Connect with us

L'Altra Bolla

Elon Musk:”Post con informazioni errate su X non avranno i ricavi”

Tempo di lettura: 3 minuti. Elon Musk annuncia che i post su X corretti da Community Notes non avranno diritto a condivisione dei ricavi, mirando a promuovere l’accuratezza piuttosto che il sensazionalismo.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 3 minuti.

Elon Musk ha annunciato che i post su X, corretti da Community Notes, il sistema di fact-checking basato sulla partecipazione della comunità, non avranno diritto a condivisione dei ricavi. “L’idea è massimizzare l’incentivo per l’accuratezza piuttosto che per il sensazionalismo”, ha scritto.

Dettagli sulla decisione di Musk

Musk ha anche sottolineato che qualsiasi tentativo di “usare Community Notes per demonetizzare le persone sarà immediatamente evidente, perché tutto il codice e i dati sono open source”. Chiunque può contribuire a Community Notes. Contribuire significa proporre una breve nota di contesto a qualsiasi post, includendo un’omissione importante o correggendo un errore. Altri utenti con “punti di vista diversi” possono quindi valutare l’utilità della nota o di altre note proposte. Le note che ottengono il maggior consenso sono quelle che emergono.

La decisione di demonetizzare gli utenti i cui post sono stati corretti è l’ultima di una serie di mosse per aumentare l’accuratezza sulla piattaforma, in particolare mentre X cerca di tenere il passo con la valanga di informazioni errate riguardo alla guerra tra Israele e Hamas.

A metà ottobre, X ha rilasciato una serie di aggiornamenti volti a migliorare l’accuratezza tramite Community Notes. Ad esempio, un aggiornamento che permette ai fact-check di raccogliere valutazioni più rapidamente potrebbe permettere a note valide e accurate di essere pubblicate più velocemente. Una funzione potenziata che invia notifiche alle persone le cui attività sono state successivamente sottoposte a fact-check potrebbe incoraggiare coloro che diffondono informazioni errate o disinformazione a rimuovere i post o a modificarli per fornire più contesto.

L’annuncio di oggi potrebbe frenare la diffusione di informazioni sensazionalistiche da parte dei creatori, che hanno incentivi finanziari a partecipare nell’economia della reazione. Tuttavia, questa misura, insieme agli altri recenti aggiornamenti, potrebbe essere vista solo come una soluzione temporanea che potrebbe non fermare definitivamente la diffusione di informazioni errate, soprattutto con la guerra tra Israele e Hamas, la guerra tra Russia e Ucraina e molte altre crisi in corso.

X non ha condiviso il numero di utenti che partecipano all’economia dei creatori della piattaforma, ma quel numero sarà limitato dal numero di abbonati Premium su X. Secondo i dati di Travis Brown, che ha monitorato gli abbonati, le sospensioni e le riattivazioni, ad agosto c’erano meno di 950.000 abbonati Premium a X. In totale, X ha oltre 500 milioni di utenti attivi al mese. Gli utenti Premium di X rappresentano quindi meno dell’1% degli utenti totali. Poiché i creatori devono essere utenti Premium, rappresenterebbero probabilmente una percentuale ancora più piccola.

Non sappiamo quanto siano imparziali gli utenti di Community Notes. X afferma che sono un gruppo diversificato, ma l’azienda non ha rilasciato dati demografici su coloro che si sono iscritti, dei quali ora ci sono oltre 100.000 in 44 paesi, secondo un post di ottobre del CEO di X, Linda Yaccarino.

Reazioni della comunità e preoccupazioni

Diversi utenti di X hanno espresso preoccupazioni su come la piattaforma potrebbe distinguere tra le note della comunità che forniscono contesto o verificano l’accuratezza dei post piuttosto che correggerli. Alcuni hanno anche fatto notare che, in alcuni casi, le note della comunità vengono aggiunte per umorismo, suggerendo che queste potrebbero innescare la demonetizzazione.

Risposta di Musk e ulteriori dettagli

Musk ha risposto direttamente ad almeno due utenti, fornendo ulteriori commenti riguardo a questo aggiornamento. Ha ribadito che “l’obiettivo è incentivare la verità”. X ha recentemente riferito di aver pagato 20 milioni di dollari ai creatori da quando ha lanciato gli sforzi di monetizzazione, ma non è chiaro quanto sia andato agli utenti di X che diffondono disinformazione.

