Connect with us

Tech

Raeltà Aumentata: cosa è e come viene utilizzata

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

La realtà aumentata (AR) è una tecnologia che combina elementi digitali con il mondo reale, creando un’esperienza immersiva e interattiva per gli utenti. Con l’aiuto di dispositivi come smartphone e tablet, o anche occhiali smart, gli utenti possono visualizzare informazioni aggiuntive su ciò che stanno vedendo, come ad esempio, descrizioni di prodotto, istruzioni per l’uso, o anche elementi di gioco.

La realtà aumentata ha molte applicazioni pratiche, tra cui la formazione, il design, la manutenzione, la vendita al dettaglio e l’intrattenimento. Nel settore della formazione, la realtà aumentata consente agli insegnanti di creare esperienze di apprendimento coinvolgenti e interattive, con l’aggiunta di elementi digitali per rendere gli argomenti più facili da comprendere. Nel settore del design, la realtà aumentata permette agli ingegneri e ai designer di visualizzare come un prodotto o un edificio apparirà una volta costruito, prima ancora che venga costruito. Nel settore della manutenzione, gli ingegneri possono utilizzare la realtà aumentata per visualizzare informazioni sui componenti di una macchina mentre effettuano riparazioni, riducendo il tempo di fermo macchina.

Nel settore della vendita al dettaglio, le aziende stanno utilizzando la realtà aumentata per consentire ai clienti di visualizzare come un prodotto si adatterebbe al loro ambiente domestico, prima di acquistarlo. Nel settore dell’intrattenimento, la realtà aumentata sta permettendo ai creatori di contenuti di offrire esperienze immersivi e interattive, come i giochi di realtà aumentata e gli spettacoli teatrali.

La tecnologia della realtà aumentata è in rapida evoluzione e sta diventando sempre più accessibile per un pubblico sempre più ampio. Con l’aumento delle applicazioni pratiche e della disponibilità di dispositivi, si prevede che la realtà aumentata diventerà una parte sempre più importante delle nostre vite quotidiane nei prossimi anni.

Iscriviti alla newsletter settimanale di Matrice Digitale

* inserimento obbligatorio

Tech

Cenni storici sull’intelligenza artificiale

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

L’intelligenza artificiale è una branca dell’informatica che cerca di creare sistemi in grado di compiere compiti che normalmente richiedono intelligenza umana. La storia dell’intelligenza artificiale inizia nel 1956, quando un gruppo di scienziati e ricercatori si riunirono all’Università di Dartmouth per discutere la possibilità di creare una macchina che potesse pensare come un essere umano. Da questa riunione nasce il termine “intelligenza artificiale” e si dà inizio a una nuova era di ricerche.

ANNI 50

Negli anni ’50 e ’60, i ricercatori si concentrarono sullo sviluppo di algoritmi di apprendimento automatico e di sistemi di elaborazione del linguaggio naturale. Nel 1966, il ricercatore inglese Joseph Weizenbaum creò ELIZA, un programma di elaborazione del linguaggio naturale che simulava una terapeuta. ELIZA fu una delle prime applicazioni di intelligenza artificiale a diventare popolare al di fuori del mondo accademico. Uno dei primi esempi di Intelligenza Artificiale è stato il programma denominato “Logic Theorist”, sviluppato da Allen Newell e Herbert A. Simon nel 1955. Il programma era in grado di dimostrare teoremi matematici utilizzando la logica formale, dimostrando così che i computer erano in grado di svolgere attività che richiedevano intelligenza umana. Nel 1956, il matematico statunitense John McCarthy ha organizzato un incontro che ha dato origine alla nascita del campo dell’Intelligenza Artificiale. Durante questo incontro, McCarthy ha coniato il termine “Intelligenza Artificiale” e ha stabilito che il campo avrebbe avuto come obiettivo la creazione di “macchine che possono pensare”. Nel 1957, il ricercatore Herbert Simon e Allen Newell hanno creato il programma “General Problem Solver” (GPS), che era in grado di risolvere problemi utilizzando la logica e la ricerca. Questo programma ha dimostrato che i computer erano in grado di risolvere problemi complessi in modo simile a come lo fanno gli esseri umani.

