Connect with us

L'Altra Bolla

Vignetta del Fatto sulla Mannocchi: Brutale, ma reale. Parsi? Da cyberbullo social in TV diventa agnellino

Tempo di lettura: 5 minuti. La vignetta del Fatto Quotidiano ha mostrato una realtà che va oltre i manganellatori social che fomentano una bolla che nell’opinione pubblica non trova riscontro

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 5 minuti.

Per chi ha fretta:

  • Nella puntata di Piazza Pulita, Parsi e Mannocchi, elogiano il mandato di cattura emesso nei confronti di Putin nonostante non abbia un effetto pratico
  • Elogiano la scelta dell’Inghilterra di avvisare gli eserciti alleati dell’impiego di munizioni all’uranio impoverito
  • Bersagliano l’opinione pubblica descrivendola ininfluente sulle azioni politiche ed incapace di riflettere sul conflitto.
  • Il Fatto quotidiano riassume con una vignetta l’intervento della Giornalista che nelle sedi istituzionali, con Parsi presente, aveva preso le distanze dai suoi colleghi. Il quotidiano di Travaglio e Padellaro aggiunge alla foto la didascalia “Cranio impoverito”.
  • La difesa d’ufficio per la Mannocchi avviene sui social ed in tv per mano di coloro che fino a ieri hanno stilato liste di proscrizione, offese gratuite e campagne di delegittimazione nei confronti dei Putinvhester per non mancare nella distinzione di genere “è anche donna”.
  • Metodo che ha favorito Parsi nel farsi strada nell’attività di propaganda utile a fomentare la guerra nell’opinione pubblica italiana, ma senza successo.

Nella puntata di Piazza Pulita del 23 marzo si sono confrontati Antonio Padellaro, Angelo Negri, Francesca Mannocchi e Vittorio Emanuele Parsi sul conflitto ucraino. Il dibattito si è concentrato soprattutto sul mandato di cattura internazionale emesso ai danni di Putin dalla Corte di Giustizia dell’Aia e sull’utilizzo dei proiettili all’uranio impoverito annunciato dal Regno Unito.

Piazza Pulita è iniziata nel peggiore dei modi se prendiamo in considerazione la tendenza generale dei media nel giustificare o elogiare ogni iniziativa bellica che l’Occidente sta mettendo in campo in Ucraina, compresa l’escalation del conflitto dal punto di vista militare, con il fine di salvare il paese di Zelensky dall’invasione russa dapprima con sanzioni economiche e poi con l’invio di tantissime armi sul territorio proprio perchè le narrazioni messe in piedi da economisti, giornalisti ed esperti geopolitici di una certa parte non hanno sortito l’effetto annunciato.

Corrado Formigli, che è stato uno degli inviati durante il periodo della guerra dei Balcani, ha raccontato attraverso un monologo, lanciato inusitatamente ad inizio trasmissione da Maurizio Massini, la storia di un soldato italiano morto per essere stato a contatto con le munizioni dall’alta capacità cancerogena, tanto da rendere radioattivo un cadavere straziato da tumori e di fatto pericoloso anche per chi veglia attorno ad esso. Il dibattito svolto in studio ha visto la coppia Manocchi e Parsi avere un tono molto più basso e a tratti avvilito se consideriamo il tenore dei loro interventi social dove sparano a zero, anche con toni poco professionali, chi è stato schedato in Italia con il soprannome Putinvhester secondo il metodo tanto caro delle liste di proscrizione lanciate dall’area che oggi piange gli attacchi ai danni dei suoi esponenti.

