Connect with us

Notizie

Gli hacker vanno a scuola: quali rischi e come difendersi

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 6 minuti. Non solo attacchi ransomware, ma vere e proprie scorribande che colpiscono gli studenti ed i loro compiti. Dagli USA la minaccia globale alla DaD

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 6 minuti.

“L’hacker ha rubato i miei compiti”. Mentre le generazioni precedenti di educatori avrebbero guardato con aria assente gli studenti che avevano presentato una simile scusa per spiegare perché la loro relazione sul libro non era stata consegnata entro la scadenza, gli insegnanti di oggi, la maggior parte dei quali è stata costretta a spostare le proprie classi in un ambiente virtuale e a utilizzare strumenti di apprendimento online e di videoconferenza per rimanere in contatto e impegnati con i propri studenti nel corso della pandemia, l’affermazione è tutt’altro che inverosimile.

Il recente attacco ransomware al Lincoln College dell’Illinois è un esempio del crescente rischio di attacchi informatici che le scuole di oggi devono affrontare. Già in difficoltà dal punto di vista finanziario e sull’orlo del collasso, con una dotazione finanziaria in calo e un precipitoso calo delle iscrizioni a causa della pandemia che ha allontanato gli studenti dal campus, l’attacco ransomware è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Le ammissioni e l’accesso ai dati e ai documenti chiave del campus sono stati bloccati. I sistemi informatici necessari per il reclutamento e la raccolta fondi erano inaccessibili. Incapace di riprendersi da questo colpo mortale, apparentemente arrivato all’improvviso, il college ha recentemente chiuso i battenti, ponendo fine a 157 anni di attività.

In un anno di grande successo per i criminali informatici, il Lincoln è stato una delle oltre 1.000 scuole e campus vittime di attacchi ransomware nell’ultimo anno, il che lo ha reso il più grande anno mai registrato finora, con le bande di ransomware che sembrano confrontarsi sui rispettivi successi lucrativi e che si sono coalizzate intorno a un settore che fino a tempi recenti è passato sottotraccia.

Dalla geografia alla geometria, cosa c’è nelle scuole che all’improvviso fa girare gli attori delle minacce come squali e come possono educatori e amministratori proteggersi dal diventare il prossimo Lincoln College?

Lauree in vendita sul Dark Web

Come gli studenti modello, gli hacker si sono documentati proprio come le loro vittime, sondando le vulnerabilità dei vari settori, ricercando quelli più propensi a pagare un riscatto e dove si trova il Santo Graal quando si tratta di dati preziosi. Per i fan della scelta multipla, segnate “tutto quanto sopra” per il settore dell’istruzione.

Il valore percepito dei dati riscattati è uno dei fattori decisivi che determinano se un gruppo di ransomware prenderà di mira una particolare entità e, anche se a prima vista il fatto che il piccolo Jimmy sia stato bocciato al suo primo esame di economia non sembra avere importanza, scavando un po’ più a fondo ci si rende conto che i dati che le scuole di oggi raccolgono e conservano sono più preziosi di quanto si possa pensare. Che si tratti di dettagli su singoli studenti, punteggi dei test, dati finanziari o criteri di ammissione, ognuno di essi potrebbe essere estremamente dannoso di per sé se venisse pubblicato, e non ci vuole un dottorato per capire quali potrebbero essere i possibili effetti a valle. I malintenzionati potrebbero modificare o cancellare i voti di un intero semestre, creare lauree fasulle o venderle sul dark web al miglior offerente. Internet è pieno di storie dell’orrore di individui poco raccomandabili che si sono rivelati in possesso di lauree in medicina false e di venditori di olio di serpente che ve le vendono. Perché sprecare quattro anni della vostra vita e sei cifre per andare a scuola di medicina quando il vostro amichevole attore minaccioso di quartiere vi “spedirà” una credenziale per un paio di dollari in modo che possiate aprire un negozio e iniziare a mettere i pazienti sotto i ferri oggi stesso?

