Connect with us

Notizie

Malwarebytes “censura” Google: svelato il complotto

Tempo di lettura: 2 minuti. Google e i suoi domini Youtube sono stati segnalati come dannosi da Malwarebytes a partire da mercoledì mattina, bloccando agli utenti l’accesso a un’intera gamma di siti web.

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti.

Che si trattasse di un errore e non di una protesta del produttore di antivirus contro Big , né di un segno che fosse stato compromesso, lo si era intuito. In realtà si tratta di un errore dei filtri di Malwarebytes.

“Malwarebytes è a conoscenza di un problema temporaneo con il componente di filtraggio web del nostro prodotto che potrebbe bloccare alcuni domini, tra cui google.com”, ha dichiarato un portavoce di Malwarebytes a The Register.

“Stiamo lavorando attivamente a una soluzione”.

Poiché gli internauti non potevano rivolgersi al gigante della sul web per capire perché improvvisamente non potevano usare Google, molti si sono rivolti a per avere risposte sul fatto che Google fosse stato violato o che il problema fosse un falso positivo di Malwarebytes:

I siti bloccati includono tutti i servizi della G Suite, come Google Docs e , ampiamente utilizzati dalle aziende – il che, dobbiamo ammetterlo, costituisce una scusa piuttosto legittima per uscire dal – e anche i basati su Chromium, tra cui Edge, non sono in grado di funzionare correttamente.

Secondo un utente, anche il ReCaptcha di Google è bloccato su qualsiasi sito web se è installato anche Malwarebytes. Un tecnico ha offerto questo suggerimento come possibile soluzione:

“Il problema è stato risolto e l' dovrebbe avvenire automaticamente”

“Se si verificano ancora problemi, assicurarsi che il client Malwarebytes sia aggiornato alla versione più recente”.

Questo è un momento sfortunato, poiché Malwarebytes ha appena ottenuto un finanziamento di 100 milioni di dollari dalla di private equity Vector Capital, che prenderà una quota di minoranza, poche settimane dopo che la house ha licenziato il 15% del suo personale, ovvero 125 persone.

Un portavoce di Malwarebytes ha fornito questa spiegazione per l'errore di oggi:

Questa mattina, durante un aggiornamento di routine del database, è stato introdotto un errore nel database del filtro web che ha causato il blocco involontario di diversi domini. Dopo aver appreso del problema, Malwarebytes ha lavorato rapidamente per risolverlo e ha rilasciato un aggiornamento del database.

Malwarebytes sta continuando a eseguire un'analisi esaustiva del nostro processo per garantire che questo tipo di problema non colpisca nuovamente i nostri clienti.

Iscriviti alla newsletter settimanale di Matrice Digitale

* inserimento obbligatorio

Notizie

Sony indaga sul presunto attacco informatico

Tempo di lettura: < 1 minuto. Sony è al centro di un’indagine riguardo a un presunto attacco informatico, mentre diversi gruppi di hacker rivendicano la responsabilità dell’attacco, creando confusione e incertezza sulla reale entità del danno.

Pubblicato

il

Tempo di lettura: minuto.

è attualmente al centro di un'indagine interna riguardo a un presunto informatico. La notizia è emersa dopo che diversi gruppi di hanno rivendicato la responsabilità dell'attacco, creando confusione e incertezza sulla reale entità del danno.

Dettagli dell'attacco

Nonostante la mancanza di dettagli concreti sull'attacco, Sony ha preso molto seriamente le rivendicazioni e ha avviato un'indagine interna per verificare l'entità del presunto attacco informatico. La sta lavorando attivamente per identificare eventuali nei propri sistemi e per assicurarsi che i dati degli siano al sicuro.

Disaccordo tra gli hacker

La situazione è ulteriormente complicata dal fatto che diversi gruppi di hacker hanno rivendicato la responsabilità dell'attacco a Sony. Questo ha creato un clima di incertezza e confusione, rendendo difficile per gli investigatori determinare chi sia effettivamente dietro l'attacco. I gruppi di hacker sono in disaccordo tra loro, ognuno affermando di essere il vero responsabile dell'attacco a Sony.

