Connect with us
speciale truffe online

segnalaci un sito truffa

Inchieste

Clubhouse, cresce la tensione: “No a liste di proscrizione e pressioni psicologiche”

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 4 minuti.

Dopo la nostra inchiesta sul mondo italiano di Clubhouse sono giunte in redazione le segnalazioni degli utenti sulle attività messe in piedi dalle “squadre” formatesi in questi mesi.

Nell’universo del social audio più famoso al mondo, ma che vanta meno del 3% di penetrazione nel mercato mondiale e dello 0,00001 italiano, coesistono realtà di confronto amichevole parallelamente a stanze di confronto su dibattiti politici attuali o su vicende storiche importanti che hanno cambiato il corso dei tempi passati.

Secondo le ultime indiscrezioni, ci sono persone che hanno ricevuto pressioni nel non organizzare room con altri utenti, altre, invece, sono accusate di millantare minacce ricevute mai esistite o individuate come artefici di strumentalizzazioni delle clip audio estratte dai dibattiti concitati, agitati molte volte grazie a sodali agenti provocatori, con il fine di delegittimare un ignaro utente con l’infamia del compimento di reati.

Un tritacarne imbastito da un manipolo di gruppi con una strategia certosina che già ha mietuto molte vittime sul social. Gli obiettivi preferiti sembrerebbero essere le donne portatrici di un pensiero conservatore che subiscono attività di gruppo che ricordano il cyberbullismo o addirittura lo squadrismo.

Secondo alcune fonti interpellate dalla redazione, ma anche sbandierate pubblicamente in piattaforma, dalla bolla del social si è finiti ai luoghi di lavoro dove alcuni utenti hanno ricevuto telefonate nelle quali sono stati apostrofati alle orecchie dei propri colleghi, o addirittura superiori, come “fascisti“, “filoputiniani“, “antisemiti” e addirittura “pro life“.

Quanto accaduto non fa altro che confermare il motivo per il quale viene discriminata più una linea di pensiero a differenza di altre e non sorprende che siano le donne a soffrirne per prime. Alcune hanno denunciato di aver avuto stati di ansia e attacchi di panico per giorni, causati dalle vessazioni subite.

Anche per questo motivo è accaduto che, negli ultimi giorni, sono state aperte diverse stanze con il fine di facilitare un confronto utile nel superare questi scontri. Purtroppo però, non si è arrivati a un’intesa perché le intenzioni di alcuni sembrerebbero essere quelle di svolgere attività predatorie finalizzate a spuntarla in un conflitto, “inesistente” secondo molti habituè indignati, invece che preferire una convivenza pacifica basata sul confronto o sull’ignorarsi senza adire ai famigerati blocchi colpevoli di affondare l’audience delle rooms.

Secondo un articolo pubblicato negli States, il fantastico mondo di Clubhouse non esisterebbe in madre patria e, anzi, riporta la presenza di un mal comune globale composto da conflitti, scontri, litigi e ripicche frequenti.

Una delle ragioni centrali è il narcisismo insito in ogni utente del social, ma ecco che, secondo un esperto psicologo interpellato da Matrice Digitale, lo stesso narcisismo ha manifestazioni più o meno estreme.

C’è chi “pompa” il suo ego parlando, anche in modo prolisso, e chi mette in auge strategie di manipolazione delle masse come abbiamo affrontato in precedenza.

Non solo le proprie idee prima di se o degli altri, ma una necessità di prevaricare sulle opinioni altrui che nasce secondo lo psicologo “da una mancanza di amor proprio in primis che rende necessaria l’approvazione di terzi“.

Situazioni presentate come “estreme” agli occhi dell’audience, ma che non ravvisano la necessità, sbandierata quotidianamente nell’ultimo periodo, di far intromettere la Pubblica Autorità nelle beghe social a detta di molti utenti, evidenziano un’altra forma di manipolazione messa in piedi dai narcisisti: il vittimismo.

“Individuarsi agli occhi degli altri come vittima è un modo per catalizzare l’attenzione su di sè” conferma l’esperto “e attecchisce sulle persone che non hanno voglia o modo di andare oltre quello che gli viene raccontato, oppure non sanno gestire l’eventualità di schierarsi al di fuori del gruppo e vivere la solitudine in un confronto. Atri utenti portano la tesi che oltre ai narcisisti c’è un livello superiore composto da persone che amano gestirli dietro le quinte per raggiungere uno scopo diverso: simile a come avviene nel gioco dei bussolotti“.

