Connect with us
speciale truffe online

segnalaci un sito truffa

Notizie

Gianluca Vacchi, testosterone e le accuse delle colf: partita la macchina del fango

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 4 minuti. La serie Tv da fastidio a qualcuno o è tutta una trovata pubblicitaria?

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 4 minuti.

Gianluca Vacchi esce allo scoperto con una serie tv Amazon e parla della sua vita lussuosa, affrontando molte delle dicerie ascoltate sul suo conto in questi anni. Uno dei maggiori influencer italiani, capace di mobilitare milioni di persone sui social alle quali racconta la sua vita colma di sfarzo e di amicizie importanti, ha realizzato un prodotto audiovisivo dove ha ricostruito la sua vita negli ultimi anni grazie anche alla riproposizione storica dei suoi contenuti social che l’hanno portato a fare numeri da capogiro nel vasto mercato dei più importanti imprenditori digitali italiani.

La serie tv di Vacchi è molto più bella di quella presentata al pubblico dalla coppia Chiara Ferragni e Fedez per due motivi:

  • Vacchi non ha bisogno di apparire e di ostentare una fortuna capitatagli e consolidata nel corso degli anni
  • L’imprenditore, oltre ad essere ricco, rispetto alla Ferragni è un personaggio pieno di esperienza e comunica attraverso il suo corpo, la sua vita normalizzata al lusso, e dei suoi affari che arrivano al telespettatore prima delle debolezze e della sua vita familiare.

Quello che emerge dalla prima puntata della serie televisiva, è un Vacchi non proprio stupido come ci è stato descritto in questi anni dalle voci di corridoio che hanno più volte minato la sua credibilità. La storia dello scemo di famiglia tenuto alla larga dall’azienda è stata spiegata bene dal cugino di Vacchi che è amministratore della stessa azienda dove il protagonista della serie, terza generazione nella multinazionale, passa a fine anno ad incassare i dividendi.

Altro aspetto da non sottovalutare è il fatto che Vacchi sia stato indagato sia per il crack Parmalat sia per l’impreparazione dello stato italiano dinanzi alle prime fatturazioni internazionali generate dalle prime società “digitali” come last minute.com: il primo portale che forniva biglietti aerei ad una scontistica eccezionale. Già questo dovrebbe far comprendere anche la dimensione visionaria ed imprenditoriale di Gianluca Vacchi.

Dopo anni di indagini giudiziarie che hanno frenato la credibilità nel circuito che conta di un uomo nato ricco e diventato famoso per caso, la possibilità di riabilitarsi agli occhi della gente che lo riteneva un “cazzaro” patologico con un video autobiografico ha fatto breccia nell’opinione pubblica con grande entusiasmo ed il canale di distribuzione scelto è stato lo stesso di Ferragni Fedez: Amazon.

Mentre molti giornali hanno dedicato grandi approfondimenti, enfatizzandoli come accade quando si tratta di lanciare un prodotto, Gianluca Vacchi è stato colpito da un’inchiesta di La Repubblica nel quale emerge un presunto lato irrispettoso nei confronti di coloro che da anni lavorano all’interno delle sue strutture abitative degne di più grandi VIP americani. Le testimonianze dei dipendenti che si sono sentiti vessati ed hanno fatto causa nelle sedi opportune hanno fatto emergere un fronte nell’opinione pubblica avverso a Vacchi che lo ha già condannato senza capire se realmente sia successo quanto descritto dalle accuse senza avere un riscontro effettivo da più parti.

Quello che emerge dall’inchiesta non è solo il carattere di Vacchi, severo nei confronti dei suoi dipendenti da quanto si apprende da audio estrapolati, ma anche la notizia che il punto di forza dello statuario cinquantenne assuma testosterone.

Questo aspetto emerso da alcune intercettazioni rappresenta il nocciolo della questione da tutti sottovalutato.

È giusto dare delle informazioni così riservate al pubblico sull’utilizzo di un medicinale che ad oggi non è assolutamente considerato illegale per gli utilizzi che ne fa Vacchi?

