Connect with us

L'Altra Bolla

Shakira e Pique: quando il divorzio fa fare soldi. Altro che Blasi e Totti …

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

Shakira pubblica la sua nuova canzone e la dedica all’ex calciatore del Barcellona Pique colpevole di averla tradita e lasciata. Le questioni di famiglia in casa della cantante ispanica e del suo ex marito sono oramai di dominio pubblico e stanno trainando la narrazione pubblicitaria quanto distruttiva per l’immagine della famiglia del mulino bianco scelta in uno dei super Bowl passati come testimonial dell’evento più importante d’America. Il brano di Shakira ha spopolato sulla rete realizzando in poche ore milioni di visualizzazioni sui canali di streaming audio, ma a dare maggior risalto alla canzone non è stata la melodia, bensì il testo che, senza fare nomi, è indirizzato all’ex con un sentiment al vetriolo.

Uno dei “migliori” stralci della canzone riguarda lo sfottò della cantante di “aver lasciato un Rolex per mettersi con un Casio” ed ha spopolato sui social con tantissimi meme al seguito. Questa battaglia familiare non ha fatto altro che esporre la fragilità di Shakira che ricorda quella di Ilary Blasi dopo la separazione da Francesco Totti, smentendo di fatto la richiesta nei giorni successivamente alla separazione fatta dalla cantante riguardo il rispetto privacy che invocava per sé e per la sua famiglia. Sono lontani i tempi in cui si invitava la stampa a non parlare per tutelare i figli minori della coppia, anzi, dalle ultime indiscrezioni sembrerebbe che il business della coppia anche da separati resti florido sia per lei sia per lui.

Dinanzi all’azzardo di stile da parte di Shakira nel mettere a confronto due marchi, penalizzando la più commerciale Casio rispetto all’azienda Svizzera, l’azienda di minor valore d’immagine ha dato via libera ad una campagna di pubblicitaria gratuita grazie a meme dove interpellano la stessa cantante, seguita da un’altra azione commerciale: lo scritturare come testimonial proprio l’ex marito Pique. La canzone, indipendentemente dal fatto sia bella o sia orrenda, ha già vinto è fatto all in dal punto di vista della comunicazione e degli introiti diretti ed indiretti a pochi giorni dal lancio, a cui ne seguiranno molti altri in futuro.

Quando si è vip non solo si ha la fortuna di potersi vendere la vita da Mulino Bianco nel quotidiano, ma è possibile massimizzare in termini di profitti anche un evento tragico come il divorzio che può essere frutto di notorietà e soprattutto di guadagno. Quello su cui bisognerebbe domandarsi invece e se tutta questa pubblicità possa fare bene alla musica stessa, ma in fondo è proprio una delle arti più nobili di millenaria negli ultimi anni ha fornito al grande pubblico la dimensione che la capacità artistica può passare in secondo piano rispetto al business.

L'Altra Bolla

YouTube è il servizio di streaming più utilizzato negli USA, novità per i creatori

Tempo di lettura: 2 minuti. YouTube lancia nuove pagine dei canali per creatori sulla sua app TV e domina lo streaming TV negli USA con 1 miliardo di ore al giorno

Pubblicato

in data

YouTube Music introduce una funzionalità simile a Spotify sui diffusori Nest
Tempo di lettura: 2 minuti.

YouTube ha introdotto nuove pagine dei canali per i creatori nella sua app TV, offrendo una progettazione più moderna con bottoni d’azione facilmente accessibili, come “Iscriviti”, e altri aggiustamenti per una navigazione migliorata. Queste modifiche, pensate per rendere più immersiva l’esperienza dei documenti digitali, stanno venendo implementate per tutti i creatori nelle prossime settimane, ma solo per le TV. L’aggiornamento mira a rendere i contenuti più rilevanti facilmente accessibili e a semplificare l’iscrizione ai canali.

In parallelo, secondo l’ultimo rapporto di Nielsen, YouTube si conferma come il servizio di streaming più utilizzato negli Stati Uniti, con l’8,6% della visualizzazione sui televisori. Questo dato sottolinea la predominanza di YouTube nell’ambito dello streaming TV e rappresenta il dodicesimo mese consecutivo in cui la piattaforma mantiene la vetta. La Google-owned streaming service ha annunciato che gli spettatori guardano ora una media giornaliera di oltre 1 miliardo di ore di contenuti YouTube sui loro televisori, evidenziando una preferenza per i video generati dagli utenti rispetto ai tradizionali programmi TV.

