Connect with us

Editoriali

Papà tedesco rapisce figlia alla madre olandese, la procura di Nizza non fa nulla

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Una bambina è strappata dalla madre in piena pandemia ed è sparita nel nulla. Una storia come tutte le altre se non fosse che, dinanzi a una condanna per violenze e ad una fuga con rapimento annesso, c’è l’atteggiamento di una Procura che non attiva le procedure internazionali per riaffidare la bambina alla madre. Benvenuti in Francia dove una madre ha sporto denuncia per violenze dopo che l’ex compagno le ha procurato ferite per 30 giorni di prognosi ed ha portato in Germania, suo paese Natale, la piccola avuta in comune. Sempre in Francia il genitore di Sharmine è destinatario di altre denunce per violenza su minori, che non hanno avuto ancora riscontri effettivi. Il Tribunale del principato di Monaco, dove è nata la piccola Sharmine, dinanzi ad altre denunce per violenza, ha rimandato successivamente la competenza a Nizza per legittimità territoriale, ma la Procura di Nizza non dispone un mandato di arresto internazionale. Durante il periodo pandemico, marzo 2020 precisamente, dopo che le denunce della madre di Sharmine sono state inascoltate per l’ennesima volta dal Procuratore generale di Nizza, il padre ha avuto la freddezza di rapirla e portarla in Germania, suo paese Natale. Ed è qui che, dinanzi ad un’altra denuncia della bambina rapita, la mamma è venuta a sapere che l’ex compagno è stato denunciato tempo fa per violenze dalla prima compagna, non avendo tra l‘altro la potestà genitoriale sul primo figlio. Un dettaglio ancora più interessante della vicenda dal punto di vista giuridico è che Sharmine ha il passaporto olandese per via delle origini materne ed ora il documento è nel cassetto di casa, custodito dalla madre e la bambina non potrebbe cambiare nazione senza portarlo con se e nemmeno ottenere una eventuale cittadinanza. Nel corso di questi giorni, la madre della piccola ha lanciato un hashtag sui social #OuEstSharmine che è stato accolto da un gruppo di attivisti ed ha avuto una grossa visibilità per via delle condivisioni, creando uno scompiglio internazionale dove è stata tirata in ballo la Polizia tedesca. Fortunatamente dopo un anno, grazie alla sensibilità delle autorità germaniche che si sono adoperate nel cercare la bambina, la madre ha saputo che la sua piccola è ancora in vita, ma senza un reato commesso nei confronti della figlia e della madre in territorio alemanno, non è possibile far intervenire la polizia tedesca. Una storia che potrebbe risolversi non tanto per farla pagare a un genitore rispetto a un altro, ma per dare ad una figlia l’opportunità di vivere i due genitori. La madre dichiara che tutto è iniziato quando il padre della piccola ha reagito con la violenza al suo rifiuto di continuare la relazione, mollandolo di fatto, dando vita alle percosse ed alla fuga con annesso rapimento. 

La domanda è però un’altra: perché allora la Procura di Nizza non è così solerte nel ripristinare l’ordine familiare e non si preoccupa almeno di far incontrare madre e figlia separate da un anno contro la volontà delle stesse? Inoltre, perchè questo lassismo dalla Francia nonostante ci siano più vertenze legali in corso in capo al padre della piccola e nonostante la polizia di Mentone abbia preso atto, comunicandolo alle autorità preposte, del trasferimento improvviso, che ha comportato una vera e propria sparizione di padre e figlia dalla circolazione? Il Procuratore Generale di Nizza è colpito in primo piano dalle polemiche di questi giorni, ma bisogna precisare che è subentrato al precedente collega noto per aver mentito “con la scusa di non mettere in imbarazzo Macron” accendendo più di un riflettore sull’operato ordinario della Procura. In questo caso, come da prassi nella magistratura italiana, è avvenuto che il Procuratore è stato mandato a Lione senza procedimenti disciplinari, lasciando media e giuristi abbastanza sorpresi. C’è un altro dettaglio che getta sospetti sulla magistratura francese che dovrebbe occuparsi del caso della piccola Sharmine.A detta della donna, il marito l’ha più volte avvisata delle sue conoscenze massoniche e qui aleggia il sospetto che ci sia qualcuno, o qualcosa, che eserciti pressioni che tendono a ritardare la richiesta di arresto internazionale. Ancora più singolare è che il mestiere del padre di Sharmine sia quello di fornire pneumatici per auto da corsa. Un settore, quello delle corse, sconvolto dalla morte del pilota Laurent Pasquali per mano di sicari ingaggiati da una rete di massoni, con lo scopo di punire con la morte chi non saldava i debiti. Cosa chiede la madre della piccola Sharmine senza la figlia da diversi mesi? Fa un appello al nuovo Procuratore di Nizza, Xavier Bonhomme, di dare seguito al lavoro della polizia. Peccato però che l’unica risposta avuta dall’uomo di legge, subentrato a Nizza per pulire l’immagine della giustizia, sia stato quello di bloccare su Twitter una madre in cerca di aiuto. 