Dove vuole arrivare questo chiacchiericcio su una violazione della sensibilità dei dati di Gianluca Vacchi?

Non solo odio nei confronti dell’imprenditore digitale, ma anche diffidenza nei confronti della stampa che ha dato voce a chi si è lamentato di Vacchi datore di lavoro nello stesso momento in cui esce un video promozionale. Dopo la prima lamentela, arrivano richieste a pioggia di risarcimento danni con altri dipendenti che gli chiedono conto di 700.000 € come rimborso delle prestazioni servite a Vacchi senza essere state tracciate da regolari contratti di lavoro.

Aspetto da non sottovalutare è che Gianluca Vacchi in questo momento non ha alcun procedimento penale per queste cose ed il fatto di dare risalto a delle pretese giuste da parte di dipendenti scontenti non è altro che un modo per denigrare la luce portata al personaggio, già vittima di mala giustizia durata vent’anni, da un contributo video che dovrebbe riabilitarlo agli occhi dell’opinione pubblica.

Non sorprende nemmeno che questa attività giornalistica sia una prassi che molto si presta a personaggi come Vacchi e che è arrivata nell’ultimo periodo addirittura a colpire una anonima preside di scuola entrata in un torbido scandalo sgonfiatosi successivamente. Fa riflettere invece l’assenza di reportage contro chi ha a che fare quotidianamente con i soldi pubblici del nostro Stato.

Non si tratta di benaltrismo, ma sarebbe opportuno riflettere sul fatto che il giornalismo più che essere il cane da guardia di un ricco imprenditore digitale, dovrebbe dedicarsi più ad attività che fanno riferimento alla corruzione senza che arrivino le veline di attività giudiziaria in redazione già chiuse dalle Procure. Gianluca Vacchi è rientrato nella macchina del fango, dove è già cascato in precedenza, ma sarebbe sicuramente più interessante capire e attendere gli esiti di queste denunce piuttosto che sventolarle ai quattro venti per pregiudicare il lavoro svolto con il documentario ed il suo ruolo di possessore azionario delle quote dell’azienda di famiglia.

In poche parole, se questa polemica tira più del documentario in sé, è molto probabile che ci sia un ritorno di immagine positivo per Gianluca Vacchi perchè tra i suoi tanti estimatori vedere un opportunismo giornalistico coincidente con un evento positivo che addirittura induce le masse ad ascoltare voci contrarie su quanto successo senza avere una sentenza o delle prove concrete, come una ammissione da parte dell’accusato o una sentenza, fa intendere che in Italia oltre a non perdonare l’essere ricchi a persone nate nella parte giusta della società, vige un senso di giustizialismo che nulla che vedere con i principi della Giustizia de La Repubblica.

Commenti da Facebook

Notizie

Bitcoin a 250.000 dollari? Sicuramente non oggi e nemmeno domani

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Le cripto non solo non crescono, ma c’è timore di altri crolli ed è sempre più chiaro il loro rapporto che li lega agli indizi azionari tecnologici

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Il Bitcoin (BTC) è stato scambiato a circa 20.800 dollari, riducendo alcuni dei suoi guadagni della scorsa settimana.

La più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato oscilla al di sopra del livello chiave di 20.000 dollari, ma gli analisti non sono ottimisti sulle prospettive di un rally duraturo.

Simon Peters, analista cripto di EToro, ha affermato che le criptovalute hanno sofferto dello stesso mix tossico di scarsi guadagni aziendali, inflazione e rialzi dei tassi delle banche centrali che hanno danneggiato le azioni e altri asset quest’anno. I prezzi delle criptovalute sono sempre più correlati agli indici azionari, in particolare a quelli con una forte componente tecnologica. Craig Erlam, analista senior di mercato di Oanda, ha affermato che i rally del bitcoin riflettono un sentimento complessivamente negativo nei confronti degli asset più rischiosi.

Tuttavia, il panico per i problemi del prestatore di criptovalute Celsius Network e per l’insolvenza dell’hedge fund Three Arrows Capital sembra essersi attenuato.