Dinanzi ai drammi raccontati e certificati circa l’uso dell’uranio impoverito, sia la Mannocchi che Parsi si sono dimostrati molto comprensivi sulla scelta dell’Inghilterra di minacciarne l’impiego nel conflitto che sta straziando sul campo di battaglia l’Ucraina e nelle borse un’intera economia occidentale. Aspetti questi che sia Parsi che la Manocchi fanno finta di non vedere e che invece l’opinione pubblica italiana percepisce ed è soprattutto per questo motivo che quest’ultima vede con scetticismo l’attuale narrazione della guerra e vive con la speranza di una pace che invece non è una priorità per chi racconta la guerra dal fronte istituzionale, Parsi, e chi dal fronte ucraino, Mannocchi. Anzi, il bisogno di non sedersi al tavolo da deboli, come ha sottolineato Mannocchi e come ha evidenziato Parsi facendosi strada nel mondo della propaganda di Governo come il più alto esponente, ha portato l’Occidente ad aumentare la necessità di forza militare senza entrare in guerra, rimuovendo a priori le ragioni russe, per sedersi a un tavolo e trattare, ed ha provato a facilitare la narrazione con una censura preventiva delle informazioni provenienti da Mosca, grazie all’esercito di debunker, giornalisti ed analisti di Think Tank finanziati dal mondo anglosassone che spesso inciampano nell’affrettarsi a smentire notizie scomode che poi i fatti rendono evidenti.

È facile sia per Parsi sia per la Mannocchi presenziare nei palazzi che contano e sparlare di Santoro dicendo “io non mi siedo a discutere con lui”, oppure dare addosso al professore Orsini senza un contraddittorio e grazie all’aiuto di una rete di supporto che dall’inizio della guerra ha avviato una vera e propria caccia all’uomo con il colbacco disseminando odio e discredito verso professionisti dell’informazione e stimati docenti universitari che all’improvviso sono diventati “brocchi” perché conservano memoria delle malefatte della NATO nel corso della storia recente, presentano il conflitto del Donbass generato dalla destituzione di Maidan, anche ChatGpt sa questo evento, e dalla narrazione di un fronte Occidentale spietato nei confronti dei suoi stessi alleati, vedi il caso Nord Stream e l’attacco alla Germania. Logiche che molti analisti geopolitici raccontano dall’inizio della Guerra, analisti come Parsi che ha guadagnato notorietà evitando il confronto in tv con Orsini forte dei suoi incarichi pubblici che lo hanno responsabilizzato nel portare l’Italia felicemente in guerra.

Perché se nulla cambia da questo conflitto nei prossimi mesi, con l’arrivo della bella stagione, con il continuo crollo dei mercati che hanno reso l’Occidente l’unico ordine mondiale fino all’inizio del conflitto e con la continuazione della decimazione dell’esercito ucraino, rispondere a tono ai russi sul campo di battaglia sarà possibile non più con l’invio di armi, ma di soldati come ha dichiarato lo stesso Ministro Crosetto, presentando la necessità di difendersi nei prossimi anni.

Lo stesso Crosetto, che è stato costretto nell’accerchiarsi di un think tank dove non può mancare il “menestrello” Parsi e addirittura il ministro della verità italiano Gianni Riotta assoldato dall’Unione europea per stabilire chi dice il vero e chi il falso attraverso la scuola di giornalismo dell’Università Luiss, ateneo che ha scaricato Orsini ed ha avuto il prestigio di inserire uno dei giudici che ha emesso il mandato di cattura internazionali ai danni di Putin.

La vignetta brutale del Fatto Quotidiano

La vignetta del Fatto Quotidiano che colpisce una giornalista, non è stata altro che una fotografia del pensiero della Mannocchi espresso dalle sue labbra in quel di Piazza Pulita e che deve fare i conti con quell’opinione pubblica a suo dire incapace di valutare come stanno le cose tanto da scomodare Enrico Mentana a sua difesa, quando questi è stato protagonista di attribuzioni russe nei fatti di guerra che poi si sono dimostrati errori ucraini come Kramators’k, Nord Stream (tutti lo sono stati tranne i russi) e l’incidente missilistico ai confini della Polonia dove morirono due agricoltori.

Sulla questione del “Cranio impoverito” in effetti c’è una offesa e che forse questa sarà sfuggita al vignettista ed è giusto precisare il fatto che la giornalista è affetta da sclerosi multipla come lei stesso ha raccontato. Al netto dei problemi di salute,

davvero la giornalista comprende l’uranio impoverito?

