Connect with us

Inchieste

ESCLUSIVA – Software Spia nelle Procure: quando il vero complotto è frutto dell’incompetenza

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 4 minuti.

La trama sembra esserci tutta per comporre la sceneggiatura di un film di spionaggio della generazione Sci-Fi, ma la verità sembra essere molto più semplice ed agghiacciante dal punto di vista della nostra sicurezza nazionale. Da una indagine “interna” della Procura di Benevento, risulta che il software spia utilizzato per effettuare le intercettazioni fosse installato anche su soggetti estranei ad indagini degli inquirenti e della Polizia Giudiziaria. Su 800 intercettazioni verificate al momento, 230 sembrano essere “destituite di mandato”. Ed infatti tra le accuse mosse nei confronti del titolare della società, aggiudicatrice d’appalto per fornire la tecnologia del software spia “Exodus”, risulta anche il reato di “intercettazione illegale”. Bisogna precisare senza polemica, che in alcuni casi le intercettazioni iniziano senza che ci siano le autorizzazioni scritte e che queste vengano prodotte successivamente e, forse, anche dimenticate di essere stilate per semplice errore umano.

Chi ha letto la vicenda non può non aver avuto un flashback della questione “Occhionero”. Sbucati dal nulla ed arrivati nel mondo che conta della finanza, i due fratelli romani sono stati autori di una spystory davvero sconvolgente. Dipendenti, secondo contratti stipulati, anche del ministero del Tesoro Americano, gli Occhionero sono visibilmente cresciuti nel mondo della finanza che conta grazie ad un sistema di spionaggio che monitorava le conversazioni sensibili dei politici, ma soprattutto dei maggiori esponenti della finanza globale. Uno su tutti: Mario Draghi. Ascoltando le indiscrezioni, riuscivano ad inserirsi in tempo negli investimenti profittevoli del mercato. Questa storia è stata ampiamente raccontata nel volume, La prigione dell’umanità dal Deep Web al 4.0 – le nuove carceri digitali, per evidenziare, con qualche anno di anticipo rispetto agli eventi verificatisi, il problema di competenze tra stati in materia di cybersecurity cybercrime. Perché tutto quello che gli Occhionero intercettavano, secondo l’accusa, andava a finire sui server negli Stati Uniti dove nessuno ha avuto ancora accesso e non sappiamo realmente cosa ci fosse di così sensibile su quei server. 

Analogamente, in questa storia, sui server di Amazon negli Stati Uniti finivano le intercettazioni della Procura di Benevento in una piattaforma Cloud “general purpose” e quindi facilmente recuperabili da persone non autorizzate a consultare i files coperti da segreto istruttorio. Proprio la presenza del server in Oregon fa presagire la tipologia della piattaforma utilizzata per conservare i dati. Quando parliamo di contenuti, sia chiaro, stiamo descrivendo anche le intercettazioni afferenti ad indagini per mafia. Ed è qui che nasce l’altra ipotesi di reato come quella di accesso abusivo a piattaforma informatica.

Bene ha fatto la Procura di Napoli, titolare dell’indagine, a non avvalersi di consulenti esterni per motivi riferibili ad altre fughe di notizie ed è per questo che ha affidato ai ROS una operazione congiunta con la sezione crimini informatici della Guardia di Finanza e la Polizia Postale per “lavare i panni sporchi in famiglia”. Ma cosa c’è di realmente sporco in questa vicenda?

Un’altra cosa che, oltre alle responsabilità, pare debba essere chiarita, a frittata già fatta, è come e perché si sia affidata la gara a questa società. Perché in ambito informatico nessuno sa niente di questa grave falla ed è facilmente dimostrabile per un motivo in particolare. Se qualcuno ne fosse stato a conoscenza, i dati delle intercettazioni sarebbero già stati venduti a caro prezzo nei settori più oscuri della rete. Ed invece lo stupore che regna tra gli esperti del settore è proprio quello dell’incompetenza informatica con cui le Procure gestivano i loro processi di indagine tramite alcune società ad oggi sotto attenta verifica di indagine.