Queste innovazioni e la leadership di YouTube nello streaming TV riflettono un cambiamento nel consumo dei media, con un aumento della visualizzazione di contenuti generati dagli utenti sul grande schermo e un maggiore coinvolgimento dei creatori di YouTube, che vedono crescere la loro audience TV.

Prosegui la lettura

L'Altra Bolla

Tinder espande programma di verifica dell’identità

Tempo di lettura: 2 minuti. Tinder espande la verifica dell’ID a USA, UK, Brasile e Messico per aumentare la sicurezza e autenticità degli utenti sull’app di incontri.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

Tinder sta espandendo il suo programma di verifica dell’identità agli utenti negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Brasile e in Messico, come annunciato dall’azienda. Questo programma offre un ulteriore passaggio per gli utenti per confermare l’autenticità dei loro profili sull’app di incontri e ricevere un segno di spunta blu verificato. Tinder prevede di rendere questa funzionalità disponibile negli Stati Uniti e in Messico entro l’estate e nel Regno Unito e in Brasile entro la primavera.

L’espansione di questa funzione arriva in un momento in cui l’intelligenza artificiale rende sempre più difficile determinare cosa sia reale e cosa falso. Inoltre, arriva dopo che la Federal Trade Commission (FTC) ha riportato l’anno scorso che le truffe romantiche hanno costato alle vittime 1,3 miliardi di dollari nel 2022, con una perdita media riportata di 4.400 dollari.

Tinder ha iniziato a testare il programma di verifica dell’identità lo scorso autunno in Australia e Nuova Zelanda, scoprendo che gli utenti che hanno completato l’opzione di verifica dell’ID hanno visto un aumento del 67% nelle corrispondenze rispetto a quelli non verificati.

Come funziona la verifica ID su Tinder?

Per verificare la propria identità nell’app, è necessario fornire un selfie video e una patente di guida o un passaporto validi. Un fornitore terzo controllerà poi se il viso nel selfie video corrisponde sia alla foto sull’ID sia alle foto del profilo dell’utente. Il processo di verifica controllerà anche la data di nascita sull’ID.

Lo strumento di verifica dell’ID non va confuso con la funzionalità di verifica della foto di Tinder, che consente agli utenti di dimostrare agli altri di non essere un bot o un catfish. Quando Tinder ha lanciato per la prima volta la verifica della foto, richiedeva agli utenti di scattare foto di sé stessi, posando come istruito, per diventare verificati sull’app di incontri. Tuttavia, l’anno scorso, Tinder ha rafforzato il processo richiedendo un selfie video invece delle foto.

Tinder ora afferma che gli utenti che completano solo la verifica della foto dell’app riceveranno un badge con icona della fotocamera blu, mentre gli utenti che completano solo la verifica dell’ID riceveranno un badge con icona dell’ID blu. Gli utenti che completano sia la verifica dell’ID che la verifica della foto riceveranno un segno di spunta blu.

Aggiungendo la verifica dell’ID all’app di incontri, Tinder mira ad aiutare gli utenti a sentirsi più sicuri del fatto che stanno parlando con una persona reale anziché con un truffatore o un catfish.

L’annuncio di oggi non è una sorpresa, dato che Tinder aveva annunciato nel 2021 di prevedere di rendere disponibile globalmente la verifica volontaria dell’ID in futuro. L’azienda sta sviluppando il suo strumento di verifica dell’identità da anni, avendolo lanciato per la prima volta in Giappone nel 2019, dove la verifica è obbligatoria per legge. Ha senso per Tinder espandere la verifica dell’ID in più paesi, specialmente poiché le truffe AI e le truffe romantiche sono in aumento.

Prosegui la lettura

L'Altra Bolla

L’Europa mette sotto pressione Meta e TikTok

Tempo di lettura: 2 minuti. Europa mette sotto pressione Meta per l’abbonamento ad-free, mentre TikTok è sotto indagine per il Digital Services Act

Pubblicato

in data

meta tiktok
Tempo di lettura: 2 minuti.

In un contesto digitale in rapida evoluzione, due giganti tecnologici si trovano ad affrontare sfide normative in Europa. Da una parte, Meta esplora nuove frontiere con il suo servizio di abbonamento senza pubblicità, cercando di navigare tra le esigenze di monetizzazione e i diritti alla privacy degli utenti. Dall’altra, TikTok si confronta con il rigoroso Digital Services Act dell’UE, affrontando questioni cruciali come la protezione dei minori e la gestione dei rischi legati ai contenuti. Queste dinamiche evidenziano la tensione tra l’innovazione tecnologica e il bisogno crescente di una governance digitale efficace e responsabile.

