Connect with us

Inchieste

INCHIESTA ANONIMATO ONLINE: Stefano Zanero smonta la proposta “inefficace” di Marattin

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

Iniziamo la nostra inchiesta sull’anonimato intervistando uno dei maggiori detrattori della proposta di Marattin per quanto concerne l’associazione di un documento di identità ad un profilo social. Stefano Zanero è un giovane Professore associato a tempo pieno di Informatica del Politecnico di Milano con un curriculum di “appena” 19 pagine. C’è chi lo ha bollato come “non addentro alle questioni sollevate da Marattin”, ma è chiaro che, indipendentemente da quanto egli sostiene, rappresenta un valido contributo al tavolo di concertazione aperto da noi di matricedigitale, che ha lo scopo di individuare una strada percorribile che tuteli non solo l’anonimato, ma anche chi è vittima di coloro che approfittano di un uso improprio della possibilità di navigare sotto traccia nella rete internet.

E quindi l’eccesso della libertà fa male?

Siamo davvero convinti che l’anonimato in un contesto europeo, quindi democratico, sia dovuto?

E’ un deterrente contro il crimine informatico?

E’ utile contro i profili falsi ed i BOT?

Questi sono quesiti che dovranno trovare risposta nell’intervista che segue.

Professore, la proposta di Marattin, per me che sono un giornalista che ha vissuto sulla sua pelle minacce, offese e diffamazioni sia da profili falsi che reali, non è inopportuna, ma risulta rischiosa certamente perché potrebbe comportare un abuso da parte dei poteri forti e politici del paese. Cosa la separa dal punto di vista del deputato di Italia Viva?

Non è possibile tecnicamente mettere in atto quanto auspicato da Marattin perché sarebbe una misura ristretta al territorio italiano. Infatti, basterebbe registrarsi ai social con indirizzo IP straniero ed una connessione VPN. Non risulterebbe praticabile, inoltre, perché costruirebbe un DB di documenti di identità presso infiniti terzi non essendo solo un problema circoscritto ai social network, ma anche ai blog e ad ogni piattaforma aperta ai commenti degli utenti.

Quando ho definito rischiosa la proposta è perché giorni fa ho studiato il caso di un troll su Twitter che offendeva la deputata Cirinnà, e altre di Italia Viva come la Boschi, ma che in realtà condivideva molti post contro Salvini prima di diventare un troll seriale. La Cirinnà ha appoggiato energicamente la proposta di Marattin, questo può far nascere il sospetto sulla possibilità di una strategia di reazione indotta?

Sono sempre dell’opinione di spiegare le cose in modo semplice senza dietrologie. I troll vanno a vento, quello del denaro precisamente. Ci sono casi di troll che un giorno andavano a favore di una idea o un partito ed il giorno successivo appoggiavano l’idea opposta. Quello delle offese è un problema che coinvolge molti, se non tutti, i personaggi famosi e porto gli esempi della Cirinnà, Boldrini fino ad arrivare allo stesso Muccino, che ha avallato la proposta di Marattin. Si evince quindi che c’è un ceto sociale composto da personaggi famosi che giustamente soffre un disagio derivante dalle offese gratuite e perpetrate nel tempo da parte di sconosciuti e comprendo anche che, non essendo preparati tecnicamente, pensano di risolvere questioni così complesse con soluzioni molto elementari. Mi preme precisare che la proposta di Marattin viene a margine di altre richieste effettuate da Pagano di Forza Italia, Leu, più Europa, Movimento Cinque Stelle e quindi non consiste in nessuna novità, ma in una linea d’azione ricorrente dei partiti sul tema.

Sia tecnicamente che ideologicamente ha bocciato la proposta, le chiedo allora quali sono le sue proposte concrete per affrontare il problema dell’odio social diversamente da come l’ha affrontato Marattin.

