Connect with us

L'Altra Bolla

Account verificati alimentano la disinformazione su X?

Tempo di lettura: 2 minuti. La piattaforma X di Elon Musk è sotto esame per la diffusione di disinformazione riguardo al conflitto tra Israele e Hamas, con account “verificati” che giocano un ruolo chiave.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

Gli account “verificati” sulla piattaforma X di Elon Musk hanno diffuso quasi tre quarti dei 250 post più virali contenenti disinformazione comune riguardo alla guerra tra Israele e Hamas, secondo uno studio pubblicato da NewsGuard, una società che ha collaborato con la Commissione Europea su iniziative contro la disinformazione.

Il nuovo sistema di verifica

Dopo aver acquistato Twitter quasi un anno fa, Musk ha rivisto il sistema di assegnazione dei “blue checkmarks”, permettendo a chiunque paghi 8 dollari al mese di essere “verificato”. Gli account precedentemente verificati come notevoli e autentici hanno visto rimuovere i loro checkmarks.

Risultati dello studio

Durante la prima settimana del conflitto (7-14 ottobre), NewsGuard ha analizzato i 250 post più impegnati che promuovevano una delle 10 false narrazioni legate alla guerra. I risultati hanno mostrato che 186 di questi 250 post, ovvero il 74%, erano stati pubblicati da account verificati da X. Complessivamente, i post che promuovevano questi miti hanno ricevuto 1.349.979 interazioni e sono stati visti più di 100 milioni di volte in tutto il mondo in una sola settimana.

Reazione di Musk

Musk ha criticato NewsGuard in alcuni post, definendola una “truffa” che “dovrebbe essere immediatamente sciolta”. Ha commentato che qualsiasi cosa con un nome che sembra provenire da un romanzo di Orwell non dovrebbe mai essere fidata.

Coinvolgimento europeo

NewsGuard ha lavorato con la Commissione Europea sul Codice di Pratica sulla Disinformazione dell’UE, un sistema volontario a cui Twitter si era unito prima dell’acquisto da parte di Musk. Musk ha ritirato la sua piattaforma dal patto contro la disinformazione nel maggio 2023. Un studio condotto per l’UE ha rilevato che la disinformazione è più diffusa su X rispetto a Facebook e ad altre reti sociali. Il Commissario europeo per il Mercato interno, Thierry Breton, ha avvertito Musk la scorsa settimana che X potrebbe affrontare sanzioni ai sensi del nuovo Digital Services Act se non interviene per fermare la diffusione della disinformazione su Israele/Hamas.

L'Altra Bolla

Meta censura la parola Zionists ed X introduce il “Downvote”

Tempo di lettura: 2 minuti. Meta sta affrontando l’uso problematico del termine “Zionists” e come X (Twitter) sta testando una nuova funzione di “Downvote” per migliorare la gestione delle risposte.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

Meta ha annunciato modifiche alle sue regole sul linguaggio di odio per affrontare l’uso problematico del termine “Zionists”(sionisti), mentre X (precedentemente Twitter) ha introdotto una nuova funzione di “Downvote” per migliorare la gestione delle risposte. Esaminiamo in dettaglio entrambe le novità.

Meta rivede le regole sul linguaggio di odio

Contesto e modifiche

Meta, la società madre di Facebook e Instagram, ha deciso di rimuovere i post che usano il termine “Zionists” per attaccare persone ebree e israeliane, piuttosto che riferirsi ai sostenitori del movimento politico. La decisione segue una serie di consultazioni con esperti e stakeholder globali per comprendere meglio il contesto e l’uso del termine “Zionists”.

DettaglioDescrizione
ProblemaUso del termine “Zionists” per attaccare persone ebree e israeliane
SoluzioneRimozione di contenuti che usano “Zionists” con intenti antisemiti
Stakeholder Consultati145 esperti da società civile e accademia in Medio Oriente, Africa, Israele, Nord America, Europa, America Latina e Asia
PoliticaRimozione di contenuti con attacchi basati su caratteristiche protette come nazionalità, razza o religione
Esempi di Contenuti RimossiComparazioni disumanizzanti, chiamate alla violenza, negazioni di esistenza

Meta ha dichiarato che continuerà a rimuovere contenuti che attaccano “Zionists” quando questi attacchi non sono esplicitamente legati al movimento politico ma contengono stereotipi antisemiti o minacce di violenza.

