Connect with us

Notizie

FBI entra di nascosto nei dispositivi infetti da Sandworm e rimuove il malware Cyclops Blink. Smantellata Botnet

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 3 minuti.

L’FBI ha avuto accesso remoto e disinfettato i dispositivi situati negli Stati Uniti che eseguono un nuovo potente ceppo di malware botnet di stato russo. Queste autorità hanno aggiunto che il Cremlino stava usando il malware per effettuare hacking furtivi dei suoi avversari.

I dispositivi infetti erano principalmente costituiti da apparecchi firewall di WatchGuard e, in misura minore, dispositivi di rete di Asus. Entrambi i produttori hanno recentemente rilasciato avvisi che forniscono raccomandazioni per l’indurimento o la disinfezione dei dispositivi infettati dalla botnet, conosciuta come Cyclops Blink. Si tratta dell’ultimo malware botnet realizzato dall’apt russo Sandworm, che è tra le più elitarie e distruttive organizzazioni di hacking sponsorizzate dallo stato al mondo.


WatchGuard ha detto al momento che il malware ha infettato circa l’1% dei dispositivi di rete che ha fatto.
Cyclops Blink era un sostituto di un altro pezzo di malware progettato da Sandworm, noto come VPNFilter, che i ricercatori hanno scoperto nel 2018 infettando 500.000 router basati negli Stati Uniti prodotti da Linksys, MikroTik, Netgear, QNAP e TP-Link.

L’FBI ha rapidamente sequestrato un server che Sandworm stava usando per infettare i dispositivi con VPNFilter. Una volta che questo è stato completato, l’ufficio ha istruito il pubblico a riavviare i loro dispositivi. Con questo, la botnet è stata smantellata.

Cyclops Blink era il tentativo di Sandworm di riprendere il controllo persistente dei dispositivi di rete, e il malware ha quasi funzionato. I procuratori federali hanno scritto in una relazione:

Come con VPNFilter, gli attori di Sandworm hanno distribuito Cyclops Blink sui dispositivi di rete in tutto il mondo in un modo che sembra essere indiscriminato; cioè, l’infezione degli attori di Sandworm di qualsiasi particolare dispositivo sembra essere stata guidata dalla vulnerabilità del dispositivo al malware, piuttosto che uno sforzo concertato per colpire quel particolare dispositivo o il suo proprietario per altre ragioni. Gli attori di Sandworm lo hanno fatto attraverso lo sfruttamento delle vulnerabilità del software in vari dispositivi di rete, principalmente i dispositivi firewall WatchGuard. In particolare, i dispositivi WatchGuard sono vulnerabili a un exploit che consente l’accesso remoto non autorizzato ai pannelli di gestione di tali dispositivi.

La botnet persisteva anche dopo il 23 febbraio. Questo è quando WatchGuard, in coordinamento con l’FBI, ha rilasciato le istruzioni per riportare i dispositivi disinfettati ad uno stato pulito e configurare i dispositivi per impedire l’accesso illimitato alle interfacce di gestione. WatchGuard ha anche risolto una vulnerabilità tracciata come CVE-2022-23176, che ha aperto il buco di bypass dell’autenticazione quando i server sono stati configurati per consentire l’accesso illimitato alla gestione da indirizzi IP esterni. Nonostante il CVE rilasciato quest’anno, WatchGuard ha dichiarato che comunque la vulnerabilità è stata completamente affrontata nel maggio 2021.

Dopo l’avviso di febbraio, tuttavia, il numero di dispositivi nella botnet Cyclops Blink è sceso solo del 39%. In risposta, l’FBI ha fatto un passo avanti rispetto a quanto fatto con VPNFilter nel 2018. In un’operazione clandestina di takedown mascherata da un mandato federale, gli agenti hanno acceduto in remoto ai dispositivi WatchGuard infetti collegati a 13 indirizzi IP con sede negli Stati Uniti. Da lì, gli agenti:

  • Confermato la presenza del malware Cyclops Blink
  • Hanno registrato il numero di serie che Cyclops Blink ha usato per tracciare i suoi bot
  • Copiato un elenco di altri dispositivi infettati da Cyclops Blink
  • Disinfettato le macchine
  • Chiuso le porte di gestione rivolte a Internet per impedire a Sandworm di avere accesso remoto

Non è la prima volta che l’FBI accede in remoto a un dispositivo infetto per rimuovere una minaccia, ma è un primo esempio. Molti professionisti della sicurezza hanno sollevato preoccupazioni che tali mosse hanno il potenziale di causare danni se tali azioni accidentalmente interrompono un processo mission-critical. I sostenitori della privacy hanno anche denunciato l’esposizione che tali azioni possono avere sulle informazioni dei privati.

