Connect with us

Notizie

Switch-off Digitale Terrestre: perché, come e quando

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 5 minuti.

Tra qualche giorno inizia il cosiddetto switch-off del digitale terrestre verso il nuovo standard DVB-T2, ma la strada è lunga e la roadmap ipotizzata dal MiSe ha già subito una modifica, ce ne saranno altre?

Il nuovo switch-off del digitale terrestre prevedere il passaggio dall’attuale standard DVB-T al nuovo DVB-T2. Fin qui sembra tutto ok, si cambia tecnologia verso uno standard tecnicamente migliore e allora da dove arrivano le preoccupazioni? I fattori preoccupanti sono diversi sia per tempistiche che per modalità, ma andiamo con ordine.

Il nostro viaggio verso il nuovo standard DVB-T2 segue alcun tappe intermedie legate alle domande che molti utenti si stanno ponendo:

Perché dobbiamo cambiare tecnologia?

L’Unione Europea ha deciso di effettuare il re-farming delle frequenze in banda 700MHz a favore dei gestori di telefonia 5G. La cosiddetta “Banda 700” è in realtà un range di frequenze tra 694-790 MHz.

Il re-farming è il termine tecnico che si riferisce alla riassegnazione dei diritti d’uso di tale banda agli operatori di telefonia mobile per lo sviluppo della tecnologia 5G. Questo porterà ad una conseguente redistribuzione delle frequenze residue tra le emittenti radiotelevisive attuali. Le emittenti, dovendo rilasciare una parte della banda attuale, trasmetteranno in uno spazio ridotto.

Ecco quindi che ci si chiede: ma se lo spazio di frequenze risulta ridotto a causa della cessione, ci sarà una perdita di qualità dei contenuti? In teoria NO quando si passa allo standard DVB-T2.

DVB-T2 (acronimo per Digital Video Broadcasting – Second Generation Terrestrial), rispetto all’attuale DVB-T, consentirà un miglioramento della qualità visiva e dell’alta definizione delle immagini che avranno una risoluzione fino a 4K, ovviamente dipenderà poi dal singolo gestore la qualità di un canale specifico.

Con il DVB-T2 cambierà anche lo standard di codifica del segnale che avverrà tramite il supporto HEVC (High Efficiency Video Coding). Tale standard, conosciuto anche come H.265, ha una maggiore efficienza in quanto consente un aumento della capacità trasmissiva a parità di banda utilizzata.

Questi sono i perché del passaggio, ma vediamo il come e quando perché è su questi due elementi che ci sono i veri problemi.

Come avverrà questo cambiamento?

Ci saremmo aspettati che il come fosse leggermente più semplice per tutti ed invece non sarà così. Il traguardo del passaggio al nuovo standard DVB-T2 sarà raggiunto gradualmente non solo come date ma anche come codifica delle trasmissioni. Vediamo il dettaglio.

Avremo in contemporanea due attività di migrazione. La prima è il rilascio graduale delle frequenze da parte delle emittenti (cosiddetta Fase 2). Per farlo l’Italia è stata divisa in diverse aree geografiche.

Ad ogni Area è stato assegnato un calendario per la cessione delle frequenze come vedremo tra poco.

Ma non finisce qui perché, indipendentemente dalle Aree geografiche, è previsto anche un passaggio graduale di codifica delle trasmissioni all’interno dell’attuale tecnologia DVB-T. Le emittenti sono chiamate dal Governo al passaggio dalla codifica MPEG-2 alla MPEG-4, la cosiddetta Fase 1.

Il motivo di questo ulteriore passaggio dovrebbe migliorare l’efficienza delle trasmissioni in attesa del passaggio completo alla nuova tecnologia DVB-T2. Il condizionale è d’obbligo perché il Governo non fornisce ulteriori indicazioni alle emittenti in merito alla qualità delle trasmissioni e tanto meno alla risoluzione da utilizzare.

Il principio è quello di migliorare la codifica delle trasmissioni proprio perché ci sarà meno spazio per le emittenti che dovranno sacrificare o la qualità o i canali. Usare la codifica MPEG-4 aiuterebbe in questo scenario.