X Introduce la funzione “Downvote”

X, precedentemente noto come Twitter, sta testando una nuova funzione di “Downvote” per migliorare l’esperienza utente e la gestione delle risposte. La funzione mira a dare agli utenti più controllo sulla visibilità delle risposte, promuovendo discussioni di qualità superiore.

DettaglioDescrizione
Funzione“Downvote” per risposte
IconaCuore spezzato, corrispondente all’icona “Like” a forma di cuore
DisponibilitàAttualmente disponibile solo per risposte
ScopoMigliorare la qualità delle discussioni spingendo le risposte meno rilevanti o indesiderate in fondo al thread
Cambiamenti Sotto la Guida di MuskFunzione “Like” resa privata per proteggere figure pubbliche da controversie

Reazioni degli Utenti

Le reazioni degli utenti alla nuova funzione “Downvote” sono miste. Alcuni vedono la funzione come uno strumento utile per gestire le discussioni, mentre altri temono che possa essere utilizzata per silenziare opinioni dissenzienti. È cruciale che X trovi un equilibrio per prevenire l’abuso della funzione e garantire un ambiente di discussione sano e inclusivo.

Le recenti modifiche apportate da Meta e X riflettono l’impegno delle piattaforme a migliorare l’esperienza utente e affrontare le problematiche legate al linguaggio di odio e alla gestione dei contenuti. Mentre Meta si concentra sulla protezione contro l’antisemitismo, salvaguardando la parola zionists X mira a migliorare la qualità delle discussioni fornendo agli utenti strumenti migliori per gestire le risposte ed il downvote potrebbe essere utile. Entrambe le iniziative richiederanno monitoraggio e adattamento continui per garantire che raggiungano gli obiettivi prefissati senza compromettere la diversità delle opinioni.

Prosegui la lettura

L'Altra Bolla

X e Apple Pay: minacce e accordi con l’UE

Tempo di lettura: 2 minuti. Vendita di verifiche su X dichiarata illegale e Apple apre Apple Pay ai concorrenti secondo le nuove normative UE

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

Recentemente, due importanti notizie hanno coinvolto le grandi aziende tecnologiche e le regolamentazioni dell’Unione Europea (UE): da un lato, la decisione dell’UE di dichiarare illegale la vendita di verifiche su X (ex Twitter), dall’altro, l’accordo di Apple di aprire il suo sistema Apple Pay ai concorrenti nell’UE. Questi sviluppi hanno implicazioni significative per gli utenti e le aziende coinvolte. Esaminiamo nel dettaglio entrambe le vicende.

Vendita di verifiche su X: una pratica illegale

Quando Elon Musk ha acquistato Twitter per 44 miliardi di dollari, ha introdotto cambiamenti che hanno portato gli inserzionisti a ridurre drasticamente le loro spese sulla piattaforma. Uno dei cambiamenti più controversi è stata la vendita della verifica come parte di un abbonamento a Twitter Blue. Questo ha aperto la strada a troll, burloni e truffatori, portando Musk a riconsiderare momentaneamente la decisione. Tuttavia, la verifica a pagamento è stata successivamente rilanciata.

Per un certo periodo, gli account Twitter verificati in passato hanno mantenuto i loro segni di spunta blu, ma questi sono stati rimossi l’anno scorso. Di conseguenza, possedere un segno di spunta blu è diventato un simbolo di vergogna, poiché indicava che l’utente aveva pagato per ottenerlo. I clienti più entusiasti erano spesso truffatori di criptovalute che sfruttavano la maggiore visibilità degli account a pagamento per commettere frodi.

Decisione dell’UE

Il Digital Services Act (DSA) dell’UE impone alle aziende di social media di prendere misure per evitare che gli utenti siano ingannati da contenuti falsi. La vendita di verifiche su X è stata ritenuta una violazione del DSA. Secondo i regolatori di Bruxelles, consentire a chiunque di pagare per ottenere uno status “verificato” può ingannare milioni di utenti, influenzando negativamente la loro capacità di prendere decisioni libere e informate sulla autenticità degli account e dei contenuti con cui interagiscono.

X può fare appello contro questa decisione, ma se l’appello dovesse fallire, l’azienda potrebbe essere multata fino al 6% del suo fatturato globale annuale.

Apertura di Apple Pay nell’UE

Negli ultimi anni, Apple ha subito crescenti pressioni regolamentari per aprire il suo ecosistema ai concorrenti e agli sviluppatori di terze parti. Recentemente, Apple ha accettato di consentire agli sviluppatori di terze parti di utilizzare la tecnologia NFC sui dispositivi iOS senza alcun costo. Questo cambiamento è parte di un accordo legalmente vincolante con la Commissione Europea che durerà per i prossimi dieci anni.