Greenberg ha dichiarato di “osservare la SMA (media mobile semplice) a 200 settimane, a 22.650 dollari, come prezzo chiave da riconquistare e mantenere per vedere un ritorno a range di trading più elevati nel settore delle criptovalute”.

La maggior parte delle altre criptovalute è scivolata lunedì. Ether (ETH), la seconda criptovaluta per importanza, è stata scambiata di recente a poco meno di 1.200 dollari, con un calo del 2,3% nelle ultime 24 ore.

Il token MATIC di Polygon, uno dei maggiori rendimenti della scorsa settimana, ha guidato i ribassi tra le altcoin, con un calo del 9,8%.

Nei mercati tradizionali, il timore di una recessione ha frenato l’ottimismo che ha alimentato il rimbalzo della scorsa settimana: il sentimento ribassista degli investitori è aumentato di 11,4 punti percentuali, raggiungendo il 58,3%, mentre quello rialzista è sceso al 19,4%, secondo il sondaggio AAII sull’ottimismo degli investitori a breve termine, citato dalla società di ricerche di mercato Macro Hive in una nota.

Disastro criptovalute: Celsius chiede altri giorni ai suoi milioni di clienti

Dopo Celsius, Arrows Capital a rischio insolvenza. La DeFi Trema

Polygon cosa è?

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Notizie

Intelligenza Artificiale e Machine Learning: speranza contro gli attacchi zero day?

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Se vi è sembrato che vi sia stato chiesto di scaricare molte patch in maggio e giugno, è perché ci sono state molte patch in maggio e giugno.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

L’aumento delle vulnerabilità e degli exploit zero-day ha portato a un aumento degli attacchi. Mandiant ha riferito che “lo sfruttamento degli zero-day è aumentato dal 2012 al 2021 e Mandiant Threat Intelligence prevede che il numero di zero-day sfruttati ogni anno continuerà a crescere. “Entro la fine del 2021, abbiamo identificato 80 zero-day sfruttati in natura, che è più del doppio del precedente record di 32 nel 2019“.

Secondo Check Point Software, ogni giorno vengono rilevati 2.000 file zero-day e la catena di approvvigionamento è il punto di ingresso più comune per gli attacchi zero-day.

Come per molti altri attacchi informatici, è facile essere sopraffatti dall’elevato numero di avvisi e falsi positivi e dalle misure necessarie per difendersi dagli attacchi zero-day. Poiché le capacità di AI e di deep learning sono sempre più utilizzate nei sistemi di cybersecurity, queste tecnologie sono il punto di svolta nella lotta contro gli attacchi zero-day? Itai Greenberg, vicepresidente della gestione dei prodotti di Check Point Software, ha parlato del potenziale dell’AI/ML come soluzione all’RSA 2022.

Le fasi di un evento zero-day sono tre:

  • Vulnerabilità: una falla nel codice del software non realizzata dallo sviluppatore o dal fornitore.
  • Exploit: software dannoso che sfrutta la vulnerabilità per accedere a un obiettivo.
  • Attacco: l’exploit in azione con intento malevolo.
  • I metodi di sicurezza tradizionali non sempre funzionano con gli eventi zero-day. La maggior parte degli strumenti di sicurezza è progettata per risolvere problemi noti. Gli zero-day sono per definizione sconosciuti, spesso fino a quando non si verifica l’incidente.

Strategia basata sulla prevenzione

Come ha detto Greenberg nella sua sessione all’RSA, il rilevamento da solo non è sufficiente; è necessario concentrarsi maggiormente sulla prevenzione e lo strumento migliore per la prevenzione e il rilevamento oggi è l’intelligenza artificiale. Con la sicurezza basata sull’intelligenza artificiale, è possibile adottare un approccio orientato alla prevenzione, perché la tecnologia è in grado di rilevare le minacce sconosciute in modo più efficiente e di farlo con un minor numero di avvisi che normalmente costringono i team di sicurezza a inseguire potenziali falsi positivi.