Implicazioni per X e il futuro

Attualmente, l’Unione Europea sta indagando su X per la sua gestione della disinformazione su Israel/Hamas, sostenendo che X potrebbe non rispettare i requisiti del Digital Services Act per valutare e mitigare i rischi di diffusione della disinformazione. Con X ancora in una situazione finanziaria caotica, è probabile che l’aggiornamento agli standard di monetizzazione dei creatori di X sia un tentativo di mostrare alla Commissione che X sta lavorando per limitare la diffusione di disinformazione sulla piattaforma.

L'Altra Bolla

YouTube lancia le note informative per contrastare i contenuti falsi

Tempo di lettura: 2 minuti. YouTube lancia un programma pilota di note informative per combattere i video falsi, invitando contributori idonei a partecipare.

Pubblicato

in data

YouTube logo
Tempo di lettura: 2 minuti.

YouTube ha annunciato il lancio di un nuovo programma pilota che permetterà agli utenti di aggiungere note informative sotto i video. Questo progetto mira a fornire fonti e informazioni rilevanti per aiutare gli spettatori a identificare video falsi o alterati sulla piattaforma.

YouTube sta testando una funzionalità che aggiungerà note informative sotto i video. Questa iniziativa, che sarà inizialmente disponibile per gli utenti negli Stati Uniti, intende fornire fonti e informazioni rilevanti per facilitare il riconoscimento di video falsi o alterati.

Funzionalità delle Note di YouTube

Questa nuova funzionalità consentirà agli utenti di aggiungere note che chiariscano, ad esempio, quando una canzone è una parodia, quando una nuova versione di un prodotto recensito è disponibile, o quando un filmato vecchio viene erroneamente presentato come attuale. Lo scopo è rendere più facile per gli spettatori identificare video o notizie false sulla piattaforma.

Il sistema delle note di YouTube è simile alle Community Notes di X (ex Twitter), che forniscono avvisi sotto i tweet per informare gli utenti quando un post è fuorviante o manca di informazioni, fornendo link a fonti aggiuntive sul web.

Partecipazione e requisiti

YouTube inviterà un numero limitato di collaboratori idonei per scrivere note su questi video, aiutandoli a testare questa funzionalità prima di un eventuale ampliamento su scala più ampia. Per essere idonei a partecipare a questo test, gli utenti devono aver creato il loro account da sei o più mesi, non aver ricevuto alcun avviso per violazione delle linee guida della comunità nell’ultimo anno, e non avere un account supervisionato o un account aziendale/scolastico con più utenti.

Gli account YouTube devono essere basati negli Stati Uniti e avere la lingua impostata su inglese. I contributori saranno anonimi nelle note di YouTube, proteggendo così la loro identità. Inoltre, man mano che il progetto pilota si espanderà, anche i contributori potranno valutare le note.

Modalità di Valutazione delle Note

Le note appariranno pubblicamente sotto un video se sono considerate utili per una vasta gamma di pubblico. Gli spettatori avranno la possibilità di scegliere se hanno trovato la nota “utile,” “abbastanza utile,” o “non utile” e perché, permettendo loro di esprimere le proprie opinioni sulla correttezza delle fonti citate o sulla chiarezza e neutralità della nota.

YouTube utilizzerà un algoritmo basato su valutazioni per determinare quali note verranno pubblicate. Le persone negli Stati Uniti inizieranno a vedere le note sui video nelle “prossime settimane e mesi.”

Prosegui la lettura

L'Altra Bolla

YouTube vs Ad Blockers e nuovo design: le novità dal fronte YouTube

Tempo di lettura: 3 minuti. YouTube adotta misure aggressive contro gli ad blockers e testa un nuovo design per utenti Premium. Scopri le novità e le implicazioni per gli utenti.

Pubblicato

in data

YouTube logo
Tempo di lettura: 3 minuti.

YouTube è al centro di importanti cambiamenti, sia in termini di gestione degli annunci che di miglioramento dell’interfaccia utente e due notizie recenti mettono in luce questi sviluppi: la battaglia di YouTube contro gli ad blockers e il test di un nuovo design riservato agli utenti Premium. Vediamo in dettaglio entrambe le questioni.

