Connect with us

Tech

Europa e crisi dei microchip tra Covid e scelte strategiche

Tempo di lettura: 5 minuti. La crisi dei semiconduttori a livello globale mette in luce alcune carenze produttive europee tra le quali appunto tutte quelle legate alla filiera dei microchip.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 5 minuti.

La crisi dei semiconduttori a livello globale mette in luce alcune carenze produttive europee tra le quali appunto tutte quelle legate alla filiera dei microchip.

La pandemia rappresenta per l’Europa un’occasione per affrontare alcune fragilità produttive che da molto tempo diversi osservatori mettono in luce. In fondo ogni crisi è un’occasione per affrontare criticità e governare il cambiamento invece di subirlo.

L’inerzia però con la quale si stanno muovendo i primi passi potrebbe non consentire una soluzione adeguata alle esigenze almeno nel breve termine.

Il divario esistente tra domanda ed offerta, nel caso europeo, si spiega anche con i dati relativi alla produzione specifica di microchip come riportato anche dal Sole 24 ore. Taiwan incide, per esempio, del 17% sulla ricerca, del 60% sulla produzione e del 53% sull’assemblaggio. L’Europa invece non va oltre il 2,5% nella sola ricerca ed è quasi non pervenuta sulle altre fasi del processo.

Una delle azioni messe in campo dalla Commissione Europea è rappresentata da potenziali aiuti all’industria dei semiconduttori e microchip, questo ovviamente di concerto con un aggiornamento delle regole sulla concorrenza e la proroga di alcuni sussidi per altri sei mesi.

Tutti i sussidi andranno a confluire nella proposta legislativa che la Commissione renderà pubblica probabilmente nel Q2 2022, lo European Chips Act. Sicuramente non sarà facile bilanciare le regole per la libera concorrenza con gli aiuti pubblici ad un settore che deve praticamente nascere, almeno nella forma che può dare un booster reale alle produzione Europea.

European Chips Act” riporterà l’Europa ad essere competitiva sulla produzione dei microchip?

Partiamo dai fatti concreti e da come la carenza di microchip abbia un effetto sull’economia Europea ed anche quindi sull’occupazione. Tutti possiamo toccare con mano il fenomeno, per esempio nel settore automobilistico si allungano i tempi di consegna o vengono eliminate alcune caratteristiche tecniche legate alla presenza o meno di questi componenti. Stesso discorso per videogiocatori che non possono usare alcune schede grafiche per PC oppure la nuova Console di Sony, difficile da trovare negli store.

Molti analisti ed esperti del settore pensano che la crisi possa durare ancora per gran parte del 2022. Basta infatti considerare la differenza tra offerta e domanda che, grazie a smartphone, IoT (Internet of Things) ed auto connesse, è ora notevole.

Ma i semiconduttori non sono solo al centro della nostra vita digitale, sono anche al centro della corsa tecnologica globale e quindi al centro di forti interessi geostrategici.

I microchip infatti sono una componente strategica di qualsiasi catena industriale. La corsa per i chip più avanzati è quindi una corsa verso leadership tecnologica e industriale. La corsa per i chip meno evoluti invece garantisce la continuità degli approvvigionamenti e delle produzioni.

Disporre di forniture elevate dei microchip più avanzati può condizionare la capacità di agire di uno Stato e la possibilità di guidare o meno la trasformazione digitale in atto. Cosa fanno quindi le grandi potenze?

Gli Stati Uniti, per esempio, nell’ottica di aumentare la resilienza delle catene di approvvigionamento dei semiconduttori, si stanno muovendo con un consistente investimento tramite l’American Chips Act. Questo provvedimento nasce per finanziare la creazione di un centro di ricerca americano e per supportare l’apertura di fabbriche di produzione evolute.

Taiwan, già leader mondiale per la produzione, vuole garantirsi il mantenimento del suo primato con ingenti investimenti, per esempio la TSMC investirà 250 miliardi di dollari nei prossimi 3 anni.

La Cina cerca di colmare il divario tecnologico in quanto è vincolata dalle regole di controllo delle esportazioni per evitare trasferimenti tecnologici.

L’Europa inizia a muoversi m se non agirà in fretta si troverà in ritardo.

Lo scorso settembre, presentando lo European Chips Act, la presidente Ursula von der Leyen dichiara: “Mentre la domanda globale è esplosa, la quota dell’Europa lungo l’intera catena del valore, dalla progettazione alla capacità produttiva, si è ridotta. Dipendiamo da chip all’avanguardia prodotti in Asia. Quindi non si tratta solo della nostra competitività. Anche questa è una questione di sovranità tecnologica. Quindi mettiamo su questo tema tutta la nostra attenzione”.