Questo passaggio intermedio in cosa si traduce per gli utenti?

Nello scenario appena descritto gli utenti, per continuare a vedere gli attuali canali TV, dovranno essere dotati di TV o Decoder adatti sia alla visione della codifica MPEG-4 (Fase 1) sia alla visione del nuovo standard DVB-T2 (Fase 2).

Vediamo subito la semplice verifica da fare per entrambi i casi e nel capitolo successivo le date previste dal governo per i due passaggi.

Posso vedere i canali trasmessi con codifica MPEG-4?

Questa prima verifica è molto semplice. Facciamo l’esempio dei canali Rai e Mediaset. Per sicurezza prima di fare questa verifica è utile effettuare una nuova sintonizzazione automatica dei canali.

Attualmente i primi tre canali Rai e Mediaset sono trasmessi sia in Definizione Standard (SD) sui canali 1,2,3,4,5,6 sia in Alta Definizione (HD) sul 501, 502, 503, 504, 505, 506. I canali in HD sono codificati in MPEG-4 quindi se oggi sono visibili vuol dire che il TV o Decoder può vedere MPEG-4, di conseguenza si potrà utilizzarlo ancora almeno fino a quando si passerà al nuovo standard DVB-T2.

Posso vedere i canali trasmessi con il nuovo standard DVB-T2?

Questa seconda verifica è altrettanto semplice. Sarà sufficiente andare sul canale 100 o 200. Se compare la scritta “Test HEVC main10” significa che il dispositivo è in grado di vedere i canali trasmessi con il nuovo standard. In caso contrario sarà necessario sostituirlo.

Arriviamo ora al terzo ed ultimo punto: quando.

Quando vedremo le trasmissioni con il nuovo standard?

Passaggio al nuovo standard DVB-T2 (Fase2)

L’ultimo decreto del Governo in materia, consultabile sul sito del MiSe (link a fondo post), indica che le emittenti potranno passare al nuovo standard dal primo Gennaio 2023 in poi. Ad oggi non c’è una data esatta entro la quale farlo, si dice solo da quando.

Cessione delle frequenze in banda 700 MHz

Dal 15 Ottobre 2021, partendo dalla Sardegna (Area 1A), inizia la migrazione che dovrà concludersi per tutte le Aree entro Giugno 2022.

Nel dettaglio:

dal 15 novembre 2021 al 18 dicembre 2021: Area 1A – Sardegna;

dal 3 gennaio 2022 al 15 marzo 2022: Area 2 – Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano; Area 3 – Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza;

dal 1° marzo 2022 al 15 maggio 2022: Area 4 – Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata; Abruzzo, Molise, Marche;

dal 1° maggio 2022 al 30 giugno 2022: Area 1B – Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania.

Cambio codifica da MPEG-2 a MPEG-4 (Fase1)

Dal 20 Ottobre Rai e Mediaset inizieranno il cambio di codifica delle trasmissioni. Al momento in cui scriviamo il Governo non ha deciso la data finale del passaggio completo alla codifica MPEG-4, né ha inserito un vincolo sulla qualità di trasmissione.

Questo vuol dire che chi ha un dispositivo più datato (in generale antecedente al 2010) non vedrà più i canali che gradualmente migreranno alla nuova codifica (l’elenco dei primi canali migrati è presente sul sito web del MiSe). Chi invece ha un dispositivo in grado di vedere la codifica MPEG-4 potrà usarlo fino al passaggio al nuovo standard che avverrà dopo il primo Gennaio 2023.

Fortunatamente dal dicembre 2018 tutti i nuovi dispositivi venduti sono compatibili con il futuro standard DVB-T2.

L’elemento certo, da quanto abbiamo visto, è che da Luglio a Dicembre 2022 tutte le Aree avranno ceduto le frequenze in banda 700 Mhz, resterà quindi minor spazio per tutti gli attuali canali e le emittenti dovranno scegliere come gestirlo scegliendo tra qualità del segnale e numero di canali.

L’importante per il consumatore è avere le informazioni che gli consentano di decidere se, come e quando sostituire il dispositivo. Questa informazione consentirà un eventuale acquisto consapevole e non affrettato e, di conseguenza, una scelta più adatta alle proprie reali esigenze.