Chi ha letto quanto scritto più in alto, potrebbe decodificare Clubhouse come un Grande Fratello in chiave vocale ed in effetti è così se pensiamo all’esiguo numero di utenti attivi che da un anno e mezzo ha fatto gruppo, nel bene e nel male, e che vive le stesse beghe quotidiane di un condominio composto da una babele di razze, religioni, opinioni politiche e generi sessuali presenti nel paese italico. A differenza del noto reality, su Clubhouse non è il pubblico a decidere chi viene eliminato e chi resta, ma dinamiche da branco che superano i confini del confronto virtuale con modi e toni non sempre civili e pacifici.

Chiedendo allo psicologo se l’imporre la frequentazione di stanze ad altri utenti fosse una forma di narcisismo, la risposta ha lasciato di stucco i presenti:

“più che narcisismo, povertà d’animo”

Un povertà d’animo che ha fatto “scoppiare” profili dal social con segnalazioni di massa, che ha messo gli utenti sul chi va là quando si tratta di esprimere una opinione personale, insinuando un senso di paura per l’essere etichettati in base alle idee. A differenza degli albori della piattaforma, quando si dibatteva senza la minaccia costante di carte bollate come deterrente in danno alla libertà di espressione individuale, l’aria che si respira nella piattaforma non è serena.

La domanda che sorge spontanea a questo punto è duplice: questi atteggiamenti fanno bene a qualcuno che ha scopi commerciali precisi oppure sono frutto di menti malate, sadiche semplicemente povere d’animo?

Da come si è svuotato il social, la risposta sembrerebbe scontata: meglio lasciar perdere per non finire nelle turbe mentali di utenti vittime di loro stessi e delle loro sadiche perversioni.

Commenti da Facebook

Inchieste

Facebook assume da Pfizer. Ecco dove nasce la censura ai “no vax”

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Sono molte le porte girevoli tra le due società, c’è chi grida al conflitto di interessi

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Facebook una piattaforma che censura abitualmente i post critici nei confronti dei vaccini COVID-19 ha assunto diversi ex allievi dei team di marketing e di revisione interna di Pfizer per guidare sforzi simili presso la piattaforma di social media, come rivela The National Pulse.

Le assunzioni sembrano presentare un conflitto di interessi per la piattaforma di social media, che è stata messa sotto accusa per aver censurato e bandito gli utenti che hanno postato sugli effetti collaterali o hanno messo in dubbio l’efficacia dei vaccini COVID-19.

Il direttore dell’audit interno di Facebook, ad esempio, era in precedenza un direttore senior di Pfizer. L’impiegata Tiffany Stokes ricopre l’influente posizione in Facebook dal gennaio 2020.

Costruisce e gestisce relazioni solide con partner aziendali critici, fornisce la supervisione di progetti di audit operativi, gestisce il piano di audit interno e la valutazione dei rischi“, elenca come parte della descrizione delle sue mansioni sul suo profilo LinkedIn. “La leadership richiede una stretta collaborazione con i team Vendite, Partnership, Operazioni globali, Internazionale, Risorse umane e Legale per valutare e dare priorità ai rischi in un panorama aziendale high-tech in continua evoluzione“, aggiunge.

Prima di entrare a far parte di Facebook, Stokes ha lavorato per cinque anni presso Pfizer, azienda produttrice del vaccino COVID-19, come direttore senior delle operazioni finanziarie e legali.

Ha stabilito e gestito i processi legali, di budgeting e di previsione per raggiungere gli obiettivi finanziari dell’azienda e gli impegni di controllo dei costi assunti nei confronti degli azionisti e della comunità finanziaria e degli investitori“, ha riassunto la sua posizione.

Prima di ricoprire questo ruolo, che secondo l’autrice richiedeva anche di “adeguare le previsioni finanziarie in base alla fluttuazione dei costi, alla priorità delle questioni legali e alle questioni legali imminenti“, ha lavorato come assistente del tesoriere del gigante farmaceutico per gli Stati Uniti e i mercati dei capitali, dove “dirigeva” il portafoglio di investimenti da 8 miliardi di dollari dell’azienda.