L’idea alla base di questa iniziativa è quella di realizzare una legge europea che integri gli sforzi nazionali fatti dagli Stati membri, in una visione e in una strategia europee coerenti.

I diversi Stati infatti stanno attualmente progettando strategie nazionali per sviluppare, sul loro suolo, attività produttive volte a ridurre le singole dipendenze.

Questa legge contribuirà anche ad evitare una corsa alle sovvenzioni pubbliche nazionali stabilendo le condizioni per proteggere gli interessi europei e posizionare ancora più saldamente l’Europa nel panorama geopolitico globale.

La nuova legge si articola su tre principi.

Strategia europea di ricerca sui semiconduttori

Il punto di forza Europeo è la sua capacità di ricerca. Ci sono diversi importanti esempi come l’IMEC in Belgio, LETI/CEA in Francia, il Fraunhofer in Germania e il CNR in Italia. Quasi tutti i produttori mondiali dipendono dalla ricerca europea condotta in questi istituti. Sarà fondamentale spingere le attività di ricerca in un’ottica strategica europea.

Piano generale per migliorare la capacità produttiva europea

Su questo fronte sarà importante monitorare la supply chain industriale, nell’ottica di anticipare possibili interruzioni future e garantire quella resilienza di cui tanto si sente parlare. Bisognerà sostenere lo sviluppo di impianti di fabbricazione europei in grado di produrre in grandi volumi i semiconduttori più avanzati (anche verso 2 nm) ed efficienti dal punto di vista energetico. Sono proprio questi componenti più pregiati a poter garantire all’Europa quella posizione di leadership a cui ambisce e di cui ha bisogno.

Cooperazione e attivazione di partnership internazionali

L’idea alla base di questa legge non è quella di produrre tutto da soli qui in Europa. È necessario infatti diversificare le nostre catene di approvvigionamento al fine di ridurre l’eccessiva dipendenza da un singolo paese o regione.

Questo ulteriore passo legislativo andrà ad affiancarsi ad altri finanziamenti europei già in corso ed al fondo IPCEI (Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo).

Il fondo IPCEI Microelettronica sostiene attività di ricerca, sviluppo e innovazione, nei cinque settori tecnologici afferenti ai microchip cioè: efficienza sul piano energetico, semiconduttori di potenza, sensori intelligenti, componentistica ottica avanzata e materiali compositi. L’obiettivo principale del fondo è supportare lo sviluppo di tecnologie e componenti microelettroniche innovative che possano essere trasferite alle industrie. In questo caso si pensa principalmente ai settori dell’automotive e dell’internet delle cose (IoT), per generare nuove applicazioni o attività di ricerca e sviluppo in questi settori.

Staremo a vedere se e come l’Europa riuscirà a conquistare quell’indipendenza tecnologica che consenta di creare un vero “valore europeo” oltre poi a posti di lavoro in aree industriali strategiche. Il 2022 sarà un anno tutto da seguire su questi temi.


Smartphone

Realme 13 Pro 5G: specifiche rivelate prima del lancio

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 3 minuti.

Realme è pronta al lancio il Realme 13 Pro 5G, che promette di essere uno degli smartphone più avanzati della serie. Prima del lancio ufficiale previsto per il 30 luglio in India, il dispositivo è apparso sul sito di certificazione TENAA, rivelando dettagli chiave sulle sue specifiche tecniche. Questo articolo esplora le specifiche e le caratteristiche del Realme 13 Pro 5G, basandosi sulle informazioni disponibili dalle certificazioni e dai leak recenti.

Specifiche tecniche del Realme 13 Pro 5G

Il Realme 13 Pro 5G è stato avvistato sul sito di certificazione TENAA con il numero di modello RMX3989. Il dispositivo è dotato di un display AMOLED da 6,7 pollici con una risoluzione di 2412 x 1080 pixel, caratterizzato da un design curvo e un foro centrale per la fotocamera frontale. Il telefono misura 161.3 x 73.9 x 8.2 mm e pesa 188 grammi, rendendolo leggero e maneggevole nonostante il grande schermo.