FONTE

Commenti da Facebook

Notizie

Gli attacchi informatici dell’Iran contro Israele sono aumentati, dice l’esercito

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: < 1 minuto. La radio ha citato ufficiali militari secondo cui gli attacchi sono aumentati del “70%”.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: < 1 minuto.

La radio ufficiale dell’esercito israeliano ha dichiarato ieri che c’è stato un aumento “notevole” degli attacchi informatici iraniani contro le infrastrutture di Israele.

Negli ultimi mesi, l’occupazione israeliana è stata testimone di diversi attacchi informatici ai propri aeroporti e alle proprie risorse civili e militari, di cui Teheran è ritenuta responsabile.

All’inizio di quest’anno il capo della sicurezza informatica di Israele ha ammesso che l’Iran – insieme a Hezbollah e Hamas – è il suo rivale più importante per quanto riguarda la guerra informatica.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Notizie

Python: vulnerabilità in corso da 15 anni mette a rischio 350.000 progetti

Condividi questo contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. La falla, segnalata come CVE-2007-4559 (punteggio CVSS: 6,8), è radicata nel modulo tarfile, il cui sfruttamento potrebbe portare all’esecuzione di codice da una scrittura arbitraria di file.

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

Si ritiene che ben 350.000 progetti open source siano potenzialmente vulnerabili allo sfruttamento a causa di una falla di sicurezza in un modulo Python che è rimasto senza patch per 15 anni.

I repository open source coprono una serie di settori verticali, come sviluppo software, intelligenza artificiale/apprendimento automatico, sviluppo web, media, sicurezza e gestione IT. La falla, segnalata come CVE-2007-4559 (punteggio CVSS: 6,8), è radicata nel modulo tarfile, il cui sfruttamento potrebbe portare all’esecuzione di codice da una scrittura arbitraria di file. “La vulnerabilità è un attacco di tipo path traversal nelle funzioni extract e extractall del modulo tarfile, che consente a un utente malintenzionato di sovrascrivere file arbitrari aggiungendo la sequenza ‘..’ ai nomi dei file in un archivio TAR”, ha dichiarato Kasimir Schulz, ricercatore di sicurezza di Trellix, in un articolo.

Originariamente divulgato nell’agosto 2007, il bug riguarda il modo in cui un archivio tar appositamente creato può essere sfruttato per sovrascrivere file arbitrari su un computer di destinazione semplicemente aprendo il file. In parole povere, un attore di minacce può sfruttare la debolezza caricando un file tar dannoso in modo tale da poter sfuggire alla directory in cui un file è destinato a essere estratto e ottenere l’esecuzione di codice, consentendo all’avversario di prendere potenzialmente il controllo di un dispositivo di destinazione.

“Non estrarre mai archivi da fonti non attendibili senza un’ispezione preliminare”, si legge nella documentazione Python per tarfile. “È possibile che i file vengano creati al di fuori del percorso, ad esempio membri che hanno nomi di file assoluti che iniziano con ‘/’ o nomi di file con due punti ‘..'”. La vulnerabilità ricorda anche una falla di sicurezza recentemente divulgata nell’utility UnRAR di RARlab (CVE-2022-30333) che potrebbe portare all’esecuzione di codice remoto. Trellix ha inoltre rilasciato un’utility personalizzata chiamata Creosote per la scansione dei progetti vulnerabili a CVE-2007-4559, utilizzandola per scoprire la vulnerabilità nell’IDE Spyder Python e in Polemarch. “Se non controllata, questa vulnerabilità è stata involontariamente aggiunta a centinaia di migliaia di progetti open e closed-source in tutto il mondo, creando una notevole superficie di attacco alla catena di approvvigionamento del software”, ha osservato Douglas McKee.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Notizie

Cake Defi lancia Earn: 10% Apy con funzione di Protezione Dalla Volatilità

Pubblicato

il

Condividi questo contenuto
Tempo di lettura: 2 minuti.