The National Pulse può anche rivelare che un vicepresidente di Facebook per i clienti globali e le categorie è stato in precedenza il responsabile marketing di Pfizer per l’assistenza sanitaria al consumo negli Stati Uniti. Il dipendente, Brian Groves, ha lavorato in Pfizer per un totale di 14 anni prima di entrare in Facebook come direttore dei suoi account globali.

Allo stesso modo, un ex direttore del marketing e dell’innovazione digitale di Pfizer è entrato a far parte di Facebook come Client Partner per il ramo Global Marketing Solutions nel 2018.

Oltre all’assunzione di alumni del team di marketing di Pfizer, la piattaforma ha anche aggiunto l’ex Senior Public Affairs and Corporate Communications Project Manager di Pfizer come proprio Corporate Communications Manager nel 2019.

Sempre secondo The National Pulse “I legami personali scoperti tra Pfizer e Facebook fanno seguito all’impiego da parte della piattaforma di social media di “fact-checkers” di terze parti – che hanno profondi legami con la politica democratica e il Partito Comunista Cinese – per bollare come “disinformazione” gli studi e gli articoli del COVID-19 in contrasto con la narrativa tradizionale”.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Inchieste

Quando il femminismo diffonde odio sui social

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. E’ giusto che una donna picchi un uomo? Secondo il pubblico social, sì.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Nel mondo di Twitter è apparso un post di un utente femminile che ha raccontato la storia della figlia che ha sferzato un pugno in faccia ad un compagno di calcetto che aveva apostrofato un’amica.

Il tweet ha ottenuto 21 mila mi piace, incassando il gradimento di molti iscritti al social con una media da star internazionale. Tutto molto interessante se la storia fosse vera ed il profilo non risulta associato ad una persona reale.

La strategia di raccontare una storia che susciti indignazione da parte del pubblico è una componente primaria della comunicazione sui social network di successo, ma questo non deve far distrarre dal messaggio che questa storia lascia a chi la legge.

Una madre approva il gesto violento della figlia, maggiore dell’offesa che la sua amica ha ricevuto.

In un contesto calcistico le parole grosse sono all’ordine del giorno così come l’essere scostumati in campo dove l’avversario non solo non è immune dalle offese, ma spesso ci rientra tutto l’arco familiare ed anche qualche santo tirato per le orecchie dal cielo.

La legge del campo, per chi ha giocato a calcio, recita che all’interno del rettangolo di gioco si può dire di tutto per poi dimenticarsi quanto successo trascorsi i 90 minuti della partita. Non è un bel messaggio da parte di una madre quello di tollerare la violenza della figlia minorenne nei confronti di un altro minorenne seppur questo sia uno scostumato.

Non solo c’è un comportamento antisportivo che una madre insegna ad una figlia, ma c’è anche l’utilizzo della violenza ai fini di un regolamento di conti non tra due compagni di calcetto, bensì tra un uomo ed una donna.

Questo può essere classificato come odio e non è un caso che il “sangue” faccia audience. Il vero problema di questa storia sono i like di un pubblico in cerca della gogna pubblica e di situazioni conflittuali che tollerano la violenza come soluzione.

La parte triste della storia è che il racconto sia inventato e ad opera di un profilo che non risulta collegato ad una persona in carne ed ossa. Alcuni utenti hanno segnalato che la foto utilizzata appartiene ad un’altra persona e questo cala l’attività del profilo nella più violenta propaganda femminista.

Andando a leggere nei commenti, c’è un profilo che svela l’arcano e svela che il tweet è stato copiato da un profilo anglosassone.

Aldilà dell’attività subdola di un soggetto non definito che semina odio con una storia inventata, resta il doppiopesismo sui social che ci pone dinanzi a due domande ed altrettante risposte:

E’ giusto che un uomo picchi una donna? Assolutamente no.

E’ giusto che una donna picchi un uomo?

Secondo il pubblico social sì.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Inchieste

Domitilla Benigni: dal CTS di ACN ad un caso diplomatico con Google

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 5 minuti. Amnesty International nel frattempo tace: alla guida c’è l’hacker Nex

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

L’Agenzia Cybersecurity Nazionale ha nominato un Comitato Tecnico Scientifico con diverse figure, maschili e femminili, rappresentative dei mondi delle Università, delle Aziende e dei lavoratori del settore.

