 anni prima che avvenga”. Per chi non lo sapesse, un attacco zero-day è quello in cui un hacker o un cattivo attore scopre come portare a termine un exploit o un attacco prima che gli sviluppatori/organizzazioni di software riescano a trovare una soluzione. Quindi, nel contesto del sound bite di Michele, che si basa sul PQ, stiamo parlando molto probabilmente di attori statali e gruppi di hacker con buone risorse che hanno accesso a potenti computer quantistici che effettuano attacchi a organizzazioni e infrastrutture che non hanno implementato algoritmi post-quantum-resistenti.

Il punto di Michele è che per una volta abbiamo un preavviso. Lavora nel campo della PQ dal 1994, quando la minaccia quantistica ha iniziato a essere compresa. Sappiamo con ragionevole certezza che questi attacchi saranno possibili; è solo il momento esatto a essere indeterminato. La tempistica dipende dai progressi scientifici nel campo dell’informatica quantistica e dal superamento dei difficili problemi che ancora permangono, ma l’orologio di questa stima trentennale ha iniziato a ticchettare e la maggior parte degli esperti sostiene che la data sia compresa tra i 10 e i 15 anni. Sebbene sembri ancora un periodo molto lungo, non si tratta di un’ipotesi da gettare nel dimenticatoio. Per le organizzazioni, scoprire l’attuale patrimonio di algoritmi crittografici classici e successivamente pianificare, testare e distribuire algoritmi sicuri per la PQ è un’impresa ardua che potrebbe richiedere facilmente 5-10 anni.

Le organizzazioni hanno il tempo di pianificare e fare la cosa giusta, evitando che il PQ diventi una situazione di crisi. E la cosa migliore è che non ci sono svantaggi nel cominciare ora. Come sottolinea Michele, oltre 10 anni fa, quando ha iniziato ad evangelizzare il post-quantum, le organizzazioni interessate potevano fare ben poco se non stressarsi. C’erano pochi o nessun prodotto disponibile per consentire alle organizzazioni di iniziare a pianificare e studiare la migrazione verso algoritmi sicuri per il PQ.

Oggi, il concorso del NIST per la ricerca di una serie di algoritmi resistenti ai quanti è ben avviato, e un sottoinsieme di algoritmi finalisti è stato recentemente annunciato dal NIST, come illustrato da Samantha Mabey sul blog di Entrust.

Entrust è stata impegnata anche nello spazio PQ. Il post sul blog di Samantha descrive le nostre attività in materia di certificati digitali e PKI. Recentemente abbiamo anche rilasciato l’SDK nShield Post-Quantum per i nostri moduli di sicurezza hardware (HSM). Il kit di sviluppo software supporta gli algoritmi di crittografia PQ identificati dal NIST per la standardizzazione, tra cui gli algoritmi di firma digitale CRYSTALS Dilithium, FALCON e SPHINCS+, che funzionano all’interno del confine fisico FIPS 140-2 di livello 3 di un HSM nShield.

Le organizzazioni che stanno svolgendo un lavoro di indagine sugli algoritmi PQ selezionati dal NIST per scoprire come potrebbero funzionare nel loro ecosistema possono utilizzare un ambiente di esecuzione isolato e sicuro all’interno dell’HSM nShield chiamato CodeSafe per generare e utilizzare chiavi crittografiche resistenti ai quanti. In questo modo l’organizzazione può eseguire la firma delle chiavi, la firma digitale, la crittografia, la decrittografia e lo scambio di chiavi in un ambiente sicuro, evitando la “gestione della crisi” a cui allude Michele Mosca. Le organizzazioni hanno ora a disposizione gli strumenti per iniziare positivamente!

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie1 settimana fa

Israele: la guerra informatica con l’Iran è senza precedenti

Tempo di lettura: 2 minuti. I comandanti delle unità di difesa e di cyber intelligence israeliane hanno annunciato che il...

Notizie2 settimane fa

Sandworm sta modificando i suoi attacchi alle infrastrutture ucraine

Tempo di lettura: 2 minuti. Il gruppo di hacker sponsorizzato dallo Stato russo noto come Sandworm è stato osservato mentre...