Prendere in prestito una pagina dal settore finanziario

Oltre al valore dei dati in possesso delle università e dei college, che le rende un bersaglio privilegiato, c’è anche il fatto che non investono molto nelle misure di sicurezza informatica rispetto ad altri settori. Questa situazione non è passata inosservata agli odierni attori delle minacce, molti dei quali si sono formati nel settore finanziario, fortemente regolamentato, dove il lavoro numero uno è quello di custodire il proverbiale caveau. Mentre le banche sono state costrette dagli azionisti e dalle autorità di regolamentazione ad adottare un approccio alla difesa digitale simile a quello di Mission Impossible, investendo nell’equivalente della cybersicurezza di laser che rilevano i movimenti, fili d’inciampo e simili, la stragrande maggioranza delle scuole semplicemente non lo ha fatto, rendendole un bersaglio facile.

Con il valore elevato dei dati e le pareti sottili, gli hacker hanno tutti gli incentivi necessari per sferrare un attacco. La ciliegina sulla torta è che, il più delle volte, le scuole sono disposte a pagare il riscatto. Il settore dell’istruzione è diventato un grande business e il bene più prezioso di una scuola è ora la sua reputazione, con genitori senza scrupoli disposti a elemosinare, prendere in prestito e rubare per far entrare i propri figli nell’istituto “giusto” (vedi lo scandalo delle ammissioni di Varsity Blues). Anche gli esperti di minacce sono consapevoli di questo, riconoscendo che l’esposizione di un tesoro di dati è tutto ciò che serve a una scuola per precipitare nella classifica ipercompetitiva degli America’s Top Colleges; un occhio nero per la reputazione non facilmente superabile e che le scuole attingeranno con riluttanza ai loro fondi di dotazione per evitarlo.

Quattro best practice di cybersicurezza per difendersi dal ransomware

Sebbene sia allettante guardare dall’altra parte e sperare semplicemente di non essere presi di mira, la “speranza” non è una strategia su cui si può contare. Con l’emergere di nuove minacce ogni giorno, le classi sono a rischio e gli insegnanti devono aggiornarsi sulle migliori pratiche di sicurezza per evitare di cadere vittime di hacker malintenzionati. Di seguito sono riportati tre consigli di sicurezza che gli insegnanti e le istituzioni educative dovrebbero seguire per garantire la sicurezza dell’apprendimento a distanza e in presenza.