Meta vs UE: polemiche sull’abbonamento senza pubblicità

Meta ha introdotto un servizio di abbonamento per accedere a Facebook e Instagram senza pubblicità nell’UE, EEA e Svizzera, suscitando reazioni da parte di 28 organizzazioni che hanno scritto all’European Data Protection Board (EDPB) chiedendo di bloccare tale servizio. Questa mossa di Meta, che mira a offrire più scelte su come utilizzare i suoi servizi, è un tentativo di conformarsi al Digital Markets Act dell’UE entrato in vigore a maggio 2023.

Critiche e preoccupazioni

Le organizzazioni, tra cui Wikimedia Europe, l’Irish Council for Civil Liberties e il gruppo di difesa della privacy dei dati NOYB, fondato da Max Schrems, hanno sollevato preoccupazioni sull’idea di far pagare fino a €250,88 per un “diritto fondamentale alla protezione dei dati”, considerandola inaccettabile e scorretta. Queste critiche emergono mentre l’EDPB si prepara a emettere la sua guida sul modello “consenso o pagamento” che Meta ha già implementato.

Posizione di Meta

Meta insiste che l’opzione ad-free è una scelta per gli utenti e un modo per proteggere la privacy dei cittadini dell’UE, ma questa strategia è vista come un tentativo di aggirare i legislatori intenzionati a proteggere l’individuo, trasformando gli utenti in clienti e tenendo i loro dati in ostaggio. La difesa di Meta che un internet supportato dalla pubblicità lo rende inclusivo è stata ampiamente criticata.

UE Indaga su TikTok per Conformità al Digital Services Act

L’Unione Europea ha avviato un’indagine formale sulla conformità di TikTok al Digital Services Act (DSA) dell’UE. L’indagine si concentra su diversi aspetti, tra cui la protezione dei minori, la trasparenza pubblicitaria, l’accesso ai dati per i ricercatori e la gestione dei rischi legati al design dipendente e ai contenuti dannosi.

Il DSA, che rappresenta il manuale di governance online e moderazione dei contenuti dell’UE, è applicato a migliaia di piattaforme e servizi, con requisiti aggiuntivi per piattaforme più grandi come TikTok in aree quali la trasparenza algoritmica e la gestione del rischio sistemico.

L’azione segue mesi di raccolta di informazioni da parte della Commissione, che applica le regole del DSA per le piattaforme più grandi, anche in ambiti come la protezione dei minori e i rischi di disinformazione. Le preoccupazioni dell’UE riguardo l’approccio di TikTok alla governance e sicurezza dei contenuti precedono l’entrata in vigore del DSA per le piattaforme più grandi.

Quest’indagine su TikTok rappresenta il secondo procedimento formale, dopo l’indagine aperta su X (precedentemente Twitter) di Elon Musk, anch’essa per una serie di preoccupazioni.

Le sanzioni per violazioni confermate del DSA possono raggiungere fino al 6% del fatturato globale annuo.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERSECURITY

NSO Group: cambia proprietario NSO Group: cambia proprietario
Notizie12 ore fa

NSO Group è capace di estrarre dati dagli smartphone senza l’interazione della vittima

Tempo di lettura: 2 minuti. La nota azienda israeliana di spyware commerciale NSO Group è stata recentemente al centro dell’attenzione...

Playstation Portal Hackerato da ingegneri di Google Playstation Portal Hackerato da ingegneri di Google
Notizie12 ore fa

Il PlayStation Portal di Sony hackerato da ingegneri di Google

Tempo di lettura: < 1 minuto. Ingegneri di Google hanno hackerato il PlayStation Portal di Sony per eseguire giochi PSP...

Notizie13 ore fa

97.000 server Microsoft Exchange vulnerabili ad attacchi NTLM relay

Tempo di lettura: 2 minuti. Oltre 28.500 server Exchange sono a rischio a causa di CVE-2024-21410, con gli hacker che...

WordPress Bricks WordPress Bricks
Notizie1 giorno fa

WordPress, falla critica RCE in Bricks sfruttata dagli hacker

Tempo di lettura: < 1 minuto. Una falla critica RCE nel tema Bricks Builder di WordPress, identificata come CVE-2024-25600, viene...

