Connect with us

Notizie

Gianluca Vacchi, testosterone e le accuse delle colf: partita la macchina del fango

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 4 minuti. La serie Tv da fastidio a qualcuno o è tutta una trovata pubblicitaria?

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 4 minuti.

Gianluca Vacchi esce allo scoperto con una serie tv Amazon e parla della sua vita lussuosa, affrontando molte delle dicerie ascoltate sul suo conto in questi anni. Uno dei maggiori influencer italiani, capace di mobilitare milioni di persone sui social alle quali racconta la sua vita colma di sfarzo e di amicizie importanti, ha realizzato un prodotto audiovisivo dove ha ricostruito la sua vita negli ultimi anni grazie anche alla riproposizione storica dei suoi contenuti social che l’hanno portato a fare numeri da capogiro nel vasto mercato dei più importanti imprenditori digitali italiani.

La serie tv di Vacchi è molto più bella di quella presentata al pubblico dalla coppia Chiara Ferragni e Fedez per due motivi:

  • Vacchi non ha bisogno di apparire e di ostentare una fortuna capitatagli e consolidata nel corso degli anni
  • L’imprenditore, oltre ad essere ricco, rispetto alla Ferragni è un personaggio pieno di esperienza e comunica attraverso il suo corpo, la sua vita normalizzata al lusso, e dei suoi affari che arrivano al telespettatore prima delle debolezze e della sua vita familiare.

Quello che emerge dalla prima puntata della serie televisiva, è un Vacchi non proprio stupido come ci è stato descritto in questi anni dalle voci di corridoio che hanno più volte minato la sua credibilità. La storia dello scemo di famiglia tenuto alla larga dall’azienda è stata spiegata bene dal cugino di Vacchi che è amministratore della stessa azienda dove il protagonista della serie, terza generazione nella multinazionale, passa a fine anno ad incassare i dividendi.

Altro aspetto da non sottovalutare è il fatto che Vacchi sia stato indagato sia per il crack Parmalat sia per l’impreparazione dello stato italiano dinanzi alle prime fatturazioni internazionali generate dalle prime società “digitali” come last minute.com: il primo portale che forniva biglietti aerei ad una scontistica eccezionale. Già questo dovrebbe far comprendere anche la dimensione visionaria ed imprenditoriale di Gianluca Vacchi.

Dopo anni di indagini giudiziarie che hanno frenato la credibilità nel circuito che conta di un uomo nato ricco e diventato famoso per caso, la possibilità di riabilitarsi agli occhi della gente che lo riteneva un “cazzaro” patologico con un video autobiografico ha fatto breccia nell’opinione pubblica con grande entusiasmo ed il canale di distribuzione scelto è stato lo stesso di Ferragni Fedez: Amazon.

Mentre molti giornali hanno dedicato grandi approfondimenti, enfatizzandoli come accade quando si tratta di lanciare un prodotto, Gianluca Vacchi è stato colpito da un’inchiesta di La Repubblica nel quale emerge un presunto lato irrispettoso nei confronti di coloro che da anni lavorano all’interno delle sue strutture abitative degne di più grandi VIP americani. Le testimonianze dei dipendenti che si sono sentiti vessati ed hanno fatto causa nelle sedi opportune hanno fatto emergere un fronte nell’opinione pubblica avverso a Vacchi che lo ha già condannato senza capire se realmente sia successo quanto descritto dalle accuse senza avere un riscontro effettivo da più parti.

Quello che emerge dall’inchiesta non è solo il carattere di Vacchi, severo nei confronti dei suoi dipendenti da quanto si apprende da audio estrapolati, ma anche la notizia che il punto di forza dello statuario cinquantenne assuma testosterone.

Questo aspetto emerso da alcune intercettazioni rappresenta il nocciolo della questione da tutti sottovalutato.

È giusto dare delle informazioni così riservate al pubblico sull’utilizzo di un medicinale che ad oggi non è assolutamente considerato illegale per gli utilizzi che ne fa Vacchi?

Dove vuole arrivare questo chiacchiericcio su una violazione della sensibilità dei dati di Gianluca Vacchi?

Non solo odio nei confronti dell’imprenditore digitale, ma anche diffidenza nei confronti della stampa che ha dato voce a chi si è lamentato di Vacchi datore di lavoro nello stesso momento in cui esce un video promozionale. Dopo la prima lamentela, arrivano richieste a pioggia di risarcimento danni con altri dipendenti che gli chiedono conto di 700.000 € come rimborso delle prestazioni servite a Vacchi senza essere state tracciate da regolari contratti di lavoro.

Aspetto da non sottovalutare è che Gianluca Vacchi in questo momento non ha alcun procedimento penale per queste cose ed il fatto di dare risalto a delle pretese giuste da parte di dipendenti scontenti non è altro che un modo per denigrare la luce portata al personaggio, già vittima di mala giustizia durata vent’anni, da un contributo video che dovrebbe riabilitarlo agli occhi dell’opinione pubblica.