Se è così comprenderà anche le armi tattiche nucleari e un eventuale male assoluto per un fine così alto come la salvezza di uno Stato che tanto corretto fino ad oggi non è stato nei suoi rapporti internazionali.

Quindi la domanda “ci è o ci fa?” è d’obbligo e l’opinione pubblica se l’è posta sulla base non di quello che dicono gli altri sulla giornalista, ma su quello che la giornalista racconta attraverso le parole dei vari Parsi, Tocci e fonti dei Servizi Ucraini, Britannici e Americani e che molte volte non hanno trovato riscontro se non quella dell’escalation militare giusta con lo stesso valore delle provette di armi biologiche trovate in Iraq.

C’è poi un altro quesito, Parsi e Mannocchi, nel caso, manderanno i propri figli al fronte come noi comuni mortali oppure gli garantiranno un posto dietro le quinte grazie alle loro aderenze internazionali?

L'Altra Bolla

WhatsApp e Instagram: contatti preferiti e 20 Tracce in un Reel

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 3 minuti.

WhatsApp e Instagram hanno recentemente introdotto nuove funzionalità che migliorano l’esperienza utente e aumentano le possibilità creative: WhatsApp ha implementato un filtro per i contatti preferiti, mentre Instagram ha aggiunto la possibilità di utilizzare fino a 20 tracce audio in un singolo Reel. Di seguito, una panoramica dettagliata di queste novità.

WhatsApp: filtro per contatti preferiti

WhatsApp ha lanciato una nuova funzionalità che permette di filtrare rapidamente i contatti preferiti. Questo aggiornamento semplifica la gestione delle conversazioni importanti, consentendo agli utenti di accedere facilmente ai contatti e ai gruppi più utilizzati.

Per aggiungere qualcuno o un gruppo come preferito, basta selezionare il filtro “Favorites” dalla barra superiore nella scheda Chat. Successivamente, è possibile selezionare i contatti e i gruppi da aggiungere ai preferiti. Per scegliere i contatti preferiti per le chiamate, è sufficiente visitare la scheda Chiamate dalla barra inferiore e poi toccare “Add Favorite”, selezionando i contatti desiderati.

È possibile gestire i contatti preferiti anche navigando su Impostazioni » Preferiti » Aggiungi ai Preferiti. Questa funzionalità è in fase di roll-out e potrebbe richiedere alcuni giorni per essere disponibile a tutti gli utenti globalmente. Per utilizzare questa funzione, assicurati di avere l’ultima versione dell’app disponibile sul Play Store.

Instagram: fino a 20 tracce audio in un reel

Instagram ha annunciato una nuova funzionalità che consente agli utenti di aggiungere fino a 20 tracce audio in un singolo video Reel. Questo aggiornamento offre maggiore libertà creativa, permettendo di allineare l’audio con testi, adesivi e clip durante l’editing direttamente all’interno di Instagram.

Adam Mosseri, Head di Instagram, ha dichiarato: “Da oggi, puoi aggiungere fino a 20 tracce audio a un singolo Reel, dando maggiore libertà creativa al tuo contenuto. Puoi allineare l’audio con testo, adesivi e clip durante l’editing all’interno di Instagram. Quando lo fai, creerai anche il tuo mix audio unico che i fan possono salvare e riutilizzare.”

Questa funzionalità è disponibile nella sezione di modifica di Instagram, dove gli utenti possono aggiungere tracce audio diverse a parti diverse del video e allinearle con vari elementi utilizzando la timeline di editing. Il nuovo audio risultante sarà accreditato come “Mix” e il creatore riceverà il credito per il Mix, che sarà visibile anche quando altri utenti utilizzeranno lo stesso audio Mix.

Prima di questo aggiornamento, i creatori erano costretti a utilizzare un editor video esterno per aggiungere più tracce audio a un video, con potenziali problemi di copyright se Instagram non aveva licenza per le tracce audio utilizzate. Con questa nuova funzionalità, i creatori possono utilizzare più audio dalla libreria di Instagram senza problemi di copyright e senza necessità di un editor video separato. Instagram ha dichiarato che questa nuova funzionalità sarà disponibile per gli utenti indiani a partire da oggi, con una distribuzione globale prevista nei giorni successivi.