  1. Implementare un corso di sensibilizzazione sulla sicurezza: Chiedete a insegnanti e professori di ripassare le competenze di base in materia di sicurezza, offrendo una formazione che permetta loro di apprendere i fondamenti della cybersecurity. Non dovrebbe trattarsi di un’offerta una tantum, ma di una sessione di formazione continua su suggerimenti rilevanti per la sicurezza, in base ai cambiamenti del panorama tecnologico. I protocolli di sicurezza dovrebbero essere rivisti frequentemente, in modo che gli insegnanti comprendano i passi necessari per proteggere l’apprendimento a distanza e il mobile computing. Alcune best practice includono l’evitare di cliccare su link o allegati non attendibili, di usare reti Wi-Fi pubbliche o di mischiare dati personali e di lavoro su endpoint aziendali o servizi cloud. Le scuole dovrebbero anche formare gli insegnanti su come riconoscere ed evitare le e-mail di phishing truffaldino, anche facendoli partecipare regolarmente a esercizi di simulazione, vedendo chi “abbocca”, essendo trasparenti sui risultati e sottolineando eventuali indizi che potrebbero essere sfuggiti.
  2. Aggiungere un altro livello di protezione alle videoconferenze: La videoconferenza rimane il metodo più popolare per chi continua a usare l’apprendimento a distanza, ed è imperativo per gli insegnanti mantenere sicure le riunioni online. Come regola generale, non usate mai lo stesso ID per le videoconferenze più di una volta, perché in questo modo sarà facile per gli hacker entrare nelle reti e non essere scoperti. Assicuratevi che ogni sessione abbia una password unica come ulteriore livello di protezione per garantire che nessun ospite indesiderato possa fare la sua comparsa nelle riunioni. Allo stesso modo, è bene assicurarsi che i partecipanti non possano condividere i loro schermi senza il vostro permesso, anche in questo caso impedendo a eventuali ospiti indesiderati di fare un’apparizione improvvisata. Quando decidete tra le password, scegliete con saggezza ed evitate alcune password che potrebbero essere state scoperte in precedenti violazioni. Per coloro che preferiscono non affidarsi a strumenti pubblici gratuiti, esistono anche molti sistemi di gestione dell’apprendimento (LMS) che vale la pena prendere in considerazione.
  3. Non lasciate mai i dispositivi incustoditi o non aggiornati: Le reti domestiche non sono sicure come gli ambienti scolastici e, per chi facilita l’apprendimento online, gli insegnanti devono assicurarsi che i loro dispositivi di lavoro da casa siano completamente aggiornati con le ultime versioni dei sistemi operativi e dei software del firmware e che abbiano installato una protezione degli endpoint e altri software di sicurezza approvati dalle università. Inoltre, proprio come faremmo per mantenere i nostri dispositivi protetti in uno spazio pubblico, non dovremmo mai lasciare il nostro dispositivo incustodito e attivare sempre un blocco dello schermo che richieda un pin o un codice di accesso per rientrare. Quando non lo si utilizza, assicurarsi di disattivare le opzioni Wi-Fi e Bluetooth, in quanto possono essere punti di accesso per gli hacker.
  4. Chiamate gli esperti: La buona notizia è che le scuole non devono fare tutto da sole. Le soluzioni di cybersecurity automatizzate che sfruttano il vantaggio predittivo dell’intelligenza artificiale (AI) possono aiutare le istituzioni di tutte le dimensioni a superare la sfida delle risorse insufficienti senza far saltare il budget. Per contenere i costi, le scuole possono anche rivolgersi a un provider di servizi di sicurezza gestiti (MSSP) per implementare soluzioni di protezione degli endpoint o abbonarsi a un servizio di monitoraggio esterno 24 ore su 24, 7 giorni su 7, chiamato XDR (extended detection and response). Proteggendo i sistemi di sicurezza degli endpoint e della rete attraverso un servizio XDR gestito, le scuole possono avere accesso a soluzioni di livello aziendale e a esperti informatici 24 ore su 24 a una frazione del costo.

Come uno studente che studia notte dopo notte prima dell’esame finale, se gli educatori si impegnano ora e adottano le misure necessarie per proteggere adeguatamente i propri dati, il futuro rimarrà luminoso e pieno di possibilità per la comunità accademica nazionale e, con un po’ di fortuna, la scusa del “cane ha mangiato i miei compiti” riprenderà il suo posto legittimo e sacro nelle scuole di tutto il Paese.

Commenti da Facebook

Notizie

Blackout E Reti Telecomunicazione – Butti e Palumbo: rischio per milioni di utenti, urge cabina di regia

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: < 1 minuto. Le misure di contenimento dei consumi se applicate senza criterio rischiano di causare disservizi a milioni di utenti

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

Il settore TLC è in allarme per ipotesi di annunciati stacchi di erogazione dell’energia alle reti che potrebbero innescare un effetto domino sui dispositivi e generare disservizi di vaste proporzioni

“E’ indispensabile sin da oggi predisporre una cabina di regia per gestire la fase emergenziale prossima futura elaborando un programma concordato sull’eventualità d’interruzione di energia in ottica continuità di servizio, separando se necessario per fasce orarie gli impatti dei singoli operatori”.