La Battaglia di YouTube contro gli Ad Blockers

Aggiornamenti Server-Side per contrastare gli Ad Blockers

Negli ultimi mesi, YouTube ha adottato una posizione più aggressiva nei confronti degli ad blockers. Questo cambiamento non sorprende, dato il ruolo significativo che le entrate pubblicitarie giocano nel supportare sia Google che i creatori di contenuti. Gli ad blockers interrompono questo flusso di entrate, spingendo YouTube a esplorare soluzioni alternative come YouTube Premium.

A metà del 2023, YouTube ha iniziato a testare nuovi metodi per aggirare gli ad blockers, suscitando reazioni contrastanti tra gli utenti sui social media e sui forum online. Anche se YouTube aveva ufficialmente annunciato i piani per contrastare le applicazioni di ad blocking di terze parti nell’aprile 2023, i test più recenti suggeriscono un cambiamento più radicale all’orizzonte.

Una nuova frontiera nell’Ad Blocking

Secondo un recente post del team di SponsorBlock, una popolare applicazione per saltare i segmenti sponsorizzati nei video, YouTube sembra stia sperimentando l’iniezione di annunci server-side. Questa tecnica potrebbe rappresentare una sfida importante per gli ad blockers, poiché gli annunci verrebbero iniettati direttamente nel flusso video dal lato server, rendendo molto più difficile per gli ad blockers rilevare e rimuovere questi annunci.

Prime prove e esperienze degli Utenti

Attualmente in fase di test, alcuni utenti hanno già riscontrato annunci iniettati server-side, sollevando preoccupazioni all’interno della comunità degli ad blockers sulla futura efficacia di questi strumenti su YouTube.

Alternative ufficiali e il futuro della visione senza annunci

Per gli utenti che cercano un’esperienza senza annunci, YouTube continua a promuovere YouTube Premium, un servizio in abbonamento che rimuove gli annunci e offre vantaggi come l’accesso a YouTube Music, la riproduzione video in background e funzionalità esclusive.

La battaglia tra ad blockers e piattaforme come YouTube è in corso, e l’iniezione di annunci server-side rappresenta un’importante escalation in questo conflitto, con il potenziale di rendere obsoleti i metodi attuali di ad blocking.

YouTube testa un nuovo Design: Accesso Anticipato per gli Utenti Premium

Miglioramenti dell’Interfaccia Desktop con il Test degli Utenti Premium

YouTube sta implementando un’interfaccia ridisegnata per la sua piattaforma desktop, inizialmente disponibile per un gruppo selezionato di abbonati Premium. Questo segue un test più ampio condotto in aprile, che ha ricevuto feedback contrastanti, spingendo YouTube a perfezionare il design basandosi sui commenti degli utenti.

Priorità alla visione video e scoperta di contenuti

Il nuovo design si concentra su un’esperienza di visione video migliorata e sulla semplificazione della scoperta dei contenuti. Sebbene i dettagli specifici delle modifiche non siano stati ufficialmente divulgati, i rapporti degli utenti suggeriscono aggiustamenti al layout, inclusa la disposizione dei titoli dei video, delle informazioni sull’upload, dei commenti e dei contenuti consigliati.

Vantaggi del Test con Utenti Premium

Testare il nuovo design con gli abbonati Premium offre diversi vantaggi. Innanzitutto, gli abbonati Premium rappresentano spesso una base di utenti più impegnata, fornendo feedback preziosi sull’efficacia del nuovo design. Inoltre, limitare il gruppo di test permette a YouTube di monitorare attentamente il comportamento degli utenti e raccogliere feedback dettagliati prima di potenzialmente estendere le modifiche a un pubblico più ampio.

Periodo di Test e Potenziali Impatti

Il periodo di test è programmato per concludersi il 1° luglio, con il futuro del nuovo design dell’interfaccia che dipende dai feedback raccolti. Una risposta positiva degli utenti potrebbe aprire la strada a un’implementazione più ampia, influenzando l’esperienza di tutti gli spettatori di YouTube. Al contrario, un feedback negativo significativo potrebbe richiedere ulteriori aggiustamenti o persino l’abbandono completo del redesign.

Funzionalità sperimentale alimentata dall’IA

Un’aggiunta intrigante al programma di test è una funzionalità sperimentale alimentata dall’IA, che consente agli utenti di fare domande direttamente correlate ai video che stanno guardando. Sebbene i dettagli siano scarsi, questa funzione potrebbe potenzialmente migliorare l’accessibilità delle informazioni e l’interazione sulla piattaforma.