La soluzione di Marattin è troppo semplice. Gli account cosiddetti anonimi sono già poco nascosti perché ci sono riferimenti indicativi dell’utente come l’indirizzo IP e l’ora di collegamento. Gli strumenti ci sono già, ma il problema è l’attuazione delle leggi in vigore. Per esempio, si fa la denuncia all’Autorità Giudiziaria che la gira al PM, quest’ultimo spesso è costretto ad adire ad una rogatoria internazionale per ottenere i dati dell’utente. La complessità di questa procedura risiede nel fatto che gli interlocutori sono società estere e rappresenta già un freno per i giudici, costretti a contenere i costi richiesti dall’azione giudiziaria, che li espone comunque ad una valutazione preventiva da parte di un altro giudice. Se la rogatoria viene effettuata dall’Italia, per esempio, verso gli USA, chi dà poi parere favorevole al rilascio delle informazioni da parte della società è un giudice americano, che valuta secondo la normativa ricorrente del paese. Si può immaginare che spesso la rogatoria venga considerata inammissibile per via di un diverso trattamento del reato a seconda dello stato dove giunge la richiesta. Quindi consiglio a Marattin di focalizzarsi sull’attuazione degli strumenti già presenti nel nostro ordinamento, potenziando la rogatoria, magari rendendo prima di tutto le procedure delle denunce più snelle sia per chi le fa sia per l’Autorità Giudiziaria che deve elaborale. E’ un problema di Giustizia, dei fondi da investire nel campo, piuttosto che aggiungere una inutile misura che riguarda i documenti di identità.

I profili falsi sono un business per le multinazionali e per i social network, più sono gli utenti farlocchi più pesa il valore di una azienda del campo. E spesso dietro i profili falsi si nascondono criminali come truffatori e pedofili. Anche qui non c’è condivisione con Marattin?

Qui scopre il nervo più sensibile di questa situazione: i profili falsi. Quello che sostiene è corretto, anche se i profili “anonimi” in pochi casi cono collegati a malintenzionati. Qui si apre ad un conflitto di interessi notevole che non avviene esclusivamente nella vita virtuale. Prendiamo ad esempio l’inquinamento. Le aziende preferiscono utilizzare procedure inquinanti rispetto a quelle più “verdi” perché costano di meno. Come si fa allora? La politica ha già affrontato questo argomento e si è trovata come soluzione quella che viene definita l’externality recharge: sanzionare i danni derivanti da reati generati all’interno dei social network. Questo però può essere possibile con leggi di livello europeo o addirittura globale, ma sarebbe un deterrente efficace perché responsabilizzerebbe gli attori principali del mercato.

Subentra nella discussione anche il business dei BOT. Abbiamo visto come il fenomeno dilaga sui social per manipolare le masse. Senza BOT forse ci sarebbe più condivisione e partecipazione umana nei pensieri politici degli elettori del Paese, non trova?

Posto che secondo me è un grande problema che non si può risolvere tecnicamente e questo evidentemente Marattin non lo sa, visto che anche per i bot vale la regola che è possibile registrarli con IP stranieri. La soluzione è quella di rendere la permanenza dei BOT nell’ecosistema social onerosa fino a renderla economicamente insostenibile. Inoltre, voglio precisare che la proposta del deputato di Italia Viva non andrebbe assolutamente a colpire il sistema dei bot che dovrebbe essere normata a livello mondiale e quindi è impraticabile da un punto di vista tecnico. Se proprio dovessi trovarti dei punti positivi che consentirebbero di andare incontro alle intenzioni di Marattin, direi che in ogni punto della sua proposta si potrebbe lievemente avere dei risultati, ma mai sulla questione dei BOT.

Che male c’è nel dare i documenti se poi i social ci consentirebbero comunque di scegliere il nostro nome, il nostro gender nel rispetto delle regole sulla privacy? Anche perché i social, e non solo, già hanno profilato mezza popolazione mondiale senza documenti di identità.

Domanda pertinente, che sollecita un intervento normativo sull’utilizzo dei dati in possesso delle multinazionali del web, ma che fa emergere un controsenso: non puoi consegnare i documenti di identità alle multinazionali se per anni ti sei opposto alla profilazione dei dati da parte loro. Mi sembra una idea pessima, oltre che controproducente.