Così il Senatore Alessio Butti responsabile dipartimento media e TLC in una nota congiunta con Flavio Palumbo dipartimento lavoro e TLC Lombardia. Aggiunge Palumbo, urge anche un immediato sostegno economico al settore TLC per l’aumento dei costi dell’energia concordando con le aziende la salvaguardia dei perimetri occupazionali

Conclude Butti garantendo il massimo impegno di Fratelli d’Italia per l’intero comparto TLC per delineare un quadro di una politica industriale al passo con le evoluzioni di mercato e della tecnologia

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Notizie

La nuova proposta dell’Unione europea sulla cybersicurezza prende di mira la criminalità informatica

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 4 minuti. “Questo regolamento è un passo fondamentale per garantire la proliferazione di tecnologie affidabili”, ha dichiarato il responsabile della sicurezza informatica del Forum.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 4 minuti.

L’Unione Europea sta avanzando una legislazione per rafforzare i requisiti di sicurezza per tutti i prodotti hardware e software digitali. La proposta mira a frenare la criminalità informatica, il cui costo per l’economia globale è stimato in 5,5 trilioni di euro nel 2021. Molti dispositivi personali connessi a Internet sono particolarmente vulnerabili alle violazioni. I legislatori stanno cercando di rafforzare i requisiti di sicurezza informatica in tutta l’Unione Europea, presentando una nuova legislazione per rafforzare i requisiti di sicurezza per tutti i prodotti hardware e software digitali. La proposta di legge, intitolata Cyber Resilience Act, riguarderebbe tutto, dai computer ai telefoni cellulari, dagli elettrodomestici da cucina intelligenti ai giocattoli digitali per bambini. “Quando si parla di sicurezza informatica, l’Europa è forte quanto il suo anello più debole: che si tratti di uno Stato membro vulnerabile o di un prodotto non sicuro lungo la catena di approvvigionamento”, ha dichiarato Thierry Breton, commissario UE per il mercato interno. La proposta di legge, presentata dalla Commissione europea all’inizio del mese, prevede che i prodotti siano progettati, sviluppati e prodotti in modo da ridurre i rischi di sicurezza informatica. Ciò include, ad esempio, l’obbligo di vendere i prodotti con una configurazione predefinita sicura, di mantenere un sistema di identificazione del prodotto completo e di garantire che le vulnerabilità sfruttabili possano essere affrontate attraverso aggiornamenti di sicurezza, oltre ad altre regole di divulgazione dei crimini informatici.

Negli ultimi anni, il numero di dispositivi personali connessi a Internet è cresciuto in modo significativo. Tuttavia, molti di questi cosiddetti prodotti dell’Internet degli oggetti sono altamente vulnerabili agli hacker e ai crimini informatici. In effetti, ogni 11 secondi si verificano in tutto il mondo attacchi ransomware che, secondo l’UE, lo scorso anno sono costati all’economia globale circa 20 miliardi di euro. Nel frattempo, gli attacchi DDoS – tentativi malevoli di interrompere o tagliare l’accesso ai servizi Internet o ai siti web – sono costati all’economia dell’UE circa 65 miliardi di euro nel 2020. In Belgio, ad esempio, quasi 1.000 aziende sono state colpite da crimini informatici nel 2021, con un aumento del 300% rispetto all’anno precedente, secondo un’analisi di Mastercard. La maggior parte degli attacchi informatici ha riguardato malware e ransomware. “Meritiamo di sentirci sicuri con i prodotti che acquistiamo nel mercato unico”, ha dichiarato Margrethe Vestager, vicepresidente esecutivo della Commissione europea per Un’Europa adatta all’era digitale. “La legge sulla resilienza informatica garantirà che gli oggetti e i software connessi che acquistiamo siano conformi a solide garanzie di sicurezza informatica”.