Le recenti mosse di YouTube per contrastare gli ad blockers e migliorare l’interfaccia utente dimostrano l’impegno della piattaforma nel migliorare l’esperienza utente e garantire entrate pubblicitarie. L’iniezione di annunci server-side rappresenta un importante passo avanti nella battaglia contro gli ad blockers, mentre il nuovo design dell’interfaccia desktop mira a rendere l’esperienza di visione video più fluida e intuitiva. Sarà interessante vedere come questi cambiamenti influenzeranno l’esperienza degli utenti e come la comunità di sviluppatori di ad blockers si adatterà a queste nuove sfide.

Prosegui la lettura

L'Altra Bolla

LinkedIn diventa AI-Powered: nuovo approccio per i professionisti

Tempo di lettura: 2 minuti. LinkedIn introduce funzionalità AI-powered per rivoluzionare la ricerca di lavoro, ottimizzare curriculum e lettere di presentazione, e offrire consulenza di carriera.

Pubblicato

in data

Tempo di lettura: 2 minuti.

LinkedIn, la principale piattaforma di networking professionale al mondo, ha recentemente introdotto una serie di funzionalità basate sull’intelligenza artificiale (AI) per rivoluzionare il processo di ricerca del lavoro. Questi strumenti AI-powered sono progettati per semplificare la ricerca di lavoro e potenziare i candidati, rendendo il processo più intuitivo ed efficace.

L’Intelligenza Artificiale rivoluziona la ricerca di lavoro su LinkedIn

La ricerca di lavoro tradizionale, spesso lunga e frustrante, sta subendo una trasformazione significativa grazie all’introduzione dell’AI su LinkedIn. Con la nuova funzionalità di ricerca in linguaggio naturale, gli utenti possono ora cercare lavori usando comandi semplici e diretti. Ad esempio, digitando “Trova una posizione di marketing remoto a New York con un salario minimo di $110,000“, si avvia una ricerca mirata che restituisce opportunità rilevanti, eliminando la necessità di ricerche basate su parole chiave complesse.

Ottimizzazione del Curriculum e Assistenza nella stesura delle lettere di Presentazione

Una delle sfide principali per chi cerca lavoro è la creazione di un curriculum efficace e di lettere di presentazione personalizzate. LinkedIn utilizza l’AI per analizzare il curriculum dell’utente e fornire suggerimenti di miglioramento specifici per la posizione desiderata. Gli utenti possono caricare il loro CV e ricevere feedback in tempo reale, ottimizzando il contenuto per allinearlo strettamente alla descrizione del lavoro e aumentando così le possibilità di ottenere un colloquio.

Per quanto riguarda le lettere di presentazione, LinkedIn ha introdotto un chatbot AI che assiste nella loro creazione. Questo strumento semplifica il processo, consentendo agli utenti di focalizzarsi sulla personalizzazione del contenuto per mostrare efficacemente le loro qualifiche per l’opportunità specifica.

Mentorship e consulenza di carriera AI

Le capacità AI di LinkedIn vanno oltre la semplice ricerca di lavoro. La piattaforma introduce mentori virtuali AI, addestrati da esperti del settore, per fornire consigli di carriera personalizzati. Questi mentori, con nomi come Alicia Reece e Anil Gupta, offrono approfondimenti su misura basati sulle esigenze individuali e sugli obiettivi di carriera degli utenti. Questa funzione innovativa fornisce supporto e guida preziosi durante tutto il percorso professionale.

Capacità di Ricerca Avanzata Alimentate dall’AI Generativa

LinkedIn sfrutta l’AI generativa per affinare ulteriormente l’esperienza di ricerca sulla piattaforma. Che si tratti di cercare lavoro, informazioni specifiche o di condividere contenuti, l’intero processo diventa più rapido ed efficace. Questi miglioramenti AI-powered offrono un’esperienza più intelligente e user-friendly per tutti i membri di LinkedIn.

Accesso Premium alle Funzionalità Avanzate

È importante notare che queste avanzate funzionalità AI sono inizialmente disponibili per gli abbonati a LinkedIn Premium. Questo servizio di abbonamento a livelli sblocca una gamma più ampia di funzionalità, migliorando il profilo professionale e facilitando una ricerca di lavoro più efficiente.