ANNI 60

Gli anni ’60 sono stati un periodo di grandi cambiamenti e innovazioni nella storia dell’intelligenza artificiale. Durante questo decennio, i ricercatori e gli scienziati hanno continuato a lavorare per sviluppare nuove tecniche e algoritmi per migliorare le capacità dei computer. Nel 1964, un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha creato il MIT Artificial Intelligence Laboratory, che ha rappresentato uno dei primi laboratori di intelligenza artificiale al mondo. Questo laboratorio ha dato vita a molte delle tecnologie e delle idee che sono alla base dell’intelligenza artificiale moderna. Nel 1966, il ricercatore britannico Donald Michie ha creato il primo esempio di una macchina di apprendimento automatico, chiamato “Menace”. Questa macchina è stata in grado di imparare a giocare a dama semplicemente giocando contro se stessa. Nel 1969, il ricercatore americano Seymour Papert ha creato LOGO, un linguaggio di programmazione per bambini. Questo linguaggio di programmazione ha permesso ai bambini di imparare a programmare in modo semplice e divertente. Gli anni ’60 hanno anche visto la nascita di una nuova disciplina chiamata “scienze cognitive”, che ha cercato di comprendere come i processi cognitivi nell’uomo influenzano il modo in cui i computer possono essere utilizzati per simulare e migliorare questi processi.

ANNI 70

Negli anni ’70 e ’80, la ricerca sull’intelligenza artificiale subì una battuta d’arresto a causa dell’eccessivo ottimismo e della scarsità di fondi. Tuttavia, gli sviluppi nell’elaborazione del linguaggio naturale e nell’apprendimento automatico continuarono a progredire e portarono alla creazione di sistemi di riconoscimento vocale e di traduzione automatica. Gli anni 70 hanno visto una continua crescita dell’intelligenza artificiale. Uno dei principali contributi di questo periodo è stato lo sviluppo dei sistemi di apprendimento automatico, che hanno permesso alle macchine di imparare dai dati senza essere esplicitamente programmate. Inoltre, sono stati sviluppati algoritmi di ricerca e ottimizzazione, come l’algoritmo genetico, che hanno permesso alle macchine di risolvere problemi complessi in modo autonomo. Inoltre, gli anni 70 hanno visto anche l’avvento delle reti neurali, una tecnologia che simula il funzionamento del cervello umano e che ha dato origine a una nuova generazione di sistemi di intelligenza artificiale.

ANNI 80

Gli anni ’80 sono stati un periodo cruciale per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale (IA). Durante questo decennio, ci sono stati importanti progressi nel campo dell’IA, sia a livello teorico che applicativo. In primo luogo, gli anni ’80 hanno visto una maggiore attenzione verso l’apprendimento automatico, una sottodisciplina dell’IA che si concentra sullo sviluppo di algoritmi in grado di apprendere dai dati. Uno dei principali contributi in questo campo è stato l’algoritmo di apprendimento backpropagation, sviluppato da Rumelhart, Hinton e Williams nel 1986. Questo algoritmo ha permesso di addestrare reti neurali artificiali in modo più efficiente e con maggiore precisione. Inoltre, durante gli anni ’80, ci sono stati importanti progressi nell’elaborazione del linguaggio naturale, un’altra sottodisciplina dell’IA che si concentra sulla comprensione e la generazione del linguaggio umano. Uno dei principali contributi in questo campo è stato il sistema di elaborazione del linguaggio naturale ARPA, sviluppato dalla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) degli Stati Uniti. Questo sistema ha permesso di elaborare il linguaggio naturale in modo più preciso e comprensibile. Inoltre, gli anni ’80 hanno visto anche un aumento dell’interesse per l’apprendimento automatico, un sottocampo dell’IA che si concentra sullo sviluppo di algoritmi e modelli in grado di apprendere automaticamente dai dati senza essere esplicitamente programmati. Questo ha portato allo sviluppo di tecniche di apprendimento automatico come il backpropagation, utilizzato per addestrare reti neurali, e l’algoritmo di apprendimento di decision tree ID3. Gli anni ’80 hanno anche visto un aumento dell’uso dell’IA in campi specifici come la medicina, l’ingegneria, la finanza e l’elaborazione del linguaggio naturale. Ad esempio, i sistemi di IA basati su regole sono stati utilizzati per diagnosticare malattie, mentre i sistemi di IA basati su reti neurali sono stati utilizzati per prevedere i tassi di cambio valuta e i prezzi delle azioni.