Jake Williams, un ex hacker per la NSA e ora direttore esecutivo di Cyber Threat Intelligence presso la società di sicurezza SCYTHE, ha espresso le stesse preoccupazioni in questo caso. Ha detto che i passi specifici che l’FBI ha fatto, tuttavia, lo hanno fatto sentire più tranquillo. In un messaggio, ha scritto:

Penso che sia sempre rischioso per le FO [forze dell’ordine] modificare qualsiasi cosa su un server che non controllano. Tuttavia, in questo caso, non credo che ci fosse un rischio significativo, quindi i benefici superavano chiaramente i rischi. Molti citeranno argomenti di pendenza scivolosa come ragioni per cui questa particolare azione è stata impropria, ma penso che sia sbagliato. Il fatto che l’FBI si sia coordinata con un’impresa privata (WatchGuard) in questa azione è particolarmente significativo.

Il rapporto dell’FBI dice che, lo scorso settembre, gli agenti hanno intervistato i rappresentanti di una società che gestisce un dispositivo infetto sulla sua rete. L’azienda ha permesso agli agenti di prendere un’immagine forense della macchina e di “osservare prospetticamente il traffico di rete associato all’apparecchio firewall“.

Notizie

APT29 vira sui Servizi Cloud secondo gli USA e gli alleati

Tempo di lettura: 2 minuti. APT29 intensifica gli attacchi ai servizi cloud, mettendo a rischio organizzazioni governative e critiche. Scopri le raccomandazioni dei Five Eyes per la difesa.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

L’alleanza di intelligence dei Five Eyes (FVEY) ha lanciato un avvertimento riguardo al fatto che gli hacker russi del servizio di intelligence estero (SVR), noti come APT29, stanno orientando le loro strategie verso attacchi mirati ai servizi cloud delle loro vittime. Questo cambiamento di tattica segue una serie di violazioni significative, tra cui l’attacco alla catena di approvvigionamento di SolarWinds, che ha compromesso molteplici agenzie federali statunitensi oltre tre anni fa.

Attacchi ai Servizi Cloud

L’adattamento degli hacker alle moderne infrastrutture cloud evidenzia una mossa strategica verso l’exploitazione di sistemi basati sul cloud piuttosto che su vulnerabilità software in reti on-premise. Utilizzando credenziali di account di servizio compromesse attraverso attacchi di brute force o password spraying, conti dormienti non rimossi, token di accesso rubati, e bypassando l’autenticazione multi-fattore attraverso la fatigue di MFA, gli hacker stanno guadagnando accesso agli ambienti cloud delle loro vittime.

Vettori di breccia iniziali e malware sofisticati

Una volta ottenuto l’accesso, gli hacker utilizzano strumenti avanzati come il malware MagicWeb, che consente loro di autenticarsi come qualsiasi utente all’interno di una rete compromessa, per evitare di essere rilevati. Questi attacchi sono principalmente diretti verso organizzazioni governative e critiche in Europa, Stati Uniti e Asia.

Raccomandazioni per la difesa

Per contrastare questi attacchi, i difensori di rete sono invitati a implementare l’autenticazione multi-fattore abbinata a password robuste, applicare il principio del minimo privilegio a tutti gli account di sistema e di servizio, creare account di servizio canarino per rilevare le compromissioni più rapidamente e ridurre i tempi di sessione per bloccare l’uso di token di sessione rubati. È inoltre consigliato limitare l’iscrizione di nuovi dispositivi solo a quelli autorizzati e monitorare gli indicatori di compromissione che generano il minor numero di falsi positivi.

La trasformazione delle strategie degli hacker verso le infrastrutture cloud sottolinea l’importanza per le organizzazioni di adottare misure di sicurezza proattive per proteggere contro questi nuovi vettori di attacco. Seguendo le mitigazioni delineate negli avvisi congiunti, le organizzazioni possono rafforzare la loro posizione difensiva contro queste minacce emergenti.