Un noto avvocato napoletano, pochi giorni prima della petizione di Marattin, ha fatto una proposta condita con un pizzico di provocazione e precisamente ha invocato per i social una identità digitale correlata a misure punitive come il Daspo ed addirittura l’ergastolo digitale. Cosa pensa in merito?

Visto che gli avvocati fanno proposte tecniche, mi azzardo a fare una proposta giuridica e cioè che ad ogni proposta normativa sul tema sia allegato un piano di fattibilità tecnico firmato da un ingegnere informatico o delle telecomunicazioni. Scherzi a parte, è tecnicamente impossibile e meno male che non lo è perché la considero una evenienza riprovevole. Se riflettiamo meglio, già esiste sotto forma di restrizione della libertà altrui come misura coercitiva comprensiva di divieto della navigazione online. Per alcuni casi dove è necessario monitorare gli spostamenti di un cittadino colpito da misura punitiva si usa un braccialetto elettronico, ma qui non mi viene in mente nessuna soluzione.

Commenti da Facebook

Inchieste

Portafogli Bitcoin rubati: il nuovo business “truffa” nel darkweb

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Il Bitcoin è la prima cryptovaluta ed è per questo che è ritenuta la più affidabile dal mercato. Ad oggi il suo valore è aumentato a sproposito che fa sorridere il rapporto di cambio con qualsiasi altra moneta e anche materiale prezioso.

Con un kg di oro puro, data dell’articolo, non si arriva ad acquistare una unità di Bitcoin. Per custodire un bitcoin è possibile farlo essenzialmente in due modi:

  • Conservarli sulle piattaforme di scambio
  • Conservarlo in un portafoglio elettronico indipendente

Se conservare un bitcoin su una piattaforma di scambio come Coinbase, Kraken o Crypto può essere rischioso in caso di fallimento economico delle stesse, o nei casi peggiori con azioni di exitscam, la custodia personale nei portafogli elettronici come Electrum o Metamask, può essere frustrante se si perdano le chiavi di accesso e di sicurezza per ripristinare i wallet. Ancora più avvilente se qualcuno riesce ad accedere ai nostri pc e riesca a rubare le credenziali di accesso dei nostri portafogli per ricavare tutte le informazioni necessarie al cambio di proprietà e destinazione.

Ecco che nel Dark Web oltre al business delle carte di credito clonate, degli account paypal messi in vendita, adesso c’è quello del portafogli bitcoin rubato.

Stolen Bitcoin Wallets Shop

Il sito Stolen Bitcoin Wallets Shop offre diversi portafogli rubati e da quanto propone il portale, con annessa piattaforma di registrazione e commercio elettronico, vende portafoglio con 0,2 (ad oggi diecimila euro circa) alla cifra di 65 dollari. Il portafogli con 0,9 (quasi cinquantamila euro) a 267 dollari.

Perché puzza di truffa?

Essendo il bitcoin una moneta tracciabile, seppur conservi un livello di anonimità abbastanza alto, chi riesce ad accedere al portafogli altrui può tranquillamente effettuarsi il bonifico virtuale sul proprio wallet o addirittura sul sistema stesso di lavanderia creato ad hoc per far sparire la tracciabilità delle sue operazioni criminali. Quindi chi ruba portafogli bitcoin non ha bisogno di venderli a prezzi stracciati, cosa diversa invece da chi deve smaltire carte di credito clonate che hanno norme precise e tracciamenti specifici dei flussi di denaro che impegnano.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Inchieste

Onlyfans, passo indietro sul porno: i nostri figli continueranno a prostituirsi?

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

Leggere un titolo del genere potrebbe sembrare il solito articolo acchiappaclick, ma non è così. Chiaro che non tutti i figli si prostituiscono, ma forse nemmeno in tanti, però c’è un fenomeno che in questi anni ha preso piede grazie anche ad Onlyfans e non è il massimo per chi, come i genitori e gli insegnanti, ha lo scopo di tutelare le nuove generazioni.

Andiamo per gradi:

Onlyfans è una piattaforma di creatori di contenuti che vendono i loro prodotti digitali agli utenti che scorrono una timeline simile a Twitter e che pagano o offrono delle mance. Fino a qui nessun problema, ma cosa succede se a partecipare a questo gioco, sia attivamente sia passivamente, ci siano dei minori?