Prosegui la lettura

L'Altra Bolla

Meta censura la parola Zionists ed X introduce il “Downvote”

Tempo di lettura: 2 minuti. Meta sta affrontando l’uso problematico del termine “Zionists” e come X (Twitter) sta testando una nuova funzione di “Downvote” per migliorare la gestione delle risposte.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

Meta ha annunciato modifiche alle sue regole sul linguaggio di odio per affrontare l’uso problematico del termine “Zionists”(sionisti), mentre X (precedentemente Twitter) ha introdotto una nuova funzione di “Downvote” per migliorare la gestione delle risposte. Esaminiamo in dettaglio entrambe le novità.

Meta rivede le regole sul linguaggio di odio

Contesto e modifiche

Meta, la società madre di Facebook e Instagram, ha deciso di rimuovere i post che usano il termine “Zionists” per attaccare persone ebree e israeliane, piuttosto che riferirsi ai sostenitori del movimento politico. La decisione segue una serie di consultazioni con esperti e stakeholder globali per comprendere meglio il contesto e l’uso del termine “Zionists”.

DettaglioDescrizione
ProblemaUso del termine “Zionists” per attaccare persone ebree e israeliane
SoluzioneRimozione di contenuti che usano “Zionists” con intenti antisemiti
Stakeholder Consultati145 esperti da società civile e accademia in Medio Oriente, Africa, Israele, Nord America, Europa, America Latina e Asia
PoliticaRimozione di contenuti con attacchi basati su caratteristiche protette come nazionalità, razza o religione
Esempi di Contenuti RimossiComparazioni disumanizzanti, chiamate alla violenza, negazioni di esistenza

Meta ha dichiarato che continuerà a rimuovere contenuti che attaccano “Zionists” quando questi attacchi non sono esplicitamente legati al movimento politico ma contengono stereotipi antisemiti o minacce di violenza.

X Introduce la funzione “Downvote”

X, precedentemente noto come Twitter, sta testando una nuova funzione di “Downvote” per migliorare l’esperienza utente e la gestione delle risposte. La funzione mira a dare agli utenti più controllo sulla visibilità delle risposte, promuovendo discussioni di qualità superiore.

DettaglioDescrizione
Funzione“Downvote” per risposte
IconaCuore spezzato, corrispondente all’icona “Like” a forma di cuore
DisponibilitàAttualmente disponibile solo per risposte
ScopoMigliorare la qualità delle discussioni spingendo le risposte meno rilevanti o indesiderate in fondo al thread
Cambiamenti Sotto la Guida di MuskFunzione “Like” resa privata per proteggere figure pubbliche da controversie

Reazioni degli Utenti

Le reazioni degli utenti alla nuova funzione “Downvote” sono miste. Alcuni vedono la funzione come uno strumento utile per gestire le discussioni, mentre altri temono che possa essere utilizzata per silenziare opinioni dissenzienti. È cruciale che X trovi un equilibrio per prevenire l’abuso della funzione e garantire un ambiente di discussione sano e inclusivo.

Le recenti modifiche apportate da Meta e X riflettono l’impegno delle piattaforme a migliorare l’esperienza utente e affrontare le problematiche legate al linguaggio di odio e alla gestione dei contenuti. Mentre Meta si concentra sulla protezione contro l’antisemitismo, salvaguardando la parola zionists X mira a migliorare la qualità delle discussioni fornendo agli utenti strumenti migliori per gestire le risposte ed il downvote potrebbe essere utile. Entrambe le iniziative richiederanno monitoraggio e adattamento continui per garantire che raggiungano gli obiettivi prefissati senza compromettere la diversità delle opinioni.