Wyze Wyze
Notizie1 giorno fa

Wyze Camera Breach: intrusione espone la Privacy e la sicurezza di 13.000 Utenti

Tempo di lettura: 3 minuti. Wyze affronta una grave violazione della sicurezza che ha esposto le immagini private di 13.000...

Notizie1 giorno fa

KeyTrap: come una singola richiesta DNS può disabilitare l’accesso a Internet

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri KeyTrap, una vulnerabilità in DNSSEC che consente l'interruzione dell'accesso a Internet con una singola...

anatsa anatsa
Notizie1 giorno fa

Trojan Android Anatsa elude la sicurezza di Google Play e si diffonde in Europa

Tempo di lettura: 2 minuti. Il trojan bancario Android Anatsa elude la sicurezza di Google Play dimostrando la capacità di...

Agid Agid
Notizie2 giorni fa

Digitale nella PA, AGID vara il Piano Triennale 2024-2026

Tempo di lettura: 3 minuti. Agid vara il Piano Triennale 2024-2026 per l'informatica nella PA italiana e mira a accelerare...

Notizie3 giorni fa

Hai perso il tuo numero di telefono? Il tuoi Account sono a rischio

Tempo di lettura: 2 minuti. Meta ignora il rischio di furto di account tramite il riciclo dei numeri di telefono,...

Notizie3 giorni fa

Malware Bumblebee ritorna dopo una pausa di 4 Mesi con una campagna phishing

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo una pausa di quattro mesi, il malware Bumblebee torna a colpire con nuove campagne...

Truffe recenti

dimarcoutletfirenze sito truffa dimarcoutletfirenze sito truffa
Inchieste2 giorni fa

Truffa dimarcoutletfirenze.com: merce contraffatta e diversi dalle prenotazioni

Tempo di lettura: 2 minuti. La segnalazione alla redazione di dimarcoutletfirenze.com si è rivelata puntuale perchè dalle analisi svolte è...

sec etf bitcoin sec etf bitcoin
Economia1 mese fa

No, la SEC non ha approvato ETF del Bitcoin. Ecco perchè

Tempo di lettura: 3 minuti. Il mondo delle criptovalute ha recentemente assistito a un evento senza precedenti: l’account Twitter ufficiale...

Notizie2 mesi fa

Europol mostra gli schemi di fronde online nel suo rapporto

Tempo di lettura: 2 minuti. Europol’s spotlight report on online fraud evidenzia che i sistemi di frode online rappresentano una grave...

Notizie3 mesi fa

Polizia Postale: attenzione alla truffa dei biglietti ferroviari falsi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli investigatori della Polizia Postale hanno recentemente individuato una nuova truffa online che prende...

app ledger falsa app ledger falsa
Notizie3 mesi fa

App Falsa di Ledger Ruba Criptovalute

Tempo di lettura: 2 minuti. Un'app Ledger Live falsa nel Microsoft Store ha rubato 768.000 dollari in criptovalute, sollevando dubbi...

keepass pubblicità malevola keepass pubblicità malevola
Notizie4 mesi fa

Google: pubblicità malevole che indirizzano a falso sito di Keepass

Tempo di lettura: 2 minuti. Google ospita una pubblicità malevola che indirizza gli utenti a un falso sito di Keepass,...

Notizie4 mesi fa

Nuova tattica per la truffa dell’aggiornamento del browser

Tempo di lettura: 2 minuti. La truffa dell'aggiornamento del browser si rinnova, con i criminali che ora ospitano file dannosi...

Notizie4 mesi fa

Oltre 17.000 siti WordPress compromessi negli attacchi di Balada Injector

Tempo di lettura: 2 minuti. La campagna di hacking Balada Injector ha compromesso oltre 17.000 siti WordPress sfruttando vulnerabilità nei...

Truffe online5 mesi fa

ChatGPT cerca di ingannare cuori solitari appassionati di AI

Tempo di lettura: < 1 minuto. La truffa LoveGPT rappresenta una nuova minaccia nel mondo degli appuntamenti online, sfruttando l'AI...

Notizie5 mesi fa

Nuovo avviso della Polizia Postale: attenzione allo “Spoofing telefonico”

Tempo di lettura: 2 minuti. Attenzione ai tentativi di truffa tramite "Spoofing telefonico": la Polizia Postale avvisa e fornisce consigli...

Tendenza