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Editoriali

Come un attacco zero-day ma 30 anni prima che avvenga

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. Il titolo del blog non è frutto di Matrice Digitale, ma del matematico canadese e noto accademico post-quantistico Michele Mosca.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Prima di spiegare le parole di Michele, permettetemi di fornire un po’ di background. Alla fine dell’anno scorso ho discusso con un collega di crittografia post-quantistica (PQC) e di come potrebbe riguardare tutti noi. Da quella conversazione abbiamo deciso di creare una serie di podcast che esplorassero argomenti come la post-quantistica da una prospettiva di leadership di pensiero.

Le regole di base erano semplici: Non volevamo che si trattasse di una vendita di prodotti, ma piuttosto che ci si concentrasse sul chiedere a esperti della materia di darci il loro punto di vista dalla loro prospettiva informata. Abbiamo anche deciso di fare tutto da soli invece di subappaltare il lavoro. Per iniziare abbiamo registrato sei podcast, condotti con competenza dalla mia collega Samantha Mabey, in conversazione con esperti accademici e industriali del mondo della scienza, della crittografia, della blockchain e del cloud computing.

Nell’episodio #6 Michele suggerisce che la PQ è “come un attacco zero-day…. ma 30 anni prima che avvenga”. Per chi non lo sapesse, un attacco zero-day è quello in cui un hacker o un cattivo attore scopre come portare a termine un exploit o un attacco prima che gli sviluppatori/organizzazioni di software riescano a trovare una soluzione. Quindi, nel contesto del sound bite di Michele, che si basa sul PQ, stiamo parlando molto probabilmente di attori statali e gruppi di hacker con buone risorse che hanno accesso a potenti computer quantistici che effettuano attacchi a organizzazioni e infrastrutture che non hanno implementato algoritmi post-quantum-resistenti.

Il punto di Michele è che per una volta abbiamo un preavviso. Lavora nel campo della PQ dal 1994, quando la minaccia quantistica ha iniziato a essere compresa. Sappiamo con ragionevole certezza che questi attacchi saranno possibili; è solo il momento esatto a essere indeterminato. La tempistica dipende dai progressi scientifici nel campo dell’informatica quantistica e dal superamento dei difficili problemi che ancora permangono, ma l’orologio di questa stima trentennale ha iniziato a ticchettare e la maggior parte degli esperti sostiene che la data sia compresa tra i 10 e i 15 anni. Sebbene sembri ancora un periodo molto lungo, non si tratta di un’ipotesi da gettare nel dimenticatoio. Per le organizzazioni, scoprire l’attuale patrimonio di algoritmi crittografici classici e successivamente pianificare, testare e distribuire algoritmi sicuri per la PQ è un’impresa ardua che potrebbe richiedere facilmente 5-10 anni.

Le organizzazioni hanno il tempo di pianificare e fare la cosa giusta, evitando che il PQ diventi una situazione di crisi. E la cosa migliore è che non ci sono svantaggi nel cominciare ora. Come sottolinea Michele, oltre 10 anni fa, quando ha iniziato ad evangelizzare il post-quantum, le organizzazioni interessate potevano fare ben poco se non stressarsi. C’erano pochi o nessun prodotto disponibile per consentire alle organizzazioni di iniziare a pianificare e studiare la migrazione verso algoritmi sicuri per il PQ.

Oggi, il concorso del NIST per la ricerca di una serie di algoritmi resistenti ai quanti è ben avviato, e un sottoinsieme di algoritmi finalisti è stato recentemente annunciato dal NIST, come illustrato da Samantha Mabey sul blog di Entrust.