Qualcuno potrebbe rispondere “nulla” ed effettivamente anche su YouTube i nostri figli sono diventati più ricchi di noi a quanto pare, ma sul social video di Google non girano contenuti per adulti ed ecco che comprendiamo la differenza che crea maggior preoccupazione nella nostra società ancora più smembrata in questi mesi dal Covid, colpevole di aver relegato i giovani online.

Superato l’aspetto teorico entriamo nel merito della nostra denuncia. Esiste un mondo sommerso di minori che utilizza OnlyFans con motivazioni simili a quelle di quegli adolescenti che anni fa vendevano per una ricarica le proprie immagini violate nell’intimità o addirittura frequentavano giri dove persone adulte gradivano “addormentarsi” con loro. Internet, si sa, è davvero in grado di amplificare nel bene e nel male dei fenomeni. Se il titolare di Onlyfans si vanta di aver generato 100 milionari sul milione di artisti che ogni giorno partecipano alla pubblicazione dei loro contenuti, deve per onestà intellettuale anche ostentare con la stessa fierezza l’aver permesso a delle liceali di acquistare l’ultima Gucci o l’ultima di Saint Bart per andare al mare senza gravare sui propri genitori.  

LE STRATEGIE UTILIZZATE DAI MINORI

I minori su Onlyfans non possono comparire perché altrimenti sarebbero segnalati e comunque utilizzano lo strumento per arrotondare la paghetta e non per fare questa carriera, anche se qualcuno avrà trovato nel business la sua aspirazione di vita, ed è per questo che i loro clienti preferiti sono i feticisti.

Senza presentarsi dalla testa ed i piedi, ragazzi e ragazze mettono in vendita scatti di pezzi del loro corpo dalle mani ai piedi, amatissimi da chi segue con eccitazione il genere. Non mancano video di movenze sexy in abiti succinti che riprendono tutto tranne che la faccia.

Ancora più inquietante per un genitore, la furbizia mista a malizia di chi fa prostituire inconsapevolmente e digitalmente la madre senza che questa ne sia a conoscenza, inserendo tra una sua foto ed un’altra, o creando un profilo dedicato, foto delle parti intime del genitore folgorato improvvisamente da scatti fugaci mentre dorme ad esempio con la sottoveste indosso.

Attenzione, parliamo di contenuto pedopornografico che in questo caso viene somministrato ad un pubblico adulto come materiale prodotto da ventenni o da barely legal, appena maggiorenni e questo non vuole assolvere chi consapevolmente cerca contenuti di minori, ma è impossibile accusare persone che non riescono a distinguere l’ètà di un modello sulla base di pezzi di corpo esposti.

I guadagni vengono dirottati o su carte di debito intestate ai genitori stessi o a profili fittizi trovabili facilmente in rete a poco prezzo.

L’ESPERTO DI ONLYFANS RISPONDE

Per trovare riscontri ai racconti giunti sotto forma di segnalazioni a noi di Matrice Digitale, abbiamo contattato Luca Tipaldi esperto di managment dei profili di OnlyFans e delle SexWorkers che ha illustrato i sistemi di valutazione delle iscrizioni alla piattaforma definendoli avanzati e sicuri perché “non solo prevedono l’invio di un documento, ma anche la foto della persona con il documento stesso”

E se l’aspirante performer produce un documento falso a suo nome?

Ovviamente è possibile in questo modo evadere il processo, ma si va incontro ad un’altra verifica che è quella bancaria per eseguire i pagamenti dove la piattaforma richiede tassativamente che il nome del titolare del profilo sia anche quello del titolare del conto dove vengono accreditate le entrate derivanti dalla propria attività.

E se un minore sul documento inserisce i dati del conto bancario intestato a nome della madre su cui è poggiata la carta di credito/debito che usa il minore?

Anche qui c’è poco da fare e invito i genitori a verificare eventuali accrediti sul conto da parte della Fenix ltd. che sarebbe la società che detiene il marchio Onlyfans.