Risposta di Sony

Sony ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di essere a conoscenza delle rivendicazioni e di stare lavorando incessantemente per verificare la loro veridicità. La società ha inoltre assicurato agli utenti che sta adottando tutte le misure necessarie per proteggere i loro dati e prevenire futuri .

Mentre l'indagine è ancora in corso, è fondamentale che gli utenti restino vigili e adottino misure di aggiuntive per proteggere i propri dati e informazioni personali. La situazione è in continua evoluzione e ulteriori dettagli emergeranno nei prossimi giorni.

Prosegui la lettura

Notizie

Nuovo APT “AtlasCross” usa la Croce Rossa Americana come esca per Phishing

Tempo di lettura: 2 minuti. Un nuovo gruppo di hacker, AtlasCross, usa la Croce Rossa Americana come esca per phishing, consegnando malware backdoor e rimanendo in gran parte non rilevato.

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti.

Un nuovo gruppo di denominato ‘AtlasCross' prende di mira le organizzazioni con esche di che si spacciano per la Croce Rossa Americana per consegnare . La di NSFocus ha identificato due precedentemente non documentati, DangerAds e AtlasAgent, associati agli attacchi del nuovo gruppo APT. NSFocus riferisce che gli hacker di AtlasCross sono sofisticati ed elusivi, impedendo ai ricercatori di determinare la loro origine.

Catena di attacco AtlasCross

Gli attacchi di AtlasCross iniziano con un messaggio di phishing che finge di essere dalla Croce Rossa Americana, chiedendo al destinatario di partecipare a un “September 2023 Blood Drive”. Queste email contengono un allegato di un documento Word abilitato per macro (.docm) che invita la vittima a fare clic su “Abilita contenuto” per visualizzare il contenuto nascosto. Tuttavia, facendo ciò si attiveranno macro malevoli che infetteranno il dispositivo con i malware DangerAds e AtlasAgent.

Dettagli AtlasAgent

AtlasAgent è un trojan personalizzato in C++ e le sue funzioni principali includono l'estrazione di dettagli host e processo, impedendo l'avvio di numerosi programmi, eseguendo ulteriore shellcode sulla macchina compromessa e scaricando file dai server C2 dell'attaccante. Al primo avvio, il malware invia informazioni ai server dell'attaccante, inclusi nome del computer locale, informazioni sull'adattatore di rete, indirizzo IP locale, informazioni sulla scheda di rete, architettura e versione del e una lista di processi in esecuzione.

Conclusione

Nonostante il rapporto di NSFocus sia il primo a dettagliare il nuovo gruppo di , AtlasCross rimane una minaccia in gran parte sconosciuta che opera con motivi poco chiari e un ambito di targeting oscuro. La selezione mirata dell'attore della minaccia, i trojan su misura e i loader di malware, combinati con una preferenza per metodi di infezione discreti rispetto all'efficienza, hanno permesso loro di operare non rilevati per una durata indefinita.

Prosegui la lettura

Notizie

Hacker sfruttano attivamente una falla in Openfire per criptare i server

Tempo di lettura: 2 minuti. L’applicazione degli aggiornamenti di sicurezza disponibili è urgente per prevenire ulteriori attacchi. È cruciale applicare tutti gli aggiornamenti di sicurezza per i server non appena diventano disponibili.

Pubblicato

il

Open fire

Tempo di lettura: 2 minuti.

Gli stanno sfruttando attivamente una di alta gravità nei server di messaggistica Openfire per criptare i server con e distribuire cryptominer. Openfire è un server di chat open-source basato su Java, scaricato 9 milioni di volte e utilizzato estensivamente per comunicazioni di chat sicure e multi-piattaforma.

Dettagli della vulnerabilità

La falla, tracciata come CVE-2023-32315, è un bypass dell'autenticazione che colpisce la console di amministrazione di Openfire, permettendo agli aggressori non autenticati di creare nuovi account amministrativi sui server vulnerabili. Utilizzando questi account, gli aggressori installano Java maligni (file JAR) che eseguono comandi ricevuti tramite richieste HTTP GET e POST. Questa pericolosa falla impatta tutte le versioni di Openfire dalla 3.10.0, datata 2015, fino alla 4.6.7 e dalla 4.7.0 alla 4.7.4.