Prosegui la lettura

Notizie

Hacker sfruttano CMS FCKeditor vecchio di 14 Anni per “avvelenamento” SEO su siti governativi e educativi

Tempo di lettura: 2 minuti. Gli hacker stanno sfruttando FCKeditor, un editor CMS obsoleto, per compromettere siti governativi ed educativi e avvelenare i risultati di ricerca SEO con contenuti malevoli.

Pubblicato

in data

FCKeditor
Tempo di lettura: 2 minuti.

Gli attori delle minacce stanno sfruttando FCKeditor, un editor CMS che è stato dismesso 14 anni fa, per compromettere entità governative ed educative in tutto il mondo allo scopo di avvelenare i risultati di ricerca con siti malevoli o truffe. Questi attacchi abusano dei redirect aperti, una vulnerabilità in cui i siti web, a causa di una falla, consentono richieste di reindirizzamento arbitrarie che portano gli utenti da un sito originale a un URL esterno senza adeguati controlli di validazione o sicurezza.

Il ricercatore di cybersecurity @g0njxa ha scoperto la campagna di reindirizzamento malevolo dopo aver notato risultati di ricerca Google per generatori di “Free V Bucks” (valuta in-game di Fortnite) ospitati su siti universitari.

FCKeditor, un popolare editor di testo web che consente agli utenti di modificare contenuti HTML direttamente all’interno di una pagina web, è stato rinominato e completamente rinnovato nel 2009 diventando CKEditor, che utilizza una base di codice più moderna, offre una migliore usabilità e compatibilità con gli standard web contemporanei ed è attivamente supportato dal suo sviluppatore.

La campagna mirava principalmente a istituzioni educative, come il MIT, la Columbia University, la Universitat de Barcelona, l’Auburn University, l’University of Washington, Purdue, Tulane, la Universidad Central del Ecuador e l’University of Hawaiʻi. Tuttavia, anche siti governativi e aziendali che utilizzavano il plugin FCKeditor obsoleto sono stati presi di mira, tra cui il sito del governo della Virginia, il sito del governo di Austin, Texas, il sito del governo spagnolo e le Pagine Gialle del Canada.

Le istanze compromesse di FCKeditor utilizzano una combinazione di pagine HTML statiche e reindirizzamenti verso siti malevoli. Le pagine HTML statiche, aperte sotto il dominio legittimo, vengono utilizzate per avvelenare il motore di ricerca con risultati malevoli. Per esempio, uno dei link su Google porta all’istanza FCKeditor sul sito aum.edu, dove una pagina HTML finge di essere un articolo di notizie su rimedi per l’acufene. Tuttavia, l’articolo è progettato per promuovere altre pagine di contenuto sul sito compromesso, affinché Google le indicizzi.

Altri URL in questa campagna sfruttano semplicemente FCKeditor per reindirizzare i visitatori verso siti di truffe, articoli di notizie falsi, pagine di phishing, siti di assistenza per l’hacking o estensioni del browser malevoli.

Il produttore del software ha risposto alla segnalazione della campagna di reindirizzamento aperto su X, affermando che FCKeditor è stato deprecato dal 2010 e che nessuno dovrebbe più utilizzarlo.

Prosegui la lettura

Notizie

Tutto ciò che devi sapere sulla Direttiva NIS2 e quali obblighi prevede

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri come adeguarsi ai nuovi obblighi di cybersicurezza introdotti dalla Direttiva NIS2 dell’UE contro le minacce informatiche.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

La Direttiva NIS2, entrata in vigore il 16 gennaio 2023, rappresenta un’evoluzione significativa rispetto alla precedente Direttiva NIS, mirando a rafforzare la resilienza e la risposta alle minacce informatiche a livello europeo. Con un aumento del 60% degli attacchi informatici negli ultimi cinque anni e l’80% di questi che hanno avuto impatti gravi o molto gravi, la Direttiva NIS2 si pone come una risposta necessaria a un contesto di sicurezza sempre più complesso e minaccioso.

La NIS2 amplia il perimetro di applicazione rispetto alla Direttiva precedente, introducendo le categorie di Soggetti Essenziali e Soggetti Importanti, e coinvolgendo un numero maggiore di settori ritenuti critici per il funzionamento della società europea. Questo cambiamento comporta che oltre 110.000 entità saranno direttamente coinvolte dalla Direttiva, estendendo significativamente la responsabilità in materia di cybersicurezza.