L’adozione dell’intelligenza artificiale da parte di LinkedIn rappresenta un significativo passo avanti per chi cerca lavoro. Questa tecnologia personalizza il processo di ricerca, ottimizza i curriculum, semplifica la creazione delle lettere di presentazione e fornisce preziosi consigli di carriera. Sfruttando queste nuove funzionalità AI, i professionisti possono migliorare significativamente le loro possibilità di trovare il lavoro perfetto e raggiungere le loro aspirazioni di carriera.

Prosegui la lettura

Facebook

CYBERSECURITY

Sicurezza Informatica13 ore fa

SquidLoader: malware evasivo che colpisce la Cina

Tempo di lettura: 2 minuti. SquidLoader, un malware altamente evasivo, prende di mira le organizzazioni cinesi con tecniche avanzate di...

Sicurezza Informatica15 ore fa

Operazione di Probing DNS su scala globale: il caso Secshow

Tempo di lettura: 3 minuti. L'operazione Secshow rivela un probing DNS globale che sfrutta resolver aperti e amplificazione Cortex Xpanse

Sicurezza Informatica16 ore fa

Morris II: malware auto-replicante che compromette assistenti Email con AI

Tempo di lettura: 2 minuti. Morris II, il malware auto-replicante che minaccia gli assistenti email GenAI, richiede misure di sicurezza...

Sicurezza Informatica2 giorni fa

Bug in Windows 10 e ONNX Phishing: ultime novità e minacce

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri il bug di Windows 10 che causa dialoghi "Apri con" e la nuova minaccia...

Sicurezza Informatica3 giorni fa

Compromissione PowerShell: nuove tecniche di attacco

Tempo di lettura: 2 minuti. Meta descrizione: Una nuova tecnica di attacco utilizza ingegneria sociale per indurre gli utenti a...

Sicurezza Informatica3 giorni fa

ASUS risolve vulnerabilità critica su 7 modelli di router

Tempo di lettura: 2 minuti. ASUS risolve una vulnerabilità critica di bypass dell'autenticazione su sette modelli di router, invitando gli...

Sicurezza Informatica4 giorni fa

Linux in sofferenza con due malware: TIKTAG e DISGOMOJI

Tempo di lettura: 3 minuti. Nuovi attacchi TIKTAG e malware DISGOMOJI minacciano la sicurezza di Google Chrome, sistemi Linux e...

Sicurezza Informatica5 giorni fa

Modelli di machine learning con attacchi Sleepy a file Pickle

Tempo di lettura: 3 minuti. La tecnica Sleepy Pickle sfrutta i file Pickle per compromettere i modelli di machine learning,...

CISA logo CISA logo
Sicurezza Informatica6 giorni fa

CISA: vulnerabilità sfruttate e truffatori telefonici

Tempo di lettura: 2 minuti. La CISA avverte di una vulnerabilità di Windows sfruttata in attacchi ransomware e segnala truffe...

Sicurezza Informatica7 giorni fa

OpenAI nomina ex capo NSA nel Consiglio di Amministrazione

Tempo di lettura: 2 minuti. OpenAI nomina Paul M. Nakasone, ex capo NSA, nel Consiglio di Amministrazione: conflitto di interessi...

Truffe recenti

fbi fbi
Sicurezza Informatica2 settimane fa

FBI legge Matrice Digitale? Avviso sulle truffe di lavoro Online

Tempo di lettura: 2 minuti. L'FBI segnala un aumento delle truffe lavoro da casa con pagamenti in criptovaluta, offrendo consigli...

Sicurezza Informatica3 settimane fa

Milano: operazione “Trust”, frodi informatiche e riciclaggio di criptovaluta

Tempo di lettura: 2 minuti. Scoperta un'organizzazione criminale transnazionale specializzata in frodi informatiche e riciclaggio di criptovaluta nell'operazione "Trust"

Inchieste3 settimane fa

Truffa lavoro Online: analisi metodo Mazarsiu e consigli

Tempo di lettura: 4 minuti. Mazarsiu e Temunao sono solo due portali di arrivo della truffa di lavoro online che...

Inchieste4 settimane fa

Mazarsiu e Temunao: non solo truffa, ma un vero metodo

Tempo di lettura: 4 minuti. Le inchieste su Temunao e Marasiu hanno attivato tante segnalazioni alla redazione di persone che...