I protocolli di sicurezza informatica rafforzati dovrebbero aiutare anche le aziende e i produttori, in particolare le imprese più piccole che potrebbero non avere le risorse tecniche o i mezzi finanziari per sopravvivere a un attacco informatico. All’inizio di quest’anno, il Global Cybersecurity Outlook del World Economic Forum ha riportato che il costo medio di una violazione informatica per un’azienda è stato di 3,6 milioni di dollari. Inoltre, le aziende colpite hanno visto crollare i prezzi delle azioni e hanno impiegato in media 280 giorni per identificare e rispondere a un cyberattacco. “I leader tecnologici, le aziende e i loro consigli di amministrazione farebbero bene a prestare attenzione a questi sviluppi e a riconoscere che la strategia informatica è una strategia aziendale e che la comprensione del rischio informatico fa parte della buona governance nell’era digitale”, ha dichiarato Daniel Dobrygowski, responsabile della governance e della fiducia presso il Centro per la sicurezza informatica del Forum. La proposta di legge sulla resilienza informatica è stata accolta con favore da gruppi industriali come il TIC Council, un’organizzazione globale che copre i settori di test, ispezione e certificazione indipendenti. “La proposta costituisce un buon primo passo verso un mercato unico più resiliente dal punto di vista informatico”, ha dichiarato Martin Michelot, direttore esecutivo del TIC Council per l’Europa. La legislazione è stata presentata per la prima volta dalla Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen nel novembre 2021. Se l’atto sarà approvato dal Parlamento europeo e dal Consiglio europeo, i Paesi dell’UE avranno due anni di tempo per adattare le nuove regole. “La fiducia nel digitale è una necessità in un’economia globale che si basa su una connettività, un utilizzo dei dati e nuove tecnologie innovative in costante aumento”, ha dichiarato Akshay Joshi, responsabile del settore e dei partenariati presso il Centro per la sicurezza informatica del Forum. “Poiché i cittadini comuni sono sempre più diffidenti nei confronti delle tecnologie con cui interagiscono, questo regolamento migliorerà ulteriormente la trasparenza e consentirà agli utenti finali di fare scelte informate”.

Il Cyber Resilience Act dell’UE si aggiunge a numerosi altri atti legislativi proposti in tutto il mondo con l’obiettivo di arginare la criminalità informatica, che nel 2021 è costata all’economia mondiale 5,5 trilioni di euro. Entro il 2025, si prevede che i danni della criminalità informatica supereranno i 10.000 miliardi di euro. All’inizio di quest’anno, gli Stati Uniti hanno emanato una nuova legge che rafforza i requisiti di divulgazione dei crimini informatici per le aziende che operano nei settori delle infrastrutture critiche. Questa politica ha fatto seguito a un grave attacco ransomware avvenuto nel maggio 2021 contro Colonial Pipeline, che gestisce il più grande sistema di condutture del Paese per jet fuel, benzina e diesel. L’attacco, che sarebbe stato lanciato attraverso una vecchia rete privata virtuale aziendale, ha paralizzato gli oleodotti della costa orientale degli Stati Uniti e ha portato Colonial Pipeline a pagare circa 5 milioni di dollari in Bitcoin agli hacker. Oggi, anche la Securities and Exchange Commission e il Congresso degli Stati Uniti stanno portando avanti nuove normative per rafforzare e standardizzare i parametri di riferimento per la sicurezza informatica e i requisiti di divulgazione dei crimini informatici. “La regolamentazione ha un ruolo importante nell’incentivare la resilienza informatica”, ha aggiunto Dobrygowski.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Notizie

Know ricercato dall’Interpol per Terra e gli USA chiedono maggiori garanzie sulla DEFI

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Il presidente della Fed statunitense Powell invita alla cautela nella regolamentazione della DeFi
Alcuni politici sono intenzionati a imporre nuove regole al settore della finanza decentralizzata dopo il fallimento della stablecoin terraUSD di Do Kwon.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

La regolamentazione della finanza decentralizzata (DeFi) deve essere fatta “con attenzione e ponderazione”, dato il suo impatto limitato sull’economia reale, ha dichiarato il presidente della Federal Reserve Jerome Powell durante un evento ospitato dalla banca centrale francese martedì. Le sue osservazioni sembrano sollecitare una certa cautela nei confronti di quei politici desiderosi di imporre regole affrettate sulla scia dei recenti scandali messi in luce dal recente crollo delle criptovalute, come il crollo della stablecoin algoritmica terraUSD (UST), che utilizzava vari meccanismi per aiutare la moneta a mantenere il suo peg. “L’inverno della DeFi… non ha avuto effetti significativi sul sistema bancario e sulla più ampia stabilità finanziaria”, a causa della mancanza di legami tra di essi, ha dichiarato Powell a un panel.