Implicazioni per gli utenti

Gli utenti dell’UE potranno cambiare l’app di pagamento predefinita sui loro dispositivi, passando da Apple Pay a un’altra app a loro scelta. Queste app potranno utilizzare funzionalità come Field Detect, il doppio clic sul pulsante laterale per aprire un’app di pagamento e strumenti di autenticazione come Face ID e Touch ID. Un organo di revisione indipendente sarà istituito per garantire che Apple rispetti l’accordo.

Questo cambiamento evita ad Apple una multa potenziale fino al 10% del suo fatturato annuale, che avrebbe potuto ammontare a circa 40 miliardi di dollari.

Prospettive Future

Questi cambiamenti consentiranno agli utenti di iPhone nell’UE di non essere più limitati all’uso di Apple Pay per i pagamenti digitali. Sarà interessante vedere se Apple estenderà queste modifiche a livello globale. Precedentemente, Apple ha reso RCS disponibile a livello mondiale sotto pressione dell’UE, ma ha limitato l’apertura degli app store di terze parti solo all’Europa.

Le nuove normative dell’UE stanno costringendo le grandi aziende tecnologiche a modificare le loro pratiche per garantire maggiore trasparenza e competizione. La decisione di dichiarare illegale la vendita di verifiche su X e l’apertura di Apple Pay ai concorrenti rappresentano passi significativi verso un ecosistema digitale più aperto e sicuro nell’UE, ma lascia dubbi sugli effettivi scopi di misure del genere.

Prosegui la lettura

L'Altra Bolla

WhatsApp badge di Verifica Blu e YouTube Music Stazioni Radio Generate da AI

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri le nuove funzionalità di WhatsApp con il badge di verifica blu e le stazioni radio personalizzate generate da AI di YouTube Music

Pubblicato

in data

youtube music
Tempo di lettura: 2 minuti.

WhatsApp e YouTube Music stanno introducendo nuove funzionalità per migliorare l’esperienza utente e mantenersi all’avanguardia della tecnologia. WhatsApp sta aggiornando il suo sistema di verifica con un badge blu in linea con gli altri servizi Meta, mentre YouTube Music sta testando stazioni radio personalizzate generate da intelligenza artificiale basate su prompt.

WhatsApp introduce il Badge di Verifica Blu

WhatsApp ha iniziato a testare un nuovo badge di verifica blu per canali e aziende, spostandosi dal tradizionale verde a un colore più allineato con lo stile di Meta. Questo cambiamento è stato individuato nella versione beta per Android 2.24.14.18 e dovrebbe essere disponibile per un pubblico più ampio a breve.

L’aggiornamento mira a standardizzare i badge di verifica su tutte le piattaforme Meta, portando WhatsApp in linea con i badge blu visibili su Instagram e Facebook. Alcuni utenti beta hanno già iniziato a vedere il nuovo segno di spunta blu in azione, e sarà disponibile per un numero maggiore di utenti nelle prossime settimane.

Sebbene il cambio di colore possa sembrare una modifica minore, facilita l’identificazione degli account verificati su diverse piattaforme, aumentando la coerenza visiva e la fiducia degli utenti. L’adozione del badge blu su WhatsApp non solo uniforma l’aspetto delle piattaforme Meta, ma segue anche l’esempio di altre piattaforme come TikTok e X, che già utilizzano badge di verifica blu.

YouTube Music sperimenta Stazioni Radio Generate da AI

YouTube Music sta esplorando nuove modalità per migliorare l’esperienza musicale degli utenti introducendo stazioni radio personalizzate generate da intelligenza artificiale basate su prompt. Questa funzione consente agli utenti di creare stazioni radio personalizzate semplicemente fornendo un prompt.

Gli utenti possono accedere a questa funzione tramite il pulsante “Ask for music any way you like” nella Home feed o il pulsante esistente “Start radio”. Dopo aver selezionato l’opzione, si apre un’interfaccia utente basata su chat con un campo per inserire il prompt musicale. È possibile inserire il prompt tramite voce o testo, con suggerimenti di prompt disponibili per facilitare l’utilizzo.

YouTube Music genera una stazione radio basata sul prompt fornito, utilizzandolo come nome della stazione e fornendo una descrizione della stessa. Sebbene al momento l’esperimento sia limitato a pochi utenti, questa funzione potrebbe offrire un modo innovativo per scoprire e ascoltare musica basata sulle preferenze personali.