In questi giorni sono scoppiati due scandali che hanno colpito un’azienda di cui è presidente Domitilla Benigni, ingegnere e CEO della società Elettronica S.p.a., di quest’ultima è proprietaria delle quote di maggioranza ereditate dalla sua famiglia.

Mentre Elettronica è la società dove l’ing. Benigni è nata e cresciuta professionalmente, Cy4Gate è l’ultima creatura di Elettronica che è stata fondata nel 2014 in sinergia con la società Expert System S.p.A. da cui hanno acquistato successivamente la società RCS Lab.

Chi è RCS Lab?

Si legge nel sito che la RCS Lab opera dal 1993 nel mercato mondiale dei servizi a supporto dell’attività investigativa affermando la propria esperienza e il proprio know-how attraverso la progettazione, la produzione e l’assistenza all’esercizio di apparecchiature destinate al controllo elettronico delle telecomunicazioni dotate di tutte le funzionalità previste per l’impiego nelle indagini dell’Autorità Giudiziaria“.

La società offre sistemi di intercettazione di nuova ed ultima generazione nel settore della pubblica amministrazione ed in supporto alle attività di indagini e di intelligence della Pubblica Autorità.

Lo scandalo di Palamara

Nei giorni scorsi, la società RCS Lab ha visto sospendersi l’autorizzazione a fornire i suoi servigi alla Procura di Napoli, prima che il suo ex Procuratore Capo Giovanni Melillo passasse alla DNA. La colpa di RCS Lab è quella di aver fornito una registrazione parziale della vita di Palamara quando questi era intercettato durante il periodo che ha poi alimentato lo scandalo della magistratura.

In quella occasione, il Trojan sviluppato dalla RCS Lab era stato utilizzato non in modo perpetuo ma in un modo che sembrava indirizzato, secondo la difesa dei PM inquisiti, ad escludere pezzi da 90 nel giro delle intercettazioni come Davigo. Per di più, c’è da evidenziare il fatto che per giustificare la mancanza di alcuni pezzi delle conversazioni, tra le varie cause indicate dalla società c’era anche quella che il software spia non funzionasse a dovere. Sempre la stessa società ha dichiarato che in caso di malfunzionamenti procedono ad organizzare gruppi di lavoro con le parti interessate per risolvere gli intoppi tecnici.

Il 4 maggio le attività della società sono state sospese ed il 4 giugno la Procura di Perugia ha disposto nuovi accertamenti irripetibili sui server di Napoli della Rcs. Accertamenti disposti anche dal procuratore di Firenze, Luca Turco, nell’ambito nell’ambito del procedimento aperto nella città toscana dopo gli esposti di Palamara e Cosimo Ferri.

Lo scandalo Hermit e come funziona lo spyware italiano

Nei giorni precedenti, Matrice Digitale ha illustrato la presenza di un software spia diffuso in Kazakistan, in Siria ed in Italia sviluppato dalla Rcs Lab. Il riferimento all’origine dell’arma cibernetica italiana è stato oramai fugato da ogni dubbio anche dal colosso.

Chi è la società che ha acquistato Rcs Lab? Cy4Gate.

Quale sarà la società che acquisirà Rcs Lab? Secondo voci di corridoio Elettronica.

Secondo il centro ricerca di Google, le campagne osservate hanno avuto origine con un unico link inviato all’obiettivo. Una volta cliccato, la pagina tentava di far scaricare e installare all’utente un’applicazione dannosa su Android o iOS. In alcuni casi, gli attori hanno collaborato con l’ISP dell’obiettivo per disabilitarne la connettività dati mobile. Una volta disattivata, l’aggressore inviava un link dannoso via SMS chiedendo all’obiettivo di installare un’applicazione per ripristinare la connettività dati. Per questo motivo la maggior parte delle applicazioni si è mascherata da applicazioni dell’operatore mobile. Quando il coinvolgimento del provider non è possibile, le applicazioni sono mascherate da applicazioni di messaggistica.

Il software spia offriva quindi una pagina in italiano con una richiesta di scaricare dei contenuti per “aggiustare” i social media di Meta (Facebook, WhatsApp, Instagram).