Entrust è stata impegnata anche nello spazio PQ. Il post sul blog di Samantha descrive le nostre attività in materia di certificati digitali e PKI. Recentemente abbiamo anche rilasciato l’SDK nShield Post-Quantum per i nostri moduli di sicurezza hardware (HSM). Il kit di sviluppo software supporta gli algoritmi di crittografia PQ identificati dal NIST per la standardizzazione, tra cui gli algoritmi di firma digitale CRYSTALS Dilithium, FALCON e SPHINCS+, che funzionano all’interno del confine fisico FIPS 140-2 di livello 3 di un HSM nShield.

Le organizzazioni che stanno svolgendo un lavoro di indagine sugli algoritmi PQ selezionati dal NIST per scoprire come potrebbero funzionare nel loro ecosistema possono utilizzare un ambiente di esecuzione isolato e sicuro all’interno dell’HSM nShield chiamato CodeSafe per generare e utilizzare chiavi crittografiche resistenti ai quanti. In questo modo l’organizzazione può eseguire la firma delle chiavi, la firma digitale, la crittografia, la decrittografia e lo scambio di chiavi in un ambiente sicuro, evitando la “gestione della crisi” a cui allude Michele Mosca. Le organizzazioni hanno ora a disposizione gli strumenti per iniziare positivamente!

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Editoriali

Il volto della propaganda? E’ donna. Von der Leyen, Lagarde e Marin hanno affossato l’Europa

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 4 minuti. Meno uomini in prima linea e più donne di potere: come la propaganda nasconde la polvere sotto al tappeto.
L’equazione donne uguale umanità è fallita

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 4 minuti.

Si è spesso parlato di quote rosa, di come l’accesso alla politica delle donne sia stato sempre penalizzato da un vortice di soli maschietti che hanno fagocitato tutti i posti di potere in giro per il mondo, ma a molti è sfuggito un particolare: cosa è il potere?

Il potere non ha volto né genere, il potere ha una agenda, le persone passano, ma il potere resta e quello che è oggi per noi il corrente, per il potere rappresenta il passato perché già sa come andranno le cose fra 5 o addirittura 10 anni.

I politici sono oramai diventati le pedine di un sistema che “deve fare cose” e non tollera ritardi nell’approvazione dell’agenda, ma ha bisogno che la popolazione digerisca le sue scelte attraverso strumenti di normalizzazione. Ecco che subentrano le donne ed i bambini come i testimonial di campagne politiche e sociali da portare avanti per far scaldare una popolazione che altrimenti alzerebbe la voce da subito rendendo difficili i cambiamenti da mettere in atto.

Viviamo in un periodo storico che credevamo migliore perché hanno sempre raccontato che “le donne cambieranno la politica in meglio” ed oggi abbiamo tre esempi di donne al comando che ricoprono ruoli fondamentali ed hanno compiuto atti impopolari, ma tollerati dalla popolazione perché chi li proponeva erano indipendenti, con figli, e curriculum di tutto rispetto. Peccato, però, che le signore si sono macchiate di azioni non proprio etiche, ma nessuno ha il coraggio di contestarlo. Perchè?

Mettereste mai le mani addosso ad una donna?

Sanna Marin: la premier a cui è concesso tutto

Pur di accelerare l’ingresso improvviso e repentino della Finlandia della Nato, ci hanno proposto una giovane leader di 37 anni che, con il suo sguardo angelico, ha sovvertito le regole del buon politico:

  • Feste con influencer a seno nudo nei palazzi del potere
  • Bere in servizio con lo spettro del party dove girava cocaina
  • Aver frequentato locali pieni dopo aver avuto contatti con persone positive al Covid nel pieno della pandemia.

Basterebbe questo per essere stata mandata via dal suo paese e invece no. Con un pò di lacrime, un sorrisino e delle scuse, la fine di Sanna Marin è stata rimandata a differenza di quella di ministri e premier, vedi Johnson, in giro per l’Europa che per molto meno sono stati letteralmente defenestrati dai loro incarichi.

Intanto, la missione di estendere i confini della NATO fino al nord della Russia pur di consegnare ad Erdogan le vite dei curdi, ieri amici oggi agnelli sacrificali, è riuscita da una donna “invidiata perchè bella e brava“.