Il dispositivo sarà alimentato da un processore octa-core con una velocità di clock di base di 2.4GHz. Questo processore sarà probabilmente il nuovo Snapdragon 7s Gen 2, che garantirà prestazioni elevate e un’efficienza energetica migliorata. La batteria del Realme 13 Pro 5G avrà una capacità di 5050mAh, offrendo una durata della batteria eccezionale.

In termini di memoria, il Realme 13 Pro 5G sarà disponibile in diverse configurazioni: 6GB, 8GB, 12GB e 16GB di RAM, con opzioni di archiviazione di 128GB, 256GB, 512GB e 1TB. Questa varietà di opzioni consente agli utenti di scegliere la configurazione che meglio si adatta alle loro esigenze.

Il comparto fotografico del Realme 13 Pro 5G includerà una tripla fotocamera posteriore con un sensore principale da 50MP, una fotocamera ultragrandangolare da 8MP e un sensore macro da 2MP. La fotocamera frontale sarà un sensore da 32MP, ideale per selfie di alta qualità e videochiamate. Il dispositivo supporterà anche un sensore di impronte digitali sotto il display e il riconoscimento facciale per la sicurezza.

Lancio e disponibilità

Il Realme 13 Pro 5G sarà disponibile nei colori Monet Gold e Monet Purple, offrendo un design elegante e sofisticato ed il lancio ufficiale è previsto per il 30 luglio in India con il dispositivo dovrebbe essere disponibile sia nei mercati indiani che globali poco dopo. Con specifiche impressionanti e un design accattivante, il Realme 13 Pro 5G si presenta come un forte concorrente nel mercato degli smartphone di fascia alta. L’apparizione del dispositivo su TENAA conferma molte delle caratteristiche attese, rafforzando l’anticipazione per il lancio ufficiale. Gli utenti possono aspettarsi un dispositivo potente e versatile, in grado di soddisfare le esigenze sia di utilizzo quotidiano che di performance intensive. Scopri su Amazon

Prosegui la lettura

Smartphone

Samsung rivela One UI 7 e migliora la sicurezza con One UI 6.1.1

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

Samsung sta preparando il lancio di One UI 7, che promette di essere uno degli aggiornamenti più significativi mai realizzati per la sua interfaccia utente, oltre a migliorare la sicurezza con l’introduzione di One UI 6.1.1. Entrambe le versioni portano con sé nuove funzionalità e miglioramenti che mirano a migliorare l’esperienza utente e la sicurezza dei dispositivi Galaxy. Di seguito, un’analisi dettagliata delle novità e dei miglioramenti introdotti.

One UI 7: Il Più Grande Aggiornamento di Sempre

Samsung sta sviluppando One UI 7, la prossima versione della sua interfaccia utente che sarà basata su Android 15. Questo aggiornamento, previsto per ottobre 2024, è destinato a essere il più grande mai realizzato, con numerose nuove funzionalità che andranno a migliorare significativamente l’esperienza utente.

Uno degli aggiornamenti più attesi è l’introduzione di un app drawer verticale, una funzionalità che era precedentemente disponibile solo tramite l’app Good Lock. Questa modifica è stata richiesta da molti utenti Samsung e offre un maggiore controllo sull’aspetto dell’interfaccia. Inoltre, One UI 7 potrebbe includere un App Lock integrato, che permetterà di bloccare le applicazioni individualmente per una maggiore sicurezza, sebbene Samsung abbia già una funzionalità simile chiamata Secure Folder.

Un’altra importante novità sarà l’ottimizzazione della durata della batteria, utilizzando l’intelligenza artificiale per migliorare l’efficienza energetica del dispositivo. Questa tecnologia consentirà ai telefoni di durare più a lungo, anche con un uso intensivo.

Samsung sta attualmente testando One UI 7 sul Galaxy S24, anche se si tratta di una versione iniziale con molti bug. L’annuncio ufficiale di One UI 7 è previsto per il 3 ottobre durante la Samsung Developer Conference 2024. Nel frattempo, Samsung ha rilasciato One UI 6.1.1, che introduce nuove funzionalità e miglioramenti.

One UI 6.1.1: miglioramenti della sicurezza con Auto Blocker

One UI 6.1.1 ha portato importanti miglioramenti alla funzionalità di sicurezza Auto Blocker, introdotta inizialmente con One UI 6.0. Questa funzione include cinque caratteristiche principali di sicurezza: blocco delle app da fonti non autorizzate, blocco dei comandi via cavo USB, blocco degli aggiornamenti software via USB, protezione delle app di messaggistica e controlli di sicurezza delle app.