La sperimentazione di stazioni radio generate da AI rappresenta un ulteriore passo avanti nell’integrazione dell’intelligenza artificiale nei servizi di streaming musicale, offrendo un’esperienza personalizzata e adattiva per gli utenti.

WhatsApp e YouTube Music stanno introducendo innovazioni significative per migliorare l’esperienza degli utenti e rimanere competitivi nel mercato tecnologico. L’aggiornamento del badge di verifica di WhatsApp a un colore blu standardizzato e l’esperimento di YouTube Music con stazioni radio generate da AI basate su prompt rappresentano passi importanti verso un’esperienza utente più coerente e personalizzata. Questi sviluppi non solo migliorano la sicurezza e la personalizzazione, ma mostrano anche l’impegno di entrambe le piattaforme nell’adottare nuove tecnologie per soddisfare le esigenze degli utenti.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERSECURITY

Sicurezza Informatica1 giorno fa

Vulnerabilità in Modern Events Calendar: migliaia di WordPress a rischio

Tempo di lettura: 2 minuti. Vulnerabilità critica nel plugin Modern Events Calendar consente il caricamento arbitrario di file da parte...

Sicurezza Informatica1 giorno fa

Attacco RADIUS: panoramica dettagliata

Tempo di lettura: 3 minuti. Il protocollo RADIUS può essere compromesso utilizzando tecniche avanzate di collisione MD5 per eseguire attacchi...

Sicurezza Informatica1 giorno fa

ViperSoftX sfrutta AutoIt e CLR per l’esecuzione Stealth di PowerShell

Tempo di lettura: 3 minuti. ViperSoftX utilizza AutoIt e CLR per eseguire comandi PowerShell in modo stealth, eludendo i meccanismi...

Sicurezza Informatica1 giorno fa

Malware Poco RAT mira vittime di lingua spagnola

Tempo di lettura: 3 minuti. Poco RAT, nuovo malware che prende di mira le vittime di lingua spagnola con campagne...

Microsoft teams Microsoft teams
Sicurezza Informatica2 giorni fa

Falso Microsoft Teams per Mac distribuisce Atomic Stealer

Tempo di lettura: 2 minuti. Un falso Microsoft Teams per Mac distribuisce il malware Atomic Stealer tramite una campagna di...

CISA logo CISA logo
Sicurezza Informatica2 giorni fa

CISA hackera Agenzia Federale USA: vulnerabilità critiche Svelate

Tempo di lettura: 2 minuti. CISA svela vulnerabilità critiche in un'agenzia federale USA attraverso un'esercitazione di red team SILENTSHIELD

Sicurezza Informatica2 giorni fa

DarkGate usa file Excel per diffondere malware

Tempo di lettura: 3 minuti. DarkGate utilizza file Excel per diffondere malware sofisticato. Scopri come funziona questa minaccia e come...

Sicurezza Informatica3 giorni fa

SSH sotto attacco a causa di bug e vulnerabilità

Tempo di lettura: 3 minuti. Scopri le nuove minacce di CRYSTALRAY e la vulnerabilità di OpenSSH in RHEL 9. Approfondisci...

Sicurezza Informatica3 giorni fa

CoreTech: accordo con TuxCare migliora sicurezza negli ambienti Linux

Tempo di lettura: 2 minuti. L'accordo migliora lo standard qualitativo dell'offerta Linux per quel che concerne la risposta alle vulnerabilità

CISA logo CISA logo
Sicurezza Informatica5 giorni fa

CISA aggiornamenti per Citrix, Adobe, ICS e vulnerabilità sfruttate

Tempo di lettura: 3 minuti. CISA rilascia aggiornamenti per Citrix e Adobe e sette consigli per i sistemi di controllo...

Truffe recenti

Inchieste6 giorni fa

Idealong.com chiuso, ma attenti a marketideal.xyz e bol-it.com

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo aver svelato la truffa Idealong, abbiamo scoperto altri link che ospitano offerte di lavoro...

Inchieste1 settimana fa

Idealong.com spilla soldi ed assolda lavoratori per recensioni false

Tempo di lettura: 4 minuti. Il metodo Idealong ha sostituito Mazarsiu e, dalle segnalazioni dei clienti, la truffa agisce su...

Sicurezza Informatica2 settimane fa

Truffa lavoro online: Mazarsiu sparito, attenti a idealong.com

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo il sito Mazarsiu, abbandonato dai criminali dopo le inchieste di Matrice Digitale, emerge un...

fbi fbi
Sicurezza Informatica1 mese fa

FBI legge Matrice Digitale? Avviso sulle truffe di lavoro Online

Tempo di lettura: 2 minuti. L'FBI segnala un aumento delle truffe lavoro da casa con pagamenti in criptovaluta, offrendo consigli...