“Come piattaforma di Finanza Decentrata Centralizzata (CeDeFi), la nostra attività è quella di fornire ai nostri utenti buoni rendimenti sui loro investimenti in criptovalute con una trasparenza completa”.

Cake DeFi ha lanciato un nuovo prodotto di investimento ibrido che consente agli utenti di godere di rendimenti competitivi sui loro asset di criptovalute attraverso un servizio di estrazione di liquidità unilaterale che fornisce ricompense giornaliere proteggendo gli utenti dalla volatilità del mercato.

Denominato EARN, il nuovo prodotto di CeDeFi consente agli utenti di allocare Bitcoin (BTC) o DeFiChain (DFI) per ricevere ricompense in moneta nativa ogni 24 ore, con un rendimento percentuale annuo (APY) del 10% circa. I rendimenti in EARN saranno inoltre autocompostati per generare rendimenti ancora maggiori.

L’offerta include una funzione di protezione dalla volatilità che risponde alle preoccupazioni sulla volatilità del mercato e sul suo impatto sui fondi degli utenti. La funzione è progettata per proteggere gli utenti da perdite impermanenti, coprendo le potenziali perdite nel caso in cui i prezzi delle criptovalute fluttuino drasticamente.

Gli investitori sono diventati sempre più avversi al rischio dopo l’inverno delle criptovalute.
Combinando gli alti rendimenti del Liquidity Mining con la funzione di protezione dalla volatilità, EARN mira a distinguersi dalla massa come mezzo per generare flussi di cassa dall’allocazione di asset di criptovalute esistenti con la garanzia di non avere rischi di controparte e di essere protetti da perdite impermanenti.

Julian Hosp, cofondatore e CEO di Cake DeFi, ha commentato: “Il nostro ultimo prodotto EARN è stato lanciato per rispondere alle esigenze del mercato odierno. Con l’inverno delle criptovalute, gli investitori sono diventati sempre più avversi al rischio, soprattutto perché molte piattaforme di finanza centralizzata (CeFi) sono diventate insolventi o stanno affrontando problemi di liquidità. In qualità di piattaforma di Finanza Decentrata Centralizzata (CeDeFi), il nostro compito è quello di fornire ai nostri utenti buoni rendimenti sui loro investimenti in criptovalute in totale trasparenza.

“Ci si può sempre fidare di Cake DeFi perché si può sempre verificare. EARN consentirà agli utenti di ottenere rendimenti imbattibili su Bitcoin che potranno monitorare in modo trasparente sulla blockchain. La funzione di protezione dalla volatilità li proteggerà anche da perdite impermanenti, soprattutto in tempi di volatilità del mercato”.

La comunità degli investitori ha sempre più spesso ritenuto una buona regola limitare le criptovalute a una quota compresa tra il 5% e il 10% del portafoglio complessivo.

L’inverno delle criptovalute, tuttavia, ha visto l’azzeramento di 2.000 miliardi di dollari dal picco del 2021. Insieme all’incombente alta inflazione, gli investitori esperti e alle prime armi stanno iniziando ad adottare un approccio più conservativo alle criptovalute.

Cake DeFi’s Earn mira a rispondere a questo nuovo approccio al rischio con un prodotto che offre un rendimento considerevole. Secondo quanto riferito, la fintech con sede a Singapore e focalizzata sulla finanza decentralizzata ha superato il traguardo di 1 milione di clienti e ha versato un totale di 375 milioni di dollari in premi per i clienti alla fine del secondo trimestre del 2022.

Commenti da Facebook
Prosegui la lettura

Facebook

CYBERWARFARE

Notizie5 ore fa

Gli attacchi informatici dell’Iran contro Israele sono aumentati, dice l’esercito

Tempo di lettura: < 1 minuto. La radio ha citato ufficiali militari secondo cui gli attacchi sono aumentati del "70%".

Multilingua3 giorni fa

Anonymous viola i siti web dello Stato iraniano dopo la morte di Mahsa Amini

Tempo di lettura: 2 minuti. I due principali siti web del governo iraniano e alcuni siti dei media sono stati...