I settori interessati spaziano dall’energia ai trasporti, dal settore bancario alle infrastrutture dei mercati finanziari, dal settore sanitario all’acqua potabile, includendo anche le nuove aggiunte come la Pubblica Amministrazione e le infrastrutture digitali.

Gli obblighi imposti dalla Direttiva riguardano la governance della cybersicurezza, l’adozione di misure per la gestione dei rischi, inclusa la sicurezza della catena di approvvigionamento, la gestione della continuità operativa e la segnalazione degli incidenti. Questi requisiti si estendono a tutti i soggetti in perimetro, indipendentemente dalle loro dimensioni o settore di appartenenza, e mirano a garantire un livello elevato e uniforme di sicurezza delle reti e delle informazioni in tutta l’UE.

Le sanzioni previste in caso di inadempienza sono severe, con multe che possono raggiungere i 10 milioni di euro o il 2% del fatturato mondiale annuo per le entità essenziali, e fino a 7 milioni di euro o l’1,4% del fatturato per i soggetti importanti.

Per prepararsi adeguatamente alla Direttiva NIS2, le organizzazioni dovrebbero iniziare a valutare la propria conformità ai nuovi requisiti, pianificare le azioni di adeguamento necessarie e considerare gli impatti sulla catena di fornitura. Un’azione tempestiva ed efficace è fondamentale per ridurre i rischi e garantire la resilienza in un panorama di minacce cyber in continua evoluzione.

I punti chiave della Direttiva NIS2 includono:

  • Miglioramento della Sicurezza delle Catene di Approvvigionamento: La NIS2 mira a incrementare la sicurezza delle catene di approvvigionamento, riconoscendo la crescente interdipendenza tra le aziende e la necessità di una robusta protezione da un capo all’altro della catena.
  • Semplificazione degli Obblighi di Segnalazione: La nuova legislazione cerca di rendere più semplici le procedure di segnalazione per le organizzazioni, al fine di facilitare la condivisione tempestiva delle informazioni su incidenti e minacce.
  • Misure e Sanzioni Più Rigide: La NIS2 introduce misure di enforcement più severe in tutta Europa, sottolineando l’importanza di una solida cybersecurity e la serietà con cui le violazioni saranno trattate.

Per le organizzazioni, diventa cruciale prepararsi e dimostrare che la conformità alla NIS2 è presa sul serio, con azioni adeguate intraprese prima della scadenza di ottobre.

La NIS2 estende i requisiti di sicurezza della NIS e amplia il campo di applicazione delle organizzazioni e dei settori interessati. Più di 160.000 aziende saranno colpite e la mancata conformità potrebbe comportare multe fino a €10 milioni.

Qui il testo completo

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERSECURITY

FCKeditor FCKeditor
Notizie7 ore fa

Hacker sfruttano CMS FCKeditor vecchio di 14 Anni per “avvelenamento” SEO su siti governativi e educativi

Tempo di lettura: 2 minuti. Gli hacker stanno sfruttando FCKeditor, un editor CMS obsoleto, per compromettere siti governativi ed educativi...

Notizie13 ore fa

Tutto ciò che devi sapere sulla Direttiva NIS2 e quali obblighi prevede

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri come adeguarsi ai nuovi obblighi di cybersicurezza introdotti dalla Direttiva NIS2 dell'UE contro le...

Notizie2 giorni fa

Cyberattacco alla Polizia canadese: indagini in corso e Sito Web inaccessibile

Tempo di lettura: < 1 minuto. L'RCMP canadese sta indagando su un cyberattacco che ha reso inaccessibile il suo sito...

CISA CISA
Notizie3 giorni fa

CISA rafforza la Sicurezza dei Sistemi di Controllo Industriale e mitiga CVE-2024-1709

Tempo di lettura: 2 minuti. CISA rilascia un advisory sui sistemi di controllo industriale e aggiunge la vulnerabilità CVE-2024-1709 di...

lockbit boeing lockbit boeing
Notizie4 giorni fa

Sventato l’Encryptor LockBit 4.0, arrestati padre e figlio in Ucraina

Tempo di lettura: < 1 minuto. Arresti in Ucraina e rivelazione di LockBit-NG-Dev segnano successi contro il ransomware LockBit.