L’incompetenza dell’azienda aggiudicatrice ha generato un problema di natura nazionale, dove forse pochi e abili smanettoni sarebbero riusciti ad accedere a questi dati sensibili in silenzio. E quindi il problema risiederebbe tutto qui anche se giustamente ingigantito dal livello di sicurezza a cui i dati “non custoditi idoneamente” appartengono. E’ chiaro che bisognerebbe anche comprendere se queste falle erano studiate apposta per rendere consultabili in tempo reale queste informazioni a una cerchia o a una “entità” interessata ad approvvigionarsene.

Inoltre, si può tranquillamente precisare, senza sminuire il lavoro che le Forze dell’Ordine stanno facendo in fase di indagine, che il processo di “cinturazione” degli 80TB è stato possibile perché i proprietari dell’utenza usavano il cloud come repository per le intercettazioni e davano l’accesso a richiesta. Cosi quando gli investigatori italiani hanno dovuto recuperare il “bottino” non hanno avuto bisogno di effettuare una rogatoria internazionale, che ha invece ostacolato le indagini italiane sugli Occhionero, perchè le credenziali erano già state messe a disposizione. Un altro problema adesso degli inquirenti sarà quello di capire se questa mole impressionante di dati sia stata replicata in qualche altra piattaforma “anomala” o semplicemente di Backup.

Viste le premesse, il danno con buone probabilità sarà minore del previsto perché, da come sta emergendo la vicenda e sembrerebbe che la rete su Amazon Web Services fosse un colabrodo, ma non è proprio così visto che, in questo caso, le credenziali sono state date a molti e questo ha reso il sistema fragile. Inoltre, ci sarebbe da considerare l’ipotesi che il malware avesse le credenziali per scaricare i dati su AWS “cablate”, inserite nel malware Exodus praticamente, e questo ha consentito all’hacker NEX di reversare (decifrare) il codice del software malevolo utilizzato da molte Procure italiane. In questa storia di spionaggio che potrebbe portare a pensare ad un grande complotto ordito ai danni del Sistema Giustizia Italiano, risulta che, almeno per questa volta, sia tutto figlio di quella grande madre che aleggia nel Bel Paese con grandi ramificazioni nella Pubblica Amministrazione: l’incompetenza.

La cosa ancora più preoccupante in questi giorni, dal punto di vista di chi scrive, è la risposta che il Paese vuole dare sul fronte della Cybersecurity nostrana. Condividiamo le strategie del Patto Atlantico e viviamo quotidianamente una una esperienza interessante di Nuovo Ordine Mondiale nel contrasto al crimine informatico con gli altri paesi, ma contemporaneamente abbiamo aperto in pompa magna un centro della ZTE, compagnia ipertecnologica di proprietà del Governo cinese, come fonte di tutela del nostro spazio cibernetico così come dichiarato dai rappresentanti in materia della governance italiana.

E i nostri Servitori dello Stato cosa pensano visto che a breve non solo saranno monitorati dall’ONU, ma anche spiati dai Cinesi?

E la competenza italiana?

Continuerà a morire, questo è sicuro.

Commenti da Facebook

Inchieste

Minori e pedopornografia: dal dark web una ricerca che deve far preoccupare i genitori

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

L’associazione finlandese “Protect Children” per avere riscontri sul consumo di filmati vietati in rete lancia una pietra nello stagno e la risposta è agghiacciante. L’idea di pubblicare un sondaggio nel dark web ha avuto un riscontro positivo in termini di partecipazione degli utenti. Cinquemila frequentatori della parte oscura di internet, famigerata più per i traffici illeciti che per la diffusione di Internet libero e anonimo, hanno risposto al sondaggio pubblicato su una pagina .onion nel circuito Tor, scelto proprio perché garanzia di anonimato.