Non sorprende nemmeno che questa attività giornalistica sia una prassi che molto si presta a personaggi come Vacchi e che è arrivata nell’ultimo periodo addirittura a colpire una anonima preside di scuola entrata in un torbido scandalo sgonfiatosi successivamente. Fa riflettere invece l’assenza di reportage contro chi ha a che fare quotidianamente con i soldi pubblici del nostro Stato.

Non si tratta di benaltrismo, ma sarebbe opportuno riflettere sul fatto che il giornalismo più che essere il cane da guardia di un ricco imprenditore digitale, dovrebbe dedicarsi più ad attività che fanno riferimento alla corruzione senza che arrivino le veline di attività giudiziaria in redazione già chiuse dalle Procure. Gianluca Vacchi è rientrato nella macchina del fango, dove è già cascato in precedenza, ma sarebbe sicuramente più interessante capire e attendere gli esiti di queste denunce piuttosto che sventolarle ai quattro venti per pregiudicare il lavoro svolto con il documentario ed il suo ruolo di possessore azionario delle quote dell’azienda di famiglia.

In poche parole, se questa polemica tira più del documentario in sé, è molto probabile che ci sia un ritorno di immagine positivo per Gianluca Vacchi perchè tra i suoi tanti estimatori vedere un opportunismo giornalistico coincidente con un evento positivo che addirittura induce le masse ad ascoltare voci contrarie su quanto successo senza avere una sentenza o delle prove concrete, come una ammissione da parte dell’accusato o una sentenza, fa intendere che in Italia oltre a non perdonare l’essere ricchi a persone nate nella parte giusta della società, vige un senso di giustizialismo che nulla che vedere con i principi della Giustizia de La Repubblica.

Iscriviti alla newsletter settimanale di Matrice Digitale

* inserimento obbligatorio

Notizie

Android, attenzione ai pericolosi spyware mascherati da applicazioni VPN

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Le app VPN infette possono rubare i vostri dati e spiare le vostre conversazioni

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Il malware su Android è un problema ricorrente, quasi onnipresente, nonostante gli sforzi di Google per contrastarne la diffusione. Una nuova ricerca della società di sicurezza informatica ESET rivela che il famigerato gruppo di cyber-mercenari Bahamut APT ha trovato un nuovo vettore per il malware pericoloso che colpisce i telefoni Android: le app VPN. Come suggerisce l’etichetta di cyber-mercenario, Bahamut APT è un gruppo che i malintenzionati potrebbero ingaggiare per lanciare attacchi di spear phishing. Il gruppo è attivo da tempo e spesso prende di mira individui del Medio Oriente e dell’Asia meridionale. Secondo i ricercatori di ESET, almeno otto versioni dello spyware Bahamut sono state scoperte nelle versioni troianizzate delle popolari applicazioni Android SoftVPN e OpenVPN. Il gruppo avrebbe riutilizzato un vecchio codice spyware per infettare queste applicazioni dannose.

L’APT Bahamut è entrato e uscito dalle cronache dal 2017 per tentativi di attacchi di cyberspionaggio di varia portata. Questo che coinvolge le app VPN è un attacco spyware piuttosto semplice, progettato per violare il dispositivo della vittima e accedere a SMS, registri delle chiamate, posizione e registrazioni delle chiamate. Lo spyware può spiare le app di messaggistica come WhatsApp ed estrarre altri dati, come le informazioni bancarie, utilizzando la registrazione delle chiavi. Per la distribuzione di tutte le app infette è stata utilizzata una versione contraffatta del sito web di SecureVPN, che non è mai stato elencato per il download sul Play Store. Queste app VPN sembravano destinate a persone specifiche, che venivano indirizzate al sito web con una chiave di attivazione specifica. La versione autentica della VPN non richiede una chiave di attivazione o una visita al sito web – un altro segnale di allarme per le potenziali vittime. Questa chiave impedisce al payload dannoso di attivarsi su dispositivi che non appartengono alla vittima specificamente mirata. Questa rivelazione del team di ESET è solo un altro chiaro monito a non scaricare applicazioni da fonti inaffidabili su Internet. Secondo i ricercatori, la campagna è iniziata a gennaio di quest’anno ed è ancora attiva. Se state cercando di scaricare un’applicazione VPN consigliata, vi suggeriamo di attenervi al Play Store, soprattutto se qualcuno vi invia un link per scaricarne una da qualche altra parte.