Sicurezza Informatica1 mese fa

Milano: operazione “Trust”, frodi informatiche e riciclaggio di criptovaluta

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta un'organizzazione criminale transnazionale specializzata in frodi informatiche e riciclaggio di criptovaluta nell'operazione "Trust"

Inchieste2 mesi fa

Truffa lavoro Online: analisi metodo Mazarsiu e consigli

Tempo di lettura: 4 minuti. Mazarsiu e Temunao sono solo due portali di arrivo della truffa di lavoro online che...

Inchieste2 mesi fa

Mazarsiu e Temunao: non solo truffa, ma un vero metodo

Tempo di lettura: 4 minuti. Le inchieste su Temunao e Marasiu hanno attivato tante segnalazioni alla redazione di persone che...

Pharmapiuit.com Pharmapiuit.com
Inchieste2 mesi fa

Pharmapiuit.com : sito truffa online dal 2023

Tempo di lettura: 2 minuti. Pharmapiuit.com è l'ultimo sito truffa ancora online di una serie di portali che promettono forti...

Temunao.Top Temunao.Top
Inchieste2 mesi fa

Temunao.Top: altro sito truffa che promette lavoro OnLine

Tempo di lettura: 2 minuti. Temunao.top è l'ennesimo sito web truffa che promette un premio finale a coloro che effettuano...

Inchieste2 mesi fa

Attenti a Mazarsiu.com : offerta lavoro truffa da piattaforma Adecco

Tempo di lettura: 2 minuti. Dalla piattaforma Adecco ad un sito che offre lavoro attraverso le Google Ads: è la...

Tech

Tech10 ore fa

Galaxy Z Flip 6 migliora rispetto al 3 e Galaxy Buds 3 meglio del 2

Tempo di lettura: 3 minuti. Galaxy Z Flip 6 ha miglioramenti rispetto al Z Flip 3 ed il nuovo design...

Smartphone10 ore fa

OPPO F27 Pro Plus vs Poco F6: quale scegliere?

Tempo di lettura: 2 minuti. Confronta OPPO F27 Pro Plus e Poco F6: scopri quale smartphone offre migliori specifiche, design,...

Smartphone10 ore fa

Galaxy S25 Ultra e Samsung Exynos 2500: novità e anticipazioni

Tempo di lettura: 2 minuti. Novità sul Galaxy S25 Ultra e l'Exynos 2500 di Samsung, con miglioramenti nel design e...

Tech10 ore fa

Aggiornamenti Chrome: ultime novità per Android, iOS e Desktop

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri gli ultimi aggiornamenti di Chrome Dev e Beta per Android, iOS, ChromeOS e desktop,...

Smartphone11 ore fa

OPPO Reno 12 Pro vs OnePlus 12R: quale scegliere?

Tempo di lettura: 3 minuti. Confronta OPPO Reno 12 Pro 5G e OnePlus 12R 5G: scopri quale smartphone offre migliori...

Smartphone1 giorno fa

Nubia Z60 Ultra con Snapdragon 8 Gen 3 Leading Version in arrivo

Tempo di lettura: 2 minuti. Nubia Z60 Ultra con Snapdragon 8 Gen 3 Leading Version potente per prestazioni estreme: caratteristiche...

Smartphone1 giorno fa

Motorola Edge 50 Neo e Infinix Zero Flip: specifiche, colori e novità

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri le specifiche e i colori del Motorola Edge 50 Neo e dell'Infinix Zero Flip,...

Intelligenza Artificiale1 giorno fa

Goldman Sachs: Intelligenza Artificiale è troppo costosa e inaffidabile?

Tempo di lettura: 2 minuti. Opinioni contrastanti in Goldman Sachs sugli investimenti in AI, i loro costi elevati e l'affidabilità,...

Smartphone2 giorni fa

Redmi 13 5G vs Moto G64 5G: qual 5G economico scegliere?

Tempo di lettura: 3 minuti. Confronto tra Redmi 13 5G e Moto G64 5G: quale telefono 5G economico offre le...

Smartphone2 giorni fa

Redmi 13 5G vs Redmi 12 5G: conviene aggiornare?

Tempo di lettura: 3 minuti. Confronto tra Redmi 13 5G e Redmi 12 5G: scopri i miglioramenti del nuovo telefono...

Tendenza