Secondo Greenberg, le politiche relative agli eventi zero-day sono progettate sulla base dell’intelligenza artificiale e dell’analisi comportamentale. Ciò consente alla tecnologia di rilevare e proteggere automaticamente le risorse da minacce altrimenti sconosciute. Grazie alle capacità di analisi comportamentale dell’intelligenza artificiale, il sistema di sicurezza non si affida agli stessi strumenti basati sulle firme per trovare il software dannoso; piuttosto, segue gli schemi delle interazioni e rileva quando qualcosa non segue i comportamenti tipici. Naturalmente, più dati vengono raccolti nel tempo, più le soluzioni basate sull’intelligenza artificiale riescono a individuare l’anomalia o le anomalie. Una volta individuata l’anomalia, è possibile intervenire per bloccare l’evento zero-day.

Gli eventi zero-day sono considerati tra i più pericolosi tipi di attacchi informatici a causa del volume di reti che possono essere colpite e dell’impatto complessivo e dei danni duraturi causati.

L’intelligenza artificiale e gli algoritmi di apprendimento profondo adattivi offrono una difesa dinamica contro le minacce zero-day. In una ricerca simile, un gruppo di ricercatori della Penn State University ha verificato la forza dell’IA contro gli eventi zero-day con il proprio approccio di apprendimento automatico.

L’apprendimento per rinforzo è particolarmente adatto per difendersi dagli attacchi zero-day quando non sono disponibili informazioni critiche, come gli obiettivi degli attacchi e la posizione delle vulnerabilità“, ha dichiarato all’Insurance Journal Peng Liu, professore di cybersecurity presso il College of Information Sciences and Technology della Penn State, Raymond G. Tronzo, MD.

L’IA come approccio di sicurezza agli attacchi zero-day è ancora in fase iniziale, ma offre un modello di prevenzione per affrontare una delle sfide più difficili della cybersecurity.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Notizie

ZuoRat: attenzione al nuovo malware dei router

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 3 minuti. Ha infettato 80 dispositivi tra Nord America ed Europa e tutti di ottima marca

Pubblicato

il

router wifi
Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

Un gruppo di hacker tecnicamente avanzato ha trascorso quasi due anni a infettare un’ampia gamma di router in Nord America e in Europa con un malware che prende il pieno controllo dei dispositivi connessi con Windows, macOS e Linux.

Finora, i ricercatori dei Black Lotus Labs di Lumen Technologies hanno identificato almeno 80 obiettivi infettati dal malware furtivo, che ha infettato router di Cisco, Netgear, Asus e DayTek. Denominato ZuoRAT, il trojan per l’accesso remoto fa parte di una campagna di hacking più ampia che esiste almeno dal quarto trimestre del 2020 e continua a funzionare.

Un alto livello di sofisticazione

La scoperta di un malware personalizzato scritto per l’architettura MIPS e compilato per i router dei piccoli uffici e degli uffici domestici è significativa, soprattutto in considerazione della sua gamma di capacità. La sua capacità di enumerare tutti i dispositivi connessi a un router infetto e di raccogliere le ricerche DNS e il traffico di rete che inviano e ricevono, senza essere individuato, è il segno distintivo di un attore altamente sofisticato.

Sebbene la compromissione dei router SOHO come vettore di accesso per accedere a una LAN adiacente non sia una tecnica nuova, è stata segnalata raramente“, scrivono i ricercatori di Black Lotus Labs. “Allo stesso modo, le segnalazioni di attacchi di tipo person-in-the-middle, come l’hijacking DNS e HTTP, sono ancora più rare e sono il segno di un’operazione complessa e mirata. L’uso di queste due tecniche ha dimostrato un alto livello di sofisticazione da parte di un attore della minaccia, indicando che questa campagna è stata probabilmente eseguita da un’organizzazione sponsorizzata dallo Stato“.

La campagna comprende almeno quattro pezzi di malware, tre dei quali scritti da zero dall’attore della minaccia. Il primo pezzo è ZuoRAT, basato su MIPS, che assomiglia molto al malware Mirai Internet of Things che ha realizzato attacchi distributed denial-of-service da record che hanno paralizzato alcuni servizi Internet per giorni. ZuoRAT viene spesso installato sfruttando vulnerabilità non patchate nei dispositivi SOHO.