Con l’aggiornamento a One UI 6.1.1, Samsung ha rimosso la possibilità di abilitare o disabilitare individualmente queste funzioni. Inoltre, quando si tenta di disattivare Auto Blocker, il telefono richiede l’autenticazione biometrica, aggiungendo un ulteriore livello di sicurezza per impedire a malintenzionati di disabilitare facilmente le misure di protezione del dispositivo.

La nuova versione di Auto Blocker introduce anche la modalità “Massime Restrizioni”, che offre una protezione extra forte per chi necessita di maggiore sicurezza. Questa modalità disabilita alcune funzionalità del telefono, come l’accesso amministrativo alle app, l’attivazione dei profili di lavoro, gli album condivisi, la condivisione di foto con dati GPS e le anteprime dei link.

Questi miglioramenti rendono i dispositivi Galaxy ancora più sicuri e resistenti agli attacchi, offrendo agli utenti un maggiore controllo sulla loro privacy e sicurezza.

Samsung continua a migliorare l’esperienza utente e la sicurezza dei suoi dispositivi con gli aggiornamenti One UI 7 e One UI 6.1.1. Mentre One UI 7 promette di essere il più grande aggiornamento mai realizzato, introducendo funzionalità come l’app drawer verticale e l’ottimizzazione della batteria, One UI 6.1.1 rafforza la sicurezza con miglioramenti alla funzionalità Auto Blocker. Entrambi gli aggiornamenti sottolineano l’impegno di Samsung, scopri su Amazon, nel fornire dispositivi avanzati e sicuri per i suoi utenti.

Prosegui la lettura

Tech

Novità su AMD, Snapdragon e la compatibilità con Linux

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 3 minuti.

Le ultime notizie nel campo della tecnologia includono importanti sviluppi da parte di AMD, Qualcomm e la comunità Linux: AMD ha recentemente acquisito Silo AI, un passo strategico per espandere le sue soluzioni di intelligenza artificiale, Qualcomm ha rivelato il nuovo chipset Snapdragon 7s Gen 3, destinato a potenziare la serie Redmi Note 14 Pro, con risultati promettenti emersi su Geekbench ed il supporto per i processori Snapdragon X Elite su Linux sta affrontando gravi difficoltà, con l’ultima patch che disabilita la iGPU a causa di problemi con le chiavi specifiche del produttore. Di seguito, una panoramica dettagliata di queste notizie e delle loro implicazioni per il settore tecnologico.

AMD Acquisisce Silo AI per Espandere le Soluzioni AI

AMD ha recentemente annunciato l’acquisizione di Silo AI, il più grande laboratorio privato di intelligenza artificiale in Europa, con un accordo valutato circa 665 milioni di dollari. Questa mossa strategica rappresenta un passo importante nella strategia di AMD per fornire soluzioni AI complete su diverse piattaforme e settori.

AMD CEO Lisa Su
AMD CEO Lisa Su

Silo AI, con sede a Helsinki, è rinomato per le sue soluzioni AI end-to-end, aiutando le imprese a integrare senza soluzione di continuità l’AI nei loro prodotti e operazioni. La compagnia ha lavorato con clienti di alto profilo come Allianz, Philips, Rolls-Royce e Unilever. Peter Sarlin, CEO e co-fondatore di Silo AI, ha dichiarato che l’acquisizione è un passo logico per costruire un’azienda AI di punta.

AMD ha già investito oltre 125 milioni di dollari in varie iniziative AI nell’ultimo anno, inclusi gli acquisti di Mipsology e Nod.ai. L’obiettivo è rafforzare l’ecosistema AI di AMD e le sue piattaforme di calcolo. L’acquisizione dovrebbe concludersi nella seconda metà del 2024.

Snapdragon 7s Gen 3 Appare su Geekbench

Qualcomm sta preparando il lancio del nuovo chipset Snapdragon 7s Gen 3, una variante del Snapdragon 7 Gen 3. Il nuovo chipset, codename “Volcano”, è emerso su Geekbench con punteggi di 1.175 nel single-core e 3.157 nel multi-core. Il SoC dovrebbe debuttare sulla serie Redmi Note 14 Pro, con specifiche che includono una CPU octa-core e una GPU Adreno 810.

Il Redmi Note 14 Pro avrà uno schermo dual-curved da 1.5K e una fotocamera principale da 50MP. La serie è stata avvistata nel database IMEI, confermando l’esistenza del telefono e suggerendo un lancio globale all’inizio del 2025.