Per quanto riguarda i contenuti di soggetti terzi, ritiene che questi se pubblicati senza il volere di una persona possono essere facilmente rimossi?

Ovviamente sì, ed in poco tempo, anche se tutto deve partire da una segnalazione ed è qui che si apre la possibilità di pubblicare come da voi denunciato delle foto di parenti o anche contenuti inventati perché presi da altre piattaforme per adulti, come quelle che ospitano i film porno.

PERCHE’ NE SCRIVIAMO SOLO ORA

Questo è il capitolo più delicato della vicenda perché dinanzi ad una notizia così eclatante e che molti minori leggeranno, non vogliamo essere noi stessi di Matrice Digitale a consigliare ai più piccoli come fare soldi con Onlyfans visto che ci hanno già pensato molti programmi televisivi nel dirottare i giovani su queste piattaforme, ingegnandosi i metodi descritti più in alto. Le Iene, ad esempio, con un pubblico di fascia d’età medio bassa, ha presentato il social di adult entertainment in pompa magna con un documentario di 20 minuti intervistando anche le protagoniste. Sarebbe curioso capire se ci sia alla base una natura commerciale ad aver animato il servizio per la Mediaset, ma fatto sta che, seppur in fascia protetta e bollinato di rosso, si sono usate delle testimonial che hanno sicuramente acceso la mente di qualche ragazza o ragazzo più smaliziato e desideroso di soldi facili. Bisogna fare attenzione ancora a cosa propone la tv perché è vero che internet ne è piena di articoli che ne parlano, ma è anche vero che sono contenuti orientati più ad eventuali consumatori con immagini e video che stimolano l’acquisto e non invece alla partecipazione. Nel corso dell’intervista con l’esperto, si è ipotizzato anche uno scenario inedito dove ci sia un terzo a gestire per conto di un minorenne l’account di Onlyfans, generando in partenza un favoreggiamento alla pedopornografia anche se la piattaforma impone allo stesso nominativo di avere massimo due profili di cui uno ad accesso gratuito e l’altro tramite abbonamento.

CONCLUSIONI

Quello di cui vi abbiamo parlato è la causa principale per cui il grande imprenditore che ha creato Onlyfans è stato messo alle strette dai suoi investitori ed ha rinunciato ai contenuti per adulti da ottobre 2021. Gira voce che su questo social ci fossero anche video di violenze e di stupri, possibile anche se non abbiamo riscontri,presenti invece su altre piattaforme, ma è chiaro che, con l’abbassamento della soglia legale di partecipazione in modo illegale e con l’impossibilità di controllare in modo capillare l’esplosione di questo fenomeno, si è arrivati a rinunciare ai contenuti per gli adulti. Molti competitor, in vita e altri morti dopo la stessa scelta, se la sono risa e attendono Onlyfans nel cimitero del perbenismo che su internet paga meno dei contenuti degli adulti sempre che non ti chiami mr Google. Dopo l’annuncio però, c’è stato il contro annuncio, ed OnlyFans ha fatto un passo indietro garantendo la continuità della sua offerta. Purtroppo, però, il danno è stato fatto creando un precedente che non è piaciuto ai suoi performers in cerca ad oggi di nuovi lidi che diano maggiore stabilità e quindi bisogna monitorare se i nostri figli continueranno a prostituirsi qui o altrove? Magari continuando ad utilizzare anche le nostre foto?

Se lo scoprite, segnalatecelo.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Inchieste

Minori e pedopornografia: dal dark web una ricerca che deve far preoccupare i genitori

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 3 minuti.

L’associazione finlandese “Protect Children” per avere riscontri sul consumo di filmati vietati in rete lancia una pietra nello stagno e la risposta è agghiacciante. L’idea di pubblicare un sondaggio nel dark web ha avuto un riscontro positivo in termini di partecipazione degli utenti. Cinquemila frequentatori della parte oscura di internet, famigerata più per i traffici illeciti che per la diffusione di Internet libero e anonimo, hanno risposto al sondaggio pubblicato su una pagina .onion nel circuito Tor, scelto proprio perché garanzia di anonimato.