Prosegui la lettura

Notizie

APT iraniano pubblica filmato dell’attacco a Gerusalemme. Compromessa agenzia di sicurezza

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: < 1 minuto. I funzionari confermano che il filmato è stato preso dalla telecamera di sorveglianza dell’agenzia, ma affermano che non si è verificata alcuna violazione della sicurezza; il gruppo Moses Staff ha affermato di aver violato decine di telecamere all’inizio di quest’anno

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Un gruppo di hacker iraniani ha pubblicato giovedì sul servizio di social media Telegram un filmato inedito che mostra un attentato a Gerusalemme avvenuto un giorno prima e che proviene da telecamere di sorveglianza utilizzate da un’importante organizzazione di sicurezza israeliana. Il gruppo, Moses Staff, ha affermato di aver violato le telecamere di sicurezza che inizialmente si pensava fossero gestite dalla polizia. All’inizio di quest’anno, il gruppo ha pubblicato i filmati di decine di telecamere in tutta Gerusalemme e alcune a Tel Aviv.
“Vi abbiamo sorvegliato [sic] per molti anni, in ogni momento e ad ogni passo. Questa è solo una parte della nostra sorveglianza sulle vostre attività attraverso l’accesso alle telecamere a circuito chiuso del Paese. Lo avevamo detto, vi colpiremo mentre non avreste mai immaginato”, ha scritto il gruppo sul suo canale Telegram a gennaio.

La polizia, tuttavia, ha negato che le sue telecamere fossero in funzione nell’area al momento dell’attacco e il Comune di Gerusalemme ha affermato che le riprese non sono state effettuate da una telecamera appartenente alla città. La polizia ha dichiarato di essere in possesso del filmato da alcune ore dopo il duplice attentato di mercoledì mattina che ha ucciso un adolescente e ferito più di 20 persone, smentendo alcune notizie che sostenevano che il gruppo di hacker avesse cancellato la copia del filmato della polizia. I funzionari della sicurezza hanno confermato che la telecamera in questione è stata utilizzata da un’importante organizzazione di sicurezza, anche se non hanno specificato quale.

Prosegui la lettura

Notizie

Interpol sequestra 130 milioni di dollari a criminali informatici in tutto il mondo

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Arresti in Grecia ed Italia di due cittadini coreani autori di una truffa

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

L’Interpol ha annunciato il sequestro di 130.000.000 milioni di dollari di denaro e beni virtuali legati a vari crimini informatici e operazioni di riciclaggio di denaro. L’operazione di contrasto è denominata in codice “HAECHI III” ed è durata tra il 28 giugno e il 23 novembre 2022, consentendo all’INTERPOL di arrestare quasi mille sospetti. “In totale, l’operazione ha portato all’arresto di 975 persone e ha permesso agli investigatori di risolvere più di 1.600 casi”, si legge nell’annuncio dell’Interpol. “Inoltre, sono stati bloccati quasi 2.800 conti bancari e di beni virtuali legati ai proventi illeciti della criminalità finanziaria online”. Tra i tipi di crimini informatici che hanno generato la cifra citata figurano le truffe sentimentali, il phishing vocale, la sextortion, le frodi negli investimenti e il riciclaggio di denaro associato al gioco d’azzardo online illegale. Come risultato dell’azione, INTERPOL ha anche generato 95 avvisi e diffusioni e ha individuato sedici nuove tendenze criminali che aiuteranno le forze dell’ordine di tutto il mondo a intraprendere azioni più mirate contro i criminali informatici. Le nuove tendenze riguardano varianti di truffe amorose e frodi di investimento che i malintenzionati evolvono costantemente per mantenere un elemento di novità. Inoltre, INTERPOL ha osservato un aumento delle app di messaggistica crittografata utilizzate dai truffatori per scambiare informazioni con le vittime nei sistemi di investimento.

I punti salienti dell’operazione HAECHI III sono:

L’arresto di due coreani in Grecia e in Italia che avevano sottratto 29.100.000 dollari a 2.000 vittime in Corea.

L’arresto dei membri di un gruppo criminale con sede in India che si spacciava per ufficiale INTERPOL per chiamare le vittime e ingannarle per inviare loro 159.000 dollari in criptovaluta. L’annuncio di INTERPOL sottolinea anche l’efficacia del suo nuovo meccanismo di protocollo di risposta rapida antiriciclaggio (ARRP), testato per la prima volta nella precedente operazione dell’agenzia, denominata in codice “Operazione Jackal”.

Grazie all’ARRP, un’azienda irlandese vittima di truffe via e-mail (BEC) si è vista restituire 1.250.000 milioni di dollari. Si tratta dell’importo totale che l’azienda ha perso a causa dei truffatori BEC, che ARRP ha aiutato a rintracciare e sequestrare. Dal gennaio 2022, quando è iniziata la fase di test pilota dell’ARRP, lo strumento ha contribuito a recuperare 120.000.000 di dollari di proventi dei criminali informatici.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie13 ore fa

APT iraniano pubblica filmato dell’attacco a Gerusalemme. Compromessa agenzia di sicurezza

Tempo di lettura: < 1 minuto. I funzionari confermano che il filmato è stato preso dalla telecamera di sorveglianza dell'agenzia,...