Notizie2 settimane fa

Gli attacchi informatici dell’Iran contro Israele sono aumentati, dice l’esercito

Tempo di lettura: < 1 minuto. La radio ha citato ufficiali militari secondo cui gli attacchi sono aumentati del "70%".

Multilingua2 settimane fa

Anonymous viola i siti web dello Stato iraniano dopo la morte di Mahsa Amini

Tempo di lettura: 2 minuti. I due principali siti web del governo iraniano e alcuni siti dei media sono stati...

Notizie3 settimane fa

Russia guerra cibernetica coinvolge anche i i satelliti

Tempo di lettura: 2 minuti. Il Committee of Concerned Scientists ha lavorato per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla situazione degli scienziati....

Notizie3 settimane fa

Documenti NATO rubati all’insaputa del Portogallo: messi in vendita nel Dark Web

Tempo di lettura: 4 minuti. I fascicoli top secret sono stati sottratti dall'Agenzia di Stato Maggiore delle Forze Armate del...

Notizie3 settimane fa

Taiwan vigila mentre la Cina scatena la sua guerra informatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Nel tentativo di resistere alle aggressioni cinesi, Taiwan ha aumentato le spese per la difesa...

Notizie3 settimane fa

Hacker iraniani colpiscono obiettivi nella sicurezza nucleare e nella ricerca genomica

Tempo di lettura: 3 minuti. La società di sicurezza aziendale Proofpoint ha attribuito gli attacchi mirati a un attore di...

Notizie3 settimane fa

La Cina accusa l’unità TAO della NSA di aver violato la sua università di ricerca militare

Tempo di lettura: 2 minuti. La Cina ha accusato la National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti di aver condotto...

Notizie4 settimane fa

Tempo di lettura: 2 minuti. Diversi gruppi di hacker iraniani hanno partecipato a un recente attacco informatico contro il governo...

Truffe recenti

Truffe online1 giorno fa

I truffatori e i disonesti al telefono: è possibile fermarli?

Tempo di lettura: 4 minuti. I consigli di Sophos e l'invito di Matrice Digitale a segnalarli al nostro modello

Truffe online1 settimana fa

Curriculum Online, la denuncia: CVfacile.com attiva abbonamenti nascosti

Tempo di lettura: 3 minuti. C'è anche il sito expressCV ed è stato già segnalato per illeciti.

Truffe online1 settimana fa

Truffa Vinted: spillati 195 euro grazie a un link falso di Subito

Tempo di lettura: 2 minuti. Altro utente truffato, ma le responsabilità non sono tutte della piattaforma.

Truffe online2 settimane fa

Truffe della rete Theta e phishing di MetaMask

Tempo di lettura: 3 minuti. Questa settimana abbiamo trovato altre ingannevoli truffe di criptovalute a cui dovete prestare attenzione.

Truffe online3 settimane fa

Truffa su Kadena per 50.000 euro: donna vittima di relazione sentimentale

Tempo di lettura: 4 minuti. Dopo il caso dell'uomo raggiunto su Tinder, ecco un nuovo grave schema criminale che ha...

Truffe online4 settimane fa

4 messaggi e SMS WhatsApp “pericolosi” inviati per truffa

Tempo di lettura: 4 minuti. Vi spieghiamo alcune tipologia di attacco più frequenti sul programma di messaggistica

Notizie1 mese fa

15 truffatori di bancomat arrestati a Gangtok

Tempo di lettura: 2 minuti. 11 provengono da Kanpur

Notizie1 mese fa

Truffatori telefonici causano danni per oltre 320.000 euro a Berlino

Tempo di lettura: 2 minuti. Migliaia di persone sono già cadute nel tranello di truffatori telefonici che si fingono dipendenti...

Notizie2 mesi fa

Ecco come si può acquistare una identità nel dark web e fare le truffe. Lo studio

Tempo di lettura: 2 minuti. Sappiamo tutti che le informazioni rubate vengono scambiate sul dark web e una nuova ricerca...

scam scam
Notizie2 mesi fa

Spagna e Romania: sventata banda di truffatori online

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLe autorità spagnole, insieme alla polizia rumena ed Europol, hanno chiuso lunedì un’operazione...

Tendenza