I dati che emergono dalla ricerca non sono dei migliori ed il numero di persone che vi ha partecipato non è poi così ridotto per delineare un fenomeno sempre crescente ed i motivi risultano essere ancora più chiari da questa ricerca.

Il questionario è stato presentato in lingua inglese e spagnola, ma gli attivisti di Protect Children riferiscono che sono arrivate anche risposte in lingua araba cinese e russa.

I dati dell’orrore

Il 70% degli intervistati ha dichiarato di aver visto per la prima volta i filmati pedopornografici quando era ancora minorenne.

Il 40% di questi quando era al di sotto dei 13 anni

Il 45% degli intervistati ha ammesso di essere in cerca di video con protagoniste femminili di età compresa tra i 4 ed i 13 anni

Il 18% vuole protagonisti maschili

Il resto invece è in cerca di contenuti con protagonisti sotto i 4 anni

La richiesta d’aiuto nelle risposte

L’anonimato potenzialmente garantito dalla rete Tor ha messo in moto, secondo gli ideatori del sondaggio, una sorta di richiesta di aiuto da parte degli intervistati. Una buona fetta di quelli che hanno partecipato al sondaggio ha fatto intendere che hanno provato più volte a smettere di guardare i video illegali e di aver cercato di porre fine a questo desiderio anche tramite atti di autolesionismo con istinti suicidi.

Considerazioni sulla ricerca

Quanto espresso nell’inchiesta denota già due profili diversi di consumatori della pedopornografia. Il primo è quello di coloro che cercano contenuti sessualmente espliciti con minori, mentre un altro è quello di coloro che sono alla ricerca di contenuti forti come sevizie e torture inflitte su una fetta di bambini appena nati o in età prescolare.

Questo ci fa intendere che nel secondo caso il bambino non è meramente un oggetto del desiderio sessuale, ma una vittima di crimini atroci il cui contorno sessuale spesso è marginale. Una tendenza questa che ovviamente fa riferimento a video presenti in rete, spesso anche facilmente consultabili, di torture e omicidi con adulti protagonisti di contenuti snuff e gore.

La richiesta di aiuto che emerge dal risultato è invece dovuta al fatto che chi guarda il filmato pedopornografico, sa di commettere un qualcosa di sbagliato, ma consumandone sempre di più, entra in quella fase di Burn Out dove il processo di valutazione della psiche tende a normalizzare un fenomeno nella maggior parte dei casi “consapevolmente sbagliato”. Non è un caso che gli operatori di sicurezza internazionale siano sotto costante terapia psicologica proprio per non raggiungere questa soglia di tolleranza a dei veri atti di orrore, essendo costretti a consumare migliaia di video proibiti per cercare di individuare i colpevoli e salvare i poveri bambini malcapitati.

Il primo video pedopornografico osservato ad una età inferiore di 13 anni, ma anche meno di 18, può dirci molto dell’identità anagrafica del partecipante al sondaggio anonimo. Nei primi anni di internet, prima che nascesse Google per intenderci, la visione di questi contenuti era facilmente raggiungibile grazie ad una mancanza di filtro da parte dei motori di ricerca dell’epoca e quindi qualsiasi bambino lasciato solo dinanzi ad un pc poteva accedere a contenuti porno che poi rimandavano a siti proibiti che mostravano sesso tra minori e adulti.

C’è però un altro dettaglio che non va sottovalutato e viene affrontato minuziosamente già dalla prima edizione di Cultura Digitale (manuale di sopravvivenza per genitori, docenti e figli) è che con l’avvento dei social di messagistica come Whats App e Telegram, l’accesso dei minori a contenuti forti è potenzialmente più alto ed è per questo che il rischio di avere una generazione di millennials consumatori di video pedopornografici è non solo concreto, ma anche reale se analizziamo alcuni casi che la cronaca ci riporta.

Inoltre, sempre spiegato nel libro, la normalizzazione negli under 18 del sesso tra adulti e minori è la strategia più diffusa dai pedofili per approcciare prima nel virtuale per poi entrare in contatto nel reale.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Tendenza

MatriceDigitale.it - Copyright © 2021, Livio Varriale - Privacy Policy