Pharmapiuit.com Pharmapiuit.com
Inchieste1 mese fa

Pharmapiuit.com : sito truffa online dal 2023

Tempo di lettura: 2 minuti. Pharmapiuit.com è l'ultimo sito truffa ancora online di una serie di portali che promettono forti...

Temunao.Top Temunao.Top
Inchieste1 mese fa

Temunao.Top: altro sito truffa che promette lavoro OnLine

Tempo di lettura: 2 minuti. Temunao.top è l'ennesimo sito web truffa che promette un premio finale a coloro che effettuano...

Inchieste1 mese fa

Attenti a Mazarsiu.com : offerta lavoro truffa da piattaforma Adecco

Tempo di lettura: 2 minuti. Dalla piattaforma Adecco ad un sito che offre lavoro attraverso le Google Ads: è la...

Sicurezza Informatica1 mese fa

BogusBazaar falsi e-commerce usati per una truffa da 50 milioni

Tempo di lettura: 2 minuti. Oltre 850,000 persone sono state ingannate da una rete di 75,000 falsi negozi online, con...

Sicurezza Informatica1 mese fa

Truffatori austriaci scappano dagli investitori, ma non dalla legge

Tempo di lettura: 2 minuti. Le forze dell'ordine hanno smascherato e arrestato un gruppo di truffatori austriaci dietro una frode...

Shein Shein
Truffe online2 mesi fa

Truffa dei buoni SHEIN da 300 euro, scopri come proteggerti

Tempo di lettura: < 1 minuto. La truffa dei buoni SHEIN da 300 euro sta facendo nuovamente vittime in Italia,...

Tech

Tech6 ore fa

Realme Buds Air 6 Pro vs Galaxy Buds 3: confronto dettagliato

Tempo di lettura: 3 minuti. Confronto tra Realme Buds Air 6 Pro e Galaxy Buds 3: scopri le differenze in...

Smartphone6 ore fa

Samsung Galaxy A53 5G, S23 FE e One UI 6.1.1: novità e aggiornamenti

Tempo di lettura: 2 minuti. Aggiornamenti di sicurezza per Samsung Galaxy A53 5G e Galaxy S23 FE, e nuove funzionalità...

Intelligenza Artificiale7 ore fa

Amazon prodotti AI Generative in Italia

Tempo di lettura: 2 minuti. Amazon estende le sue inserzioni di prodotti AI generative a Francia, Germania, Italia, Spagna e...

Smartphone7 ore fa

Realme GT 6 vs Realme GT 6T: differenze e specifiche

Tempo di lettura: 3 minuti. Confronto tra Realme GT 6 e Realme GT 6T: differenze in termini di fotocamera, prestazioni...

Intelligenza Artificiale7 ore fa

Claude 3.5 Sonnet: nuovo modello AI di Anthropic

Tempo di lettura: 2 minuti. Anthropic Claude 3.5 Sonnet: modello AI più veloce e intelligente, con nuove funzionalità come Artifacts...

Smartphone7 ore fa

Samsung Galaxy Z Fold 6, Z Flip 6 e S25 Ultra: novità e specifiche

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri le specifiche avanzate del Samsung Galaxy Z Fold 6, Z Flip 6 e Galaxy...

Tech7 ore fa

Samsung One UI 7: ritardo causato dalla versione 6.1.1

Tempo di lettura: 2 minuti. Samsung potrebbe ritardare One UI 7 per concentrarsi sugli aggiornamenti AI di One UI 6.1.1:...

Tech8 ore fa

Exynos 1330 vs Snapdragon 695: quale smartphone scegliere?

Tempo di lettura: 2 minuti. Confronto tra Samsung Exynos 1330 e Qualcomm Snapdragon 695: specifiche tecniche, punteggi di benchmark e...

Smartphone12 ore fa

HyperOS vs MIUI: le differenze nelle personalizzazioni di Xiaomi

Tempo di lettura: 2 minuti. Scopri le principali differenze tra HyperOS e MIUI di Xiaomi: prestazioni ottimizzate, interfaccia utente raffinata...

Smartphone12 ore fa

Motorola Razr Plus 2024 vs Samsung Galaxy Z Flip 6: quale fotocamera vince?

Tempo di lettura: 2 minuti. Motorola Razr Plus 2024 potrebbe superare il Samsung Galaxy Z Flip 6 grazie alla fotocamera...

Tendenza