Perchè Google si schiera contro la società italiana che ha sviluppato un’arma cibernetica?

La motivazione per cui i giganti del web attaccano le società come Rcs Lab sono diverse.

La prima è che l’industria dello spyware commerciale stia prosperando e crescendo a un ritmo significativo e questa tendenza “dovrebbe preoccupare tutti gli utenti di Internet“.

Altro aspetto è che questi fornitori “permettono la proliferazione di pericolosi strumenti di hacking e armano i governi che non sarebbero in grado di sviluppare queste capacità internamente. Sebbene l’uso delle tecnologie di sorveglianza possa essere legale ai sensi delle leggi nazionali o internazionali, spesso si scopre che i governi le utilizzano per scopi antitetici ai valori democratici: prendere di mira dissidenti, giornalisti, operatori dei diritti umani e politici dei partiti di opposizione“.

In ultimo “i fornitori che accumulano vulnerabilità zero-day in segreto rappresentano un grave rischio per Internet, soprattutto se il fornitore viene compromesso. Questo è accaduto a diversi produttori di spyware negli ultimi dieci anni, sollevando lo spettro che le loro scorte possano essere rese pubbliche senza preavviso“.

Secondo Google c’è bisogno di correre ai ripari non solo per tutelare gli utenti Android, ma anche per salvare Internet dai mercenari dello spionaggio. Il nocciolo della questione ora è proprio questo:

Domitilla Benigni non è solo una venditrice di armi cibernetiche, ma è anche una donna al servizio del Governo Italiano quindi che si fa?

Ed è questo il nocciolo che mette in contraddizione non la CEO di Elettronica, ma tutto quel mondo che si fa spazio nell’associazionismo, nel giornalismo e nell’attivismo in favore di una “morte” commerciale delle società che producono software spia.

L’inserimento di Benigni nel CTS sembrerebbe un atto dovuto viste le esigenze di sicurezza nazionale, quindi l’Italia adesso cosa farà?

Il capo dell’agenzia Baldoni, è sicuramente consapevole di aver acquisito un’azienda, eccellenza italiana, con l’intento di solidificare gli strumenti di difesa e di attacco cibernetico del nostro Paese.

Google mette in guardia l’Italia sull’aver sviluppato un’arma cibernetica al servizio dei regimi kazaki e siriani, ma dimentica quanto sta facendo in Israele in favore delle forze occupanti.


Ancora più singolare il fatto che non si sia ancora esposta Amnesty International con a capo l’hacker italiano Nex, detrattore storico della competitor di RCS, NSO Group, e strano non si siano sollevati polveroni sul fatto che Domitilla Benigni sia il volto di una società equivalente all’azienda di software israeliana ed allo stesso tempo fornitrice di un software spia ad altri regimi poco democratici.

Pegasus: inizia l’indagine europarlamentare ai danni di NSOGroup

Come scoprire se il proprio cellulare è stato compromesso da Pegasus della NSO

Google fuori dal cloud nazionale

In questi giorni Aruba e Amazon sembrerebbero aver scalzato Google dal cloud Nazionale e la notizia di Hermit, che gira da mesi in forma anonima nel panorama delle maggiori società di sicurezza informatica mondiali, casca a fagiolo mentre si attende la controfferta della società statunitense che dovrà rinunciare a 700 milioni di euro per equipararsi ai suoi concorrenti nell’offerta prevista dal bando pubblico.

Che dietro Google ci sia una strategia finalizzata a mettere in pericolo una delle nostre eccellenze del Paese in ambito militare?

Oppure vuole mettere le mani sui segreti industriali di Elettronica come spesso gli americani hanno fanno in questi anni?

Bisognerebbe chiedere alla Olivetti o alla Leonardo se ricordano qualcosa in merito. Nel frattempo, la risposta della Cy4Gate è stata chiara:

 “I prodotti di Rcs Lab vengono forniti con una chiara, specifica ed esclusiva finalità: supportare gli enti preposti nella prevenzione e repressione di crimini efferati“. Il Gruppo afferma inoltre di essere “orgoglioso di offrire le proprie tecnologie a servizio delle Forze dell’Ordine nell’assoluto rispetto delle normative vigenti, con grande etica e professionalità“.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie1 giorno fa

Kaspersky scopre ShadowPad in Afghanistan, Malesia e Pakistan

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoEntità situate in Afghanistan, Malesia e Pakistan sono nel mirino di una campagna...