Una volta installato, ZuoRAT enumera i dispositivi connessi al router infetto. L’attore della minaccia può quindi utilizzare il DNS hijacking e l’HTTP hijacking per far sì che i dispositivi connessi installino altro malware. Due di questi malware, denominati CBeacon e GoBeacon, sono personalizzati: il primo è stato scritto per Windows in C++, mentre il secondo è stato scritto in Go per la compilazione incrociata su dispositivi Linux e macOS. Per flessibilità, ZuoRAT può anche infettare i dispositivi connessi con lo strumento di hacking Cobalt Strike, ampiamente utilizzato.

ZuoRAT può indirizzare le infezioni verso i dispositivi connessi utilizzando uno dei due metodi seguenti:

  • DNS hijacking, che sostituisce gli indirizzi IP validi corrispondenti a un dominio come Google o Facebook con uno dannoso gestito dall’aggressore.
  • HTTP hijacking, in cui il malware si inserisce nella connessione per generare un errore 302 che reindirizza l’utente a un indirizzo IP diverso.


Intenzionalmente complesso

Black Lotus Labs ha dichiarato che l’infrastruttura di comando e controllo utilizzata nella campagna è intenzionalmente complessa nel tentativo di nascondere ciò che sta accadendo. Una serie di infrastrutture viene utilizzata per controllare i router infetti, mentre un’altra è riservata ai dispositivi collegati se vengono successivamente infettati.

I ricercatori hanno osservato i router di 23 indirizzi IP con una connessione persistente a un server di controllo che, a loro avviso, stava eseguendo un’indagine iniziale per determinare se gli obiettivi fossero di interesse. Un sottoinsieme di questi 23 router ha poi interagito con un server proxy con sede a Taiwan per tre mesi. Un ulteriore sottoinsieme di router ha ruotato verso un server proxy con sede in Canada per offuscare l’infrastruttura dell’attaccante.

La visibilità dei Black Lotus Labs indica che ZuoRAT e l’attività correlata rappresentano una campagna altamente mirata contro le organizzazioni degli Stati Uniti e dell’Europa occidentale che si mescola al traffico Internet tipico attraverso un’infrastruttura C2 offuscata e a più livelli, probabilmente allineata a più fasi dell’infezione da malware. La misura in cui gli attori si sono impegnati a nascondere l’infrastruttura C2 non può essere sopravvalutata. In primo luogo, per evitare sospetti, hanno distribuito l’exploit iniziale da un server privato virtuale (VPS) dedicato, che ospitava contenuti benigni. Successivamente, hanno sfruttato i router come proxy C2 che si sono nascosti in bella vista attraverso la comunicazione da router a router per evitare ulteriormente il rilevamento. Infine, hanno ruotato periodicamente i router proxy per evitare il rilevamento.

La scoperta di questa campagna in corso è la più importante che riguarda i router SOHO dopo VPNFilter, il malware per router creato e distribuito dal governo russo, scoperto nel 2018. I router sono spesso trascurati, soprattutto nell’era del lavoro da casa. Mentre le organizzazioni hanno spesso requisiti rigorosi per quanto riguarda i dispositivi a cui è consentito connettersi, poche impongono patch o altre protezioni per i router dei dispositivi.

Come la maggior parte dei malware per router, ZuoRAT non può sopravvivere a un riavvio. Il semplice riavvio di un dispositivo infetto rimuove l’exploit iniziale di ZuoRAT, costituito da file memorizzati in una directory temporanea. Per un recupero completo, tuttavia, i dispositivi infetti dovrebbero essere resettati in fabbrica. Purtroppo, nel caso in cui i dispositivi collegati siano stati infettati da un altro malware, non possono essere disinfettati così facilmente.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie2 giorni fa

Iran: azienda siderurgica si blocca dopo attacco hacker

Tempo di lettura: 2 minuti. Si sospetta una risposta di Israele all'attacco informatico

Notizie2 giorni fa

Killnet rivendica l’attacco DDOS alla Lituania

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo la presa di posizione di Vilnius su Kaliningrad, era nell'aria che sarebbe arrivata una...