Inchieste15 ore fa

I falchi di Vladimir Putin su Telegram

Tempo di lettura: 7 minuti. Andrey Pertsev racconta come Telegram sia diventato la principale piattaforma di informazione per i falchi...

Notizie3 giorni fa

KillNet affonda il Parlamento Europeo con un attacco DDOS e non è un attacco sofisticato

Tempo di lettura: < 1 minuto. Una vecchia conoscenza di Matrice Digitale torna alla carica della più importante istituzione europea...

Notizie3 giorni fa

Gli hacktivisti DDoS di Killnet prendono di mira la Famiglia Reale e altri siti web

Tempo di lettura: 3 minuti. Gli hacktivisti allineati alla Russia hanno preso di mira diversi siti web del Regno Unito,...

Notizie4 giorni fa

Hacker cinesi usano 42.000 domini di phishing per malware sulle vittime

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoCyjax ha recentemente scoperto una vasta campagna di phishing che ha preso di...

Notizie5 giorni fa

Cyberattacchi, cambiamenti climatici e guerra hi-tech: Nato messa alle strette

Tempo di lettura: 5 minuti. Condividi questo contenutoLa NATO e i suoi alleati sono stati avvertiti domenica di prepararsi meglio...

Notizie6 giorni fa

APT iraniano ha compromesso un’agenzia federale statunitense grazie a Log4Shell

Tempo di lettura: 2 minuti. I dettagli, che sono stati condivisi dalla Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) degli Stati...

Notizie1 settimana fa

Il gruppo APT Earth Longzhi è un sottogruppo di APT41

Tempo di lettura: 2 minuti. Trend Micro ha riferito che il gruppo cinese ha come obiettivo l'Ucraina e i Paesi...

Notizie1 settimana fa

APT cinese ha violato un’autorità di certificazione digitale

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoUn sospetto attore cinese sponsorizzato dallo Stato ha violato un’autorità di certificazione digitale...

Notizie1 settimana fa

APT nordcoreano: nuova versione DTrack per attaccare Europa e Sud America

Tempo di lettura: 2 minuti. Kaspersky attribuisce l'utilizzo del malware ad un apt nordcoreana slegata dalla più note e che...

Truffe recenti

Truffe online2 settimane fa

Sospettati di uno schema Ponzi arrestati in Grecia e Italia ricercati da INTERPOL

Tempo di lettura: 2 minuti. INTERPOL ha lanciato l'IFCACC all'inizio di quest'anno, per fornire una risposta globale coordinata contro la...

Truffe online3 settimane fa

Truffa del Trust Wallet PayPal

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta da Trend Micro, la truffa che sfrutta il brand di PayPal, può essere così...

Truffe online1 mese fa

Sospetto arrestato in relazione a una frode di investimento da un milione di euro

Tempo di lettura: 2 minuti. L'azione ha portato l'Europol a rilasciare consigli in tal senso.

Truffe online2 mesi fa

I truffatori e i disonesti al telefono: è possibile fermarli?

Tempo di lettura: 4 minuti. I consigli di Sophos e l'invito di Matrice Digitale a segnalarli al nostro modello

Truffe online2 mesi fa

Curriculum Online, la denuncia: CVfacile.com attiva abbonamenti nascosti

Tempo di lettura: 3 minuti. C'è anche il sito expressCV ed è stato già segnalato per illeciti.

Truffe online2 mesi fa

Truffa Vinted: spillati 195 euro grazie a un link falso di Subito

Tempo di lettura: 2 minuti. Altro utente truffato, ma le responsabilità non sono tutte della piattaforma.

Truffe online2 mesi fa

Truffe della rete Theta e phishing di MetaMask

Tempo di lettura: 3 minuti. Questa settimana abbiamo trovato altre ingannevoli truffe di criptovalute a cui dovete prestare attenzione.

Truffe online2 mesi fa

Truffa su Kadena per 50.000 euro: donna vittima di relazione sentimentale

Tempo di lettura: 4 minuti. Dopo il caso dell'uomo raggiunto su Tinder, ecco un nuovo grave schema criminale che ha...

Truffe online3 mesi fa

4 messaggi e SMS WhatsApp “pericolosi” inviati per truffa

Tempo di lettura: 4 minuti. Vi spieghiamo alcune tipologia di attacco più frequenti sul programma di messaggistica

Notizie3 mesi fa

15 truffatori di bancomat arrestati a Gangtok

Tempo di lettura: 2 minuti. 11 provengono da Kanpur

Tendenza