ANNI 90

Gli anni ’90 hanno visto una significativa evoluzione nella tecnologia dell’intelligenza artificiale. Come menzionato in, la seconda generazione di sistemi esperti è stata introdotta in questo decennio, introducendo il modello probabilistico che ha permesso di ragionare su causa-effetti possibili. Inoltre, con la crescita esponenziale della capacità di memoria e della potenza di calcolo dei computer, come menzionato in, è stato possibile sviluppare programmi sempre più complessi nel settore dell’IA. Inoltre, gli anni ’90 hanno visto una maggiore attenzione verso il machine learning, come menzionato in, con la scoperta che le scoperte scientifiche potevano essere utilizzate in questo ambito. Questo ha portato allo sviluppo di algoritmi di apprendimento automatico, come ad esempio reti neurali, che hanno permesso di migliorare le prestazioni dei sistemi di IA. In generale, gli anni ’90 hanno rappresentato un punto di svolta nello sviluppo dell’IA, con l’introduzione di nuovi metodi e tecnologie che hanno permesso di superare alcune delle barriere degli anni precedenti. Ciò ha portato alla creazione di sistemi intelligenti sempre più avanzati che hanno trovato applicazione in diversi campi, dalla finanza alla medicina, alla robotica. Negli anni ’90 e 2000, l’intelligenza artificiale ha fatto un grande passo avanti grazie all’incremento di potenza di calcolo e alla disponibilità di grandi quantità di dati. L’uso di algoritmi di apprendimento automatico, come le reti neurali artificiali, ha permesso di creare sistemi di riconoscimento delle immagini e di elaborazione del linguaggio in grado di superare le prestazioni umane in alcune attività.

ANNI 2000

Gli anni 2000 hanno visto un’espansione significativa dell’intelligenza artificiale (IA) in vari campi, tra cui la tecnologia, la finanza, la medicina e la ricerca scientifica. Nel campo della tecnologia, l’IA è stata utilizzata per creare assistenti virtuali, sistemi di riconoscimento vocale e di immagini, nonché per l’analisi dei dati e la previsione delle tendenze. In finanza, l’IA è stata utilizzata per prevedere i movimenti dei mercati e per la creazione di algoritmi di trading automatizzati. In medicina, l’IA è stata utilizzata per la diagnostica, l’analisi dei dati e la creazione di modelli predittivi per le malattie. Nella ricerca scientifica, l’IA è stata utilizzata per l’analisi dei dati e la creazione di modelli per la simulazione di sistemi complessi. Nel frattempo, l’IA è stata utilizzata anche in ambito militare, per la creazione di sistemi di difesa automatizzati e per l’analisi dei dati raccolti dai droni. Uno dei momenti più significativi degli anni 2000 è stato la vittoria del computer Deep Blue della IBM contro il campione mondiale di scacchi Garry Kasparov nel 1997. Questo evento ha dimostrato la capacità dell’IA di superare le prestazioni umane in una attività altamente complessa.

Prosegui la lettura

Tech

Come gestire e organizzare i file e le cartelle in Windows 11

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

La gestione dei file e delle cartelle in Windows 11 può essere un compito complesso, specialmente se si hanno molti documenti, immagini e altri tipi di file. Tuttavia, con alcune semplici strategie e strumenti, è possibile organizzare i propri file e cartelle in modo efficace e mantenerli organizzati nel tempo. Ecco alcuni consigli per gestire e organizzare i file e le cartelle in Windows 11.

  1. Utilizzare le cartelle: La prima strategia per organizzare i propri file consiste nell’utilizzare le cartelle. Creare cartelle per i diversi tipi di file, ad esempio immagini, documenti, musica e video, può aiutare a mantenere l’ordine e a trovare facilmente i file desiderati.
  2. Utilizzare i tag: Windows 11 consente di utilizzare i tag per etichettare i file in modo da poterli trovare facilmente. Ad esempio, è possibile etichettare un file come “importante” o “da completare” in modo da poterlo trovare facilmente in un secondo momento.
  3. Utilizzare la ricerca: La funzione di ricerca di Windows 11 consente di trovare rapidamente i file desiderati, indipendentemente dalla cartella in cui si trovano. Utilizzare la ricerca per trovare i file in base al nome o alla data di creazione.
  4. Utilizzare le visualizzazioni: Windows 11 consente di visualizzare i file in modo diverso a seconda delle esigenze. Ad esempio, è possibile visualizzare i file come icone, come elenco o come anteprima.
  5. Utilizzare la funzione “riordina per”: Windows 11 consente di riordinare i file in base a diversi criteri come data di modifica, nome o dimensione. Utilizzare questa funzione per organizzare i file in modo rapido e semplice.
  6. Utilizzare le cartelle condivise: Windows 11 consente di condividere le cartelle con altri utenti del sistema. Utilizzare questa funzione per collaborare con altri utenti e condividere i file in modo sicuro.
  7. Utilizzare i preferiti: Windows 11 consente di aggiungere cartelle e file ai preferiti per accedervi rapidamente. Utilizzare questa funzione per accedere rapidamente ai file e alle cartelle più utilizzati.
  8. Utilizzare gli Strumenti di pulizia disco: Windows 11 include gli Strumenti di pulizia disco, che possono aiutare a liberare spazio sul disco rigido eliminando file temporanei e di sistema non necessari. Utilizzare questa funzione per liberare spazio sul disco rigido e migliorare le prestazioni del sistema.
  9. Utilizzare l’opzione di backup: Windows 11 include l’opzione di backup che consente di creare copie di backup dei file importanti. Utilizzare questa funzione per proteggere i propri file in caso di problemi del sistema o perdita dei dati.
  10. Utilizzare un software di gestione dei file: Esistono molti software di gestione dei file disponibili per Windows 11 che possono aiutare a organizzare i file in modo più efficace. Utilizzare questi software per gestire i file in modo più semplice e intuitivo.
  11. Organizzare i file e le cartelle in Windows 11 può richiedere un po’ di tempo, ma utilizzando questi consigli e strumenti, è possibile mantenere i propri file organizzati e facili da trovare. In caso di dubbi o problemi, è possibile rivolgersi al supporto tecnico per assistenza.
  12. Inoltre, è sempre possibile utilizzare programmi di terze parti come gestori di file come Directory Opus o Total Commander, che forniscono una interfaccia grafica più avanzata per la gestione dei file e delle cartelle, e offrono funzionalità aggiuntive come la gestione dei segnalibri, la copia e spostamento multipli, la navigazione a schede e molto altro ancora.