Notizie5 giorni fa

Russia guerra cibernetica coinvolge anche i i satelliti

Tempo di lettura: 2 minuti. Il Committee of Concerned Scientists ha lavorato per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla situazione degli scienziati....

Notizie7 giorni fa

Documenti NATO rubati all’insaputa del Portogallo: messi in vendita nel Dark Web

Tempo di lettura: 4 minuti. I fascicoli top secret sono stati sottratti dall'Agenzia di Stato Maggiore delle Forze Armate del...

Notizie1 settimana fa

Taiwan vigila mentre la Cina scatena la sua guerra informatica

Tempo di lettura: 2 minuti. Nel tentativo di resistere alle aggressioni cinesi, Taiwan ha aumentato le spese per la difesa...

Notizie1 settimana fa

Hacker iraniani colpiscono obiettivi nella sicurezza nucleare e nella ricerca genomica

Tempo di lettura: 3 minuti. La società di sicurezza aziendale Proofpoint ha attribuito gli attacchi mirati a un attore di...

Notizie2 settimane fa

La Cina accusa l’unità TAO della NSA di aver violato la sua università di ricerca militare

Tempo di lettura: 2 minuti. La Cina ha accusato la National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti di aver condotto...

Notizie2 settimane fa

Tempo di lettura: 2 minuti. Diversi gruppi di hacker iraniani hanno partecipato a un recente attacco informatico contro il governo...

Notizie2 settimane fa

Microsoft mette in guardia dagli attacchi ransomware degli APT iraniani

Tempo di lettura: 2 minuti. La divisione di intelligence sulle minacce di Microsoft ha valutato mercoledì che un sottogruppo dell'attore...

Notizie2 settimane fa

Hacker ucraini seducono soldati russi via social e fanno saltare in aria la base

Tempo di lettura: 2 minuti. Un hacker ucraino ha creato falsi profili di donne attraenti sui social media e ha...

Truffe recenti

Truffe online1 settimana fa

Truffa su Kadena per 50.000 euro: donna vittima di relazione sentimentale

Tempo di lettura: 4 minuti. Dopo il caso dell'uomo raggiunto su Tinder, ecco un nuovo grave schema criminale che ha...

Truffe online2 settimane fa

4 messaggi e SMS WhatsApp “pericolosi” inviati per truffa

Tempo di lettura: 4 minuti. Vi spieghiamo alcune tipologia di attacco più frequenti sul programma di messaggistica

Notizie3 settimane fa

15 truffatori di bancomat arrestati a Gangtok

Tempo di lettura: 2 minuti. 11 provengono da Kanpur

Notizie4 settimane fa

Truffatori telefonici causano danni per oltre 320.000 euro a Berlino

Tempo di lettura: 2 minuti. Migliaia di persone sono già cadute nel tranello di truffatori telefonici che si fingono dipendenti...

Notizie1 mese fa

Ecco come si può acquistare una identità nel dark web e fare le truffe. Lo studio

Tempo di lettura: 2 minuti. Sappiamo tutti che le informazioni rubate vengono scambiate sul dark web e una nuova ricerca...

scam scam
Notizie2 mesi fa

Spagna e Romania: sventata banda di truffatori online

Tempo di lettura: 2 minuti. Condividi questo contenutoLe autorità spagnole, insieme alla polizia rumena ed Europol, hanno chiuso lunedì un’operazione...

Truffe online2 mesi fa

Il phishing sbarca anche su Twitter e Discord

Tempo di lettura: 3 minuti. Anche i "social minori" sono attenzionati dai criminali informatici

Inchieste3 mesi fa

Tinder e la doppia truffa: criptovalute e assistenza legale che non c’è

Tempo di lettura: 6 minuti. Una donna conosciuta su Tinder gli consiglia di investire in criptovalute. Viene truffato e si...

Truffe online3 mesi fa

Truffe WhatsApp, quali sono e come evitarle

Tempo di lettura: 4 minuti. Ecco le otto truffe più comuni su WhatsApp, secondo ESET

Truffe online3 mesi fa

Truffa Vinted: colpiti anche i venditori

Tempo di lettura: 2 minuti. Continuano le segnalazioni degli utenti

Tendenza