Risposta di Openfire e Attacchi in Corso

Nonostante Openfire abbia risolto il problema con le versioni 4.6.8, 4.7.5 e 4.8.0, rilasciate a maggio 2023, VulnCheck ha segnalato che a metà agosto 2023, oltre 3.000 server Openfire erano ancora in esecuzione con una versione vulnerabile. Dr. Web ora segnala segni di sfruttamento attivo, poiché gli hacker hanno preso vantaggio della superficie di per le loro campagne maligne.

Modalità di attacco

Il primo caso di sfruttamento attivo visto da Dr. Web risale a giugno 2023, quando la di ha indagato su un attacco ransomware a un server che è avvenuto dopo che CVE-2023-32315 è stato sfruttato per violare il server. Gli aggressori hanno sfruttato la falla per creare un nuovo utente amministrativo su Openfire, acceduto, e usato per installare un plugin JAR maligno che può eseguire codice arbitrario.

Ransomware sconosciuto

BleepingComputer ha trovato molteplici rapporti da clienti che affermano che i loro server Openfire sono stati criptati con ransomware, con uno che afferma che i file sono stati criptati con l'estensione .locked1. Non è chiaro quale ransomware sia dietro questi attacchi, ma le richieste di riscatto sono generalmente piccole, variando da 0,09 a 0,12 ($2.300 a $3.500).

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Truffe recenti

Truffe online1 settimana fa

No, la vostra pagina Facebook non sta per scadere e non è disabilitata

Tempo di lettura: < 1 minuto. La nuova vecchia truffa è indirizzata ai proprietari delle pagine a cui si vuole...

DeFi3 settimane fa

MetaMask ecco la funzione di scambio ETH in valuta fiat

Tempo di lettura: < 1 minuto. MetaMask lancia una nuova funzione che permette agli utenti di vendere Ether per valuta...

truffa PWCNU truffa PWCNU
Truffe online3 settimane fa

Allerta Truffa: segnalazione di frode online su PWCNU.com

Tempo di lettura: 2 minuti. Allerta truffa: lettore segnala frode su PWCNU.com, perdendo 800€ in schema Ponzi che utilizza numeri...

Truffe online3 settimane fa

Nuova truffa di sextortion: il tuo “video intimo” su YouPorn

Tempo di lettura: 2 minuti. Una nuova truffa di sextortion associata a YouPorn sta cercando di estorcere denaro agli utenti...

Notizie4 settimane fa

ONU: Sud-est Asiatico manodopera del crimine informatico

Tempo di lettura: 2 minuti. Un rapporto dell'ONU svela il traffico di lavoratori nel Sud-est asiatico per operazioni di cybercriminalità,...

Notizie4 settimane fa

CISA Avverte: truffa informatica del cambiamento climatico

Tempo di lettura: < 1 minuto. La CISA avverte gli utenti di rimanere vigili di fronte alle truffe online, in...

Inchieste4 settimane fa

Vinted, come ottenere merce e rimborso: “il tuo capo è falso”

Tempo di lettura: 2 minuti. Una lettrice condivide la sua esperienza di truffa su Vinted, evidenziando i rischi delle vendite...

Inchieste4 settimane fa

Vinted, how to get goods and refund: “your luxury dress is fake”

Tempo di lettura: 2 minuti. A reader shares her experience of being scammed on Vinted, highlighting the risks of online...

vietnam matrix flag vietnam matrix flag
Truffe online4 settimane fa

Truffato per 416.000 dollari in un “club di incontri” su Telegram

Tempo di lettura: < 1 minuto. Uomo di Hanoi truffato per 416.000 dollari cercando di unirsi a un "club di...

Notizie1 mese fa

Galà della Frode: campagna BEC che colpisce l’Italia

Tempo di lettura: 3 minuti. Le truffe di "Business Email Compromise" sono un crescente pericolo nel mondo digitale, con cybercriminali...

Tendenza