Prosegui la lettura

L'Altra Bolla

X e Apple Pay: minacce e accordi con l’UE

Tempo di lettura: 2 minuti. Vendita di verifiche su X dichiarata illegale e Apple apre Apple Pay ai concorrenti secondo le nuove normative UE

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

Recentemente, due importanti notizie hanno coinvolto le grandi aziende tecnologiche e le regolamentazioni dell’Unione Europea (UE): da un lato, la decisione dell’UE di dichiarare illegale la vendita di verifiche su X (ex Twitter), dall’altro, l’accordo di Apple di aprire il suo sistema Apple Pay ai concorrenti nell’UE. Questi sviluppi hanno implicazioni significative per gli utenti e le aziende coinvolte. Esaminiamo nel dettaglio entrambe le vicende.

Vendita di verifiche su X: una pratica illegale

Quando Elon Musk ha acquistato Twitter per 44 miliardi di dollari, ha introdotto cambiamenti che hanno portato gli inserzionisti a ridurre drasticamente le loro spese sulla piattaforma. Uno dei cambiamenti più controversi è stata la vendita della verifica come parte di un abbonamento a Twitter Blue. Questo ha aperto la strada a troll, burloni e truffatori, portando Musk a riconsiderare momentaneamente la decisione. Tuttavia, la verifica a pagamento è stata successivamente rilanciata.

Per un certo periodo, gli account Twitter verificati in passato hanno mantenuto i loro segni di spunta blu, ma questi sono stati rimossi l’anno scorso. Di conseguenza, possedere un segno di spunta blu è diventato un simbolo di vergogna, poiché indicava che l’utente aveva pagato per ottenerlo. I clienti più entusiasti erano spesso truffatori di criptovalute che sfruttavano la maggiore visibilità degli account a pagamento per commettere frodi.

Decisione dell’UE

Il Digital Services Act (DSA) dell’UE impone alle aziende di social media di prendere misure per evitare che gli utenti siano ingannati da contenuti falsi. La vendita di verifiche su X è stata ritenuta una violazione del DSA. Secondo i regolatori di Bruxelles, consentire a chiunque di pagare per ottenere uno status “verificato” può ingannare milioni di utenti, influenzando negativamente la loro capacità di prendere decisioni libere e informate sulla autenticità degli account e dei contenuti con cui interagiscono.

X può fare appello contro questa decisione, ma se l’appello dovesse fallire, l’azienda potrebbe essere multata fino al 6% del suo fatturato globale annuale.

Apertura di Apple Pay nell’UE

Negli ultimi anni, Apple ha subito crescenti pressioni regolamentari per aprire il suo ecosistema ai concorrenti e agli sviluppatori di terze parti. Recentemente, Apple ha accettato di consentire agli sviluppatori di terze parti di utilizzare la tecnologia NFC sui dispositivi iOS senza alcun costo. Questo cambiamento è parte di un accordo legalmente vincolante con la Commissione Europea che durerà per i prossimi dieci anni.

Implicazioni per gli utenti

Gli utenti dell’UE potranno cambiare l’app di pagamento predefinita sui loro dispositivi, passando da Apple Pay a un’altra app a loro scelta. Queste app potranno utilizzare funzionalità come Field Detect, il doppio clic sul pulsante laterale per aprire un’app di pagamento e strumenti di autenticazione come Face ID e Touch ID. Un organo di revisione indipendente sarà istituito per garantire che Apple rispetti l’accordo.

Questo cambiamento evita ad Apple una multa potenziale fino al 10% del suo fatturato annuale, che avrebbe potuto ammontare a circa 40 miliardi di dollari.

Prospettive Future

Questi cambiamenti consentiranno agli utenti di iPhone nell’UE di non essere più limitati all’uso di Apple Pay per i pagamenti digitali. Sarà interessante vedere se Apple estenderà queste modifiche a livello globale. Precedentemente, Apple ha reso RCS disponibile a livello mondiale sotto pressione dell’UE, ma ha limitato l’apertura degli app store di terze parti solo all’Europa.

Le nuove normative dell’UE stanno costringendo le grandi aziende tecnologiche a modificare le loro pratiche per garantire maggiore trasparenza e competizione. La decisione di dichiarare illegale la vendita di verifiche su X e l’apertura di Apple Pay ai concorrenti rappresentano passi significativi verso un ecosistema digitale più aperto e sicuro nell’UE, ma lascia dubbi sugli effettivi scopi di misure del genere.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERSECURITY

Sicurezza Informatica59 minuti fa

Vulnerabilità critica in Apache HugeGraph: aggiornate subito

Tempo di lettura: 2 minuti. Apache HugeGraph, un sistema di database a grafo open-source, è attualmente soggetto a sfruttamenti attivi...