I dati che emergono dalla ricerca non sono dei migliori ed il numero di persone che vi ha partecipato non è poi così ridotto per delineare un fenomeno sempre crescente ed i motivi risultano essere ancora più chiari da questa ricerca.

Il questionario è stato presentato in lingua inglese e spagnola, ma gli attivisti di Protect Children riferiscono che sono arrivate anche risposte in lingua araba cinese e russa.

I dati dell’orrore

Il 70% degli intervistati ha dichiarato di aver visto per la prima volta i filmati pedopornografici quando era ancora minorenne.

Il 40% di questi quando era al di sotto dei 13 anni

Il 45% degli intervistati ha ammesso di essere in cerca di video con protagoniste femminili di età compresa tra i 4 ed i 13 anni

Il 18% vuole protagonisti maschili

Il resto invece è in cerca di contenuti con protagonisti sotto i 4 anni

La richiesta d’aiuto nelle risposte

L’anonimato potenzialmente garantito dalla rete Tor ha messo in moto, secondo gli ideatori del sondaggio, una sorta di richiesta di aiuto da parte degli intervistati. Una buona fetta di quelli che hanno partecipato al sondaggio ha fatto intendere che hanno provato più volte a smettere di guardare i video illegali e di aver cercato di porre fine a questo desiderio anche tramite atti di autolesionismo con istinti suicidi.

Considerazioni sulla ricerca

Quanto espresso nell’inchiesta denota già due profili diversi di consumatori della pedopornografia. Il primo è quello di coloro che cercano contenuti sessualmente espliciti con minori, mentre un altro è quello di coloro che sono alla ricerca di contenuti forti come sevizie e torture inflitte su una fetta di bambini appena nati o in età prescolare.

Questo ci fa intendere che nel secondo caso il bambino non è meramente un oggetto del desiderio sessuale, ma una vittima di crimini atroci il cui contorno sessuale spesso è marginale. Una tendenza questa che ovviamente fa riferimento a video presenti in rete, spesso anche facilmente consultabili, di torture e omicidi con adulti protagonisti di contenuti snuff e gore.

La richiesta di aiuto che emerge dal risultato è invece dovuta al fatto che chi guarda il filmato pedopornografico, sa di commettere un qualcosa di sbagliato, ma consumandone sempre di più, entra in quella fase di Burn Out dove il processo di valutazione della psiche tende a normalizzare un fenomeno nella maggior parte dei casi “consapevolmente sbagliato”. Non è un caso che gli operatori di sicurezza internazionale siano sotto costante terapia psicologica proprio per non raggiungere questa soglia di tolleranza a dei veri atti di orrore, essendo costretti a consumare migliaia di video proibiti per cercare di individuare i colpevoli e salvare i poveri bambini malcapitati.

Il primo video pedopornografico osservato ad una età inferiore di 13 anni, ma anche meno di 18, può dirci molto dell’identità anagrafica del partecipante al sondaggio anonimo. Nei primi anni di internet, prima che nascesse Google per intenderci, la visione di questi contenuti era facilmente raggiungibile grazie ad una mancanza di filtro da parte dei motori di ricerca dell’epoca e quindi qualsiasi bambino lasciato solo dinanzi ad un pc poteva accedere a contenuti porno che poi rimandavano a siti proibiti che mostravano sesso tra minori e adulti.

C’è però un altro dettaglio che non va sottovalutato e viene affrontato minuziosamente già dalla prima edizione di Cultura Digitale (manuale di sopravvivenza per genitori, docenti e figli) è che con l’avvento dei social di messagistica come Whats App e Telegram, l’accesso dei minori a contenuti forti è potenzialmente più alto ed è per questo che il rischio di avere una generazione di millennials consumatori di video pedopornografici è non solo concreto, ma anche reale se analizziamo alcuni casi che la cronaca ci riporta.