Problemi di Supporto per la GPU su Linux per Snapdragon X Elite

Linux ha incontrato problemi significativi nel supporto per i processori Snapdragon X Elite di Qualcomm. L’ultima patch Linux disabilita la iGPU per il modello X1E80100, eliminando così tutte le funzionalità di visualizzazione. Questo problema è causato dalla necessità di una chiave specifica del produttore per sbloccare il file shader ZAP, indispensabile per l’attivazione della iGPU.

Snapdragon X Elite
Snapdragon X Elite

Solo i modelli di produzione non fusi con chiavi specifiche del produttore possono abilitare la iGPU con questa patch. Tuttavia, la maggior parte dei modelli sono probabilmente fusi con chiavi OEM. Questa situazione ha rallentato l’adozione di Linux sui processori ARM di Qualcomm, con supporto limitato per GPU Adreno, webcam, USB4 e Bluetooth.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERSECURITY

Sicurezza Informatica49 minuti fa

Vulnerabilità critica in Apache HugeGraph: aggiornate subito

Tempo di lettura: 2 minuti. Apache HugeGraph, un sistema di database a grafo open-source, è attualmente soggetto a sfruttamenti attivi...

Sicurezza Informatica2 giorni fa

HardBit Ransomware: analisi e mitigazione delle minacce

Tempo di lettura: 3 minuti. HardBit Ransomware 4.0 introduce protezione con passphrase e obfuscazione avanzata. Scopri come proteggerti da questa...

Sicurezza Informatica4 giorni fa

Vulnerabilità in Modern Events Calendar: migliaia di WordPress a rischio

Tempo di lettura: 2 minuti. Vulnerabilità critica nel plugin Modern Events Calendar consente il caricamento arbitrario di file da parte...

Sicurezza Informatica4 giorni fa

Attacco RADIUS: panoramica dettagliata

Tempo di lettura: 3 minuti. Il protocollo RADIUS può essere compromesso utilizzando tecniche avanzate di collisione MD5 per eseguire attacchi...

Sicurezza Informatica4 giorni fa

ViperSoftX sfrutta AutoIt e CLR per l’esecuzione Stealth di PowerShell

Tempo di lettura: 3 minuti. ViperSoftX utilizza AutoIt e CLR per eseguire comandi PowerShell in modo stealth, eludendo i meccanismi...

Sicurezza Informatica4 giorni fa

Malware Poco RAT mira vittime di lingua spagnola

Tempo di lettura: 3 minuti. Poco RAT, nuovo malware che prende di mira le vittime di lingua spagnola con campagne...

Microsoft teams Microsoft teams
Sicurezza Informatica4 giorni fa

Falso Microsoft Teams per Mac distribuisce Atomic Stealer

Tempo di lettura: 2 minuti. Un falso Microsoft Teams per Mac distribuisce il malware Atomic Stealer tramite una campagna di...

CISA logo CISA logo
Sicurezza Informatica4 giorni fa

CISA hackera Agenzia Federale USA: vulnerabilità critiche Svelate

Tempo di lettura: 2 minuti. CISA svela vulnerabilità critiche in un'agenzia federale USA attraverso un'esercitazione di red team SILENTSHIELD

Sicurezza Informatica4 giorni fa

DarkGate usa file Excel per diffondere malware

Tempo di lettura: 3 minuti. DarkGate utilizza file Excel per diffondere malware sofisticato. Scopri come funziona questa minaccia e come...

Sicurezza Informatica5 giorni fa

SSH sotto attacco a causa di bug e vulnerabilità

Tempo di lettura: 3 minuti. Scopri le nuove minacce di CRYSTALRAY e la vulnerabilità di OpenSSH in RHEL 9. Approfondisci...

Truffe recenti

Inchieste1 settimana fa

Idealong.com chiuso, ma attenti a marketideal.xyz e bol-it.com

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo aver svelato la truffa Idealong, abbiamo scoperto altri link che ospitano offerte di lavoro...

Inchieste2 settimane fa

Idealong.com spilla soldi ed assolda lavoratori per recensioni false

Tempo di lettura: 4 minuti. Il metodo Idealong ha sostituito Mazarsiu e, dalle segnalazioni dei clienti, la truffa agisce su...

Sicurezza Informatica2 settimane fa

Truffa lavoro online: Mazarsiu sparito, attenti a idealong.com

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo il sito Mazarsiu, abbandonato dai criminali dopo le inchieste di Matrice Digitale, emerge un...

fbi fbi
Sicurezza Informatica1 mese fa

FBI legge Matrice Digitale? Avviso sulle truffe di lavoro Online

Tempo di lettura: 2 minuti. L'FBI segnala un aumento delle truffe lavoro da casa con pagamenti in criptovaluta, offrendo consigli...