Sicurezza Informatica2 giorni fa

HardBit Ransomware: analisi e mitigazione delle minacce

Tempo di lettura: 3 minuti. HardBit Ransomware 4.0 introduce protezione con passphrase e obfuscazione avanzata. Scopri come proteggerti da questa...

Sicurezza Informatica4 giorni fa

Vulnerabilità in Modern Events Calendar: migliaia di WordPress a rischio

Tempo di lettura: 2 minuti. Vulnerabilità critica nel plugin Modern Events Calendar consente il caricamento arbitrario di file da parte...

Sicurezza Informatica4 giorni fa

Attacco RADIUS: panoramica dettagliata

Tempo di lettura: 3 minuti. Il protocollo RADIUS può essere compromesso utilizzando tecniche avanzate di collisione MD5 per eseguire attacchi...

Sicurezza Informatica4 giorni fa

ViperSoftX sfrutta AutoIt e CLR per l’esecuzione Stealth di PowerShell

Tempo di lettura: 3 minuti. ViperSoftX utilizza AutoIt e CLR per eseguire comandi PowerShell in modo stealth, eludendo i meccanismi...

Sicurezza Informatica4 giorni fa

Malware Poco RAT mira vittime di lingua spagnola

Tempo di lettura: 3 minuti. Poco RAT, nuovo malware che prende di mira le vittime di lingua spagnola con campagne...

Microsoft teams Microsoft teams
Sicurezza Informatica4 giorni fa

Falso Microsoft Teams per Mac distribuisce Atomic Stealer

Tempo di lettura: 2 minuti. Un falso Microsoft Teams per Mac distribuisce il malware Atomic Stealer tramite una campagna di...

CISA logo CISA logo
Sicurezza Informatica4 giorni fa

CISA hackera Agenzia Federale USA: vulnerabilità critiche Svelate

Tempo di lettura: 2 minuti. CISA svela vulnerabilità critiche in un'agenzia federale USA attraverso un'esercitazione di red team SILENTSHIELD

Sicurezza Informatica4 giorni fa

DarkGate usa file Excel per diffondere malware

Tempo di lettura: 3 minuti. DarkGate utilizza file Excel per diffondere malware sofisticato. Scopri come funziona questa minaccia e come...

Sicurezza Informatica5 giorni fa

SSH sotto attacco a causa di bug e vulnerabilità

Tempo di lettura: 3 minuti. Scopri le nuove minacce di CRYSTALRAY e la vulnerabilità di OpenSSH in RHEL 9. Approfondisci...

Truffe recenti

Inchieste1 settimana fa

Idealong.com chiuso, ma attenti a marketideal.xyz e bol-it.com

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo aver svelato la truffa Idealong, abbiamo scoperto altri link che ospitano offerte di lavoro...

Inchieste2 settimane fa

Idealong.com spilla soldi ed assolda lavoratori per recensioni false

Tempo di lettura: 4 minuti. Il metodo Idealong ha sostituito Mazarsiu e, dalle segnalazioni dei clienti, la truffa agisce su...

Sicurezza Informatica2 settimane fa

Truffa lavoro online: Mazarsiu sparito, attenti a idealong.com

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo il sito Mazarsiu, abbandonato dai criminali dopo le inchieste di Matrice Digitale, emerge un...

fbi fbi
Sicurezza Informatica1 mese fa

FBI legge Matrice Digitale? Avviso sulle truffe di lavoro Online

Tempo di lettura: 2 minuti. L'FBI segnala un aumento delle truffe lavoro da casa con pagamenti in criptovaluta, offrendo consigli...