Lagarde: la donna di ferro dell’economia europea che va a picco

Subentrata a Draghi alla BCE, Christine Lagarde ha messo in atto due misure che rendono l’idea di come si sia prestata ad un gioco sconveniente per i cittadini europei. In primis, la stretta sulle criptovalute che ha lo scopo di intercettare quel capitale volatile privato sulle piattaforme decentralizzate e che farebbe bene alla finanza speculativa se fosse traslato sulle borse a picco. La misura più discussa è stata quella di far riprendere l’economia europea alzando i tassi di interesse per combattere l’inflazione. Una misura che tutti gli economisti hanno bocciato, compreso Draghi, e che ha messo in difficoltà diversi stati che ne hanno chiesto una misura parallela a tutela delle economie interne a rischio commissariamento. Il risultato? L’inflazione impazza in Europa e solo in Italia abbiamo avuto un incremento che non si vedeva dall’annus horribili ’86.

Von der Leyen: una bambolina che pulisce la faccia alle nefandezze europee

Che Ursula Von der Leyern sia stata la donna che ha applicato le misure più antidemocratiche a livello europeo è un dato di fatto.

La sua incapacità si è vista quando nello scoppio della pandemia, si è spesa per far stipulare dei contratti sconvenienti per la popolazione e coperti da segreto industriale con le compagnie farmaceutiche. Il paese che aveva più bisogno di vaccini nella fase iniziale era l’Italia, ma la Von der Leyen non seppe gestire questo impiccio, tant’è vero che Draghi dovette intervenire per forzare la mano in favore degli italiani.

In un momento dove la situazione di guerra degenerava, Von der Leyen, invece di prendere l’aereo e partire per Mosca per trovare un accordo, non solo ha accelerato i tempi dell’annessione all’UE dell’Ucraina, ma ha delegato a Macron e Scholz la trattativa con Putin senza fornirgli un supporto adeguato di disponibilità.

E’ stata una donna, lei, ad avallare il primo atto di censura delle testate giornalistiche russe in Europa, ad infliggere sanzioni “pesantissime” alla Russia promettendo che sarebbero falliti in poco tempo, lei sempre a spingere per gli armamenti all’Ucraina ed ai gruppi estremisti di destra accomunandoli ai valori europei per cui erano disposti a morire.

Gli effetti delle sue politiche sono stati:

  • rafforzare la posizione della Russia nel campo della fornitura del gas
  • favorire la crescita di un nuovo ordine mondiale ad Oriente
  • relegare la popolazione europea su diverse piattaforme social, Telegram e TikTok, gestite da potentati stranieri ostili
  • mandare a picco la produttività europea annientando sistemi industriali di Italia e Germania.

Cui prodest?

Abbiamo detto che il potere si serve di volti puliti per commettere l’opposto di quanto promesso, ma dalle donne di successo, in carriera seppur madri, i risultati avuti non sono stati positivi ed hanno favorito accordi commerciali con gli USA, la forza del Dollaro sull’Euro, fenomeno raro da quando esiste l’EU, la restrizione di diversi diritti della popolazione del vecchio continente e la normalizzazione di ideologie ultranazionaliste finalizzare ad un conflitto bellico senza ovviamente far comprendere che la terza guerra mondiale ha avuto inizio. A parte Lagarde, che ha una propensione da sempre ad essere antipatica alla popolazione per i suoi ruoli da “ragion di stato economista“, Sanna Marin e Von der Leyen ci hanno sempre rassicurato che avrebbero difeso l’Europa dal nemico, ma invece, analizzando gli effetti delle loro politiche, è facile intuire che non hanno affermato il ruolo dell’Europa a livello diplomatico, la sua indipendenza dal punto di vista economico, bensì hanno favorito lo scontro tra due mondi distanti tra loro e sicuramente diversi dal nostro. Se gli Usa piangono e la Russia fallirà tra qualche anno, l’Europa è sulla via del fallimento a causa di politiche messe in piedi da più di una quota rosa.

Non sono le quote rosa a rendere migliore la politica, ma gli uomini e le donne che curano gli interessi dei propri cittadini differentemente da visi angelici e bamboline che rassicurano con la loro maternità per poi farci vivere in una società sempre più cupa e sempre più meno libera.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Editoriali

Belpietro rifila un “Dritto e Rovescio” ai giornaloni a cui nessuno crede più

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. Il mondo dell’informazione risulta essere in sofferenza nell’ultimo periodo diviso tra pandemia e conflitto ucraino.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

C’è una forte sensazione tra i lettori che i giornalisti diffondono veline per lo più impartite dal governo o da organi internazionali rilevanti in diversi campi specifici.

Il problema alla base è che questo modo di fare, e cioè il raccontare un’unica versione, abbia creato maggior sfiducia negli italiani che hanno rinunciato ad acquisire informazioni sui media ordinari.