“Penso che dimostri le debolezze e il lavoro che deve essere fatto sulla regolamentazione, in modo attento e ponderato, e ci dà un po’ di tempo”, ha detto. Ha aggiunto che sono i banchieri centrali che, quando i rischi di inflazione hanno iniziato a materializzarsi, potrebbero aver involontariamente innescato il collasso di molte iniziative del DeFi. “La normalizzazione della politica monetaria a cui stiamo assistendo in tutto il mondo non ha fatto altro che rivelare… problemi strutturali significativi nel sistema della DeFi e conflitti di interesse”, ha detto Powell. “Tutte queste cose sono state rivelate ora che la marea si è ritirata”.

Powell ha detto di essere favorevole all’applicazione delle regole della finanza convenzionale alla DeFi, citando il mantra “stessi rischi, stessa regolamentazione” – ma anche a caratteristiche nuove come la sostituzione degli intermediari con codice automatizzato, la governance decentralizzata e l’uso di portafogli di criptovalute non ospitati per facilitare il riciclaggio di denaro. Powell ha anche lasciato intendere di non avere fretta di introdurre una moneta digitale della banca centrale, una forma digitale di denaro pubblico che è allo studio in numerose giurisdizioni del mondo.

“Non abbiamo deciso di procedere e non pensiamo di prendere questa decisione per un po’ di tempo”, ha detto Powell, dato che la mossa richiede l’approvazione sia del Congresso che del potere esecutivo. “Stiamo valutando sia le questioni politiche che quelle tecnologiche e lo stiamo facendo con un raggio d’azione molto ampio”. Le sue osservazioni fanno seguito a un discorso tenuto da Mairead McGuinness della Commissione europea, che ha chiesto un coordinamento internazionale sull’applicazione di nuove regole alle criptovalute e alla DeFi.

“La finanza decentralizzata… mette in discussione alcuni aspetti fondamentali del sistema finanziario così come esiste attualmente”, ha dichiarato McGuinness, responsabile dei servizi finanziari presso il braccio esecutivo dell’UE. “La Commissione [europea] sta monitorando molto da vicino gli sviluppi e i rischi di questo settore in rapida evoluzione”.
Altri banchieri centrali sono stati più franchi nel loro scetticismo.
“Non vedo alcun valore aggiunto” nelle criptovalute, ha dichiarato Ravi Menon dell’Autorità Monetaria di Singapore. “È arrivato il momento di fare i conti”.
Christine Lagarde della Banca Centrale Europea ha dichiarato che il crollo della stablecoin terraUSD – il cui fondatore, Do Kwon, sembra ora essere oggetto di un avviso rosso dell’Interpol – ha dimostrato la necessità di imporre nuove regole al settore.
Da quando è emersa dal sogno libertario del fondatore di Bitcoin Satoshi Nakamoto, la criptovaluta è “stata abusata”, ha detto Lagarde. “Il signor Do Kwon, che è in fuga, è l’altra faccia di questa enigmatica medaglia, che giustifica la regolamentazione auspicata sia da Jay che da Ravi”.
Kwon ha negato di essere in fuga in un tweet inviato la scorsa settimana, affermando di collaborare con le autorità.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie3 giorni fa

Israele: la guerra informatica con l’Iran è senza precedenti

Tempo di lettura: 2 minuti. I comandanti delle unità di difesa e di cyber intelligence israeliane hanno annunciato che il...

Notizie6 giorni fa

Sandworm sta modificando i suoi attacchi alle infrastrutture ucraine

Tempo di lettura: 2 minuti. Il gruppo di hacker sponsorizzato dallo Stato russo noto come Sandworm è stato osservato mentre...

Notizie1 settimana fa

Gli attacchi informatici dell’Iran contro Israele sono aumentati, dice l’esercito

Tempo di lettura: < 1 minuto. La radio ha citato ufficiali militari secondo cui gli attacchi sono aumentati del "70%".