Sicurezza Informatica2 mesi fa

Milano: operazione “Trust”, frodi informatiche e riciclaggio di criptovaluta

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta un'organizzazione criminale transnazionale specializzata in frodi informatiche e riciclaggio di criptovaluta nell'operazione "Trust"

Inchieste2 mesi fa

Truffa lavoro Online: analisi metodo Mazarsiu e consigli

Tempo di lettura: 4 minuti. Mazarsiu e Temunao sono solo due portali di arrivo della truffa di lavoro online che...

Inchieste2 mesi fa

Mazarsiu e Temunao: non solo truffa, ma un vero metodo

Tempo di lettura: 4 minuti. Le inchieste su Temunao e Marasiu hanno attivato tante segnalazioni alla redazione di persone che...

Pharmapiuit.com Pharmapiuit.com
Inchieste2 mesi fa

Pharmapiuit.com : sito truffa online dal 2023

Tempo di lettura: 2 minuti. Pharmapiuit.com è l'ultimo sito truffa ancora online di una serie di portali che promettono forti...

Temunao.Top Temunao.Top
Inchieste2 mesi fa

Temunao.Top: altro sito truffa che promette lavoro OnLine

Tempo di lettura: 2 minuti. Temunao.top è l'ennesimo sito web truffa che promette un premio finale a coloro che effettuano...

Inchieste2 mesi fa

Attenti a Mazarsiu.com : offerta lavoro truffa da piattaforma Adecco

Tempo di lettura: 2 minuti. Dalla piattaforma Adecco ad un sito che offre lavoro attraverso le Google Ads: è la...

Tech

Smartphone17 minuti fa

Realme 13 Pro 5G: specifiche rivelate prima del lancio

Tempo di lettura: 3 minuti. Realme è pronta al lancio il Realme 13 Pro 5G, che promette di essere uno...

Smartphone24 minuti fa

Samsung rivela One UI 7 e migliora la sicurezza con One UI 6.1.1

Tempo di lettura: 2 minuti. Samsung sta preparando il lancio di One UI 7, che promette di essere uno degli...

Tech31 minuti fa

Novità su AMD, Snapdragon e la compatibilità con Linux

Tempo di lettura: 3 minuti. Le ultime notizie nel campo della tecnologia includono importanti sviluppi da parte di AMD, Qualcomm...

VirtualBox VirtualBox
Tech1 ora fa

VirtualBox 7.0.20: manutenzione e aggiornamenti

Tempo di lettura: < 1 minuto. VirtualBox 7.0.20, rilasciato il 16 luglio 2024, è un aggiornamento di manutenzione che introduce...

Smartphone5 ore fa

Samsung lancia il Galaxy M35 5G in India

Tempo di lettura: 2 minuti. Samsung ha ufficialmente lanciato il Galaxy M35 5G in India, poco dopo il suo debutto...

Tech6 ore fa

Audacity 3.6.0: novità e miglioramenti

Tempo di lettura: 2 minuti. Audacity, il popolare software di editing audio open-source, ha rilasciato la versione 3.6.0 con numerose...

Intelligenza Artificiale6 ore fa

L’Intelligenza Artificiale aumenta la creatività individuale ma riduce la varietà del contenuto

Tempo di lettura: 2 minuti. Un recente studio pubblicato nella rivista Science Advances rivela che l’uso dell’intelligenza artificiale (AI) può...

Pixel 9 Pro XL Pixel 9 Pro XL
Smartphone7 ore fa

Google Pixel 9 Pro Fold e Serie Pixel 9: dimensioni e fotocamera

Tempo di lettura: 3 minuti. Google continua a spingere i confini della tecnologia mobile con la serie Pixel 9, che...

Smartphone8 ore fa

Xiaomi specifiche di Mix Fold 4, Mix Flip e Redmi K70 Ultra ufficiali

Tempo di lettura: 3 minuti. Xiaomi ha svelato una serie di nuovi dispositivi pieghevoli, tra cui il Mix Fold 4...

Smartphone8 ore fa

Apple brevetta display pieghevoli, nuovo firmware per AirPods Pro 2

Tempo di lettura: 3 minuti. Apple continua a innovare nel campo della tecnologia, introducendo nuovi brevetti per dispositivi pieghevoli e...

Tendenza