Tutti, o quasi, tranne quei pochi giornali o testate web che, invece di consolidare un segno positivo nella bilancia dei contatti sul web o dei lettori in edicola, offrono una narrazione molto diversa dalla voce a media unificati, che parte dalla radio e giunge fino al web passando per tv e giornali.

La cosa ancora più triste è che quando si incontrano le due voci in dibattito o c’è una sproporzione tra “bianchi e neri” oppure c’è l’opportunità di assistere alle solite strategie di delegittimazione degli interlocutori considerati “anomali” alla narrazione corrente.

Sarà per colpa della crisi, ma gli utenti della rete non sono più rilassati come un tempo, bensì hanno fame e rabbia agli occhi e questo deriva da anni di prescrizioni assurde ed atteggiamenti divisivi da parte del governo italiano con la compiacenza della stampa: colpevole di enfatizzare le divisioni sociali sui dibattiti. Quanto occorso ha fatto sì che si sviluppasse maggior memoria in coloro che avevano pensato o previsto qualcosa che in poco tempo si è avverata, ma sono stati derisi e diffamati con il gioco dell’etichettatura.

Matrice Digitale è stata più volte “superba” nel fornire i riscontri alle nostre notizie, perché si è trovata dall’altra parte di una narrazione propagandistica sulla guerra cibernetica o sui soprusi comunicativi che il governo ha svolto, unitamente a persone mediocri e compromesse su questioni di importanza nazionale come la pandemia e la guerra, ed ha utilizzato da subito il termine “propaganda occidentale” sul quale ha dedicato studi, analisi ed approfondimenti.

Leggi anche:

Comunione e Liberazione fa emergere il metodo della propaganda filo Governativa

Lista filoputin e rapporto sulla propaganda russa: DIS influenzato dagli USA?

La propaganda occidentale ha distrutto l’Ucraina per favorire Mr. Meme

Killnet e Legion: la nostra intervista ha scoperchiato la cyberpropaganda occidentale

La propaganda occidentale ha perso: ecco le armi “spuntate” messe in campo dai media

A dare voce all’informazione controcorrente è stata la trasmissione TV Diritto e Rovescio, nella quale è emerso nel confronto a tra Fusani, Belpietro e Manca sulla questione del gas quanto noi abbiamo già denunciato con le notizie false sul tema diffuse da Jacoboni e Cottarelli.

Dinanzi alla verità dei fatti, che Belpietro ha affrontato in modo analitico con i suoi organi di stampa il perché della crisi del gas con molti mesi di anticipo, che anche un bambino avrebbe saputo farlo, i giornali più blasonati come Corriere e Repubblica hanno dato spazio a voci false, negandole volutamente a chi sosteneva il contrario, per poi prendere atto della crisi energetica quando è scoppiata. In questo frame è osservabile la scena di un gigante del giornalismo che impartisce lezioni a professionisti appena entrati nelle redazioni giornalistiche.

Dinanzi agli errori compiuti nel passato recente, non basta nemmeno la strategia del fare finta di niente e dare la notizia quando viene diffusa dagli organi ufficiali come nel caso della crisi del gas, l’economia di guerra o lo studio che promuove gli antinfiammatori, perché il pubblico chiede il conto visto che i tempi non sono più quelli di una volta e la gente che, ricordiamolo, ha perso il lavoro sia per la crisi sia per il greenpass in questo momento vive una crisi bellica senza trovarsi un proiettile in casa e gli viene riferito che dovrà razionare un bene energetico che pagherà 10 volte tanto.

Non basta più nemmeno sostenere che giornali come La Verità vengono letti meno di Repubblica o Corriere perché il trend “commerciale” è quello che conta e promuove un progetto editoriale rispetto agli altri.

Se La Verità macina in percentuale una crescita maggiore di Repubblica e Corriere messi insieme, significa che il pubblico sta premiando quella testata giornalistica e, se gli altri perdono, significa che vivono di rendita con lettori che preferiscono cercare notizie altrove, sugli stessi social dove non solo girano contenuti spesso falsi, ma dove è facile leggere la volontà sempre più persistente di chiedere il conto anche ai professionisti dell’informazione che hanno preferito fare una scelta di campo facile, perchè protetta dalla propaganda governativa, anzichè che sollevare dubbi facilitando la ricerca della verità.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie6 ore fa

Gli attacchi informatici dell’Iran contro Israele sono aumentati, dice l’esercito

Tempo di lettura: < 1 minuto. La radio ha citato ufficiali militari secondo cui gli attacchi sono aumentati del "70%".