Notizie2 giorni fa

Dopo la Lituania, KillNet attacca la Norvegia

Tempo di lettura: 2 minuti. Il collettivo russo si è postato sull'area baltica

Notizie5 giorni fa

Iran: azienda siderurgica si blocca dopo attacco hacker

Tempo di lettura: 2 minuti. Si sospetta una risposta di Israele all'attacco informatico

Notizie5 giorni fa

Killnet rivendica l’attacco DDOS alla Lituania

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo la presa di posizione di Vilnius su Kaliningrad, era nell'aria che sarebbe arrivata una...

Notizie5 giorni fa

Minaccia Nucleare via mail: Fancy Bear attacca con Follina

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenutoIl gruppo di minacce persistenti avanzate Fancy Bear è dietro una campagna di...

Notizie6 giorni fa

La Lituania adesso ha paura degli attacchi DDoS russi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Fino alla repressione di Kalingrad, il paese non era stato colpito da azioni russe....

Notizie7 giorni fa

HUI Loader: scoperto dopo 7 anni lo spyware di un APT cinese

Tempo di lettura: 2 minuti. Un noto malware di spionaggio sottolinea la minaccia che le aziende straniere devono affrontare da...

Notizie1 settimana fa

Cina: vietate le Tesla perchè possono spiare convegno dei capi di Governo

Tempo di lettura: 2 minuti. Nonostante in Cina siano tutti entusiasti di Tesla, l'esercito non si fida delle telecamere installate...

Notizie1 settimana fa

Apt russi spiano 42 paesi che sostengono Kiev

Tempo di lettura: 2 minuti. Stati Uniti e Polonia le più colpite, salva Estonia L'influenza informatica russa sono efficaci sia...

Notizie1 settimana fa

Università cinese sotto attacco hacker: violate le mail

Tempo di lettura: 3 minuti. Il sistema di posta elettronica di un'università della provincia di Shaanxi, nella Cina nord-occidentale, nota...

Truffe recenti

Truffe online3 giorni fa

Truffa Vinted: colpiti anche i venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Continuano le segnalazioni degli utenti

Truffe online3 giorni fa

Attenzione alla truffa LGBTQ+

Tempo di lettura: 3 minuti. I più esposti? Chi non ha fatto "coming out"

Pesca mirata Pesca mirata
Truffe online6 giorni fa

Attenzione alla truffa online di InBank

Tempo di lettura: < 1 minuto. La segnalazione arriva dalla società italiana di sicurezza informatica TgSoft

Truffe online3 settimane fa

Truffa WhatsApp: attenzione ai messaggi che ci spiano

Tempo di lettura: < 1 minuto. L'allarme proviene dall'Inghilterra

DeFi3 settimane fa

Criptovalute e truffa: Telegram e Meta piattaforme perfette

Tempo di lettura: 5 minuti. Meta non risponde alle richieste dei giornalisti, continua ad avallare truffe e soprusi in silenzio.

Truffe online3 settimane fa

Truffa Axel Arigato: la società risponde a Matrice Digitale

Tempo di lettura: < 1 minuto. "Ci scusiamo con i nostri utenti e provvederemo a risolvere il problema"

scam scam
Truffe online4 settimane fa

Segnalazione truffa non-mi-avrete-mai.net

Tempo di lettura: < 1 minuto. Giungono in redazione le esperienze di utenti truffati in rete.

Truffe online1 mese fa

Attenzione: Axel Arigato Italia è una truffa colossale

Tempo di lettura: 3 minuti. Il marchio non lo sa, ma in Italia truffano promettendo i suoi prodotti

Notizie1 mese fa

Truffa Charlie Brigante: lista aggiornata dei siti da evitare per acquisti online

Tempo di lettura: < 1 minuto. Continuano le segnalazioni di truffe online alla nostra rubrica

Truffe online1 mese fa

Truffa Instagram: come Meta affonda la Polizia Postale

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoIn questi giorni sono tantissime le segnalazioni di utenti alla redazione che hanno...

Tendenza