Multilingua1 settimana fa

Anonymous viola i siti web dello Stato iraniano dopo la morte di Mahsa Amini

Tempo di lettura: 2 minuti. I due principali siti web del governo iraniano e alcuni siti dei media sono stati...

Notizie2 settimane fa

Russia guerra cibernetica coinvolge anche i i satelliti

Tempo di lettura: 2 minuti. Il Committee of Concerned Scientists ha lavorato per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla situazione degli scienziati....

Notizie2 settimane fa

Documenti NATO rubati all’insaputa del Portogallo: messi in vendita nel Dark Web

Tempo di lettura: 4 minuti. I fascicoli top secret sono stati sottratti dall'Agenzia di Stato Maggiore delle Forze Armate del...

Notizie2 settimane fa

Taiwan vigila mentre la Cina scatena la sua guerra informatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Nel tentativo di resistere alle aggressioni cinesi, Taiwan ha aumentato le spese per la difesa...

Notizie2 settimane fa

Hacker iraniani colpiscono obiettivi nella sicurezza nucleare e nella ricerca genomica

Tempo di lettura: 3 minuti. La società di sicurezza aziendale Proofpoint ha attribuito gli attacchi mirati a un attore di...

Notizie3 settimane fa

La Cina accusa l’unità TAO della NSA di aver violato la sua università di ricerca militare

Tempo di lettura: 2 minuti. La Cina ha accusato la National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti di aver condotto...

Notizie3 settimane fa

Tempo di lettura: 2 minuti. Diversi gruppi di hacker iraniani hanno partecipato a un recente attacco informatico contro il governo...

Truffe recenti

Truffe online2 giorni fa

Curriculum Online, la denuncia: CVfacile.com attiva abbonamenti nascosti

Tempo di lettura: 3 minuti. C'è anche il sito expressCV ed è stato già segnalato per illeciti.

Truffe online2 giorni fa

Truffa Vinted: spillati 195 euro grazie a un link falso di Subito

Tempo di lettura: 2 minuti. Altro utente truffato, ma le responsabilità non sono tutte della piattaforma.

Truffe online5 giorni fa

Truffe della rete Theta e phishing di MetaMask

Tempo di lettura: 3 minuti. Questa settimana abbiamo trovato altre ingannevoli truffe di criptovalute a cui dovete prestare attenzione.

Truffe online2 settimane fa

Truffa su Kadena per 50.000 euro: donna vittima di relazione sentimentale

Tempo di lettura: 4 minuti. Dopo il caso dell'uomo raggiunto su Tinder, ecco un nuovo grave schema criminale che ha...

Truffe online3 settimane fa

4 messaggi e SMS WhatsApp “pericolosi” inviati per truffa

Tempo di lettura: 4 minuti. Vi spieghiamo alcune tipologia di attacco più frequenti sul programma di messaggistica

Notizie4 settimane fa

15 truffatori di bancomat arrestati a Gangtok

Tempo di lettura: 2 minuti. 11 provengono da Kanpur

Notizie1 mese fa

Truffatori telefonici causano danni per oltre 320.000 euro a Berlino

Tempo di lettura: 2 minuti. Migliaia di persone sono già cadute nel tranello di truffatori telefonici che si fingono dipendenti...

Notizie1 mese fa

Ecco come si può acquistare una identità nel dark web e fare le truffe. Lo studio

Tempo di lettura: 2 minuti. Sappiamo tutti che le informazioni rubate vengono scambiate sul dark web e una nuova ricerca...

scam scam
Notizie2 mesi fa

Spagna e Romania: sventata banda di truffatori online

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLe autorità spagnole, insieme alla polizia rumena ed Europol, hanno chiuso lunedì un’operazione...

Truffe online2 mesi fa

Il phishing sbarca anche su Twitter e Discord

Tempo di lettura: 3 minuti. Anche i "social minori" sono attenzionati dai criminali informatici

Tendenza