Multilingua3 giorni fa

Anonymous viola i siti web dello Stato iraniano dopo la morte di Mahsa Amini

Tempo di lettura: 2 minuti. I due principali siti web del governo iraniano e alcuni siti dei media sono stati...

Notizie6 giorni fa

Russia guerra cibernetica coinvolge anche i i satelliti

Tempo di lettura: 2 minuti. Il Committee of Concerned Scientists ha lavorato per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla situazione degli scienziati....

Notizie7 giorni fa

Documenti NATO rubati all’insaputa del Portogallo: messi in vendita nel Dark Web

Tempo di lettura: 4 minuti. I fascicoli top secret sono stati sottratti dall'Agenzia di Stato Maggiore delle Forze Armate del...

Notizie1 settimana fa

Taiwan vigila mentre la Cina scatena la sua guerra informatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Nel tentativo di resistere alle aggressioni cinesi, Taiwan ha aumentato le spese per la difesa...

Notizie1 settimana fa

Hacker iraniani colpiscono obiettivi nella sicurezza nucleare e nella ricerca genomica

Tempo di lettura: 3 minuti. La società di sicurezza aziendale Proofpoint ha attribuito gli attacchi mirati a un attore di...

Notizie2 settimane fa

La Cina accusa l’unità TAO della NSA di aver violato la sua università di ricerca militare

Tempo di lettura: 2 minuti. La Cina ha accusato la National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti di aver condotto...

Notizie2 settimane fa

Tempo di lettura: 2 minuti. Diversi gruppi di hacker iraniani hanno partecipato a un recente attacco informatico contro il governo...

Notizie2 settimane fa

Microsoft mette in guardia dagli attacchi ransomware degli APT iraniani

Tempo di lettura: 2 minuti. La divisione di intelligence sulle minacce di Microsoft ha valutato mercoledì che un sottogruppo dell'attore...

Notizie2 settimane fa

Hacker ucraini seducono soldati russi via social e fanno saltare in aria la base

Tempo di lettura: 2 minuti. Un hacker ucraino ha creato falsi profili di donne attraenti sui social media e ha...

Truffe recenti

Truffe online2 settimane fa

Truffa su Kadena per 50.000 euro: donna vittima di relazione sentimentale

Tempo di lettura: 4 minuti. Dopo il caso dell'uomo raggiunto su Tinder, ecco un nuovo grave schema criminale che ha...

Truffe online2 settimane fa

4 messaggi e SMS WhatsApp “pericolosi” inviati per truffa

Tempo di lettura: 4 minuti. Vi spieghiamo alcune tipologia di attacco più frequenti sul programma di messaggistica

Notizie3 settimane fa

15 truffatori di bancomat arrestati a Gangtok

Tempo di lettura: 2 minuti. 11 provengono da Kanpur

Notizie4 settimane fa

Truffatori telefonici causano danni per oltre 320.000 euro a Berlino

Tempo di lettura: 2 minuti. Migliaia di persone sono già cadute nel tranello di truffatori telefonici che si fingono dipendenti...

Notizie1 mese fa

Ecco come si può acquistare una identità nel dark web e fare le truffe. Lo studio

Tempo di lettura: 2 minuti. Sappiamo tutti che le informazioni rubate vengono scambiate sul dark web e una nuova ricerca...

scam scam
Notizie2 mesi fa

Spagna e Romania: sventata banda di truffatori online

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLe autorità spagnole, insieme alla polizia rumena ed Europol, hanno chiuso lunedì un’operazione...

Truffe online2 mesi fa

Il phishing sbarca anche su Twitter e Discord

Tempo di lettura: 3 minuti. Anche i "social minori" sono attenzionati dai criminali informatici

Inchieste3 mesi fa

Tinder e la doppia truffa: criptovalute e assistenza legale che non c’è

Tempo di lettura: 6 minuti. Una donna conosciuta su Tinder gli consiglia di investire in criptovalute. Viene truffato e si...

Truffe online3 mesi fa

Truffe WhatsApp, quali sono e come evitarle

Tempo di lettura: 4 minuti. Ecco le otto truffe più comuni su WhatsApp, secondo ESET

Truffe online3 mesi fa

Truffa Vinted: colpiti anche i venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Continuano le segnalazioni degli utenti

Tendenza