Notizie2 giorni fa

Minaccia Nucleare via mail: Fancy Bear attacca con Follina

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenutoIl gruppo di minacce persistenti avanzate Fancy Bear è dietro una campagna di...

Notizie3 giorni fa

La Lituania adesso ha paura degli attacchi DDoS russi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Fino alla repressione di Kalingrad, il paese non era stato colpito da azioni russe....

Notizie4 giorni fa

HUI Loader: scoperto dopo 7 anni lo spyware di un APT cinese

Tempo di lettura: 2 minuti. Un noto malware di spionaggio sottolinea la minaccia che le aziende straniere devono affrontare da...

Notizie5 giorni fa

Cina: vietate le Tesla perchè possono spiare convegno dei capi di Governo

Tempo di lettura: 2 minuti. Nonostante in Cina siano tutti entusiasti di Tesla, l'esercito non si fida delle telecamere installate...

Notizie5 giorni fa

Apt russi spiano 42 paesi che sostengono Kiev

Tempo di lettura: 2 minuti. Stati Uniti e Polonia le più colpite, salva Estonia L'influenza informatica russa sono efficaci sia...

Notizie5 giorni fa

Università cinese sotto attacco hacker: violate le mail

Tempo di lettura: 3 minuti. Il sistema di posta elettronica di un'università della provincia di Shaanxi, nella Cina nord-occidentale, nota...

Notizie1 settimana fa

Allarme USA: più dura la guerra più ci sarà una escalation di attacchi cibernetici

Tempo di lettura: 2 minuti. I Russi fanno paura perchè storicamente hanno saputo colpire gli avversari con attacchi altamente distruttivi

Notizie1 settimana fa

Israele: suonano le sirene in strada a causa di un attacco cibernetico dell’Iran

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLe false sirene di allarme per i razzi che sono state attivate a...

Truffe recenti

Truffe online10 ore fa

Attenzione alla truffa LGBTQ+

Tempo di lettura: 3 minuti. I più esposti? Chi non ha fatto "coming out"

Pesca mirata Pesca mirata
Truffe online3 giorni fa

Attenzione alla truffa online di InBank

Tempo di lettura: < 1 minuto. La segnalazione arriva dalla società italiana di sicurezza informatica TgSoft

Truffe online2 settimane fa

Truffa WhatsApp: attenzione ai messaggi che ci spiano

Tempo di lettura: < 1 minuto. L'allarme proviene dall'Inghilterra

DeFi3 settimane fa

Criptovalute e truffa: Telegram e Meta piattaforme perfette

Tempo di lettura: 5 minuti. Meta non risponde alle richieste dei giornalisti, continua ad avallare truffe e soprusi in silenzio.

Truffe online3 settimane fa

Truffa Axel Arigato: la società risponde a Matrice Digitale

Tempo di lettura: < 1 minuto. "Ci scusiamo con i nostri utenti e provvederemo a risolvere il problema"

scam scam
Truffe online3 settimane fa

Segnalazione truffa non-mi-avrete-mai.net

Tempo di lettura: < 1 minuto. Giungono in redazione le esperienze di utenti truffati in rete.

Truffe online4 settimane fa

Attenzione: Axel Arigato Italia è una truffa colossale

Tempo di lettura: 3 minuti. Il marchio non lo sa, ma in Italia truffano promettendo i suoi prodotti

Notizie1 mese fa

Truffa Charlie Brigante: lista aggiornata dei siti da evitare per acquisti online

Tempo di lettura: < 1 minuto. Continuano le segnalazioni di truffe online alla nostra rubrica

Truffe online1 mese fa

Truffa Instagram: come Meta affonda la Polizia Postale

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoIn questi giorni sono tantissime le segnalazioni di utenti alla redazione che hanno...

Truffe online1 mese fa

Truffa Vinted: arrivano le prime segnalazioni. Ecco come evitarla

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoL’inchiesta di Matrice Digitale sulle truffe consumate su Vinted, ha ricevuto diverse segnalazioni...

Tendenza