Joomla logo Joomla logo
Notizie5 giorni fa

Joomla risolve vulnerabilità XSS che potrebbero esporre i siti a attacchi RCE

Tempo di lettura: 2 minuti. Joomla affronta cinque vulnerabilità XSS che potrebbero consentire attacchi RCE, con correzioni disponibili nelle versioni...

Notizie5 giorni fa

Microsoft espande le capacità di Log gratuite dopo il breach di maggio

Tempo di lettura: 2 minuti. Microsoft amplia le funzionalità di log gratuite dopo un breach di Exchange Online, garantendo a...

Sony Playstation Passkey Sony Playstation Passkey
Notizie5 giorni fa

Sony introduce il supporto per le Passkey negli account PlayStation

Tempo di lettura: < 1 minuto. Sony annuncia il supporto per le passkey negli account PlayStation, offrendo un accesso più...

Notizie5 giorni fa

Misure di Sicurezza Critiche per i Sistemi Idrici e ICS da CISA e Mozilla

Tempo di lettura: < 1 minuto. CISA, EPA e FBI offrono consigli per la sicurezza dei sistemi idrici, mentre CISA...

Server Redis Server Redis
Notizie5 giorni fa

Migo: il nuovo malware che compromette i server Redis

Tempo di lettura: 2 minuti. Il malware Migo compromette i server Redis disabilitando le funzionalità di sicurezza e facilitando attività...

Truffe recenti

dimarcoutletfirenze sito truffa dimarcoutletfirenze sito truffa
Inchieste1 settimana fa

Truffa dimarcoutletfirenze.com: merce contraffatta e diversi dalle prenotazioni

Tempo di lettura: 2 minuti. La segnalazione alla redazione di dimarcoutletfirenze.com si è rivelata puntuale perchè dalle analisi svolte è...

sec etf bitcoin sec etf bitcoin
Economia2 mesi fa

No, la SEC non ha approvato ETF del Bitcoin. Ecco perchè

Tempo di lettura: 3 minuti. Il mondo delle criptovalute ha recentemente assistito a un evento senza precedenti: l’account Twitter ufficiale...

Notizie2 mesi fa

Europol mostra gli schemi di fronde online nel suo rapporto

Tempo di lettura: 2 minuti. Europol’s spotlight report on online fraud evidenzia che i sistemi di frode online rappresentano una grave...

Notizie3 mesi fa

Polizia Postale: attenzione alla truffa dei biglietti ferroviari falsi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli investigatori della Polizia Postale hanno recentemente individuato una nuova truffa online che prende...

app ledger falsa app ledger falsa
Notizie4 mesi fa

App Falsa di Ledger Ruba Criptovalute

Tempo di lettura: 2 minuti. Un'app Ledger Live falsa nel Microsoft Store ha rubato 768.000 dollari in criptovalute, sollevando dubbi...

keepass pubblicità malevola keepass pubblicità malevola
Notizie4 mesi fa

Google: pubblicità malevole che indirizzano a falso sito di Keepass

Tempo di lettura: 2 minuti. Google ospita una pubblicità malevola che indirizza gli utenti a un falso sito di Keepass,...

Notizie4 mesi fa

Nuova tattica per la truffa dell’aggiornamento del browser

Tempo di lettura: 2 minuti. La truffa dell'aggiornamento del browser si rinnova, con i criminali che ora ospitano file dannosi...

Notizie5 mesi fa

Oltre 17.000 siti WordPress compromessi negli attacchi di Balada Injector

Tempo di lettura: 2 minuti. La campagna di hacking Balada Injector ha compromesso oltre 17.000 siti WordPress sfruttando vulnerabilità nei...

Truffe online5 mesi fa

ChatGPT cerca di ingannare cuori solitari appassionati di AI

Tempo di lettura: < 1 minuto. La truffa LoveGPT rappresenta una nuova minaccia nel mondo degli appuntamenti online, sfruttando l'AI...

Notizie5 mesi fa

Nuovo avviso della Polizia Postale: attenzione allo “Spoofing telefonico”

Tempo di lettura: 2 minuti. Attenzione ai tentativi di truffa tramite "Spoofing telefonico": la Polizia Postale avvisa e fornisce consigli...

Tendenza