Sicurezza Informatica2 mesi fa

Milano: operazione “Trust”, frodi informatiche e riciclaggio di criptovaluta

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta un'organizzazione criminale transnazionale specializzata in frodi informatiche e riciclaggio di criptovaluta nell'operazione "Trust"

Inchieste2 mesi fa

Truffa lavoro Online: analisi metodo Mazarsiu e consigli

Tempo di lettura: 4 minuti. Mazarsiu e Temunao sono solo due portali di arrivo della truffa di lavoro online che...

Inchieste2 mesi fa

Mazarsiu e Temunao: non solo truffa, ma un vero metodo

Tempo di lettura: 4 minuti. Le inchieste su Temunao e Marasiu hanno attivato tante segnalazioni alla redazione di persone che...

Pharmapiuit.com Pharmapiuit.com
Inchieste2 mesi fa

Pharmapiuit.com : sito truffa online dal 2023

Tempo di lettura: 2 minuti. Pharmapiuit.com è l'ultimo sito truffa ancora online di una serie di portali che promettono forti...

Temunao.Top Temunao.Top
Inchieste2 mesi fa

Temunao.Top: altro sito truffa che promette lavoro OnLine

Tempo di lettura: 2 minuti. Temunao.top è l'ennesimo sito web truffa che promette un premio finale a coloro che effettuano...

Inchieste2 mesi fa

Attenti a Mazarsiu.com : offerta lavoro truffa da piattaforma Adecco

Tempo di lettura: 2 minuti. Dalla piattaforma Adecco ad un sito che offre lavoro attraverso le Google Ads: è la...

Tech

Smartphone8 minuti fa

Realme 13 Pro 5G: specifiche rivelate prima del lancio

Tempo di lettura: 3 minuti. Realme è pronta al lancio il Realme 13 Pro 5G, che promette di essere uno...

Smartphone15 minuti fa

Samsung rivela One UI 7 e migliora la sicurezza con One UI 6.1.1

Tempo di lettura: 2 minuti. Samsung sta preparando il lancio di One UI 7, che promette di essere uno degli...

Tech22 minuti fa

Novità su AMD, Snapdragon e la compatibilità con Linux

Tempo di lettura: 3 minuti. Le ultime notizie nel campo della tecnologia includono importanti sviluppi da parte di AMD, Qualcomm...

VirtualBox VirtualBox
Tech1 ora fa

VirtualBox 7.0.20: manutenzione e aggiornamenti

Tempo di lettura: < 1 minuto. VirtualBox 7.0.20, rilasciato il 16 luglio 2024, è un aggiornamento di manutenzione che introduce...

Smartphone5 ore fa

Samsung lancia il Galaxy M35 5G in India

Tempo di lettura: 2 minuti. Samsung ha ufficialmente lanciato il Galaxy M35 5G in India, poco dopo il suo debutto...

Tech6 ore fa

Audacity 3.6.0: novità e miglioramenti

Tempo di lettura: 2 minuti. Audacity, il popolare software di editing audio open-source, ha rilasciato la versione 3.6.0 con numerose...

Intelligenza Artificiale6 ore fa

L’Intelligenza Artificiale aumenta la creatività individuale ma riduce la varietà del contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Un recente studio pubblicato nella rivista Science Advances rivela che l’uso dell’intelligenza artificiale (AI) può...

Pixel 9 Pro XL Pixel 9 Pro XL
Smartphone7 ore fa

Google Pixel 9 Pro Fold e Serie Pixel 9: dimensioni e fotocamera

Tempo di lettura: 3 minuti. Google continua a spingere i confini della tecnologia mobile con la serie Pixel 9, che...

Smartphone8 ore fa

Xiaomi specifiche di Mix Fold 4, Mix Flip e Redmi K70 Ultra ufficiali

Tempo di lettura: 3 minuti. Xiaomi ha svelato una serie di nuovi dispositivi pieghevoli, tra cui il Mix Fold 4...

Smartphone8 ore fa

Apple brevetta display pieghevoli, nuovo firmware per AirPods Pro 2

Tempo di lettura: 3 minuti. Apple continua a innovare nel campo della tecnologia, introducendo nuovi brevetti per dispositivi pieghevoli e...

Tendenza