In generale, la chiave per una gestione efficiente dei file e delle cartelle in Windows 11 è utilizzare gli strumenti a disposizione e seguire una logica di organizzazione che soddisfi le proprie esigenze. Con un po’ di pratica e dedizione, è possibile mantenere i propri file organizzati e facili da trovare, migliorando così la produttività e l’efficienza nel lavoro quotidiano.

Prosegui la lettura

Tech

Linux, comandi del terminale per gestire i processi in esecuzione, come “ps”, “kill” e “top”

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

La gestione dei processi in Linux può essere effettuata utilizzando i comandi del terminale come “ps”, “kill” e “top”.

“ps”: Il comando “ps” (process status) è utilizzato per visualizzare i processi in esecuzione. Ad esempio, per visualizzare tutti i processi in esecuzione, si utilizzerebbe il seguente comando: “ps aux”.

“kill”: Il comando “kill” è utilizzato per terminare un processo in esecuzione. Ad esempio, per terminare un processo con ID 123, si utilizzerebbe il seguente comando: “kill 123”.

“top”: Il comando “top” è utilizzato per visualizzare i processi in esecuzione in ordine di utilizzo della CPU. Ad esempio, per visualizzare i processi in esecuzione ordinati per utilizzo della CPU, si utilizzerebbe il seguente comando: “top”.

“pkill”: Il comando “pkill” è utilizzato per terminare un processo in esecuzione in base al nome del processo. Ad esempio, per terminare un processo chiamato “process1”, si utilizzerebbe il seguente comando: “pkill process1”

“bg”: Il comando “bg” (background) è utilizzato per mettere un processo in background. Ad esempio, per mettere un processo con ID 123 in background si utilizzerebbe il seguente comando: “bg 123”

“fg”: Il comando “fg” (foreground) è utilizzato per riportare un processo in primo piano. Ad esempioper riportare un processo con ID 123 in primo piano si utilizzerebbe il seguente comando: “fg 123”

“nice”: Il comando “nice” è utilizzato per impostare la priorità di un processo. Ad esempio, per impostare la priorità di un processo con ID 123 al valore 10 si utilizzerebbe il seguente comando: “nice -n 10 123”

“renice”: Il comando “renice” è utilizzato per modificare la priorità di un processo già in esecuzione. Ad esempio, per modificare la priorità di un processo con ID 123 al valore 10 si utilizzerebbe il seguente comando: “renice -n 10 -p 123”

In generale, la gestione dei processi in Linux può essere effettuata utilizzando i comandi del terminale come “ps”, “kill”, “top”, “pkill”, “bg”, “fg”, “nice” e “renice”. Utilizzando questi comandi, è possibile visualizzare i processi in esecuzione, terminare i processi, impostare la priorità dei processi e gestire la posizione dei processi in primo piano o in background.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Multilingua23 ore fa

Ucraina colpita dal quinto Wiper “SwiftSlicer”

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoL’Ucraina ha subito un nuovo attacco informatico da parte della Russia che ha...

Notizie5 giorni fa

Killnet mette a sedere i siti web tedeschi

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoGli hacker attivisti russi hanno messo offline diversi siti web tedeschi mercoledì in...