Inoltre, sempre spiegato nel libro, la normalizzazione negli under 18 del sesso tra adulti e minori è la strategia più diffusa dai pedofili per approcciare prima nel virtuale per poi entrare in contatto nel reale.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Inchieste

Attivisti di #OpChildSafety segnalano a Matricedigitale altri link Twitter su bambole del sesso per pedofili

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Pochi giorni fa abbiamo raccontato in esclusiva la storia delle bambole del sesso destinate ai pedofili in vendita nel dark web.

Il gruppo #1ЭЭ7РэdоНцитэяs capitanato da Fifidh ha avviato una ricerca su larga scala di questo prodotto proibito ed ha fornito 20 più di venti links provenienti da Twitter dove si possono osservare queste bambole del sesso nei loro particolari.

Fattezze asiatiche per lo più, vestite in bikini oppure come scolarette, fino ad arrivare ad abiti da ragazze immagine, le bambole per pedofili suscitano un interesse maggiore in paesi come Cina e Giappone. 

I problemi sulla materia sono tanti. Iniziamo dell’esistenza di questi prodotti, consideriamo la loro esposizione sul social Twitter accessibile a tutti e per finire non possiamo non considerare le interazioni di utenti compiaciuti a tale orrore.

Abbiamo raggiunto FifiDh e le abbiamo chiesto se è stato difficile trovare questo contenuto su Twitter e la risposta è stata destabilizzante:

“ho semplicemente cercato gli Hashtag doll”

Come giudichi la presenza di questi contenuti su Twitter?

Ritengo che Twitter stia diventando come il Dark Web

Nella mia Fanpage di Facebook, alcuni utenti hanno anche immaginato che questi strumenti possono tenere lontano i pedofili dai bambini reali, sfogando così le loro perversioni. Come ritieni questa analisi?

Non è la soluzione, ma potrebbe essere un deterrente alle loro perversioni. Purtroppo queste persone hanno un istinto predatore che non si soddisfa del tutto con delle bambole.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Inchieste

Bambole del sesso per pedofili in vendita nel Dark Web

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

A distanza di anni riemerge il mercato delle bambole gonfiabili per pedofili. La scoperta è stata fatta da noi di matricedigitale durante le nostre ricerche nel lato più oscuro della rete internet. La materia è stata affrontata già qualche tempo e riportata nel libro “la prigione dell’umanità”, ma il business sembra essere migliorato.

Non solo un modello grafico di sito web rammodernato, ma anche la presenza di un carrello di commercio elettronico. Inoltre c’è la possibilità di scegliere non più su tre modelli, ma su una ventina di campioni, compreso uno che raffigura una bambola Hentai simile alla nota Lamu. L’altezza parte dal metro fino ai 124 cm e questo denota una rappresentazione di bambine d’età compresa tra i 4 ed i 6 anni. 

Per quanto concerne invece i costi della merce proibita, si parte dai 260 dollari per arrivare fino ai 360. In una sezione del sito riservata alle Frequently Asked Questions è possibile ricavare maggiori informazioni sul servizio offerto.

In sintesi, la merce è di fabbricazione cinese, la consegna è garantita in tutto il mondo tramite DHL, ma la notizia più sorprendente è che consentono il pagamento all’arrivo con ritiro del pacco presso un punto di smistamento DHL. Unica differenza tra l’ordine pagato in anticipo e quello saldato alla consegna è la differenza di 25 euro per la consegna.

Tutto bello potrebbe sembrare se si hanno delle perversioni simili, ma c’è sempre un dubbio. Queste bambole sono bandite e quindi illegali e molto spesso dietro questi servizi, si nascondono agenti delle forze dell’ordine pronti a stanare criminali in giro nella rete. 

Speriamo sia così anche questa volta.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Tendenza

MatriceDigitale.it - Copyright © 2021, Livio Varriale - Privacy Policy