Notizie6 giorni fa

Ex diplomatico: Cina spia i cittadini con frigoriferi, portatili e lampadine britannico

Tempo di lettura: < 1 minuto. Secondo un rapporto inviato al governo dall'ex diplomatico, la tecnologia "cavallo di Troia" rappresenta...

Notizie2 settimane fa

NoName057 offre ricompense finanziarie per partecipare agli attacchi DDoS

Tempo di lettura: 2 minuti. Ai volontari vengono offerte ricompense fino a 80.000 rubli per attacchi riusciti con il client...

Multilingua2 settimane fa

L’Ucraina propone la NATO della Guerra Cibernetica

Tempo di lettura: 2 minuti. Il principale funzionario ucraino per la sicurezza informatica ha proposto lo sviluppo di una "Cyber...

Inchieste2 settimane fa

NoName057(16) a Matrice Digitale: stiamo analizzando il perimetro cibernetico italiano

Tempo di lettura: 3 minuti. Esclusiva mondiale al gruppo di hacktivisti che hanno colpito diversi paesi europei tra cui l'Italia

Notizie2 settimane fa

NoName057 rivendica gli attacchi informatici ai siti web danesi

Tempo di lettura: < 1 minuto. Gli hacktivisti russi sostengono di aver attaccato la banca centrale danese, il ministero delle...

Notizie2 settimane fa

ESET svela l’attività di StrongPity: malevola con l’app Telegram troianizzata

Tempo di lettura: 3 minuti. Condividi questo contenutoI ricercatori ESET hanno identificato una campagna attiva del gruppo StrongPity APT che...

Notizie2 settimane fa

Il curioso caso delle capacità informatiche estoni

Tempo di lettura: 4 minuti. Condividi questo contenutoDutch Ruppersberger, un deputato degli Stati Uniti, una volta ha dovuto rispondere a...

Notizie3 settimane fa

APT Dark Pink prende di mira governi e militari nella regione APAC

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLe organizzazioni governative e militari della regione Asia-Pacifico sono prese di mira da...

Truffe recenti

Truffe online1 giorno fa

Pacco e contropaccotto: Vinted consente truffa “Morada” ai danni dei suoi venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Altro venditore di 500 euro, la società ha rimborsato il criminale a migliaia di km...

Truffe online2 settimane fa

Malware trasmesso da Google Ads prosciuga l’intero portafoglio di criptovalute di un influencer NFT

Tempo di lettura: 2 minuti. Un link pubblicitario sponsorizzato su Google ha nascosto un malware che ha travasato migliaia di...

Notizie4 settimane fa

“Entra nell’Interpol” la nuova truffa sui social media che spopola in Sud Africa

Tempo di lettura: 2 minuti. L'Organizzazione internazionale di polizia criminale (Interpol) ha lanciato un allarme su una truffa online che...

DeFi2 mesi fa

Scandalo FTX, i genitori di Sam Bankman Fried sono indagati: confermata l’inchiesta di Matrice Digitale

Tempo di lettura: 2 minuti. Avrebbero speso i fondi societari per acquisti personali e sono il collante con le "coperture"...

Truffe online3 mesi fa

Sospettati di uno schema Ponzi arrestati in Grecia e Italia ricercati da INTERPOL

Tempo di lettura: 2 minuti. INTERPOL ha lanciato l'IFCACC all'inizio di quest'anno, per fornire una risposta globale coordinata contro la...

Truffe online3 mesi fa

Truffa del Trust Wallet PayPal

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta da Trend Micro, la truffa che sfrutta il brand di PayPal, può essere così...

Truffe online3 mesi fa

Sospetto arrestato in relazione a una frode di investimento da un milione di euro

Tempo di lettura: 2 minuti. L'azione ha portato l'Europol a rilasciare consigli in tal senso.

Truffe online4 mesi fa

I truffatori e i disonesti al telefono: è possibile fermarli?

Tempo di lettura: 4 minuti. I consigli di Sophos e l'invito di Matrice Digitale a segnalarli al nostro modello

Truffe online4 mesi fa

Curriculum Online, la denuncia: CVfacile.com attiva abbonamenti nascosti

Tempo di lettura: 3 minuti. C'è anche il sito expressCV ed è stato già segnalato per illeciti.

Truffe online4 mesi fa

Truffa Vinted: spillati 195 euro grazie a un link falso di Subito

Tempo di lettura: 2 minuti. Altro utente truffato, ma le responsabilità non sono tutte della piattaforma.

Tendenza